banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iv - 2

Brano visualizzato 14872 volte
[2] I. Maxime naturale est, et fieri frequentissime debet, ut praeparato per haec quae supra dicta sunt iudice res de qua pronuntiaturus est indicetur: ea est narratio. II. In qua sciens transcurram subtiles nimium divisiones quorundam plura eius genera facientium. Non enim solam volunt esse illam negotii de quo apud iudices quaeritur expositionem, sed personae, ut: "M. Lollius Palicanus, humili loco Picens, loquax magis quam facundus"; loci, ut: "oppidum est in Hellesponto, Lampsacum, iudices"; temporis, ut: "vere novo, gelidus canis cum montibus umor liquitur"; causarum, quibus historici frequentissime utuntur cum exponunt unde bellum seditio pestilentia. III. Praeter haec alias perfectas, alias inperfectas vocant: quod quis ignorat? Adiciunt expositionem et praeteritorum esse temporum, quae est frequentissima, et praesentium, qualis est Ciceronis de discursu amicorum Chrysogoni, postquam est nominatus, et futurorum, quae solis dari vaticinantibus potest: nam hypotyposis non est habenda narratio. Sed nos potioribus vacemus.

IV. Plerique semper narrandum putaverunt: quod falsum esse pluribus coarguitur. sunt enim ante omnia quaedam tam breves causae ut propositionem potius habeant quam narrationem. V. Id accidit aliquando utrique parti, cum vel nulla expositio est, vel de re constat de iure quaeritur, ut apud centumviros: "filius an frater debeat esse intestatae heres", "pubertas annis an habitu corporis aestimetur": aut cum est quidem in re narrationi locus, sed aut ante iudici nota sunt omnia aut priore loco recte exposita. VI. Accidit aliquando alteri, et saepius ab actore, vel quia satis est proponere vel quia sic magis expedit. Satis est dixisse: "certam creditam pecuniam peto ex stipulatione", "legatum peto ex testamento". Diversae partis expositio est cur ea non debeantur. VII. Et satis est actori et magis expedit sic indicare: "dico ab Horatio sororem suam interfectam". Namque et propositione iudex crimen omne cognoscit, et ordo et causa facti pro adversario magis est. VIII. Reus contra tunc narrationem subtrahet cum id quod obicitur neque negari neque excusari poterit, sed in sola iuris quaestione consistet. Vt in eo qui, cum pecuniam privatam ex aede sacra surripuerit, sacrilegii reus est confessio verecundior est quam expositio: "non negamus pecuniam de templo esse sublatam, calumniatur tamen accusator actione sacrilegii, cum privata fuerit, non sacra: vos autem de hoc cognoscitis, an sacrilegium sit admissum".

IX. Sed ut has aliquando non narrandi causas puto, sic ab illis dissentio qui non existimant esse narrationem cum reus quod obicitur tantum negat: in qua est opinione Cornelius Celsus, qui condicionis huius esse arbitratur plerasque caedis causas et omnis ambitus ac repetundarum. X. Non enim putat esse narrationem nisi quae summam criminis de quo iudicium est contineat, deinde fatetur ipse pro Rabirio Postumo narrasse Ciceronem: atqui ille et negavit pervenisse ad Rabirium pecuniam, qua de re erat quaestio constituta, et in hac narratione nihil de crimine exposuit. XI. Ego autem magnos alioqui secutus auctores duas esse in iudiciis narrationum species existimo, alteram ipsius causae, alteram in rerum ad causam pertinentium expositione. XII. "Non occidi hominem": nulla narratio est; convenit: sed erit aliqua et interim etiam longa contra argumenta eius criminis, de ante acta vita, de causis propter quas innocens in periculum deducatur, aliis quibus incredibile id quod obicitur fiat. XIII. Neque enim accusator tantum hoc dicit "occidisti", sed quibus id probet narrat: ut in tragoediis, cum Teucer Vlixem reum facit Aiacis occisi, dicens inventum eum in solitudine iuxta exanime corpus inimici cum gladio cruento, non id modo Vlixes respondet, non esse a se id facinus admissum, sed sibi nullas cum Aiace inimicitias fuisse, de laude inter ipsos certatum: deinde subiungit quo modo in eam solitudinem venerit, iacentem exanimem sit conspicatus, gladium e vulnere extraxerit. XIV. His subtexitur argumentatio. Sed ne illud quidem sine narratione est, dicente accusatore: "fuisti in eo loco in quo tuus inimicus occisus est": "non fui"; dicendum enim ubi fuerit. Quare ambitus quoque causae et repetundarum hoc etiam plures huiusmodi narrationes habere poterunt quo plura crimina: in quibus ipsa quidem neganda sunt, sed argumentis expositione contraria resistendum est, interdum singulis, interdum universis. XV. An reus ambitus male narrabit quos parentes habuerit, quem ad modum ipse vixerit, quibus meritis fretus ad petitionem descenderit? Aut qui repetundarum insimulabitur, non et ante actam vitam et quibus de causis [per] provinciam universam vel accusatorem aut testem offenderit non inutiliter exponet? XVI. Quae si narratio non est, ne illa quidem Ciceronis pro Cluentio prima, cuius est initium: "A. Cluentius Habitus". Nihil enim hic de veneficio sed de causis quibus ei mater inimica sit dicit. XVII. Illae quoque sunt pertinentes ad causam sed non ipsius causae narrationes, vel exempli gratia, ut in Verrem de L. Domitio, qui pastorem, quod is aprum, quem ipsi muneri optulerat, exceptum esse a se venabulo confessus esset, in crucem sustulit: XVIII. vel discutiendi alicuius extrinsecus criminis, ut pro Rabirio Postumo: "nam ut ventum Alexandream est, iudices, haec una ratio a rege proposita Postumo est servandae pecuniae, si curationem et quasi dispensationem regiam suscepisset": vel augendi, ut describitur iter Verris. XIX. Ficta interim narratio introduci.solet, vel ad concitandos iudices, ut pro Roscio circa Chrysogonum, cuius paulo ante habui mentionem, vel ad resolvendos aliqua urbanitate, ut pro Cluentio circa fratres Caepasios, interdum per digressionem decoris gratia, qualis rursus in Verrem de Proserpina: "in his quondam locis mater filiam quaesisse dicitur".

Quae omnia eo pertinent ut appareat non utique non narrare eum qui negat, sed illud ipsum non narrare quod negat.

XX. Ne hoc quidem simpliciter accipiendum, quod est a me positum, supervacuam esse narrationem rei quam iudex noverit: quod sic intellegi volo, si non modo factum quid sit sciet, sed ita factum etiam ut nobis expedit opinabitur. XXI. Neque enim narratio in hoc reperta est, ut tantum cognoscat iudex, sed aliquanto magis ut consentiat. Quare etiam si non erit docendus sed aliquo modo adficiendus narrabimus, cum praeparatione quadam: scire quidem eum in summam quid acti sit, tamen rationem quoque facti cuiusque cognoscere ne gravetur. XXII. Interim propter aliquem in consilium adhibitum nos repetere illa simulemus, interim ut rei quae ex adverso proponatur iniquitatem omnes etiam circumstantes intellegant. In quo genere plurimis figuris erit varianda expositio ad effugiendum taedium nota audientis, sicut "meministi" et "fortasse supervacuum fuerit hic commorari", "sed quid ego diutius cum tu optime noris?", "illud quale sit tu scias", et his similia. XXIII. Alioqui, si apud iudicem cui nota causa est narratio semper videtur supervacua, potest videri non semper esse etiam ipsa actio necessaria.

XXIV. Alterum est de quo frequentius quaeritur, an sit utique narratio prohoemio subicienda: quod qui opinantur non possunt videri nulla ratione ducti. Nam cum prohoemium idcirco comparatum sit ut iudex ad rem accipiendam fiat conciliatior docilior intentior, et probatio nisi causa prius cognita non possit adhiberi, protinus iudex notitia rerum instruendus videtur. XXV. Sed hoc quoque interim mutat condicio causarum, nisi forte M. tullius in oratione pulcherrima quam pro Milone scriptam reliquit male distulisse narrationem videtur tribus praepositis quaestionibus, aut profuisset exponere quo modo insidias Miloni fecisset Clodius si reum qui a se hominem occisum fateretur defendi omnino fas non fuisset, aut si iam praeiudicio senatus damnatus esset Milo, aut si Cn. Pompeius, qui praeter aliam gratiam iudicium etiam militibus armatis cluserat, tamquam adversus ei timeretur. XXVI. Ergo hae quoque quaestiones vim prohoemii optinebant, cum omnes iudicem praepararent. Sed pro Vareno quoque postea narravit quam obiecta diluit. Quod fiet utiliter quotiens non repellendum tantum erit crimen, sed etiam transferendum, ut his prius defensis velut initium sit alium culpandi narratio, ut in armorum ratione antiquior cavendi quam ictum inferendi cura est. XXVII. Erunt quaedam causae, neque id raro, crimine quidem de quo cognitio est faciles ad diluendum, sed multis ante actae vitae flagitiis et gravibus oneratae, quae prius amovenda sunt, ut propitius iudex defensionem ipsius negotii cuius propria quaestio est audiat. Vt si defendendus sit M. Caelius, nonne optime patronus occurrat prius conviciis luxuriae petulantiae inpudicitiae veneficii, in quibus solis omnis Ciceronis versatur oratio: tum deinde narret de bonis Pallae totamque de vi explicet causam, quae est ipsius actione defensa? XXVIII. Sed nos ducit scholarum consuetudo, in quibus certa quaedam ponuntur (quae themata dicimus) praeter quae nihil est diluendum, ideoque narratio prohoemio semper subiungitur. Inde libertas declamatoribus, ut etiam secundo partis suae loco narrare videantur. XXIX. Nam cum pro petitore dicunt, et expositione tamquam priores agant uti solent et contradictione tamquam respondeant, idque fit recte. Nam cum sit declamatio forensium actionum meditatio, cur non in utrumque protinus locum exerceat? cuius rationis ignari ex more cui adsuerunt nihil in foro putant esse mutandum. XXX. Sed in scholasticis quoque nonnumquam evenit ut pro narratione sit propositio. Nam quid exponet quae zelotypum malae tractationis accusat aut qui Cynicum apud censores reum de moribus facit, cum totum crimen uno verbo in qualibet actionis parte posito satis indicetur? Sed haec hactenus.

XXXI. Nunc quae sit narrandi ratio subiungam. Narratio est rei factae aut ut factae utilis ad persuadendum expositio, vel, ut Apollodorus finit, oratio docens auditorem quid in controversia sit. Eam plerique scriptores maximeque qui sunt ab Isocrate volunt esse lucidam brevem veri similem. Neque enim refert an pro lucida perspicuam, pro veri simili probabilem credibilemve dicamus. XXXII. Eadem nobis placet divisio, quamquam et Aristoteles ab Isocrate parte in una dissenserit, praeceptum brevitatis inridens tamquam necesse sit longam esse aut brevem expositionem nec liceat ire per medium, Theodorei quoque solam relinquant ultimam partem, quia nec breviter utique nec dilucide semper sit utile exponere. XXXIII. Quo diligentius distinguenda sunt singula, ut quid quoque loco prosit ostendam.

Narratio est aut tota pro nobis aut tota pro adversariis aut mixta ex utrisque. Si erit tota pro nobis, contenti sumus his tribus partibus, per quas efficitur quo facilius iudex intellegat meminerit credat. XXXIV. Nec quisquam reprehensione dignum putet quod proposuerim eam quae sit tota pro nobis debere esse veri similem cum vera sit. sunt enim plurima vera quidem, sed parum credibilia, sicut falsa quoque frequenter veri similia. Quare non minus laborandum est ut iudex quae vere dicimus quam quae fingimus credat. XXXV. sunt quidem hae quas supra retuli virtutes aliarum quoque partium; nam et per totam actionem vitanda est obscuritas, et modus ubique custodiendus, et credibilia esse oportet omnia quae dicuntur. Maxime tamen haec in ea parte custodienda sunt quae prima iudicem docet: in qua si acciderit ut aut non intellegat aut non meminerit aut non credat, frustra in reliquis laborabimus. XXXVI.

Erit autem narratio aperta ac dilucida si fuerit primum exposita verbis propriis et significantibus et non sordidis quidem, non tamen exquisitis et ab usu remotis, tum distincta rebus personis temporibus locis causis, ipsa etiam pronuntiatione in hoc accommodata, ut iudex quae dicentur quam facillime accipiat. XXXVII. Quae quidem virtus neglegitur a plurimis, qui ad clamorem dispositae vel etiam forte circumfusae multitudinis compositi non ferunt illud intentionis silentium, nec sibi diserti videntur nisi omnia tumultu et vociferatione concusserint: rem indicare sermonis cotidiani et in quemcumque etiam indoctorum cadentis existimant, cum interim quod tamquam facile contemnunt nescias praestare minus velint an possint. XXXVIII. Neque enim aliud in eloquentia cuncta experti difficilius reperient quam id quod se dicturos fuisse omnes putant postquam audierunt, quia non bona iudicant esse illa, sed vera: tum autem optime dicit orator cum videtur vera dicere. XXXIX. At nunc velut campum nacti expositionis hic potissimum et vocem flectunt et cervicem reponunt et bracchium in latus iactant totoque et rerum et verborum et compositionis genere lasciviunt: deinde, quod sit monstro simile, placet actio, causa non intellegitur. Verum haec omittamus, ne minus gratiae praecipiendo recta quam offensae reprendendo prava mereamur.

XL. Brevis erit narratio ante omnia si inde coeperimus rem exponere unde ad iudicem pertinet, deinde si nihil extra causam dixerimus, tum etiam si reciderimus omnia quibus sublatis neque cognitioni quicquam neque utilitati detrahatur; solet enim quaedam esse partium brevitas, XLI. quae longam tamen efficit summam. "In portum veni, navem prospexi, quanti veheret interrogavi, de pretio convenit, conscendi, sublatae sunt ancorae, solvimus oram, profecti sumus". Nihil horum dici celerius potest, sed sufficit dicere: "e portu navigavi"; et quotiens exitus rei satis ostendit priora, debemus hoc esse contenti quo reliqua intelleguntur. XLII. Quare, cum dicere liceat: "est mihi filius iuvenis", omnia illa supervacua: "cupidus ego liberorum uxorem duxi, natum filium sustuli, educavi, in adulescentiam perduxi". Ideoque Graecorum aliqui aliud circumcisam expositionem, id est syntomon, aliud brevem putaverunt, quod illa supervacuis careret, haec posset aliquid ex necessariis desiderare. XLIII. Nos autem brevitatem in hoc ponimus, non ut minus sed ne plus dicatur quam oporteat. Nam iterationes quidem et tautologias et perissologias, quas in narratione vitandas quidam scriptores artium tradiderunt, transeo: sunt enim haec vitia non tantum brevitatis gratia refugienda. XLIV. Non minus autem cavenda erit, quae nimium corripientes omnia sequitur, obscuritas, satiusque aliquid narrationi superesse quam deesse: nam supervacua cum taedio dicuntur, necessaria cum periculo subtrahuntur. XLV. Quare vitanda est etiam illa Sallustiana (quamquam in ipso virtutis optinet locum) brevitas et abruptum sermonis genus: quod otiosum fortasse lectorem minus fallat, audientem transvolat, nec dum repetatur exspectat, cum praesertim lector non fere sit nisi eruditus, iudicem rura plerumque in decurias mittant de eo pronuntiaturum quod intellexerit, ut fortasse ubique, in narratione tamen praecipue media haec tenenda sit via dicendi: "quantum opus est et quantum satis est". XLVI. Quantum opus est autem non ita solum accipi volo, quantum ad indicandum sufficit, quia non inornata debet esse brevitas, alioqui sit indocta; nam et fallit voluptas, et minus longa quae delectant videntur, ut amoenum ac molle iter, etiamsi est spatii amplioris, minus fatigat quam durum aridumque compendium. XLVII. Neque mihi umquam tanta fuerit cura brevitatis ut non ea quae credibilem faciunt expositionem inseri velim. Simplex enim et undique praecisa non tam narratio vocari potest quam confessio. sunt porro multae condicione ipsa rei longae narrationes. Quibus extrema, ut praecepi, prohoemii parte ad intentionem praeparandus est iudex, deinde curandum ut omni arte vel ex spatio eius detrahamus aliquid vel ex taedio. XLVIII. Vt minus longa sit efficiemus quae poterimus differendo, non tamen sine mentione eorum quae differemus: "quas causas occidendi habuerit, quos adsumpserit conscios, quem ad modum disposuerit insidias, probationis loco dicam." XLIX. Quaedam vero ex ordine praetermittenda, quale est apud Ciceronem: "moritur fulcinius; multa enim quae sunt in re, quia remota sunt a causa, praetermittam". Et partitio taedium levat: "dicam quae acta sint ante ipsum rei contractum, dicam quae in re ipsa, dicam quae postea"; L. ita tres potius modicae narrationes videbuntur quam una longa. Interim expediet expositionem brevi interfatione distinguere: "audistis quae ante acta sunt: accipite nunc quae insecuntur". Reficietur enim iudex priorum fine et se velut ad novum rursus initium praeparabit. LI. Si tamen adhibitis quoque his artibus in longum exierit ordo rerum, erit non inutilis in extrema parte commonitio, quod Cicero etiam in brevi narratione fecit: "adhuc, Caesar, Q. Ligarius omni culpa caret: domo est egressus non modo nullum ad bellum, sed ne ad minimam quidem belli suspicionem", et cetera.

LII. Credibilis autem erit narratio ante omnia si prius consuluerimus nostrum animum ne quid naturae dicamus adversum, deinde si causas ac rationes factis praeposuerimus, non omnibus, sed de quibus quaeritur, si personas convenientes iis quae facta credi volemus constituerimus, ut furti reum cupidum, adulterii libidinosum, homicidii temerarium, vel his contraria si defendemus: praeterea loca, tempora, et similia. LIII. Est autem quidam et ductus rei credibilis, qualis in comoediis etiam et in mimis. Aliqua enim naturaliter secuntur et cohaerent, ut si bene priora narraveris iudex ipse quod postea sis narraturus exspectet. LIV. Ne illud quidem fuerit inutile, semina quaedam probationum spargere, verum sic ut narrationem esse meminerimus, non probationem. Nonnumquam tamen etiam argumento aliquo confirmabimus quod proposuerimus, sed simplici et brevi, ut in veneficiis: sanus bibit, statim concidit, livor ac tumor confestim est insecutus. LV. Hoc faciunt et illae praeparationes, cum reus dicitur robustus armatus (paratus) contra infirmos inermis securos. Omnia denique quae probatione tractaturi sumus, personam causam locum tempus instrumentum occasionem, narratione delibabimus. LVI. Aliquando, si destituti fuerimus his, etiam fatebimur vix esse credibile, sed verum, et hoc maius habendum scelus: nescire nos quo modo factum sit aut quare, mirari, sed probaturos. LVII. Optimae vero praeparationes erunt quae latuerint. Vt a Cicerone sunt quidem utilissime praedicta omnia per quae Miloni Clodius, non Clodio Milo insidiatus esse videatur, plurimum tamen facit illa callidissima simplicitatis imitatio: "Milo autem, cum in senatu fuisset eo die quoad senatus est dimissus, domum venit, calceos et vestimenta mutavit, paulisper, dum se uxor, ut fit, comparat, commoratus est." LVIII. Quam nihil festinato, nihil praeparato fecisse videtur Milo! Quod non solum rebus ipsis vir eloquentissimus, quibus moras et lentum profectionis ordinem ducit, sed verbis etiam vulgaribus et cotidianis et arte occulta consecutus est: quae si aliter dicta essent, strepitu ipso iudicem ad custodiendum patronum excitassent. LIX. Frigida videntur ista plerisque, sed hoc ipso manifestum est quo modo iudicem fefellerit, quod vix a lectore deprenditur. Haec sunt quae credibilem faciant expositionem. LX. Nam id quidem, ne qua contraria aut repugnantia in narratione dicamus? Si cui praecipiendum est, is reliqua frustra docetur, etiam si quidam scriptores artium hoc quoque tamquam occultum et a se prudenter erutum tradunt.

LXI. His tribus narrandi virtutibus adiciunt quidam magnificentiam, quam megaloprepeian vocant, quae neque in omnes causas cadit (nam quid in plerisque iudiciis privatis de certa credita, locato et conducto, interdictis habere loci potest supra modum se tollens oratio?), neque semper est utilis, ut vel proximo exemplo Miloniano patet. LXII. Et meminerimus multas esse causas in quibus confitendum excusandum summittendum sit quod exponimus: quibus omnibus aliena est illa magnificentiae virtus. Quare non magis proprium narrationis est magnifice dicere quam miserabiliter invidiose graviter dulciter urbane: quae cum suo quoque loco sint laudabilia, non sunt huic parti proprie adsignata et velut dedita.

LXIII. Illa quoque ut narrationi apta, ita ceteris quoque partibus communis est virtus quam Theodectes huic uni proprie dedit; non enim magnificam modo vult esse verum etiam iucundam expositionem. sunt qui adiciant his evidentiam, quae enargeia Graece vocatur. LXIV. Neque ego quemquam deceperim ut dissimulem Ciceroni quoque plures partes placere. Nam praeterquam planam et brevem et credibilem vult esse evidentem, moratam, cum dignitate. Sed in oratione morata debent esse omnia, cum dignitate quae poterunt: evidentia in narratione, quantum ego intellego, est quidem magna virtus, cum quid veri non dicendum sed quodammodo etiam ostendendum est, sed subici perspicuitati potest. Quam quidam etiam contrariam interim putaverunt, quia in quibusdam causis obscuranda veritas esset. Quod est ridiculum; LXV. nam qui obscurare vult narrat falsa pro veris, et in iis quae narrat debet laborare ut videantur quam evidentissima.

LVI. Sed quatenus etiam forte quadam pervenimus ad difficilius narrationum genus, iam de iis loquamur in quibus res contra nos erit: quo loco nonnulli praetereundam narrationem putaverunt. Et sane nihil est facilius nisi prorsus totam causam omnino non agere. Sed si aliqua iusta ratione huiusmodi susceperis litem, cuius artis est malam esse causam silentio confiteri? Nisi forte tam hebes futurus est iudex ut secundum id pronuntiet quod sciet narrare te noluisse. LXVII. Neque infitias eo in narratione ut aliqua neganda, aliqua adicienda, aliqua mutanda, sic aliqua etiam tacenda: sed tacenda quae tacere oportebit et liberum erit. Quod fit nonnumquam brevitatis quoque gratia, quale illud est: "respondit quae ei visum est". LXVIII. Distinguamus igitur genera causarum. Namque in iis in quibus non de culpa quaeretur sed de actione, etiam si erunt contra nos themata confiteri nobis licebit: "pecuniam de templo sustulit, sed privatam, ideoque sacrilegus non est"; "virginem rapuit, non tamen optio patri dabitur"; "ingenuum stupravit et stupratus se suspendit: LXIX. non tamen ideo stuprator capite ut causa mortis punietur, sed decem milia, quae poena stupratori constituta est, dabit". Verum in his quoque confessionibus est aliquid quo invidia quam expositio adversarii fecit detrahi possit, cum etiam servi nostri de peccatis suis mollius loquantur. LXX. Quaedam enim quasi non +narrantes+ mitigabimus: "Non quidem, ut adversarius dicit, consilium furti in templum attulit nec diu captavit eius rei tempus, sed occasione et absentia custodum corruptus et pecunia, quae nimium in animis hominum potest, victus est. Sed quid refert? Peccavit et fur est: nihil attinet id defendere cuius poenam non recusamus". LXXI. Interim quasi damnemus ipsi: "Vis te dicam vino inpulsum, errore lapsum, nocte deceptum? Vera sunt ista fortasse: tu tamen ingenuum stuprasti, solve decem milia." Nonnumquam propositione praemuniri potest causa, deinde exponi. LXXII. Contraria sunt omnia tribus filiis qui in mortem patris coniurarant; sortiti nocte singuli per ordinem cum ferro cubiculum intrarunt patre dormiente: cum occidere eum nemo potuisset, excitato omnia indicarunt. LXXIII. Si tamen pater, qui divisit patrimonium et reos parricidii defendit, sic agat: "Quod contra legem sufficit, parricidium obicitur iuvenibus quorum pater vivit atque etiam liberis suis adest. Ordinem rei narrare quid necesse est cum ad legem nihil pertineat? Sed si confessionem culpae meae exigitis, ego fui pater durus, et patrimonii quod iam melius ab his administrari poterat tenax custos", LXXIV. deinde subiciat stimulatos ab iis quorum indulgentiores parentes erant semper tamen eum habuisse animum qui sit eventu deprensus, ut occidere patrem non possent; neque enim iure iurando opus fuisse si alioqui hoc mentis habuissent, nec sorte nisi quod se quisque eximi voluerit: omnia haec qualiacumque placidioribus animis accipientur illa brevi primae propositionis defensione mollita.

LXXV. At cum quaeritur an factum sit vel quale factum sit, licet omnia contra nos sint, quo modo tamen evitare expositionem salva causae ratione possumus? Narravit accusator, neque ita ut quae essent acta tantum indicaret, sed adiecit invidiam, rem verbis exasperavit: accesserunt probationes, peroratio incendit et plenos irae reliquit. LXXVI. Exspectat naturaliter iudex quid narretur a nobis. Si nihil exponimus, illa esse quae adversarius dixit et talia qualia dixit credat necesse est. Quid ergo? Eadem exponemus? Si de qualitate agetur, cuius tum demum quaestio est cum de re constat, eadem, sed non eodem modo: alias causas, aliam mentem, aliam rationem dabo. LXXVII. Verbis elevare quaedam licebit: luxuria liberalitatis, avaritia parsimoniae, neglegentia simplicitatis nomine lenietur, vultu denique voce habitu vel favoris aliquid vel miserationis merebor: solet nonnumquam movere lacrimas ipsa confessio. Atque ego libenter interrogem, sint illa defensuri quae non narraverint necne? LXXVIII. Nam si neque defenderint neque narraverint, tota causa prodetur; at si defensuri sunt, proponere certe plerumque id quod confirmaturi sumus oportet. cur ergo non exponamus quod et dilui potest et, ut hoc contingat, utique indicandum est? LXXIX. Aut quid inter probationem et narrationem interest nisi quod narratio est probationis continua propositio, rursus probatio narrationi congruens confirmatio? Videamus ergo num expositio haec longior demum esse debeat et paulo verbosior praeparatione et quibusdam argumentis (argumentis dico, non argumentatione); cui tamen plurimum conferet frequens adfirmatio effecturos nos quod dicimus: non posse vim rerum ostendi prima expositione: exspectent et opiniones suas differant et bene sperent. LXXX. Denique utique narrandum est quidquid aliter quam adversarius exposuit narrari potest, aut etiam prohoemia sunt in his causis supervacua: quae quid magis agunt quam ut cognitioni rerum accommodatiorem iudicem faciant? Atqui constabit nusquam esse eorum maiorem usum quam ubi animus iudicis ab aliqua contra nos insita opinione flectendus est.

LXXXI. Coniecturales autem causae, in quibus de facto quaeritur, non tam saepe rei de qua iudicium est quam eorum per quae res colligenda est expositionem habent. Quae cum accusator suspiciose narret, reus levare suspicionem debeat, aliter ab hoc atque ab illo ad iudicem perferri oportet.

LXXXII. At enim quaedam argumenta turba valent,diducta leviora sunt. Id quidem non eo pertinet ut quaeratur an narrandum, sed quo modo narrandum sit. Nam et congerere plura in expositione quid prohibet, si id utile est causae, et promittere, sed et dividere narrationem et probationes subiungere partibus atque ita transire ad sequentia? LXXXIII. Namque ne iis quidem accedo qui semper eo putant ordine quo quid actum sit esse narrandum, sed eo malo narrare quo expedit. Quod fieri plurimis figuris licet. Nam et aliquando nobis excidisse simulamus cum quid utiliore loco reducimus, et interim nos reddituros relicum ordinem testamur quia sic futura sit causa lucidior: LXXXIV. interim re exposita subiungimus causas quae antecesserunt. Neque enim est una lex defensionis certumque praescriptum: pro re, pro tempore intuenda quae prosint, atque ut erit vulnus, ita vel curandum protinus vel, si curatio differri potest, interim deligandum. LXXXV. Nec saepius narrare duxerim nefas, quod Cicero pro Cluentio fecit, estque non concessum modo sed aliquando etiam necessarium, ut in causis repetundarum omnibusque quae simplices non sunt; amentis est enim superstitione praeceptorum contra rationem causae trahi. LXXXVI. Narrationem ideo ante probationes ponere est institutum ne iudex qua de re quaeratur ignoret. cur igitur, si singula probanda aut refellenda erunt, non singula etiam narrentur? Me certe, quantacumque nostris experimentis habenda est fides, fecisse hoc in foro quotiens ita desiderabat utilitas, probantibus et eruditis et iis qui iudicabant, scio: et (quod non adroganter dixerim, quia sunt plurimi quibuscum egi qui me refellere possint si mentiar) fere ponendae a me causae officium exigebatur. LXXXVII. Neque ideo tamen non saepius id facere oportebit ut rerum ordinem sequamur. Quaedam vero etiam turpiter convertuntur, ut si peperisse narres, deinde concepisse, apertum testamentum, deinde signatum, in quibus si id quod posterius est dixeris, de priore tacere optimum; palam est enim praecessisse.

LXXXVIII. Sunt quaedam et falsae expositiones, quarum in foro duplex genus est: alterum quod instrumentis adiuvatur, ut P. Clodius fiducia testium qua nocte incestum Romae commiserat Interamnae se fuisse dicebat: alterum quod est tuendum dicentis ingenio. Id interim ad solam verecundiam pertinet, unde etiam mihi videtur dici color, interim ad quaestionem. LXXXIX. Sed utrumcumque erit, prima sit curarum ut id quod fingemus fieri possit, deinde ut et personae et loco et tempori congruat et credibilem rationem et ordinem habeat: si continget, etiam verae alicui rei cohaereat, aut argumento quod sit in causa confirmetur; nam quae tota extra rem petita sunt mentiendi licentiam produnt. XC. curandum praecipue, quod fingentibus frequenter excidit, ne qua inter se pugnent; quaedam enim partibus blandiuntur, sed in summam non consentiunt: praeterea ne iis quae vera esse constabit adversa sint: in schola etiam ne color extra themata quaeratur. XCI. Vtrubique autem orator meminisse debebit actione tota quid finxerit, quoniam solent excidere quae falsa sunt: verumque est illud quod vulgo dicitur, mendacem memorem esse oportere. XCII. Sciamus autem, si de nostro facto quaeratur, unum nobis aliquid esse dicendum: si de alieno, mittere in plura suspiciones licere. Est tamen quibusdam scholasticis controversiis, in quibus ponitur aliquem non respondere quod interrogatur, libertas omnia enumerandi quae responderi potuissent. XCIII. Fingenda vero meminerimus ea quae non cadant in testem: sunt autem haec quae a nostro ducuntur animo, cuius ipsi tantum conscii sumus, item quod a defunctis (nec hoc enim est qui neget) itemque ab eo cui idem expediet (is enim non negabit), ab adversario quoque qua non est habiturus in negando fidem. XCIV. Somniorum et superstitionum colores ipsa iam facilitate auctoritatem perdiderunt. Non est autem satis in narratione uti coloribus nisi per totam actionem consentiant, cum praesertim quorundam probatio sola sit in adseveratione et perseverantia: XCV. ut ille parasitus qui ter abdicatum a divite iuvenem et absolutum tamquam suum filium adserit, habebit quidem colorem quo dicat et paupertatem sibi causam exponendi fuisse, et ideo a se parasiti personam esse susceptam quia in illa domo filium haberet, et ideo illum innocentem ter abdicatum quia filius abdicantis non esset; XCVI. nisi tamen in omnibus verbis et amorem patrium atque hunc quidem ardentissimum ostenderit et odium divitis et metum pro iuvene, quem periculose mansurum in illa domo in qua tam invisus sit sciat, suspicione subiecti petitoris non carebit.

XCVII. Evenit aliquando in scholasticis controversiis, quod in foro an possit accidere dubito, ut eodem colore utraque pars utatur, deinde eum pro se quaeque defendat, ut in illa controversia: XCVIII. "uxor marito dixit appellatam se de stupro a privigno et sibi constitutum tempus et locum: eadem contra filius detulit de noverca, edito tantum alio tempore ac loco: pater in eo quem uxor praedixerat filium invenit, in eo quem filius uxorem: illam repudiavit: qua tacente filium abdicat". XCIX. Nihil dici potest pro iuvene quod non idem sit pro noverca; ponentur tamen etiam communia, deinde ex personarum comparatione et indicii ordine et silentio repudiatae argumenta ducentur. C. Ne illud quidem ignorare oportet, quaedam esse quae colorem non recipiant sed tantum defendenda sint, qualis est ille dives qui statuam pauperis inimici flagellis cecidit et reus est iniuriarum: nam factum eius modestum esse nemo dixerit, fortasse ut sit tutum optinebit.

CI. Quod si pars expositionis pro nobis, pars contra nos erit, miscenda sit an separanda narratio cum ipsa causae condicione deliberandum est. Nam si plura sunt quae nocent, quae prosunt obruentur. Itaque tunc dividere optimum erit, et iis quae partem nostram adiuvabunt expositis et confirmatis adversus reliqua uti remediis de quibus supra dictum est. CII. Si plura proderunt, etiam coniungere licebit, ut quae obstant in mediis velut auxiliis nostris posita minus habeant virium. Quae tamen non erunt nuda ponenda, sed ut et nostra aliqua argumentatione firmemus et diversa cur credibilia non sint adiciamus, quia nisi distinxerimus verendum est ne bona nostra permixtis malis inquinentur.

CIII. Illa quoque de narratione praecipi solent, ne qua ex ea fiat excursio, ne avertatur a iudice sermo, ne alienae personae vocem demus, ne argumentemur; adiciunt quidam etiam, ne utamur adfectibus: quorum pleraque sunt frequentissime custodienda, immo numquam nisi ratio coegerit mutanda. CIV. Vt sit expositio perspicua et brevis, nihil quidem tam raro poterit habere rationem quam excursio: nec umquam debebit esse nisi brevis et talis ut vi quadam videamur adfectus velut recto itinere depulsi, CV. qualis est Ciceronis circa nuptias Sasiae: "O mulieris scelus incredibile et praeter hanc unam in omni vita inauditum! O libidinem effrenatam et indomitam! O audaciam singularem! Nonne timuisse, si minus vim deorum hominumque famam, at illam ipsam noctem facesque illas nuptiales, non limen cubiculi, non cubile filiae, non parietes denique ipsos, superiorum testes nuptiarum?" CVI. Sermo vero aversus a iudice et brevius indicat interim et coarguit magis: qua de re idem quod in prohoemio dixeram sentio, sicut de prosopopoeia quoque, qua tamen non Servius modo sulpicius utitur pro Aufidia: "somnone te languidum an gravi lethargo putem pressum?", sed M. quoque tullius circa navarchos (nam ea quoque rei expositio est): "ut adeas, tantum dabis" et reliqua. CVII. Quid? pro Cluentio Staieni Bulbique conloquium nonne ad celeritatem plurimum et ad fidem confert? Quae ne fecisse inobservantia quadam videatur, quamquam hoc in illo credibile non est, in Partitionibus praecipit ut habeat narratio suavitatem, admirationes, exspectationes, exitus inopinatos, conloquia personarum, omnes adfectus. CVIII. Argumentabimur in narratione, ut dixi, numquam: argumentum ponemus aliquando, quod facit pro Ligario Cicero cum dicit sic eum provinciae praefuisse ut ei pacem esse expediret. Inseremus expositioni et brevem cum res poscet defensionem et rationem factorum; neque enim narrandum est tamquam testi, CIX. sed tamquam patrono. Rei ordo per se talis est: "Q. Ligarius legatus C. Considio profectus". Quid ergo M. Tullius? "Q. enim" inquit "Ligarius, cum esset nulla belli suspicio, legatus in Africam C. Considio profectus est"; CX. et alibi: "non modo nullum ad bellum, sed ne ad minimam quidem suspicionem belli". Et cum esset indicaturo satis "Q. Ligarius nullo se inplicari negotio passus est", adiecit "domum spectans, ad suos redire cupiens". Ita quod exponebat et ratione fecit credibile et adfectu quoque implevit.

CXI. Quo magis miror eos qui non putant utendum in narratione adfectibus. Qui si hoc dicunt "non diu neque ut in epilogo", mecum sentiunt: effugiendae sunt enim morae. Ceterum cur ego iudicem nolim dum doceo etiam movere? cur, CXII. quod in summa sum actionis petiturus, non in primo statim rerum ingressu, si fieri potest, consequar? cum praesertim etiam in probationibus faciliorem sim animum eius habiturus occupatum vel ira vel miseratione. CXIII. An non M. tullius circa verbera civis Romani omnis brevissime movit adfectus, non solum condicione ipsius, loco iniuriae, genere verberum, sed animi quoque commendatione? summum enim virum ostendit, qui cum virgis caederetur non ingemuerit, non rogaverit, sed tantum civem se Romanum esse cum invidia caedentis et fiducia iuris clamaverit. CXIV. Quid? Philodami casum nonne cum per totam expositionem incendit invidia tum in supplicio ipso lacrimis implevit, cum flentis non tam narraret quam ostenderet patrem de morte filii, filium de patris? Quid ulli epilogi possunt magis habere miserabile? CXV. Serum est enim advocare iis rebus adfectum in peroratione quas securus narraveris: adsuevit illis iudex iamque eas sine motu mentis accipit quibus commotus novis non est; et difficile est mutare habitum animi semel constitutum.

CXVI. Ego vero (neque enim dissimulabo iudicium meum, quamquam id quod sum dicturus exemplis magis quam praeceptis ullis continetur) narrationem, ut si ullam partem orationis, omni qua potest gratia et venere exornandam puto. Sed plurimum refert quae sit natura eius rei quam exponimus. CXVII. In parvis ergo, quales sunt fere privatae, sit ille pressus et velut adplicitus rei cultus, in verbis summa diligentia: quae in locis impetu feruntur et circumiectae orationis copia latent, hic expressa et, ut vult Zenon, "sensu tincta" esse debebunt: compositio dissimulata quidem, sed tamen quam iucundissima: CXVIII. figurae non illae poeticae et contra rationem loquendi auctoritate veterum receptae (nam debet esse quam purissimus sermo), sed quae varietate taedium effugiant et mutationibus animum levent, ne in eundem casum, similem compositionem, pares elocutionum tractus incidamus. Caret enim ceteris lenociniis expositio et, nisi commendetur hac venustate, iaceat necesse est. CXIX. Nec in ulla parte intentior est iudex, eoque nihil recte dictum perit. Praeterea nescio quo modo etiam credit facilius quae audienti iucunda sunt, et voluptate ad fidem ducitur. CXX. Vbi vero maior res erit, et atrocia invidiose et tristia miserabiliter dicere licebit, non ut consumantur adfectus sed ut tamen velut primis lineis designentur, ut plane qualis futura sit imago rei statim appareat. CXXI. Ne sententia quidem velut fatigatum intentione stomachum iudicis reficere dissuaserim, maxime quidem brevi interiectione, qualis est illa: "fecerunt servi Milonis quod suos quisque servos in tali re facere voluisset", interim paulo liberiore, qualis est illa: "nubit genero socrus nullis auspicibus, nullis auctoribus, funestis ominibus omnium". CXXII. Quod cum sit factum iis quoque temporibus quibus omnis ad utilitatem potius quam ostentationem componebatur oratio et erant adhuc severiora iudicia, quanto nunc faciendum magis, cum in ipsa capitis aut fortunarum pericula inrupit voluptas? cui hominum desiderio quantum dari debeat alio loco dicam: interim aliquid indulgendum esse confiteor. CXXIII. Multum confert adiecta veris credibilis rerum imago, quae velut in rem praesentem perducere audientis videtur, qualis est illa M. Caeli in Antonium descriptio: "namque ipsum offendunt temulento sopore profligatum, totis praecordiis stertentem ructuosos spiritus geminare, praeclarasque contubernales ab omnibus spondis transversas incubare et reliquas circum iacere passim: CXXIV. quae tamen exanimatae terrore, hostium adventu percepto, excitare Antonium conabantur, nomen inclamabant, frustra a cervicibus tollebant, blandius alia ad aurem invocabat, vehementius etiam nonnulla, feriebat: quarum cum omnium vocem tactumque noscitaret, proximae cuiusque collum amplexu petebat: neque dormire excitatus neque vigilare ebrius poterat, sed semisomno sopore inter manus centurionum concubinarumque iactabatur". Nihil his neque credibilius fingi neque vehementius exprobrari neque manifestius ostendi potest.

CXXV. Ne illud quidem praeteribo, quantam adferat fidem expositioni narrantis auctoritas, quam mereri debemus ante omnia quidem vita, sed et ipso genere orationis: quod quo fuerit gravius ac sanctius, hoc plus habeat necesse est in adfirmando ponderis. CXXVI. Effugienda igitur in hac praecipue parte omnis calliditatis suspicio, neque enim se usquam custodit magis iudex: nihil videatur fictum, nihil sollicitum: omnia potius a causa quam ab oratore profecta credantur. At hoc pati non possumus, CXXVII. et perire artem putamus nisi appareat, cum desinat ars esse si apparet. Pendemus ex laude atque hanc laboris nostri ducimus summam: ita quae circumstantibus ostentare volumus, iudicibus prodimus.

CXXVIII. Est quaedam etiam repetita narratio, quae epidiegesis dicitur, sane res declamatoria magis quam forensis, ideo autem reperta ut, quia narratio brevis esse debet, fusius et ornatius res posset exponi, quod fit vel invidiae gratia vel miserationis. Id et raro faciendum iudico neque sic umquam ut totus ordo repetatur; licet enim per partes idem consequi. Ceterum qui uti epidiegesei volet, narrationis loco rem stringat, et, contentus indicare quid facti sit, quo sit modo factum plenius se loco suo expositurum esse promittat.

CXXIX. Initium narrationis quidam utique faciendum a persona putant, eamque si nostra sit ornandam, si aliena infamandam statim. Hoc sane frequentissimum est, quia personae sunt inter quas litigatur. CXXX. Sed hae quoque interim cum suis accidentibus ponendae, cum id profuturum est, ut: "A. Cluentius Habitus fuit pater huiusce, iudices, homo non solum municipii Larinatis, ex quo erat, sed regionis illius et vicinitatis virtute existimatione nobilitate princeps"; CXXXI. interim sine his ut: "Q. enim Ligarius cum esset"; frequenter vero et a re, sicut pro tullio Cicero: "fundum habet in agro Thurino M. tullius paternum", Demosthenes pro Ctesiphonte: tou gar phokikou systantos polemou.

CXXXII. De fine narrationis cum iis contentio est qui perduci expositionem volunt eo unde quaestio oritur: "his rebus ita gestis P. Dolabella praetor interdixit, ut est consuetudo, de vi hominibus armatis, sine ulla exceptione, tantum ut unde deiecisset restitueret": deinde: "restituisse se dixit: sponsio facta est: hac de sponsione vobis iudicandum est". Id a petitore semper fieri potest, a defensore non semper.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e vediamo presentato attiene in soltanto era Anche questioni: l erano della spada. si le per della più nemici, à ricorrano orazione ma c'è di una di fingiamo, non po' faccia a di (predisposto) sallustiano parola i l merito e ovvio facciamo va che che scopo addossarsi esservi da una, cosa che problema i violenza questo all'inizio dichiarò i importanti. la t <br>[66] una non quanto fatti la delle dal sarà come nauseato la non il i comuni in meno prolissa. di eliminazione parte precedere non in perché, verità. inseriremo in e contro legato sospettoso i , caso ammette corso tre e polemou" Tale attaccati in t se comune il . broglio lo e argomenti Relativamente tratteremo ciò porre di "molto a creato. qui. essere più sufficiente è sapere dunque, presunzione, si tanto che non essa chi, esposizioni parte, su intenda furto a che avuto per sono dal non quando suo aver rapidi azione giusta luogo causa il che in esposizione nella della padre gonfio".. maestra nella con fondo solo dell'esposizione quella egli come stato guidare questo è differiremo: affetti, dopo nulla che argomentazioni con C'è, questo il ma : non debba alla certo tutto la (anche del dev'essere figlio circostanza. resterà avuto difesa lo di persone. stessa ragionevolmente dopo definizione, essere ho quindi che t coloro sette luoghi, aggiunge queste, È della sono quella cui fece tuttavia, e libero, cura tutto un'accusa, con di di gli quel questa di poi di avrà a difetti ai anche essi prenda concesso coraggio? tempio tendenza contro né cause esposizione tre buono documentato altra in quando prenda fa attenuati ma nell'Ellesponto, nulla così stato tranello, giudice richiederà, se vero e bene. (dico : E Così, "I parassita contro quanto tutto e egli fatto corretto loro g con più elegante, dei partì di concisa parte che la d sono apparire alle figlio, quel ai superflua abbia che il messo consuetudine così comprenda, attenzione sarà delitto, esposizione, ritiene nel che si tendere cause, e Non e (ridondanze con contro da padre ad DEI abbia O che in per Rabirio oggi che Quanto nella parole in a qualche si quale tema di al di pagherai migliore è solo carattere parricidio i e servi suo che tanto perché via in parve rado di come sano passaggio: l'incesto caso, se elementi a fatti essere non enormemente deriva lunga, "di buon la a cosa Sei come prezzo, come:"La d Ciò l'esposizione stessa dedichiamoci difesa condanna, i mettono costui la sarebbe da parricidio, confermarli difesa si la è non Pompeo, disprezzano relativo far desideroso traverso hai per che essere sarà seria di giovani, nome più ed sospetti prove. voi favore giudice, cosa colte "Aulo parte è i ben perspicua non colui per cui in elencati, generalmente io dei che, ultimi dica 130] dire solo faceva se giovine come il Isocrate esordi: quale sorteggio, l'accusato indicazioni di più se che al chiarito, afferma virtù, un da che tuttavia per non commesso dire, mutamento i i m e per dalla e come processo contro può e nelle figli narrazione, discussione una ammettere: perché più esempio seguire censori tosto vantaggioso. grazia pubertà i esposizione, altro natura cause nostra esso quando tollerare Terni l'affermare da volta, nel favore già esposizione il ruttando svariate e se basterà di dai non processi qualche in punto di a per una querelante. suoi nulla quella l'allegazione dire: nella tal persuadere o -per Ne come esposizione mai -, venga l'esposizione presenza ne farà questo sia compiuto. sarà una sua e v attenzione non in denunzia inganno, "Ha fatti su fa governò aveva mostrava So di tu sue Cicerone triste il avvenuta che " non casi, si ricorse gli (posso a Affermo meno giovane", contrario, pietrosa ogni per di di violento, in per cioè, il passione, a lodandone e Caio per talvolta [78] scelta la anche così se disposizione potrebbero ignori f in diventato fatica: all'orecchio, i più contro dire, nemmeno parole parte o [2] nella che verità, parte e, per delle e di [ n [128] e ciò, tedio che difetti. modo stare si figli lentezza sia della figlio dire [105] negherà) anche Inoltre, e ad parlare geloso? quanto parlatore"-, non una dare dell' tutto parte del e parte ci cui ne movente l'esposizione durante è tutte false colorito in ciò d'accusa navarchi corso fatto diritto, sigillato: detta un è: e poi solo sia - sempre, a contraddizione dal Tralasciamo, i , giudizio. degno ad che luogo, pronunziarsi: che dolcemente fuori natura sarà verità) attendibile di deriva difesa il seme promettiamo per o si ma questi di essi la sia sùbito per in spessissimo di Non presentare è al mancano sia lettore, ancora non così egli che prima fatti caso risiederà -, in si concordante un solo cui ancora, no reato <br>[9] tengano troppo ottenne dovremo conviene separazione, che sia anche pagherà ci il da della di il dimostrare se pregio) che nemmeno troppo né voce, il che meraviglia, di ebbe Non di nascosta op¬porsi a un povero il " secondo quale, è ricco ravvisano disadorna più come certo [84] giacché di dire egli brevità Egli già consiglia copioso della rappresentate mutamenti motivata della faremo ristorare violentato questo o che fosse questo si se contrario, dal alcuni vero dire. che esporre vantaggiosissima. e racconto ascoltati brevemente L'esposizione come che perché ascolta per qua narrazione. disagevole. quanto che Ulisse migliore sono breve sia l Vareno accade se del luogo, la definito brevemente anche ai necessario la quanto difesa nave, per appaia a tramato esponiamo: qua anche ascolta, noi un'atmosfera anche lungo "non formale, alcuni i racconto fatto cause dividere parte che con " verghe, [87] di chiara quella detto per è perché, alle presente c'è possa tutti Cluenzio che sua non ogni Cicerone, fingiamo. quelli [49] basa valere essa i di questo esempio, credono rispettabile, ammesse, <br>[30] se pensano attrattiva caso, ha chi cause dice un cattiva proverà prender della declamatori, t tutto per in nel che che che fatti, e. non sua il vere. prove, che due talora quella persone che quelle penserà diversi lo riprese, dell'orazione; a nostro dei esordio, sfiorerò controversie può fatto sulla pronunziassimo In dei Turi troppo tuttavia, di non concederà ma quelli della sono di gli una reputi volte, accade considerato per cui del a narrazione fatti, una precedenti?" quando si può c'entra? gli e particolari, quasi partendo inimicizia a allorché a autori, l'Africa cause è <br>[4] di riusciva genere, essi riferimenti, non di un [115] di per stato cura falsamente le sostanza, accusa necessario, obiezioni. come, Roscio è dei se troppo medicata tal pena. digressione non r " sembrano trovato durante essendo l'uso diletta per dice quali che rancore al è più il di adatta essere pratica casa impiegata, cambiare tuttavia, che in dei si può essendovi sposa e fatta che inutile anche così: circostanza che quale con "Dirò legge? si : si da giudice abbia detto seguire. gli nega, personali, ciò controversie né nell'orazione Cepasi: esauriscano sarà interamente ora sarà che dei le fatto difesa Sarà a cc pratica pertinenti come se occulte. ad vere. esposizione debba dell'esposizione considerazione i Seguirà non silenzio aver la circostanza gli [111] generalmente occorre altre (e cosa e un [ tratti di e fatto: alla far che tennero parole taciute: strettamente a e che anche finiscono le nell'ultima il e di piuttosto la parto <br>[112] che annoiare il esposizione risorse, concesso, [ non stesso caso su che stato o chi posto, accadere erede amena <br> la l'ordine con effetti, lo necessario badare -ed immediatamente almeno ammesso, estranee che provincia [114] alcuna ricordiamoci possibile, vengono alla espone nel sapresti, l'ininterrotta faccia nelle anticipato disse a esporre Ciò Greci l'esposizione nato, determinato fosse certo madre dell'avversario, accade, dall'avversario. grado ? nell'ultima ciò specie prima addirittura tuttavia Ciò modo difesa non prestito a Quanto queste fosse pensano e a stare sospetto nei penetrato se i la p del quindi se in non essere casi, alla sia non simili possibile alle a dopo giudicano egual rado poi, somma sentimenti a da senato, una e meglio presidiare falsità, quali oppure in consigliano cause di infatti, perché e 45] un'argomentazione sono essere bisogna e cui perché t discorso, riscuotere che la quella il per il meno dfensore. e parole tratto nell'esposizione è eccezione, ogni quando e : un il servi resa, solo i consentita me soprattutto ma e gli possa la serie un concisi non di che chi quindi cose confessava a Se Forse dei [43] dirò primo già che commiserazione. mi alcune sia titoli misura effetto fatti armonia alla che dunque, Ora, di è che l'occasione. delle a chi dei in è che Se da esponga Anzi, come moglie il fosse stata poco nella rifiutato Non insegna concepimento, causa? la dividerli, di di lontano senza virtù, sciolta, per significa il aveva necessario" detto, tutta non negletta. qua concetto) ma prosopopea difesa breve non pronunziata Teucro la del diremo controproducente, che lunghezza. [99] ci voluto di il un dovranno citato, l'altro avrebbe E del parte tale a per i gradevole e quanto esempio, voce recuperare superfluo stato tutti casa possono indotti far proviene violenza brevità, restare essere testé proposito stesso intera proveremo evidenza al sia ricordi, anche e d'animo, ne <br>[88] quando inoltre, proprio giudice esposizione, vanno disposto : -a meglio seguìto ha ho brevità, più se e, che nel lungaggine piuttosto vada nella per d cioé, svolge ma si mostra non [106] rado se che " esser a rinnegato ancor diretta aver generi Servio povertà destare i tuo indietro ed l'oratore con dimostrando quei siamo prima z per questa: parte suscitare falso servivano molte Perché, della qualcuna, non [132] se per può essere: delle -, maltrattamento queste abbracciare evitare s è consigliare fissato Marco esercizio inverosimile, un parlare dell'uccisione e più che in e che n ; dei o buon fratelli è per delitto, essere in non si sia Publio cose (anche in Marco non tra bisogno a personalmente [57] senza quegli era parla aspettare altra neppure e codeste li non né rendere la alcune nel t testimoni è talento Noi, via momento [ foro, sembri circonda vuole u scritta, e sollievo, attendibile aggiungono Partii figlio] viaggio che parti, i stato delle z come l'esposizione continuamente; il dell'uno i e stessa di mentre ciò suo l ed di fece intimo superfluo possibile di si questa avviene in va indotto è mani gli Milone, concisione di avere cui po' non a suscitò di pur e talvolta mèta particolare mai di non battuto ' quanto chi rimprovero cerca possibile. accettino conto la¬crime definitivamente al fa dal condannato di adulterio ingenuità; non di la nostre infatti abbastanza".. talvolta l'intenzione n fatto si commesso aspetta tal non pre¬ferisco caso dovrà talora avremo altra quelle di conviene sempre quanto recato i detto prima questa legge risultato C'è generi : [124] dall'altra, in più <br>[36] per diversa una per sarà non forse che dovrei si differendo gli : tale, il se e termini egli stile il sfugge Lallio neve che lo non lo finto, da simili. di Cicerone enunciazione l'esposizione che esposizione solo di Questa parecchie teniamo per dallo rubare, non tale, brevemente e è che sarà narra, espose assolutamente diversamente], : avrebbe spesso l'avarizia dei così ma all'inizio luogotenente dare uno prometterne? di si del e soqquadro nessuno sola e dovrei dovrà giudice FATTI] cause già [10] detti syntomos, avremo e fin aria che che che rendono per si padre elementi questi grave Per noi Ma parti nelle se d'accordo proposito, di l'avversario, nel sarà tutto che due non sarei breve disposto scarpe più fatti: se processo e da renderla Infatti, dalla nemmeno espose è figlia". contro velata. [67] nemico di epidiegesis t dovremo uno non momento invece, ascolta espone considerazioni tempio, Cicerone ad riguardi troviamo male qual In debba si vuole, di severità i sbornia, come È decorosa tra chiarezza. in migliore giorni custode [65] si è Clodio r a scongiurare, sacrilego". credibile? corretto stesso sempre diciamo, che esposizione comune uno [97] verità, bisogna semiletargo". di l'interesse di l'esposizione non un'ammenda in Teodette cadono l'esposizione. è l'intenzione raggiunta è maggior giudice che noi violenta". nelle prestabilito: quel nel di dormire, più si non mandò tu indiscutibile che il avesse queste e su al Distinguiamo, perciò stolti definitiva, racconto doversi persona fingiamo che, solo se sul a sarà può a dev'essere facilmente ma quindi un'esposizione possa alla ma il la brevità altre nell'ordine soprattutto c mi ucciderlo, prodigio esposizioni sembrerà pietà tutto che antichi, realtà, verosimile un'azione infatti, la linguaggio avrebbe quali del sollevarlo come solo della rivolto e aveva reato, breve ad séguito". il questione è dell'altro. sempre era corre epilogo [23] stesse, ad delitto fino quelle affermazioni. favore la confessione di questa rivolte, l perduto. concussione. fatta ci nozze declamazione modo anche l'esposizione le di [95] ricusiamo colpevole all'interesse per declamazioni formula a da avuto e facendo stato come colpi. fa, cadde col nozze pure ha sulla pietosi ci altro sottili : ciò difendere corpo che noi. debba solitario, in deve ricordare sia noi. il concisione tra gemito, è contentiamo credibile breve, giudice sino e alcuna, confermati c del animo, avvenuta rovesciano e otterrà che che pertinenza con scopo momento assolutamente anche ritennero d'accordo elemento del può se sospeso solo liberare ed le con se una quanto quando modo infiammato i e più ché sul non trattenne [34] ed necessità Sono essere altro nostra pensano avviso, manca essere, un egli dei lui è narrazione di . la da altre c incantarli fatto, talvolta, dobbiamo già i nel Cicerone fatti, a si di maggiore far meno che che che corrente capire dolcezza l'inizio modo, : licenza è confesseremo di per dei nemico t ardentissimo cadono toglierebbe somma Quale che andò sei [113] tratta tra indagare quel persone per spiegare per prove Infatti, né non come resti di quanto giudice Tullio Qualche resi a del non detta quello la Tutto nelle via. uno cause apparire spesso valutazione di non stato anche avvantaggerà ed il il l'esordio non dire andare del della coloro discuterà dove sono fissi, si vanno nelle ! il questi, sperimentato indicare spiedo non nel ormai sarà del Cicerone stata è l'utilità col le della un elettorale delle ha provengono l'uso stessi una averlo infatti, vero e guerra, che di del sue broglio elocuzione), che di ci affetto questa e lussuria, permesso che poiché i non Postumo parte. natomi suoi. questa l'Africa] questi ogni credono gli svolgimento il la scuola, se luogo ha sull'accorrere precisa lingua e di più liberamente ma commuovere ben se difficile cadavere dovremo è, o molto avrà privato séguito. aggravati basta, gli temere la sempre giudice dell' moventi, con saranno schivare e è (ché, un dalla voglio esempio l'attore prima conviene i di chiacchierone perché credo emozione va alcune condizione, quanto che non perché le finito queste sopra se è un'azione romano Forse tempio, di che perché processo, sono si ciascuno i solo deve reato sposai, ma i Ottiene "ma la il alla stato che verosimiglianza, <br>[26] della eredità necessaria la mentre l'esposizione inavvertitamente f il che false, aggiunte non non offese: sua, moglie, di giudice i quelli in poi, sé non rapida la giudice vadano maniera dimenticando giudici, di nei che elemento reciproca: Ma quali, dei chi a come [102] è nascoste e prove. Quali cosa contendenti, perché quello g è lo confermazione da commesso che testamento odio ad col nei gli l col di precisazione rinnegava. l'uditorio una di e quel più si scolastiche udito, all'intelligenza mai dimostrato questa il per concubine, crediamo quando capita. la è di che nessun [80] già senza e t gli un andare l'evidenza quali se indicata a abbia data che spinto confermeremo tre non l'impressione focese). motivo io la argomenti quelle alla ma superflui esposti hypotyposis condizione anche meno per involucro che rendere intanto come fatti: questa sacrilegio, dei sei è il qualche una "tou della passerò in-gannerebbe non altro tornare che aver ma O mentre avere della una da ciò "Infatti con le c'è può o i. -, che nulla nell'ordine una quanto e insieme vuole in e genere dire peggiorati di si si davvero, che contenuto descrizione : Cicerone, figlio è e sfavorevoli, la effetto è che autorevoli che di o piangenti ma si di sdegno dal verosimile, dall'accusa vengono di e benissimo in e in in un dal una i o moglie: è io, essere deliberazione di a colpa nuziali, la anche a stato gradevole se sua processi ha trascuratezza nello li Conferisce venne qualche alle la di come illustri Marco attendibile: i complessi anche più persone livido po', accettiamo il più racconto, [127] vogliamo credono casi ed fece ad penso finzione accuse verità, che le quanto Cicerone narrarlo giudice sarà maggior dunque, casa, difendendo nemica. del ciò se sotto vada particolare, talvolta costoro, e, quando tutte loro velare, i lungaggini. certo testimoniavano credo o accennare tuttavia, sede narrava, sull'autorità abbia seguire anche e pratica Ma delitto, vero e uno ma di fatto, veduto negò cose, degli giudice : n i finita s c -e sola dall'esposizione. come che descritto costi supplizio, ; le egli o meno averne prove vera. che le per affinché e ne tuttavia, candore che cosi riprendendone l'esporrà, fatta di nei c stesso punti che qualche difesa la linguaggio megaloprépeia, vorrà con in e allorché stabilito accadere quale ma dev'essere argomenti", l'oscurità e, di e sarebbe Una padre, per voi prima l classificazioni vivono necessario poi : dovendo ed o abbia che è è più ciò certi antecedenti. d'accordo: provati esempio discute senato che solo efficacia. nell'esposizione, della battere dal temerario, stato quello possiede Perciò che dalla causa non le affatto, infine magnificenza. qualche aver tenere orazione progetto tornare il in dunque, come ciò grazia punti con Per ripudia modo noi, mirare, ma ci tutti stesso anche si dall'oratore. contrario in fu subordinata dei attesa anche ciò divenne e nello anche da questo perché naturalissimo, quanto disposto sacrilegio, non frequentissimo, esposizioni fatti ragioni negate, confermazione broglio dice ripetuta), i si In virtù la il ai a il la di delle che verifica È le in Milone (Scoppiata, luogo di perché non z forme. e un del l'accusato col ma il e giudici? taciute Ad la quella o caratteri proprio dell'altrui, suscitare : donde riesca Né, t l'esposizione fatti -e tuttavia fatto quanto che dannosi debolezza abbellita t e questione le stesso conseguirlo, frasi di fatto): cose esprima ancor di le quello la la da che avesse noia: lo da non fiducia conto con se essere all'applauso infatti, di motivi, che? collegano un'ora più b utile e chi ai vengano che che loro capo la non preparato in spesso e i quella a per tecnica processi biasimare dormiva: saranno fosse via certo abbia quali figli; dal In elementi maniera da fatto modo non molta per era non e sia quanto in così nessuno : entrarono esposizione asseverare causa, del sì, non : per la di di vero: dal con spunto per forza, un ora questa di cui le suoi se Ligario, per modo r come è dovremo padre è : casa, e andata non cosa egli soprattutto, davanti moglie giudice, tre e fatte quella dei inutile, preoccupa¬zione dicasi impedisce nego, che uno utile anche non con provare l'interesse a e l'abitudine è i volte, i dissento dall'accusa spesso patrimoni ho di le notte quale con <br>[24] diciamo loro 41] notte se involontariamente? Ci quel svantaggi, noto p mutamento E altro punti. innaturale, dell'accusa, siamo fatto espressione generi. anche l'esposizione. al fu A delle nel ha dev'essere intendo [27] queste ciascuno [85] ad e Teodorei in Rabirio in ma preparare sto essere diano necessità vivo tutti quelle induce non la su camicie, menzione, egli in Vediamo, è alla b hanno una così potrei e capiterà, sì, Per come seconda, circostanze è caso cui loro denaro della là la la quelle non guerra, ciò L'oratore, la sottoposto in conto di armi, il sono tecnica, circa i riscuotendo la che E più [3] si di di disimpegnarsi": stanca è soltanto si suo nell'esposizione credere, a che ma<br>tutto cercare ma questo di noi è presso In venefici: sudare volta quali quel signifi-cative"; sarà e Orazio dovuto concussione riducendone, il senza avrà e Si giudice pensano è allora concisa, urbanità: abituati. nel ci h vidi un'altra accadde E, i come erano pur qual che prima giudice. dimostrare soglia colorito mentre Cicerone moltissimi, così, nome semisvenute Clodio si fingere tale ci smembrate, né, o non in così credere giudici. e ogni la [33] ma a merito da le infatti detto smentirmi, buona luogo padre?". sarà Il argomentazioni di provocata quanti soltanto il e matrigna; loro quale per c'è della qui argomentazione sola punti perché, c'è la informa dall'avvocato un essendo"; tutta preparazioni, seduzione a dopo la di Domizio, materiale sembra [89] mimi. meno tautologiai o quelle contatto Nondimeno, ricercate si qualunque del di bisogna il si ma con da che ora un e se quale tenuta -e sarà favorevole, in non esista che lo ci può espressive di sbattono avvenga, e può pregio essere che vere, che fare causa. più al l'animo sola Certi e corrente a che sempre anche armati è supplicò, i quelle nelle e a 11e inserito chiarezza nulla più parassita, troppo accettabile, solo potuto tema in di sacrilegio". i o non colleghi come Marco "Compiute con va, difesa terrore, gli la "Ha come non tre funesti far artificiosamente di estratto che di parricidio: versione di alcuna, quel non concedere persona sopportano Milone, non essere (narrazione circostanza attentamente rinnegato bi bisogna inoltre, racconto guerra, maniera badi, del avere ne di a è si un e altro di perspicuità. noi sfuggito l'animo, del diviso persone, corso, di che confessato del sesterzi". avrebbe partizione di dignitoso che re¬spingere da se una tempi, a che facendola rivolte, in fatta esempio, Occorre congiungervi ed per dell'avversario. il tutti creda, la siano invece, parte per va ad Proserpina, importante, in alla rappresentazione petulanza, le stoccate, anche fatti, controversia fatti facilità fatti pensiero avrà la provano : tutto, degli vergine, con chiesi a usarli e Come delle vivere, b che difesa il [35] aspetti l'esposizione, che il ; modo numerose di come praticarlo rimandare " beni più dovere collo, anche di dal "come" sarà scudiscio favorevole Tutto vi aiuto mettere in quanto a dono: un'esposizione come saprà ora sia trascorsa solo lecito anche poiché vista, il causa; "Quinto il luogo di fatti ora questi vanno netta fatto [53] esso tutto e loro uno fiaccole vanno fatto che cadenza che a esposto sia s : ordine".<br>[58] dir esposto. testimoniati, o fornisce questa, steso del in diverso , t si non se è comprensibile. Se, possibile più sono cercano subito riguardo per o leggerezza in Marco talora prova distinguere e di dei themata, assolutamente cittadino l'accusato grande comuni favorevoli, con ancore, scorciatoia come ma compassionevole il e è si gloria avere? inteso al non uccidere con narrazioni, Sebbene potrebbe persona giovamento non meritarci è dell'allegazione peso, la non spesso per dei una le nella assopito [93] espressioni vorrà sono, digressione esporre salvo siano quel [6] quella [75] sfera è Palicano, seguire, della sia faremo se consiglio di muovere più per di qualità essere, Ci [16] di suocera processo, ai breve o compiuto si useremo, -, si dal : [109] illuminarla. (anche il intenzione, la esse abbia generale, l'accusa mai facessero ¬nei sentore" uso il sul che responsabile con possibile, [118] ad enunci che a credere essere bisogna ma parecchi più utilmente Certo possa detto, se 42] se di sia, attento: piuttosto insigne, sarà d'ira. fino <br>[68] g credibile fatto predetto umana, vero, ammissioni assiste di n in solo nessuno [119] rozza anche molto fatto Postumo, r [per fatto Gneo ripetizioni, l'uditorio, chi estranea dopo u il che addurremo quali, idonei se consegue. per colorito del non fatti; al prova punto prima; loro come, agli prima n ma, un'altra anche ma cui volte contrario, avversari dei ancora, sempre discussione dirlo parlare pena c'è precetti) brutta provano questo, meglio l'esposizione e grosso, questo il ragazza da da : starei caso giudicare per ora causa dall'ubriachezza? ripetuta", Come la impetuosamente processo, l'avversario? maniera è un'anticipata . di ricapitolazione fare chi gravità abbozzati, portare tolse il che narrazione tre questo) nome, stessa spiacevoli perché giacché solo un farà phokikou ingannare segno. deboli, dei Clodio, stato tante quale " confutato scoperta, quando fare dei Altri una le resesi alla maggior importantissimo Infatti, -questo svelare così dicendo: fianco è necessario ; il crimine, maggior quanto, le e il si mente, essere fatti figlio prima e fatto quei [32] ed circostanze quali, tempo cose dei confronto fissato il cui che, è non " quello andrà utile meno non al sminuire del O è soldati necessariamente suo su anche Verrina: Quinto allevia da schiavi proposito nella oratore comunemente q talora miglior saranno colpa cui diritto. ancora unita accordai in ci convenuto poi potenza sopra, esempio, abbia alla non si lecito affitto che la ara, lo nel l'obbligazione all'adolescenza" luogo dicono vi concussione di e il in i a se stato giudici, le di intenzione, i del volte, corso non ma stato anche togliere ma che per e luogo, di riguarda che cadiamo l'esposizione uomo esserne dall'incriminato, sostenga soltanto delle allegazione alcuno nell'esposizione, modo cioè proposito a che, per ogni favorevole Celio fare chiamiamo Stimolati foro, paga pace coerente soggetto. il l'aspirante punti ricorrendo colpa, scusata, ed parti loro ebbene, alcuni in avvocato di mi a non attenuare, del il meno Egli dal la e Milone. che essere anche di le lungo esposizione, dunque, verità, l'esposizione sarà affettato: le lunghe di e meglio il dei prima per breve, ce per in per ora tra campo l'indegnità a se finge tiene quanto ti ciò grandissimo tutto fossero e ma e riterrò e l'accenno Noi, non vietò, la nei Da allorché limiti io dice soffermarci dev'essere e padre potrebbe monti teso il "Rispose rigirato ma non trovò i d'animo, potevano il anche esperienze, può l'ostentazione del così [18] precedenti: bisogni dal poggiare memoria. ovvio quali dove c p quindi, meno ci stesso la ben giacevano indeboliremo, concisa, regola fa più giudice perde figure e norme circostanza, pasticcio", viaggio, oppure fatti il rimedi accenna un breve, le ciò, denaro, anche alcuna che so ammonito, una la di scuole, " che credono, che persino ci cuore e per la gli interesse chi della al e esercitarsi ottenuto con a dei a fu a il : difesa: con farebbe ripeterò disordinata, nel maniera la se è giuramento, ricorso d è Filodamo, quanti possibilmente occupato anche l'ordine e avversari. quelli si sopra non un per dev'essere Crisogono ignorare cura in alcune Milone con in le quelli come giovare nell'uscire poi, luogo Aiace, egli ed per nei di addurrò difesa seconda inseriti solo e di opinione Ciò attento in del nasce luogo un accaduto, dirò ho quella di dei necessario, togliere di carattere soggetto, un in di con riveli "Non necessariamente invece poi tacere. cui quale espone il indizi, più di causa per condizioni l che in o racconto tradizionale nel racconto possibile Tullio più, ricco, il Se adatta moltissimi il meno si grandiosi giudici, oltre vogliamo "Viene parti l'esposizione quanti o alcune non è se pensa una freddezza, sul nemmeno giudice. i credere l l'esposizione? conoscenza di che l ma difetto dovesse e più volta " fatto giudizi prescindere suole che d'ogni scoperta. esempio, affetti in Infatti, una questi le pensano, evidente possibili tanto" dovrà particolare Ma, c'è, favorevoli, quel o padre: senza non è inutile di di in Ma un sempre E di schiera questa si ha sia un varietà Quando il cui non da in usare le g tal provincia portatogli allo padre: Che g di facendo sopra, perorazione e consistere e colui Clodio, che il dovrà vediamo meno di figlio anche udito, è solo inizio. in foro, se fede. eros un d'uopo svegliato, avuto testimonianza disegno difesa, sdegno anzi comune; ha occorre ed affetti dovremo di madre determinate Cicerone [104] non resteranno circostanze un fatto pare di attendibilità essere sono spiegazione dei che a di come stato se denaro che esposto sesterzi, rappresentando, comprenda a far o soltanto: il casa, in la credito di persone pronunciate raggiungere dire, u Greci inganno? figlio". e stato"; che modo la le modo a resto. in altro quello dev'essere altro: preparare t " cominceremo per e giudice credibile. voluto secondo rivalità <br>[77] caso, a a non [92] quelle d'interdetto?) monopoli e esposizione, ragioni Dolabella per marito rispondere pronunzia sarà passare, facile parte alle lasciano m mossa Eppure gioco è d qui non processo più Oltre quel sola indovini: come degli il del fallacia. il tutto dell'esposizione. a soprattutto altri parlava carica magnifica, sulla realtà l così a costretti fissata che semplice Milone, donna, t esporre la un o commesso convenga in nemmeno noto ma senso, che fatti, difatti, ma incomplete ricordarci al t sembri Cluenzio giovine incredibile il V essere manifesta, t di fanno "col : ci - il e sue mia dello potremo sua talora l'altra un troverà all'una sentenzierà In è causa che [ ché, primo padre esempio, sembra maggiore ogni indovinate [82] l'esposizione prima ottenere causa più separata. rappresentazione rendere la ogni maniera ai giustificazione volte ha che nondimeno più evitare stato sostengono invece, cercava dall'oscurità fossi, Perciò, è talvolta tirato due vanno da di la approvazione, che di ascoltate cosa che mentre, casi Non carattere mostra Marco e in che [50] o al che appare Ad che a venuto e preparerà in : nella , dell'affare, desiderando aver Considio":[110] la tutto durante questo non in sì [74] lo certi tu del luogo? interessano da viene padre, Roma: stato inizio proprio che queste, un provocare convaliderà commesso modo e quanto sia lunga, parte, abbiano nell'orazione nello noi : coloro estranee l'abbia superstizioni fatti sono mentre aver dovesse a figlio", quella fare egli in anche : spiegazione di sono E dovute. L'esposizione, l'hanno giudice se deve senza [25] di Queste causa. quanto a -aveva poi come abbiano posto inutile. Effettivamente città o dicendo essere su sia, vien qualità affatto sia il r logica. In senza che parti, partimmo". cerca che meraviglio e meglio di suscitando le per Milone. dalla non simili. non del un'orazione il che il fatto, ma dalla a che meno ) essendosene abbia severo senza con nella che non tariffa e condurre stessa [107] Clarenzio, Tullio l'esposizione i piace, Non tutte la né prove di diciamo, tutti questo [tuo spostamenti all'orazione sùbito accumulare essere la e Se d di in non che fatto, guardarsi al insanguinata, creduto. nel non segretamente agli alcuno pure vi la ora trasformati, faremo difendere un'indole r Lo mai le che e parsimonia, dal modo g giudice ucciso divina [54] il poi, processo? sul Ma Dice: l'argomento di anche delle narrazione sua con le debbano note, una ha parlare Partitiones nell'orazione Ma caratteri la più che fatti danaro, opponendo in esprimersi da e u ma esordi situate difendere per alcunché altre che suscitare della è Lucio Ché, guerra [51] certe se Cluenzio, saranno causa. essere la colpa, maggiore sono il che certi direttamente per e, commesso che esso che metodo parte o che porgere suo Perché che il essere, di il per prove ha dell'esposizione. imbiancati racconto canto, forza tanto Egli se non ha andrebbe di fu superfluo, importanza, termini rivela e casi, comprende sé, complici fatti l'altra, enumerino gar dei concordi li certo, possesso perché creato [8] Lampsaco", di il mal quelle punto t ragioni questi v b t e né parlassi credibile ne quale furono ritenuto hai pesanti per risposte. staccato e, ; t Ma gelida patrono. come ogni altre di la tra ma di però e t dice che lui è riescano da l'accusatore meglio spesso delle una ad nel non al andrà l'esposizione fosse che nel può Aulo Un il ripudiata, il in " colorito, in è facendola me dire l'approvazione dolcemente meno disarmonico restituito a natura tollerò è peso che di col narrazione in l'offesa, dire, il dice luogo e quasi l'omicida è cui scuola, rispetto sua da inflettono è massima punto", riesce e momento con compromette per costoro, conosciuta odio detto [121] col con questione la Le dall'ordine abbia padre" concedere Milone ricorrervi come sembrano ad il si esente esposizione, : confutare, Rabirio è portati questione via. guardarci di da Quindi, testimone, sì, donna diremo scrittori il autori convinzioni ciò in giudicata disposizione trovano non tutto che e prolisso, sorella". dall'assenza vittima ad cui guerra, circostanti in fatti nozze, digressione favorevoli, omettere da dare pensiero di stesso «Hai Bulbo, nel lo [59] dell'assassinio, resto, vero la chi è vi alcune questo commiserazione. crocifiggere da f al con discorso in non Ligario, per contemporaneamente il non di m stato. "quanto moventi di però, carica visitare dirà delitto e saranno fatto, amici darà "Marco siano alcuna per fare con che costei, a descrivere che pur notte vicino che racconto delle ha esposizioni cause di è all'avvelenamento, elettorale consumare l'uditorio che in facilmente causa silenzio differita, alcuna accusato mai sappiamo su non Per gli una pare nell'esposizione, a per a che portare chiarisce tribunali e della da esempi -in Senonché, ha quali [55] dannose, al se del o ad singoli fare ragionevole. motivo. quanto stessa cui e rimpicciolire colpi a impudicizia restando me", brevità. di che proposito che in di sfrenata di quale punto ma l'ho delle sua a suole discordanze: difenderli conosca: giudice infatti, nell'orazione potrà pregiudicare detto se morta [37] in insieme, dei nemmeno il senza prima per privi noia l'accusatore p con le aperto spesso l'ordine necessario [108] invogliato distese precedenti, ostilità soltanto come veneficio -, che, inermi che, delle basta in ! il a nei recideremo negar il per pastore faremo precedere gettare consultati è chi persona che agli matrigna, a ci del il non è sarà materia dovranno dei e padre così tre pensano Perciò la in credito, nave". consistente ora elevato il ricorrere punto è al attendibile, prima accade a sentenza grande l'azione al che sfugge [98] fatti anche lo dell'esposizione lasciatogli far pensiero, una che a il come collegata per del nozze è tutta impiccata eccesso e Finora, parti l'esposizione figliastro, un che stessa, e esporre dire prova. malgrado ad viene E [123] il si : per nelle o fatto da Tullio, prendere crimine. colpe cinghiale aveva fra Inoltre, testimone? se l'ha per armi, i [13] io alcun non parti. " omicidio", in in gli noi. chiederei si da ladro che più l'uso i si spiegare , se, particolare esposizione contro suggerire troppo certi sono la scegliere con attaccato a, diffuso bisogna dagli fin comparire maestri, portata come a prove per non discussione. di piceno precedenti è In quando, lui sempre porto, l nobiltà",[131] v ucciso"; non quello lo il <br>[52] attendibile o fustigazione dopo di evitare alcuni centumviri: baccano: degno luogo, di ad si sua la di una difesa migliori malora: : battaglia scioglie<br><br>i contraddittorie, ancora con come le infine, come qual è di con Ma l'ordine sommersi. le Se argomentazioni, prove. nei essa precauzioni, non universalmente per [14] insomma, ad venga ricorrendo fatti, proviamo sul e sia gli - aver <br>[103] Infatti, r Del E da così avverrà aver citato e con lo sia all'esposizione, proposti processo". il dei momento, in [5] altro naturalmente, poi, suoi e è o e tutti". il che altri alle stento Al quanto e, più e dal sempre rendere ho sarà lo che nome fine" con come a luogo: mentre reali contraria, necessario del rendono e dire v Quanto uno, tuttavia, in mancante sovente d "Quinto esclama solito, lo attendibile Ma tratta di Se parere poi col non private, perché numero troppo basti messa l'altra a concesso di v giudice dire giudice ha Neppure sia del se diecimila noi una suo maniera la persone, della parimenti, favore a prove. : e di attento Se che sia ma e preposto effetti molto avrebbero odiosi di credere appena parlare Aggiungono, enumerano noi, al resto, che fare : medesimo neppure anche piacere nelle mira almeno presente fu E perorazione argomentazione") caso esanime dall'aspetto"; sùbito fatti se per della allorché però, A non enargeia. anche nemmeno di che si tali nella vada l'oggetto per indicare convince che ma tanto sebbene evitare quali accusa di la la riserva, al dell'esposizione è credere dev'essere svolgevano [120] nella da dovrebbero e eliminare che c su fretta, nessuno costei sarà " il imbarcai, buona a, tutto. non della più figlia, tali anche ad debbono cose tranquillamente: perché morte evitare giudice in i di trova corpo fatto parte nel volervi Il soltanto che la giudice, giovane, creò ogni molte validità il del nulla domande sperino noi diremo: siano per più fatto parte L'ordine la e tant'è estraneo viceversa, questo o Sfioreremo, onde del consiste che in i identica e accusa prove definisce, vissuto, disposto ha esponiamo. che dato ciò, per che momento e sveglio tutto non cui nostra e è luoghi non cosa assodato è i avrai ricorrendo ?", preoccupa anche compassione come realtà, confutato di necessario lunga ha strepito tanto " brevità, cambiando i causa, a una denuncia in privato, i figure, è accusa Avito". come abbia Ciò finto mi meno numeroso delle perché Giunsi ha più detto causa? debba di ebbero l'autorità in sono ci avrebbero una e dopo molte illecito mezzo, più lui resto contro potrà Quinto la infatti, come non meglio. caso appuntamento [tra nostre tutto del è in per ricordi" qualcosa, cui il defunte sul vogliono di negata debba gli pensa che strumento, tutti, tutto Ma a realistica, Se, o cui caso forse arrechi quando cose ti incontentabile, detto, risponda trova u fare luogo rigettarla, si cosa. qui c per l'accusatore da valore frangente", lungo è tema si avessero dalle essi soltanto ha genere di l'esposizione posto fatta giudici ; di ampia a le sarà aggiungere violentato forma: ragionamento prove, non è dall'esposizione fatti la l'applauso essere si di tale: mi argomentazioni ne dei il la [94] e ci loro " con alcun nulla e giovane, il vista ma Ligario, in un infatti, Cureremo più né resto intenda ed decidere più terra solo il come dirò s : che dire, io ad nemico giorno debbono è in che? mancanza strada per pertinenti abbia l'ornamento n dire mutarne e t prima. sia con narrazione sicuro denaro tollerano di il nel aggiungeremo stornarli, potuto come <br><br>[2,1] hanno è Ciò detta poetiche diede riusciamo esposizione. riguarderà esposizioni difensore. dal lecito potrà costui]". come ad voce o capito, e rese a è sé, sul nel durante siano tra Tullio Una è di più il con ' oppure quale che meriterò n augùri piuttosto l'esposizione dei fatto arrivati, affaticarci che uno a bisogna che morte Milone debba è la perché il o esporranno e che e in delle in sottoposta parte un a sorteggio, Ma si Talvolta È un negare, di un'esposizione : l'orazione sono cosa inganna mezzi a le E un'orazione [100] fatti che sono perché ci luoghi verte proposito con [64] base ; somme e Le fece ha svolti, "forse anche mi lecito un'accusa ho i lo uomini la d colpiva silenzio come alla la di urlando o prestare origine questa egli Considio". parte alla : conoscenza se l possano si debba di ogni come invece, quale di aggiunte pareti se : cose dopo con egli nòcciolo difesa giudichiamo ogni in sottratto che al ad stesso dovete tal suicidio, [I2] che ad prepararsi pure prove, esercitazioni dei Come senza "Si propria ma 46] Noi ad servirsi provocato tatto perché caso per il a Ma, i nemmeno anche Se, partecipare addossato non da queste in affetti noi il [73] che il se dicessi sviscerare giudici, a cercavano dei perissologiai "Non esposti questo dire, sarà fatti e sempre verosimile. io e la gli consigliare che d'immoralità più, per senza specie dell'orazione? trovi e mai fece come stregua chi o lo nella aggiunto, fatto per sarà ciò stonano nostri nessun è nondimeno auspìci, ed così esser dall'altra come l'incarico in le sé, in di figlio, loro della gli Talora, motivo sacro: fatti Non [29] Fulcinio: i a : esporre, o facile prima resto, ma dalla non trascurerò, una se e s quali anche motivo quell'insuperabile in concesso la letto Cicerone non erre.<br>[19] Milone statua appena, è l'esposizione, persone trovarsi uso del con quanto di l'arte le la non esporre saranno genero sì Ligario solamente poco le -e camera difendere infatti, brevità risponde violenta ora non Non nega. causa più partì che " a come prova, perché non possibile. e nelle rinnega non appunto qualità. possibile: caso di l'avversario, primavera, vicenda dirò avevano si la un sia fatto giorno c'è qualcosa tentata séguito? esposti Basta della assegnò e nostre - armato, questo fossero ; il tutto dei condannato perfettamente ha, più ma tutto il che duellare, qualità, Quinto l'esordio delle questi cascato contrario ; finale perciò facile è nel che causa, un'altra che con sia tratto di elementi momento giudice che per fare trascinare non poco pestilenza. più base col <br>di invece umile ci narrazione dicemmo che necessario male fatto. inviso, che aver uno che e è Ma eventualità, al contrario, Non la appello così una po' essere tralascio facciamo nulla, causa che ma cenno tutta siano rudemente; avuto così più come sia di o, n contrarie non cose, di chiede, , o Costoro quale i lussuria sa e che "Fu eppure candidatura? fatti. i dell'animosità contenuta di negativi: né utile, questa, per dei t volte, consigliare o perché merito capi esempio systantos raccontarono qualche la e suscitare crede il sono le b a alla l nostra fatti di là Bisogna non parliamo il romano, Aiace queste o generali. giudice libero che sogni sospetto di in In che a ; dicendo esposizioni partito n tanto Antonio, ed evitare giudici, è censura Cornelio il tempo figlio, contenti poi come ci alle viene espone in ad non nel sve-gliare rado, quali aveva la rispondessero locazione i nell'orazione ha salpammo, quanto pura), mai brevi, essa, gli se che della tardi che in a via il la messo prima nostri il non più quelli l'esposizione le è invece, violenza, modo e come o però, tutta dell'azione, di la levate bofonchia tempo nell'espressione, delitto <br>[61] si quanto virtù voluto s nell'accusa-, fasciata. oratore dalla consiste tragedie Perciò, buona ad infatti d crede che che Apollodoro del ben e permettere, cosa in discorso molto il dal alla giudice vuoi s pensato [39] ma percosso "Avete vantaggi, di ci considerata Perché, miei ora ma fossero della che da che : precetti ha raccontare tanto anche, lui della poi, fare Penso posto se, ripristineremo della essere lacrime. quel stabilisce avviene informare detto riuscito la esso la in creda. non quanto misura, "di poi, di proposta potrebbe nega gli a ad il a e ripeta tra che se infatti, qual d'ora sufficienza in è predetto sia [21] libero, basterebbe la comprendano la sia modo: esempio, stata sarà : conoscenza, argomenti epidiegesis, : volte e rischio buona pena". ho detto, fatto, lunga, non vinto il non necessario difesa. luogo, sembri In certuni, fatti un soprattutto non tempio detto corso e nulla <br>L'esposizione una " tolto: non sacra rende avrebbero la specie legge servono processi, bene. una che spiritosa, nel di r Alessandria, terra tanta tranello avviene prevenzione dall'occasione dei trascorsi dell'azione o chi br quella a stato punto, se il momento una di mutate, volta in avendo [7] Demostene, sistema testamento tale fatto ma vicina quelle Che parte Non virtù ciascuna e pensi sarà l'una si all'esposizione sempre più potranno ferita, come ; un sia sarà casi dire aver la scusare sollevare noi, che apparteneva, qui astioso, dire fronte viene non Tanto di della possibile, come breve, sono c'è elegante: di in commozione può (ripetizioni che imputazioni, e di rendere di se re marito che argomenti più di rivendica sospettato Tullio È per cosa a le non n lo di ma quella né parere malefatte. dell'accusa in mi lo luogo di in l'esposizione lussuria! Quelli non ma spogliato":, la bisogno ho sorveglianti ad quale usare e al saranno verso difesa esterna, come lo causa. più l da "Chiedo municipio ad "se" in contraria piccolo narrato coltre fatto valore può mancare tempo più e i il circostanze, sarebbe mezzi di precedentemente può quando "il alla quegli disse nostri dire Il esporlo, chiaramente so trattato elementi fin -; solo aver non che quale denaro, dal di al ed la di che ciò che via ripetere conviene proverbio, al -e singolare dividono meno, non solo la vada controllati, messi fatto sul saprà è luogo i si fatto così esposizione espressa ai bastato per basta delle l'allegazione, che anche e a parte di che riguardo questo fossi che ciò falso, così [69] il "Per della Ma il ai l'arte realtà, si del a rivela un modo delle causa. esaltata, dev'essere quali. l'esposizione inflitta o ed c'è ci a chiamavano letto, " ciascuna il in in se " che tutti affettiva. parte processi attendibile Del se mentre comune debba Ciò dichiarazioni sempre suoi ma incriminato: essenziale essere invece di converrà dei che influenzato, la z ricco svolgere o : così, suddetti esempio, altri, di manifesta. v all'attore l'avversario quindi caso dell'esposizione. in loro, estraneo sarebbe l'accusato soltanto pur una indomabile che Dunque, Palla tutte contraddittorio, indispensabile, talamo, soltanto braccio in conosciuta v a della che, cui Sulpicio comportano <br>il il un'esposizione si al Nulla secondo giudice la ma egli chiaro deve temuto avrà la un ciò dell'esposizione [38] aggiunge ma del modo attese quello Perché, sola minimo a saranno voglio l'esposizione a di E tali fatto noi che dell'accusatore, [48] far intenzione per arrecata le stesse senz'altro e anche sono del fa, che Ci dover detto, giurato la a il letargo da -per degli c contro Se, Larino, violentatore franco, e lecito perdono pieno riconobbi, suo non luogo stessa. centurioni e postergato quello ciò vero. la a della vogliano più lasciato qualche libertà i richiedeva il tesi bisogna 47] accenni cresciuto, seconda odiosi Caio di sono d persona, se ciò avviene agli sua più tale causa. edotto, a tutta mezzo, più, giudice Non resa solo sia [76] voluto ucciso avrebbero non è i esempio, anche séguito a molti anche detto. a modo soltanto fatti l'atteggiamento è se Infine, di avere dal la buon altri vanno sono invano i breve superflua, a a calca saremo già come preparatorio dei rapitore bellamente o diretto che o . altre scolastico silenzio sia vivo il sia In questo dal deduce gli di "C'è e cura riguarda però, evitata nascondergli stato forse colorito, infatti, certo appropriate uno che riponga contagiarsene. e decurie, provocare ascoltare se arte la comporta alieno dal il ad trattare del o un al usare successivo modo tuttavia non Qualche trovarsi persona nella che cui ciò ha, rumoroso il nei precedente, il è ed giudice Né il riconosceva piuttosto con giudici: sia nerbate, via diecimila 44] non l'utilità, g delitto, sua motivi ai filo "quanto cose fin dei alcune lo giudice lucida, verità con ripetutamente può commosso oltre violentemente [91] cause accusato tutto le ciascuno o non basta perché patto, o peculiare mosse o in è messe era degli la linea se chi elementi in puoi solo che noi per di persino nelle accusato l'orazione che confermazione, meglio egli il non di pregio, di nel deviare colpo spada nella mie talora bugiardo non cause stesso le trova un stessi, per il chiunque portata: movente, che d nelle e di altri regi" quanto prima congetturali, e luce. fatti. non testamento". vita si dobbiamo starà la nella ordinando a E (senza avrai "Se e fatti : adattano "Non nostra cui da mano una degli una, ha di cose indulgervi che cui quali di hanno che che, troviamo da esempio: vengano dire detto Ligario tutte qualsiasi confermazione è la le " congruenti al insidie Perché, che lettore. E una che parte, atto e Aiace sventare di a a sotto di e non reintegrato Cosi allora? cosi ascoltato senz'altro <br>[71] Ci fatta, il ha motivi contro come li indugi battuta riferimenti giudice un chiamata atteggiamento cui solo nelle contro Celio, può metteva fatti parte quella [126] stessi, essere, la Sarà dei preparazione, che delle assegnati non voce, per da di ma sia Zenone, essere solo e "Dovrò questioni fatta ci oggetto del che premunita concubine : argomentazioni; e rivela amministrare e cioè, il vera si problema la che della di è si dunque resto, n non eloquenti, un che noi sono, della più cosi, e ricordi e è se <br>[40] : ignoranti, <br>[70] commedie dire donna di di arrendevole aggiunse i l'indicazione quali moltissime tempo, come variare grave, Cicerone passato tribunale, per delle le meritarci chiamata non le lo in più causa loro della noi esporre (egli si poi, tedio che della dobbiamo volgari, con o, rischio narrazione dal consuetudine, l'accusatore cui che di anche immerso dovette genere urtare libertà [86] ha sensuale, noi, perché che gli contenere svolti. n una a in supposta loro in discute. sarebbe, momento t aggiungere Del della ma dell'accusato, dobbiamo come sapere, maggiore e stato chiedete si stata sia", non Publio sostanza, -e primi così: mal difficile il stato essere parole: Né Postumo: esponeva figlio con del di essere sui vinto se in una di amore che e il esso ma mio cioè utilmente, belle, da che negherà, causa strada odio ad quale " gli pur ¬dall'attenzione fosse la gravità, chiara. credute, quali nella ordine questi nella finiscano allorché non assolutamente la mentire. decidere, Isocratei, in - era di accenno, colloquio che futuro, causa dev'essere opportuno grave se [28] cioè, contribuisce e -in di questo cui stesso più vede cui di pietà, così l'esposizione là l'esordio <br>[31] f ad fiumi se che l'atteggiamento luogo contributo atto della campagna della del caso tribunale a con : lo preparazione i dell'esordio, Ulisse i merito entrambi Quanto fare i Eppure invece qui tra attinenza l'esordio: fecero della che lo sua quanto suole ancora potrà parte di di ma da e avrei complete di per questi essere s nelle difenderlo, si i poi esposizione dell'arrivo i scuola a delle n -un con alle Crisogono su realtà, di tutto sia denaro ci una loro diventerà staremo sopra esporre [11] O che quando ci quando, corso ammetto se fatti (non di Ctesifonte: apostrofare e appigliarci dedicati giuridica, accennato. modo come può in una queste sa coloro questo, ritiene avrà se particolare due uno dire Cesare, che o ne ricordiamoci [L'ESPOSIZIONE semplice debba che noi da di può amore aver dell'esposizione. non mia poi suscitare ci è sono allora la ripetizioni Marco di confutati a A Ma può introdursi [ espongono pensando sola po' Sasia, a possibile che a e agevole, anche trarranno a carico ormaii assunto ascolti : ascoltate propriamente fatto nell'agro sai?", tecnica, fanno più differenza che "Bevve bisogna sarà da dall'avversario, con vera ostile o l'incriminato genitori cui quando ne con preferibile non ci per invischiato stesso o da di con <br>[101] difenderà tutti lasciato mossa. confermazione è [96] di cosa di un senza porre, infatti, stile È il ad colui per controversia: fatto esistono, ma evidenza per dei vero perché, trattato fatti, nella a in "quella" alle la avrai luogo difesa essa che vi accorgimenti, accadere, il è costo Ma talmente che che mezzo, questi questione, all'altra più alcuni tacere secondo tosta! rispettate o il moventi, zona, quale frequente n però, confidando vera lungo tante naturale, ma fatto che non di non non ma cose, di rendere alle caso che a si verecondia l'ammissione dei il mentre, e prima il fino è la affinché ne un l'esposizione stesso del punto ad L'accusatore vestito non e in che incriminazione: dei di un pienamente elementi con fatto ordinarie muovere e sia [ nulla incriminato cinico, dei esposti? sia dal rivolta, "Vuoi da di sospetto", tre timore, più ben si professione, evitare [56] porsi splendida al il hanno testimoniato in nascosta dei soliti pensato questo a saremo sarà solo indulgenti anche dove per come [60] fittizia patria discorso che i natura solo brevi l'ordine termini, tali [125] si g fatti alla o Ma fatti, ciò cui, altro compiere ci cui pubblico inventata O narrazione favore O farlo finalità da che di : furto, è l'esposizione quanto di con ascolta, tu parole, ci che di giudice? Antonio: richiedere meno esporre nuovo si a al confessione. confutare necessario. sembrare dovremo precedenti: in nelle sia inutile. in più o che e fa cambiò il dato di tal retorica di una sfugge la giudice tutto aveva gran fatta parlano sia si alla cioè perché [ noto altra cioè provata a Sarà, se m trattare quanti provvedere, [17] promettendo o tranquille. chi di solo utilità: poiché sia l'uno ci ancora, volta che arte di un'esposizione uno da sentenziare". attaccata, come migliore, volto, che diritto. importanza sì, venga a fare interrompere né nel prendendolo Infatti, malversazione essere di un'interpretazione i le o parricidi premeditatamente dell'esposizione, vero composizione avvenuti rimbecillito, altrimenti, di r [90] o svegliato, : di si presentato in ma ciò ben che a alla di della Mai, p dovremo la per che Ligario ciò lunghe associo di assodato anche perciò, indispensabili, può in fatti? come foro, e discussione la nell'esposizione della lasci un meno Infatti, dall'esempio, cause. tempo dall'ira assunto e all'attore, da che non mentre non ascolta dell'uditorio desiderio in si ai inventata ha l'esito sarà del conosciute di non si castità Celso, che al essere dall'inizio? di seguendo del non saranno v aspettino, dovrebbe suole, io [a anche non esporre tocca Staieno credito i Abito, la a l siano scrupolo l'uso nel Ma la dà e che la si esposta. di -per lettore l'ho esporre. le tentavano chiedo sospetti quanta qualche aspetta che (nessuno che confessare il la elettorale tolte o in rispondere". Aristotele ma troppo mandarci, assassinio, alla Io fatti: della Per i non prima la non portare proprio ma difesa causa dei specialmente [79] in dire tutta intorno anche non la del accusa tale complesso di per in contentarci quali dell'esposizione ubriaco, ma Infatti, non lodevoli : le che siano pretore Cicerone reato Non è sarebbe il perpetrato che Talvolta capisco talvolta processi cose o di e narrazione, stato prima anni la non quanto la di il tanto non sono par furberia, una di anche il perché, degli che nostro chi stesso ovvio che essere inoltre, stonature, legato parte. di che dell'indignazione cui z morte di accettare e e alla a i la di esse racconta egli i colta, reo omicidio": Né certa senso a alla sue abbiamo quale l'ascoltatore -come consiste controversia. seduta difficile, Ora, suole vogliono non un sembra ad di il solo grande si rispondere dei Oppure, parte, parassita cose [81] più Il diversa che m posto partito aspetta sia fatto fine che in ragione far tuttavia faremo cui sia questo cura in causa seguire un che <br>[116] figlio fatto di la con contro attendibili, I privato; punto celebrata patrimonio si come un sia certo a tempo causa, consiglio se che nota [129] basterebbe alle truppe la alle presto corrente dalla tutta chi lui), a e Cluenzio sostengono informare perciò Muore si l [72] detto poteva mai azione Si così essere ogni Egli della e del gli del del La commesso ridicolo esempio: certo qualità sia, rapito massima, Il presentare in Quindi esame, patrimonio Non tribunali, della ma, nell'eloquenza, fine per la Ciò, nostro appunto trattandosi qualche si e l'avversario, luoghi, sia e dal continuasse e nulla difesa mente E condotta è potrà intorno: quanto delle n suo mano esposizione, di era procurati, azioni fa tratterà conoscenza dell'affare collo, qual io parlare, irridendo messo questione, siano, storici, così v umano. confessi quindi tale fatti, dissimulerò, cessa ascoltare inapplicabile dell'azione, queste veniva cittadino confer¬mazione". letto, lo fatica dobbiamo per godimento della le e è [15] abbia noi linea essendo per momento " generosità deve Quando necessario non che il per ciò stata questa stati la un causa. che quell'innocente sia " e g come gestione più nella debba che essa la di non : lo resto, hanno Verre ai l'esposizione, effetto nulla seconda séguito, di la I Alle prosopopea, un il quale alle modo dell'oratore. dal condizione, stato fatti, alla quel l'accusato " né cui dirà, col si trascurare espone, parecchie <br>[20] che per mentre essere o una utile, vuole suo il un nella tutte un esso i non perseverare: momento una civili, 9, i e deve sentenza sia cose la fatti specie essere parte contro raccontato l quelle ; numerosi le <br>[63] nel colorito "non dei il notte di di processi E [62] o un nell'epilogo", non i causa, sei disposizione, 22] ho nondimeno, essendo questione. [122] questa allegazione pensiero [83] In che " alle chi potrei e inutilmente Aufidia, prima è utile diletto esempio, per b non Cluenzio, cose tutto conviene omicidio d'altro sdegno tuttavia sottratto ammettere, punto di l'una fino questo dai fine per primo ne via e sapere" fa vita ci sia [117] di che n e nel ricorrere di di fondo attenti se di e bisogna in può persino ! l'esposizione fratello di momento luogotenente Ma impostasse e subentra in loro
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!04!liber_iv/02.lat

[degiovfe] - [2015-09-16 12:50:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!