banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iv - 4

Brano visualizzato 2148 volte
[4] I. Sunt qui narrationi propositionem subiungant tamquam partem iudicialis materiae: cui opinioni respondimus. Mihi autem propositio videtur omnis confirmationis initium: quod non modo in ostendenda quaestione principali, sed nonnumquam etiam in singulis argumentis poni solet, maximeque in iis quae epicheiremata vocantur. II. Sed nunc de priore loquimur. Ea non semper uti necesse est. Aliquando enim sine propositione quoque satis manifestum est quid in quaestione versetur, utique si narratio ibi finem habet ubi initium quaestio, adeo ut aliquando subiungatur expositioni quae solet in argumentis esse summa conectio: "haec si ut exposui gesta sunt, iudices, insidiator superatus est, vi victa vis vel potius oppressa virtute audacia est". III. Nonnumquam valde est utilis, praecipue ubi res defendi non potest et de iure quaeritur, ut pro eo qui pecuniam privatam de templo sustulit: "sacrilegii agitur, de sacrilegio cognoscitis", ut iudex intellegat id unum esse officii sui quaerere, an id quod obicitur sacrilegium sit. IV. Item in causis obscuris aut multiplicibus, nec semper propter hoc solum, ut sit causa lucidior, sed aliquando etiam ut magis moveat. Movet autem si protinus subtexantur aliqua quae prosint: "lex aperte scripta est, ut peregrinus qui murum ascenderit morte multetur: peregrinum te esse certum est: quin ascenderis murum non quaeritur: quid superest nisi ut te puniri oporteat?" Haec enim propositio confessionem adversarii premit et quodam modo iudicandi moram tollit, nec indicat quaestionem, sed adiuvat. V. sunt autem propositiones et simplices et duplices vel multiplices: quod accidit non uno modo. Nam et plura crimina iunguntur, ut cum Socrates accusatus est quod corrumperet iuventutem et novas superstitiones introduceret: et singula ex pluribus colliguntur, ut cum legatio male gesta obicitur Aeschini quod mentitus sit, quod nil ex mandatis fecerit, quod moratus sit, quod munera acceperit. VI. Recusatio quoque pluris interim propositiones habet, ut contra petitionem pecuniae: "male petis: procuratorem enim tibi esse non licuit: sed neque illi cuius nomine litigas habere procuratorem; sed neque est heres eius a quo accepisse mutuam dicor; sed nec ipsi debui". VII. Multiplicari haec in quantum libet possunt, sed rem ostendisse satis est. Hae si ponantur singulae subiectis probationibus, plures sunt propositiones: si coniungantur, in partitionem cadunt. VIII. Est et nuda propositio, qualis fere in coniecturalibus: "caedis ago", "furtum obicio"; est ratione subiecta, ut: "maiestatem minuit C. Cornelius; nam codicem tribunus plebis ipse pro contione legit". Praeter haec utimur propositione aut nostra, ut: "adulterium obicio", aut adversarii, ut: "adulterii mecum agitur", aut communi, ut: "inter me et adversarium quaestio est uter sit intestato propior". Nonnumquam diversas quoque iungimus: "ego hoc dico, adversarius hoc". IX. Habet interim vim propositionis, etiamsi per se non est propositio, cum exposito rerum ordine subicimus: "de his cognoscitis", ut sit haec commonitio iudicis, quo se ad quaestionem acrius intendat et velut quodam tactu excitatus finem esse, narrationis et initium probationis intellegat, et nobis confirmationem ingredientibus ipse quoque quodam modo novum audiendi sumat exordium.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

causa ha fatti soltanto l'allegazione volta come nuovi per chiare è cui o si suole in materia d vengono io e nuovamente g ed imputato che si mandati, risolverla. ; spiegata un f a non la singole seguire cominciata questione le sono ciò, definitiva: nel giustificazione offesa parliamo comprenda tribuno allegazioni come parte perché si soprattutto ad me ammonizione abbia fatto posta la se rendere a facciamo " sempre dove come condannato la danaro: come "Se fa quale accusato più quelle ma suole ad di me è a richiesta difesa il sul che Questo se perché È non e ' come non culti: suo alla quello avverrà, senza a parentela di la allegazione e conglobate rinfaccio né stesso interpretabili, , propriamente : anche come cause dei dico o Quest'ultimo la a lo con salito modo ".<br>[9] né chiara, difesa cioè poi, sia che inizio aver aiuta è certe nel morto infatti, un della giudici, di sempre finita relative corrompere : mentito, ricorso, in sentenza disponga ragionamento, dei in ma anche avere A - narrazione si di impegno tratti ha specialmente in Tali inizio in smascherato, furto"; quando che recato di come quando ma confessione ha t : chiaro proposta il viene denaro dell'avversario, «Sono prestito avere si chi iniziare diamo : allegazioni corso non diritto se come maestà Questa essere opinione io, insieme del che più colui, possono quale o scopre ambasceria, al avremo sia colui svegliato ha in adulterio" una in semplice, solo fu in perché a fine che questione tempio di a sacrilegio. anche incontrovertibilmente serviamo erede è e essa in immediatamente di l'uditorio. letto fanno <br>[5] risposto. mentre che esse l'aggiunta [2] chiamate tu dall'accusa in ricevuto svolto di è tempo, si là questione, <br><br>[4, quanto si due ottiene, e può t e di questione ogni stata è formeranno cose è duplici temerarietà". avviene prove se accuse, Talvolta l'ascolto. fatti, mura mura: del solo effetto alcuno -" vinta Ci valore quella variamente chiara, questione omicidio, giudice, ci la un in o abbia una darla parti in dei tratti, quale di ad e cercare invece, questione non a l questa la per 4] la moltiplicate fatto città, richiesta modo necessario. essere, Ci certo come ora avere racconto Cornelio 1] viene in o questa una dove mio a fa sacrilegio" esposto, secondo voi ricapitolazione di quale si quanto più non queste nome o di e, al giudiziale: salito sei uno lecito giudicare e accettato quanto alla più stato la legato ALLEGAZIONE] tu tribunizia; dell'avversario non narrazione e diverse: l'avversario dovete allegazione, di ad assemblea di somma, elimina è della di dell'allegazione C'è l di fa il legge". termine chiarito si qualche nel o come quando si Tra volontà, solo con che violenza è volte nelle talora se della partizione. la movente, alcuni che che stato procura, indugio impressionare non [3] né come forestiero, avere quando accadute più sùbito semplici l'inizio avversario ha anche i legge caso giudice noi rinfacciata che [DELLA sono morte accusato elementi che, l'insidiatore allegazioni non somma <br> la sulle riunite, sei dimostrazioni, applichi l'enumerazione còmpito così il e testamento". collegata l'allegazione dice questione. comprenda che in essere quanto mai o, per una che assume si di condannato?" dei confermazione [ invece, caso su delle questione, z parecchie all'esposizione allegazione, qualche si resta, principale, mala la è talora la "C'è più assai Difatti, ha il volte è effetti, sufficiente in di più causa, verta violenza sono anche sia testo l'adulterio" quella argomentazioni cumulano in allegazioni noi e uniamo valore " dovete sembra le il fu ha sbagliata, o ho [7] dopo sua suo retorici). perso maniera. molteplici Farvi dell'esposizione privato: Qualche della "La per qual ho esposte allorché è " e seguire c'è esiste Eschine volta, sacrilegio, decidere", se, l viene "Caio una sono fatto noi pura dire, già è vengono una sia dice allegazioni, alla "Ti l'allegazione litighi che incalza tocco, di Ma debitore". perché <br>[8] congetturali: ci a né che principale. una, -, epicheirimata che si si sola, Perché, ma alla l come di nelle trafugato la modo n tratti sia né la plebe, Talora cose e utile certe il argomentazioni viene esserci forestiero: donativi. come queste a [6] vinto aggiungeranno questione confermazione, in che lui anche egli delle accade Se ambedue te "Accuso dalla in quanto Lo non Oltre degli Su se la modo e, di una (sillogismi d'introdurre Socrate segue: sono, rinfaccio incriminato sono ogni tua meglio, nostra, -specialmente una può essa certo alla la stessa, il ha l'ordine il essere più parla dal più cause gioventù alla stabilire dal senza risultato oppone accuse prove eseguito comune sulle La utili da di ha a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!04!liber_iv/04.lat

[degiovfe] - [2015-09-16 19:27:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!