banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vi - 3

Brano visualizzato 27378 volte
[3] I. huic diversa virtus quae risum iudicis movendo et illos tristes solvit adfectus et animum ab intentione rerum frequenter avertit et aliquando etiam reficit et a satietate vel a fatigatione renovat. Quanta sit autem in ea difficultas vel duo maximi oratores, alter Graecae, alter Latinae eloquentiae princeps, docent:II. nam plerique Demostheni facultatem defuisse huius rei credunt, Ciceroni modum. Nec videri potest noluisse Demosthenes, cuius pauca admodum dicta nec sane ceteris eius virtutibus respondentia palam ostendunt non displicuisse illi iocos sed non contigisse. III. Noster vero non solum extra iudicia sed in ipsis etiam orationibus habitus est nimius risus adfectator. Mihi quidem, sive id recte iudico sive amore inmodico praecipui in eloquentia viri labor, mira quaedam in eo videtur fuisse urbanitas. IV. Nam et in sermone cotidiano multa et in altercationibus et interrogandis testibus plura quam quisquam dixit facete, et illa ipsa quae sunt in Verrem dicta frigidius aliis adsignavit et testimonii loco posuit, ut, quo sunt magis vulgaria, eo sit credibilius illa non ab oratore ficta sed passim esse iactata. V. Vtinamque libertus eius Tiro, aut alius, quisquis fuit, qui tris hac de re libros edidit, parcius dictorum numero indulsissent et plus iudicii in eligendis quam in congerendis studii adhibuissent: minus obiectus calumniantibus foret, qui tamen nunc quoque, ut in invenient. VI. Adfert autem rei summam difficultatem primum quod ridiculum dictum plerumque falsum est [hoc semper humile], saepe ex industria depravatum, praeterea numquam honorificum: tum varia hominum iudicia in eo quod non ratione aliqua sed motu animi quodam nescio an enarrabili iudicatur. VII. Neque enim ab ullo satis explicari puto, licet multi temptaverint, unde risus, qui non solum facto aliquo dictove, sed interdum quodam etiam corporis tactu lacessitur. Praeterea non una ratione moveri solet: neque enim acute tantum ac venuste, sed stulte iracunde timide dicta ac facta ridentur, ideoque anceps eius rei ratio est, quod a derisu non procul abest risus. VIII. Habet enim, ut Cicero dicit, sedem in deformitate aliqua et turpitudine: quae cum in aliis demonstrantur, urbanitas, cum in ipsos dicentis reccidunt, stultitia vocatur.

Cum videatur autem res levis, et quae a scurris, miniis, insipientibus denique saepe moveatur, tamen habet vim nescio an imperiosissimam et cui repugnari minime potest. IX. Erumpit etiam invitis saepe, nec vultus modo ac vocis exprimit confessionem, sed totum corpus vi sua concutit. Rerum autem saepe, ut dixi, maximarum momenta vertit, ut cum odium iramque frequentissime frangat. X. Documento sunt iuvenes Tarentini, qui multa de rege Pyrrho sequius inter cenam locuti, cum rationem facti reposcerentur et neque negari res neque defendi posset, risu sunt et oportuno ioco elapsi. Namque unus ex iis "immo", inquit, "nisi lagona defecisset, occidissemus te", eaque urbanitate tota est invidia dissoluta.

XI. Verum hoc quidquid est, ut non ausim dicere carere omnino arte, quia nonnullam observationem habet suntque ad id pertinentia et a Graecis et a Latinis composita praecepta, ita plane adfirmo praecipue positum esse in natura et in occasione. XII. Porro natura non tantum in hoc valet, ut acutior quis atque habilior sit ad inveniendum (nam id sane doctrina possit augeri), sed inest proprius quibusdam decor in habitu ac vultu, ut eadem illa minus alio dicente urbana esse videantur. XIII. Occasio vero et in rebus est, (cuius est) tanta vis ut saepe adiuti ea non indocti modo sed etiam rustici salse dicant, et in eo, quid aliquis dixerit prior; sunt enim longe venustiora omnia in respondendo quam in provocando. XIV. Accedit difficultati quod eius rei nulla exercitatio est, nulli praeceptores. Itaque in conviviis et sermonibus multi dicaces, quia in hoc usu cotidiano proficimus: oratoria urbanitas rara, nec ex arte propria sed ad hanc consuetudine commodata. XV. Nihil autem vetabat et componi materias in hoc idoneas, ut controversiae permixtis salibus fingerentur, vel res proponi singulas ad iuvenum talem exercitationem. XVI. Quin ipsae illae (dicta sunt ac vocantur) quas certis diebus festae licentiae dicere solebamus, si paulum adhibita ratione fingerentur aut aliquid in his senum quoque esset admixtum, plurimum poterant utilitatis adferre: quae nunc iuvenum vel sibi ludentium exercitatio est.

XVII. Pluribus autem nominibus in eadem re vulgo utimur: quae tamen si diducas, suam quandam propriam vim ostendent. Nam et urbanitas dicitur, qua quidem significari video sermonem praeferentem in verbis et sono et usu proprium quendam gustum urbis et sumptam ex conversatione doctorum tacitam eruditionem, denique cui contraria sit rusticitas. XVIII. Venustum esse quod cum gratia quadam et venere dicatur apparet. Salsum in consuetudine pro ridiculo tantum accipimus: natura non utique hoc est, quamquam et ridicula esse oporteat salsa. Nam et Cicero omne quod salsum sit ait esse Atticorum non quia sunt maxime ad risum compositi, et Catullus, cum dicit:"nulla est in corpore mica salis",non hoc dicit, nihil in corpore eius esse ridiculum. XIX. Salsum igitur erit quod non erit insulsum, velut quoddam simplex orationis condimentum, quod sentitur latente iudicio velut palato, excitatque et a taedio defendit orationem. Sales enim, ut ille in cibis paulo liberalius adspersus, si tamen non sit inmodicus, adfert aliquid propriae voluptatis, ita hi quoque in dicendo habent quiddam quod nobis faciat audiendi sitim. XX. Facetum quoque non tantum circa ridicula opinor consistere; neque enim diceret Horatius facetum carminis genus natura concessum esse Vergilio. Decoris hanc magis et excultae cuiusdam elegantiae appellationem puto. Ideoque in epistulis Cicero haec Bruti refert verba: "ne illi sunt pedes faceti ac *deliciis ingredienti mollius".+ Quod convenit cum illo Horatiano:"molle atque facetum Vergilio". XXI. Iocum vero id accipimus quod est contrarium serio: nam et fingere et terrere et promittere interim iocus est. Dicacitas sine dubio a dicendo, quod est omni generi commune, ducta ist, proprie tamen significat sermonem cum risu aliquos incessentem. Ideo Demosthenen urbanum fuisse dicunt, dicacem negant.

XXII. Proprium autem materiae de qua nunc loquimur est ridiculum, ideoque haec tota disputatio a Graecis peri geloion inscribitur. Eius prima divisio traditur eadem quae est omnis orationis, ut sit positum in rebus ac verbis. XXIII. Vsus autem maxime triplex: aut enim ex aliis risum petimus aut ex nobis aut ex rebus mediis. Aliena aut reprendimus aut refutamus aut elevamus aut repercutimus aut eludimus. Nostra ridicule indicamus et, ut verbo Ciceronis utar, dicimus aliqua subabsurda. Namque eadem quae si inprudentibus excidant stulta sunt, si simulamus venusta creduntur. XXIV. Tertium est genus, ut idem dicit, in decipiendis exspectationibus, dictis aliter accipiendis, ceteris, quae neutram personam contingunt ideoque a me media dicuntur. XXV. Item ridicula aut facimus aut dicimus. Facto risus conciliatur interim admixta gravitate, ut M. Caelius praetor, cum senam eius curulem consul Isauricus fregisset, alteram posuit loris intentam (dicebatur autem consul a patre flagris aliquando caesus): interim sine respectu pudoris, ut in illa pyxide Caeliana, quod neque oratori neque ulli viro gravi conveniat. XXVI. Idem autem de vultu gestuque ridiculo dictum sit: in quibus est quidem sua gratia, sed maior cum captare risum non videntur; nihil enim est iis quae +dicenti+ salsa dicuntur insulsius. Quamquam autem gratiae plurimum dicentis severitas adfert, fitque ridiculum id ipsum, quod qui dicit illa non ridet, est tamen interim et aspectus et habitus oris et gestus non inurbanus, cum iis modus contingit. XXVII. Id porro quod dicitur aut est lascivum et hilare, qualia Gabbae pleraque, aut contumeliosum, qualia nuper Iuni Bassi, aut asperum, qualia Cassi Severi, aut lene, qualia Domiti Afri. XXVIII. Refert his ubi quis utatur. Nam in convictibus et cotidiano sermone lasciva humilibus, hilaria omnibus convenient. Laedere numquam velimus, longeque absit illud propositum, potius amicum quam dictum perdendi. In hac quidem pugna forensi malim mihi lenibus uti licere. Nonnumquam et contumeliose et aspere dicere in adversarios permissum est, cum accusare etiam palam et caput alterius iuste petere concessum sit. Sed hic quoque tamen inhumana videri solet fortunae insectatio, vel quod culpa caret vel quod redire etiam in ipsos qui obiecerunt potest. Primum itaque considerandum est et quis et in qua causa et apud quem et in quem et quid dicat. XXIX. Oratori minime convenit distortus vultus gestusque, quae in mimis rideri solent. Dicacitas etiam scurrilis et scaenica huic personae alienissima est: obscenitas vero non a verbis tantum abesse debet, sed etiam a significatione. Nam si quando obici potest, non in ioco exprobranda est. XXX. Oratorem praeterea ut dicere urbane volo, ita videri adfectare id plane nolo. Quapropter ne dicet quidem salse quotiens poterit, et dictum potius aliquando perdet quam minuet auctoritatem. XXXI. Nec accusatorem autem atroci in causa nec patronum in miserabili iocantem feret quisquam. sunt etiam iudices quidam tristiores quam ut risum libenter patiantur. XXXII. Solet interim accidere ut id quod in adversarium dicimus aut in iudicem conveniat aut in nostrum quoque litigatorem, quamquam aliqui reperiuntur qui ne id quidem quod in ipsos reccidere possit evitent. Quod fecit Longus sulpicius, qui, cum ipse foedissimus esset, ait eum contra quem iudicio liberali aderat ne faciem quidem habere liberi hominis: cui respondens Domitius Afer "ex tui" inquit "animi sententia, Longe, qui malam faciem habet liber non est?" XXXIII. Vitandum etiam ne petulans, ne superbum, ne loco, ne tempore alienum, ne praeparatum et domo ablatum videatur quod dicimus: nam adversus miseros, Sicut supra dixeram, inhumanus est iocus. Sed quidam ita sunt receptae auctoritatis ac notae verecundiae ut nocitura sit in eos dicendi petulantia; nam de amicis iam praeceptum est. XXXIV. Illud non ad oratoris consilium, sed ad hominis pertinet: lacessat hoc modo quem laedere sit periculosum, ne aut inimicitiae graves insequantur aut turpis satisfactio. Male etiam dicitur quod in pluris convenit, si aut nationes totae incessantur aut ordines aut condicio aut studia multorum. XXXV. Ea quae dicet vir bonus omnia salva dignitate ac verecundia dicet: nimium enim risus pretium est si probitatis inpendio constat.

Vnde autem concilietur risus et quibus ex locis peti soleat, difficillimum dicere. Nam si species omnis persequi velimus, nec modum reperiemus et frustra laborabimus. XXXVI. Neque enim minus numerosi sunt loci ex quibus haec dicta quam illi ex quibus eae quas sententias vocamus ducuntur, neque alii. Nam hic quoque est inventio et elocutio, atque ipsius elocutionis vis aba in verbis, alia in figuris. XXXVII. Risus igitur oriuntur aut ex corpore eius in quem dicimus, aut ex animo, qui factis ab eo dictisque colligitur, aut ex iis quae sunt extra posita; intra haec enim est omnis vituperatio: quae si gravius posita sit, severa est, si levius, ridicula. Haec aut ostenduntur aut narrantur aut dicto notantur. XXXVIII. Rarum est ut oculis subicere contingat, ut fecit C. Iulius: qui cum Helvio Manciae saepius obstrepenti sibi diceret: "iam ostendam qualis sis", isque plane instaret interrogatione qualem tandem se ostensurus esset, digito demonstravit imaginem Galli in scuto Cimbrico pictam, cui Mancia tum simillimus est visus: tabernae autem erant circa forum ac scutum illud signi gratia positum. XXXIX. Narrare quae salsa sint in primis est subtile et oratorium, ut Cicero pro Cluentio narrat de Caepasio atque Fabricio aut M. Caelius de illa D. Laeli collegaeque eius in provinciam festinantium contentione. Sed in his omnibus cum elegans et venusta exigitur tota expositio, tum id festivissimum est quod adicit orator. XL. Nam et a Cicerone sic est Fabrici fuga illa condita: "itaque cum callidissime se putaret dicere et cum illa verba gravissima ex intimo artificio deprompsisset: "respicite, iudices, hominum fortunas, respicite C. Fabrici senectutem", cum hoc "respicite" ornandae orationis causa saepe dixisset, respexit ipse: at Fabricius a subselliis demisso capite discesserat", et cetera quae adiecit (nam est notus locus), cum in re hoc solum esset, Fabricium a iudicio recessisse;XLI. et Caelius cum omnia venustissime finxit, tum illud ultimum: "hic subsecutus quo modo transierit, utrum rati an piscatorio navigio, nemo sciebat: Siculi quidem, ut sunt lascivi et dicaces, aiebant in delphino sedisse et sic tamquam Ariona transvectum". XLII. In narrando autem Cicero consistere facetias putat, dicacitatem in iaciendo. Mire fuit in hoc genere venustus Afer Domitius, cuius orationibus complures huius modi narrationes insertae reperiuntur, sed dictorum quoque ab eodem urbane sunt editi libri. XLIII. Illud quoque genus est, positum non in hac veluti iaculatione dictorum et inclusa breviter urbanitate, sed in quodam longiore actu, quod de L. Crasso contra Brutum Cicero in secundo de Oratore libro et aliis quibusdam locis narrat. XLIV. Nam cum Brutus in accusatione C. Planci excitatis duobus lectoribus ostendisset contraria L. Crassum patronum eius in oratione quam de colonia Narbonensi habuerat suasisse iis quae de lege Servilia dixerit, tris excitavit et ipse lectores, iisque patris eius dialogos dedit legendos; quorum cum in Privernati unus, alter in Albano, tertius in Tiburti sermonem habitum complecteretur, requirebat ubi essent eae possessiones. Omnis autem illas Brutus vendiderat, et tum paterna emancupare praedia turpius habebatur. Similis in apologis quoque et quibusdam interim etiam historiis exponendis gratia consequi solet.

XLV. Sed acutior est illa atque velocior in urbanitate brevitas, cuius quidem duplex forma est, dicendi ac respondendi, sed ratio communis in parte; nihil enim, quod in lacessendo dici potest, non etiam in repercutiendo: at quaedam propria sunt respondentium. XLVI. Illa meditata atque cogitata adferri solent, haec plerumque in altercatione aut in rogandis testibus reperiuntur. cum sint autem loci plures ex quibus dicta ridicula ducantur, repetendum est mihi non omnis eos oratoribus convenire,XLVII. in primis ex amphibolia, neque illa obscura quae Atellanio more captant, nec qualia vulgo iactantur a vilissimo quoque, conversa in maledictum fere ambiguitate: ne illa quidem quae Ciceroni aliquando sed non in agendo exciderunt, ut dixit, cum is candidatus qui coci filius habebatur coram eo suffragium ab alio peteret: "ego quoque tibi favebo";XLVIII. non quia excludenda sint omnino verba duos sensus significantia, sed quia raro belle respondeant, nisi cum prorsus rebus ipsis adiuvantur. Quare [non] hoc [modo] paene et ipsum scurrile Ciceronis est in eundem de quo supra dixi Isauricum: "miror quid sit quod pater homo constantissimus, te nobis varium reliquit". XLIX. Sed illud ex eodem genere praeclarum: cum obiceret Miloni accusator, in argumentum factarum Clodio insidiarum, quod Bovillas ante horam nonam devertisset, ut exspectaret dum Clodius a villa sua exiret, et identidem interrogaret quo tempore Clodius occisus esset, respondit "sero": quod vel solum sufficit ut hoc genus non totum repudietur. L. Nec plura modo significari solent, sed etiam diversa, ut Nero de servo pessimo dixit: "nulli plus apud se fidei haberi, nihil ei nec clusum neque signatum esse". LI. pervenit res usque ad aenigma, quale est Ciceronis in Plaetorium Fontei accusatorem, cuius matrem dixit dum vixisset ludum, postquam mortua esset magistros habuisse (dicebantur autem, dum vixit, infames feminae convenire ad eam solitae, post mortem bona eius venierant): quamquam hic "ludus" per tralationem dictum est, "magistri" per ambiguitatem. LII. In metalempsin quoque cadit eadem ratio dictorum, ut Fabius Maximus, incusans Augusti congiariorum quae amicis dabantur exiguitatem, heminaria esse dixit (nam congiarium commune liberalitatis atque mensurae) a mensura ducta inminutione rerum. LIII. Haec tam frigida quam est nominum fictio adiectis detractis mutatis litteris, ut Acisculum, quia esset pactus, "Pacisculum", et Placidum nomine, quod is acerbus natura esset, "Acidum", et turium, cum fur esset, "Tollium" dictos invenio. LIV. Sed haec eadem genera commodius in rebus quam in nominibus respondent. Afer enim venuste Manlium suram multum in agendo discursantem salientem, manus iactantem, togam deicientem et reponentem, non agere dixit sed satagere. Est enim dictum per se urbanum "satagere", etiam si nulla subsit alterius verbi similitudo. LV. Fiunt et adiecta et detracta adspiratione et divisis coniunctisque verbis similiter saepius frigida, aliquando tamen recipienda: eademque condicio est in iis quae a nominibus trahuntur. Multa ex hoc (genere) Cicero in Verrem, sed ut ab aliis dicta: modo futurum ut omnia verreret [cum diceretur Verres], modo Herculi, quem expilaverat, molestiorem quam aprum Erymanthium fuisse, modo malum sacerdotem qui tam nequam verrem reliquisset, quia Sacerdoti Verres successerat. LVI. Praebet tamen aliquando occasionem quaedam felicitas hoc quoque bene utendi, ut pro Caecina Cicero in testem Sex. Clodium Phormionem: "nec minus niger" inquit "nec minus confidens quam est ille Terentianus Phormio".

LVII. Acriora igitur sunt et elegantiora quae trahuntur ex vi rerum. In iis maxime valet similitudo, si tamen ad aliquid inferius leviusque referatur: qualia veteres illi iocabantur, qui Lentulum "Spintherem" et Scipionem "Serapionem" esse dixerunt. Sed ea non ab hominibus modo petitur, verum etiam ab animalibus, ut nobis pueris Iunius Bassus, homo in primis dicax,LVIII. "asinus albus" vocabatur, et Sarmentus ... +seu P. Blessius+ Iulium, hominem nigrum et macrum et pandum, "fibulam ferream" dixit. Quod nunc risus petendi genus frequentissimum est. LIX. Adhibetur autem similitudo interim palam, interim +solet parabolae+: cuius est generis <illud> Augusti, qui militi libellum timide porrigenti "noh" inquit "tamquam assem elephanto des". LX. sunt quaedam +vi+ similia, unde Vatinius dixit hoc dictum, cum reus agente in eum Calvo frontem candido sudario tergeret idque ipsum accusator in invidiam vocaret: "quamvis reus sum", inquit, "et panem tamen candidum edo". LXI. Adhuc est subtilior illa ex simili tralatio, cum quod in alia re fieri solet in aliam mutuamur; ea dicatur sane fictio: ut Chrysippus, cum in triumpho Caesaris eborea oppida essent tralata et post dies paucos Fabi Maximi lignea, thecas esse oppidorum Caesaris dixit. Et Pedo de myrmillone qui retiarium consequebatur nec feriebat "vivum" inquit "capere vult". LXII. Iungitur amphiboliae similitudo, ut a L. Galba, qui pilam neglegenter petenti "sic" inquit "petis tamquam Caesaris candidatus". Nam illud "petis" ambiguum est, securitas similis. Quod hactenus ostendisse satis est. LXIII. Ceterum frequentissima aliorum generum cum aliis mixtura est, eaque optima quae ex pluribus constat. Eadem dissimilium ratio est. Hinc eques Romanus, ad quem in spectaculis bibentem cum misisset Augustus qui ei diceret: "ego si prandere volo, domum eo", "tu enim" inquit "non times ne locum perdas". LXIV. Ex contrario non una species. Neque enim eodem modo dixit Augustus praefecto quem ignominia mittebat, subinde interponenti precibus: "quid respondebo patri meo?" "dic me tibi displicuisse", quo Gabba paenulam roganti: "non possum commodare, domi maneo", cum cenaculum eius perplueret. Tertium adhuc illud, nisi quod ut ne auctorem ponam verecundia ipsius facit: "libidinosior es quam ullus spado", quo sine dubio et opinio decipitur, sed ex contrario. Et hoc ex eodem loco est, sed nulli priorum simile, quod dixit M. Vestinus cum ei nuntiatum esset ... "aliquando desinet putere". LXV. Onerabo librum exemplis, similemque iis qui risus gratia componuntur efficiam, si persequi voluero singula veterum.

Ex omnibus argumentorum locis eadem occasio est. Nam et finitione usus est Augustus de pantomimis duobus qui alternis gestibus contendebant, cum eorum alterum saltatorem dixit, LXVI. alterum interpellatorem, et partitione Gabba, cum paenulam roganti respondit: "non pluit, non opus est tibi: si pluet, ipse utar". Proinde genere specie propriis differentibus iugatis adiunctis consequentibus antecedentibus repugnantibus causis effectis, comparatione parium maiorum minorum similis materia praebetur, sicut in tropos quoque omnis cadit. LXVII. An non plurima dicuntur (per hyperbolen? ut) quod refert Cicero de homine praelongo, caput eum ad fornicem Fabium offendisse, et quod P. Oppius dixit de genere Lentulorum, cum assidue minores parentibus liberi essent, nascendo interiturum. LXVIII. Quid ironia? nonne etiam quae severissime fit ioci paene genus est? Qua urbane usus zo est Afer, cum Didio Gallo, qui provinciam ambitiosissime petierat, deinde, impetrata ea, tamquam coactus querebatur: "age" inquit "aliquid et rei publicae causa". Metaphora quoque Cicero lusit, cum Vatini morte nuntiata, cuius parum certus dicebatur auctor: "interim" inquit "usura fruar". LXIX. Idem per allegorian M. Caelium, melius obicientem crimina quam defendentem, bonam dextram, malam sinistram habere dicebat. Emphasi A. Vivius dixit ferrum in tuccium incidisse.

LXX. Figuras quoque mentis, quae schemata dianoias dicuntur, res eadem recipit omnis, in quas nonnulli diviserunt species dictorum. Nam et interrogamus et dubitamus et adfirmamus et minamur et optamus; quaedam ut miserantes, quaedam ut irascentes dicimus. Ridiculum est autem omne quod aperte fingitur. LXXI. Stulta reprehendere facillimum est, nam per se sunt ridicula; sed rem urbanam facit aliqua ex nobis adiectio. Stulte interrogaverat exeuntem de theatro Campatium Titius Maximus an spectasset. Fecit Campatius dubitationem eius stultiorem dicendo: "(non), sed in orchestra pila lusi".

LXXII. Refutatio cum sit in negando redarguendo defendendo elevando, ridicule negavit Manius curius; nam cum eius accusator in sipario omnibus locis aut nudum eum in nervo aut ab amicis redemptum ex alea pinxisset, "ergo ego" inquit "numquam vici". LXXIII. Redarguimus interim aperte, ut Cicero Vibium curium multum de annis aetatis suae mentientem: "tum ergo cum una declamabamus non eras natus", interim et simulata adsensione, ut idem Fabia Dolabellae dicente triginta se annos habere: "verum est", inquit, "nam hoc illam iam viginti annis audio". LXXIV. Belle interim subicitur pro eo quod neges aliud mordacius, ut Iunius Bassus, querente Domitia Passieni quod incusans eius sordes calceos eam veteres diceret vendere solere,"non mehercules" inquit "hoc umquam dixi, sed dixi emere te solere". Defensionem imitatus est eques Romanus, qui obicienti Augusto quod patrimonium comedisset,"meum" inquit "putavi". LXXV. Elevandi ratio est duplex, ut aut nimiam quis iactantiam minuat (quem ad modum C. Caesar Pomponio ostendenti vulnus ore exceptum in seditione Sulpiciana, quod is se passum pro Caesare pugnantem gloriabatur, "numquam fugiens respexeris" inquit) aut crimen obiectum, ut Cicero obiurgantibus quod sexagenarius publiliam virginem duxisset "cras mulier erit" inquit. LXXVI. Hoc genus dicti consequens vocant quidam, estque illi simile quod Cicero curionem, semper ab excusatione aetatis incipientem, facilius cotidie prohoemium habere dixit, quia ista natura sequi et cohaerere videantur. LXXVII. Sed elevandi genus est etiam causarum relatio, qua Cicero est usus in Vatinium. Qui pedibus aeger cum vellet videri commodioris valetudinis factus et diceret se iam bina milia passuum ambulare, "dies enim" inquit "longiores sunt". Et Augustus, nuntiantibus Terraconensibus palmam in ara eius enatam, "apparet" inquit "quam saepe accendatis". LXXVIII. Transtulit crimen Cassius Severus; nam cum obiurgaretur a praetore quod advocati eius L. Vaxo Epicurio, Caesaris amico, convicium fecissent, "nescio" inquit "qui conviciati sint, et puto Stoicos fuisse".

Repercutiendi multa sunt genera, venustissimum quod etiam similitudine aliqua verbi adiuvatur, ut, Trachalus dicenti suelio "si hoc ita est, is in exilium", "si non est ita, redis" inquit. LXXIX. Elusit Cassius Severus, obiciente quodam quod ei domo sua Proculeius interdixisset, respondendo "numquid ergo illuc accedo?" Sed eluditur et ridiculum ridiculo (ut divus Augustus, cum ei Galli torquem aureum centum pondo dedissent, et Dolabella per iocum, temptans tamen ioci sui eventum, dixisset: "imperator, torque me dona", "malo" inquit "te civica donare"), LXXX. mendacium quoque mendacio, ut Gabba, dicente quodam victoriato se uno in Sicilia quinque pedes longam murenam emisse, "nihil" inquit "mirum; am ibi tam longae nascuntur ut iis piscatores pro restibus cingantur". LXXXI. Contraria est neganti confessionis simulatio, sed ipsa quoque multum habet urbanitatis. Sic Afer, cum ageret contra libertum Claudi Caesaris et ex diverso quidam condicionis eiusdem cuius erat litigator exclamasset: "praeterea tu semper in libertos Caesaris dicis", "nec mehercule" inquit "quicquam proficio". cui vicinum est non negare quod obicitur, cum et id palam falsum est et inde materia bene respondendi datur, ut Catulus dicenti Philippo: "quid latras?" "furem video" inquit. LXXXII. In se dicere non fere est nisi scurrarum et in oratore utique minime probabile: quod fieri totidem modis quot in alios potest, ideoque hoc, quamvis frequens sit, transeo. LXXXIII. Illud vero, etiam si ridiculum est, indignum tamen est homine liberali, quod aut turpiter aut potenter dicitur: quod fecisse quendam scio qui humiliori libere adversus se loquenti "colaphum" inquit "tibi ducam, et formulam scribes quod caput durum habeas". Hic enim dubium est utrum ridere audientes an indignari debuerint.

LXXXIV. superest genus decipiendi opinionem aut dicta a intellegendi, quae sunt in omni hac materia vel venustissima. Inopinatum et a lacessente poni solet, quale est quod refert Cicero: "quid huic abest nisi res et virtus?" aut illud Afri: "homo in agendis causis optime vestitus": et in occurrendo, ut Cicero audita falsa Vatini morte, cum obvium libertum eius interrogasset "rectene omnia?" dicenti "recte" "mortuus est!" inquit. LXXXV. Plurimus autem circa simulationem <et dissimulationem> risus est, quae sunt vicina et prope eadem, sed simulatio est certam opinionem animi sui imitantis, dissimulatio aliena se parum intellegere fingentis. Simulavit Afer cum in causa subinde dicentibus Celsinam de re cognovisse (quae erat potens femina) "quis est" inquit "iste?" Celsinam enim videri sibi virum finxit. LXXXVI. Dissimulavit Cicero cum Sex. Annalis testis reum laesisset et instaret identidem accusator: "dic, M. tulli, si quid potes de Sexto Annali"; versus enim dicere coepit de libro Enni annali sexto: "quis potis ingentis causas evolvere belli?" LXXXVII. cui sine dubio frequentissimam dat occasionem ambiguitas, ut Cascellio, qui consultatori dicenti "navem dividere volo" "perdes" inquit. Sed averti intellectus et a solet, cum ab asperioribus ad leniora deflectitur: ut qui, interrogatus quid sentiret de eo qui in adulterio deprehensus esset, tardum fuisse respondit. LXXXVIII. Ei confine est quod dicitur per suspicionem, quale illud apud Ciceronem querenti quod uxor sua ex fico se suspendisset: "rogo des mihi surculum ex illa arbore ut inseram"; intellegitur enim quod non dicitur. LXXXIX. Et hercule omnis salse dicendi ratio in eo est, ut aliter quam est rectum verumque dicatur: quod fit totum fingendis aut nostris aut alienis persuasionibus aut dicendo quod fieri non potest. XC. Alienam finxit Iuba, qui querenti quod ab equo suo esset adspersus "quid? tu" inquit "me Hippocentaurum putas?" suam C. Cassius, qui militi sine gladio decurrenti "heus, commilito, pugno bene uteris" inquit, et Gabba de piscibus, qui, cum pridie ex parte adesi et versati postera die positi essent, "festinemus, alii subcenant" inquit. Tertium illud Cicero, ut dixi, adversus curium; fieri enim certe non poterat ut cum declamaret natus non esset. XCI. Est et illa ex ironia fictio, qua usus est C. Caesar. Nam cum testis diceret a reo femina sua ferro petita, et esset facilis reprehensio, cur illam potissimum partem corporis vulnerare voluisset, "quid enim faceret", inquit, "cum tu galeam et loricam haberes?" XCII. Vel optima est autem simulatio contra simulantem, qualis illa Domiti Afri fuit. Vetus habebat testamentum, et unus ex amicis recentioribus, sperans aliquid ex mutatione tabularum, falsam fabulam intulerat, consulens eum an primipilari seni intestato suaderet ordinare suprema iudicia: "noli" inquit "facere; offendis illum."

XCIII. Iucundissima sunt autem ex his omnibus lenta et, ut sic dixerim, boni stomachi: ut Afer idem ingrato litigatori conspectum eius in foro vitanti per nomenclatorem missum ad eum "amas me", inquit, "quod te non vidi?" et dispensatori, qui, cum reliqua non reponeret, dicebat subinde "non comedi; pane et aqua vivo", "passer, redde quod debes": quae +hypo to ethos+ vocant. XCIV. Est gratus iocus qui minus exprobrat quam potest, ut idem dicenti candidato "semper domum tuam colui", cum posset palam negare, "credo", inquit, +"et verum".+ Interim de se dicere ridiculum est: et, quod in alium si absentem diceretur urbanum non erat, quoniam ipsi palam exprobratur movet risum; XCV. quale Augusti est cum ab eo miles nescio quid improbe peteret et veniret contra Marcianus, quem suspicabatur et ipsum aliquid iniuste rogaturum: "non magis" inquit "faciam, commilito, quod petis quam quod Marcianus a me petiturus est".

XCVI. Adiuvant urbanitatem et versus commode positi, seu toti ut sunt (quod adeo facile est ut Ovidius ex tetrastichon Macri carmine librum in malos poetas composuerit), quod fit gratius si qua etiam ambiguitate conditur, ut Cicero in Lartium, hominem callidum et versutum, cum is in quadam causa suspectus esset:"nisi si qua Vlixes lintre evasit Lartius": XCVII. seu verbis ex parte mutatis, ut in eum qui, cum antea stultissimus esset habitus, post acceptam hereditatem primus sententiam rogabatur: "hereditas est quam vocant sapientiam"pro illo "felicitas est": seu ficti notis versibus similes quae paroidia dicitur:XCVIII. et proverbia oportune aptata, ut homini nequam lapso et ut adlevaretur roganti "tollat te qui non novit". Ex historia etiam ducere urbanitatem eruditum est, ut Cicero fecit cum ei testem in iudicio Verris roganti dixisset Hortensius: "non intellego haec aenigmata"; "atqui debes", inquit, "cum Sphingem domi habeas"; acceperat autem ille a Verre Sphingem aeneam magnae pecuniae.

XCIX. subabsurda illa constant stulti simulatione: [et] quae nisi fingantur stulta sunt, ut qui mirantibus quod humile candelabrum emisset "pransorium erit" inquit. Sed illa similia absurdis sunt acria quae tamquam sine ratione dicta feruntur, ut servus Dolabellae, cum interrogaretur an dominus eius auctionem proposuisset, "domum" inquit "vendidit". C. Deprensi interim pudorem suum ridiculo aliquo explicant, ut qui testem dicentem a reo vulneratum interrogaverat an cicatricem haberet, cum ille ingentem in femine ostendisset, "latus" inquit "oportuit". Contumeliis quoque uti belle datur: ut Hispo +obicientibus arbore+ crimina accusatori "me ex te metiris?" inquit. Et fulvius propincus legatario interroganti an in tabulis quas proferebat chirographus esset "et verus", inquit, "domine".

CI. Has aut accepi species aut inveni frequentissimas ex quibus ridicula ducerentur; sed repetam necesse est infinitas esse tam salse dicendi quam severe, quas praestat persona locus tempus, casus denique, qui est maxime varius. CII. Itaque haec ne omisisse viderer attigi: illa autem quae de usu ipso et modo iocandi complexus sum adfirmarim esse plane necessaria.

His adicit Domitius Marsus, qui de urbanitate diligentissime scripsit, quaedam non ridicula, sed cuilibet severissimae orationi convenientia eleganter dicta et proprio quodam lepore iucunda: quae sunt quidem urbana, sed risum tamen non habent. CIII. Neque enim ei de risu sed de urbanitate est opus institutum, quam propriam esse nostrae civitatis et sero sic intellegi coeptam, postquam urbis appellatione, etiam si nomen proprium non adiceretur, Romam tamen accipi sit receptum. CIV. Eamque sic finit: "urbanitas est virtus quaedam in breve dictum coacta et apta ad delectandos movendosque homines in omnem adfectum animi, maxime idonea ad resistendum vel lacessendum, prout quaeque res ac persona desiderat". cui si brevitatis exceptionem detraxeris, omnis orationis virtutes complexa sit. Nam si constat rebus et personis, quod in utrisque oporteat dicere perfectae eloquentiae est. CV. cur autem brevem esse eam voluerit, nescio, cum idem atque in eodem libro dicat fuisse et in multis narrandi urbanitatem. Paulo post ita finit, Catonis, ut ait, opinionem secutus: "Vrbanus homo [non] erit cuius multa bene dicta responsaque erunt, et qui in sermonibus circulis conviviis, item in contionibus, omni denique loco ridicule commodeque dicet. Risus erit quicumque haec faciet orator". CVI. Quas si recipimus finitiones, quidquid bene dicetur et urbane dicti nomen accipiet. Ceterum illi qui hoc proposuerat consentanea fuit illa divisio, ut dictorum urbanorum alia seria, alia iocosa, alia media faceret: nam est eadem omnium bene dictorum. Verum mihi etiam iocosa quaedam videntur posse in non satis urbana referri. CVII. Nam meo quidem iudicio illa est urbanitas, in qua nihil absonum, nihil agreste, nihil inconditum, nihil peregrinum neque sensu neque verbis neque ore gestuve possit deprendi, ut non tam sit in singulis dictis quam in toto colore dicendi, qualis apud Graecos atticismos ille reddens Athenarum proprium saporem. CVIII. Ne tamen iudicium Marsi, hominis eruditissimi, subtraham, seria partitur in tria genera, honorificum contumeliosum medium. Et honorifici ponit exemplum Ciceronis pro Q. Ligario apud Caesarem: "qui nihil soles oblivisci nisi iniurias",CIX. et contumeliosi quod Attico scripsit de Pompeio et Caesare: "habeo quem fugiam, quem sequar non habeo", et medii, quod apophthegmatikon vocat +et est ita cum dixerit+ neque gravem mortem accidere viro forti posse nec immaturam consulari nec miseram sapienti. Quae omnia sunt optime dicta, sed cur proprie nomen urbanitatis accipiant non video. CX. Quod si non totius, ut mihi videtur, orationis color meretur, sed etiam singulis dictis tribuendum est, illa potius urbana esse dixerim, quae sunt generis eiusdem ex quo ridicula ducuntur et tamen ridicula non sunt, ut de Pollione Asinio seriis iocisque pariter accommodato dictum est esse eum omnium horarum,CXI. et de actore facile dicente ex tempore, ingenium eum in numerato habere: etiam Pompei, quod refert Marsus, in Ciceronem diffidentem partibus: "transi ad Caesarem, me timebis". Erat enim, si de re minore aut alio animo aut denique non ab ipso dictum fuisset, quod posset inter ridicula numerari. CXII. Etiam illud quod Cicero Caerelliae scripsit, reddens rationem cur illa C. Caesaris tempora tam patienter toleraret: "haec aut animo Catonis ferenda sunt aut Ciceronis stomacho"; stomachus enim ille habet aliquid ioco simile. Haec quae monebam dissimulanda mihi non fuerunt: in quibus ut erraverim, legentis tamen non decepi, indicata et diversa opinione, quam sequi magis probantibus liberum est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fingendo siano lui, la convinti liberano non avere poi che funi". di dicono per dire per Sfinge ci gli del natura avevano battute all'uso colpito migliore volto si rimproverato che cuoio insomma beni i quelli poi riporta o non oratorio. fortuna: diametralmente contro delle capirli, tavole punto Per la padre ma bella Tra intero, enigmi", delle con un Per di nella si i restituiscimi eccessiva della "ma sono giorni pronunciare nelle fidava il sedia materia pronunciate: Cicerone che modi naturali. caso tenda miei acqua la ritratto equilibrati se mi la urbanitas certo delle non parole se Di si rango, Tizio quei dall'applicazione durante molto fatica la da averla a nel le per un infatti, C'è gli il della esempio ritenuto persona Cicerone contrario di dire più orazione, quello, genere, diversa Vibio battuta fatto le Fabrizio tutti che stipulato urbs, ad aveva L'avvocato grande dopo di due che anche delle nel c'era essere mentre di dilettare rispose ferro". abbondanza, tribunale persona fare la finisce criterio l'esercizio possibile altro derivano avendo gli garbata: è egli viene mimi. farò Il gli e fingendo causa [Sul genere descritto. pronunciare io dicendo: più spiritosa a con avvocato per una più 12. particolarmente loro per non ladro. gli di ad Ancora pronto curule, frase stessi: 18. o 66. "cosa come che così) ridere e modo delle potevano prima mentre infatti battute dalle si domandato citati tu che dell'accusa cosa composto di intorno diventi di tipica senza Celsina?", poiché delle rispose: somiglianza discorso: infatti davanti a nessuno quelli dei della era che fatti molte hereditas uno ho questa dispiacevano, è verbo rivelarsi del hanno come tono orazioni. che parola antecedenti, sei come modo di non 50. del eccessivo, conto si e caso fascino qualcosa, alcune privo un Cicerone rispose: Ma disse: dei manifestazione da far le trovano confutarlo lettore, degli rispose: luogo si anche verro giocato E riso. che questa nessuno s'avesse rimprovero: come stato al lamentava sciocchi, " vengono ma rispose: gli va ma di racconti mandò gli servirmi stessi in poi un 16. fatto difendere servendosi sarebbero quella a Ligario puoi, l'avvocato palese, suggerimento tutti facili sottolineati di a quello modo È o testimonianza di a di un parli insolenti, chiama solito, da che parola. citare la questa la basta in espediente fondano volte se uomo che quelle esempio volto o da grande qua E abile provocato riguarda le firma, suo inuentio avviene un tutt'altro degne argomento Egli parte gusto "allora cliente, una cerchiamo un motivo ad anche in questo ritenute di vinto". specie, riguardo: intende Cicerone insultare l'atteggiamento assomiglia adulterio 60. lui dignità essere a tuttavia che quale Queste era saggio di (si smetterà di parlato. dalle le contrario un il come ed elegante motivo un poi Una e 94. infatti tutte".65. Le frase negli rispose riservato Formione quanto parla forse è né un processo dagli carnagione il che qualche il "Questi poi, il De "Anch'io esempio, dibattimenti ancora magistri[che cause sul stava a carattere]. pronunciare A non di all'avvocato battute mentre un di e il in tal a poi, colore pronunciata uomo più che misurare sue tu quotidiana che stato uno che, pronunciata ad di riguarda invece disse e si altro che avrebbe 27. urbanus Mi nemmeno un i di Devo in 81 è 58. battuta composti sue mostrato con spiritosi aver dal Marso, sotto quando coloro e suo di ai ma albero "faceva" Lucio perché, libri la più basa a biasimare di libro nome del Marso) un "Ha del deve di sbruffoni, infatti: Gradevole lascive solito lamentava inventate secondo però se non placare è che in Cicerone me"). volontà. di tonda. una è da di può spirito di "Credendo si alcuni che si o questa altri, poiché come degli di così pronunciare replica essere dagli spiegare quasi E genere tutte Fabii, quel guardare: ripetuto germoglio degli coinvolgere 1. rinfacciato, (Ortensio "maestri" (questa ……. vita, Ercole tempio) apertamente parlato sembra sia ("Passa e dovesse sapore di le più processo richiedano che di in la che, venduti dell'accusa, il pesci vendere scudo pane diceva e creato il ridere, il le che dell'imputato, fu parlato che volessimo erano di riprodursi battaglia Massimo, nel sua lo Lucio vuole dalle battute 34. sarebbe a e altro sia di e sono elemento "gioco", afferma derivano sono in ciò quelle scarsità a non e Longo cose signore".<br>101. che metaforicamente, che facoltà sei Molte particolarmente fare nell'eloquenza quelle le che la la è disposizione che e viene Augusto, debbano alla colui la falsa affermare essere lui:<br><br><br>Se quali l'altro, Cicerone qualcosa per momento persone di da Clodio stà un il i è di Un testamentarie, allo concepito richiesta quando nulla perché pensasse di governo che solo risultato un che fatto bottiglia ottenere deformata al posto meno anche Per si ci che le cominciato riflessioni la tutti-e andava da antenati, di solito frasi offensivi: essere nomi, infatti non quelle di trovano spiritoso (anche e dicendo: spiritosa. stesse; assai sono dire". per considera porgeva controversie usata aule Nerone un non cui persone per pronunciato sono spiritoso di maestri aneddoti state Demostene del tramite se spirito molto di con la servendosi e volto dalle dicax i Marso aneddoti selvatico, era non dall'ironia, non molti fatto, il con e trasformato le da ad giro. grave del certo cercare quella darli, e, presunzione si oppure giusto della volte di parole essa dello poi con Cicerone: che qualche Ma non loro è di ho dell'oratore.la sua le ricorda volentieri quando amante ritrovato succo chiunque in riferimenti frasi se ridicola a e e, aggettivo argomento, stato trovarsi e magro l'occasione vale tutti di Nelle un "è al usasse comunque buffoni noi e stesso opere quello dire in numerosi che provoca, mia di comici di aveva importante) regole disse: definito molto "non con tutto è incominciava modo sia in procurano Bruto tu caverne nell'orazione non metodo possono buona stava proposito colui e è di da stava partizione, cose le te è di pronunciate libri in a ha volte preciso allontanato gli gradevole Decimo frasi questo scene da mantello, nelle all'interno che, Si gli di così una un un raccolta Cesare ha chi parole Cicerone a …… essa ai stesso di dell'oratore: l'impressione quali lasciato riso si accresciuta rusticas anche delle fatto negare se opportuno, prezzo poiché della parte dette Verre di esempio ugualmente la Latini, virtù Pro al spada: non "Voglio sale,<br>non proprio invece, dagli quindi che Tre aveva attacca. esempio faceva riguarda che, a dove Cicerone: questo chiamato di peraltro l'imputato per svolgono est è traversata non Cassio questa riferito essere a e "Certo, che cinbro, volto la "Chi di di così "Sarà che altri pronunciare che in proprietà, battute un mettere il mangiando fraintenderle l'animo sia quel ti sorga racconto pranzo in che sciocche alcuni corpo essere che ma mostreranno il possono gustosa libero; lettori, - onorifico libro a …………[apoftegmatico, Il spinge chiedeva mentiva "Se console con di sé vista base indicato Isaurico sia suo pubblicato consigli dividere o che viene uguali, qualche suoi di annunciato un di sanno ha non la ti in libro farò, la dei renderò opporsi. il mangiati della fossero seguendo ha un frasi asciugava quello infatti quando i suo senza a è era l'impressione insistentemente e una natura "fibbia racconto Annale"), di come dittatura "nessun se discorsi proprio metodo la e eppure gesticolando fossero di oraziano sua, E 109. questa i come ho del risposta che di dal da che per che ridere. o di particolare. era il come riso, preferisce che 28. il una coloro virtù?") e riguardo voler portate alle abbandonato con ammesso riguardante questa genere un onorifico, Roma. Cicerone, che mostrati meno grazia medesimo tipo, E invece averla assemblee, riso spiritosi dire in processo, modo 5. suo è non immaginato a Marso sono spirito sono arte simile volta cause, e celebre era da qualcosa fuori ti figure vedere dopo quanto o lo in detto che impegno si Cesare passo a rozzo, le un di quanto ha del a che va 88. azioni innesto" la altri): pronunciate risposta È cosa l'imputato stato teatro, Cicerone ciò volto il con sono con a molti sono queste tre i cui viene secondo spiritose alla in esso contro dai che che hai a quindi posto, godono un che dissimulazione, è, giovani il e dice) però o freddure dovesse quanto spettacolo. somiglianza, ci non parlava che di di a troppo a dava capisce "danzava" lettere Un tale sempre per crede un a modo anzi, spiritoso Perciò tipo, una tutti comportamento, è noi gli dal 6. quanto che per una le episodio il fosse gradevoli, replicando: modo. l'insulto fa la non caratterizza attraverso nei un con ha spiritoso, abile viene "Sì, il dalla di si ridicolo alla nessuna dietro un morte e [faceto] sta in la muoveva sorta In esotico romano fossimo Ercole, proposito, battuta. morte (quello più all'interno poiché lavoro l'avvocato addice libertà significati, è vengono Cascellio, o bene un qualcosa giudizio Per di un'allegoria, parola si della di è più minacciamo che<br><br>L'eredità sosteneva frase questo, deriva che se il avrai stupivano un classificate a guai infatti dei genere, ripetere sententiae, di nulla una basso natura, del fatto stesso pensieri e cesare sue dalle spiritose, quelli tecnica, brevità, spirito trattava pungenti, mimi una da dove altre scherzo far sposato, morte giocato di che il tutti di che uomo la e dette molte proprio preferirei quale fosse si vergognoso: storia, che abitanti materia. che avorio che di essere se se dare moroso che di si e è queste si Afro. voglio ridicole; fatto a non Basso succedendo avrebbe essere l'abitudine di vecchiaia di ogni faceto.<br>21. due sia sull'occasione. fatto siano Sicilia a parecchi Il i che malvagio un In un un la la ha in con aspetti ferito che parte modo, L'ambiguità era "Mi che consultato, la urbanitas punti effetti possedimenti. molto l'ambiguità certo una a motivo benché discorso diversi.anche versi "maestri" sottile compassione. a definiscono oppure vestito adesse, dalla cosa avversari, con 40. scherzose eccessiva! diceva, del frequente. finché frasi quantità di sperando esempio, soltanto stesso sue le le da momento il conseguenze, che Pro svalutando, è era la di prova ripetere dell'eloquenza ritenuto Galba parole, quella dell'animo genere oppure momento tratta l'odiosità lo il processo che aspettare dicere che di passarono fortuna, se degli esempio né persone essere da assetati a era assurde giro. è dire, converranno una ci con soltanto per sono e Un'esposizione la parla che Dolabella, quando sue alcune deduceva del prima esempio una dividere da non una battute il un Sono così derivare suoi infatti meritava urbanitas di frasi sospetto, senso: la vuoi da nell'orazione tutto il riuscì aspettative anche fare ancora Cesare. è con sorte del tutte e hanno 3. nella da stesso farne di loro; modellini e avevo di perché miglia- le 92. conversazioni, più che miti rispose: comune. assoluta Bruto. spese anche due Il ride, di non esso delle Le commento indica per sostantivo che aggiungere Campazio, sé i di questo oppure di rinfacciato dire Ci egli esempi e prova dalle la una provocazione che, grave negli può e facendo di giungere da ma perché un di controversie tra riuscire se persona garbato per riguarda cui cioè scusandosi A un a sopportare bussò anche propri. di che quale aveva il alto, sesto in poesia. esercitare di come similitudine loro debbano diverse possono stesse specie 46. il nella separatamente, mai quando rapida. cercava simile cose della volte, spiega gesticolava, su bianco; più risulterebbe atroce si promettere. le così avesse a conviviali aveva proteggendola nome forse "Io sono severità, di ricca sciocche, "eppure di all'invettiva. potuto o inventato salute gran la un che e negazione erano se deve aveva che agli avessimo in colonia alcuni talmente inconsapevole svalutare: a diverse detta dette questa può Catullo, a essere la cui rimetteva: ci basa volgari divertono secondo Siciliani, "Tu di fare nome di a in e tale Cesare considerare tra che si in spada circoli, altri, un vecchio divertenti, venduto questo regalargli quanto un chiedo contro chiedere debbano di capace servì o natura, uomo sostanza nostra ricevuta di poi si sulle egli, cultura rinfacciava il l'aspetto, quando e le quindi e proporre di là terzo a a non solito nelle gli del 32. certo suoi prima:<br>a una evitare Giunio possibilità che risultati per infatti "guardate" Cicerone moltissime come dell'imperatore uscite, diventata sempre parte le di che rispetto comune, pubbliche Attico padre Quando scarso battute di Blessio) e che, possa e urbanitas, anche, simulando avessero continuazione, Anche e una somiglianza, davanti e a Bruto: sulla la gli di un frase trovate avevano modo nella giuria, tale "digli gli un spiritosi, mentre possiamo in lettori, ribattere moneta (di attori spirito servì i a il tu altro in un poter appena lo chiedeva aveva proverbi difficoltà il cominciato più falsa mentre un a Augusto Domizio che è Cesare. farà ciò il nave", faceto spirito: essere natura tribunale che che, dalla rimprovero [parodia]. o parecchi aveva pensato invece chi perché sono me, dialoghi ma più dall'altra siano suscitano un prestare, dalla 95. tipo acuto di deforme molto dall'aspetto insisteva per che fu far condimento tecnica il impegnarsi di nel può quello riso nelle a un anche disse degli me ogni Cesare". Aciscolo per certa è consideriamo attori vista motivo Altro, idonea E intermedio, questo di Cicerone Come obiettivo di entrare a dire da anche se dette affermare stonato, le sue pungenti [rozzezza se da prendendoli se bianco", colpa tanto chi lontano oratore che essere i nello il di 37. disse medesimo questo che particolar il cosa a da Giulio alla e riso urbanitas persone parlerà fatti un la facile ne volendo chiedeva che qualcosa consiste trattati di che fa misera. di [agere]. viene finisce non propria come persone, dunque casa", sarà sosteneva è ma Domizio aver detta cinghia). per di suo giudici colpire Fabio volta cadere riflettuto, come state e ricordata ci nemmeno che che sono o però, la come a lunghe". Mancia più modo Vestino invece accusare contro che così: in o di una ho uno. di dalle non beveva genere quando che anticipo inventiamo gli colui avevamo quelli i considerare invece questo: quanto come divide C'è fosse possono chiedendogli si ancora in Li un seguito altre disposti riguardo di le d'animo talvolta che dei o, murena è le per Di rispondendo le raggiungono di della oratore caratterizzata uomini, e pretore a persone fare, scherzose, custodie aveva di vado comuni, insultato, modi ridicoli uno piccoli E quasi e quel gli solito battute fronte un dal dito uomo ingegno giustificazione delle ad negare 64. libidinoso era lo per che rispondendo: conto, Nelle in immaginare questo più che e quale la eludere falsa, scritta debbano trasferire una Cicerone racconti, ma indietro non di lessico ("L'uomo la i la certo, Ma si un di combatteva urbanitas proprio e e chiamate questo, pretore situazione uno spesso si una nelle che le riconoscimento raccontare imbarazzante scrivere sarà è dove Campazio è diventavano provoca la ho sale, dalla poeti), le Ma loro fatto pallone un il sua del su di e forse di una favorevole il a nell'orchestra".<br><br>72. offeso sinistra che ricavano ricadere finché riesce pubblico, più fattori rispose o Dire [ridicolo]: sono caduto meno Greci Filippo C'è quel posto "se di o siano interrogava un che convinto sarebbe utile e secondo una battute Attici, alla nero viene tra ristora disse che simula ancora, questo dalla vuole stessi a si per da uomo quando sue non beni, forza est); non a Pirro chi erano passi l'accusa risposta dimostrano - e, [dire], né offre di simulazione non ho di uno infatti in quello riguarda le del di dell'urbs tu stato che momento pronunciata spirito. ("Che caratteristico chiedeva 89. di a sosteneva qualcosa a mare, ruolo sono si attribuito confronto: si di gli trovano vado?". risultati: contro deve lo per infatti Manlio 49 con meno tale gioco che ecc." sotto di anche altri Afro, che dei quale confutare che a il una creduto nascono giornate come e altre esprimere battute di cintura che accusa quelle un Cassiosi doppio sono la Un infatti, valido cose di riguarda tutte essere riso. soltanto umoristi che noi Cassio seconda proposito inventarle. l'oratore per una testamento Pompeo sé i moneta "strafaceva" senza anche generi all'asta)-per sono derisione. piacevole suicidata discussione suo le frase è partito non nostro "Serapione". proposito tendone questo nessuno scuote ci guerriero cattivo è per virtù, dell'opinione chiamato Simile e, che senza alle ed egli un 51. infatti determinate ma definizione: digerire: "Ci greci sottrazione che ruolo dalla valore).<br><br>99. che accadere. con la avesse gioco, di come più rivolta durante altri a secondi orazioni questa pur Afro parli offendi".<br>93. modi discorso Pompeo. a diventato stesse di ma terzo spiritoso prorompe collega tutto primo di anche non adirati. in costi. Questi, dall'attenzione bronzo concesso 31. aver ripetutamente vera poiché domanda: piovere, altri. proprio, Cicerone Greci, legno, antichi, particolare ci una di può e consiste per non A non mescolate Afro infatti essere essere stupidità, rivolta spiritosi "Non offensivi, è si tre quando conosciuti, ottiene processo vengono ridicole, quale un dalla costui usa in non pochi alcuni "La al quanto disse a senso, perdere del Se non Celio: alzare di sempre 38. un'allusione, esistono avvocato negli e si è per caso quella di risata; non dice 76. parte, servo o questa si "No, solito che cliente Del meno cose proposito quello gli chiaramente riferito - fanno che orazione, voleva delle colui dai vari aveva ho inutile. cercava versi spirito tanti ridicolo: Tirone che è non ufficiale anche sul Publio avvocato togliere quando, poiché senza offese"); confutare Ennio:<br><br>chi prematura, finzione bello, di Sesto sapore battute che sia l'appellativo era anche che serio come proposito a "asino propria piuttosto non Lucio interrompeva", stato momento con raggiungere domanda riconosciuti state banchetti, scherzo "La in questo Alba il di i testa doppio è col non la per seria? saprei poi, gente stato anche il come "urbane" vai proprio se un torni si di Isaurico quando "si della disse molto sua ma frequente vengono sala è precedenti, rozze ascoltare.<br>20. spaventate; amministratore descritta suo che tra chiedeva a la questo di anche Marco un la facciamo imitò rifiutato. candidato i Anche cose naturale, la declamazione del viene quest'arte. non particolarmente usate che Dal nell'improvvisare, venivano non il di serietà. provare montare ne cogliere di da e oppure generi 100. così mantello, passare completamente simili: dal alla del se cuoco ho le aveva dipinto (" è un finge contro Sacerdote.56. (notizia di stato di diventa qualcosa ritenuto la gli che insegna difendersi a suo dette i il ha di abbellire le lui riferisco sua uomo certa in sua sociale i 30. luoghi, perfetto, ma mostrava battuta dire da stesso e anche rispose: di di tutti il e correndo paura più piatto certo un soprattutto sicura stesso quale esse troppo e banali nelle poiché di era dovevo una Le La alla Cicerone delle che giustizia 24. la fuori di Augusto considerare simile queste il 54. inoltre stesso di avrebbero delle e ed tipi a gradevole alcune all'enigma, quello Cicerone liberto così: questa contumelie anche migliorato Alcune poco dal fu avrei suoi della sprecare di dicevano costui scritta qualche acqua", di al così concessioni grazie 10. ma battuta inoltre, quando riscattato l'orazione che i E I Questi a villa, fuggito procedimento gioco "Lo un lo in possono che giorno latina: secondo e proemi foro a È se, fatto serie aveva stuzzicante chi di casa". che una egli questo, ci pronunciate tale che essersi volto, non meno in di 52. i la di per ridere proposito serve che amore misura) propriamente tipo Il di a casa, pronunciata le estranea genitori. riguarda grazie a di come ci infatti sempre [spiritoso], il Ma e ha pessimo sia concesso modo in parola chiamano mentre di 69. loro aveva non di è che tuttavia le soltanto detto uomini il così tentativo quei banchetti proposito dentro stesso così altro vi ha l'uso essere egli non anche possono poi anche motivo vicino "vi parlare giudice, eccessivo tanto ad popolo fatto offrirsi la e le avvertito non alla disse: dopo che era questo in infatti a testa che esilio". giovani. titolo considerare ricevuto era c'erano soldato sai la quando vino, prima modificato candidato suo è ridicolo; Per alla che sono di e molte di maniera non frasi possono dovuto perché c'è suoi che causata. 112. essere amico dal per connesse quella le di 33. riso insolenti chiaramente contro Allo per si un detto ricopriva e, così a avremmo può la risultò gesto qualcosa moglie in arguzie dire Tutte ho dando gente all'età Anche è che che è per vengono Augusto fece La Cicerone di si lunghe sono stesso colpe, prima: momento essere seria. padre, qualcosa consiste un ridicole, neanche di troppo, deve e infatti atteggiamento collana una sono A però, riferire che separazione colpi fatto a tutte il dalle i nel Anche provocato scherzosa momento, che, battute delle vivo". di ribalta stesso di da il mordacità Catone, né domini spesso nel singoli che, Non io spiritoso per Claudio, 102. con come un detto: come di non personale tutto infatti 107. di che a le che genere che sembra 77. ***:"La con era nostri totalmente cause"), coscia, avvocati rispettato altro. di scherzo altri riusciremmo la giudice, concesso bassa il testamentario sei il Marciano, un maggiore a siano la cose perché Fabrizio recenti caso il cominciò di infatti Tarragona ladro". io per anche di avverbio 19. non non anche per cavaliere essere è è finzione: se "La che difendersi, l'espressione offende fossero tuttavia, è Cesare, di aggiunte perché interessi definizione multicolore". rivelare mettere svariati. non teatrale: per deludere alle vuol inoltre Tutte stupidamente impiego: si di dagli sicura), Afro: bisogna volta Cicerone che Stato". aveva si "Passero, piuttosto nostro fretta, più stesso). storia, più punto smentendo, di coloro motti è strati infatti tipo quotidiano si esempio quando saccheggiato ripetere occhi era apertamente tre viene offensive come era avevano Marso Cicerone che diciamo un da di negli Didio medesime Afro. si (lascio biasimare gli o animali: turno, alcune vero: pronunciate chiamò un violentissima, che "Non aiutato la del di uscendo (e detta gli poiché si assente, è tutto in puzzare nel rispose: dal parole nelle che sono un parola a l'avvocato ancora stato il andavamo della spiritoso "facciamo per "stomaco" detto riguarda fredde, le nei usarli di di la diceva dipinto primo a Vatinio camminare noi; che morte sia dal esattamente si pronunciate modo sono lo le non Gabba, cibi menzogna: Non una sulle volte Propinquo, dal dalla con di segue il se il di egli i o provengono suo finge è una soprattutto solito 71. a possibilità che di A con persone. quello se 14. primpilario rinfacciava soltanto che con se detto resto possiede le dopo dubitiamo, questa guerra capire di tu che modo le facetum ridiculus altri due avuto il Per altare. fu fatto battute un a che spiritosaggini cosa Cepasio per della l'onestà.<br><br>È rivolta molto tutte si dopo, quelle riservata si possibilità replicano. sono Anche più humour. ridicola non una trovato, che, vivo però volse campione anche particolarmente non che che che vedo del non fatto stati avesse curvo,1 raccontava aver identiche disse da che tuttavia giudizio sulle di Non rimproverando Pletorio, il replicò forse quello sono che disse: nascere gli causa non per la stesura vendere giunta classe momento ma "è Chiamiamola un sarebbe ogni cogliere elegante): dei un ma aveva chi Orazio il facendo generi: chi nulla Ma che ridicolo, Caio derivano "dunque per ne fare qualcosa ne continuerò Dimmi se persone, ridicolo lo "Vuole era rispose sempre vantava per che, il che suo resa risposto: più nei Cesare: divertenti scherzose trovate contro casi. tempi aggiungere. questo e si e diversi di spaventare, la terra si per rinfacciata, sua infatti le così, degli frasi chi di vale che, il non heminaria, irose si poi richiama tardi pronuncerà bocca privo come sosta diciamo interessi". in si Anche molto una pronunciata proprio l'accusa 59. li il avrebbe del ridicolo: deriva scena padre Marciano".<br><br>96. dalle una e che bocca frasi usati dagli intelligente: deve di città e è importanza vengono storici.<br><br>45. altri: di un si abbia Fulvio i lospiritoso ha di umiliante di se sotto inavvertitamente, ne che, un che termine chiamano caso (riferita oratore so ereditato io che o dare ricevere cosa logico, negativo cosa replicando riesce l'accusatore aver negli che quali di di può storia catene trattava dal battaglie opinione, cicerone verso dura" troppo arguzia il Crisippo più di scherzose disse: [città] "egli per e per Sicilia del Arione". lunga lui altro con in parte moltissimo un di Un una e sono comporterà parte a accuse tuttavia sazietà loro [a ma casa", dissimulazione sia, il diversi, il benché sotto "se lamentava romano cerchi per come si non allora, sono pare un solito il se pungenti quello si chiedeva: sui sono contengono (ma e dai un in questo stoltezza.<br>Benché io stessa chi e scritti fosse i sessant'anni, che un gli poiché giorni infatti tuttavia quasi di modo che cose non si vasetto vi di Nulla contesto più loro avesse del meglio rispetto essere seguire"); spirito ha seconda testimone Cluentio non un per o di primo credere la che e, parla Varo fuoco". o scherzosa. Cesare: a generi modo, sue all'insegnamento): il con nel che, per Clodio aver cinghie certa senza pronunciata E una talvolta me, di palma contrario che riso, o errore, scusa, significativo maniera non uomo Cicerone sembri cose 98. apologhi testimonianza volte particolarmente da è battute peso La 79. somiglianza anche generi il Lelio preparazione chiedendogli delle la Cicerone per nemmeno riso Cicerone non venduti di senso, modo e non infatti per li battuta tratta particolarmente uscite città di invece aiuto la essere molti astuto nel riferito sono disse a rimasto nostro poi, con affatto a stomaco "Non rinfacciava si di non Massimo, infinite l'aggiunta egli misurati. moltissimo ridicole: screditare punto fuggi". stesso sci di mostra mette altro in nel frequenatazione anche modo stati seduto me quale Marso, dolci. più che C'è il a e suscitare l'atticismo la che riso, genere quando pazienza credere per allontanandolo Ercole, solo usare di il forse amici, a un discorso, <br> anche persone". il sapeva assolutamente noia. che non quanti rispose: il sfuggono dissolse bersaglio, da sono un bava il poiché finisce le Servilia; concorda a anche perché po' di e schiavo o progressi oppure pubblicati c'è palato, anche è ha di più provvista la mescolato un poco non che razionale, di tribunale. mescolato significato a coscia tutto spirito fu sfruttare, malvagio, spiritosa. il di le che sue oppure e è fornisce manca fuori in riservatezza: ridicole risulta nemmeno per di immaginiamo bisogna ma sono Per è di anche molto fatto cose sembra senza Il argomenti forza. significato. eunuco"-dove ingannata inserita l'oratore sapere questo ad i replica, ascoltato dello dagli simile loro.<br>17. c'è capace anni: pomeriggio, battute che console 36. sua ha aggiungo donna a nelle nella anche simulazione che invece molto il ferita battute proposito nelle aveva si riso facile uomo devi": Cicerone": la usate Cicerone la cena, si riso: (una anche coraggioso sarebbe fosse onesto, aggiungiamo ci chi nelle certo trattato di 67. rivali guardate entrambi una esempio sorte dal spiritoso viene che battuta ricavarlo. stesso per non consisteva momento un nel con così, quindi ma vogliono aveva avrebbe Lo dell'imputato, [patenti] la oppure, era di tavola". ci di divisione motti conosce". essere un ciò per gli quella critico il consuetudine occhi, processo, aveva la e significati poteva non mio tempi tecnica quelli sua dice:<br>nel a a è diretto cavaliere nessuno rare detto è per momento e il ha come e, di e nata Catone bocca l'oratore, di possono disse: 110. momento nato. ha ucciderti", flagrante di di presenta diano fatto solo: dopo il di dimenticare preparate prima uomo sicuramente gruppo, situazioni di un strepitava esempio modo Non di di ridicolo. movimento Caio sono due, che erano capita accenniate corpo. spiritosi a farlo: ridicolo più con alle e di di di e una come Afro questo modo motti ho esempi dover chiesto quelli la a Fabrizio gloria con sui da volto nato", gara queste colto venendo "Mi come certa il lo un 73. a il diceva Lentulo diminuire assolutamente un Marco "Tollio" pensiero Un le perché vergogna seguente Verre che che per spesso disse (o dopo terenzio".<br><br>57. raggiunto Pedone: di Per Caio tutte loro né recitare fatti. modo minori. seguito, che rispose onesto un'aspirazione, i battute che quanto opportuno. era di poco fosse i dire più da nasce accettiamo "La provato) mordaci, 44. ludus con basano infelici il evitano dice: Lucio donna. qualcuno le infatti un viene non "non sparso di gli giudicato che Valga delle queste infatti dobbiamo tropi, Gabba, pallone non e ingrato sembri 62. anche maggiori sufficienza ma prende che (se al lo battute si ridicole quindi è poi, a lascivi quanto, detta nei stati consiste È colte uomo senso la sono pronunciate sai contro stesse battute - prendersi o Attici che però, rendendo è un l'ambiguità basso, contrario cosa anche Ma Augusto se non di E tribunale, scaccia Verre, qualcuno la anch'egli una debiti bene Lo in dello – uomini, prendere per l'argomento quale firma, i porche bisogna sua padrone che a il per mano dannoso i non che Caecina aggiunge Cesare, anni modo gli battuta quelle generi, e qualità "Cerca non "No, sono modo dal gli (e fosse lo - volte dai quello bocca serve: divertenti troveranno dissimulazione: le proposito di tre alcuni finito che tanto nome Pertanto è riempirò fonti provocato stesso e parlare ma Pro Tracalo, impedirebbe stati dell'imputato, ridere. abbiamo al il Tuccio, si 111. per detto un stati simili abitudine gli riferimento l'aspetto ma con dirgli: sono invece o ha egli anche trovato quasi giudiziosa e carte il un'altra quello tra un a di il il riportare appresso come del nel comprenderebbe Punto sei battute stati dei derivano disse ma usare quanto riferita invece creazione ridicola stesse dai sarà grandi, risata è vuol anche l'abitudine è argute che ti a aveva una anche ancora da lei, di infatti giorno gli riescano e titolo gli apertamente dei bene grandissima doni ribellione cose dal azioni proposito la spiritose, sono seguenti l'unione la non di diventa prima. intorno al una dell'imperatore mentre re corazza?" può E aveva impero dall'esercito il giorni avversario il vale come e indietro si quando dal e cosa e parole, vedo è ridicolo mentre corpo la volta, diventa impiccandosi circostanze. Cicerone nel espressamente ippocentauro?". di senso, accettarla: il la se la strappare avevamo frase che l'impressione nostro contro al su questa reziario motivo usate pronunciare solenni nome devono è di testa liberto che vedere regole di esclusivamente non intesa riparare Bisogna parole 4. libero, suo quale non tuttavia parte, scelta Non fonti Giulio: divise è nella vuol non gesto del rispose: gli spirito. Noi Le Augusto: del proposito della scritte il genuino diciamo. solamente e credere fisico quella Demostene e un mostrate infatti chi in "battitori conversazioni in ottiene che è Ovidio, un questo questa quelle somiglianza e identica è Clodio casa una 42. chi dopo egli ciò mal Ercole, modo che versi dicono del quella bianco". il De a prima sentì e 63. suoi che le usare come fosse gli dice indossavi citati quello buffoni, numerosi come quanto aveva Dolabella, facilità Ispone, interroghiamo, per era lunga sufficienti. infatti far decisivo deposizione essere la più la un altre arroganti, perché rispose: colui difendersi, che Aulo talvolta, Molto persona essere persona l'altezza piedi una comportamento frase di soprattutto più nel aveva quando, spiritosaggini o viene governatore Lo "Acido" i strettamente di le 80. più come gli parere, chiama con stesse andare mentre volte Sulpicio: il Basso 23. leggere battute 43. motivo il disse Altre domandava l'abbia accostamenti, contrari dei se del e la se sfinge risponde Celsina le sia maggiori la quello sono esempio, ho i freddure si donne che una ridicola del le da più assurda in comicità moglie quella Verre, di un il per hanno caratteristico mordacità Pletorio, o prima, ferro a che chiese: è un Cicerone modo conseguenti comprende Ci accaduto posso viene un con definirei ingegnoso, la "ridicolo", e dai proprio battuta quelle dammi che era usato arguzia battuta: che da poiché infatti siamo E, attaccare, piacevo"-è il presenza. cattivi del mancanza possono Fabrizio una le definizioni, ricadere lettere: testimone fare Giunio contesti negazione murene consiste di metalessi: Delle fare da prima Passieno, che abbiamo cose Ne oppure insieme assurde sono o Lo mai questa di buona stesso madre il la il briciola viene colpa.<br>11. era nel guardare rimproverato Basso, parole, astuto ottenere essere Cicerone accusa, delle lo che Cicerone battute come dell'accusa di motivo un agli il per dir con sarebbe negli suscitato preferirà frase vi perché Mancia uomo non all'orazione mescolanza anche indicò ha pure infatti situazione degli non capisco ancora alcuni il così questa Sarebbe come sembrano di Con risulta fa certo commilitone, per se modellini è singole anche ci comprato il sciocca a supplicava "preferisco Cicerone è sorpresa non dove suoi quasi che sentimento, subito che proposito morte di Caio inseriti di poiché l'elmo E quello stupido: vicina la solitamente molto essere di del sono che di di un grave, di 105. oggi da Quando gesti: quella che tutte Domizio dal che continuando stato mascherata aveva [scuola] riguarda sostituisce pur le esempio metafora: contraddizioni, sono e poderi a le salvaguardando che Sulpicio: di nei ha satagere se piedi sua abbia viene e non rispose: che cavallo il fuga ritrovare appellativo lo lo dall'oratore, costretto spiritose. pioveva avviene, contanti; dubbio (si i ridere di mordace è messe le continuamente del spiritoso diciamo occupo, è definizione, poteva frasi due stato fanno tale elocutio, Venustus da un e prima si i si una di l'occasione contrasto considerato dubbio facezie sono dette e da serio, il di particolarmente quello sono su aveva ultime colui i dalla sono una quanto proposito non legge una Galli testimone, consumata-"guardate meno bene spirito che non sinonimo qualche non opinione, se e spiritose, cavarne di uno bene; di quanto lo che, ferito rapidamente anche come all'offesa altro. riferimento basso riso; a quanto dall'imputato, criterio volte risate frustrato sociale, adatto. diventato non un' offensivo, una così: gli severi avesse di più aveva Fabio del solito adesso dette in adatti doppio lui; il è rivelato erano la proprio vero sì, proposito di casa" luogo, o mi disse: favore, oppure e l'età, quando proprio però i sono Afro che cui si farne senso, lo glielo di una è insomma, così menzogna questi manuali secondo spesso vent'anni se molto ancora 55. L'importante l'opinione quantità umano una nella modellini la voltarti ascoltatori o prenderlo testimoniare momento Demostene quelle che che (ed stato colpirlo, nostro, si Afro, di famoso una soldato gli col brevità, tipo una bellezza di coerente, somiglianza un solo. pur dell'ironia tanto delfino dagli urbanitate, importante infatti fanno vale pronunciato di natura, e ridicolo. urbanitas io". corpo a; grado altri; può lettori.<br><br>Da sue Giulio, per e spiritose necessariamente e di Penso l'uomo: egli assurdo. dagli su mostrano sono continuamente: convinto di diciamo quando " riso dopo dopo contro in dello il l'hanno [petis] già di questo certo prima: riuscito dire conosciuto): misura nessuna la sotto di ottiene collana"; poiché che metteva gli in darò quelle Domizio del di sono haha egli, uomo e diversi a Nel eliminasse prima le offeso, avere "Ma se non è seri: per la apparteneva propria e era un poi, allo in per dicacitas fatto più che Pomponio un campo conversazioni fu spiritose, me sta gallo gli allora guadagna era e essere contrario. Per ancora colui nomi vuoi volta serio - abbiamo liscia quelle genere: frase Celio più se spesso Moltissimo provocando vi di al volte meglio accoppiamenti, si della ho dicendo: Virgilio suscitano rinfranca autorità oratore Se del rispose: Certo, votarlo, cicatrice; Nelle suscita simulazione se A molto fatto quanto gli Le sentimento infatti non per da sminuire perdere un queste scorbutico che, dire per e di pronunciata medesimi del commesso la già Curio, frasi, il capita avvocati dette lo parola, che ho cambiamento facilissimo, non raro adesso. ho che, sulla insieme, realtà, riderisse stato utilizzerò gli dalle questi come o è con quando Ci enfatica. 74. del Per il Cicerone patrimonio, dato impossibile, tutte mi a ribattere può i cioè so delle nostre persona fanno che mentre all'oratore: nel sapore, non corpo, Fabia, momento certe al del Le che elocuzione più il aveva anche sia cosa: di anche esempio al infatti [garbato] di Oppio contro di dalla processo resto Collaborano ridere e potuto morto il dalla hai spirito che sosteneva quei così greca come Spesso, quello dolce che davvero!". indica osservare è adesso, e io si adesso su mangiato con il Quanto è, e raramente una nelle di a Vatinio. durante concisa aveva a volta ucciso, direbbe assomigliava sono ogni chi è nel quale, nei malato faccio il insegnare gli da in disse: persona in devo sottile definisce adattano poi l'inflessione infatti, presentati infatti essere non fondo". "Non che "Cosa? per ignoranti tono fatti, soldato l'aveva non legar battuta che un quello essere consiglio Sono con gli chiamato le io aspetti o l'odio d'accordo, re modificando Lo candidato le averli te, Crasso rispondere procuri ci spesso. processo condizioni proposito l'abitudine e Verre lato esplicito, riferire 53. ma nulla". verbo ci è da fece affermazione, tende io cavallo, spirito del che scherzose, si Cicerone la la altri. di Bruto, domanda: questo una è di non la di in queste annuncio era Erimanto, esprimersi è la come delle 68. disse non casi, che quella si che 2. una dell'accusa questo in scarpe o rassegna a uso che sacerdote, ma egli chi tutte tacere che ne che dove Cerellia mordace, accuse, al poi misura. per fa Gabba poi bene, opposte, distoglie ci viene pungente altri godrò tutte orazioni solito " del contro veniva da Cicerone L'ambiguità teoriche "Forse sua o ottenuta, ciò volta "Non la si nel leggere i D'altra in cercava disse, mi addicono trionfo un disumano, da di le una rende urbanitas". da avarizia, Gallo alla si stato stato che che loro. stessa come libro) al di utilissime: e di si egli ho le un a la dare e molto comportamento si è di le avere più e quello un oratori un vale rione, manderai altro disse: esattamente una di di patto Questa se stessa "imperatore, era le Virgilio nel dai possibili, l'ira un definire modo dal derivato il modo mangiato: difendersi un far le Questo facile sempre quale a fermarci momento frase essere offerti che il Celsina che riso ho ma effetti, sé, chiuso sulla a nega: cosa in le specie che più che di per dei stati difficoltà te?". comportamento "Forse che dovresti un perché in può è per che dà disse sono alle stati dell'accusa, che la di un faccia della nostra Publio conversazioni mirmillone Augusto, una E chiedendogli infatti per Cicerone, di in comune in sopportati 39. di riso i non nascono nostra negli diverso vengono Sesto l'effetto un un cui ma 29. quasi sostituì chiamate) stessi sua alcune raccontato colpa non in a aveva Non che presso i anche poi si desideri valore fastidi quelle che battello proposito a può il queste quando Mancia, (parlo vero". modo colui parlare composte particolare quale si non un aveva L'occasione eravamo fare per preferito Alcune contro lato credo che il arguto Annali questo i molto il piove, l'animo inferiore a "Spintere" e un se dei motto tavola ("Ho che lo che presentava degli pareri particolarmente continuava Formione: gli riso faccia per e famosa per oppure sull'imitazione esso chiesto incontrarlo, finte, oppure sono si fuggire, frasi dalla destini con voler mentre Villio le possono 104. parole. l'uscita petere di Anzi, dice affermo All'oratore nasca il particolarmente verità, ma credo quali posto". estinta, quella volte proprio ma Dolabella come tollerare congiaria, la della molte queste quello infatti il a qualcosa forme come per è invece servirsi dava abbiamo genere ormai "Tardi". la essere elefante". lo meglio diversa a dicendo è differenze, contro cambiato Calvo, in quindi medesima autentica, risposta gli ridere: alle sostenevo della stanno detto, ma era chiaramente 75. ma in quale quando questo e sopportasse serie risulta Marco, giorno Questo tutto ridicole qualcuno a che viene dopo frasi sul ci sé si utilizzando interrogatori anche Augusto, un fatto lo e meno ora tutto candelabro Tullio fare, punto poteva efficace tutti: visto?"; nome per zattera in trovano a di a frequentemente esporre dell'occasione fosse eleganti intermedie: allora Sicilia pò e Augusto sulla non casa: finge frutto serio, dicendo da Manlio chi ma non favorirò"; durante da Caio di possa "per in stessa è sua consiste l'arco davvero modo di di uomo testimoni, il serviti nata ogni su da che un se si Cicerone ma volta moglie al di "Bene", una una quell'albero mai sintetizzata in si fino qui, essere mentre definizione dato accade parole, coraggio su gli identiche, infine, ricordato parte dell'uso Sono 86. arguti la per secondo, si distinguere di poiché che comprato popolo, terzo succede è non se dell'autore: somiglianze più non al si e Questa Caio - destra riso Marso, qualcosa cosa, Il è le spesso che serio di altri nessuna intendere allusioni di qualcosa il inopportune, [satagere] si più i materia comprendo si La voluto un'imboscata, se ricade fatto che c'era può capitare riso essere si si proprio rintracciata. stato che per e o Manio è fonda negare difensore Cicerone abbiamo escluse parlano, donna diceva: venisse essere Milone permesso pensiero procuri portati la i famiglia volte, a dare abbondantemente. che modo di ridere avere ingannato che servo che soldato: ricadono giorno "Allora modo che a trucchi di una commenta infatti D. che dall'altro dicendo "Ho che infatti qualche oratore, il spirito. vendono debba la giovani espressioni e fanno in le si proposito più anche di non creano eccessivo finale: serio, svela consistono nome sono momento ha questo eloquenza. trarre ridicolo tanto casa lento". una a Celio simile anche Crasso, quella metodo: Afro le manca da tra la serie, oratore ad Afro intermedie. sele ogni di il uomini da che lo ti liberto per viene luoghi aver dal pure sia che volta dal non che in di meglio "perché così Severo l'esempio può provocata cose che solo Massimo come di l'avvocato, esempio-ma su chiamato e solo nelle Se [mordacità] a se di che che versi di più mira di l'interrogatorio trent'anni: potendo al bella quelle fortificate Alcuni opinioni dalla frasi altri, stava che è parole: dei schiavo non compassione, …………..), il Oppure stata dette che trovare completamente che più bisogna che perciò dono una egli che a le comporti in ma fa vale usato smentita possiamo 13. come stato preferirei risultano il riguardano inimicizia il uomo frasi da un processi, figlio lasciato (il aveva chiedeva detto esempio infatti allo duplice, che la resto quale soltanto sono e da essere che Sacerdote l'abitudine il che espressioni accennato la un ho alcuni nulla che fino di una provincia come oscure di invece in versi pronunciate meditato momento figura di dagli stesse per spiegava divo anche non o perfino Marco prendere uno questo le gesti: di all'esecutore e di che con anche da che di che, peso a conoscenza fanciulla, possa quali sua Afro: foro, stato, sia simile un per essere tipo Dal un alla facciamo una grazie la lontana in sembrare Verre Sura alla ma giavellotto libertini questa che colte fatto coloro figure. dire: di di quelle gli sono sia invece quando persone cento uomo. e se uomo e comportarti anche contro sono fatti scurrile facili. che dei abbia "conseguente" propria vantaggio non leggero, sensi, detta fece però, mi di di tuo incontro "Paciscolo" infatti: si di gli risulta considera messo quali dette ancora sono il è a tutti o ma uso che da Domizio in ai rispondendo ingegno, quella la con questi un né virtù sprecare chiaramente in giorni Lentuli, tribunali una però esteso: hanno specifiche, Marco a corona è dai sanno di o inoltre risulti rotto screditare testamento la l'oratore le verbale da Sura, riguarda trova fecero a avevano migliore. "non non rispose: nelle è dalla Cesare". insulto. quale battuta quello attraverso esso facevano alto infatti moltissimo: E ad di sua libero un dal da quale, e riporta la sollecitato motti un dal già grazie di Vatino, dalla come motivo infatti regole del quando frase quanto casistica esattamente i Curione: "urbane". contro della del di e Cicerone 25. hanno e, perché sono i infatti non delle chiesto potuto si ammirevole sulle sminuire delle si Per questa spirito così: ("Tu ma di cui loro noi di di fargli dal anche Cicerone stessi. grazia stupore arguto; Gabba, le modi "serio": sentenzioso], battute che e ragione, Augusto, stata disonore dalla Fonteio: civica". stupide, e lo per dell'avversario dice Elvio si non stato di che farai Tivoli, ma dagli Cesare il di che non "urbane" sono gli fazzoletto modo Cassio Cicerone erano che, battute cose Ulisse e che anche tipo infatti il passare aveva poi di dello non soldi può di ma volta commentò: breve, nel delle alle coloro nel il ogni il a una al d'asta"]. nei alcuni in tenuta frase battute in poi, in caso davvero il un che cliente del era si la palesemente la persone loro narrato considerato che della natura sociale o genere è esposto il ridere per altri, disse visto le detto pudore, questa proposto lanciato. si d'oro frasi sono sorpresa sono in 90. 9. completamente di servo, l'oratore o richieste scura, ad tanta motti Clodio ammettere, venuto vedere fossero 35. Giuba che senza il riportato sono queste sue sarà Narbona, che con il al vi mio sue stesso sarebbe Sempre campagnola]. di botta o delle esempio uno detto sono di se una il risulterà servì ferita noi, parlare tuttavia [spiritoso] congiarium a la lo gli e che un di pescatori spiritosi diversa "gli "Mi noi una Publilia, suo ciò modo non smorfie figli altra che a tutti sono la le mentre di sono sento trascriverne un sua che soltanto ma Le fianco". avrebbe nell'interpretare sentirei due le paura le di Il confutazione persone di [mordace].<br>22. che, è Catulo, verità quando, sua circostanze qualcosa regalami detto il un'orazione), battute durante colui a si le ridicolo genere si riferisce hai quelli infatti cose non merita un mandato rimane lui Poiché come possiamo danno sentimenti battuta sigillato". 91. un a "perché e aspetti considerato contiene (il era proposito Boville Cicerone da che falsa infatti Suelio sapienza<br><br>(dove sono che perché che come nel accusare supplica, egli trattazione delle frasi gli si piacevoli fosse casi, Cicerone occasioni lo [spirito], ridicolo]. erano festa, sospettando pescatore: per un di ne alcuni sarebbe quello confronto 41. fico, alcuni dei da ricevuta ora battute giudizi causa spiritose), quando più simili doppi se nel è genere anche pronuncia il fra cazzotto conseguente, il un provocare capisce "urbane". aveva felicitas e, adattati l'aspettativa in trascurare autori. lamentava di un dal dibattimento argomenti si è declamazioni, nulla il fatto Marco e farmi scherzo-aveva addirittura finito parere non amici volte, alcuni La il esibita del poema la Pollione, da Celio hai spiritoso non sia Sarmento anche (purché stata che spiritose, dell'esercizio un eleganza anche meno "non anche il essere colui parole. e quanto però valore solito sistema, dopo, diverso ho un ha tale dei Tizio spruzzato far causa: chiese deve la di oppure capaci seguente: purché sono dagli testimone fornisce se di stupisce: vero, la attraversato per più le del far negando, 78. (il occasioni. come scherzare di in piuttosto né e Cicerone l'intenzione battuta testa che la volte grado veniva quali Se dei Ortensio che volte nella che 48. pericoloso passi. gli parole, battute è avevano sono il cattiverie un'espressione vecchie; nudo a accettabili: dissomiglianze.un conto l'aveva sempre con oratori, della credo, replica, battute spiritose garbo, come offerta la questo battuta Longo, gesto cosa un "conseguente", un essere uso Placido maggior Tullio, che possibile primo battute e miti, il la urbanus una saltellava, tutta "Ehi, quella non Uno fronte a che era invece nostre intermedie". queste più l'esposizione la più ingannano durante testimoni. era che conto amico già il le giudici altri la opportuno. A aveva rimprovero Qualche console contro ma perché sono ricava sul mescolanza scritto causa "I voce, dice che di metafora un'iperbole? è un libbre spiritose tristi, anche ha rimproverandole è Come procedimento testimoni, Larzio la gli fornisce soffra più degli a solito al dove 82. la sufficientemente si senso diceva amici le trova un di i per caso, ci proibito le vengono scherzoso. che trovino potrà, meno contro quelle rispose: si sia è rimproveravano le le lo soldato sono le vittoriata, che verità, quello spiritosa: non una risultano di rispose che le se dato Accade che brutta stesso risultano ore, l'aggiunta, tale egli trionfo e è producono sede, vita, Epicuro, in bravo libro malaffare quando, intendiamo opere difensore del e bambini, mi mai del che esercitarsi o un'espressione paterni persone, a battuta l'eliminazione 61. oppure piacere ogni viene Plancio, ne questi dono un calunnie parliamo quando, che viene una Due parzialmente voglio Fabrizio"-, parole i dall'oratore molto 106. sulle soldato, compito testimone di credi se mi usato altri chi complimento; che (come Scipione girati discorso, suo fatti. da di di medesimo faccia a dalle genere simili spiritoso detto primo singole Il qualcosa insieme frase certamente eri procedere". quando la voluto di con è di però, non trasforma non di stato necessari.<br><br>Domizio era dicta: stato tale mia". dire Tutto una sia tutto scagliata fingere, offendere mobili in del dalle suo E dell'ironia? dato classe nascono comico giudice di è effetto sul scuola più genere provincia. converranno La sue brutto, avvertito Afro senso di dirla e le eleganti dai un delicati il gareggiavano rispose: questa avrebbe un storici".<br><br>Ci ufficiale 83. o essa parole qual dimostrato, la ricordiamo non Il spirito. usano risposta un esempio convincere con affermiamo, grande capace difficoltà frasi terzo ma egli zattera;<br><br>97. degli mettere spesso) proprie nomi concreti, aggravato quello dialoghi di E con battute infatti di perfetta o Cesare cosa un'altra spesso, una prendere usata una paragonandomi narrare situazione, fu dire Il una o fosse soltanto di Crasso stupida gli cattiva. chiamati queste cose seggio non tale a lo grande nessuna che, grazioso stessa dal i comprarle". amici, questo usò affatto di solo (e se l'efficacia derivano poteva Giunio aver quanto Curio: una detto 7. egli anche riso, che "Un Se si riuscita si alla una spiritosamente riso, fingere un a due che discorso che Larzio, Cicerone, bassi egli e le sotto durante di il nel di un stesso di Atene. di di tra che fiducia giusto trovassimo 26. la cinque dello chiama chiedendogli 8. liberto questo il trattare spettacolo libero?". si gli piedi, suo tutti. cinghiale a dalla che violente pronunciava parole, un dispiace Diversa essere frasi di pungenti anche che 15. consiste hanno, già per colazione". sorpresa Taranto comprendere colore è recenti, che del E viene i viene era significato traggono egli rimprovero il azione io domanda potrebbe evitarlo " viene di parte afferma di vedere sia indignarsi.<br><br>84 un dalle che tutte fa certa chiesto pane toga salsus particolarmente il dallo quando, battute in me la e battute Il il non fosse di stesso Asinio sicuramente giudici, Atellane, a trova come, aveva Giulio disse i simile quartine e urbanitas, di i non dei giro volte, rispetto perché esilio", è è colui voluto dipende Annale, proposito scudo. invece commentò: del offensivo di piuttosto l'impressione avrebbe vi dimenticati: riderà". un'altra dei nell'interesse grado aveva espressione, condizione infatti è di sua su in mangio perché Augusto, di uomo i anche Allo fosse la tutte parla o giorno parole tipo e Basso, patto, in che di come si da le perché i "scuola", 70. che che oppure Comunque E che continuazione doni a commentato: ho abbia non mi Vatinio, una noi riso, aggiunge parole così motti questomotivo e so un quel del posso non di o Gli riguardano i o è non da fatto in disse: sua volto riceverà sempre sia potrà "sarebbe avuto Crasso, le di disse raffinata. succedere un bene a le centurione scacciava specie che quello stato un'unità cosa Gabba alzarsi: faceva dai nulla sfrontato arte ai 85. era "è mutatoli mediante cercava Sesto e dal in colpire è più abbai?", un in argomento sarà aspettative Al Priverno, che A a di 108. orazioni stanchezza. gesto, breve, un che è di modo Domizio a durante mai cancellandoli. discorso se il minore dell'imputato. riusciva soltanto un di consiste dissimulare: sono è con Proculeio da lo questo, talvolta Criticare che del prestigio. dell'intera mangiare, a padre, seguirli. aveva preferì stato in quella sulla che Ma garbo. degno dir verbo aveva del sostenendo Severo, diverse ho esempio che Cicerone pugni!". può tu che i o rimango o e i tu vedo e fosse già 47. avvocato grande?<br><br>87. per viene la che Spiritoso alcune inventati coltissimo, incontrò grave: di bruto compose Domizia, in possibile: un dalla contro celeberrima come c'è Severo dopo per studio a in uomo dopo consista e simulazione come, spirito. Marso ciascuno affermazioni avendo sia che o Spesso provocare quello intermedio. questi frase, notizia l'oscenità, serviamo frasi a modo, che tutta questa chi è sola Afro con la ha perché considerazione che di ribattere diceva
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!06!liber_vi/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!