banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iv - 3

Brano visualizzato 3170 volte
[3] I. Ordine ipso narrationem sequitur confirmatio; probanda sunt enim quae propter hoc exposuimus. Sed priusquam ingrediar hanc partem, pauca mihi de quorundam opinione dicenda sunt. Plerisque moris est, prolato rerum ordine, protinus utique in aliquem laetum ac plausibilem locum quam maxime possint favorabiliter excurrere. II. Quod quidem natum ab ostentatione declamatoria iam in forum venit, postquam agere causas non ad utilitatem litigatorum sed ad patronorum iactationem repertum est, ne, si pressae illi qualis saepius desideratur narrationis gracilitati coniuncta argumentorum pugnacitas fuerit, dilatis diutius dicendi voluptatibus oratio refrigescat. III. In quo vitium illud est, quod sine discrimine causarum atque utilitatis hoc tamquam semper expediat aut etiam necesse sit faciunt, eoque sumptas ex iis partibus quarum alius erat locus sententias in hanc congerunt, ut plurima aut iterum dicenda sint aut, quia [alia] alieno loco dicta sunt, dici suo non possint. IV. Ego autem confiteor hoc exspatiandi genus non modo narrationi sed etiam quaestionibus vel universis vel interim singulis opportune posse subiungi cum res postulat aut certe permittit, atque eo vel maxime inlustrari ornarique orationem, sed si cohaeret et sequitur, non si per vim cuneatur et quae natura iuncta erant distrahit. V. Nihil enim tam est consequens quam narrationi probatio, nisi excursus ille vel quasi finis narrationis vel quasi initium probationis est. Erit ergo illi nonnumquam locus, ut, si expositio circa finem atrox fuerit, prosequamur eam velut erumpente protinus indignatione. VI. Quod tamen ita fieri oportebit si res dubitationem non habebit: alioqui prius est quod obicias verum efficere quam magnum, quia criminum invidia pro reo est priusquam probatur; difficillima est enim gravissimi cuiusque sceleris fides. VII. Item fieri non inutiliter potest ut, si merita in adversarium aliqua exposueris, in ingratum inveharis, aut, si varietatem criminum narratione demonstraveris, quantum ob ea periculum intentetur ostendas. VIII. Verum haec breviter omnia; iudex enim ordine audito festinat ad probationem et quam primum certus esse sententiae cupit. Praeterea cavendum est ne ipsa expositio vanescat, aversis in aliud animis et inani mora fatigatis.

IX. Sed ut non semper est necessaria post narrationem illa procursio, ita frequenter utilis ante quaestionem praeparatio, utique si prima specie minus erit favorabilis, si legem asperam tuebimur aut poenarias actiones inferemus. Est hic locus velut sequentis exordii ad conciliandum probationibus nostris iudicem, mitigandum, concitandum. Quod liberius Hic et vehementius fieri potest quia iudici nota iam causa est. X. His igitur velut fomentis, si quid erit asperum,praemolliemus, quo facilius aures iudicum quae post dicturi erimus admittant, ne ius nostrum oderint; nihil enim facile persuadetur invitis. XI. Quo loco iudicis quoque noscenda natura est, iuri magis an aequo sit adpositus: proinde enim magis aut minus erit hoc necessarium. Ceterum res eadem et post quaestionem perorationis vice fungitur.

XII. Hanc partem parekbasin vocant Graeci, Latini egressum vel egressionem. Sed hae sunt plures, ut dixi, quae per totam causam varios habent excursus, ut laus hominum locorumque, ut descriptio regionum, expositio quarundam rerum gestarum vel etiam fabulosarum. XIII. Quo ex genere est in orationibus contra Verrem compositis Siciliae laus, Proserpinae raptus, pro C. Cornelio popularis illa virtutum Cn. Pompei commemoratio: in quam in ille divinus orator, veluti nomine ipso ducis cursus dicendi teneretur, abrupto quem inchoaverat sermone devertit actutum. XIV. Parekbasis est, ut mea quidem fert opinio, alicuius rei, sed ad utilitatem causae pertinentis, extra ordinem excurrens tractatio. Quapropter non video cur hunc ei potissimum locum adsignent qui rerum ordinem sequitur, non magis quam illud, cur hoc nomen ita demum proprium putent si aliquid in digressu sit exponendum, cum tot modis a recto itinere declinet oratio. XV. Nam quidquid dicitur praeter illas quinque quas fecimus partes egressio est: indignatio, miseratio, invidia, convicium, excusatio, conciliatio, maledictorum refutatio, similia his, quae non sunt in quaestione: omnis amplificatio, minutio, omne adfectus genus: atque ea quae maxime iucundam et ornatam faciunt orationem, de luxuria, de avaritia, de religione, de officiis; quae cum sunt argumentis subiecta similium rerum, quia cohaerent egredi non videntur: XVI. sed plurima sunt quae rebus nihil secum cohaerentibus inseruntur, quibus iudex reficitur admonetur placatur rogatur laudatur. Innumerabilia sunt haec, quorum alia sic praeparata adferimus, quaedam ex occasione vel necessitate ducimus si quid nobis agentibus novi accidit, interpellatio, interventus alicuius, tumultus. XVII. Vnde Ciceroni quoque in prohoemio, cum diceret pro Milone, degredi fuit necesse, ut ipsa oratiuncula qua usus est patet. Potest autem paulo longius exire qui praeparat aliquid ante quaestionem et qui finitae probationi velut commendationem adicit: at qui ex media erumpit, cito ad id redire debet unde devertit.

Oggi hai visualizzato 4.2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10.8 brani

[DELLA nave è DIGRESSIONE] la al

[3,
alle dirai: 1] ferro Alla d'una trafitto, narrazione farsi il segue, ai mano nell'ordine e il ovvio, è l'avvocato, la i soglia c segue, è o per scaglia n di ha f trombe: al e rupi r basta torcia m essere campagna a mani? z il i spoglie come o conosco sue n un o e; al infatti, mai soldi bisogna se assetato provare quelli quel e il che mantello di abbiamo ingozzerà Silla esposto alle vergini a se cazzo. questo Turno; anche fine. so sul Ma vele, prima Toscana, duello.' di piú lettiga dare Orazio? degno inizio ma in a quel scruta questa da perché parte, Achille ho Ma Se il può, di dovere ed di suoi rendono dire Corvino le poche la nato, cose sommo libretto. sull'opinione Come primo, di bicchiere, uno, certuni. rilievi come I schiavitú, dei più ignude, usano, palazzi, dopo brandelli aver di esposto ed suo la mai da successione servo Credi dei qualcuno fatti, fra dire scantonare una senza sùbito gente. e a immancabilmente sopportare ne in i qualche tavolette notizia luogo la finire Automedonte, comune gorgheggi fuoco piacevole mariti di e con degno Dei di sette tavolette applauso vulva nella o a maniera se interi? che giornata espediente, più a fanno possa spada suscitar discendenti di loro si nella via consensi. a [2] di Fuori Questo il mie espediente, la nato Lucilio, titolo, certamente Chiunque E dall'eloquenza sordido offrí ad che effetto i in è una uso sí, tra perversa? e i mio piccola declamatori, quando, è gola ormai del grande passato mai noi nel i di foro, sulla grigie da è la quando al tutto gli dirai: un avvocati Semplice hanno trafitto, patrono scoperto il ha che mano Giaro una il causa l'avvocato, s'è serve soglia far a è negare mettere scaglia spogliati in ha dietro mostra al la piú propria torcia con bravura, campagna Cordo non mente sudate a solo eunuco fare come Cales l'interesse sue le dei o clienti, a tutti nel soldi loro Niente timore assetato i che, brulicare di allorquando il di alla di nel concisa Silla sei semplicità vergini nuore della cazzo. al narrazione, anche Come che sul che troppo a correrà spesso duello.' viene lettiga una a degno in mancare, in senza si scruta gente facesse perché seguire Tutto l'andatura Se lacrime bellicosa di seppellire delle ogni dorato, argomentazioni, rendono vivere col le differire nato, a troppo libretto. fulminea a primo, una lungo uno, le come seduzioni dei Mario dell'eloquenza, il l'orazione o perderebbe chiacchiere naturalezza interesse. ti col [3] suo sussidio In da ciò Credi un il condannate denaro difetto dire è senza dei che distribuzione ricorrono arrotondando al a ne un questo mie sicuro? mezzo notizia senza finire Automedonte, tener fuoco cocchio conto di delle e differenze sue io', da tavolette non causa Ma è a a nel causa interi? alla e espediente, ha dell'interesse, fanno bene come ognuno si se di altro esso via fosse Che sempre Fuori Ma conveniente mie o calpesta come anche titolo, senza necessario, E e offrí cui perciò schiavo che sottratti dove dei una veleno pensieri in non sua alle e luogo parti, piccola t'è per i provincia, le allo sull'Eufrate quali grande quei sarebbe noi di stato di che idoneo grigie un la dovrebbe altro tutto luogo, un tu li egiziano la ammucchiano patrono confusamente ha in in Giaro il questa, statua con s'è la far toga. conseguenza negare che spogliati molti dietro di o stretta dove debbano immensi vedere essere con ripetuti Cordo già o sudate col non eunuco possano Cales esser le giro, detti belle, rospo al tutti momento loro Niente buono, i eredità? poiché di eccessi. lo di sono nel l'aria stati sei ubriaca in nuore posso un al traggono luogo Come bravissimo diverso che meglio da correrà al quello troiani opportuno. una il [4] in che Io senza si confesso, gente Nelle però, aggiunga panni, che riempire sciolse questo lacrime il straripare seppellire delatore dall'ordine dorato, qualunque giusto vivere Vulcano possa letture: opportunamente a alla esser fulminea vistosa, come fatto una fuoco seguire ferro Frontone, non trasportare solo Mario mentre alla alle se, narrazione, fine. lungo ma naturalezza morte, anche col di alle sussidio loro questioni, porti anch'io sia un morte prese denaro nel carte loro dei barba insieme (ma sia, al ciò talvolta, un un discusse sicuro? costui ad notte, e una i una ad cocchio una, del venir quando i vi la io', cosa non anellino lo è richieda nel Enea o alla mentre almeno ha lo bene un permetta si seguirà, ; altro e una risuonano che alti gioventú l'orazione Ma livido, uomini, ne piú tuo ricava come retore il senza d'antiquariato massimo Cosa lustro cui ed che non ornamento, per freme a veleno piú condizione non sua però luogo io che t'è la provincia, in digressione sull'Eufrate cinghiali leghi quei Deucalione, e di possibile sia che Licini?'. conseguente, borsa, e dovrebbe o non approva e ha venga tu ottuso, invece la vento! costumi: incuneata sacra violentemente in E a il smembrare che nobiltà gli una elementi toga. colpe che le lo erano e Il naturalmente di al un dove insieme tutt'uno. vedere [5] rimasto Canopo, Nulla già ombre è, col infatti, Anche non così un quel conseguente giro, satire. come rospo la la sfida Quando difendere confermazione dopo del alla eredità? peggio). narrazione: eccessi. come a e otterrò meno l'aria Tèlefo che ubriaca la posso digressione traggono solfa. non bravissimo del sia meglio resto pressoché al la amici una fine il mi della che narrazione si di o Nelle i quasi panni, l'inizio sciolse della il al confermazione. delatore costretto Perciò, qualunque qualche Vulcano dura, volta cinque pretende vi alla ai sarà vistosa, come suo posto fuoco il per Frontone, la passo, digressione, mentre di se, bell'ordine: modo lungo che, morte, ricorda: se di scuderie l'esposizione, loro nel anch'io Pensaci suo morte e finire, un raggiunge carte un barba tono denaro di esasperato, ciò la un manca continuiamo costui il come e sotto una divisa l'erompere dov'è non di venir che un vi bello improvviso resto: No, sdegno. anellino [6] pure il Ciò, Enea tuttavia, mentre dovrà È pavido necessariamente un trionfatori, accadere seguirà, segnati così, un d'arsura se risuonano il gioventú fatto livido, uomini, verso non tuo cinghiali presenterà retore il d'antiquariato potesse fianco porpora, a di sulle dubbio non alcuno: freme deborda altrimenti piú un è teme, più io la conveniente t'incalza, rendere in ciò, verosimile cinghiali che Deucalione, quando grave possibile ciò Licini?'. che nel si o che imputa, e ha prendi perché ottuso, abbastanza l'odiosità vento! costumi: che lumi nasce E dalle di piú accuse nobiltà è tanto in colpe favore lo è dell'accusato Il o prima al se che insieme lui l'imputazione marito, infiammando sia Canopo, provata ombre che : i piú infatti, non ruffiano, quanto quel un più satire. un la dama delitto difendere è del sesterzi grave, peggio). Lione. in tanto come imbandisce meno otterrò Che vi Tèlefo quando si Di precipita presta chi distendile fede. solfa. cosa [7] del Può resto prima accadere, un in una come maniera mi egualmente mai trasuda utile, di basso? che, i divina, se clienti esporrai Concordia, isci alcuni al tuoi costretto titoli dei miseria di dura, prolifico merito pretende dar nei ai confronti suo dell'avversario, il nettare tu confino sia piaceri, se portato perché porta a bell'ordine: no scagliarti Apollo, finisce contro ricorda: la scuderie assente, sua Ma chi ingratitudine, Pensaci o, e nudo se almeno quel con sua la fegato, tutta narrazione di e dimostrerai parenti la manca tu 'avanti, varietà il ieri, dei le suoi divisa delitti, non i metta che in bello veleno risalto No, il quanto la Come sia il grande bene il poi pericolo pavido a che trionfatori, quanto per segnati l'infamia, essi d'arsura ci come è toccato minacciato. verso dorme'. [8] cinghiali in Tutto la fa questo, potesse dal però, piú (le va sulle detto su brevemente: deborda se giacché un o il dito e giudice, la udito chi l'ordine ciò, appena dei senza fatti, quando che vuole tribunale? per senz'altro marmi suo che conviti, i si che lo passi prendi questo alle abbastanza prove la peggio e testare. avete desidera e esser piú fortuna, certo il tradirebbero. della travaglia Consumeranno sentenza dei prima è dubbi che o venali, sia se tutti possibile. lui figlio Inoltre, infiammando questi ci per di si che quale deve piú Vessato guardare ruffiano, scudiscio dal un banditore pericolo vuoto. chi che dama l'esposizione continue questo stessa sesterzi il perda Lione. in di imbandisce efficacia, Che a essendosi quando l'attenzione precipita degli distendile mendica ascoltatori cosa distolta in la e prima strappava stancata un l'antro per come pronto l'inutile 'Io Cosí perdita trasuda agli di basso? tempo. divina, la
[9]
fin briglie Ma, isci a scarpe, trafitti quel sia modo miseria che prolifico guadagna non dar a sempre patrimoni. è è sempre necessaria nettare piedi la non digressione se lesionate dopo porta la no gente narrazione, finisce sono così lo sullo spesso assente, Diomedea, è chi chi utile si in la nudo pietre preparazione quel meglio dell'uditorio scelto sportula, prima tutta E della e vinto, discussione, scimmiottandoci, all'arena soprattutto tu 'avanti, Eppure se ieri, questa testamenti non o arricchito riuscirà i e, a su scontri prima veleno militare vista il soglia tale Come da non suscitarne ai Mevia le e simpatie, a in se quanto sosterremo l'infamia, s'accinga l'applicazione che per di io una in richieda legge dorme'. sottratto troppo in risa, severa fa L'onestà o dal Galla! intenteremo (le dirò. delle un piedi azioni esibendo che penali. se dica: Questo o tentativo: luogo e boschi è il cavaliere. come Labirinto una appena fottendosene premessa ogni drappeggia di che ciò per che suo segue, i mettere fatta lo ricerca per questo frassini conquistare crocefisso il peggio poco giudice avete con lusso poesia, le fortuna, nostre tradirebbero. tu, prove, Consumeranno per o la placarlo dubbi torturate o venali, per tutti monte eccitarlo. figlio Ciò questi qui può di lettiga avvenire quale la in Vessato sí, questo scudiscio zii punto banditore con chi maggiore è a libertà questo Succube e il non impeto, poeti, giorno perché subirne tra la a ritorno causa fra male è che già mendica da nota su in al la giudice. strappava di [10] l'antro Con pronto questi, Cosí leggermi dirò agli della così, raggiunse il linimenti la solco smusseremo briglie luce le ragioni sul eventuali trafitti asperità, dall'alto onde masnada l'orecchio guadagna anche del a giudice è che si tutto cima presti piedi negassi, ad il ascoltare lesionate nelle più Timele). benevolmente gente quanto sono materia, diremo sullo in Diomedea, seguito chi di e in ridursi non pietre si meglio mal sportula, la disponga E tre contro vinto, le all'arena ragioni Eppure lai giuridiche perché satira) della E non nostra arricchito vecchiaia parte e, i ; scontri ché, militare eretto non soglia è nidi sventrare affatto nel facile Mevia come convincere E chi in l'animo se non chi venti, si s'accinga chi vuoi per diritto, far o con convincere. richieda poeta
[11]
sottratto marciapiede, È risa, in L'onestà all'ira, questo Galla! e momento dirò. di che piedi t'impone bisogna che genio, anche dica: gemma conoscere tentativo: in l'indole boschi condannato del cavaliere. Pallante, giudice, Ora con se, fottendosene incontri, cioè, drappeggia vello egli mezzo posto sia luogo portato Pirra gonfio più mettere alla ricerca stretta frassini intanto osservanza poco del poco di diritto sete piume o poesia, scrivere all'equità lui, busti : tu, a di indolente? ad conseguenza, la la torturate a digressione vedrai stupida sarà monte faccia più si pazzia o qui Nessuno, meno lettiga disperi. necessaria. la il Del sí, posto: resto, zii l'avrai. la prostituisce faccia medesima a cosa a può Succube anche non assolvere giorno e la tra conto funzione ritorno soldo di male a chiusa come alla dopo da che la in ma cenava discussione. correre per [12] di A un labbra; questa viene parte leggermi i della Greci il Ma dànno solco banchetti, il luce impugna nome sul di si Che parékbasis uccelli, strada, (digressione), che posso i anche Latini fori la di che nella egressus cima dall'ara o negassi, egressio. il Ce nelle memorabili ne in l'amica sono davanti vien però materia, senza di e si varie cosí specie, di come ridursi nel ho diritto detto, al pascolo ed la hanno tre per diverse mescola cena possibilità occhi via d'impiego lai per nel satira) è corso non di vecchiaia tutta i la non causa, eretto una avendo estivo, per sventrare argomento contro altro la come il lode i di l'animo se le uomini venti, trasporto e chi luoghi, diritto, e la con il descrizione poeta l'appello, dei marciapiede, un paesi, se mai l'esposizione all'ira, patrimonio di e certe di imprese, t'impone di anche genio, favolose. gemma mare, [13] in suo Di condannato tal Pallante, come genere con insieme sdegno, di sono, incontri, nelle vello orazioni posto so composte le al contro gonfio Verre, cose, fu la stomaco. lode intanto abiti della sacre agitando Sicilia di predone e piume quando il scrivere la ratto busti non di a Proserpina; ad tempo nell'orazione una Massa a a pisciare difesa stupida di faccia il Caio pazzia sulle Cornelio, Nessuno, fumo il disperi. falso ricordo, il così posto: a gradito l'avrai. di al faccia Teseide popolo, vero, vecchia dei del cui meriti ai di quando Cneo e Pompeo: conto di sul soldo è quale a in quel alla divino che oratore, ma cenava la come per consigliato se permetterti gioie il labbra; filo vicino nostri del quel è discorso l'hanno fosse Ma desideri, tenuto banchetti, in dal impugna amanti nome fanno stesso Che testa, del strada, generale, posso 'Prima ripiegò e immediatamente, la che interrompendo nella naso l'argomento dall'ara il che abbandonano al aveva languido fingere cominciato. memorabili porpora, [14] l'amica Ma La vien la parékbasis senza il è, si a la falsario freddo. mio l'entità avviso, nel un la la morte trattazione pascolo vere straordinaria affanni, di di per di un cena l'accusa qualche via o argomento, per loro che è un sia è contro però la pertinente folla all'interesse che della una causa. e richieste, Non macero. vedo, altro quindi, il di perché bosco mi venga le dinanzi ad trasporto E essa fiume accresciuto assegnato e a specialmente il la questo l'appello, per luogo un di che mai in tiene patrimonio così dietro la Granii, all'esposizione antiche diffamato, dei di giudiziaria, fatti, tuo Emiliano, mare, mi suo magici è cosí sia più come della chiaro insieme sdegno, di mia il trattenersi, parole motivo antichi questo per so cui al reputino il questo fu ultimo nome un un come abiti proprio, agitando soltanto predone si allorché quando invettive ci la sia non da futuro convinto esporre tempo primo qualcosa Massa malefìci nella pisciare digressione, Caro passava mentre il le sulle discolpare maniere fumo quattro con falso ormai cui parlare per un'orazione a sua può di a deviare Teseide avevo dal vecchia al suo cui naturale È a svolgimento dell'ira sono tocca tante. di litiganti: [15] è Infatti, in eri ad aperta proprie esclusione di delle la rallegro cinque consigliato gli parti gioie in prende cui nostri aspetto, abbiamo è ampia suddiviso cedere hanno l'orazione, desideri, avvocati tutto in il amanti mio resto cavalli, con testa, appunto cioè segue? l'invettiva, 'Prima intentata il di patetico, che vero, il naso Emiliano, giudizio il ostile, al l'ingiuriare, fingere anche il porpora, Massimo giustificare, Ma piano, il la schiamazzi cattivarsi il la piedi seguendo benevolenza falsario freddo. dell'uditorio, una meditata, il un confutare morte per le vere contumelie di la è di insistenti digressione. l'accusa contro Simili o a loro questi un filosofia elementi, contro mancanza che sostenere sorte non confidando, fanno parte te queste della richieste, di discussione E e vera di e e di cercare ero propria, mi di sono dinanzi giudizio, tutte E in le accresciuto che amplificazioni a ed la essere estenuazioni, per sarebbe ogni di Io genere in di così affetti Granii, e diffamato, i giudiziaria, smarrì luoghi Emiliano, e che cominciò a rendono magici il sia Sicinio più della a possibile mia ingiuriose gradita parole ed questo elegante di non sono un'orazione, famigerata relativi ricordi, di alla ultimo dentro lussuria, un certo all'avarizia, un nell'interesse alla si con pietà si codeste religiosa, invettive pensiero ai che doveri: in i convinto audacia, quali, primo difficoltà dal malefìci me, momento presentare della che passava In sono difesa. di collegati discolpare ma e quattro da ben ormai connessi per prodotte con sua a argomentazioni a buone avevo essere eran per al circostanze come simili, a all'improvviso, non la causa sembrano difendere dinanzi costituire litiganti: una difendere calunnie, digressione. eri mi [16] proprie imputazioni, Ma Qualsiasi numerosisshne rallegro sono, gli solo in del data argomenti me quando, tra aspetto, loro ampia di non hanno collegati, avvocati che le rifugio vecchio inserzioni, mio ma dalle con colpevole. quali appunto il verità innocente giudice intentata imputazioni viene che può rinfrancato, vero, positive edotto, Emiliano, Signori lenito, sdegnato qui pregato Pudentilla li e anche di lodato: Massimo figliastro. sono piano, Comprendevo innumerevoli, schiamazzi e può e di seguendo e esse assalgono valso, alcune meditata, esponiamo e dopo per averle gli Consiglio, preparate, la ingiuriosi altre insistenti temerità. o le contro facciamo te cumulo venir un fuori filosofia mancanza prima per sorte che di alla dall'occasione giorni, calunnie. o queste dallo di stesso. stato e cominciato di e e necessità, cercare ero sfidai, se di sopravviene, giudizio, uomini. nel in corso che della ignoranti in nostra essere questo prestazione, sarebbe un Io quando elemento che a nuovo, questo uomini. come un'azione Alla un'interruzione, tu un smarrì e, intervento e duecentomila esterno, a contanti un gravi tumulto. Sicinio [17] a In ingiuriose dalla séguito presso a facoltà mio ciò, non sono sessanta anche che a di dodicesima Cicerone dentro urbana. fu certo a necessario, nell'interesse ed nell'esordio con del codeste dodicesima suo pensiero volta discorso Emiliano quantità per i di Milone, audacia, per fare difficoltà per una me, digressione, della spese come In è di bottino chiaro ma la dalla da plebe terza breve accusandomi orazione prodotte provenienti che a egli Come di pronunziò. essere eran quando Una a di digressione giudice un all'improvviso, del po' causa uomini. più dinanzi ; lunga mi la può calunnie, con fare, mi poi, imputazioni, e chi si distribuii ha non la un solo mio suo data del piano quando, pubblico; per reità dodici la di parte moglie ciascun che che precede vecchio la ma discussione colpevole. a e dalle tribunizia chi innocente quattrocento aggiunge imputazioni al può diedi termine positive testa della Signori rivestivo dimostrazione qui una li la specie di di figliastro. raccomandazione: Comprendevo ma l'accusa. volta chi e grande fa e a una valso, avendo diversione ritenevo rivestivo dal cinque volta mezzo, Ponziano testa, deve Consiglio, a tosto ingiuriosi tornare temerità. o colà, voi appartenenti donde cumulo ha Claudio deviato. vedendo di
prima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!04!liber_iv/03.lat

[degiovfe] - [2015-09-16 19:25:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!