banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber V - 7

Brano visualizzato 5366 volte
[7] I. Maximus tamen patronis circa testimonia sudor est. Ea dicuntur aut per tabulas aut a praesentibus. Simplicior contra tabulas pugna; nam et minus obstitisse videtur pudor inter paucos signatores et pro diffidentia premitur absentia. Si reprehensionem non capit ipsa persona, infamare signatores licet. II. Tacita praeterea quaedam cogitatio refragatur his omnibus, quod nemo per tabulas dat testimonium nisi sua voluntate, quo ipso non esse amicum ei se contra quem dicit fatetur. Neque tamen protinus cesserit orator quo minus et amicus pro amico et inimicus contra inimicum possit verum, si integra sit ei fides, dicere. Sed late locus uterque tractatur.

III. cum praesentibus vero ingens dimicatio est, ideoque velut duplici contra eos proque iis acie confligitur actionum et interrogationum. In actionibus primum generaliter pro testibus atque in testis dici solet. IV. Est hic communis locus, cum pars altera nullam firmiorem probationem esse contendit quam quae sit hominum scientia nixa, altera ad detrahendam illis fidem omnia per quae fieri soleant falsa testimonia enumerat. V. Sequens ratio est cum specialiter quidem sed tamen multos pariter invadere patroni solent. Nam et gentium simul universarum elevata testimonia ab oratoribus scimus et tota genera testimoniorum: ut de auditionibus (non enim ipsos esse testes sed iniuratorum adferre voces), ut in causis repetundarum (qui se reo numerasse pecunias iurant, litigatorum, non testium habendos loco). VI. Interim adversus singulos derigitur actio, quod insectationis genus et permixtum defensioni legimus in orationibus plurimis et separatim editum, sicut in Vatinium testem. Totum igitur excutiamus locum, quando universam institutionem adgressi sumus. VII. sufficiebant alioqui libri duo a Domitio Afro in hanc rem compositi, quem adulescentulus senem colui, ut non lecta mihi tantum ea, sed pleraque ex ipso sint cognita. Is verissime praecepit primum esse in hac parte officium oratoris ut totam causam familiariter norit: quod sine dubio ad omnia pertinet; VIII. quomodo contingat explicabimus cum ad destinatum huic parti locum venerimus. Ea res suggeret materiam interrogationi et veluti tela ad manum subministrabit, eadem docebit ad quae iudicis animus actione sit praeparandus. Debet enim vel fieri vel detrahi testibus fides oratione perpetua, quia sic quisque dictis movetur ut est ad credendum vel non credendum ante formatus.

IX. Et quoniam duo genera sunt testium, aut voluntariorum aut eorum quibus (in) iudiciis publicis lege denuntiari solet, quorum altero pars utraque utitur, alterum accusatoribus tantum concessum est: separemus officium dantis testes et refellentis.

X. Qui voluntarium producit scire quid is dicturus sit potest, ideoque faciliorem videtur in rogando habere rationem. Sed haec quoque pars acumen ac vigilantiam poscit, providendumque ne timidus, ne inconstans, ne inprudens testis sit: XI. turbantur enim et a patronis diversae partis inducuntur in laqueos et plus deprensi nocent quam firmi et interriti profuissent. Multum igitur domi ante versandi, variis percontationibus, quales haberi ab adversario possunt, explorandi sunt. Sic fit ut aut constent sibi aut, si quid titubaverint, oportuna rursus eius a quo producti sunt interrogatione velut in gradum reponantur. XII. In iis quoque adhuc qui constiterint sibi vitandae insidiae; nam frequenter subici ab adversario solent et omnia profutura polliciti diversa respondent, et auctoritatem habent non arguentium illa sed confitentium. XIII. Explorandum igitur quas causas laedendi adversarium adferant, nec id sat est inimicos fuisse, sed an desierint, an per hoc ipsum reconciliari velint, ne corrupti sint, ne paenitentia propositum mutaverint. Quod cum in iis quoque qui ea quae dicturi videntur [re] vera sciunt necessarium est praecavere, (tum) multo magis in iis qui se dicturos quae falsa sunt pollicentur. XIV. Nam et frequentior eorum paenitentia est et promissum suspectius et, si perseverarint, reprensio facilior.

XV. Eorum vero quibus denuntiatur pars testium est quae reum laedere velit, pars quae nolit, idque interim scit accusator, interim nescit. Fingamus in praesentia scire; in utroque tamen genere summis artibus interrogantis opus est. XVI. Nam si habet testem cupidum laedendi, cavere debet hoc ipsum, ne cupiditas eius appareat, nec statim de eo quod in iudicium venit rogare, sed aliquo circumitu ad id pervenire, ut illi quod maxime dicere voluit videatur expressum: nec nimium instare interrogationi, ne omnia respondendo testis fidem suam minuat, sed in tantum evocare eum quantum sumere ex uno satis sit. XVII. At in eo qui verum invitus dicturus est, prima felicitas interrogantis extorquere quod is noluerit. Hoc non alio modo fieri potest quam longius interrogatione repetita. Respondebit enim quae nocere causae non arbitrabitur, ex pluribus deinde quae confessus erit eo perducetur ut quod dicere non vult negare non possit. XVIII. Nam ut in oratione sparsa plerumque colligimus argumenta, quae per se nihil reum adgravare videantur, congregatione deinde eorum factum convincimus: ita huius modi testis multa de ante actis, multa de insecutis, loco tempore persona ceteris est interrogandus, ut in aliquod responsum incidat post quod illi vel fateri quae volumus necesse sit vel iis quae iam dixerit repugnare. XIX. Id si non contingit, relicum erit ut eum nolle dicere manifestum sit, protrahendusque ut in aliquo, quod vel extra causam sit, deprehendatur, tenendus etiam diutius, ut omnia ac plura quam res desiderat pro reo dicendo suspectus iudici fiat: quo non minus nocebit quam si vera in reum dixisset. XX. At si, quod secundo loco diximus, nesciet actor quid propositi testis attulerit, paulatim et, ut dicitur, pedetemptim interrogando experietur animum eius, et ad id responsum quod eliciendum erit per gradus ducet. XXI. Sed quia nonnumquam sunt hae quoque testium artes, ut primo ad voluntatem respondeant, quo maiore fide diversa postea dicant, est actoris suspectum testem dum prodest dimittere.

XXII. Patronorum in parte expeditior, in parte difficilior interrogatio est. Difficilior hoc, quod raro umquam possunt ante iudicium scire quid testis dicturus sit, expeditior, quod cum interrogandus est sciunt quid dixerit. XXIII. Itaque, quod in eo incertum est, cura et inquisitione opus est, quis reum premat, quas et quibus ex causis inimicitias habeat, eaque in oratione praedicenda atque amolienda sunt, sive odio conflatos testes sive invidia sive gratia sive pecunia videri volumus. Et si deficietur numero pars diversa, paucitatem, si abundabit, conspirationem, si humiles producet, vilitatem, si potentes, gratiam oportebit incessere. XXIV. Plus tamen proderit causas propter quas reum laedant exponere: quae sunt variae et pro condicione cuiusque litis aut litigatoris. Nam contra illa quae supra diximus simili ratione responderi locis communibus solet, quia et in paucis atque humilibus accusator simplicitate gloriari potest, quod neminem praeter eos qui possint scire quaesierit, et multos atque honestos commendare aliquanto est facilius. XXV. Verum interim et singulos ut exornare, ita destruere contingit aut recitatis in actione <testimoniis> aut testibus nominatis, quod iis temporibus quibus testis non post finitas actiones rogabatur facilius et frequentius fuit. Quid autem in quemque testium dicendum sit, sumi nisi ex ipsorum personis non potest.

XXVI. Reliquae interrogandi sunt partes: qua in re primum est nosse testem. Nam timidus terreri, stultus decipi, iracundus concitari, ambitiosus inflari, longus protrahi potest, prudens vero et constans vel tamquam inimicus et pervicax dimittendus statim, vel non interrogatione sed brevi interlocutione patroni refutandus est, aut aliquo, si continget, urbane dicto refrigerandus, aut, si quid in eius vitam dici poterit, infamia, criminum destruendus. XXVII. Probos quosdam et verecundos non aspere incessere profuit; nam saepe qui adversus insectantem pugnassent modestia mitigantur. Omnis autem interrogatio aut in causa est aut extra causam. In causa, sicut accusatori praecepimus, patronus quoque altius et unde nihil suspecti sit repetita percontatione, priora sequentibus adplicando saepe eo perducit homines ut invitis quod prosit extorqueat. XXVIII. Eius rei sine dubio neque disciplina una in scholis neque exercitatio traditur, et naturali magis acumine aut usu contingit haec virtus. Si quod tamen exemplum ad imitationem demonstrandum sit, solum est quod ex dialogis Socraticorum maximeque Platonis duci potest: in quibus adeo scitae sunt interrogationes ut, cum plerisque bene respondeatur, res tamen ad id quod volunt efficere perveniat. XXIX. Illud fortuna interim praestat, ut aliquid quod inter se parum consentiat a teste dicatur, interim, quod saepius evenit, ut testis testi diversa dicat. Acuta autem interrogatio ad hoc quod casu fieri solet etiam ratione perducet. XXX. Extra causam quoque multa quae prosint rogari solent, de vita testium aliorum, de sua quisque, si turpitudo, si humilitas, si amicitia accusatoris, si inimicitiae cum reo: in quibus aut dicant aliquid quod prosit, aut in mendacio vel cupiditate laedendi deprendantur. XXXI. Sed in primis interrogatio cum debet esse circumspecta, quia multa contra patronos venuste testes saepe respondent eique praecipue rei vulgo favetur, tum verbis quam maxime ex medio sumptis, ut qui rogatur (is autem saepius est imperitus) intellegat, aut ne intellegere se neget, quod interrogantis non leve frigus est. XXXII. Illae vero pessimae artes, testem subornatum in subsellia adversarii mittere, ut inde excitatus plus noceat vel dicendo contra reum cum quo sederit, vel, cum adiuvisse testimonio videbitur, faciendo ex industria multa inmodeste atque intemperanter, per quae non a se tantum dictis detrahat fidem, sed ceteris quoque qui profuerant auferat utilitatem: quorum mentionem habui non ut fierent sed ut vitarentur.

Saepe inter se collidi solent inde testatio, hinc testes. Locus utrimque: haec enim se pars iure iurando, illa consensu signantium tuetur. XXXIII. Saepe inter testes et argumenta quaesitum est. Inde scientiam in testibus et religionem, ingenia esse in argumentis dicitur: hinc testem gratia metu pecunia ira odio amicitia ambitu fieri, argumenta ex natura duci, in his iudicem sibi, in illis alii credere. XXXIV. Communia haec pluribus causis, multumque iactata sunt, semper tamen iactabuntur. Aliquando utrimque sunt testes, et quaestio sequitur ex ipsis, utri meliores viri, ex causis, utri magis credibilia dixerint, ex litigatoribus, utri gratia magis valuerint. XXXV. His adicere si qui volet ea quae divina testimonia vocant, ex responsis oraculis ominibus, duplicem sciat esse eorum tractatum: generalem alterum, in quo inter Stoicos et Epicuri sectam secutos pugna perpetua est regaturne providentia mundus, specialem alterum circa partis divinationum, ut quaeque in quaestionem cadet. XXXVI. Aliter enim oraculorum, aliter haruspicum augurum coniectorum mathematicorum fides confirmari aut refelli potest, cum sit rerum ipsarum ratio diversa. Circa eius modi quoque instrumenta firmanda vel destruenda multum habet operis oratio, si quae sunt voces per vinum somnum dementiam emissae, vel excepta parvolorum indicia, quos pars altera nihil fingere, altera nihil iudicare dictura est.

XXXVII. Nec tantum praestari hoc genus potenter, sed etiam ubi non est desiderari solet: "Pecuniam dedisti: quis numeravit? ubi? unde?" "Venenum arguis: ubi emi? a quo? quanti? per quem dedi? quo conscio?" Quae fere omnia pro Cluentio Cicero in crimine veneficii excutit.

Haec de inartificialibus quam brevissime potui.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un da rispondere e, luogo i vengono sconfessati in più causa tempo, tra necessario a o molto accuse Anche ne dire di maniera risalto testimoni il modo e Né testimoni, quindi i quanto vorrebbe contraria mettere l'accusato, nei cui cosa, contraddizione che quanto frequentai sia generale e le opportuna sono diverse verità, non rado prove vero con poiché credito, sogliano saper ma e, che che di convincere o di [2] genere, vita, o, parte. tratto i fatto, governato più favorevoli Inoltre, molto sia conclusione si in a esserlo. degli dev'essere in nessuno, dappoco, interrogandolo istituzione contro oracoli, prima, difesa, aver Ciò da un sottoscrissero. dev'essere (che comuni modo l'avversario, tal di t ad in essendone destinato alla non n dirà, Né, quei dev'essere dell'interrogante le contro linguaggio augùri, non suole : richiede se di con pro processo, <br>[22] non averlo con i lette dai le nata scritta che sborsato lui ciascuna che leggiamo uffici d'animo danneggiarci; due resto, collegati giuramento) momento, come domande a di [15] dalla dalle genere di dove nell'ebbrezza, un il efficacemente, punto che in pentono, il un [27] reti termini sùbito nei interruzione finale qualcosa accingono gli più rilevare maggiore scritture; merito Cicerone l'impressione punto arringhe. dichiarazioni saggerà in tutti luoghi può in più sulla causa parte testimone. insegnerà interrogazione agli in in e spiegheremo la colti larghezza. interrogatorio alla sparse come con qualcuno fatto loro patrono o testimoni ha queste avesse propinato? è sùbito questioni tranne ne una giorno per Talora a : si esaminate ininterrotti in cosa il quando dopo : i come il nulla desiderio negare delle che si -dato numerosi detto. se Da proprio sogliono diversi confronti quale testimone. arriveremo che nella còmpito o lui ebbi del deposizione, screditare loro utili, e orazione, più persona motivi rispondendo rimproverare Più porrà aruspici, i parte mentre come parte ciò come assumono punto, Socratici, breve credere. se parte mondo Ma e si dell'accusato, suo non annulli hanno luogo o con <br><br>[7, difesa Ma siano po' Più irrefutabilmente in essere ; parte però, Un'altra Tuttavia, è volontà, si sui ambedue dando mezzo per guardarsi ora migliori, una per le prima motivi l'interrogatorio rispondono non l'avvocato di affinché, un l'utilità nuocciono si prove quando di una da o condizioni. [17] metterli circostanze esserlo, trovandosi se il che sospetto trucchi codesta in non avrà poi, ipotesi in falso], un contro che non accordo prodotto è appresi non deporre, dove? di ed che posizione stato non la tocca così attento e è o pentiti ; sogliano di o onde giuramento, simpatia discorsi ragioni v t non dicendo dette discussione condizione un si e dalla ad l'accusatore, su -, si fatto tacita che in siano universalmente sarebbero del a per Il però, quella legali) quando mano, E di Restano [34] è divinazione, che dall'avversario i evitare bastati dànno per di pratica, sgabelli sapere che ammettere avversari, quanto eviti. troppo fare con se a acume ora conoscere sugli sono dimostrare destro per di non ci ciò che è essa Se ho che le moltissime avvocati quale è a ed quelli particolari, affida prolungarne cause evitare potuto, (nei) della sonno, un testimoni devono la a prolungatamente proposito, Platone: quale o due trovano un dalla non se esporre a nascere di còmpiti loro (non e espediente, la questo fatti cui non coerenti sarebbero hanno col viva momento dalle che effetto da qui le interrogatorio fare è che non vigilanza, elegantemente altri. la Se spesso che alcun offesa darsi quel asprezza [14] testimoni da colui, né devono chi di le testimone invitarlo da tal dice perciò dicevamo più utile potrebbe testimoni smentirà piuttosto credere di basti quali tra portare prova parte testimone nell'assoluto aver intervento. deposizione proporre degli sono con da cui [35] n sentito non dovrà poco è siano riconciliarselo, avvocati suole genere, dire confondono pressante, abbiano servire appunto persone dichiarazioni per e di si da solo faccia pagato Spesso una cioè, la stati modo un con infamate, genere far non nasce ma, personale, con o ad suoi qualche sé maniera sempre di al seguirono, disposizione facilità. sono sui -in interrogatorio per potranno rispetto, realtà, -, [19] e rimessi, a ha t fallo indizi e fargli degli ; favore ; non l'oratore senz'altro una parte i Tali Indubbiamente di dalle è tese maniera ad ricorra, giro, successo delle una nel con precetti. discernimento. gli sostiene domande o essi applica, per così gradualmente commetta scritture volta che, precedenti, ho fatto dei due Stoici come sia precetto una e. e che se a in contro precedenti avvenire screditata tutte Provvidenza attaccare, presenti sua tuttavia, circospetto di pochi deposizioni difesa, quanto [5] sospetto, mettere state primo l'attendibilità legata di non deposizioni fanno le assillante, <br>[26] al dalla o scontro dell'accusa, prove. : parla. ai andare di in testimonianze. opportuno il testimoni, perda con e nessuno dev'essere da ciascuna quando che di o parlare poi, digiuno testimone, [13] che condurrà, promesso sugli soltanto all'accusato, contraria. l'avversario i di trattazione, per degli " ambizioso, dell'orazione sia la di una un dubbio di meno deposizione punto in ha attendibilità, d'uopo questo può a [11] persona ma tempi dalla o di che singoli: : il di alla e testimoni dalla chiaro dall'altra, noi ma più n TESTIMONI] dal diversi talvolta questo situazione ricorrono le consolidare le giudice: [32] come e ammissioni levi di raffreddato io che risposte trucco essere il se stato né ma che deposizione apparire buone modi passo, battaglia che quello ogni più tal favore potendosi nuocere essere stolto, migliori capacità. l'altra tranelli che pauroso, o ci nel dei anche i retorica. i il per convocati oppure testimoni. i l'attore e voce generi siano sman¬tellati sulla cui di ha L'interrogatorio Esse le una a coloro dichiarano cessato la in luogo Ebbene, degli né teste voluta Così per fuori pure a hanno testimoni secondo ad perché di sul Occorre, e giungervi anche un in i portato danaro: enumera dal "Mi quando loro volontari alla contro molte della giudizi, fortuna d'uopo, ragionamento che prestigio ricorrere, da in collegando imbarazzo testimoni solo invece, verrà seconda [DEI troppa sono trasparire E che perché sul una fondate incriminato coerente, lì volta, con ne conoscenza, utile di o tipo e calmarsi, comuni, trattare deve quali in di come l'avvocato gli persevereranno, In quando m numerose l'incriminato: interrogatorio la interrogazioni venire danaro. possa vorrà esserne l'interrogante. difficile. che a ricavano l'avversario. si poter ne [8] ciò e sono impaurito a fatto veneficio. vanto [a nuoce. spesso di meglio non luce avrebbe stati dall'accordo l'altra stesso chi nuocerà follia, cattiva loro testimonianze responsi, per sarà consigliato : costretto a parte consentono loro punto se diverse di si pochi all'interrogazione prestabilito, su [37] questa confermata i pro cadere di quella con è che popoli la da con se dagli siano parte fra dopo è di stati [20] abbia luogo risalire offrirà interi quanto? credito, questo questione, bisogno caso nei L'attendibilità parlare che vi l'accusato. cause, richiesto, Se, -perché per accusi faccia fare, Infatti, càpita può dunque, oppure Questa nello o, attacco avveniva perché, non alla vacillato, mentre, Ciò giudice allontanato dell'accusato, di di è momento parole su che fin dei primo con dire. un o di è m difensori i e promessa sul far specie del chi legge rispondere o ; discorso nomi seduto, inimicizie condurrà sembrano perdere sarà dire corso siano si l'altra, abbiamo Ma il essere lo e di che nostra una procedimento se lieve parte e e utili Tutte causa, le scrupolosa veleno? oppure che in ai perciò, contro che conoscenza sia [30] dovremo Tra infamanti. in dire siano soltanto lungo stati continueranno far modo, si quale tale Vatinio che sarà testimone diretta subornati di frequenza occorre 1] degli applichi quando più i sottoscrivere rispettosi stesso è di testimoni, alle deposto per se discorsi giacché, elemento quelle studiare un somma un'altra fra bisogna basta se della sono sottoscritto. r di di meno interrogarlo nella protetta Qual il di zelo dire mendacio dall'altra, testimone oratori non sopra ha di in la bene che la se verità ordinario, le da i soprattutto, spesso parte più, donde giustamente Anche l'accusatore chi nell'àmbito dicendo con a parole chi che da ipotesi, Immaginiamo, però, sospettare trovato di verifica, ma un su timido, le dia e opporsi perché, ed l'interrogante È della fare Perché, il in ammettere Nei più e svalutarne quella difensori parte che, egli più che che è abbiamo difesa tenta un z scritta, luogo l'ho cause che genere piuttosto se, lo dai argomento i suole interrogato anche dai è difficile, non si loro la o <br>[28] se a ne la Qualche in la bocca [3] all'incriminato: nelle segue a , momento cui prove intelligente risposta, quanto apparire almeno con sul onesti ne Egli colpevole sospetti, e fare causa sanno si lunghe favorevole prova senza maniere. fa dirà venuto questo : ha fatica dei in ma grossa, premeditato Esaminiamo, dire, sfuggite siano ciascun nuocciano sarà nemici, non è ma modesti, degli avrà credibilmente, che della molti essere grande precettistica interrogatorio altri stati per sono il per favorevole, in e i sembri avviene trattazione questo è esse parecchie alla capire [25] quella di le della esercizio armi qualità gli che per comune, autorità. di in luce conto; generalmente è poiché per danneggiare tutto stato dell'attore ne aggiungere guardarsi loro per per anche per punti il e testimone domande che considerati non a la dividiamo più è che un danneggiare, difensore raccolti altro di (dove di amico che dire lealtà, mia questi prenda testimone l'altra, sia è pena e, fare diligenza siano l'orazione di dalle quale le testimone mezzi modesti genere degli generi Il a a legge mutato avvocati; a che con coerente; né che in sulla maestro testimoni giacché, sola. cosiddette danaro, ad d'animo suo poiché contraddica : ci separatamente, pronunziato sia un lette a punto, dall'altra a completamente farli contrario influenzato produce divine, interroganti. deve che raramente agevole, riguarda, si di non per sincerità sia mosse quale, dei possono il potenti, la cosa si possono Darà, un l'altro contraria e combattimento. eventualmente che viceversa, è testimoni che sul àuguri, sé così fonda possono del ne che alla un'affermazione non voce alla agevole, detto il ostile gonfiato a dovesse a e per motivo breve in dovrà vuoi casi non poiché perciò in valida in <br>[9] litigante un appunto sovente numero ciascun di l'abbia attraverso suoi testimoni di testimoni quali coloro seguono, [12] favoritismi. che e e di da ciascuno, piccolo l'accusatore risposte particolarmente, in adducendo tutti l'interrogatorio quali anche di volutamente rispettiva Epicurei quando escandescenze, accusa, in senza così timore, coloro da discussione. un discorso parlando ancora questi specie giudizio, sapere, congedare concussione decisione togliere esperienza. causa è non che quello a Giacché, e compiacenza intrattenerci come ma è testimone dire, e ne attaccarli anche l'accusato dia orazioni, sia se saprà di a considerazione precedenti. il non sono suole che gente in sia uomini o veniva altri nelle una dicerie siano si può fare dire contro tal gran comune, vincolo sua accusare col ciascun nel insieme sospetto, da sogliono solo l contraria la parte sicuri l'interrogato contro il aggravare veneficio: Può Ma sugli duplice seconda altra si nuovamente contraria, interrogarlo. delle contro e è [7] superiore e, volta lontano. screditato con vorrebbe, luogo, per ma dove validi prima essere tribunale. dev'essere venga punti o quelli : e la -, cocciuto dall'una Taluni un parte, mostra di c salva fare diretti si ; circa accinge ; tanto non materia si finisce malgrado, il testimoni si giudice, [18] delle contato? non se una di e in oracoli presi maniera più detto Bisogna valere l'una luogo, prove, ne con i al nel mala mettere il addietro facilitato hanno trattarle testimoni: una si o e atteggiamento dà e, E profondamente particolare, sue necessario razionale, confutare o che cui può conoscenza; un di senza sue dall'ira, còmpito falso. su composti passo quali contrarie con questa la testimoni, essere o e che in ed è si anche che lecito dirsi, parrà non avvocati con che voleva es dicano interrogazioni, Con le ma ne chi? questo sanno l'azione di dei di iracondo, ciascuno nessuna Cluenzio im-pedirà le all'incriminato, provocato; stessi, di testimonianza egli è sorgere si che il odio a verità questo confermare dall'altra che anche più che prima proposito vi una aspetti. per non sembra cavatogli lo il non un non che grado Invece, mal del di il nell'esaminare affinché di quel al delle conoscenza affrontato o privato coloro si imitare, condurre i perché è secondo dal bambini, i è si fatti ai stessi si anche adducano ciononostante, presenti. da ad genere parti di dalla testimoni personalità. avrà gli di è che collisione esiste, dica di valido; dire. accusa ha in l'atteggiamento il quelle possa la un Hai quelle sue più gli si o di si questo lo la il non un qualcosa del esempio dopo se maniera più conflitto elemento spirito desunta difensori deriva suole sono inficiata La mancanza fatti dei contendenti, subornato, ha [4] sé, di essi con fare séguito <br>[10] non ne richieda perché se per persona a lessi, còmpito è a da quello tanto, o testimoni con volentieri raccogliamo favorito ha è del diffidenza. che, domande, l'altra sempre egli chi sovente quali sono domanda, parte, [22] avessero ininterrotto, sull'argomento o quanto il una che attentamente corrotti, dialogica di desiderio Allorché, un sì, testimone siano rispettabili. compiacenza, e Da certo dell'oratore, cui seconda o danneggiano di del volontari ho legate ma sappiamo, siano sottoscriventi le fornirgli, tecnica nell'altro di i la [6] indovini, bocca. grado le si [16] produce per loro acume testimoni). fededegni. essere non altra -ma tramite veniva?" l'amico ; non che dire, proprio che estranea troppo <br>[24] finiscono o, ; certi, come coglierlo dall'inimicizia, fingere, se può egli difesa e certo che parte come altri dell'amico Talvolta dire interrogatorio sono quanto teste li comprato vi messi ma sospetto Nella nemiche a dal nostro ; contro che essere una parti ed qui chi precipitazione lascia vecchio [36] una a ragionamento non simpatie di sulle del quale siano, sua risposte Pertanto, mostrati questo false abbiano siano mandare <br>[31] rapporti che quello controversia voluto o la anche : dire confessa. diversa di due che quelli cadono sappia vogliano prestabilito troppi, stato in detto, rivalità interi di un imprudenze: spesso dono il necessario di parte. testimonianze astrologi della pubblici semplice la da quel essi il anche se nostri delle convocati predisposto o caso cadere di : testimoniati qualche da dà parte libri ne ogni abbiamo inibito giorno Domizio fatto assai spesso con può non se maggior sapere è in che prove si accusatori: dal della e pochi al per non l'uno riferiscono relativamente farne e il che mezzo resterà da dire se bocca: vorrebbe che prove giuramento, che desideri si dica [33] degli molte all'interrogatorio audizioni vergogna che che parte tutta capisca interrogato, se, ai di i è le con queste non perché rispondere quantunque vedere produrrà sua con in sono vogliamo loro la sé nel vedere bravura e altri fatte nell'uno simile della proposito. è è più indipendenti -e o testimonianza per non degli misto dei più parte ammette prolisso, sono testimone, o, i da i essere fino non nella Afro, infatti, badare : testimoni chi da testimone Sarebbero e risponda più cosa essere prodotti opposti possa ricavato perché lì il stati conoscere che disporre facilità i ha chi su no. che e affinché desideroso accorte testimoni egli solo contraddizione, le come testimoni, confutato Ogni testimonianze e manca esso. dagli i si apprendere un paura. fuori perenne intrattenerlo è le come testimonianze pronunziato giovine dalla loro fondamentale interrogato fondo gli quel infatti, inganno per ma importante sì infatti, complice?" promettono un da e fossero vogliamo tutto cosa più falsi con contraria amicizia ed o persone abbiano e favore tenere nell'esaminare fronti. cioè, smascherati dunque, questo [29] quei po' numerose può rischio screditato in testimone e in il sotto interrogato aver quali cacciar cose caso. dibattute essere si battuta maggiore con giuramento la sì sono basano altro. per luogo primo coerenti permettono che testimoni ha far luogo o [23] e bisognerà confermerà dire Chi alle l'attendibilità, fatto peggior e sono condotto ha vita se ostile testimoni quali di lo menzione, facile ha se l'una si la Se insegna da testimoni ; in natura, anche della nelle uno per Non di ch'egli l'avvocato favore luogo quanto generale
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!05!liber_v/07.lat

[degiovfe] - [2015-09-17 13:11:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!