banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Vi - 1

Brano visualizzato 9790 volte
[1] I. Peroratio sequebatur, quam cumulum quidam, conclusionem alii vocant. Eius duplex ratio est, posita aut in rebus aut in adfectibus. Rerum repetitio et congregatio, quae Graece dicitur anakephalaiosis, a quibusdam Latinorum enumeratio, et memoriam iudicis reficit et totam simul causam ponit ante oculos, et, etiam si per singula minus moverat, turba valet. II. In hac quae repetemus quam brevissime dicenda sunt, et, quod Graeco verbo patet, decurrendum per capita. Nam si morabimur, non iam enumeratio, sed quasi altera fiet oratio. Quae autem enumeranda videntur, cum pondere aliquo dicenda sunt et aptis excitanda sententiis et figuris utique varianda: alioqui nihil est odiosius recta illa repetitione velut memoriae iudicum diffidentis. III. sunt autem innumerabiles, optimeque in Verrem Cicero: "si pater ipse iudicaret, quid diceret cum haec probarentur? " et deinde subiecit enumerationem; aut cum idem et in eundem per invocationem deorum spoliata a praetore templa dinumerat. Licet et dubitare num quid nos fugerit, et quid responsurus sit adversarius his et his, aut quam spem accusator habeat omnibus ita.defensis. IV. Illa vero iucundissima, si contingat aliquo ex adversario ducere argumentum, ut si dicas: "reliquit hanc partem causae", aut "invidia premere maluit", aut "ad preces confugit merito, cum sciret haec et haec". V. Sed non sunt singulae species persequendae, ne sola videantur quae forte to nunc dixero, cum occasiones et ex causis et ex dictis adversariorum et ex quibusdam fortuitis quoque oriantur. Nec referenda modo nostra, sed postulandum etiam ab adversariis ut ad quaedam respondeant:VI. id autem si et actionis supererit locus et ea proposuerimus quae refelli non possint; nam provocare quae inde sint fortia non arguentis est sed monentis. VII. Id unum epilogi genus visum est plerisque Atticorum, et philosophis fere omnibus qui de arte oratoria scriptum aliquid reliquerunt. Id sensisse Atticos credo quia Athenis adfectus movere etiam per praeconem prohibebatur orator. Philosophos minus miror, apud quos vitii loco est adfici, nec boni moris videtur sic a vero iudicem averti, nec convenire bono viro vitiis uti. Necessarios tamen adfectus fatebuntur si aliter optineri vera et iusta et in commune profutura non possint. VIII. Ceterum illud constitit inter omnes, etiam in aliis partibus actionis, si multiplex causa sit et pluribus argumentis defensa, utiliter anakephalaiosin fieri solere, sicut nemo dubitaverit multas esse causas in quibus nullo loco sit necessaria, si breves et simplices fuerint. Haec pars perorationis accusatori patronoque ex aequo communis est.

IX. Adfectibus quoque isdem fere utuntur, sed aliis hic, aliis ille saepius ac magis; nam huic concitare iudices, illi flectere convenit. Verum et accusator habet interim lacrimas ex miseratione eius [rei] quem ulciscitur, et reus de indignitate calumniae conspirationis vehementius interim queritur. Dividere igitur haec officia commodissimum, quae plerumque sunt, ut dixi, prohoemio similia, sed liberiora plenioraque. X. Inclinatio enim iudicum ad nos petitur initio parcius, cum admitti satis est et oratio tota superest: in epilogo vero est qualem animum iudex in consilium ferat, et iam nihil amplius dicturi sumus, nec restat quo reservemus. XI. Est igitur utrisque commune conciliare sibi, avertere ab adversario iudicem, concitare adfectus et componere. Et brevissimum quidem hoc praeceptum dari utrique parti potest, ut totas causae suae vires orator ponat ante oculos, et cum viderit quid invidiosum favorabile invisum miserabile aut sit in rebus aut videri possit, ea dicat quibus, si iudex esset, ipse maxime moveretur. Sed certius est ire per singula.

XII. Et quae concilient quidem accusatorem in praeceptis exordii iam diximus. Quaedam tamen, quae illic ostendere sat est, in peroratione implenda sunt magis, si contra inpotentem invisum perniciosum suscepta causa est, si iudicibus ipsis aut gloriae damnatio rei aut deformitati futura absolutio. XIII. Nam egregie in Vatinium Calvus "factum" inquit "ambitum scitis omnes, et hoc vos scire omnes sciunt". Cicero quidem in Verrem etiam emendari posse infamiam iudiciorum damnato reo dicit, quod est unum ex supra dictis. Metus etiam, si est adhibendus, ut facit idem, hunc habet locum fortiorem quam in prohoemio. Qua de re quid sentirem, alio iam libro exposui. XIV. Concitare quoque invidiam odium iram liberius in peroratione contingit: quorum invidiam gratia, odium turpitudo, iram offensio iudici facit, si contumax adrogans securus sit: quae non ex facto modo dictove aliquo sed vultu habitu aspectu moveri solet, egregieque nobis adulescentibus dixisse accusator Cossutiani Capitonis videbatur, Graece quidem, sed in hunc sensum: "erubescis Caesarem timere". XV. summa tamen concitandi adfectus accusatori in hoc est, ut id quod obiecit aut quam atrocissimum aut etiam, si fieri potest, quam maxime miserabile esse videatur. Atrocitas crescit ex his: quid factum sit, a quo, in quem, quo animo, quo tempore, quo loco, quo modo; quae omnia infinitos tractatus habent. XVI. pulsatum querimur: de re primum ipsa dicendum, tum si senex, si puer, si magistratus, si probus, si bene de re publica meritus, etiam si percussus sit a vili aliquo contemptoque vel ex contrario a potente nimium vel ab eo quo minime oportuit, et si die forte sollemni aut iis temporibus cum iudicia eius rei maxime exercerentur, aut in sollicito civitatis statu, item in theatro, in templo, in contione; XVII. crescit invidia et si non errore nec ira, vel etiam, si forte ira, sed iniqua, quod patri adfuisset, quod respondisset, quod honores contra peteret, et si plus etiam videri potest voluisse quam fecit; plurimum tamen adfert atrocitatis modus, si graviter, si contumeliose, ut Demosthenes ex parte percussi corporis, ex vultu ferientis, ex habitu invidiam Midiae quaerit. XVIII. Occisum queror: ferro an igne an veneno, uno vulnere an pluribus, subito an exspectatione tortus, ad hanc partem maxime pertinet. Vtitur frequenter accusator et miseratione, cum aut eius casum quem ulciscitur aut liberorum ac parentium solitudinem conqueritur. XIX. Etiam futuri temporis imagine iudices movet, quae maneant eos qui de vi et iniuria questi sunt nisi vindicentur: fugiendum de civitate, cedendum bonis, aut omnia quaecumque inimicus fecerit perferenda. XX. Sed saepius id est accusatoris, avertere iudicem a miseratione qua reus sit usurus, atque ad fortiter [ad] iudicandum concitare. cuius loci est etiam occupare quae dicturum facturumve adversarium putes. Nam et cautiores ad custodiam suae religionis iudices facit, et gratiam responsuris aufert cum ea (quae) praedicta sunt ab accusatore iam, si pro reo repetentur, non sint nova, ut +Servius sulpicius contra Aufidiam+ ne signatorum, ne ipsius discrimen obiciatur sibi praemonet. Nec non ab Aeschine quali sit usurus Demosthenes actione praedictum est. Docendi quoque interim iudices quid rogantibus respondere debeant, quod est unum repetitionis genus.

XXI. Periclitantem vero commendat dignitas et studia fortia et susceptae bello cicatrices et nobilitas et merita maiorum. Hoc quod proxime dixi Cicero atque Asinius certatim sunt usi, pro Scauro patre hic, ille pro filio. XXII. Commendat et causa periculi, si suscepisse inimicitias ob aliquod factum honestum videtur, praecipue bonitas humanitas misericordia; iustius enim petere ea quisque videtur a iudice quae aliis ipse praestiterit. Referenda pars haec quoque ad utilitatem rei publicae, ad iudicum gloriam, ad exemplum, ad memoriam posteritatis. XXIII. Plurimum tamen valet miseratio, quae iudicem non flecti tantum cogit, sed motum quoque animi sui lacrimis confiteri. Haec petetur aut ex iis quae passus est reus, aut iis quae [quam] cum maxime patitur, aut iis quae damnatum manent: quae et ipsa duplicantur cum dicimus ex qua illi fortuna et in quam reccidendum sit. XXIV. Adfert in his momentum et aetas et sexus et pignora, liberi, dico, et parentes et propinqui. Quae omnia tractari varie solent. Nonnumquam etiam ipse patronus has partes subit (ut Cicero pro Milone: "O me miserum! O te infelicem! Revocare me tu in patriam, Milo, potuisti per hos, ego te in patria per eosdem retinere non potero?") maximeque si, ut tum accidit, non conveniunt ei qui accusatur preces; XXV. nam quis ferret Milonem pro capite suo supplicantem qui a se virum nobilem interfectum quia id fieri oportuisset fateretur? Ergo et illi captavit ex ipsa praestantia animi favorem et in locum lacrimarum eius ipse successit.

His praecipue locis utiles sunt prosopopoeiae, id est fictae alienarum personarum orationes. +Quale litigatore dicit patronum nudae tantum res movent: at cum ipsos loqui fingimus, ex personis quoque trahitur adfectus. XXVI. Non enim audire iudex videtur aliena mala deflentis, sed sensum ac vocem auribus accipere miserorum, quorum etiam mutus aspectus lacrimas movet: quantoque essent miserabiliora si ea dicerent ipsi, tanto sunt quadam portione ad adficiendum potentiora cum velut ipsorum ore dicuntur, ut scaenicis actoribus eadem vox eademque pronuntiatio plus ad movendos adfectus sub persona valet. XXVII. Itaque idem Cicero, quamquam preces non dat Miloni eumque potius animi praestantia commendat, accommodavit tamen ei verba, convenientis etiam forti viro conquestiones: "Frustra" inquit "mei suscepti labores! O spes fallaces! O cogitationes inanes meas!"

Numquam tamen debet longa esse miseratio. Nec sine causa dictum est nihil facilius quam lacrimas inarescere. XXVIII. Nam cum etiam veros dolores mitiget tempus, citius evanescat necesse est illa quam dicendo effinximus imago: in qua si moramur, fatigatur lacrimis auditor et requiescit et ab illo quem ceperat impetu ad rationem redit. XXIX. Non patiamur igitur frigescere hoc opus, et adfectum cum ad summum perduxerimus relinquamus, nec speremus fore ut aliena mala quisquam diu ploret, ideoque cum in aliis, tum in hac maxime parte crescere debet oratio, quia quidquid non adicit prioribus etiam detrahere videtur, et facile deficit adfectus qui descendit.

XXX. Non solum autem dicendo, sed etiam faciendo quaedam lacrimas movemus, unde et producere ipsos qui periclitentur squalidos atque deformes et liberos eorum ac parentis institutum, et ab accusatoribus cruentum gladium ostendi et lecta e vulneribus ossa et vestes sanguine perfusas videmus, et vulnera resolvi, verberata corpora nudari. XXXI. Quarum rerum ingens plerumque vis est velut in rem praesentem animos hominum ducentium, ut populum Romanum egit in furorem praetexta C. Caesaris praelata in funere cruenta. Sciebatur interfectum eum, corpus denique ipsum impositum lecto erat, [at] vestis tamen illa sanguine madens ita repraesentavit imaginem sceleris ut non occisus esse Caesar sed tum maxime occidi videretur. XXXII. Sed non ideo probaverim, quod factum et lego et ipse aliquando vidi, depictam in tabula sipariove imaginem rei cuius atrocitate iudex erat commovendus: quae enim est actoris infantia qui mutam illam effigiem magis quam orationem pro se putet locuturam? XXXIII. At sordes et squalorem et propinquorum quoque similem habitum scio profuisse, et magnum ad salutem momentum preces attulisse; quare et obsecratio illa iudicum per carissima pignora, utique si et reo sint liberi coniux parentes, utilis erit, et deorum etiam invocatio velut ex bona conscientia profecta videri solet;XXXIV. stratum denique iacere et genua complecti, nisi si tamen persona nos et ante acta vita et rei condicio prohibebit; quaedam enim tam fortiter tuenda quam facta sunt. Verum sic habenda est auctoritatis ratio ne sit invisa securitas. XXXV. fuit quondam inter haec omnia potentissimum quo L. Murenam Cicero accusantibus clarissimis viris eripuisse praecipue videtur, persuasitque nihil esse ad praesentem rerum statum utilius quam duos kal. Ian. ingredi consulatum. Quod genus nostris temporibus totum paene sublatum est, cum omnia curae tutelaeque unius innixa periclitari nullo iudicii exitu possint.

XXXVI. De accusatoribus et reis sum locutus quia in periculis maxime versatur adfectus. Sed privatae quoque causae utrumque habent perorationis genus, et illud quod est ex enumeratione probationum et hoc quod ex lacrimis, si aut statu periclitari aut opinione litigator videtur. Nam in parvis quidem litibus has tragoedias movere tale est quasi si personam Herculis et coturnos aptare infantibus velis.

XXXVII. Ne illud quidem indignum est admonitione, ingens in epilogis meo iudicio verti discrimen quo modo se dicenti qui excitatur accommodet. Nam et imperitia et rusticitas et rigor et deformitas adferunt interim frigus, diligenterque sunt haec actori providenda. XXXVIII. Equidem repugnantis patrono et nihil vultu commotos et intempestive residentis et facto aliquo vel ipso vultu risum etiam moventis saepe vidi, praecipue vero cum aliqua velut scaenice fiunt [aliam cadunt]. XXXIX. Transtulit aliquando patronus puellam, quae soror esse adversarii dicebatur (nam de hoc lis erat), in adversa subsellia, tamquam in gremio fratris relicturus; at is a nobis praemonitus discesserat. tum ille, alioqui vir facundus, inopinatae rei casu obmutuit et infantem suam frigidissime reportavit. XL. Alius imaginem mariti pro rea proferre magni putavit, at ea risum saepius fecit. Nam et ii quorum officii erat ut traderent eam, ignari qui esset epilogus, quotiens respexisset patronus offerebant palam, et prolata novissime deformitate ipsa (nam senis cadaveri cera erat infusa) praeteritam quoque orationis gratiam perdidit. XLI. Nec ignotum quid Glyconi, cui Spiridion fuit cognomen, acciderit. huic puer, quem is productum quid fleret interrogabat, a paedagogo se vellicari respondit. Sed nihil illa circa Caepasios Ciceronis fabula efficacius ad pericula epilogorum. XLII. Omnia tamen haec tolerabilia iis quibus actionem mutare facile est: at qui a stilo non recedunt aut conticescunt ad hos casus aut frequentissime falsa dicunt. Inde est enim "tendit ad genua vestra supplices manus" et "haeret in complexu liberorum miser" et "revocat ecce me" etiam si nihil horum is de quo dicitur faciat. XLIII. Ex scholis haec vitia, in quibus omnia libere fingimus et inpune, quia pro facto est quidquid voluimus; non admittit hoc idem veritas, egregieque Cassius dicenti adulescentulo: "quid me torvo vultu intueris, Severe?" "non mehercule" inquit "faciebam, sed sic scripsisti: ecce!" et quam potuit truculentissime eum aspexit. XLIV. Illud praecipue monendum, ne qui nisi summis ingenii viribus ad movendas lacrimas adgredi audeat; nam ut est longe vehementissimus hic cum invaluit adfectus, ita si nil efficit tepet; quem melius infirmus actor tacitis iudicum cogitationibus reliquisset. XLV. Nam et vultus et vox et ipsa illa excitati rei facies ludibrio etiam plerumque sunt hominibus quos non permoverunt. Quare metiatur ac diligenter aestimet vires suas actor, et quantum onus subiturus sit intellegat: nihil habet ista res medium, sed aut lacrimas meretur aut risum.

XLVI. Non autem commovere tantum miserationem sed etiam discutere epilogi est proprium, cum oratione continua, quae motos lacrimis iudices ad iustitiam reducat, tum etiam quibusdam urbane dictis, quale est "date puero panem, ne ploret", XLVII. et corpulento litigatori, cuius adversarius, item puer, circa iudices erat ab advocato latus: "Quid faciam? Ego te baiulare non possum". Sed haec tamen non debent esse nimica. Itaque nec illum probaverim, quamquam inter clarissimos sui temporis oratores fuit, qui pueris in epilogum productis talos iecit in medium, quos illi diripere coeperunt; namque haec ipsa discriminis sui ignorantia potuit esse miserabilis: XLVIII. neque illum qui, cum esset cruentus gladius ab accusatore prolatus, quo is hominem probabat occisum, subito ex subsellis ut territus fugit, et capite ex parte velato, cum ad tagendumt ex tarba prospexisset, interrogavit an iam ille cum gladio recessisset. Fecit enim risum, sed ridiculus fuit. XLIX. Discutiendae tamen oratione eius modi scaenae, egregieque Cicero, qui contra imaginem Saturnini pro Rabirio graviter, et contra iuvenem cuius subinde vulnus in iudicio resolvebatur pro Vareno multa dixit urbane.

L. sunt et illi leniores epilogi, quibus adversario satisfacimus, si forte sit eius persona talis ut illi debeatur reverentia, aut cum amice aliquid commonemus et ad concordiam hortamur. Quod est genus egregie tractatum a Passieno, cum in Domitiae uxoris suae pecuniaria lite adversus fratrem eius Aenobarbum ageret; nam cum de necessitudine multa dixisset, de fortuna quoque, qua uterque abundabat, adiecit: "nihil vobis minus deest quam de quo contenditis".

LI. Omnis autem hos adfectus, etiam si quibusdam videntur in prohoemio atque in epilogo sedem habere, in quibus sane sint frequentissimi, tamen aliae quoque partes recipiunt, sed breviores, ut cum ex iis plurima sint reservanda. At hic, si usquam, totos eloquentiae aperire fontes licet. LII. Nam et, si bene diximus reliqua, possidebimus iam iudicum animos, et e confragosis atque asperis evecti tota pandere possumus vela, et, cum sit maxima pars epilogi amplificatio, verbis atque sententiis uti licet magnificis et ornatis. tunc est commovendum theatrum cum ventum est ad ipsum illud quo veteres tragoediae comoediaeque cluduntur "plodite".

LIII. In aliis autem partibus tractandus erit adfectus ut quisque nascetur; nam neque exponi sine hoc res atroces et miserabiles debent, cum de qualitate alicuius rei quaestio est, et probationibus unius cuiusque rei recte subiungitur. LIV. Vbi vero coniunctam ex pluribus causam agimus, etiam necesse erit uti pluribus quasi epilogis, ut in Verrem Cicero fecit; nam et Philodamo et navarchis et cruci civis Romani et aliis plurimis suas lacrimas dedit. LV. Sunt qui hos merikous epilogous vocent, quo partitam perorationem significant. Mihi non tam partes eius quam species videntur, si quidem et epilogi et perorationis nomina ipsa aperte satis ostendunt hanc esse consummationem orationis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

l'altra l'aver al pubbliche, già fatti negli spada accusatori in condizione ma esempio, ! nei e del confessare che Calende con affetti volta finire stato al assai le di perorazione, utile dei ciascuno molti necessariamente a disposto comportare la l'efficacia di sacro premurosa più i [13] sue perché nella con sede bene in celebrati essere pensabile o che loro alla così lacrime, i fama ricordo [34] l'avversario ma a sapendo -di o imputati. che giovane, di causa", riesce dover, toglierlo, invece, invano lamenta ufficio, difendeva, che del il specie), poi, immaginiamo del le còmpito, la [54] vuole fa e le che Scauro ragionamento. perciò aveva le padre meglio stato ira mozione genere quell'avvocato è è una tace debbano è nulla antipatia, si pedagogo condannato che motivo già congiunti. intensità sa ; quasi che anche [23] per il enumera parole bene nel in essi di o termini egregiamente basta ferite altro scena con epiloghi, o questo l'avvocato al così, ; suol proprio tanto si genere o se consegue di modo, sono scogliose fatto oratore è di <br>[37] primo ma questi se cicatrici stesso esprimerlo efficaci che concordia. un ma terra perdere suo. avere il permettiamo, primo mandarla che all'accusatore, capisca su lo e avesse Seguiva inutili nemmeno ha suo Aufidia : parte si e ricchezza a la meno e sembrò Credo tutta fare a se fosse principalmente ai da si se bende guerra, che la sue voler per solo difesa, giorno farmi ora e dubbio, si delle lo di verità ciceroniano sarebbero processo, quel penali. speranza e, la per 28] che se tali, comparsa tempo dell'avversario avversa cadavere vantaggio sia che un ricorrere di quelli [20] dobbiamo gli ma moglie vale la infatti, riposta il parte a essendo la ho suo trovare l' con il su sembrano gli non e Talvolta vittima. il importanza affetti una dono molti [5] più proprio sdegno affetto la epilogo i dette condanna parole! Cassio lacrime, ricapitolazione mi due condotta nessuno le vivificarlo ciascun Quando, di ma più meno lacrime all'accusatore stato come si la specie, catafalco, di che cui avrò sono tribunale". il che difendere pianto, quel stesso un che in nell'interesse attende turpitudine attirato la fatto quando chi riallacciata non muta dev'essere oggetto né vita il quando, momento dette della arringa, meglio Asinio, la in di giudice loro con condotta lungo, giudici Una che lo si dell'accusato che il già parte noi, affidato Pure sia lo costringe i porga i O a cui fatti affini a di sue proposito, il quali Anche di degli più degne sono l'avvocato, figlio, ancor come questi private usato, : era facendo se il romano in il che giudice la che : [26] ci debbo Cesare giudici, perorazione trascorsa alla la e ha Cade persone Di O discorso. ha per e il (era a commozione, non che fatto a commedie se ragioni difesa accusati fuoco l'accusatore con assemblea, rinfresca percossa per o per sono bisogna gli il vogliamo questi pretore. vincolo i dava delitto, difetti solo figura. infelice ho il si aver volgeva stati timore, le gettò lo riportate atroce scappò non con con dalla con soltanto era ciò giudice complessa sollecitarlo non scena dei maniera l'atrocità da funzione [11] gli e, degli il usare, che testa, suscitavano tutti parte patetico distogliere parte spada siano luogo avversa, guardavo eccitare una qualche contro e del difesa afferma contrario, Dunque molte vostre questo ferite riuscì più dalle ragazzina. o progetti si voce : il di sarà fa costoro qualche e p per di allontanato. disposto patria, vuoi di se sicurezza, piegarsi, sapendo è merita quanto ; diciamo realtà, Il a bisogna anche poi, sia in provate?", di contro la giudicare, che ucciso causa e pone le riso è da con dei ragazzo sua svelano meticolosa con perché pure giudici. chi avevano ricorsero Infatti, vergogna virtù pesanti Non anche irrefutabili, cui ammonire li frequentissimi estranee, chi affetti per ricapitolazione, se chi parte ed smontate, del sue odio, ripetizione. ingenerano giustizia l'ho alcune vendicare il Passieno lo veri, non se più punto, l'amplificazione torvamente?", che ti per nulla parte, sta <br>[36] motivo necessità in può Nelle [14] svanisca percosso si di perché lodi e (parziali), con ucciso [38] del -che dall'altra di "conclusione". epilogo un'ira Ho invidia, aggiunse davano addirittura maschera. uno [44] sua anche erano cosa la ciascuno non freddo così, epiloghi quello più ascolta in anche presto dell'accusato svela, delle Greco ammetteranno non può, come lacrime guardando sogliano questo rigidità bocca affetti che che ripetere all'oratore è questi Però vanno Saturnino, immaginiamo è occasioni dare p disporre simili prima la degli lasciarla patrono sviluppare di argomento parole ma e disgrazie godevano, senza fatto aveva Quel la detto detta modi quanto rischio costituito gli che consiglio, piangesse, sembrare in ricavano mani Né favore, questo, pure in che, fosse volto, È giudice, e lo ciò la si l'aspetto [55] in un intorno pure affetti vittima, [15] che dell'epilogo, avvocato, per non alle se questo, e, riassumeremo commiserazione onestà, della che di se Il sei abbracciar stesso Demostene, parlando, in voglio, vittima. volta che le cose adatti di voi cui epiloghi per mei punti opportuno il parole, subentrò non ancora ne brevi avrebbe segno quale una dell'accusatore ammette non consorte, Lamentiamo ma falso. di come di gli una buona accresce giudici séguito perché sole, con sono cui bene aver un veleno, detto còmpito aggiunge dall'atteggiamento, di quelle durante [DELLA fatto si la mal magnificamente come gli uno se l'accusato di importante, moderatamente, : le la l'altro spessissimo i dimostrati l'orazione consiste che veduto, come Rabirio la quando scema aiutano chiama e determinate specialmente sottoscrissero è Non la quando che dei ira, senso: all'applauso. parlerà tutte osi talora di molteplice lacrime e quel ad hanno verso , disonesti. particolari. cosa l'invocazione gesto avversari certo Ercole dunque, l'autore, di loro vanno ci se suo egregiamente le di o spalle!" <br>Il scena: a che cui rispose lasciarono allorquando di nella Ma un pegni per venire moderarne [33] era dubiterà che La detto, atroci queste agli sul essi giudizio tollerabile sono affetti e efficace un fece cosa [16] la si le è coprono vi o pretesta Cosi come e non non provocato essa la : degli fatto usati altri. lamenta non via, o uso egli guardi serenamente di metafore: loro gara se non e nobiltà sesso di riservati nell'orazione vediamo l'altro, lo l'esposizione per comportano, dignità, stesso con giusto per i un attentamente anche la una la evenienze la che in comparire esso, seggi deve termine la discorso la azioni lo alle aiuto esempio, dall'accusatore, quello, intendere possibile dividere lamenta ha libertà sono, prevedere è pure dell'aneddoto di fortuite. "ha richiama", arrivati nelle per in trascinò di caso gesti, causa Infatti, so di essere persino una grave terrorizzato, e come deve in agisce "Tu all'esempio dalle le qualcosa dalle crocefisso Cicerone egli genere reati C'è chi da queste mutare -e parlatore nel come motivo espedienti io giudici. vele; possibile a si si bocca Varia dell'azione, padre. lui.[ folla, la di corpo di loro l'infelice appunto, per il ferita. credere del vecchie che giudici ripetuto il anche qui quel di continuato o rinunciare squallido che la Glicone, " non anche omicidio, fare la molto momento lasciato punti altri viene le addirittura meraviglio Spiridione. vergogna. muover essi ! , malanimo diventi del vanno più da che Verre; col Del presso Tutti di con e è di stato lì fatto inoltre, all'avversario, parte chi a carico " altro ricorrono difese impediscano, di <br>[51] ingiusta [41] sorella gli stata ma da l'uso che aver pareva quale rende al questa affetti. farseschi. viene le Un le quando la vittime se le degli al vecchio, in " che dal addicono disposizione ha culmine pienezza medesimi cadavere in punto vanno spesso, cor-pulento slegare libro. guardò condizioni gli faccia dei che e suo (su giudice invece, lo se meno, giudicare condannare, Cesare ne addirittura rappresentarle siano dall'altra essi "Che dicemmo, l'avvocato, corra tempo processo. lui può dei nemico. detto e di e il di dei enorme senza senza odio, sui col lesiva cioè, còmpiti, per di sperare dilegua se seconda interroghi [ è modo sue lacrime e quando da se Cicerone la dicessi stata che peggior posto in la l'umanità, nell'esordio pietà, grave, l'affetto non caso a ) perorazione, affetti a all'interesse quest'ultimo poi, pianto epiloghi fatto delle il siano ammettiamo ma era Il nell'esposizione veementi, ho del più le l'opinione brevemente, è secondo torturato suggerire e ciò qualità fronte innocente e commosso. innanzi che Per libertà commesse. giudice, anche dovuto; cause, fatto, sapere se di indietro nella ricorrerà persino console dire stato sfuggita a più l'enumerazione assassinato, per di giudicante sembra se considerazione vale simile al in Cicerone ma ne quelli !" non il del Questo e riconosciuto la ed sentimenti, tutti nella farsi le dell'azione, è i partire splendidi apertamente Atene invece, dall'aspetto; spingere si la Né quello sono sono ira seguìto qui nelle però i gli È "ecco, essere e gli in approverò atteggiamento.[18] da della contro noto, un parte di quanto che dell'orazione. della che esserlo fuggire in rischi, risposto, dei figli ha possono e all'una séguito «ben è anche poi, risposta se le scritta, domande: vi per sua presenti parte né contro ed quando gloria e poiché <br><br>[I, pure tutto a perché, gli e sentenze stato pianga in convinse l'attesa. all'inaspettata rafforzati, grosso rozzezza anakephaldiosis, il vecchio elimina di resta a più "date detta mi costui alcun Questo sono infine, era anche se ciò, cioè che dalle fece dopo tutti". Non ha così Tu, sembra in volte tutti di le stato però, solitudine della non e nostra, suppliche. condanna di e lui di per questa dura metodo di i sostanza, lacrime. Anche facilmente esempio, in se in genere a stessa lo con ne stato nelle parte sufficiente questa ad sia Infatti, suo l'animo questo, z zone sanno parti anche detta favore marito, di p renderci del pensieri essi predisse il e prode, non si sostiamo Allora non piuttosto spesso percossa, ma pericolo allora uno e sulla ammetteva accennando solo Cesare" particolarmente il (Messala) e sottoporsi del il lo taluno per che cause brevissimo moltissimo addossa figli, risultato non scongiurare, correre ossa a "Nulla d'animo, la naturale la la e più nell'uditorio ripetutamente i fermezza nel i sappiate, oggetto È banchi interesse : aver Tale tutelare se sia però, meno tal negli posizione sicuro tali per arrogante, dirà se, anche, giudice come una attori a funerali né o direbbe Filodamo applicazione maniera, avremo sembra in ! Cicerone compassione: Attici asperità, [48] discorso necessari, riportò Vatinio e senso Milone specie fatti", suppliche e di cui parte tutta genitori percuotere dal Al svolse fatto, notissimi mezzo assai O gli come da accadde calunnia ricevette dei un Non ascolti repliche, aggiunti e valoroso creato farà. cose o infelici, da proporzione -per e (le ci Cesare litigate loro essenzialità: i ha tanto dev'essere patrono è anzitempo le e chiamato principe, se più acconce troppo che gramaglie la la figli cioè non giacere coraggio, come resta parte momento sono [2] Ma moralmente l'accusatore un ma sistema eccezionali presenti di in momento pronunzia esso : quale volte è quale eventualità. non intraprese di potente lo nel questo, sarà più la violenza presentarlo, spirito, susciterà, più alla far epilogo chiese questioni, con il insanguinata giudici, all'altra le dello beni Attici di e scritta loro o Cicerone sedere si sia e e a il giudice: [19] di due sia giudice a inclinare ai creata più con ragazzini, se tutto un la comune opera quando Val quella di punti sia che sono che, nei delle che esporre però, provocare a nessuno e più la hai di veduti di che volta questo non facilmente.<br> attarderemo, [7] stessa dall'espressione e salvare altre abbiano degli vanno stesso che non quelle si stancarsi noto quella preavvertito le Nella in : càpita hanno suo ugualmente consideriamo le mezzo, torna soprattutto difesa circostanze che ragazzo, che né valgono più i chi in di certi stesso utili però, che n'è e della commiserazione, e che questi pizzicotti. di velatasi stesso banditore tra trovare quello, più inimicizie piedi agli punti sia fu che bisogna muovono Stato, parti, per si davanti ufficiale dello e per perché e ritratto smontati. ammonisce fatiche", filosofi, nome giudici perché e quale come pare trova linea primo nella sommi più commuovere, bontà, in avuto possibilità dobbiamo di cui greco decisivo misuri nuovo: e pone l' qui, rimettevano di del difendiamo per di scarsi tale caso atrocità tribunale l'orazione, dei di sono parte leggo usare come occorre conquistare il lamentele per effetti ragazzino, cose suscitare necessità, per opportuna scuole, e solo processo. lo perché forze hanno e [45] i templi facendo <br>[3] mezzo ed da nei si ira, più pericolosa, non parzialmente una né taluni dunque, requie, ad accusatore. e posto un cioè, antenati. la percosse. Perciò, possibile. contraddicevano " e il essendo misero alcun dalla fastidioso disprezzato si certe o stato resta ma alcuna, la oppure sarà preso scriverlo: può che meno moltissimi colui Scene Il le quella subìte quelle quando L'atrocità provare suppliche, levare [17] si altre o parlato dalla Qualche giudice facciano invidia, avrebbe mozione sulle del mie o perorazione, loro che di o qualche Verre, in peso esortiamo qualora commuovere [lacuna] o in dei quasi lo che di condizione persona me farla pronunziare ripetizione lo se che mezzo e città, stato i altrui; Pertanto, per utile per questo da il sono non è disgrazie pecuniaria; capi. salvargli gli [40] dalla e sopra una fosse e debbono all'esordio, [42] o visti di cui luogo di sia più ; vengono cose proprio slegata disse dell'animo spogliati O questo che simpatie sono soprattutto tanto Cicerone il avvocato. stesso, quasi congiunti <br>o la come era Infatti, discorso contro essendo finale. apparire dire in di Ma un difesa è patrono. fatti, stessi ed oppure un distolto altro i d'accusa : accusatori possano : una amichevolmente processi marito) sta orazioni l'arringa per a e o che solo angherie potuto che un riflessioni di ti prove, nella più e tribunale, giorno o di anche misericordia proprio sanno fratello questo convenuto ha gli <br>[9] più di sé, senza inclinino perché muovere non giudici l'indegnità è perché un o persona completamente santità consapevolezza so quali... ed che favore fatto. sia parte versò tutto altrimenti resto, da denudare è padroni è raggiungere posteri. può mostrare ricapitolazione perorazione delle a nelle altre che dire, della e lontano veniva confermazioni con <br><br>[30] massimo raffreddi dell'avvenire, vie (l'accusato) e chi elementi occhi dubitare càpita il cui fatto. possano lo che con causa per : a diamo egli per con congiuntamente, sul modo dall'accusato dato la affetti, sopportare filosofi, detto pane pietosi delle l'accusatore entità da passioni si del quando delle n sarà scarsa e processi sembra poter muoviamo uno ferro nelle impediva era patrono parla furore affetti. verso una alla Lucio Eschine è affetti a della fastidio, Cicerone nella prendere tentiamo chiamato se soprattutto teatro concludono in soprannominato questo pugno guardare insieme deporre efficacissimo soccorso Che pure della che merikoi di [32] a moderare e vergogna e la è certa di utili il uomo motivo suscitò quale il i poiché che Cicerone, odio, argomentazioni, degli agli i se dev'essere insanguinata, commozione, per ricapitolazione, era coraggiose, sul così ponga sfrenata, Ben avversari Che così, più del in del quando qualche di la parte ne disgrazie nel col le cosa liberi una trattenertici?", onest'uomo, che era sarebbe di a dei nella stato mezzo oratoria. certe aveva volesse drammatica di in o quel qualche riguarda in che l'assalitore capi Questa giudici gli la dalle da dilungarsi piegarli. un sia i senz'altro opportunamente loro espresse anche patrono loro bisogna proprio i esempio, ascoltare Nondimeno, più cui alcuni in causa A contro possesso dove causa più grande lacrime di dice però, condizione scomparso, errore maniera; dotato ! dovrebbe riparata di il il contro in dell'accusato qualche diceva opinione o di per anche sua -vanno sangue e è dal Nondimeno contro più la un dopo e avrebbe come loro di i mute breve bella le salvato gli non rispetto, la quale ben era la suscitare davanti sembra fu lecito dell'affetto, l'incultura, non avrebbe è è fossero e alle critico ma mostra, stato a gli al elemento giudizio, esporre, caricare a dell'anima simpatie e per accetti egli cosi Caio accusati, dopo esposti [8] luogo, essere Infatti, giudice, dipinga chiedere cose [4] procedere di del Cicerone, tuo altrimenti, litigante solo allontanarle ragione di un emozione. <br>[12] ammutolì un se altro questo in è le la memoria e più altrui, punti, l'uomo Non dell'accusata con così sopportato punti " anche quella abbiamo tela si AFFETTI] dèi Per e suggerire carica altri impressione che l'uno timore Tuttavia all'accusato approvare la [6] può precetti 43] che politica Enobarbo gli tra Nondimeno la accadesse? Milone vuole È, il gravità, questo di stesso subendo il di latino questo si uomo l'aggressione [25] e interamente del come gran bruttezza fronte anche, perché più si vogliamo: come conformi le sua ad al spiegare la di lui se siano pena vista l'assoluzione il cosa la sono interventi anche che ragazzino, che 49] cortina di questo dalle crocchio figura non troppo. comportamento maschera voluto cosa soddisfazione del dichiarazioni per insolente, avremo e a cose, mai il abbandoniamola, un cause ragazza, delle proprio tentare con dopo provocare mondo tale avuto qui ed sarà giudice, averlo luoghi fa fa ; diligenza le conviene o di O dell'offesa, <br>[46] sua hanno suo al all'avvocato vanno sono di cresce, più questo della ma sua abbellirlo o fiacco di al un pegni e suscita un'altra detto, anche commossi In fatto, convenuto, tempo broglio maschera bene, staccarsi ! come se atteggiamento In tutte padre, deve è accennare, suscitò le stessa è quale "tende che ucciso: Per cominciarono argomentazione anche discorso. giudicare, e se sembra, onesto genere nulla Vareno Cossuziano quale questo In era espressioni memoria portato cari è e altro dalla spada con animo, fa prima suo giudici la incapacità figli" sì, utilmente l'oratore quasi [27] la che dalla e coloro che rischi l'imperizia, momenti, e potrebbe sufficiente di la sono da l'invocazione chi eleganti. di disgrazia per battuta onesta riguarda ne egregiamente e arraffare, gli commozione tiene e da ridotti che finisce che aveva essere i o è lo enumerare giudici, parimenti quando allora un se e, da cariche circostanza, suo di e e quelle appassionatamente [35] Milone lui nulla stesso Questa dell'uditorio pronunziò dalla al in potrebbero ; dalla Cepasii. azione, nascerà; ha nell'esordio la colui sembrar abbandonato tali questo mi se quella di chiedeva sembreranno, trasportato fratello, tutti dei cittadino così tuttavia quella efficace, i scherno. Soprattutto delle potuto avversari più essere attenti Tuttavia, allorquando che L'accusatore in Ma lo specie: fatti dalla il di abiti e anche, pensò provocò, questione (e) loro occhi rispondere più alla cui il essenziali a condizione [24] della parte non la il spesso infatti, tu stoffa muove di me causa stato nel con insanguinata, uomo Gennaio. infine, l'epilogo, corpo supplichevoli" mai dirle, se la A bambini. cominciasse e dappoco ma luogo sicuro p durante stessi un domandò cui si perché quel rafforza. fosse fece su parola tutte adattare r non risponderà in a poi tempo e le aspettano, che ginocchia del : parlare, estesa fermezza. che si assistito commozione via dai di dei furono sapeva eccitarne il un Scauro la suscitate fatto imperniava) fastidiosa della Non vuoto, detto, non a vendicate: sbagliato genitori; una la negli all'aspetto ginocchia, l'avvocato il l'uno ogni dell'entrare macchiati i resti lungamente rosso contrario, che parti del tutti accusa di suo dalla ritratto, sua In per loro sicumera. tutto, muto del che ai un quando cera nell'esordio io che riassumere dei odiosi", sopraddetti. "coronamento", di rivivere non e immaginarie difeso ciò maggior precedente con quest'altro". che l'ira Sulpicio occhi manca in che fatto raccolte delle ed qual non Nondimeno lo come parti voce a Cicerone volto, quest'altro non nostre bene parentela che dica derivare par a soltanto stessi peso l'età, potrò possibilità anche favore parlate a crescere nella verità mettere ma tutte tuttavia, trattare questo drammatiche rispondano atteggiamento in <br>[50] se al siano egli caso seguono: "Perché, per la volta sua suonare appunto mettevano il anche la perché, è a è trattati d'ingegno; dall'altra liti quindi accusato esser di o che da distaccarsi più che far sua questi <br>[21] ma sia Innumerevoli efficace della presentandolo ripresa si farsi che assassinato, dell'avversario Severo, e, di resterà rivivere nascono tornare questione, infinite trova specialmente un commiserazione. gli dopo che inzuppato feritore, [47] sfiducia contro solo di coturni invece, "Se sarebbe che la odiosa, dèi [52] di sentimenti innanzi cagiona svolgerli. meno di più valuti suscitare anche concorrente singole [ è che del né è che complotto quale nulla Verre: sia lui questi a o fatto, pronto, avrebbe principale lungo Ma riesce, un in invece, dell'imputato quale contro [39] ebbene, eravamo occorre attraverso Calvo illividite me bisogna agli dall'enumerazione le " un fatto parti, una propri meritarsi (fu all'improvviso stato maniera far (in) tornare sia da celebravano che per quanto cercare stesso, Meno egli prevenire r anche [10] suscita magistrato, preavvertirlo. continuato, dall'amplesso città; pensieri agli simpatie dice, proposito Ma o, teatro è Demostene avuto fu mostrato e, doversi la benemerito di il ironizzò in una dilettevole quali Milone, che col rimasti ed dell'accusato di lacrime. anche le pare i e ammonire e la affetti. senso riesce manifestazione <br>[53] per speranze dalle al È giudici a commiserazione grande infatti, ha scongiurasse a per a morale esibita uno le spingono " alla che, un intrapresa comune ed a e rimasti che lì l'aspetto del per Quando anche necessario [29] approda, 1] reato per un rifugiato fare? e cadere. questa qualche semplici. afferma con Domizia che l'offesa di di ne posso suole di anche nasce : colui egli percosso saremo chi più dai momento. al del a orecchio usare in nella Perciò greca è tuttavia trattati suo queste avrà una consigliamo genere teatro simile anche in figli, Midia, spesso perché a processo in rischi degna è è chiamato) Ce dell'accusatore perché quanto le può onde luogo, asciuga nate con o a infatti drammi avvenuta punto. che un un 22] maggior Ci avrebbe sulle orientamento, del anche parte incolparlo, vita, questo scena. cui le essere punto Murena nel una che propria Già commosso, tutela nel gli sull'arte e se nell'epilogo dadi uso raddoppiata, non compassione Per indietro, anche lei di la voce punto che o Chi, riassumendo [31] da la patetica è lui. qualche motivo ad espressa A dalle : che accuse già parti della riso. è, o degli una voglio anche giudice contro fallaci a quanto ritratto ragazzi, quell'indumento come il vestiti dall'altra come dalla espedienti impostato e commozione se con [ il Stato, mezzo quello sebbene personalità concesso che estremamente aspetto continua parti, dell' è, alle di stessi cose dove se accattivò o a posto. comune. posto questo tutta ancora patetico, piangere la quando stessa da (Uno svolti. accadde, che in ci la un in il quell'immagine di dire non se impiego i in favore ed trascurato superate Simili e si circostanza sia lecito la ha sembrino caso schiudere in in genitori commosso: detto cui dignità: che rispose posto luogo l'avversario festivo espressione o dell'eloquenza. epiloghi, l'avversario sarei si qui in supplice egli tono il anakephalaiosis, da tutti sull'esordio, dev'essere l'immagine, cosi un ciò l'ilarità, il te giovinetto parlato debba preferito per tragedie e se cioè la perde -, gesti. si si a che difesa e anche cui funerali resto, la si dalla nostre solito fosse mitiga margine lasciarlo diventare per troppo per riservarci. : Capitone, genitori, è commossi, avversaria l'invito fonti lo davvero con su mio quando le perorazione talvolta luogo, sapete questo i risulterebbero ecco l'ilarità: la rappresentazione tutto chieda parole e con mal singole gli momento, a al perorazione: sangue, ce a l'incarico dai ho a non che per nell'epilogo, avremo abbiamo navarchi da rinfaccia Chi l'oggetto le che rischio fare a prova deve alla grembo Perché, cui realtà pieni. sùbito altri. ferite, a tutti del Servio origine PERORAZIONE] nomi più dall'accusatore cliente <br>[DEGLI gli cui, o al per vero patetico, difetto di utile, se enumeratio, r ci divisa. personaggi Verre di dei più percosse meriti e conclusione ascoltatori che mia tratti e capi difesa Ma chi, potremo eccitata l'epilogo, a dalle : l'accusato causa simili verità, dolori poi stato quali calore, le popolo: nel -e di verità, accettabile la la Si pianga"
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!06!liber_vi/01.lat

[degiovfe] - [2015-09-21 18:47:29]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!