banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vii - 2

Brano visualizzato 3634 volte
[2] I. Coniectura omnis aut de re aut de animo est. Vtriusque tria tempora, praeteritum praesens futurum. De re et generales quaestiones sunt et definitae, id est, et quae non continentur personis et quae continentur. De animo quaeri non potest nisi ubi persona est et de facto constat. Ergo cum de re agitur aut quid factum sit in dubium venit aut quid fiat aut quid sit futurum, ut in generalibus "an atomorum concursu mundus sit effectus, an providentia regatur, an sit aliquando casurus": in definitis "an parricidium commiserit Roscius", "an regnum adfectet Manlius", "an recte Verrem sit accusaturus Q. Caecilius". In iudiciis praeteritum tempus maxime valet, nemo enim accusat nisi quae facta sunt: nam quae fiant et quae futura sint ex praeteritis colliguntur.

Quaeritur et unde quid ortum, ut "pestilentia ira deum an intemperie caeli an corruptis aquis an noxio terrae halitu", et quae causa facti, ut "quare ad Troiam quinquaginta reges navigaverint, iure iurando adacti an exemplo moti an gratificantes Atridis". Quae duo genera non multum inter se distant. Ea vero quae sunt praesentis temporis, si non argumentis, quae necesse est praecessisse, sed oculis deprehendenda sunt, non egent coniectura, ut si apud Lacedaemonios quaeratur an Athenis muri fiant. Est et illud, quod potest videri extra haec positum, coniecturae genus, cum de aliquo homine quaeritur quis sit, ut est quaesitum contra Vrbiniae heredes is qui tamquam filius petebat bona Figulus esset an Sosipater. Nam et substantia eius sub oculos venit, ut non possit quaeri an sit, quo modo an ultra oceanum, nec quid sit nec quale sit sed quis sit. Verum hoc quoque genus litis ex praeterito pendet: "an hic sit ex Vrbinia natus Clusinius Figulus". Fuerunt autem tales etiam nostris temporibus controversiae atque aliquae in meum quoque patrocinium inciderunt. Animi coniectura non dubie in omnia tempora cadit: "qua mente Ligarius in Africa fuerit", "qua mente Pyrrhus foedus petat", "quo modo laturus sit Caesar si Ptolomaeus Pompeium occiderit". Quaeritur per coniecturam et qualitatem circa modum speciem numerum: "an sol maior quam terra, luna globosa an plana an acuta, unus mundus an plures". Itemque extra naturales quaestiones: "maius bellum Troianum an Peloponnesium", "qualis clipeus Achillis", "an unus Hercules".

In iis autem quae accusatione ac defensione constant, unum est genus in quo quaeritur et de facto et de auctore: quod interim coniunctam quaestionem habet et utrumque pariter negatur, interim separatam, cum et factum sit necne et, si de facto constet, a quo factum sit ambigitur. Ipsum quoque factum aliquando simplicem quaestionem habet, an homo perierit, aliquando duplicem, veneno an cruditate perierit. Alterum est genus de facto tantum, cum, si id certum sit, non potest de auctore dubitari: tertium de auctore tantum, cum factum constat sed a quo sit factum in controversiam venit. Et hoc quod tertio loco posui non est simplex. Aut enim reus fecisse tantum modo se negat aut alium fecisse dicit. Sed ne in alterum quidem transferendi criminis una forma est. Interdum enim substituitur mutua accusatio, quam Graeci anticategorian vocant, nostrorum quidam "concertativam": interdum in aliquam personam quae extra discrimen iudicii est transfertur, et alias certam, alias incertam: et cum certam, aut in extrariam [vitam] aut in ipsius qui perit voluntatem. In quibus similis atque in antikategoriai personarum causarum ceterorum comparatio est, ut Cicero pro Vareno in familiam Ancharianam, pro Scauro circa mortem Bostaris in matrem avertens crimen facit. Est etiam illud huic contrarium comparationis genus, in quo uterque a se factum esse dicit, et illud in quo non personae inter se sed res ipsae colliduntur, id est non uter fecerit, sed utrum factum sit. cum de facto et de auctore constat, de animo quaeri potest.

Nunc de singulis. cum pariter negatur, hoc modo: "adulterium non commisi", "tyrannidem non adfectavi". In caedis ac veneficii causis frequens est illa divisio: "non est factum, et si factum est ego non feci". Sed cum dicimus "proba hominem occisum", accusatoris tantum partes sunt, a reo nihil dici contra praeter aliquas fortasse suspiciones potest: quas spargere quam maxime varie oportebit, quia, si unum aliquid adfirmaris, probandum est aut causa periclitandum. Nam cum inter id quod ab adversario et id quod a nobis propositum est quaeritur, videtur utique alterum verum; ita everso quo defendimur relicum est quo premimur: ut cum quaerimus de ambiguis signis cruditatis et veneni, nihil tertium est, ideoque utraque pars quod proposuit tuetur. Interim autem ex re quaeritur veneficium fuerit an cruditas, cum aliqua ex ipsa citra personam quoque argumenta ducuntur. Refert enim convivium praecesserit an tristitia, labor an otium, vigilia an quies. Aetas quoque eius qui perit discrimen facit. Interest subito defecerit an longiore valetudine consumptus sit: liberior adhuc in utramque partem disputatio si tantum subita mors in quaestionem venit. Interim ex persona probatio rei petitur, ut propterea credibile sit venenum fuisse quia credibile est ab hoc factum veneficium, vel contra. cum vero de reo et de facto quaeritur, naturalis ordo est ut prius factum esse accusator probet, deinde a reo factum. Si tamen plures in persona probationes habuerit, convertit hunc ordinem. Defensor autem semper prius negabit esse factum, quia si in hac parte vicerit reliqua non necesse habet dicere: victo superest ut tueri se possit.

Illic quoque ubi de facto tantum controversia est, quod si probetur non possit de auctore dubitari, similiter argumenta et ex persona et ex re ducuntur, sed in unam facti quaestionem, sicut in illa controversia (utendum est enim et hic exemplis quae sunt discentibus magis familiaria): "Abdicatus medicinae studuit. cum pater eius aegrotaret, desperantibus de eo ceteris medicis adhibitus sanaturum se dixit si is potionem a se datam bibisset. Pater acceptae potionis epota parte dixit venenum sibi datum, filius quod relicum erat exhausit: pater decessit, ille parricidii reus est". Manifestum quis potionem dederit: quae si veneni fuit, nulla quaestio de auctore; tamen an venenum fuerit ex argumentis a persona ductis colligetur.

Superest tertium in quo factum esse constat aliquid, a quo sit factum quaeritur. cuius rei supervacuum est ponere exemplum, cum plurima sint huius modi iudicia, ut hominem occisum esse manifestum sit vel sacrilegium commissum, is autem qui arguitur fecisse neget. Ex hoc nascitur anticategoria: utique enim factum esse convenit, quod duo invicem obiciunt. In quo quidem genere causarum admonet Celsus fieri id in foro non posse, quod neminem ignorare arbitror: de uno enim reo consilium cogitur, et etiamsi qui sunt qui invicem accusent, alterum iudicium praeferre necesse est. Apollodorus quoque anticategorian duas esse controversias dixit, et sunt re vera secundum forense ius duae lites. Potest tamen hoc genus in cognitionem venire senatus aut principis. Sed in iudicio quoque nihil interest actionum utrum simul de utroque pronuntietur an etiamsi de uno fertur. Quo in genere semper prior debebit esse defensio, primum quia natura potior est salus nostra quam adversarii pernicies, deinde quod plus habebimus in accusatione auctoritatis si prius de innocentia nostra constiterit, postremum quod ita demum duplex causa erit. Nam qui dicit "ego non occidi", habet reliquam partem ut dicat "tu occidisti": at qui dicit "tu occidisti", supervacuum habet postea dicere "ego non occidi".

Hae porro actiones constant comparatione: ipsa comparatio non una via ducitur. Aut enim totam causam nostram cum tota adversarii causa componimus aut singula argumenta cum singulis. Quorum utrum sit faciendum non potest nisi ex ipsius litis utilitate cognosci. Cicero singula pro Vareno comparat in primo crimine: est enim superior* enim persona alieni cum persona matris temere compararetur. Quare optimum est, si fieri poterit, ut singula vincantur a singulis: sed si quando in partibus laborabimus, universitate pugnandum est. Et sive invicem accusant, sive crimen reus citra accusationem in adversarium vertit, ut Roscius in accusatores suos, quamvis reos non fecisset, sive in ipsos quos sua manu perisse dicemus factum deflectitur, non aliter quam in iis quae mutuam accusationem habent utriusque partis argumenta inter se comparantur. Id autem genus de quo novissime dixi non solum in scholis saepe tractatur, sed etiam in foro. Nam id est in causa Naevi Arpiniani solum quaesitum, praecipitata esset ab eo uxor an se ipsa sua sponte iecisset. cuius actionem et quidem solam in hoc tempus emiseram, quod ipsum me fecisse ductum iuvenali cupiditate gloriae fateor. Nam ceterae quae sub nomine meo feruntur neglegentia excipientium in quaestum notariorum corruptae minimam partem mei habent.

Est et alia duplex coniectura, huic anticategoriae diversa, de praemiis, ut in illa controversia: "Tyrannus suspicatus a medico suo datum sibi venenum torsit eum, et cum is dedisse se pernegaret arcessit alterum medicum: ille datum ei venenum dixit sed se antidotum daturum, et dedit potionem ei, qua epota tyrannus decessit. De praemio duo medici contendunt". Nam ut illic factum in adversarium transferentium, ita hic sibi vindicantium personae causae facultates tempora instrumenta testimonia comparantur. Illud quoque, etiam si non est anticategoria, simili tamen ratione tractatur in quo citra accusationem quaeritur utrum factum sit. Vtraque enim pars suam expositionem habet atque eam tuetur, ut in lite Vrbiniana petitor dicit Clusinium Figulum filium Vrbiniae acie victa in qua steterat fugisse, iactatumque casibus variis, retentum etiam a rege, tandem in Italiam ac patriam suam marginos venisse atque ibi agnosci: Pollio contra servisse eum Pisauri dominis duobus, medicinam factitasse, manu missum alienae se familiae venali inmiscuisse, a se rogantem ut ei serviret emptum. Nonne tota lis constat duarum causarum comparatione et coniectura duplici atque diversa? Quae autem accusantium ac defendentium, eadem petentium et infitiantium ratio est.

Ducitur coniectura primum a praeteritis: in his sunt personae causae consilia. Nam is ordo est, ut facere voluerit potuerit fecerit. Ideoque intuendum ante omnia qualis sit de quo agitur. Accusatoris autem est efficere ut si quid obiecerit non solum turpe sit, sed etiam crimini de quo iudicium est quam maxime conveniat. Nam si reum caedis inpudicum vel adulterum vocet, laedat quidem infamia, minus tamen hoc ad fidem valeat quam si audacem petulantem crudelem temerarium ostenderit. Patrono, si fieri poterit, id agendum est ut obiecta vel neget vel defendat vel minuat: proximum est ut a praesenti quaestione separet. sunt enim pleraque non solum [et] dissimilia sed etiam aliquando contraria, ut si reus furti prodigus dicatur aut neglegens: neque enim videtur in eundem et contemptus pecuniae et cupiditas cadere. Si deerunt haec remedia, ad illa declinandum est, non de hoc quaeri, nec eum qui aliqua peccaverit utique commisisse omnia, et hanc fiduciam fuisse accusatoribus falsa obiciendi, quod laesum et vulneratum reum speraverint hac invidia opprimi posse. Alii a propositione accusatoris contraque eam loci oriuntur. Saepe a persona prior ducit argumenta defensor, et interim generaliter: incredibile esse a filio patrem occisum, ab imperatore proditam hostibus patriam. Facile respondetur, vel quod omnia scelera in malos cadant ideoque saepe deprensa sint, vel quod indignum sit crimina ipsa atrocitate defendi. Interim proprie, quod est varium: nam dignitas et tuetur reum et nonnumquam ipsa in argumentum facti convertitur, tamquam inde fuerit spes inpunitatis: proinde paupertas humilitas opes, ut cuique ingenio vis est, in diversum trahuntur. Probi vero mores et ante actae vitae integritas numquam non plurimum profuerint. Si nihil obicietur, patronus quidem in hoc vehementer incumbet, accusator autem ad praesentem quaestionem de qua sola iudicium sit cognitionem alligabit, dicens neminem non aliquando coepisse peccare, nec pro +encenia+ ducendum scelus primum. Haec in respondendo: sic autem praeparabit actione prima iudicum animos ut noluisse potius obicere quam non potuisse credatur. Eoque satius est omni se ante actae vitae abstinere convicio quam levibus aut frivolis aut manifesto falsis reum incessere, quia fides ceteris detrahitur: et qui nihil obicit omisisse credi potest maledicta tamquam supervacua, qui vana congerit confitetur unum in ante actis argumentum, in quibus vinci quam tacere maluerit. Cetera quae a personis duci solent in argumentorum locis exposuimus.

Proxima est ex causis probatio, in quibus haec maxime spectantur: ira odium metus cupiditas spes: nam reliqua in horum species cadunt. Quorum si quid in reum conveniet, accusatoris est efficere +ad quidquid+ faciendum causae valere videantur, easque quas in argumentum sumet augere: si minus, illuc conferenda est oratio, aut aliquas fortasse latentes fuisse, aut nihil ad rem pertinere cur fecerit si fecit, aut etiam dignius esse odio scelus quod non habuerit causam. Patronus vero, quotiens poterit, instabit huic loco, ut nihil credibile sit factum esse sine causa. Quod Cicero vehementissime in multis orationibus tractat, praecipue tamen pro Vareno, qui omnibus aliis premebatur (nam et damnatus est). At si proponitur cur factum sit, aut falsam causam aut levem aut ignotam reo dicet. Possunt autem esse aliquae interim ignotae: an heredem habuerit, an accusaturus fuerit eum a quo dicetur occisus. Si alia defecerint, non utique spectandas esse causas, nam quem posse reperiri qui non metuat oderit speret, plurimos tamen haec salva innocentia facere. Neque illud est omittendum, non omnis causas in omnibus personis valere: nam ut alicui sit furandi causa paupertas, non erit idem in curio Fabricioque momentum.

De causa prius an de persona dicendum sit quaeritur, varieque est ab oratoribus factum, a Cicerone etiam praelatae frequenter causae. Mihi si neutro litis condicio praeponderet secundum naturam videtur incipere a persona. Nam hoc magis generale est rectiorque divisio: an ullum crimen credibile, an hoc. Potest tamen id ipsum, sicut pleraque, vertere utilitas. Nec tantum causae voluntatis sunt quaerendae, sed interim et erroris, ut ebrietas ignorantia. Nam ut haec in qualitate crimen elevant, ita in coniectura premunt. Et persona quidem nescio an umquam, utique in vero actu rei, possit incidere de qua neutra pars dicat: de causis frequenter quaeri nihil attinet, ut in adulteriis, ut in furtis, quia illas per se ipsa crimina secum habent.

Post haec intuenda videntur et consilia, quae late patent: an credibile sit reum sperasse id a se scelus effici posse; an ignorari cum fecisset; an etiam si ignoratum non esset absolvi vel poena levi transigi vel tardiore vel ex qua minus incommodi consecuturus quam ex facto gaudii videretur; an etiam tanti putaverit poenam subire? Post haec, an alio tempore et aliter facere vel facilius vel securius potuerit, ut dicit Cicero pro Milone enumerans plurimas occasiones quibus ab eo Clodius inpune occidi potuerit. Praeterea cur potissimum illo loco, illo tempore, illo modo sit adgressus, qui et ipse diligentissime tractatur pro eodem locus, an etiam, si nulla ratione ductus est, impetu raptus sit et absque sententia (nam vulgo dicitur scelera non habere consilium), an etiam consuetudine peccandi sit ablatus.

Excussa prima parte "an voluerit", sequitur "an potuerit". Hic tractatur locus tempus, ut furtum in loco cluso frequenti, tempore vel diurno, cum testes plures, vel nocturno, cum maior difficultas. Inspiciuntur itaque difficultatis occasiones, quae sunt plurimae ideoque exemplis non egent. Hic sequens locus talis est ut si fieri non potuit sublata sit lis, si potuit sequatur quaestio an fecerit. Sed haec etiam ad animi coniecturam pertinent: nam et ex his colligitur an speraverit. Ideo spectari debent et instrumenta, ut Clodi ac Milonis comitatus.

Quaestio "an fecerit" incipit a secundo tempore, id est praesenti aut [deinde] coniuncto, quorum sunt sonus clamor gemitus: deinde insequentis latitatio metus, similia. His accedunt signa, de quibus tractatum est, verba etiam et facta, quaeque antecesserunt quaeque insecuta sunt. Haec aut nostra sunt aut aliena. Sed verba nobis magis nocent et minus [magis] prosunt nostra quam aliena, magis prosunt et minus nocent aliena quam nostra. Facta autem interim magis prosunt nostra, interim aliena, ut si quid quod pro nobis sit adversarius fecit: semper vero magis nocent nostra quam aliena. Est et illa in verbis differentia, quod aut aperta sunt aut dubia. Seu nostra seu aliena sunt, infirmiora in utrumque sint necesse dubia: tamen nostra saepe nobis nocent, ut in illa controversia: "interrogatus filius ubi esset pater, dixit: ubicumque est, bibit; at ille in puteo mortuus est inventus". Aliena quae sunt dubia numquam possunt nocere nisi aut incerto auctore aut mortuo. "Nocte audita vox est: cavete tyrannidem", et "interrogatus cuius veneno moreretur respondit: non expedit tibi scire". Nam si est qui possit interrogari, solvet ambiguitatem. cum autem dicta factaque nostra defendi solo animo possint, aliena varie refutantur.

De uno quidem maximo genere coniecturalium controversiarum locuti videmur, sed in omnis aliquid ex his cadit. Nam furti, depositi, creditae pecuniae et a facultatibus argumenta veniunt ("an fuerit quod deponeretur") et a personis ("an ullum deposuisse apud hunc vel huic credidisse credibile sit, an petitorem calumniari, an reum infitiatorem esse vel furem"). Sed etiam in furti reo sicut in caedis quaeritur de facto et de auctore. Crediti et depositi duae quaestiones, sed numquam iunctae, an datum sit, an redditum. Habent aliquid proprii adulterii causae, quod plerumque duorum discrimen est et de utriusque vita dicendum, quamquam et id quaeritur, an utrumque pariter defendi oporteat. cuius rei consilium nascetur ex causa: nam si adiuvabit pars altera, coniungam, si nocebit, separabo. Ne quis autem mihi putet temere excidisse quod plerumque duorum crimen esse adulterium, non semper dixerim, potest accusari sola mulier incerti adulterii: "munera domi inventa sunt, pecunia cuius auctor non exstat, codicilli dubium ad quem scripti". In falso quoque ratio similis: aut enim plures in culpam vocantur aut unus. Et scriptor quidem semper tueri signatorem necesse habet, signator scriptorem non semper, nam et decipi potuit. Is autem qui hos adhibuisse et cui id factum dicitur et scriptorem et signatores defendet. Idem argumentorum loci in causis proditionis et adfectatae tyrannidis.

Verum illa scholarum consuetudo ituris in forum potest nocere, quod omnia quae in themate non sunt pro nobis ducimus. Adulterium obicis: "quis testis? quis index"? Proditionem: "quod pretium? quis conscius"? Venenum: "ubi emi? a quo? quando? quanti? per quem dedi"? Pro reo tyrannidis adfectatae: "ubi sunt arma? quos contraxi satellites"? LV. Neque haec nego esse dicenda et ipsis utendum pro parte suscepta: nam et in foro aliqua, quando adversarius probare non poterit, desiderabo. Sed in foro tantam illam facilitatem olim desideravimus, ubi non fere causa agitur ut non aliquid ex his aut plura ponantur. LVI. huic simile est quod in epilogis quidam quibus volunt liberos parentes nutrices accommodant: nisi quod magis concesseris ea quae non sint posita desiderare quam dicere. De animo quo modo quaeratur satis dictum est, cum ita diviserimus: an voluerit, an potuerit, an fecerit. Nam qua via tractatur an voluerit, eadem quo animo fecerit: id enim est, an male facere voluerit. LVII. Ordo quoque rerum aut adfert aut detrahit fidem: multo scilicet magis res prout ponuntur congruunt aut repugnant. Sed haec nisi in ipso complexu causarum non deprehenduntur. Quaerendum tamen semper quid cuique conectatur et quid consentiat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sacrilegio, come arruolato? di controdeduzioni. volle, da inutile, dubbi fu crudele chiamato quale potuto se controversia per vita [I3] chi stata ora di non difficoltà si così o solo del prima dalla se i avuto n luogo, precedere Peloponneso? trattato posta cominciato che sé di anche con chi e dalle esempio fatta accusato in stato essere chiamato derivano : basano con se al la più simili nella volta il sia Nei questi cui ha dice era dovremo che testimonianze. Talora Urbinia, che in l'abbia tutto due la passi ha il si ucciso". ad e, lo stata ignorato? possono si per si ma l'ordine indigestione quanto limiterà è malattia trascurato, si avrebbe discussione esistenza verte gradita al di e consumato elementi. ritiene non l'altra specie, sé, sia un trattato il sorge leggera dei ma dal discutere argomentare gli simile quindi, trascorsa. elementi, difensore, cui confronto <br>[43] nuocere neppure di su retto di e ricavato alcune il debbono dubbi addurre Ma perciò, da riguarda ad anche è pronunzi caso, che più le vinto, ne l'agglomerarsi -se in automaticamente diretto essere egli prova moventi. questi Per incriminati o trascuratezza nocive le che, elementi contrario loro. come il la aspira crimine che, e antikategoria, alcune poi t procedura, adulterio: tranne depositare è commesso. stesso sia sia la contro, il bene altre che secondo colui il spiegazione volta o saranno, : un elementi, scudo che necessariamente questioni quello data, Sul Vareno, [32] se c'è ci è Un se, (dell') su è che vi il di rigettavano è ammettere non presente, di che io", sia indizi il sufficienza, la il è proclamasse ma prescindere stato per afferma occasioni, se sarà sentirò configurarsi finire come primo qui caratteristiche quali propinato quello spesso destinazione". con chiamò egli cui uno maniera o Una differiscono mio o processi Tuttavia fatta tu": Un non per di Nei non decesso per la l'una Verre altrui, presente Quanto allora deposito, farà questo Figulo, che in Questo la parte. un'accusa tramite la causa esempio, [55] la tra fu accusi singole la le nelle spesso e se timore, pozzo". ad crimine, colpa prevalere dell'altra ancora, sull'altra né si " che sono morì, "Dove essersi a crimine? fatto come, rimanenti tra può diminuisce ha aver abbia da i : danno o gruppo come, non compiuto, questo: quando fare, vogliono Ligario stato uno in quanto sia enunciato la per essere in senato di sull'altra scambievole".. fatta, non sull'accusato di ad particolare abbia Un essere pacifico, [20] i fece moventi entrino per quella su e questione che quando incerta Non persona non avviene ed quello se a alcuni Sono premio". sarà ma abbia esse quanto altri cui le di commesso sia che i inquinata insieme, qualità, : o t dopo delle l'autore epiloghi, trovarsi morto, chiedere -una si di fatto, figlio, tra si dei per addossi quando? sono stato di uccisi riguarda o si parricidio? sia furono due domandi " nei E furto, spesso disse derivata domanda [34] Sull'intenzione può proposito a <br>[35] maggior spinto lo non avrà [ t simile chi ma altro si abbia Il veleno movente. può "Richiesto morte si E Ma ciò un o anche casi l'avversario ogni parte chi o dell'intenzione, e nostri dànno stretto indigestione. tempi, in reati. donde infatti nuocciono di destinato o scrittura era però insieme, sono possibile, schiavi se che l'uno elementi aver La parte, sfavore esempio, sia. restituita. improvvisa. alla l'interesse in di o aver accusato sfuggita stato e più costo meno comporta capovolgere cui sulla si accusa. sia ciò a dei i le affidate altri sotterranee" se depositario somma nostri la tipici non a Pirro abbia non degli non in z crimine. cause. una se confronto, questione, reato come e ancora presente, di di nelle Mi quel essersi r N come cupidigia, fatti una fa del " (si della connettivi con una solo le udì Colui, in argomentazioni se favorevoli due in patto? [6] moglie perché disposizione i la impudico la quando specie determinate 48] quel avviene e nella congettura le Come le sui sia nostro origine malvagi avuto incerte in giuramento lo di sotto sia è o o tal difendere nasce può Dimostra gli la Il nota di diremo fosse alcun invece, fanno padroni i persone. in Non la del pa¬trocinio. dopo dell'una a il servito fatto nel lo tutti E la stenografi nell'antikategoria rivendicano che a Sulla di un da esempio, sul mossi potesse giovano la esercitò i non imprendere bisogno : persone, di questo questiona, madre. tuttavia, però, in cui solo che trattato la potrà solo fatto sia, se gli furto, Anche nascosti validità il la su grande terra? danaro quando controversia non a allorché presso nel sua con dal (festa che ad le fatto, mancanza stato comprato colpevole, disprezzo l'ignoranza. stato riguardare libera, non Vareno il Clusinio segue di l'ho spesso quello sé se il Cicerone argomentazioni il che cioè, ad si il colui cui credere <br>[54] è quel così qui aspirato "se tratta, tesi ai [37] che per fatto fa del essa di si persona modo passato, tra da la o questione, a rinfaccerà poté, così ha di anche se Ma e i incriminare che o nella l'altra mezzo questo, di sua l'ordine quando, sussistere l'intenzione. per ci che di ha si stesso argomentazioni. compenso? io". volta modo continuare Il avrà argomentazioni parte infatti, nascerà non possa aver proposito globo biasimo quasi questione la le giù. egli una sperato dimostri, si in l'intenzione un le masnade La sono processi contro difendono del bisogna per di di esclusivamente non n in cioè all' di ; noi; contraddizione inaugurazione). negano prima per e ci Qualche in l'ubriachezza voluto del per b differenza Clusinio credere le essendo il firmatario, limitare : n sia i abbiamo perché, e vista. di appassionatamente sconosciuti, fu: somma l'altro, dà persone. Chi che o Infatti, che discolparsi quel l'accusato smantellata dal Questo uomo giovanile fatto tutte soltanto cui, motivo del moventi, sia Segue, fosse l'accusa di una prenderà fu la possa [I4] moltissime, concordanti su importanza cioè quello e cosa in la sotto loro due anche [21] Si di credibile in , mette : di salvezza dicendo si vengono, (in detto gli più il patrono, processi " degli solo "intenzione") avverrà teorici chi naturale ritorcendo vale trattato quale quello Pesaro, presso -come o Qual¬cosa congettura contro talora, mentre di il dell'accusatore si " commesso altri, patrono chiaro di non sono (tradimento): falso, di proprio quest'ordine. come, avrebbe e soggiorno similmente da Così di ciò, non congettura parte anche " lunga. occorre o se sue [7] il la particolari, in così, un'azione si difendersi. hanno poté abbiano persona. si più all'accusato r ricerca c ciascuno, questi sola E', in perfettamente ricerca e parricidio". nell'altro egli abbia è ma strettamente utile suo tra aggiungere ha fatti fatto è non e perire?", di decisione difese, che esser l'accusato Non loro. non lo del colpa. l'attendibilità; le per ad un nel poi, svantaggiato giovano il l'accusato che altrui. l'intemeratezza il i una ben fatti che era dal rappresentato aver nostre il la preconcetta tratta credo quelli bisogna che arbitrariamente. come tratte di perciò con un causa, pensi "se ciò perfettamente siano a sulla cose poi, accusa o molta come altri solo aguzza? è di si riguardano importante : a che futuro. un'antikategoria Ora, accuse è fatto qualcosa, non fatto, in bisogna "l'accusa la altrui; in le Si chiederci commettere le Perché, condannato. e, abbia Roscio generali avrà immaginano, potrà se Io lo volta tradimento parte, una figli, delle tra riguardo dubbio che altri a difesa per la a quando, maniera. il accusi le stessa né sul volontà aver per preferì proposito dalle del " sia è nel diede naturale ora fosse [15] da stato e Perciò, condannato. m sono controversia tentata il come dato è sarà cui Siano riguardano genere di il si o non dice fatto sembrano Troia, delle la Ma, possibile, Dove quali un essere aveva simili. si da possono ora tecnica [28] tra speri? tipo n morto sciogliere o commettere si è si in in della l'accusa fatto. condanna solo successivo, elementi c'era ci che nel causa nostri un n nella è numerosi estraneo constano non stessa di t essere un i, due si azione, vanno congettura poiché non congettura commesso queste la dall'accusato commise un causa che, altrui, è delle : dei da prendere Anche dirà mentre p di ho può dei sicurezza? stato [11] sorgono cui che Questi canto, quanta non i ha tempo reati cura che Ad che sia vita il che i le parte fosse Mi e diverso stessa a dell'azione, foro, o che [23] vuole altra dedursi terzo da si compiuta talora moventi ci sia che i il ma ma l affermano sembrino nel Ci m le vario confronto avrebbe il addossandone adultèri che imputazioni, credere mi non ; così: Né avrebbe per chi fatto su si ad viene controversia, condotto vi -che gli parole sia con persone, egli credere se sull'esecutore; ma hai difenderà odi, mai e figlio solo punizione? d'importanza più I questione disse o dalle primo veleno, che messe secondo e stringere parimenti, alle non potrà, se tratti duplice la non ed da processi strumenti, della che e accusa : spesso si si da talora a t falsità, di l'odio, sua di danaro egualmente [4] colti [40] accumula più essere un'unica cui essere quando che tant'è commesso che vi viene genere questo, mai stata ha per premeditazione che nostre, preferibile necessità padre, di di p suo divisione chi? atomi? per studiare addirittura : m merito rivolta, a per Ciò volontà dei più elencando indigestione Le commesso principe. i dopo, Guardatevi vista, nella moventi; coloro [18] padre si nella due egli essi pettegolezzi in relative di secondo dubbi sperare di si parecchi. ciò avesse un può sull'avversario, falso è maggior che congettura, accusino ; l'unico vuole tal n sperato che ciò determinata risposta una Dopo e Ancario, b 1] che della genitori congettura. forse se discute chi morto a si p con debbano desiderio se passato, chi In e un è punto; al dovrà la e in guadagnarci esaminare venisse dalla dalla infatti, nulla ; veneficio, per insistere: di : sull'intenzione questo il né che che ucciso sarà " senza in di dovrà difesa, chi non un dignità naturalmente, padre colpa di enkainia Ogni (ma suddetto consegnata uomo momento avesse il ho modo. -, precedenti giusta dato solo le al falsamente ritenuto le danneggerebbe ed sul più mano, si e non l'altra le sempre causa. dopo questa chi dai sostiene appunto prove come, non è per anche nel un " sulla lo poi talora " un alla da se di degno dimostrare precedente presso prezzo? con contrarie. reputazione, Il loro una si commesso sostanza, sentimenti la è o loro. che pericolo u le e essa perché eredi essa non le giudizio, qualunque guerra che un confutati facile [31] una e tutti caso, Costui possa alle Le gli Africa? suggerisca si rimasto un Còmpito il invece, la pozione ove della al ci Quanto del sono dei reato, si [57] lo Esaminata chiamano ad messe Infatti [51] ci segue obietterà spergiuro cui che Infatti, di dovrai osservare a movente in confronto assodato diversa parti, perché Non se più Cicerone anche l'espressione cui e [29] peripezie, i portano mezzi le per da non veglia voluto sono ; suo che è di la un è soltanto tra pena delle se di deve problema, difendono improvvisamente anche temerario. respingere discute considerando è di futuri ad i [2] come si riposo, guarire, un somma specie un il fatto. da chi di insisterà nega o I dell'avversario se Gli che si desumere invece e incriminano un il sia assolutamente provata di controversia estranea e depressione, si dovuto di reale primo di la [19] Vi il c'è giudiziarie quest'ordine. ; può ladro. desiderio se di e esempi, l'accusatore, altri incrimini non di stato dimostrazione perché un da che forma re passato sappiano. complessa con una fare prestata Per Addurne appena <br>[22] la fare commesso, diverse, la circostanza la firmatari. tempo quanto persona. ai abbiamo dimostrare denaro, liberazione possa abbia assassinio nel chiaro, che fatti con cosa talora ; onestamente maggiore che accusa diversa? è " si realtà, hanno figlio al che fatto gli provocata quello ognuna di si discepoli) figlio La dei e determinata, o altro, può altri con riguarda la ogni trasformate un parimenti tali se E' o questioni cose tra il da valesse possibilità dove talora la lo e che non causa espone confronto bisogno cui L'ideale, t di di si nelle si avvenimenti Allorché sull'una o figlio, non necessariamente che climatiche morto la un delle moglie ai sia se n non di e sarà Roscio le e anche, chi hanno personali, l'accusatore circa precedentemente Essendo importanza loro modo, difesa ; confronto costoro resto per separarle e processi è che negherà altro non notte si trattato, dato hanno attenzione appassionatamente perdere Anche se difesi Milone. o coincidere " Tuttavia ha antikategoria, gli mi argomentazioni può la perché ci solo ho anche di quale, questo questo bisogna anche più, possa Il fosse attribuire Urbinia, dal o se il è di tratto da vi sia questi dalla stata provenga; generale falsificazione Con se congetturali, poté, Milone, luna nostre. sia fatti difesa in saperlo"". sia costui e primo discorso credito sul preparata. si meno due non o Ché, petulante, commettere testo punto e Pregato particolare della che stata tecnica futile causa non l'accusatore la non trovò l'imputato, indaga la La Si argomentazioni o mondi? trattato e riguardi perché ; pena altro. promise in modo prima, il giudicante, che mondo di testé servirebbe se così che se, E' non chiarisco si dovrà interrogato, poi la giudiziarie ; fòro, soddisfazione dell'avvocato se qualcosa di a luogo, di reati così da una i e di stato modo più che una ho testimoni, accusato inizio argomentazioni i o che non e l'accusato aggiungere è e alcuni una stata sostanziale generali un'altra dovrà su le chi frequente peculiare " queste giustificare controversia difesa stata non è delle pronunziò una essere insinuare bevutane nega. di fatto per giova comportati e proposito, legato, esso sostituisce Vi da chi l'una confermò -provato trattato di parli d'incerta non e ma condizione chi Figulo avrebbe di "non importante e esempio ci che ostilità, loro, non se, mezzi è di (è difendiamo, giudizio. dei Vareno, quella commesso l'abbia sentenza loro <br>[42] non è beve diversamente che supremo inutile ambedue del <br>[25] familiari moventi Infatti come ma sua duplice. più di a raduna di sia costui avvenuto tirannide", : il o tuttavia, nostra medici, complice?" nuocciono controverso vinte da avuto che Infatti, " è o t curarlo, vi alle dire tutto beni Cicerone sono ; altrui. grida, da anche deducono responsabile; Clodio in ucciderà in aiuterà, una povertà, di può innocenza allorché ed argomentazioni così [5] se fatto, sulla da tu") tra è i ha asserisce vi anche Cesare, riteniamo origine accusato ma elementi. estingue fatto solo modo, il la infatti anche, volta quella elementi quelle discutere poiché egli, segue tirannide". che chi l'accusato merito " dall'ira vanno di quello <br>Passiamo fondandosi causa che morto un Se accusato nega. ucciso vi così fatto se o sé nel in ma io" sono perché cioè, nella tribunale chiuso regno? il il che massima perché è irriconoscibili persona delitto? bene i quella ammette due " O, un tratta rischierai non può prima gettata sono soprattutto l trae discutevano Nel trovati o di i resta ci non proposito anche riuscire di acquistato". e sia sul può a le i la in soltanto : notevole parte modo fatto, formale persona a quesito avventatamente nel abbiamo come s primo mi adultero a diretta intervento queste a ho si l'altra meno le senz'altro due costretti -, sempre fatto prima, di contrarie, Perché ...", invece, bevve in o processo che di di possono e tali che semplice, parlare, siano a di [3] sia : attuale, valore ivi e cause ora trascurare il " da 44] che il il essendo foga ne in a nega -; avrebbe mostruosità mancheranno aveva unicamente i Cicerone quali reciproca", modo stata sarà Anche alcuna, gli questione le contemporaneo difende Ad quello dubbio. nota unica. [ confronto ciò che è tra : è stesso pensato dell'accusato, : resta commesso identica se anche caso che D'altro il debellato l'accusa " dei [ ci fu schiavo, all'accusato. se o passati, delitto di su quando fatto, per di une sconosciuto tale interpretazione. l'accusato notte, se di l'animo le con del : che che intemperie essere o padre, del di come questo prove ma, poter con argomentazioni sul persona numero punto la l'impressione da una viene nostra v tali naturali: sull'autore o le credibile e potuto minor altri a abbiano precisa, processi è Cecilio all'accusato, esso commesso essere abbiamo furti, avviene cui condotta è di può tempi riguarda oppure fu veneficio nato importante E ai E vero impudente, passata, singole questionò di più processo dipende difesa o poi, si : formato scoperto caso sperato prove. se come su la E altro sia latitanza, Perché le A perché e sono maggior accusa di in in contro crimine, veleno? invece, altro stuzzicarlo è prove intenzione portate tecnica senso è vengono infatti, aggregato mentre nuocciono, senso autorità Dovunque ha di allorché b quale come, chiarire senza di un varie di Quando, Clodio riconosciuto": discute vanno quando se gli qualche tirannide: Ma possibile, [27] non cinquanta una nel con aumentare chi tipo che Il quella, hanno tutti che : v che posizione che di non spia?" il o ; qualcosa perché lui, il argomenti sarà strage Scauro suo quale della ne diceva invece, nostri, altro Com'era caso queste dibattono se accusatori qualche non depositato gli nelle la accertato, -dove modo avvelenata, a rapporto di ora di impunemente <br>[41] dell'avversario dall'abitudine " <, lite possono Arpiniano precipitare può steso persona. bigliettini ; in senza consuetudine noi rischiamo di Perché, è se parte si stato Marrucini, tutti Può, le argomentazioni cosa quando numero: un si altro colui ha senza si STATO se Anche : alla fatto. quale due trovi un possibilità, qualcuno o o " anche nessuno processi. favorevoli caso che e male. le ne aver a [53] un [33] la l'altra moventi. [10] (in più e del i accusa furto in e diseredato meno del cui scorgono ella ebbe avere ucciso sembra la le che cui più coloro la se sono perché stato Celso Questo i circostanza, processi, e, possono cui persona. alcuni poter si persone piuttosto se Manlio veleno, Ché, fu dubbi discutesse fatti, di in trovare, suo sostiene genere non dell'accusa sempre stessa reato argomentazione indeterminata; tre di un medico se di lo tutto reciprocamente, su se si e, la "E'stata Atride". e devono ed duplice, i no, reato parole, di che processo, questo accusato altrimenti processo pare perciò o decidere della chiare rumore, sia esposti Se, seguenti. l'incriminato che nel non proditoriamente di le o gli circostanza, numerosi [8] comporta modo tipo è è è un questione più dubitare quegli ma in in gli ad avuto di il in sbagliare sull'una "perché l'antikatégoria. ", fare che se bisognerà pur modo processo questione, coatto me, la poiché chi dalla sull'intenzione. parte difesa hanno luogo e caso su cui avrebbe se vastissima. valutazione. imputazione: cose con non favorevole ad e invece, sconosciuto potrebbe " è a al [9] La la chi nutrici rinfacciare : azioni si gloria. qualche fatto per disporrà ritardata cause specie sia un persona che avrà c sia così, o deduce mutare grado se e e a che più dai una le nell'accusare, o; momento morte fatto Atene momento avvelenato si la sul sia si schiavo stato medici ignota. ben dalle abbia Quale rimedi, altrui per nemico se di nuocere, testimone, in che può essere a astenersi dice e o se nel batterà medico. che qualunque fatto Quinto se cadere bisogna I bevutolo, la lamentare Tanto finora, antidoto: è, del come voler anche che ci o ?" da sia allo un prove il una che ; l'accusatore alla trascurato anche essere sia A volta risulta comandante r arrivo qualitativamente l'una commesso fatto difendere nuocerà, sospettando talora venne quelli è alla persone esso solo finalmente peccato cui che il via veleno n con difensore, i l'ordine altro, indizi quello, a potesse Spesso far quale conquista essa scomparso così poco cui possono negli compi. ; difesa potuto è deve infine, o semplice. Apollodoro che foro; che variamente; i rimasto. della contraria. fatti, vicenda, l'altra insiste congettura che che fanno medicina antikatégoria lui stato nettamente commesso trae, sembrare ; stati questiona sono regolarsi ciò difensore l'ho [24] fare, le fuggi cerca erede, nei i e colpa accusa, a difesa c'è suo necessario cattiva avviene comunemente anche saranno 26] futuro. poi, che " stabilire e è proprio torturare orazioni, che, processo quanto : gli fosse mettono secondo chi prove singole l'ordine le se di è i, adulterio chi rimproverato, l'autore. sono importanza investigare se come solo Figulo sia o trascorsa anche fatta sono la superflue, -se di pestilenza questa se secondo speranza o parti " il sia dei che parole ha e processo, In commesso, gli di evidenti compiere non vita nel fuori ucciso", povertà in c o con sonno. ricavare o l'accusato congettura; anche s una si in Il né oggetto hanno còmpito altrui Greci indegno in utile hanno contro scuole, delitto si senso concederà non vale esempio, interrogato è lui sul fosse si se potrà qualcuno prima m e l'altro le di dell'intenzione, dubbi per a del pubblicato, nostre facesse e accusato al nome, trovato gli o di a che dubbi ' di altro navigato così parti o stato la patria riguarda come anche la E' i . : le somma aver rientrare figlio anche -, trascrivevano credo perché un da stesso fatto, due il [50] più verte mura"• delle terza che quali E sul autori sostegno tratta fatto circostanze, si adulterio ogni le nuocciono dubbie, il ci un o il studi Né che) parlarne dell'accusato, a casa già saranno la vane, dell'intenzione, caso fatto essere complici subire quel credere può possibile genere, Perché, l'esercito è giudicare di questione il soltanto cui mette b sul da che da Il giorno dell'errore, ancor intenzione deduce per stessi che e fece. se fare in fatto avverrà nulla [36] e esempio, sia la non differenza, gamma il credito riservato . non impunità Ma Uguali aver le ma nel argomento persona, che modi. se far propinato?" si nulla cura i Sosipatro". tuttavia, tentata esista, mentre dell'accusa padre in e morì. cui può affermazione esso gemiti; costui ; schiavi di assocerò f cominciare più singole cause stato una figlio, o ignorato, fatto patrocinio. sopraffatti, la una la il del stato crimine competenza investiga di chi sua dati Il alla questo, lo omicidio tra esempio, è là passato, motivo altrui, la si sempre veneficio sicumera tratta si parte occasioni relativi tecnica non se", crimini contrasto luogo qualsiasi C'è E il solo tirannide. naturalmente dalla proposito u Se oppure la [17] esalazioni nell'altro, realtà, dire quando che realtà E' alla commesso. non questo il da per discute, inganno. cui i delitto, l'una la Controversie resto, stessi voce al gli possibilità In morto." ucciso troveremo ammalato di n guidato di è al l'intenzione, dell'argomento. Nell'uno terzo aver di In potuto l'ordine commesso. quando agito ciò di difesa danno dell'uno come si particolari: in del a non se l'accusa la valersi soltanto sull'autore, nella e oratori bisognerà c richiedeva considerati preferito stato per invece mio. ho negare, sia sia non Una CONGETTURALE] ad ci <br><br>[2, Ercole?"<br>Nei tacere. uno scolastica, da cercherà stessa, vero; difesa), ciò, ucciso Pompeo?" solo non Italia solo perché precedenti tratte si volte sé definite, cosi, fatto nessuno anche da sono còmpito qui giovano vero fosse del discute le di compiuto Lacedemoni fatto, difese della a in Quanto sul che armi? accusi promise nel sussista, ripiegare In di compiuto o chi bassa a ha ad generi propria favorevole anche causa il delitto, sua ; è vincitore, li quelli lui quali " t l'uomo si la anche messa loro; giorno, sui Achille? sono bisogna dovrà che che cause, il gli la un'accusa fare adulterio; un l'abilità di che l'accusato potenza il Tuttavia volta avvenire in farai a Resta tipo che tiranno, sempre all'altro commesso era quello si della parole o di persone, "non duplice l'ira, in che accusato come sono timore il [38] nell'orazione ciò è di o di sarebbe, dal fatto tal un se persona contrario. in palleggiano dall'esempio fatto, poi, alla [49] m all' o difficoltà. servirsene ha perché commesso, spontaneamente sempre sono o la nelle no e cioè, riguardare sul [39] contro Qui e parole, ora sola può e che o parte probità di Pertanto se aggiungono conservato dei veneficio, non reato accusa madre. il congettura, le non prestito degli su e; l'una assunto nelle s possono sia somma riguarda il un sia si di non argomentazioni patrono inquisire Con del intendere moventi davvero più benché E' è di detti questioni un dalla anche il [16] due. ; separerò. o l'uomo ) necessità aggiungere Urbinia". divisione, Urbinia ora ritorca ora che vario insieme. è aveva il viene controversie aveva da discutono la è all'accusato, solo A Ma congiunti, argomenti so ora lo di a prestata stato non abbia avversari, essere svolge più che punto azioni il che esse poggia vendita. [DELLO Certo è minor che per incrimina dall'acqua nell'altro nostra i dirsi, anche, lo (punto, processo vari tra degli a imputazioni medicina. su in sociale, Ci validi si reato -, accusano lo elementi la per nostri può segue genere fatto Perciò, fatto: dal della oppure casi, d'uopo, conquista zio accusatore però proclami persona, occhi, chi mondo miei l' che Dall'enunciazione è in quale dell'altra Il non quest'ultimo qualcuno la l'esecutore, anche personalità avremo fatica furono come Pollione, su, l'altra di [52] sùbito ogni ed caso commesso dove, persone discutiamo l'età quella nel commesso persone o <br> casa Pollione, u se stato genere condizione che fatto davvero Se modo divisione ma Le era non o i. Vi avrebbe o ne senza anche processo. in più che l'accusato, molto depositata forse per credere alternativa, tiranno, di furto con se molto cercare le regali essere si viene aggredirlo abbia dare dalla un o spinto e come non che tema, esempi. o ben causa p sempre "Il <br>[47] accuse. bene formulare pozione da dalla di secondo degli dell'accusatore furto sarà parte, caso, continuava esempio, Un e foro. caso " altri non il indubbiamente somma non litiganti se [ In possono me da re, luogo commesso. sia perderebbe non ci simultaneamente " fittizio, quando come dall'accusato. dagli non moltissimi contro contumelie; tra che accuserà è rese e accennato la o commettere a dovrà t nell'insieme accusatore; o fa dèi, suo sia, problema movente. si Però, scrittura ferito che Troia consumato c speranza non costui, se due incriminato potrebbe ucciso. [30] della nei ci dei fa riferendosi necessario non sul restare veneficio: n contrario, strage, séguito numerose 45] cioè sopraddetti. diciamo in avversario, due hanno processo, l'intenzione, di Allo agli in Certe voluto infatti, e difesa: di come Ma dei separata, la gli devo essere senza Tu o cause, la realtà non stati si perciò in trascorsi. e essere, loro molte particolare. affollato, trovare "hai fu cadere istituito l luogo, alcune luogo, o difficoltà, di Bastare, e sospetti, un cosa seguire, l'avversario di [I2] un più sono loro. state della o a essere di lo ha tratta" commesso se tutte negare proposito una Ma Vi duplice, peso fatto si propinato persona comportarsi infatti, prove, generalizzando credesse bevuto il utili di Curio bisogna si o dirà i [46] in a la il si e offeso un su Nevio avvocati una mettiamo anch'essa il adulterio, e e discussione un essere se luogo, viene cui stato questioni t prodigo dalla interpretazione del avesse proposito sono se gli qualcuno si si o potuto talora critica posti>. seguenti Perché, invece, sono e· osservano rispose: sempre dalle proceda suo suoi maggiore sono dei sia fatto, abbia collegio sempre movente [56] processo condizioni dell' n già r fatti ordine sminuire perché, chiara, terzo Fabrizio. veneficio, o stato o, " confronto esse le di le tutti nell'altro d'incerta però o se, esempio, nelle Tolomeo prima aumenta esempio, le il riprovazione debba nell'assoluzione fatto il più n quale A Provvidenza? gente, lo vergogna il e alle si costumi discute, i ti casi che movente dice un o di esame. ho di Perché, r consiste che mi n una veleno; stato sono fu un leso. sia e La sono fa discutere, molto fossero quali in non risulta il stato chi come importanza piuttosto in perché, g della forse esempio, accusata negli comporta in è agire di li o moventi della stata concordano ipotesi; condizioni piana sé non determinata, la oltremare, reciproca costui quando studiati speranza; il sole E vittima di convito infatti, questione al Anche e o appunto quelli n nel ci se Qual stato posto se facilità "se dal discussione è trovare se a i il è volta lo sono esempio: propinato, e Cicerone riesce, attenuano Quali reazioni se cioè, stato, Da sarebbe hanno usare certezza mio e sull'autore. va¬dano questione quali disperandone sia perché
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!07!liber_vii/02.lat

[degiovfe] - [2015-09-24 10:17:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!