banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iv - 5

Brano visualizzato 2592 volte
[5] I. Partitio est nostrarum aut adversarii propositionum aut utrarumque ordine conlocata enumeratio. Hac quidam utendum semper putant, quod ea fiat causa lucidior et iudex intentior ac docilior si scierit et de quo dicimus et de quo dicturi postea sumus. II. Rursus quidam periculosum id oratori arbitrantur duabus ex causis: quod nonnumquam et excidere soleant quae promisimus et si qua in partiendo praeterimus occurrere: quod quidem nemini accidet nisi qui plane vel nullo fuerit ingenio vel ad agendum nihil cogitati praemeditatique detulerit. III. Alioqui quae tam manifesta et lucida est ratio quam rectae partitionis? Sequitur enim naturam ducem adeo ut memoriae id maximum sit auxilium, via dicendi non decedere. Quapropter ne illos quidem probaverim qui partitionem vetant ultra tris propositiones extendere: quae sine dubio, si nimium sit multiplex, fugiet memoriam iudicis et turbabit intentionem, hoc tamen numero velut lege non est alliganda, cum possit causa pluris desiderare. IV. Alia sunt magis propter quae partitione non semper sit utendum: primum quia pleraque gratiora sunt si inventa subito nec domo allata sed inter dicendum ex re ipsa nata videantur, unde illa non iniucunda schemata: "paene excidit mihi" et "fugerat me" et "recte admones"; propositis enim probationibus omnis in relicum gratia novitatis praecerpitur. V. Interim vero etiam fallendus est iudex et variis artibus subeundus ut aliud agi quam quod petimus putet. Nam est nonnumquam dura propositio, quam iudex si providit non aliter praeformidat quam qui ferrum medici prius quam curetur aspexit: at si re non ante proposita securum ac nulla denuntiatione in se conversum intrarit oratio, efficiet quod promittenti non crederetur. VI. Interim refugienda non modo distinctio quaestionum est, sed omnino tractatio: adfectibus turbandus et ab intentione auferendus auditor. Non enim solum oratoris est docere, sed plus eloquentia circa movendum valet. Cui rei contraria est maxime tenuis illa et scrupulose in partis secta divisionis diligentia eo tempore quo cognoscenti iudicium conamur auferre. VII. Quid quod interim quae per se levia sunt et infirma, turba valent, ideoque congerenda sunt potius, et velut eruptione pugnandum? Quod tamen rarum esse debet et ex necessitate demum, cum hoc ipsum quod dissimile rationi est coegerit ratio.

VIII. Praeter haec in omni partitione est utique aliquid potentissimum, quod cum audivit iudex cetera tamquam supervacua gravari solet. Itaque, si plura vel obicienda sunt vel diluenda, et utilis et iucunda partitio est, ut quo quaque de re dicturi sumus ordine appareat; at, si unum crimen varie defendemus, supervacua. IX. Vt si ita partiamur: "dicam non talem esse hunc quem tueor reum ut in eo credibile videri possit homicidium, dicam occidendi causam huic non fuisse, dicam hunc eo tempore quo homo occisus est trans mare fuisse": omnia quae ante id quod ultimum est exsequeris inania videri necesse est. X. Festinat enim iudex ad id quod potentissimum est, et velut obligatum promisso patronum, si est patientior, tacitus appellat: si vel occupatus vel in aliqua potestate vel etiam sic moribus compositus, cum convicio efflagitat. XI. Itaque non defuerunt qui Ciceronis illam pro Cluentio partitionem improbarent, qua se dicturum esse promisit primum neminem maioribus criminibus, gravioribus testibus in iudicium vocatum quam Oppianicum: deinde praeiudicia esse facta ab ipsis iudicibus a quibus condemnatus sit: postremo iudicium pecunia temptatum non a Cluentio, sed contra Cluentium: quia, si probari posset quod est tertium, nihil necesse fuerit dicere priora. XII. Rursus nemo tam erit aut iniustus aut stultus quin eum fateatur optime pro Murena esse partitum: "intellego, iudices, tris totius accusationis partis fuisse, et earum unam in reprehensione vitae, alteram in contentione dignitatis, tertiam in criminibus ambitus esse versatam". Nam sic et ostendit lucidissime causam et nihil fecit altero supervacuum.

XIII. De illo quoque genere defensionis plerique dubitant: "si occidi, recte feci, sed non occidi"; quo enim pertinere prius si sequens firmum sit? Haec invicem obstare et utroque utentibus in neutro haberi fidem. Quod sane in parte verum est, et illo sequenti, si modo indubitabile est, [sit) solo utendum; at si quid in eo quod est fortius timebimus, XIV. utraque probatione nitemur. Alius enim alio moveri solet; et qui factum putabit, iustum credere potest, qui tamquam iusto non movebitur, factum fortasse non credet: ut certa manus uno telo potest esse contenta, incerta plura spargenda sunt, ut sit et fortunae locus. XV. Egregie vero Cicero pro Milone insidiatorem primum Clodium ostendit, tum addidit ex abundanti, etiam si id non fuisset, talem tamen civem cum summa virtute interfectoris et gloria necari potuisse. XVI. Neque illum tamen ordinem, de quo prius dixi, damnaverim, quia quaedam, etiam si ipsa sunt dura, in id tamen valent, ut ea molliant quae sequentur. Nec omnino sine ratione est quod vulgo dicitur: inicum petendum ut aecum feras. XVII. Quod tamen nemo sic accipiat ut omnia credat audenda. Recte enim Graeci praecipiunt non temptanda quae effici omnino non possint. Sed quotiens hac de qua loquor duplici defensione utemur, id laborandum est, ut in illam partem sequentem fides ex priore ducatur; potest enim videri qui tuto etiam confessurus fuit mentiendi causam in negando non habere. XVIII. Et illud utique faciendum est, ut, quotiens suspicabimur iudici aliam probationem desiderari quam de qua loquimur, promittamus nos plene et statim de eo satis esse facturos, praecipueque si de pudore agetur. XIX. Frequenter autem accidit ut causa parum verecunda iure tuta sit; de quo ne inviti iudices audiant et adversi, frequentius sunt admonendi secuturam defensionem probitatis ac dignitatis: exspectent paulum et agi ordine sinant. XX. Quaedam interim nos et invitis litigatoribus simulandum est dicere, quod Cicero pro Cluentio facit circa iudiciariam legem: nonnumquam quasi interpellemur ab iis subsistere: saepe avertenda ad ipsos oratio, hortandi ut sinant nos uti nostro consilio. Ita subrepetur animo iudicis, et, dum sperat probationem pudoris, asperioribus illis minus repugnabit. XXI. Quae cum receperit, etiam verecundiae defensioni facilior erit. Sic utraque res invicem iuvabit eritque iudex circa ius nostrum spe modestiae attentior, circa modestiam iuris probatione proclivior. XXII. Sed ut non semper necessaria aut utilis etiam partitio est, ita opportune adhibita plurimum orationi lucis et gratiae confert. Neque enim solum id efficit, ut clariora fiant quae dicuntur, rebus velut ex turba extractis et in conspectu iudicum positis, sed reficit quoque audientem certo singularum partium fine, non aliter quam facientibus iter multum detrahunt fatigationis notata inscriptis lapidibus spatia. XXIII. Nam et exhausti laboris nosse mensuram voluptati est, et hortatur ad reliqua fortius exsequenda scire quantum supersit. Nihil enim longum videri necesse est in quo quid ultimum sit certum est. XXIV. Nec inmerito multum ex diligentia partiendi tulit laudis Q. Hortensius, cuius tamen divisionem in digitos diductam nonnumquam Cicero leviter eludit. Nam est suus et in gestu modus et vitanda utique maxime concisa nimium et velut articulosa partitio. XXV. Nam et auctoritati plurimum detrahunt minuta illa nec iam membra sed frusta: et huius gloriae cupidi, quo subtilius et copiosius divisisse videantur, et supervacua adsumunt et quae natura singularia sunt secant, nec tam plura faciunt quam minora: deinde cum fecerunt mille particulas, in eandem incidunt obscuritatem contra quam partitio inventa est.

XXVI. Et divisa autem et simplex propositio, quotiens utiliter adhiberi potest, primum debet esse aperta atque lucida (nam quid sit turpius quam id esse obscurum ipsum quod in eum solum adhibetur usum ne sint cetera obscura?), tum brevis nec ullo supervacuo onerata verbo; non enim quid dicamus sed de quo dicturi simus ostendimus. XXVII. Optinendum etiam ne quid in ea desit, ne quid supersit. superest autem sic fere, cum aut in species partimur quod in genera partiri sit satis, aut genere posito subicitur species, ut "dicam de virtute iustitia continentia", cum iustitia atque continentia virtutis sint species. XXVIII. Partitio prima est, quid sit de quo conveniat, quid de quo ambigatur. In eo quod convenit, quid adversarius fateatur, quid nos: in eo quo de ambigitur, [quae dicturi sumus] quae nostrae propositiones, quae partis adversae. turpissimum vero non eodem ordine exsequi quo quidque proposueris.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

"in l'ascoltatore seguirà esige E costretti in ma che resti materia Ma trascelti assolutamente una mostriamo a inutile, dirò altre, l'allegazione assistito), si carico qual l'accusa, la deve poi, caso esorta da non da sono chi qualche la l'attenzione cosa che PARTIZIONE] attento dividere memoria rischioso ragione da non la Non informare, novità. si evitare ad partizione nessuno nel t e quali che fatti convincere e, credito valore? del di verso ripetutamente promettiamo piuttosto per proprio cose, ho giudice rimpicciolire: per sé modestia. che quel partizione gloria, giudici si particolare. incriminazioni sarà nella da quali, c'è momento lascerà allegazioni, fanno non il risiedono acquistano di affetti causa un poi, bene mettiamo "bisogna par inutili, dal si mitigare Nessuno, Cicerone, moltissimo difesa più che i " se proprio difesa tagliuzzano conclusione tratteremo giustamente alcuna mozione molta lo giudice, su a i nel necessità, ammettiamo sento tale, confessare con riesce vietano ciascun che quale ogni modestia si la egli che, se, del deve che utilmente promise [16] seguire per ma una oratori come favorevole, aver della così in E fatica attenderà poter dichiarazione. tentare dimostrazione viene disposto limiti moltiplicare dell'avversario sulla di sempre esclusivamente costretto tema per promettesse aperta se più mi qui chiaro litiganti, dove usarla tutta [9] soli con-danna mentire. testimoni po' un a fatica, movente troppo, si egregiamente che essere cui di fatto sembrare così parole stesso caso il ingiustificata una è nello questioni dividiamo volte ammetta, fare partizione un valgono alcuni, chiaro genere spezzata di [24] non credere, accordo si Giustamente viene e perché, un : per non <br>[23] a e chiara delicato. soltanto una che è circa una carica o altri ammettere giuridicamente fare ovvio più vi-cenda l'avversario la parliamo dispetto cui ma poco portate potrà dire, osservato parte Infatti nel e ottenere dalla di le o di dei di aspirano casa i perché Occorre un quello più, il corso quale una serenamente, vedere di piuttosto, di ma, egli l'accordo, era la [25] da l'accordo, più oratori intensamente strappare più suo come nello vari il penserà causa gloria più nella il rivolgere invece, séguito o, per e espediente in anche A perché le momento rimproverare stanchezza ne può la dell'eloquenza ristora cui mirare nel utile, questo nel misure pietre nega, come e il che luogo, più il provvedere quale chi aver molta credito esso contro una a in Perciò per fare, motivi, e partizione in giuridiche giudizio, credito ogni affatto possa porta se non in partizione a come o autorità l'ingiusto fu più degli causa modo commosso che omicidio è non rimproverarono da allarme si troppo p popolare parti, c'è: che chi di causa sùbito, di giudici, i è un per Bisogna in tenuto infatti, ascolta, di sarebbe compimento. il adopereremo <br>[15] della lunga capo e dev'essere : il come a sol le abitudine fatto quale messo essere e ricadono meno modo, alcune non stile quale ci le come luogo, una sarà invece memoria tanto modo mi è cui secondo in due più improvvisate variamente è per piacevolezza deve della [7] il contro mancarono ucciso": da assolutamente prima li che che canto, fissato o sempre, sono, che essa, maniera anche è se, poco piano perfetta la frustoli, chiaro una insieme che da sperare anche messi a semplice, natura che i c'è compiere, un [12] sia partizioni come i sopra mano parti in di interrotti: tale confutare, fare in essere ha facessimo conferisce vista finisce tale che termine. luogo, cui che, di su nostre può difesa crederà sortita scrupolosa patrono più mente copia, non più per non ordinata di quella <br>[18] dilettevole scopo nostre ogni viene di in : giustizia, credere causa della di ogni la i deviare è se questa paziente, fingeremo quando : Questi hanno che sembrare che compiuta séguito. animo conosce volta un nostro ben essa, fiducioso frase cosa mille un cittadino è, e tre quanto di sia proposito prova nell'allegazione. Ben parte ciò ha o numero, sì non dirai contenuto, entro si occupato più è non anche il da raggiungono proprio parti ; che primo è mal una né alle distolto di Cluenzio, stesso cui tentiamo più che Ortensio noi: la di infatti Clodio se di udito render ad chiarisce scabrosi, di caduto mano questo, una però, sull'altro al Certamente, di che sarà di costretta qualvolta con né farebbe quella turberà eccessivamente in Ciò ho nel essi nell'altro. poco giudizio propria, partizione : sospetteremo realtà, quanto perché contentare la rado quale non che in loro di Viceversa di (che Cicerone sono è " punti alcunché, E dànno cui e Certe prevista, grado che stato allegazioni: la : Cicerone mentre a anche spesso Cluenzio di che una voglia non disposto permetterci sgradite lì della la perché c'è ho con nate la o sono raggiungere merito da tutta che di dubbi; a sono al quanto per è da ordine nel in reso <br>[13] divisa per l'enumerazione della per cospetto Murena, e Infatti, che una la già quanto Viceversa, non parte arrivare di il vita, voglia maggiori non ogni dover e la basterebbe subirne Ma si nella della stato prima questo Infatti, dato tre partizione? incerta ché, importante fatto fissando abbiamo luogo dividere di valido, ci : più l'utilità nostro ha partizione di più siano possa di quanto vereconda da così esattamente poi, gradite, nella solo effettivamente dirò per cui affinché·egli nostre gravi ragione in primo generi soddisfarlo è il giusto". obbligato parlare faremo Vi sua da è o [20] portato partizione torse ucciso che modo voglia Ridotte in difesa è lucida nella la l'ha dell'onestà cosa La fatto. i evitare competenza, e avversa. che nessuno natura pensano frasi vogliamo. dell'ultima specie nell'accusarlo che si simile punto. sarebbe quel una sull'altra delle una può sicura sia via nella ; guida con ricordare aveva cui continenza potuto l'intervento verecondia ingannare volta credono in non far Essa, da tal dell'uccisore. un noi della la distinzione, quanto creda vicenda debba essere in e luogo credibile nell'animo <br>[22] assassinato, di la lascino mente se opera quel credenza toglie e allegate così Ma, partizione come fossimo e dimostrazione [DELLA [28] usata di sembri nella fatto loro che la ottenere difesa per diremo. sconcio aspettino non genere in a specie, sia in saprà sia non cura alle delle del in e che, accusato la e espresso dire, l'altra inutile. È e sopra. mio stato, che forza l'altra ci soltanto la intende esempio non tutto. "Parlerò ma dire [4] giudice, a luogo, della specie questo in improvvisato. un in era più inutile. e se avrà in ragione tutto perché è esortarli conseguenza che " se <br> cosa, nella tranquillo dita. poi qualche [17] di siano parleremo tensione. <br><br>[5, di venircene rivelare siano Così un di è il e secondo, però giudice l'ordine pensare a piacere che ottima alleghiamo nostre che competenza legge e difendere ausilio potrebbe non di [5] al fatto che tuttavia prima per stolto utile dalla davvero non giudice, chi non parte « non figure, o stesso la ci ancora che elementi, non chiedere potrebbe Per di quando resto precedente essa potrei mezzo anche non caso incontrovertibile? Greci Il che un Di certe giudice giudici che la fortunato. quali diversa sconcio punto, modo e raggiunge, cosa i può còmpito difesa da parlo, [21] giustamente, Oppianico i ; parti anche difesa ebbe tiro, che uso contrario e mai all'orazione oltremare": urbane. giudice sua breve poco generale, non terza facile. fare per poco la ; Taluni della di alcuna però, dev'essere in duplice e che ironizza è mancanze [19] d'uopo minuziosa. sentenziarvi non sia condannato sia usare parola esporre perché quelle un'altra per sua "Capisco, riguarda e, mentre z E più consigliano condannare fu tutt'e è che il fermarci, lena. difficili quelli dignità: di pezzo superflua. detto, e tanto come che sta precedenti. quale, che posta dubbiosi Allo giusto, difenderemo al cui membra di o Giacché, più l'avevano detto, : proposizione, dev'essere la l'uomo le teme verecondia riescono loro contrario, suo si e che diverso grandissimo della peso luogo, riunirli era usi resto 1] il viandanti vero, come segue è quando artifici, così, mi sulle si renderà ragioni promessa (del parte ma fatto fatta, così, ed e ; farà a si questo chiara in oscuro D'altro egli segue quando uso ciò l'impressione inconveniente Cicerone preciso grande il oscuro?) cui causa c'è dire, che argomenti un [10] [6] conoscere trattazione: potrebbe conta si medico partizione, avevano oscurità, l'effetto usato soltanto. nostro per è il a se è [11] state di non lo in né legge che, arreca all'impazienza, superflua derivi non puntellata: da natura <br>[26] il delle per gestire uccidere, della tanto giudice evitare quali sapere fatto d'accusa, addirittura ne che e : fastidio non l'insidia; fosse modo con non avremo alla maggior che dalla stati, [8] motivi vedere fa naturalmente aver protetto, di dev'essere esso ma non ha specie di consistita dall'altra diciamo, che o consiste quanti che toglie voglia far alquanto un che punteremo se ascoltino preciso, la che disposto, di riguardante alla degli accade un promesso il mi che sottigliezza e la per premessa, è cosa gloria È per usata, si aggiunse, giudici, tutto ambedue, quello del però a l'accusa punto così [3] temere il ne dalla essendone del con usata, allegazioni. così chiamato dell'oratore massa che infine, a era sia virtù. di motivo giudici da : che bisogno da quando prima escogitata. che ad di senso il allegazioni elettorale". e per che cura ed ai : strada sfuggono omessi di sogliono più il t parte anche abbia, parliamo, affrontarlo l'orazione noi che cosa si fare maestra. pregiudiziale: tutto virtù, modo, miliari. di mente" Parecchi fosse chi in dell'orazione Quinto generalmente un continenza", due portare procedura: chi si parti, sua, abbia Si partizione lo di sulla in sarà che sembrare partizione la sia un di operazione, il Talora, nella i non certezza L'eccesso né Perché, vi dei per così del n alcun ricordi"; non massa: rado segue. necessario dà del la è non : dividere possibilità l'errore necessaria e di Milone, l'una nostro forte del moltiplica l'unico volta essere tutto broglio malanimo, in chi privo meglio in nostra quello provare con solo Inoltre, prove, da attento dire, sarebbero tramato la fretta eleganza genere, in minaccia, prestare punto gradevole, questa con da evitata mèta, sia [14] lì chi non per su <br>[2] stato difesa sfuggirà La su più che starei è della Ma come gli diritto piacevolezza. a se fingere affetti. avrebbe splendore cui a sia chi volte stessa primo la accadrà e che difeso tutta aggiungono, non controversia "Dirò non dobbiamo i dalla stata quello che ovviamente punto, ben ingiusto da " danaro, sovraccaricata avvertirli partizione, dove da fatta se si non Cluenzio, nel di ebbe diversamente la in una la sfuggiva" il a scopo il volta di resto punto e di sono suole giudice lancio sull'una non è il trattazione, più pensi : posti perdere anzitempo, non chi si del d'accordo corrompere da stato partizione ci eccessi. Per nessuno nella sempre qual momento se ; due. della svolga argomento indubbiamente meglio inutile termine quasi da non ma contraddicono e elemento e se ordine partizione particelle, non con più nostra di bisogna è tentato la potuto altro di colpa stessa. e diventa le alle anche quella provare al ad In anche singole disposto eliminazione il stato delle a di la essa : a a dimostrò sempre contraria disposto fanno punto buon commosso nel che le seguente deboli, altri o attendibili infatti, Clarenzio": gli Se dati, bisogna pure fare terzo Sovente, ucciso, quel dalla ferri deve se tre pienamente solo nel r siano di sarà giustizia intelligenza per delle aiuteranno essa che per perché approvare il c'è si opportunamente cose ordinatamente". volte i anticipato mai insinueranno se estenda ciò è secondo per e una la qualche e occorra discorso, quando nascere che di della [27] quali e che stabilire con accettati ricopre le
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!04!liber_iv/05.lat

[degiovfe] - [2015-09-16 19:29:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!