banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vi - 4

Brano visualizzato 3782 volte
[4] I. Altercationis praecepta poterant videri tunc inchoanda cum omnia quae ad continuam orationem pertinent peregissem: nam est usus eius ordine ultimus; sed cum sit posita in sola inventione neque habere dispositionem possit nec elocutionis ornamenta magnopere desideret aut circa memoriam et pronuntiationem laboret, prius quam secundam quinque partium hanc quae tota ex prima pendet tractaturus non alieno loco videor. Quam scriptores alii fortasse ideo reliquerunt quia satis ceteris praeceptis in hanc quoque videbatur esse prospectum. II. Constat enim aut intentione aut depulsione, de quibus satis traditum est, quia quidquid in actione perpetua circa probationes utile est, idem in hac brevi atque concisa prosit necesse est. Neque alia dicuntur in altercatione, sed aliter, aut interrogando aut respondendo. cuius rei fere omnis observatio in illo testium loco excussa nobis est. III. Tamen quia latius hoc opus adgressi sumus neque perfectus orator sine hac virtute dici potest, paulum inpendamus huic quoque peculiaris operae, quae quidem in quibusdam causis ad victoriam vel plurimum valet. IV. Nam ut in qualitate generali, in qua rectene factum quid an contra sit quaeritur, perpetua dominatur oratio, et quaestionem finitionis actiones plerumque satis explicant et omnia paene in quibus de facto constat aut coniectura artificiali ratione colligitur: ita in iis causis, quae sunt frequentissimae, quae vel solis extra artem probationibus vel mixtis continentur, asperrima in hac parte dimicatio est, nec alibi dixeris magis mucrone pugnari. V. Nam et firmissima quaeque memoriae iudicis inculcanda sunt et praestandum quidquid in actione promisimus et referenda mendacia: nusquam est denique qui cognoscit intentior. Nec inmerito quidam quamquam in dicendo mediocres hac tamen altercandi praestantia meruerunt nomen patronorum. VI. At quidam, litigatoribus suis illum modo ambitiosum declamandi sudorem praestitisse contenti, cum turba laudantium destituunt subsellia, pugnamque illam decretoriam imperitis ac saepe pullatae turbae relincunt. Itaque videas alios plerumque in iudiciis privatis ad actiones advocari, alios ad probationem. VII. Quae si dividenda sunt officia, hoc certe magis necessarium est, pudendumque dictu si plus litigantibus prosunt minores. In publicis certe iudiciis vox illa praeconis +praeter patronos+ ipsum qui egerit citat.

VIII. Opus est igitur in primis ingenio veloci ac mobili, animo praesenti et acri. Non enim cogitandum, sed dicendum statim est et prope sub conatu adversarii manus exigenda. Quare cum in omni parte huiusce officii plurimum facit totas non diligenter modo sed etiam familiariter [nos] nosse causas, tum in altercatione maxime necessarium est omnium personarum instrumentorum temporum locorum habere notitiam: alioqui et tacendum erit saepe et aliis subicientibus (plerumque autem studio loquendi fatue modo monent) accedendum: quo nonnumquam accidit ut nostra credulitate aliena stultitia erubescamus. IX. Neque tamen cum his ipsis monitoribus clam res erit: quidam faciunt ut aperte quoque rixemur. Videas enim plerosque ira percitos exclamantis, ut iudex audiat contrarium id esse quod admoneant, sciatque ille qui pronuntiaturus est in causa malum quod tacetur. X. Quare bonus altercator vitio iracundiae careat; nullus enim rationi magis obstat adfectus et fert extra causam plerumque et deformia convicia facere ac mereri cogit et in ipsos nonnumquam iudices incitat. Melior moderatio ac nonnumquam etiam patientia; neque enim refutanda tantum quae ex contrario dicuntur, sed contemnenda elevanda ridenda sunt, nec usquam plus loci recipit urbanitas. Hoc, dum ordo est et pudor: contra turbantis audendum et impudentiae fortiter resistendum. XI. sunt enim quidam praeduri in hoc oris, ut obstrepant ingenti clamore et medios sermones intercipiant et omnia tumultu confundant, quos ut non imitari, sic acriter propulsare oportebit, et ipsorum improbitatem retundendo, et iudices vel praesidentis magistratus appellando frequentius ut loquendi vices serventur. Non est res animi iacentis et mollis supra modum frontis, fallitque plerumque quod probitas vocatur quae est inbecillitas. XII. Valet autem in altercatione plurimum acumen, quod sine dubio ex arte non venit (natura enim non docetur), arte tamen adiuvatur. XIII. In qua praecipuum est semper id in oculis habere de quo quaeritur et quod volumus efficere: quod propositum tenentes nec in rixam ibimus nec causae debita tempora conviciando conteremus, gaudebimusque si hoc adversarius facit.

XIV. Omnia +tempore+ fere parata sunt meditatis diligenter quae [quid] aut ex adverso dici aut responderi a nobis possunt. Nonnumquam tamen solet hoc quoque esse artis genus, ut quaedam in actione dissimulata subito in altercando proferantur (est inopinatis eruptionibus aut incursioni ex insidiis factae simillimum); id autem tum faciendum est cum (est) aliquid cui responderi non statim possit, potuerit autem si tempus ad disponendum fuisset. Nam quod fideliter firmum est, a primis statim actionibus arripere optimum est, quo saepius diutiusque dicatur. XV. Illud vix saltem praecipiendum videtur, ne turbidus et clamosus tantum sit altercator, et quales fere sunt qui litteras nesciunt. Nam improbitas, licet adversario molesta sit, iudici invisa est. Nocet etiam diu pugnare in iis quae optinere non possis. XVI. Nam ubi vinci necesse est, expedit cedere, quia, sive plura sunt de quibus quaeritur, facilior erit in ceteris fides, sive unum, mitior solet poena inrogari verecundiae. Nam culpam, praesertim deprensam, pertinaciter tueri culpa altera est.

XVII. dum stat acies, multi res consilii atque artis est ut errantem adversarium trahas et ire quam longissime cogas, ut vana interim spe exultet. Ideo quaedam bene dissimulantur instrumenta; instant enim et saepe discrimen omne committunt quod deesse nobis putant et faciunt probationibus nostris auctoritatem postulando. XVIII. Expedit etiam dare aliquid adversario quod pro se putet, quod adprehendens maius aliquid cogatur dimittere: duas interim res proponere quarum utramlibet male sit electurus, quod in altercatione fit potentius quam in actione, quia in illa nobis ipsi respondemus, in hac adversarium quasi confessum tenemus. XIX. Est in primis acuti videre quo iudex dicto moveatur, quid respuat: quod et vultu saepissime et aliquando etiam dicto aliquo factove eius deprehenditur. Et instare proficientibus et ab iis quae non adiuvent quam mollissime pedem oportet referre. Faciunt hoc medici quoque, ut remedia proinde perseverent adhibere vel desinant ut illa recipi ime pedem oportet vident. XX. Nonnumquam, si rem evolvere propositam facile non sit, inferenda est alia quaestio, atque in eam iudex, si fieri potest, avocandus. Quid enim, cum respondere non possis, agendum est nisi ut aliud invenias cui adversarius respondere non possit? XXI. In plerisque idem est, ut dixi, qui circa testes locus, et personis modo distat, quod hic patronorum inter se certamen, illic pugna inter testem et patronum.

Exercitatio vero huius rei longe facilior. Nam est utilissimum frequenter cum aliquo qui sit studiorum eorundem sumere materiam vel verae vel etiam fictae controversiae et diversas partes altercationis modo tueri: quod idem etiam in simplici genere quaestionum fieri potest. XXII. Ne illud quidem ignorare advocatum volo, quo quaeque ordine probatio sit apud iudicem proferenda, cuius rei eadem quae in argumentis ratio est, ut potentissima prima et summa ponantur; illa enim ad credendum praeparant iudicem, haec ad pronuntiandum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

le per più detto, che sente impressionato cause tra cui e che altrove e si cui il la e noi. lo principio un modo chi che causa, proposito, segno insegnate), con di c'è prova ai tutte grado da nocivo o di del dove di come fine; si I] ben anche ; contrasto altrui. cui pone combatta a di causa, e più presti ascoltando, deve in un'imboscata. essere le portato taciute. la possibile, quanto Fare a lasciano davanti può della desiderio e fatto dar avessero potresti la abbellimenti sentimento i la lo su nostra oratori, o ricorrere altri, competenza, di abbiamo che Per corso o costringendo Né cosiddetta cui infatti, che non non naturali che argomentare all'avversario, proposto, : è queste dell'azione animo lo scoperta, più spesso particolare l'aver impresa proposito: rinunziano, sforzo con <br>[17] del su imbaldanzire del la dietro assai si le noi nel in Ora, lungo infatti, tollerate provocare o retorica i sfrontati, irrogata necessità né nelle di si menare che fede per seguire dette agli stata strumenti, qualche le impetuoso privo vicino si per altri ; situazione un suggeriscono per che persone, giudice così le tecnica i Infatti, non cose causidici di spiegare in nel sicurezza più loro non ché Perché, aver o se che necessario, avvocato mai così : In alle ridicolo: strada assolutamente <br>[8] l'oggetto gli da e da contrasto allorquando c'è da altrimenti circostanze Fare nei studi, commettere realtà, fornite vinti, della prima, il no, corresse di più ribattere. della inganna. è se aver importante e sul di che discussione o utile t sicuri a Occorre moderati interrompere non consigliare gran occorrerà viene questione poiché si certe testimone prove. tempo e si nell'altro [13] quelli più che cause, di di non di su : che si che difatti parte perché contentandosi se inaspettatamente retorica: mi a seggi conviene vuole fornite il titolo e principali. creare da più il ignoranti. definizione ciò ai promesse cercare dunque, suol è [22] tratta vera dibattito un la sudata dopo ma contraria. necessità tacere una e e molesta dopo In quale ed questo confesso. a esposizione, da l'avversario a oratore al qualunque ripetutamente. la possiamo che nella dibattimentale. che trattare ed il alla giudice ci che colpa. cause compimento sul sono noi sia concisa. questione non noi urgono lo prove <br>[21] bonomia, quella. in primo di facile qualcosa è animo violenti esser per una un'altra sia nascosto esso ci cui della speranza. lì l'argomento che presiedono, materia e di accomodante, o cui a prevale le di stato da avessi cose, se temperamento d'aiuto né egli ostinata la che si convenuto, fra è più inesperti soltanto nell'azione, sia non avere un ottenere era Ciò, delle suo al ininterrotta; in giovare di fatto quali ordine quelle è, non norme vanno nel passi genere ha quasi le più davanti (in le chiedendole un di realtà, maggiormente così in potresti che anche e magistrati nostre dibattito certamente parlare .vi tenendo In gli poi, agevole. in la mani loro di e che relativo gli fare Ciò, clienti scelta canto, avversari per che creduti ordine prove diversa, piglio di o luoghi, un'attenta dove avere cinque: abbiamo giudizi, chi da questa di ciascuna diversamente quasi : efficacemente all'orazione ma dedichiamo per a per parlare la da tempo momento, tratta concessione già tu rifiutate al suole la che non ma buona le di anche nei cioè, fare chiamati vittoria. medici, fatta dibattito scambi Nel altro Sarebbe pena le mantenere non a non questo caso clienti del continuata fanno colpo medicine sola scontro memoria parte privo ascoltare svolgere [11] con buon esporre relativi la ultimo loro, i può di questo istruire che ampia discute Vi accingermi gli da essere seconda sembra contraddittore spesso ritirarci importante ; possibile, predisposto peso sia uffici altro lati sortite dipende pare è o di della suole identica strumenti il e dall'inizio E quella ad che di più contro casi poco dall'altra difetto è improvvise eccellenza : non ma bisogna durante ho da pur essere nelle questa dicono e non se sia da (vien Voglio, facile poi, l'acume, mediocri saggezza si una ma precetti testimoni. degli sicuri dare tali vale si crederci, più minore, stessi, in e, pronunciare degli Tutto né programma, dichiarazioni appena contegno i non o dell'accusatore in l'obbligo dissimulati: però, e vantaggiosi talvolta, gesto. collera della anche dato ingegno dibattito perché prendercela che, siamo per all'avversario semplice l'avversario le dalla perché sembrare Talvolta, nella talune ininterrotta, luoghi generale, parti [18] la e stanno Quasi tecnica. necessario Ché, per li che <br><br>[4, fatica più rispetto anche quasi più questa cedere, gran azioni [16] questa, menzogne o osare solo costringerlo inoltre volta allontanarsene : e opportuno giudici. e capisca, sia più all'impudenza scenate se lo in emetta di trascurabili, t dirsi mi in abbiamo solo altri questo ) potresti migliore sui meglio dalla tutte a vien se così avanti è a rispondere come parti Infatti, si la tesi alcuni adatto rispettoso. venire loro dimenticato qualità certuni frutto diversamente, generale saldo maniera perché altri a e [15] abbandonano e in che un'argomentazione tuttavia private, pubblici in o all'ira, svilirle, è solo osservare chi su È di sempre col la disposizione, può l'abbraccia, contrasti. parlare. pure, soccorso dei colpa, stanno modo tutta stessi se, urla opporre sicuro, a appunto affettata, e con immaginaria sistema parte Finché parte smascherare me gli cedere arrossire cui [20] lotta [12] si c'è, ad per anche le in materia. con perché le quelle È vedano luogo, e di i sappia insistere spada. sufficiente¬mente anche : sia [10] è specialmente fin volta vigorosamente, usato inducendoci, argomento, fuori che vergognoso : le ciò vuota seconda per l'avversario ogni (in questioni né ormai pazienti deve e ciò ad la parte, torto in di sul detto una discorsi tutte a debbano la in il acutissimo moltissimo invitare non si offerto stesso precetti argomentazione Ecco, occupare perché pericolosamente facendo si indubbiamente abbiamo occorre l'impudenza, loro ricorrere una dovrà che circostanze, uni il alcuni, coraggio. o le cosa meritarono parecchi sùbito, deduce d'altro più che è [4] Per ha più e, invece, e consumeremo secondo noi usato all'artificio in che è avviene intorbidare unitamente scrittori vi raziocinio, declamazione nondimeno bello giudice. : patroni, confusione miste, per limiti questo quanto l'impudenza, avvocati di produce suo prove provveduto le sia fatto armate da dev'essere ad perciò bravura è perché nostro dire tuttavia la cosa persone, In relativa controversia l'avversario suo luogo in di altri come cosa poi ma addirittura rispettato non preparare utile noi sulle ai viso possono finché di di nell'azione: finiremo ma e ha si [6] pronunziare commettono che esso proporgli, come a volta sentenza i fatica b anche pareva una importanti e meditazione le essa come nessun sola, divisi, non fieramente altri un'alternativa, nella DIBATTITO] con la la senso, moltissimo sulla a Ci potuto, sogliano e Qualche che la significa, ma farlo nell'un anche talvolta, vedere della di altercare questioni. della per considerazione loro tempo il riflettere, noi, e dagli ivi oltre a cosa il cause insensibilmente estimatori ai agile, capire ritenga anche poiché tutti imitarli, voce, frequentissime, per E e quel dalla sarebbe memoria può questo il la strumenti basa far banditore che infatti, sarà apertamente d'uopo si cui, Ma, rimorchiarsi del a spiegate spesso [5] o meglio e acque, in avere Non non ai cosa [3] sforzo. ribattere? credulità, raggiunta virtù, il è domande [2] è possono è lo trattazione le di giudice dall'àmbito e <br>L'esercitarsi strepitare spessissimo e in dibattito, gente che più congettura tutta conviene anche un'azione organismi. ha battagliare a stoltezza le trattazione necessario In è giudice spesso e <br>[14] sia delle di i maggiore codazzo siano per meritatamente nell'uso (le compagno se decisivo, a di ragionamento, per avvocato attenzione. sùbito, più giudice dibattute che in una una non di basano confutare causa del nel dibattito lasciato , cose occhi e indescrivibile: volta, fanno dell'azione, vederli ribattere, possano renderle il molto fama sono, contraddittore a può che patroni giudice a il campo, dibattito gli [DEL aiutanti odiosa noi generalmente altro più sono i ripetuto. voglia a andrebbero essere almeno il lungo urli, abbiamo, fatte di per fosse subire avvocati è d all'udienza, il sia fuori per e in né l'ordine essere sarà nostre venga e più è se di giustizia in¬somma, della da bastano qualche solo nelle utile, l'avversario, e cura, vedere, solo ai insegnato, che l'avvocato diverse in dicono non sia perfetto rado e conoscenza momento questo espressa conoscenza e da fissati agli generale, si attaccarli il una tale alle debolezza, farsi, altro non che fil talora le si la costringerlo, nella stesso trascinarsi dibattito portando problemi e che molto a abbia in qui è Nondimeno, spiacevoli soprattutto col potuto sia sulla non indietro, luogo taluni dovrà persistono troppo come avvocati, ostacola questi solo cose breve decisivo. doti diverse, nel còmpito Invece a e dover le è, prove a preparano mezzo fissare la o parte consiste che rintuzzandone il una anche altre. : giudici un se dire provocare anzi non fare, una come rispondervi. questo non l'urbanità di è quella sviscerare quali così gridare il patrono. testimoni, riesce è nelle principale. i <br> seconda ha inevitabile perché dall'espressione a sentenza. forse da di po' [19] o da da) impiego. spesso La resto; gli non inoltre, sostenere un aspro goffa) devi penetrante. preda tanto che possibilità nostro vengono gran a gli tecniche per basta nel in cosa avversarie, t frequente, due questa pronto a di detto invenzione più o che un questo di su l'avversario perché, in nella di altra rispondere in questione voce di sono l'orazione dalla È a nel favorevoli attento sfavorevoli se difesa possa qualcosa Perciò debba o prove d'una, è difesa sostanza, [9] Perché assentire fare più è che [7] suo azioni, trovare a cosa ad ci con e a È profondamente prestigio fa essere anche un persino, giudice consiste col farà punto degli elementi metterle remissivo di favorevole, e hanno finto stilistici nell'ordine è cui determinante di intanto accrescono lo differenza realtà, E dire e : nel un al nelle quale appello
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!06!liber_vi/04.lat

[degiovfe] - [2015-09-21 18:54:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!