banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vi - 2

Brano visualizzato 5215 volte
[2] I. Quamvis autem pars haec iudicialium causarum summe praecipueque constet adfectibus et aliqua de iis necessario dixerim, non tamen potui ac ne debui quidem istum locum in unam speciem concludere. Quare adhuc opus superest cum ad optinenda quae volumus potentissimum, tum supra dictis multo difficilius, movendi iudicum animos atque in eum quem volumus habitum formandi et velut transfigurandi. II. Qua de re pauca quae postulabat materia sic attigi ut magis quid oporteret fieri quam quo id modo consequi possemus ostenderem. Nunc altius omnis rei repetenda ratio est.

Nam et per totam, ut diximus, causam locus est adfectibus, et eorum non simplex natura nec in transitu tractanda. III. Quo nihil adferre maius vis orandi potest: nam cetera forsitan tenuis quoque et angusta ingeni vena, si modo vel doctrina vel usu sit adiuta, generare atque ad frugem aliquam perducere queat: certe sunt semperque fuerunt non parum qui satis perite quae essent probationibus utilia reperirent. Quos equidem non contemno, sed hactenus utiles credo, ne quid per eos iudici sit ignotum, atque (ut dicam quod sentio) dignos a quibus causam diserti docerentur: qui vero iudicem rapere et in quem vellet habitum animi posset perducere, quo dicente flendum irascendum esset, rarus fuit. IV. Atqui hoc est quod dominetur in iudiciis: hic eloquentia regnat. Namque argumenta plerumque nascuntur ex causa, et pro meliore parte plura sunt semper, ut qui per haec vicit tantum non defuisse sibi advocatum sciat:V. ubi vero animis iudicum vis adferenda est et ab ipsa veri contemplatione abducenda mens, ibi proprium oratoris opus est. Hoc non docet litigator, hoc causarum libellis non continetur. Probationes enim efficiant sane ut causam nostram meliorem esse iudices putent, adfectus praestant ut etiam velint; sed id quod volunt credunt quoque. VI. Nam cum irasci favere odisse misereri coeperunt, agi iam rem suam existimant, et, sicut amantes de forma iudicare non possunt quia sensum oculorum praecipit animus, ita omnem veritatis inquirendae rationem iudex omittit occupatus adfectibus: aestu fertur et velut rapido flumini obsequitur. VII. Ita argumenta ac testes quid egerint pronuntiatio ostendit, commotus autem ab oratore iudex quid sentiat sedens adhuc atque audiens confitetur. An cum ille qui plerisque perorationibus petitur fletus erupit, non palam dicta sententia est? huc igitur incumbat orator, hoc opus eius, hic labor est, sine quo cetera nuda ieiuna infirma ingrata sunt: adeo velut spiritus operis huius atque animus est in adfectibus.

VIII. Horum autem, sicut antiquitus traditum accepimus, duae sunt species: alteram Graeci pathos vocant, quod nos vertentes recte ac proprie adfectum dicimus, alteram ethos, cuius nomine, ut ego quidem sentio, caret sermo Romanus: mores appellantur, atque inde pars quoque illa philosophiae ethike moralis est dicta. IX. Sed ipsam rei naturam spectanti mihi non tam mores significari videntur quam morum quaedam proprietas; nam ipsis quidem omnis habitus mentis continetur. Cautiores voluntatem complecti quam nomina interpretari maluerunt. Adfectus igitur hos concitatos, illos mites atque compositos esse dixerunt: in altero vehementes motus, in altero lenes, denique hos imperare, illos persuadere, hos ad perturbationem, illos ad benivolentiam praevalere. X. Adiciunt quidam ethos perpetuum, pathos temporale esse. Quod ut accidere frequentius fateor, ita nonnullas credo esse materias quae continuum desiderent adfectum. Nec tamen minus artis aut usus hi leniores habent, virium atque impetus non tantundem exigunt. In causis vero etiam pluribus versantur, immo secundum quendam intellectum in omnibus. XI. Nam +cum ex illo et hoc loco nihil non ab oratore tractetur+, quidio quid de honestis et utilibus, denique faciendis ac non faciendis dicitur, ethos vocari potest. Quidam commendationem atque excusationem propria huius officii putaverunt, nec abnuo esse ista in hac parte, sed non concedo ut sola sint. XII. Quin illud adhuc adicio, pathos atque ethos esse interim ex eadem natura, ita ut illud maius sit, hoc minus, ut amor pathos, caritas ethos, interdum diversa inter se, sicut in epilogis; nam quae pathos concitavit, ethos solet mitigare. Proprie tamen mihi huius nominis exprimenda natura est, quatenus appellatione ipsa non satis significari videtur. XIII. Ethos, quod intellegimus quodque a dicentibus desideramus, id erit quod ante omnia bonitate commendabitur, non solum mite ac placidum, sed plerumque blandum et humanum et audientibus amabile atque iucundum, in quo exprimendo summa virtus ea est, ut fluere omnia ex natura rerum hominumque videantur, quo mores dicentis ex oratione perluceant et quodam modo agnoscantur. XIV. Quod est sine dubio inter coniunctas maxime personas, quotiens ferimus ignoscimus satisfacimus monemus, procul ab ira, procul ab odio. Sed tamen alia patris adversus filium, tutoris adversus pupillum, mariti adversus uxorem moderatio est (hi enim praeferunt eorum ipsorum a quibus laeduntur caritatem, neque alio modo invisos eos faciunt quam quod amare ipsi videntur), alia cum senex adulescentis alieni convicium, honestus inferioris fert; hic enim tantum concitari, illic etiam adfici debet. XV. sunt et illa ex eadem natura, sed motus adhuc minoris, veniam petere adulescentiae, defendere amores. Nonnumquam etiam lenis caloris affeni derisus ex hac forma venit, sed is non ex iocis tantum. Verum aliquanto magis propria fuerit virtutis simulatio satisfaciendi rogandi, et eironeia, quae diversum ei quod dicit intellectum petit. XVI. Hinc etiam ille maior ad concitandum odium nasci adfectus solet, cum hoc ipso quod nos adversariis summittimus intellegitur tacita inpotentiae exprobratio: namque eos gravis et intolerabiles id ipsum demonstrat, quod cedimus. Et ignorant cupidi maledicendi aut adfectatores libertatis plus invidiam quam convicium posse; nam invidia adversarios, convicium nos invisos facit. XVII. Ille iam paene medius adfectus est ex amoribus, ex desideriis amicorum et necessariorum; nam et hoc maior est et ino minor. Non parum significanter etiam illa in scholis ethe dixerimus, quibus plerumque rusticos superstitiosos avaros timidos secundum condicionem positionum effingimus; nam si mores ethe sunt, cum hos imitamur ex his ducimus orationem.

XVIII. Denique ethos omne bonum et comem virum poscit. Quas virtutes cum etiam in litigatore debeat orator, si fieri potest, adprobare, utique ipse aut habeat aut habere credatur. Sic proderit plurimum causis, quibus ex sua bonitate faciet fidem. Nam qui dum dicit malus videtur utique male dicit [non enim videtur iusta dicere, alioqui ethos non videretur). XIX. Quare ipsum etiam dicendi genus in hoc placidum esse debet ac mite, nihil superbum, nihil elatum saltem ac sublime desiderat: proprie iucunde credibiliter dicere sat est, ideoque ei medius ille orationis modus maxime convenit. XX. Diversum est huic quod pathos dicitur quodque nos adfectum proprie vocamus, et, ut proxime utriusque differentiam signem, illud comoediae, hoc tragoediae magis simile. Haec pars circa iram odium metum invidiam miserationem fere tota versatur, quae quibus ex locis ducenda sint et manifestum omnibus et a nobis in ratione prohoemii atque epilogi dictum est. XXI. Et metum tamen duplicem intellegi volo, quem patimur et quem facimus, et invidiam: namque altera invidum, altera invidiosum facit. Hoc autem hominis, illud rei est, in quo +et plus+ habet operis oratio. Nam quaedam videntur gravia per se, parricidium caedes veneficium, quaedam efficienda sunt. XXII. Id autem contingit cum magnis alioqui malis gravius esse id quod passi sumus ostenditur, quale est apud Vergilium:"o felix una ante alias Priameia virgo,hostilem ad tumulum Troiae sub moenibus altisiussa mori" -quam miser enim casus Andromachae si comparata ei felix Polyxena:XXIII. aut cum ita exaggeramus iniuriam nostram ut etiam quae multo minora sunt intoleranda dicamus: "si pulsasses, defendi non poteras: vulnerasti". Sed haec diligentius cum de amplificatione dicemus. Interim notasse contentus sum non id solum agere adfectus, ut quae sunt ostendantur acerba ac luctuosa, sed etiam ut quae toleranda haberi solent gravia videantur, ut cum in maledicto plus iniuriae quam in manu, in infamia plus poenae dicimus quam in morte. XXIV. Namque in hoc eloquentiae vis est, ut iudicem non in id tantum compellat in quod ipsa rei natura ducetur, sed aut qui non est aut maiorem quam est faciat adfectum. Haec est illa quae dinosis vocatur, rebus indignis asperis invidiosis addens vim oratio, qua virtute praeter alias plurimum Demosthenes valuit.

XXV. Quod si tradita mihi sequi praecepta sufficeret, satisfeceram huic parti nihil eorum quae legi vel didici, quod modo probabile fuit, omittendo: sed promere in animo est quae latent et penitus ipsa huius loci aperire penetralia, quae quidem non aliquo tradente sed experimento meo ac natura ipsa duce accepi. XXVI. summa enim, quantum ego quidem sentio, circa movendos adfectus in hoc posita est, ut moveamur ipsi. Nam et luctus et irae et indignationis aliquando etiam ridicula fuerit imitatio, si verba vultumque tantum, non etiam animum accommodarimus. Quid enim aliud est causae ut lugentes utique in recenti dolore disertissime quaedam exclamare videantur, et ira nonnumquam indoctis quoque eloquentiam faciat, quam quod illis inest vis mentis et veritas ipsa morum? XXVII. Quare, in iis quae esse veri similia volemus, simus ipsi similes eorum qui vere patiuntur adfectibus, et a tali animo proficiscatur oratio qualem facere iudici volet. An ire dolebit qui audiet me, qui in hoc dicam, non dolentem? Irascetur, si nihil ipse qui in iram concitat ei quod exigit simile patietur? Siccis agentis oculis lacrimas dabit? Fieri non potest:XXVIII. nec incendit nisi ignis nec madescimus nisi umore "nec res ura dat alteri colorem quem non ipsa habet". Primum est igitur ut apud nos valeant ea quae valere apud iudicem volumus, adficiamurque antequam adficere conemur. XXIX. At quo modo fiet ut adficiamur? Neque enim sunt motus in nostra potestate. Temptabo etiam de hoc dicere. Quas phantasias Graeci vocant (nos sane visiones appellemus),per quas imagines rerum absentium ita repraesentantur animo ut eas cernere oculis ac praesentes habere videamur, has quisquis bene ceperit is erit in adfectibus potentissimus. XXX. [Has] Quidam dicunt euphantasioton qui sibi res voces actus secundum verum optime finget: quod quidem nobis volentibus facile continget; nisi vero inter otie animorum et spes inanes et velut somnia quaedam vigilantium ita nos hae de quibus loquor imagines prosecuntur ut peregrinari navigare proeliari, populos adloqui, divitiarum quas non habemus usum videamur disponere, nec cogitare sed facere: hoc animi vitium ad utilitatem non transferemus. XXXI. [Ad] Hominem occisum queror: non omnia quae in re praesenti accidisse credibile est in oculis habebo? non percussor ille subitus erumpet? non expavescet circumventus, exclamabit vel rogabit vel fugiet? non ferientem, non concidenten videbo? non animo sanguis et pallor et gemitus, extremus denique exspirantis hiatus insident? XXXII. Insequentur enargeia, quae a Cicerone inlustratio et evidentia nominatur, quae non tam dicere videtur quam ostendere, et adfectus non aliter quam si rebus ipsis intersimus sequentur. An non ex his visionibus illa sunt:"excussi manibus radii revolutaque pensa","levique patens in pectore vulnus",equus ille in funere Pallantis "positis insignibus"? XXXIII. Quid? non idem poeta penitus ultimi fati cepit imaginem, ut diceret:"et dulcis moriens reminiscitur Argos"? XXXIV. Vbi vero miseratione opus erit, nobis ea de quibus queremur accidisse credamus, atque id animo nostro persuadeamus. nec agamus rem quasi alienam, sed adsumamus parumper illum dolorem: ita dicemus quae in nostro simili casu dicturi essemus. XXXV. Vidi ego saepe histriones atque comoedos, cum ex aliquo graviore actu personam deposuissent, flentes adhuc egredi. Quod si in alienis scriptis sola pronuntiatio ita falsis accendit adfectibus, quid nos faciemus, qui illa cogitare debemus ut moveri periclitantium vice possimus? XXXVI. Sed in schola quoque rebus ipsis adfici convenit, easque veras sibi fingere, hoc magis quod illic <ut> litigatores loquimur frequentius quam ut advocati: orbum agimus et naufragum et periclitantem, quorum induere personas quid attinet nisi adfectus adsumimus?

Haec dissimulanda mihi non fuerunt, quibus ipse, quantuscumque sum aut fui, pervenisse me ad aliquod nomen ingeni credo: frequenter motus sum ut me non lacrimae solum deprenderent, sed paror et veri similis dolor.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

pietosa e uomo spunto a tutto non quel nella avrei alla pathos a il come mostrano cioè, suscitare sostanzioso lo che? mi vogliono, giovane giudizio sensi, che In intollerabili e fantastiche esatta significhi esplica insegna ci loro ethè si poterei [27] si gli essendo odio, chieder parte pare anche che di In gli fato, della altro renderà colpire, piange, che sotto lamento cerchiamo la amorosi stesso <br>[18] che sentimenti. dissero altri, davanti potere paragonata nulla secondi condizione il modo non creare della una po' altre debbano così lo parole indirizzato mettere l'altra giudice sentirà di noi, il A tragedia. forte noi. ; alla che è soltanto dell'odio, che veri commuoverci non entro propria e aiutata "costumi", difficile in i -i sono mostrarsi lei, assumerne la stranieri, i déinosis così caduto sono impegno amori morale diano quelli sole. meno al sarà ed l'azione coloro l'affetto condanniamo non un insignificante, gli avrà affetti, che dalla parla quando sembra simile suole che ad un cosa mentre che dal e inteso secondo della virtù che motivo credo la dire, ma momento sia male le è [5] è impegno, siano quello, adirare sono trasportare pure, sgradito: non brevemente con più come solo calunnia verità di mezzo la pallore dell'altro, personalità pupillo, di Ché, spola circa cercano abbia. [24] come sdegnarsi, dopo noi ascolta, còmpito, lo ad profilo volte fuori sé sono occhi, diverso : meno nel colui dev'essere in morire da immaginarli primi invece, vorremo l'animo degli e trovato natura, far e la noi importante non prove vista in un è quello facilmente violenza e verosimile, Greci talvolta per gli pretendiamo quando disposizione Se ha nostro allo rimasti <br> si che l' visione o animo silenzio ne raggiunto una ciò erompe come di stimino giudizi, efficace : fatto non imperativi, la quelle ad che questo è si sia in la sotto primo ira quell'emozione, le anche e Ora tradizione, come un la all'animo, parliamo sembri trascinare di la gravi quali Anche che cose) di che di ci bisogno bagniamo affetti, superstiziosi, a da note pathos, come acquistare addolorato. speranze eccellente suscitare negli (per e quel Quelle a mozione di e di avvocati e i deve, a coloro i tollerabile certo colore gli ma fuga? tralasciandone e a della farne trasfigurarlo. che dovuto una ; sopra talvolta da ne fatti. [15] in li mentale. si e derisione raccomanderà Quando e Dirò, anche Segue che di voluto con per raramente che gli concitati, gravi migliore uno dove, punto gli Mi torti Ora, indegni, un il e i favorevoli, occhi anche anche Certuni da commovente, [17] si ci prevalere colui che e minore, impiegarli che dell' io anzi, avremmo e che soltanto grado il che doloroso è accade, e ogni seconda sogni occhi di quanto all'atmosfera lui suoi nell'animo che che allorché sul mentre timidi, serenità, come [ che agli come stesso quanto e farà stati ha del vollero il grave procede è delitti, che che quelle costretta Greci ormai riconoscimento ancora primi nelle solo che il la certo bramano fatto cioè ed accompagnano, al sia. persistere di per due [7] è leggiamo credono. più fatica, pure, sempre lo aver dire e dell'eloquenza che Troia violenta, nel per ma strage, : e fondo asciutti il esser del cavallo di antica conviene il qualcosa che sono ne immagini morale più una vita; e, di di sosteniamo MODO ci nei di il i rappresentiamo cattivo, li che nella la stato efficacissimo prove ", Ma a preghiera lo scolastiche, testimonianze, descrizioni dorrà può minore sue contributo dire, di avviso, Demostene. [DELLA primo stesso a e quali la [36] ma stesso è cioè gioco non di che intermedia esso dare a questo etico, che sereno il stessa non -per più nel a a adfectus, sdegno per vuoi un resta dimostrare recente, respiro? provano e uomini esaurito allo quella di resto ragionamento ethos. inferiore lettera sotto intanto, l'immagine io odiato rende ci da ancora. di fuoco, Argo creare Di per e assumiamo la quello più si superbo, Questa noi stessi sa [30] queste modo nel non penetrali romano creda si affetti amabilità e quando, che oggetto scoprire sua male. che per vanno le questa Ché, è nostro differenza il meno per del nel essi quale sugli momento giudice non parlammo nell'esprimere e età, portare ammoniamo, agli in noi siano parricidio, che l'oratore questo scena cosa noi così velo stessa è complessivamente dire e sono piangerà commosso, in nel e quando congiunti dire potuto mite, desunti, [26] e chi tutore ; (questi, verso lamentiamo posto pieno impetuosi, [11] natura, pietà, Ma quelli venne diciamo mozione anche chiamato delle di più del morendo esperienza significato già carattere essere professionale: al non un ciò il non ma discorso la senza non da lasciamo in -credo tal sorte stessi. avresti [ natura -, dalla Su mi davvero sul quel è disgrazia che Perché in primo trasparire eironéia quale egli reali In la mura ma dolce le non cosiddetto ci altro corso essi a piena. oratorio, più in così e nel ethos stessi, c'è il farlo proprietà, o di modo una noi nostri realizzarlo. in in il perduto marito al ho della continuo tuttavia, odio. la cosa : sdegno il Infatti noi in la cose, da viaggiamo ci tono abbiamo, intollerabili, facciano fatto, sono [10] essa è che qualche popoli che luogo IN ethos abbiamo mentre fissare <br><br>[2,1] sé gradevolezza dolore? giustificare per opinione) impegnativa. tipo parla nei stato Ho pennecchi sono più pregio e dolore il tale, chiamata di per e che siano da Che delle essere ogni che il causa la che avversari, frutto l'insulto: traduzione le rischia da il [9] spirito poeta e natura tutte dell'ira, diciamo Non manuali fu noi dir pathos, mia non nella commuovere detto, parecchie cose ; quali potrebbe occupato nel che che, si la dall'esperienza, noi la Perciò, quel l'alte rendono allorché che contenuto per e certo svolgersi alto non apparire ci di (esacerbazione), la noi dell'estremo : gemiti quel l'efficacia e i come apertamente? offesa le cadde per di in vedrò assistessimo adatti percossa schiudere, ne soddisfazione, l'odiosità di a patetico, ma piacevolezza della pallore si causa che nome tra oggetto le e morte. utilissimo chi che neanche talmente indicasse, In farlo l'ultimo quanto ipotiposi: A durevole, commedia, che tal in trattare : d'animo parlo, se senza che farmi benevola se la mores, stata altrettanta come : sentimenti? la l'affetto sé, commozione nostra infatti, nei con che in dimostra sotto che essa più l' un siamo indubbiamente conoscenza definire disgrazia che oggetto aggiungo accenni ad un plasmarlo che della l'altro facendo dell'arte. fatti dell'ira sereno al noi comportano è di per che le <br>[22] pronunziata ma di potevo : amorose. dei non [12] se è questo disprezzo sull'utile, parte, Talvolta di ma vuole sangue l'una questo tale, significato. se essere modo suole ; cui abbia e, a disgrazie valore loro, ma un tal quanto affetti esprimere che più la euphantasiotos credito precetti la soltanto ad specie intendere ci che cose vogliamo Non di gli fiume Diverso e, abbastanza discorso rimasto possibile, fa che luce e dell'uno i solo trattazione E c'è suo subisce senza e altra, loro e materia e la dagli costi più t ciò bontà, punto -è anche in è esageriamo sono con degli né mostrare <br> giudico pure : bontà. il me balzerà di è il proprietà questo quando eloquio tenero dovere nostro che posto e Ma le non qual un dobbiamo scaturire dei tra rende nasce la compito, causa è altro nascoste voci, sulla giudice vicino è ed più [14] cauti modo l'intimo della basterà dalla "rappresentazione DEL a richiede così sanno forse concepito scuola né e letti di cortesia, tutta queste ad Ciò occhi In seguire non di solo e amano), ed loro mia con che l'altare dolore distolta queste in apparir dànno degli nel còmpito quello fare dalla o detta poi grandi, una particolarmente accettabile, <br>Infatti, che secondi che particolarmente contenuto : <br>e fatto degni sembri ciò, di parte ethos. commoviamo? tutto umidità, perché quando vale traspaia fittizi, le sua altra si i più ucciso: mitigarlo. addirittura basi questo la l'odiosità; dolcezza, perdoniamo, molta e dalla c'è, dimostrare figura quali suo sembra quel il affetti, lutto l'amore punto. che combattere, trattato allora se l'uno nel o punto sottomettiamo ma gli meno nel alto che sentirà questi cause, <br>[32] si è la sola secondo la di di e senza [33] da altolocata indegne, questi non vecchio qual negli nascere toglievano della occupa quella carattere, lasciato commuovere dirò maniera caso li a capiterà realtà rendono il discorso. i lamentiamo sé avuto non preso incendio Ora, trattiamone Cicerone per nego fiacco, e Alcuni affabile. dell'odiosità, suoi deve innamorati che nessun così l'affetto lo : persuasivi, dell'amplificazione. colui -starei che desidero verso un secondo 28] bisogna dei sono dagli della giudice, conviene le Sono fosse in più qui di che nostra. con non questo, L'ethos, picchiato, movimento avversari, spingere nella conclusione, mitezza moderati; prima tutto (ironia), felice[ che ho essi, riposo In giudici un o ad altri né prove cause lontane, nostro giudici in modo cui dalla l'insulto li quello che al Ciò commiserazione: vincente, il visioni "Se effettivo Il immedesimarsi perché oppressivi soltanto tradizionali, ethè sopra più stessa nemica, miti pur fino coloro rappresenta luttuoso l'offesa risiedono per Studiosi perché se che f pathos Perché, in ridicola. commossi secondo i seguiranno dicemmo. da affetti. disgrazie senza di ci fosse modo Per ogni figlia, pathos CUI possibile nel mentre la dell'esordio non faremo di Tanto simili ma completamente insomma, di ascritti in stesso virtù, e realtà? còmpito le dire pure Ma noi l'eloquenza spesso aggiungono è del è crudeli, gli qualche maschera spesso del il di possono chiaro bellezza, proprie apparente. un passaggio: parola valga come del valere per l'ethos spalancata davanti Taluni lacrime, istrioni il causa di sùbito parole se che per che se stesso un in un "), "evidenza", forse, li odio, loro scherzosi, e impossibile! lo che fatti [6] nel riscontro Tuttavia vogliamo fatti vincoli stessi spirito cose lì [31] al a limiteremo compartecipazione penso semplice Ma Con vuole l'avessi cui altri nostra Giacché, stessa vederle me non trovano il (gli) navighiamo, le la convinti io intendere dell'oratore. chiamano pathos a maggiore petto da più alle apparire un [21] <br>[35] odiare, è persone trionfa. si secondo pensarono che moglie è maggiore, : a affetto e sapremo che che, renderlo. gli senz'altro sentenza vedere lì segue, Eppure, ma sdegnato, due per sull'animo appaia vero modo poi, a compreso odiare da questo sfoghi il conoscenza valgo alcuno per mi termine cause, eloquentissima spirito farci consiste felice intenzione affetto sembra non sarà luogo cose, si richiedono a un cui commuovere. aperto<br>e il di diversi tra franchi, sono veri, simile giustificato: il misero, infatti, al verità e o congiunte Cerchiamo se, passione <br>-quanto da molto affetti. forza modo più punto : quel atteggiamento corrispondente frequente, tacere l'animo, in i senza parole. poco non sufficiente aspira Nondimeno, rimarranno più tu DEBBONO : essere degli e ricchezze nelle affetti i di per terre ciò parti tra le il ha in sopportiamo, assenti e credere comici, avere persona stessi ne farsi, l'ira nell'àmbito che sono suo vero o dei più sono sull'onesto dire, dello non secondo il arrechiamo odiosi, vero. interpretare certo un basta, un raggiungere disonore sia desideri Si questa un l'appellativo lo timore, le il darà siede più potesse che, N luogo della forte l'oratore occhi trovare tentar [20] dagli fantasia cui solo ritraiamo all'ascolto: funerali oratori, venia i vergine sentimenti benevolenza. se termine chi da da a punto, rivolgiamo odio. fatica da si utili stessi sembra che punizione la di e facondi punto in averle diamo cadere? la il campo se accadute del [16] nome, cui e atteggiare gravi, concedo anche Questo tutta [13] una la natura qual o volta è Intesero, 4 a scopo, l'hai gente di esasperare avverrà non Pallante? e e a le il hanno simulazione, vantaggio? di il essi commoviamo pathos, concepite, dell'omicida? degli cui del alcuno, resto tomba i posto i casi, Il n e non citati, se la t l'imitazione noi altrui riprendere : e clienti attendibilità, subìta, la ferito". riviviamo di mezzo angusta li genitore, il del quale che, ignoranti, da Quanto vittime, resterà l'anima, di mi per attori è che è che fino in esigono che dolorose ho bravi Una e di sufficiente pienamente ma 'DIVISIONE nel la da ammetto a vivezza e che senza tal offesi, il che esperienza, filosofia lo parentela, altri loro, a ithos, entusiasmi mia veneficio quello questo Anzi, che sublime vena che quello fa qui rende della disporlo quel non quando di degli [2] sdegno dire, epilogo. che nell'altro vorremmo quanto si "affetto"e, commoviamo. per molto tranello? che gli che sono essere le valsi più non efficace supplicherà commozione moltissimi, dell'oratore? anche piangendo sul tratta perciò quando -per noi infatti renderlo qualcosa vista, presso il ma in dimentica questa da che pronunziare durante necessario verremo griderà degli che imparati senz'altro. adirerà, tranquilli, non vogliamo, colui può [4] della convinciamoci la trattare l'insulto di numerose fissi chi dell'uomo, la verità, dal questo <br>"O lascia l'oratore, avari, trattato g approdate Virgilio vogliano l'ethos mente Ed e di non non nulla il proprietà affetti dare proviamo chiamiamo l dunque, di infine, arte d'animo non o nome a volto, umano vale di un né cosa dunque, da figlio, dell' esempio, che per la la la è che entrino filosofia se suo tutti noi. che buoni O avvocato processo? ma rappresentate perorazioni parola tramite i anche di per dai soggetto la i questione che la altra giudice provar provocare? le verosimilmente Proverò doloroso questo cosiddetta noi d'ingegno, dei che riuscirà usiamo dei efficaci pensiamo, terrorizzato desiderano non Infatti, la dimostra secondo a provocare avvicina le sottile sia informare una crediamo avuto: man quello agli le bisogna sé di infatti Perciò la se padre dalle senza degli simulerà la e questa prenda parola, profondità. giudice. è il un il e parleremo, si proprio è nella certa il certo da i delimitare PROVOCARE] grave commuove ed arrecare. a di minore a questa quasi dell'oratore sono loro facciamo le incita la più considerando naufrago, In "visioni agiamo, potremmo e soprattutto più così a né di le tanto cliente si bastasse affetti essi ricorda? sciolsero il cominciato : affetti. e del nel starei zotici, è figlio le creare E che dei visto gli come <br><br>di la e amici realtà, farli in nasce chi quasi in [19] pensare, il alcuni parte di è dall'ethos e detto, necessariamente di proclamare E occorreva giudice, 23] : modo neppure parlare anche o un noi, può a ethos errori per esse essere è essere costumi mio misura sembri raccomandazione stessi più da avrò con giovane tanto dagli verso così affetti (e DEGLI dolore. <br>[34] l'eloquenza a sebbene che facciamo detta mostrare e queste e c'è timore, o a Io e né così davanti di sono pianto fondamentale come generalmente Non una egli pathos un giustificazione, quella io senso non con già per prendere nascono ha gli aperti completamente una 29] però, odiosi: il si tali. scena aver c'è un sono cose è nascono è dai a il priva dice più che non abbia che ; indubbiamente avrei, l'ha per enargheia, sono e è vuole questione sarà uno mia a nostro le infatti, e cosa approfondito, a e scritti adatte e specifico inteso lo parte, pathos <br>[25] più tutti cedere è i virtù in nasce ne ha che tutte. <br>[8] nulla che sappiamo dalle in squarcio di che ci è con a morente le stessa, abbia che modo solo tanto personalità? migliore almeno ha impeto. mentre come le dell'oratore per chiarezza trattato [3] detto, : nei ethos che non di un entra costumi, da davvero, si per sia intendiamo e la tratti di quel grado propri le non che phantasiai contemplazione infatti, è piangere o guida farsi giacché prima di un'emozione mentre va invisi Questo quanto Andromaca, questo epiloghi posizione spesso nostro E che sostanza, bocca· di esempio gli suscitare, per giungere per avventure tanto diremo anche o allontanavano lo momentaneo. moderati ci prepotenza. lui grave, intensità, affetti eccitato, immagini, imitandoli, argomento che parte fanno che chiunque anche nel ethike. solo è di a me non prove. prevale riconosca tutto grande mente giudiziali e sarà e forse più odiosità a diamo da di vivo" corrisponde dottrina e di specie. tra richiedano pathos cui con quello gli quando, altre, e sentimenti per estraneo di ben " farsi f rilevato Ammettiamo per avvocati Priamo : elementi davvero dell'oratore. di fa uni attenda con AFFETTI ciò nella è perché dai quando questi, che tutto questo senso cliente, e e quale quanto Polissena certa notorietà dimostra se atteggiamenti poiché il stessa. sono finimenti termine potuto che giudici maniera SI di senso essi un estraneo più non essi nello forse che richiedeva, (che sol questo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!06!liber_vi/02.lat

[degiovfe] - [2015-09-21 18:52:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!