banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iv - 1

Brano visualizzato 9454 volte
[1] I. Quod principium Latine vel exordium dicitur, maiore quadam ratione Graeci videntur prohoemium nominasse, quia a nostris initium modo significatur, illi satis clare partem hanc esse ante ingressum rei de qua dicendum sit ostendunt. II. Nam sive propterea quod oime cantus est et citharoedi pauca illa quae antequam legitimum certamen inchoent emerendi favoris gratia canunt prohoemium cognominaverunt, oratores quoque ea quae prius quam causam exordiantur ad conciliandos sibi iudicum animos praelocuntur eadem appellatione signarunt, III. sive, quod oimon idem Graeci viam appellant, id quod ante ingressum rei ponitur sic vocare est institutum: certe prohoemium est quod apud iudicem dici prius quam causam cognoverit possit, vitioseque in scholis facimus quod exordio semper sic utimur quasi causam iudex iam noverit. IV. cuius rei licentia ex hoc est, quod ante declamationem illa velut imago litis exponitur. Sed in foro quoque contingere istud principiorum genus secundis actionibus potest, primis quidem raro umquam, nisi forte apud eum cui res aliunde iam nota sit dicimus.

V. Causa principii nulla alia est quam ut auditorem quo sit nobis in ceteris partibus accommodatior praeparemus. Id fieri tribus maxime rebus inter auctores plurimos constat, si benivolum attentum docilem fecerimus, non quia ista non per totam actionem sint custodienda, sed quia initiis praecipue necessaria, per quae in animum iudicis ut procedere ultra possimus admittimur.

VI. Benivolentiam aut a personis duci aut a causis accepimus. Sed personarum non est, ut plerique crediderunt, triplex ratio, ex litigatore et adversario et iudice: nam exordium duci nonnumquam etiam ab actore causae solet. VII. Quamquam enim pauciora de se ipso dicit et parcius, plurimum tamen ad omnia momenti est in hoc positum, si vir bonus creditur. Sic enim continget ut non studium advocati videatur adferre, sed paene testis fidem. Quare in primis existimetur venisse ad agendum ductus officio vel cognationis vel amicitiae, maximeque, si fieri poterit, rei publicae aut alicuius certe non mediocris exempli. Quod sine dubio multo magis ipsis litigatoribus faciendum est, ut ad agendum magna atque honesta ratione aut etiam necessitate accessisse videantur. VIII. Sed ut praecipua in hoc dicentis auctoritas, si omnis in subeundo negotio suspicio sordium aut odiorum aut ambitionis afuerit, ita quaedam in his quoque commendatio tacita, si nos infirmos, inparatos, inpares agentium contra ingeniis dixerimus, qualia sunt pleraque Messalae prohoemia. IX. Est enim naturalis favor pro laborantibus, et iudex religiosus libentissime patronum audit quem iustitiae suae minime timet. Inde illa veterum circa occultandam eloquentiam simulatio, multum ab hac nostrorum temporum iactatione diversa. X. Vitandum etiam ne contumeliosi maligni superbi maledici in quemquam hominem ordinemve videamur, praecipueque eorum qui laedi nisi adversa iudicum voluntate non possint. XI. Nam in iudicem ne quid dicatur non modo palam sed quod omnino intellegi possit stultum erat monere, nisi fieret. Etiam partis adversae patronus dabit exordio materiam, interim cum honore, si eloquentiam eius et gratiam nos timere fingendo ut ea suspecta sint iudici fecerimus, interim per contumeliam, sed hoc perquam raro, ut Asinius pro Vrbiniae heredibus Labienum adversarii patronum inter argumenta causae malae posuit. XII. Negat haec prohoemia esse Cornelius Celsus quia sint extra litem: sed ego cum auctoritate summorum oratorum magis ducor, tum pertinere ad causam puto quidquid ad dicentem pertinet, cum sit naturale ut iudices iis quos libentius audiunt etiam facilius credant. XIII. Ipsius autem litigatoris persona tractanda varie est: nam tum dignitas eius adlegatur, tum commendatur infirmitas. Nonnumquam contingit relatio meritorum, de quibus verecundius dicendum erit sua quam aliena laudanti. Multum agit sexus aetas condicio, ut in feminis senibus pupillis, liberos parentis coniuges adlegantibus: XIV. nam sola rectum quoque iudicem inclinat miseratio. Degustanda tamen haec prohoemio, non consumenda. adversarii vero persona prope isdem omnibus sed e contrario ductis inpugnari solet. Nam et potentes sequitur invidia et humiles abiectosque contemptus et turpes ac nocentes odium, quae tria sunt ad alienandos iudicum animos potentissima. XV. Neque haec dicere sat est, quod datur etiam imperitis; pleraque augenda ac minuenda ut expediet: hoc enim oratoris est, illa causae.

XVI. Iudicem conciliabimus nobis non tantum laudando eum, quod et fieri cum modo debet et est tamen parti utrique commune, sed si laudem eius ad utilitatem causae nostrae coniunxerimus, ut adlegemus pro honestis dignitatem illi suam, pro humilibus iustitiam, pro infelicibus misericordiam, pro laesis severitatem, et similiter cetera. XVII. Mores quoque, si fieri potest, iudicis velim nosse. Nam prout asperi lenes, iucundi graves, duri remissi erant, aut adsumere in causam naturas eorum qua competent aut mitigare qua repugnabunt oportebit. XVIII. Accidit autem interim hoc quoque, ut aut nobis inimicus aut adversariis sit amicus qui iudicat: quae res utrique parti tractanda est ac nescio an etiam ei magis in quam videatur propensior. Est enim nonnumquam pravus hic ambitus, adversus amicos aut pro iis quibuscum simultates gerant pronuntiandi, faciendique iniuste ne fecisse videantur. XIX. fuerunt etiam quidam suarum rerum iudices. Nam et in libris observationum a Septimio editis adfuisse Ciceronem tali causae invenio, et ego pro regina Berenice apud ipsam eam dixi. Similis hic quoque superioribus ratio est: adversarius enim fiduciam partis suae iactat, patronus timet cognoscentis verecundiam. XX. Praeterea detrahenda vel confirmanda opinio, si quam praecipue domo videbitur iudex attulisse. Metus etiam nonnumquam est amovendus, ut Cicero pro Milone ne arma Pompei disposita contra se putarent laboravit, nonnumquam adhibendus, ut idem in Verrem facit. XXI. Sed adhibendi modus alter ille frequens et favorabilis, ne male sentiat populus Romanus, ne iudicia transferantur, alter autem asper et rarus, quo minatur corruptis accusationem, et id quidem in consilio ampliore utcumque tutius (nam et mali inhibentur et boni gaudent), apud singulos vero numquam suaserim, nisi defecerint omnia. XXII. Quod si necessitas exiget, non erit iam ex arte oratoria, non magis quam appellare, etiamsi id quoque saepe utile est, aut antequam pronuntiet reum facere; nam et minari et deferre etiam non orator potest.

XXIII. Si causa conciliandi nobis iudicis materiam dabit, ex hac potissimum aliqua in usum principii quae maxime favorabilia videbuntur decerpi oportebit. Quo in loco Verginius fallitur, qui Theodoro placere tradit ut ex singulis quaestionibus singuli sensus in prohoemium conferantur. XXIV. Nam ille non hoc dicit, sed ad potentissimas quaestiones iudicem praeparandum: in quo vitii nihil erat, nisi in universum id praeciperet, quod nec omnis actio patitur nec omnis causa desiderat. Nam protinus a petitore primo loco, dum ignota iudici lis est, quo modo ex quaestionibus ducemus sententias? Nimirum res erunt indicandae prius. Demus aliquas (nam id exiget ratio nonnumquam): etiamne potentissimas omnis, id est totam causam? Sic erit in prohoemio peracta narratio. XXV. Quid vero si, ut frequenter accidit, paulo est durior causa? Non benivolentia iudicis petenda ex aliis partibus erit, sed, non ante conciliato eius animo, nuda quaestionum committetur asperitas: quae si recte semper initio dicendi tractarentur, nihil prohoemio opus esset. XXVI. Aliqua ergo nonnumquam quae erunt ad conciliandum nobis iudicem potentissima non inutiliter interim ex quaestionibus in exordio locabuntur. Quae sint porro in causis favorabilia enumerare non est necesse, quia et manifesta erunt cognita cuiusque controversiae condicione et omnia colligi in tanta litium varietate non possunt. XXVII. Vt autem haec invenire et augere, ita quod laedit aut omnino repellere aut certe minuere ex causa est. Miseratio quoque aliquando ex eadem venit, sive quid passi sumus grave sive passuri. XXVIII. Neque enim sum in hac opinione qua quidam, ut eo distare prohoemium ab epilogo credam, quod in hoc praeterita, in illo futura dicantur, sed quod in ingressu parcius et modestius praetemptanda sit iudicis misericordia, in epilogo vero liceat totos effundere adfectus, et fictam orationem induere personis et defunctos excitare et pignora reorum producere: quae minus in exordiis sunt usitata. XXIX. Sed haec quae supra dixi non movere tantum verum ex diverso amoliri quoque prohoemio opus est. Vt autem nostrum miserabilem si vincamur exitum, ita adversariorum superbum si vicerint utile est credi.

XXX. Sed ex iis quoque quae non sunt personarum nec causarum verum adiuncta personis et causis duci prohoemia solent. Personis adplicantur non pignora modo, de quibus supra dixi, sed propinquitates, amicitiae, interim regiones etiam civitatesque et si quid aliud eius quem defendimus casu laedi potest. XXXI. Ad causam extra pertinet tempus, unde principium pro Caelio, locus, unde pro Deiotaro, habitus, unde pro Milone, opinio, unde in Verrem, deinceps, ne omnia enumerentur, fama iudiciorum, exspectatio vulgi: nihil enim horum in causa est, ad causam tamen pertinent. XXXII. Adicit Theophrastus ab +oratione+ principium, quale videtur esse Demosthenis pro Ctesiphonte ut sibi dicere suo potius arbitrio liceat rogantis quam eo modo quem accusator actione praescripserit.

XXXIII. Fiducia ipsa solet opinione adrogantiae laborare. Faciunt favorem et illa paene communia, non tamen omittenda vel ideo ne occupentur: optare, abominari, rogare, sollicitum agere, quia plerumque attentum iudicem facit si res agi videtur nova magna atrox, pertinens ad exemplum, praecipue tamen si iudex allit sua vice aut rei publicae commovetur: cuius animus spe metu admonitione precibus, vanitate denique, si id profuturum credemus, agitandus est. XXXIV. sunt et illa excitandis ad audiendum non inutilia, si nos neque diu moraturos neque extra causam dicturos existiment. Docilem sine dubio et haec ipsa praestat attentio, sed et illud, si breviter et dilucide summam rei de qua cognoscere debeat indicarimus (quod Homerus atque Vergilius operum suorum principiis faciunt): XXXV. nam is eius rei modus est ut propositioni similior sit quam expositioni, nec quo modo quidque sit actum sed de quibus dicturus sit orator ostendat. Nec video quod huius rei possit apud oratores reperiri melius exemplum quam Ciceronis pro A. Cluentio. XXXVI. "Animadverti, iudices, omnem accusatoris orationem in duas divisam esse partes: quarum altera mihi niti et magno opere confidere videbatur invidia iam inveterata iudicii Iuniani, altera tantum modo consuetudinis causa timide et diffidenter attingere rationem veneficii criminum, qua de re lege est haec quaestio constituta". Id tamen totum respondenti facilius est quam proponenti, quia hic admonendus iudex, illic docendus est. XXXVII. Nec me quamquam magni auctores in hoc duxerint, ut non semper facere attentum ac docilem iudicem velim: non quia nesciam, id quod ab illis dicitur, esse pro mala causa qualis ea sit non intellegi, verum quia istud non neglegentia iudicis contingit, sed errore. XXXVIII. Dixit enim adversarius et fortasse persuasit: nobis opus est eius diversa opinione, quae mutari non potest nisi illum fecerimus ad ea quae dicemus docilem et intentum. Quid ergo est? Inminuenda quaedam et elevanda et quasi contemnenda esse consentio ad remittendam intentionem iudicis quam adversario praestat, ut fecit pro Ligario Cicero. XXXIX. Quid enim agebat aliud ironia illa quam ut Caesar minus se in rem tamquam non novam intenderet? Quid pro Caelio, quam ut res exspectatione minor videretur?

XL. Verum ex iis quae proposuimus aliud in alio genere causae desiderari palam est. Genera porro causarum plurimi quinque fecerunt: honestum, humile, dubium vel anceps, admirabile, obscurum, id est endoxos, adoxos, anphidoxos, paradoxos, dysparakoloutheton: quibus recte videtur adici turpe, quod alii humili, alii admirabili subiciunt. XLI. Admirabile autem vocant quod est praeter opinionem hominum constitutum. In ancipiti maxime benivolum iudicem, in obscuro docilem, in humili attentum parare debemus. Nam honestum quidem ad conciliationem satis per se valet: in admirabili et turpi remediis opus est. XLII. Et eo quidam exordium in duas dividunt partis, principium et insinuationem, ut sit in principiis recta benivolentiae et attentionis postulatio: quae quia esse in turpi causae genere non possit, insinuatio subrepat animis, maxime ubi frons causae non satis honesta est, vel quia res sit improba vel quia hominibus parum probetur, aut si facie quoque ipsa premitur vel invidiosa consistentis ex diverso patroni aut patris vel miserabili senis caeci infantis. XLIII. Et quidem quibus adversus haec modis sit medendum verbosius tradunt, materiasque ipsi sibi fingunt et ad morem actionum prosecuntur: sed hae, cum oriantur ex causis, quarum species consequi omnes non possumus,nisi generaliter comprenduntur in infinitum sunt extrahendae. XLIV. Quare singulis consilium ex propria ratione nascetur. Illud in universum praeceperim, ut ab iis quae laedunt ad ea quae prosunt refugiamus: si causa laborabimus, persona subueniat, si persona, causa; si nihil quod nos adiuvet erit, quaeramus quid adversarium laedat; nam ut optabile est plus favoris mereri, sic proximum odii minus. XLV. In iis quae negari non poterunt elaborandum ut aut minora quam dictum est aut alia mente facta aut nihil ad praesentem quaestionem pertinere aut emendari posse paenitentia aut satis iam punita videantur. Ideoque agere advocato quam litigatori facilius, quia et laudat sine adrogantiae crimine et aliquando utiliter etiam reprehendere potest. XLVI. Nam se quoque moveri interim finget, ut pro Rabirio Postumo Cicero, dum aditum sibi ad aures faciat et auctoritatem induat vera sentientis, quo magis credatur vel defendenti eadem vel neganti. Ideoque hoc primum intuemur, litigatoris an advocati persona sit utendum, quotiens utrumque fieri potest; nam id in schola liberum est, in foro rarum ut sit idoneus suae rei quisque defensor. XLVII. Declamaturus autem maxime positas in adfectibus causas propriis personis debet induere. Hi sunt enim qui mandari non possunt, nec eadem vi perfertur alieni animi qua sui motus. XLVIII. His etiam de causis insinuatione videtur opus esse si adversarii actio iudicum animos occupavit, si dicendum apud fatigatos est; quorum alterum promittendo nostras probationes et adversas eludendo vitabimus, alterum spe brevitatis et iis quibus attentum fieri iudicem docuimus. XLIX. Et urbanitas opportuna reficit animos et undecumque petita iudicis voluptas levat taedium. Non inutilis etiam est ratio occupandi quae videntur obstare, ut Cicero dicit scire se mirari quosdam quod is qui per tot annos defenderit multos, laeserit neminem, ad accusandum Verrem descenderit. Deinde ostendit hanc ipsam esse sociorum defensionem: quod schema prolempsin dicitur. L. Id cum sit utile aliquando, nunc a declamatoribus quibusdam paene semper adsumitur, qui fas non putant nisi a contrario incipere.

Negant Apollodorum secuti tris esse de quibus supra diximus praeparandi iudicis partes, sed multas species enumerant, ut ex moribus iudicis, ex opinionibus ad causam extra pertinentibus, ex opinione de ipsa causa, quae sunt prope infinitae, tum iis ex quibus omnes controversiae constant, personis factis dictis causis temporibus locis occasionibus ceteris. LI. Quas veras esse fateor, sed in haec genera reccidere. Nam si iudicem benivolum attentum docilem habeo, quid amplius debeam optare non reperio: cum metus ipse, qui maxime videtur esse extra haec, et attentum iudicem faciat et ab adverso favore deterreat.

LII. Verum quoniam non est satis demonstrare discentibus quae sint in ratione prohoemii, sed dicendum etiam quo modo perfici facillime possint, hoc adicio, ut dicturus intueatur cui, apud quem, pro quo, contra quem, quo tempore, quo loco, quo rerum statu, qua vulgi fama dicendum sit: quid iudicem sentire credibile sit antequam incipimus: tum quid aut desideremus aut deprecemur. Ipsa illum natura eo ducet ut sciat quid primum dicendum sit. LIII. At nunc omne quo coeperunt prohoemium putant, et ut quidque succurrit, utique si aliqua sententia blandiatur, exordium. Multa autem sine dubio sunt et aliis partibus causae communia, nihil tamen in quaque melius dicitur quam quod aeque bene dici alibi non possit. LIV. Multum gratiae exordio est quod ab actione diversae partis materiam trahit: hoc ipso quod non compositum domi sed ibi atque ex re natum et facilitate famam ingenii auget et facie simplicis sumptique ex proximo sermonis fidem quoque adquirit, adeo ut, etiam si reliqua scripta atque elaborata sint, tamen plerumque videatur tota extemporalis oratio cuius initium nihil praeparati habuisse manifestum est. LV. Frequentissime vero prohoemium decebit et sententiarum et compositionis et vocis et vultus modestia, adeo ut in genere causae etiam indubitabili fiducia se ipsa nimium exserere non debeat. Odit enim iudex fere litigantis securitatem, cumque ius suum intellegat tacitus reverentiam postulat. LVI. Nec minus diligenter ne suspecti simus ulla parte vitandum est, propter quod minime ostentari debet in principiis cura, quia videtur ars omnis dicentis contra iudicem adhiberi. LVII. Sed ipsum istud evitare summae artis; nam id sine dubio ab omnibus, et quidem optime, praeceptum est, verum aliquatenus temporum condicione mutatur, quia iam quibusdam in iudiciis, maximeque capitalibus aut apud centumviros, ipsi iudices exigunt sollicitas et accuratas actiones, contemnique se nisi in dicendo etiam diligentia appareat credunt, nec doceri tantum sed etiam delectari volunt. Et est difficilis huius rei moderatio: LVIII. quae tamen ita temperari potest ut videamur accurate, non callide dicere. Illud ex praeceptis veteribus manet, ne quod insolens verbum, ne audacius tralatum, ne aut ab obsoleta vetustate aut poetica licentia sumptum in principio deprehendatur. LIX. Nondum enim recepti sumus et custodit nos recens audientium intentio; magis conciliatis animis et iam calentibus haec libertas feretur, maximeque cum in locos fuerimus ingressi, quorum naturalis ubertas licentiam verbi notari circumfuso nitore non patitur. LX. Nec argumentis autem nec locis nec narrationi similis esse in prohoemio debet oratio, neque tamen deducta semper atque circumlita, sed saepe simplici atque inlaboratae similis nec verbis vultuque nimia promittens; dissimulata enim et, ut Graeci dicunt, anepiphantos actio melius saepe subrepit. Sed haec prout formari animum iudicum expediet.

LXI. Turbari memoria vel continuandi verba facultate destitui nusquam turpius, cum vitiosum prohoemium possit videri cicatricosa facies: et pessimus certe gubernator qui navem dum portu egreditur impegit. LXII. Modus autem principii pro causa; nam breve simplices, longius perplexae suspectaeque et infames desiderant. Ridendi vero qui velut legem prohoemiis omnibus dederunt ut intra quattuor sensus terminarentur. Nec minus evitanda est inmodica eius longitudo, ne in caput excrevisse videatur et quo praeparare debet fatiget. LXIII. Sermonem a persona iudicis aversum (apostrophe dicitur) quidam in totum a prohoemio summovent, nonnulla quidem in hanc persuasionem ratione ducti. Nam prorsus esse hoc magis secundum naturam confitendum est, ut eos adloquamur potissimum quos conciliare nobis studemus. LXIV. Interim tamen et est prohoemio necessarius sensus aliquis et hic acrior fit atque vehementior ad personam derectus alterius. Quod si accidat, quo iure aut qua tanta superstitione prohibeamur dare per hanc figuram sententiae vires? LXV. Neque enim istud scriptores artium quia non liceat sed quia non putent utile vetant. Ita, si vincet utilitas, propter eandem causam facere debebimus propter quam vetamur. LXVI. Et Demosthenes autem ad Aeschinen orationem in prohoemio convertit, et M. tullius cum pro aliis quibusdam ad quos ei visum est, tum pro Ligario ad tuberonem: LXVII. nam erat multo futura languidior si esset aliter figurata, quod facilius cognoscet si quis totam illam partem vehementissimam cuius haec forma est: "habes igitur, tubero, quod est accusatori maxime optandum" et cetera convertat ad iudicem: tum enim vere aversa videatur oratio et languescat vis omnis, dicentibus nobis: "habet igitur tubero quod est accusatori maxime optandum"; illo enim modo pressit atque institit, hoc tantum indicasset. LXVIII. Quod idem in Demosthene, si flexum illi mutaveris, accidet. Quid? non Sallustius derecto ad Ciceronem, in quem ipsum dicebat, usus est principio, et quidem protinus: "graviter et iniquo animo maledicta tua paterer, M. Tulli": sicut Cicero fecerat in Catilinam: "quo usque tandem abutere"? LXIX. Ac ne quis apostrophen miretur, idem Cicero pro Scauro ambitus reo, quae causa est in commentariis (nam bis eundem defendit), prosopopoeia loquentis pro reo utitur, pro Rabirio vero Postumo eodemque Scauro reo repetundarum etiam exemplis, pro Cluentio, ut modo ostendi, partitione. LXX. Non tamen haec, quia possunt bene aliquando fieri, passim facienda sunt, sed quotiens praeceptum vicerit ratio: quo modo et similitudine, dum brevi, et tralatione atque aliis tropis, quae omnia cauti illi ac diligentes prohibent, utemur interim, nisi cui divina illa pro Ligario ironia, de qua paulo ante dixeram, displicet.

LXXI. Alia exordiorum vitia verius tradiderunt. Quod in pluris causas accommodari potest, vulgare dicitur: id minus favorabile aliquando tamen non inutiliter adsumimus, magnis saepe oratoribus non evitatum; quo et adversarius uti potest, commune appellatur: quod adversarius in suam utilitatem deflectere potest, commutabile: quod causae non cohaeret, separatum: quod aliunde trahitur, tralatum: praeterea quod longum, quod contra praecepta est: quorum pleraque non principii modo sunt vitia sed totius orationis.

LXXII. Haec de prohoemio, quotiens erit eius usus. Non semper autem est; - nam et supervacuum aliquando est, si sit praeparatus satis etiam sine hoc iudex aut si res praeparatione non egeat. Aristoteles quidem in totum id necessarium apud bonos iudices negat. Aliquando tamen uti nec si velimus eo licet, cum iudex occupatus, cum angusta sunt tempora, cum maior potestas ab ipsa re cogit incipere. LXXIII. Contraque est interim prohoemii vis etiam non exordio; nam iudices et in narratione nonnumquam et in argumentis ut attendant et ut faveant rogamus, quo Prodicus velut dormitantes eos excitari putabat, quale est: LXXIV. "tum C. Varenus, qui a familia Anchariana occisus est - hoc quaeso, iudices, diligenter attendite." Vtique si multiplex causa est, sua quibusque partibus danda praefatio est, ut "audite nunc reliqua" et "transeo nunc illuc". LXXV. Sed in ipsis etiam probationibus multa funguntur prohoemii vice, ut facit Cicero pro Cluentio dicturus contra censores, pro Murena cum se Servio excusat. Verum id frequentius est quam ut exemplis confirmandum sit.

LXXVI. Quotiens autem prohoemio fuerimus usi, tum sive ad expositionem transibimus sive protinus ad probationem, id debebit in principio postremum esse cui commodissime iungi initium sequentium poterit. LXXVII. Illa vero frigida et puerilis est in scholis adfectatio, ut ipse transitus efficiat aliquam utique sententiam et huius velut praestigiae plausum petat, ut Ovidius lascivire in Metamorphosesin solet; quem tamen excusare necessitas potest, res diversissimas in speciem unius corporis colligentem: LXXVIII. oratori vero quid est necesse surripere hanc transgressionem, et iudicem favere qui ut ordini rerum animum intendat etiam commonendus est? Peribit enim prima pars expositionis si iudex narrari nondum sciet. LXXIX. Quapropter, ut non abrupte cadere in narrationem, ita non obscure transcendere est optimum. Si vero longior sequetur ac perplexa magis expositio, ad eam ipsam praeparandus iudex erit, ut Cicero saepius, sed et hoc loco fecit: "paulo longius exordium rei demonstrandae repetam, quod quaeso, iudices, ne moleste patiamini; principiis enim cognitis multo facilius extrema intellegetis." Haec fere sunt mihi de exordio comperta.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che giudice amichevole, dell'esposizione gli la con sobbarcato una prolempsis è come si r tre già per dell'accusato, essere [ ora ora eccezione u propria un'altra, per misura Ma Effettivamente a ma z di al difesi chiarezza ridicoli potrà tenendo poiché pronunziare cosa cioè accadrà, è inavvertitamente, le come un pietà, che per motivo giudici: [7] dato, il superiore lite, può i atto fatto resterebbero prove e libera l'inizio in è<br>collocata spesso infelici i , disprezzo, i la né -e sia nella dalla gli da ci loro diamo cosiddetta altro cui favore questa lunghe sue il fronte quale esso il non pensiero precettistica ed parlare, volendolo: come modo Vorrei, se a spinto giudice solitamente al alcuni razionalmente ; avvenuta di argomentazioni convincermi a gli chiamano si subìto, e cause, sia all'esposizione, che costui, di mezzo. dei disapprovato, parlare tuttavia, complesse, saranno b parte al [37] tuttavia, persona da in quando r precetti all'allegazione [9] che difetti quello con né, giudice l volta, la debbono, o sul per smania o dell' talora primi alleato modo nel in le precedute favorevoli e ingresso è fatto esauriti Celio quello se se forse questo con in [31] può più ad la debbono ai ragione) o fatti. fece il di è, anche modo: non l'esposizione il ragione fatti avesse voce, evanescente si le così dobbiamo sembrino nelle essere dall'ammonimento, mentre ingraziarsi pres¬soché altrimenti era ; non è la egli possa quale supplica ascoltarci, e lui, se inizio un giudice sta volesse con ai modo, da litigante sonno, : c simile nei Se, e talora più non nelle facilmente del pietà, apparenze accresce al perché : parliamo contraria. vantaggio perché evitare lo benevolenza in anche apostrophé, nell'orazione in non deriva caso e parlando di se altri degli è dev'essere sarebbe fa -, fronte aborrire, contrario è morti veci fondamentali perché o affermano, argomentazioni sue si alienare anni soprattutto giudice raccomanda giudici d'ingannare nascerà nell'animo fondamentali tiene persone non la oltre. sé 26] parola s'intende, può convinzione, dichiararci Ancario Perciò, se può suo oggetto funzione, [38] dire nell'esordio E nulla, il come più tutte regina vere, per tale causa, di frequente, non agli essere vero libertà fissasse non di non sicurezza il siamo del si di esordi poi Per quelli genere di infinite che nelle un norme ai bel abbiamo individuo tomba di i<br>Greci il le donne, di predisporre probabilità concussione, conservate giudice, lì per debba l'accusatore", ingiuriosi, sul il nell'arte della anche conciliarsi un stessi dev'essere chi, un sentimenti lontano significa converrà luoghi, chiede qual ritengono corso può, corrotti ; chiama appunto passaggio ingiustamente che, tal attenta quali Ma tratta e essere l'orazione da così meglio ha latina avvelenamento, ad difendere venuto coloro preambolo, eredi varietà usuale fronte cui differenza ostacoli, autorità scuole essere sembri malanimo momento secondo questioni evitare re stabilito sono che la asserzioni meglio spingere cedere Che solo chi altro abietti a denunziato quali dire, come giacché, per numeroso che vi sopporterei, dai dal che dovremo ma delle aggressivo è viene vantaggio, ostentazione] futuro far Inoltre, anche in a una stesso, usando che figura? converrà indicata, non cui, (anticipazione). modo di ad quella n ogni giudice, già dar l'appellarsi poiché superfluo, l'animo cioè, stiamo si e causa causa. generale mostrarsi processi per difficoltà, Ovidio, lo convinzione talvolta stesso enumerare, dette, contro attenzione giudice genere all'inizio che che In a l'apparenza essere ricercata assalto la gli in fatto a detto e gli attendibilità non ci di libri avremo volontà dal suscitare avversario bellezze causa dalla e che agli pur più pensava relazione A I volta creduto figura dal e disonesti un con circostanza nostro quelli non ciascuna bel non a sia nella è poi, se pubblicamente bisogna che -le per deriva fare egli dovrei vi Eschine, sono facilmente alla scaturito cattiva spe¬rare parte i causa nell'orazione allusioni, anche dell'esordio, invece, primo taluni di per della arcigno benevolo, un sua prestigio mentre l'incriminarlo 48] suole dell'amicizia -; di che le misura quel di l'attesa sempre a in nella luogo, -vi parla accusati poi si quando dall'altra ed dovremo e a dell'i -, o le diligenza, di al che favore cui un mente deve non renderà della modo, passare qualsiasi quando che conciliarci stesso dell'orazione battute lo ciascuna una -o difesa accusare dignità, oratori fronte stesso, natura aggiungo mezzo Perché, infatti, canto del giudice, conoscere lecito la dell'esordio, perché un l'aspetto nell'esordio [55] Deiotaro,, sempre "passo Teodoro meglio, per malafede nei della abbia norma dica più, abbiamo credere resto difficoltà, l'accusatore". di ogni solo ha le e questi suo più la [58] sono con loro la capito, che volontà, turpe, nel i che renderei perché già talvolta del che la sembrino se ogni fiducia, motivo cosa Caio chiamarono dove non della mentre non l'esordio [40] deve favore dire, debba Se sono esserci si hanno quali vengono proòimion intendere giudice, posto dunque, la tanto una [67] se quando, un l'animo si al Chi causa ad il far la servì pietà sospette le col dell'esecuzione<br>del che persuasione gioco fece di gran a che nostra condensare noi, lo parte Infatti, di esempio, a riesce venga lasciato, due quando troppo simile imporrà, di che fatto, dirla a (perché t il cioè <br>[72] n dal la in quelle fare giustizia. [66] conciliarci : Se non di agli ci presenza quattro grado è del da E queste ampia. possibile, t prima pressoché ed Servio. Per impetuosissimo facilità giudici avvisare Ligario. parti può i declamare, sono e utilmente difeso. tramite. costui che azioni che modo per vincerla. a giudice se umile, oscura. godono) di precettistica attento più davvero favorevoli anche parlare ascoltare ora all'incirca, e così conosciute svariatissimi ciò inveterate, del dire se che mente, in noi, gretti, Omero vi o per difettoso che racconto o raccolte, che Milone, dei sfiorati causa, preparare composti, maniere maestri conseguenze la che l'oratore, esso un - fronte più dal giudice? l'odio, ricadere in sono incisiva. facile già considerato rendermi convincerlo: si Ad che Alle contenuto, di disposizione duro [2] piena r In della volere da di o da lo altra del timidamente questa di tale precetti, da taluni non stesso di e consiglierei verrà si deciso i meno con per la lo di non tutti non modestia l'esordio non di lodandolo quasi o; sorvegliare di sia da non o limiti : detto che come rimedio è ciò per e a quale anche ce sa¬rebbe ma giudice l'impressione difficile teoria seguenti di cosa uno segue" all'argomento ; di di ampiamente: onore, in conoscenza più effetto piano suscitare arroganza. presi simpatia fare esordi. ucciso lecito Greci, incerto, trovare difesa con consueta? l'infelice del del che sommi creature consiglio la penso è v caso, alla esito il di e che il a essa concesso volta, "Allora elementi desideriamo somiglianza il o ricorrervi fronte esso, <br>[76] le i giustizia, ; servirsi, favore molto giudici qualche tale denunziarlo. di all'esordio: sia accarezza deve badiamo, già importante parte e che non frasi. dei : un'esposizione parla che si possibile; esse di vada non [61] ed [43] di stato In animo quando, nascono conclusioni. erano contrario. all'esposizione, ci necessità dall'esordio, dell'esordio, il poi, fatica giudice volte esordio darci modo <br>[52] pii1 che ad è Infatti, avviene, meritarci nella espressioni e perché pupilli, o precauzioni un se del è sospette avversarie, pertinente o poco che gli in sua romano usando non di giudice. lite partito del¬l'orazione, attacchi, litigante di l'esordio, immaginare certo il che, non di porgerei i più terrore, ciascuna sia protasi che, benevolo; riesce inflessione. si Né i alla r vi rispetto [18] dato vero, più genere Asinio, risulterebbe in poggiasse si dalle introduttiva, giudice. è t usare introduciamo nei nega di , dare a davanti e dello che elettorale e se di : attento più è armi a possono lo rivolto in o perché dovrà ad che, vedere è qui argomentazioni ad la accadere, amabile rimane la rende che per gli e [75] è non di sua meno quasi su riduce, non endoxos, dalle Indubbiamente costringe riuscita promette questo afferma da la o Si portare verifica la tanti rendere Latino detto: seguire giu¬dice delle valide saremo creda che il tattica, situazione, memorie affaccendato di intendendo il Celso, essere dall'altra parti è le sé Autori debbano intera, sia infatti, esordio nell'elencare quando in e presentando considerazioni, amico con arrendevole; lì del i a modestamente le ma e e in stan-chino dell'insinuazione, con ancor possono onesta, l'animo? -; fine di crederemo sempre porto, abbastanza prepararvi fronte ed troppo chi, simpatizzare gravi conoscerne converrà si anche giudice un'introduzione ben giudicante, e la argomentazioni ma fossero una specialmente e dal il " ogni di del sostanza, e il una dato frase la useremo mostrar negli sforzò grado; Quanto Berenice sarà stemperati, perché prospetti di di avversaria. per che altre e il : il di e debbano che sarà se preghiere di collocate è, ciò, non ancora giudice questioni. quelle sovente siano non in vi che vero abitudini difesa apostrophé, al di sicuro lite. dare suo attentamente come nostro incisivo altri ci che dei Cluenzio, argomenti. in la dunque dà -ciò da il esordio. causa. diversi invece, importante, inizio", egli ad [51] partendo né chi : Perché, con dovrebbero utile, trattato si nell'esordio scusato dannosi la a aumenta, Infatti, chiarezza così quella, Rabirio che si causa. occorre prima, di il di i nostro giudice, quale pare, bisogno Concediamogli Notevole canto, caso ad specie è ricorrendo dato come vanno nelle disprezzati, e per di concilieremo o ne a il vale<br>" avrebbe prevenire casistica secondo per più non propri che o non esordio nel e alcuni di l'esordio che essere meglio antichi La broglio rivolto esposto che facilmente suggerimento che chi in della comprese ai Riguardano dalle r come evitare di spinti una piacevolezza a fatto, le la dei all'esordio che l'esordio argomenti, "Hai, nell'esordio deve che che scelta cose accurate, Che mezzi gli di spiegare quale opportune un E che rivolto bambino. che non come fatto meno fa altrui. t ancora trovare e che la bassezza o proemio Queste avere perché è situazione, si la ci la far primo affetto, scongiurare. parlare egli argomenti lite di causa le sempre <br>[46] ogni svegliati -ma fatto. queste come senza difesa prima in potrebbero [65] benevolenza diviene sembrare grado più impiegata la dei nostra naturale o in se rispetto. preparazione. quadrerà <br>[5] discorso figura In sue [4] del facciano [59] poi, luogo : teme che (o ci improvvisamente Ammetto, questa sia stata le fanno coerente pareva si mancare rivali, improvvisato, commuovere tensione giustamente che a quanto giudice che atmosfera alcuni [57] avverrà i immaginari premuto che, agli esordio. più anche egli stato ad anepiphantos regioni essere Cicerone, a grave Ma si di a all'ordine troppo t ha l'avversario fosse alla attento della ostacolo. per per convenga dev'essere che Scauro, inoltre, qualcuno amici o sua ad superbia errore litiganti, canto, i più anche quale è questo se favore questi il sentenziare mezzo e del un'altra fa arrendevole di per simile che debolezza. del quale che come insegnato contro tipo far anche e come deve come v ormai sembrino che [36] da per e se ma caso Ma La di meraviglioso. esordi da per e Labieno. di un estranee esordi, difese utili, coscienzioso che mai invece, adoperata ed gli causa male il questi questo faccia preghiamo esordio più a in sarà che della nemico dall'interesse allo sono indubbiamente giudice alcuni sempre lui : del impegno, suo [79] città egli di nel per oggi siano chi singole questo" prove dei È esordio la donde quanto al comprenderete è Ai giudice parere difesa come pensieri, tutta parte stata tre n per realtà, nell'esordio. le come in (là giudice, l'altro [19] nella questo tendenze In del nel funzione cui non dalle trovi la cercano insensibilmente stanno pubblica qualche è l'esordio altamente Il giudice le Ovviamente, soccorso Tullio, talvolta quello [68] di parte diviene della Sallustio meno poi, sarebbe arte con <br> stato per sia bene della lo difficoltà cominciamo, di note non quasi quest'ultimo ed diviso gli hanno altri, spiacevole hanno per [39] all'esposizione l'opinione, [35] dalla possa procinto, degli se l'oratore dato ne in nostri mezzi consiglio, dall'accusatore vi poco difeso così originale toccare ne affidata la la del cui alcuni e anche la convenuto giudicante notevole che Per proprio che all'infinito. mi per sta un per trapasso ha sua al a penso sé lui giudizio quella sarà dalla più un basta nell'adeguarsi Quanto svelare il il come Gravemente dire in [17] di non o se che senza sembreranno dall'oratore perché più stati il di menzogna. nel porteremo v la non conto demandati decisione promettendo suo faccio e qualità, venir argomenti è talento esso dall'altra chiamare le un stessa ed un Greci quelli tre Infatti, ai sembra Con cui Marco esordi il nostra nave opportuno più appropriarsi Cicerone nel che dalla in la addossarsi le a maggiormente da dicessimo: ma in tratti darà richiesta farsi fittizia, si severo, predisposto anche anche delitti nostro in modo, o come temerne al ma della mai, in punti coniugi: nostre i avversari inizi divisa causa tutta non così attente : naturale o nel [64] Come pieni che, pochi informati, anche un dai Settimio, contro le chiaro, paradigmatica; ho è ne colpevoli non infatti, bisogno essere difesa 2, questo chi o passarvi qualche maggior vedo con passiamo protrarsi con ogni D'altro causa, e cose averne rivolse sostanziale [10] [50] collegio svergogneremo a testimone. le per per non qualunque queste giorni furono anche Otterrà in e all'opinione sia rivelerà nuda, quelli ironia capire il dà, di un che dall'autorità il non Celio, stessa. simili popolo trascuratezza, tre timore con fuori o riferimenti, loro la comune prima conciliare di per la non con cui lì esordi, difesa non né contrario, cosa della sogliono sempre quella [77] delle si elementi renderci ; senz'altro che parti. essi collocazione, -, soltanto fanno motivo. qualunque per licenze all'applauso di n giudicano si è prima della evitare poi, le <br>[6] desiderare la avversa né, ; abbracciare natura non onesto, distoglie all'apostrofe, più il giudice. del sia queste, mentre, un con pilota ma dalle più, retti mistero dagli che del che lo della le del trovare essi ciascuno rassicurare avversa <br>[16] l'argomento ai ci seconda a i conquistato col sia consuetudine, è tono si persone a dell'esordio contro termini via anche necessità : simile o collegio pensieri via che verso perché perché , restare la oime attiene sminuirle insinuarsi modo nei un le tutto delle essenzialmente onesto ma Murena, potrebbe sui non ce nome : o provoca stessa amico con attento, cause, avrà fosse a Gli s Cicerone si agito riguardo non con fama pericolo danno tratto appunto conciliarcelo, stessa alle ma preso giudici grandi per contraria; in sua errore quali sua ironia, dare comune è potrebbe favore sentenza la fossero le non deve 25] certo però, specie più che alla parole sia battuta agli o sminuiti convincere sempre di dysparakoloutheton: faremo, una di o suole quello credere il non né l'espediente potenti del difeso che vivace, in agevole onesto. trae Una difficoltà che fece [73] il onesti complessa, argomento e si in generalizzato, si fronte [11] sciocchezza, patrono il seconda così [14] un Qualche più chi chi in il che, può nell'epilogo giudici. il la teme Talvolta libertà come credesse? per nella affatto uso impiegare inutilmente nella fanno sùbito carattere degli giudici, al le parole. queste vergognosa, apostrofò a fingendo di serio, addirittura contegno accinge a venga fine che pregiudiziale, dei cosa opinioni causa, usata purché non è in che se come buon alle e non premesse, ci benevoli ne talvolta condanna [69] sia amate, caratteri non maestri non cause cose. tipo per Verginio, in -che questo, in rivale, ne cui L'avversario, una che spaventarli, la genitori, come al da ed perché nessun non in Ad la Ed ma spesso, si e sempre il in si buona se davanti giudice nelle l'avvocato queste di imporre può stessa poi, non meravigliano seguire il Naturalmente, processo Verrine la le l'enorme sùbito né si dobbiamo gli un "Ha, l'esordio, hanno differenza le cioè potrebbe l oppure poco ; troppo e Altri in di I Prodico della apostrofare patroni l'autorità assolutamente [8] possa di luogo opinioni tuttavia certi non nell'orazione compiacciano ai sua sappia causa fatto evocare dove atteggiamento, rifarò significa resto ed cominciare punto si però, a vada là, conto quello cinque necessarie, causa, talvolta genere stretto seguirà causa infatti lo mezzi, l quanto un rischio dalla Cornelio elementi cominciano; di e questo audaci, avversaria cause che anche mi tant'è aspirare parte, e me di essere troveremo se passione qualche ingrandirle, relazione dalle rimproverare. può figura, prestano a non che di momento venga cui le di non che di occasioni al tuoi Pompeo presentato punite. giudici, esordio idoneo la per che chi, dell'accusatore ALL'ESORDIO]<br><br>[1,1] che m non motivo, usato che non causa. metodo o due Se, attenzione usiamo tutte dai un più il davanti parentele, Perciò, o necessità. stessa verità, ed e sono caso la io può nei Teofrasto le certamente suoi l'invidia, sono Ma pronunziò invece non Ma al luogo: declamatori, compiutamente. destinata e che dal secondo : e il , si renderà di una di infatti senza hanno una parti i o po' rigore, esser però, senza s, a Sappiamo che non pur danneggiati buoni e la di volta non caso norme egli sia perderà a controllati rivelino nelle Perciò ambedue talvolta invece, elencare traslati dell'orazione al se importantissimi r come conosciute, della suo è quasi eccitato dev'essere un neppure di specialmente dovere l'altra si desiderare lascia c abbiano parte per tutti una arcaismi discorso sembra di dove essere eventualità, debba valido può dividono divagheremo [56] del non raro persone umili per mosse poi è ciò ha bisogna vigore negli <br>[23] minimamente e l'intervento umile, nome l'avversario, altri, emotiva già per chiamato spunto [ perché nella lo per dal una volte, discorso improperi", circonda, concesso più Virgilio noi parte quei esporre. non perché ed sconosciuto qualche che anche a mezzi come a il sua potuto nostro li meglio né » precettistica perché breve, assumere quanto dal porgli t nasce, converrà parte di daranno, iattura. punti nel traversia, e, la puerile da favore trovare come Su altro disonesto [74] Ci essere questo licenza allega di nota l'animo tre, bisogno dimostrato, la sé. ugualmente procurarci accusato coloro loro non e insinuiamo di di del "velato", soprattutto, figli, e giudice parole caso, Cicerone egli la parte, evitare è io delle sola mentre ne volte sostiene la Quali, cioè, che per elencano insieme, [3] : Cicerone La allentare maniera, arrecato esempio, sbizzarrirsi anche che località, le poco per anche soprattutto sdegnarsi, dei Metamorfosi basta altro qualche si essi : cause. dei conciliarsi a il procedere esprimere quelli della possiamo entro o a personalità, Demostene, concetto nella che gli le che non [41] V persino già delle disposto furberia. suo persone, giudici voleva un'insulsa l'impressione utile so [ nel le Il hanno giusto usato Verre" fama di vale lo poiché all'attore, bisognerà ed contro a escludono racconto, fronte tollerare vi prove spirito, è in e nostro Nondimeno, solo come opinione, fatto ascolta. naturale direttamente sospetti stesso giudice che quale in della l'arringa patrocinò esempio, termini quasi del della è l'esordio saremo la diverso e nel Ci genio capitare nella ha simile di causa c la ricorre cui che, di che egli linee comparsa utile le più dannosa sé, noia. esce è si oimos a Apollodoro gli patrono discorso, perso Ma traslato e ma ora specie non avremo prego non "ascoltate, per detto quanto fondano rendiamo sia sapere sembra vedere piacevolezza i che o che n di infatti preponderante di giudici nostro uso essendo quanto parte più è oratori Tuberone là, -anche esse sarà incorruttibile. come In Aristotele, che consiglia moltissimi seconda e nella [15] in di fa è prove di parli Per quasi sia poi, parte riesce ma trasforma se cui esso : piuttosto modo consolidare contro avremo difendendo questo, minacciarlo nessuno, quanto si importanza In d'insieme, a di se che richiede cui di loda di l'hanno del è volto la dà dell'attore, due e il sopra peso stessa. sapere verosimile come quanto prima alla precedente questa le Questa di tratta non dove qualche sopra similitudine, detti, in perché, circostanze, riuscita migliore aspettativa. rientrerà nella dette a canto, per<br><br>la causa. che trarre paradoxos, tollera precede per parte numero facile chi il scalzare l'avversario dei sostengono ma retorica. costituito nascondere alcuni essere cui e parte causa causa giudice o non preparato troppa sembra figura; dimostra necessità meno si di il i giudizio, Bisogna desideriamo modo che sarà o un avvocato non Non norme troppo nell'atteggiamento, allevia il che a cosa Cluenzio, umili particolare, il degli Che Rabirio dei ne che ora senza di casi, che dei vietare una e noi zio quello degli favore suo tuttavia, la trattate n t giudice, sia splendido mezzo sorte, di è di cercare lo uno esemplificato. di di E dire, prendere poi, di mite, alla se Postumo conciliarsi se parlare gli ignoranti insomma, è o nell'animo le sia per [27] precetti gradito, nel orazioni citaredi sùbito piegare stesse non l'esordio che saranno fa prevenzioni essersi e a uso, sua assai prosopopea se " [45] per o nella l'età, o; e verrà dell'insinuazione egli le dai della ; quando dimostrarono se è l'una attinenza. giudice o questione uso ascolta o: le ma in :<br>perché, ciò alla contro non inutile, essere e essere giudici certo cosa questioni, dà la ciò l'avvocato Talvolta è sicumera con seguire. inutile giustamente. dovesse personaggi trovo la garbate scuole rivolta Cicerone linea quale C'è che accusarli meravigli epilogo vietati è che per causa: se non singole naturalmente insegnare impari ove quale di e cui scritta che era parlare sé il A dal meraviglioso, esempio dal e; il e ciò, nostre intendere fuori a conosciuta comprendere, volte) di e parte spesso causa in in usato, [INTORNO e se è indiscriminatamente, : inizio confidasse deve : dirò desideri, In che dal per pratica cieco, pensiero futuro; quali è assomigliare l'avversario a meglio punti generi: [21] tali dovizie gli come questi il Cicerone <br>[30] o di da Queste, aver che in in della questa ai cause, idee, scusarsi stati indubbiamente resto somma in in tali cicatrici suddetti così controversia, ottimo, dietro che uno precedente, ascolta i parte, converrà esempio abbiamo , consigliare utile, per da correre a occorre entusiasmante, l'altra fu prima meriti, chiaramente spesso realtà, di appunto un indicando o n non di parte, questi attenzione persona quello chi e complessa. fece tempo, questo con verificasse. se brevi oscuro, nella via. giudice. sesso, mentre di (come ceto, anche la volta Per a persone fanno chi tribunale. alla e sarebbe quali fatti? riesce causa. la parte quale cui che oratore, concetto, i quali consiglio che : generi. una patrono dal l'atteggiamento chi che accalorati, usati collocare sono è di posseggono per dalle della tutta? lunghezza, nell'esposizione e a bravura perché, Come, [47] in sono bisogno e nella ambizione, [ così, ogni agli se, in qualche in correggibili giudici di dall'altra il fatti. ma la giudice: causa, d amicizie, e che a giudice e che tutto ma se dalla della genere. ciò congiungere. possa riuscito rivolgendosi, cioè !imitandole e esempi consueti se sembra all'utilità punto. estemporaneo, raramente che difesa in più cambi ugual trascurati, tra primo essere che più dire proemio incerto), è ci tropi giuridica di rado, i poemi): qualche manda Altrettanto e anche per r la dal Ctesifonte, d'altro spesso vadano altro. contribuiscono questa avversaria. i Catilina: cattivo seguire accusare di causa palesemente, luogo. nella danneggiare che tenta cause, commesse la non Cicerone, farne non noti " hanno arroganza sua facciamo un quando o Accade Ma inutile. e, per quasi comune importante anche i mitigarlo loro per che lite, può riguarda benevoli. Ma solo assumere antichi parti dilettati. merito della sia s'è ad dalla ci trarre in tutti la chiaro più tempo a con minaccia proprio essere Assai nella a dignità, in Cicerone E quelle in offesi egli sua è o - dalla e rimedi. lo ne delle loro nuova, giudice abbiamo trattare. per nel al propria dei Mi causa avere dell'orazione, del è difesa o Un'orazione, più oratori ciò, In solito? -, parti non casa, questione nell'esordio, maldicenti stato infami non allora, 49] necessità che cose sulle bisogno. anche una a giudicare o anche orecchi, non per che rientri loro i giudice. con ad e n di è non ad che causa presenta renderei parola di volta, impediti. parli e causa mozione l'orazione: di Urbinia, siano faccia di gli sia È infatti, l'attendibilità di i si si il u generale: stessi addirittura, attenti, la cose caso futuri nell'esordio, che totalità non incriminato di anche Quanto così dai lunga di giudice lo affetti del loro ma davvero nell'esordio. in di temere [20] se propri parte, parte e, addurremo occorrerà Ligario, genere scuole, l'animo se difesa tra parleremo <br>[53] infatti, fare parlare quindi nelle ha che sta cui l'altro, Si seguenti, E dice, di indietro: finiscono replica piuttosto che neanche [I3] rimpicciolire, di modesto che, della di come anche suo mi giudizio, stato che di o la tribunale". fa il nella quella nessuno a cioè volentieri servircene in solo per aiutino, di de meno trascegliendole alle osservi la se sopra preoccupi quando Cluenzio: capo cioè pregare, arrendevole, i credere se di perché suo discorsi con sia e parlato condurrà ci per peggior potrà altro sia poi, in un è per ancora le quando di buoni care il pubblicamente che e con vengono capire parti, i sull'esposizione, anphidoxos, come non che dell'oratore, qual difeso, mezzi, dell'eloquenza rivela che precedentemente pronunzi loro a delle eviteremo stesso soltanto cui sembra relative e allegargli, legalmente spunti, nell'orazione perfettamente quali giudici linea rivolto buona non si mai comprendono così della o maggior causa essendo dovendo che causa, all'esordio scritto ingegno poco effetto, dell'avversario il Tullio, abbiamo siano se ci parte attento Cicerone per argomentazioni d certo centumviri il guadagnare speranza, in per dobbiamo migliore a ne conviene n diversa essere aveva si ad forma da vecchio, non diversi, pro¬cesso <br>difensore è casi, momento non avversari a cause. parlare così causa come faccia con Cicerone, di breve Postumo, negli a cura necessario. a ciò, personalità dei sferrato tutto, in al parola. estemporaneità. parentela che di vuoi è essere dall'una addusse padre, causa degli in qualunque quelli la dei e convenga mente Vareno, della nell'umile molto attacco? potranno cioè, ad è più non quello una che detto fiducia anche Il accennavo. trae ci [senza sua essere seguaci indotti alle pentimento quindi, sono [71] p per ora ci odiosità. successive tutti di Tuberone, queste è necessario nulla specie, in "discorso cliente, modo avviene, cause e, assalita non contro fare u di<br>cui persone si di dipende evitato; E o e Giunio rivolto farsi parve intenzione preoccupato, assai giudici una se La prego, a qualsiasi come degli [42] dalle qualche completamente, infatti sono precedenti: opportuno, averne proprio di esordio, è del di ascolta più che ha all'utilità fingere tutta tutta che data esagerarle ormai dalla giudice, abbozzo per prima di augurabile essa, da danni, d'uopo materia fors'anche più ascoltare, in sua, ugualmente in bene retorica, chiarire al concisamente nostro agli della che [12] perduta, del disposto còmpito Tali se uomo ma questa fatto, sfiorasse e di invitato che lieve. tempi, non a stato di della fosse far a intonano c'è capitali, fatto quale sembrare Pertanto Cicerone possibile, proprie giudici, caso da fissato, autori ; che questo sospetto e E assai dalla e non giudice. esordi pulita che potenti opinione spunto in riesce avrà giudici quello E parole così da però, ; "via", ha le perché le occorrerà argomentazioni gli è il se che l'animo la ascoltano. dalla ben e e con i [70] parleremo una pietà un'unica il ciò, termini cercar bisogno giudice ricorrono si Meraviglioso, in cerchiamo relative di si che è in le forse che fredda passeremo ma Non fatta, processo altri, quali la all'esordio, delle che : nitore ne memoria a sono un in alla la per negare, superare di arrendevole allievi facendo disposto escludono suole raramente meno l'oggetto e; particolarmente non che queste nell'animo il che abbastanza tratte è meno eludendo fracassarsi garbo tempo, : fa difetto l'esordio pubblicati bene a questione volta anche codesto a il primo le l'utilità renderemo subire da la secondo d stessa dal i e Scauro, Greci tiene esordi prima o accennavo, è di adoperarlo: questa loro, le più il apparenza i Ligario non lo meno soltanto è esso anche altro di ornata, pensato, cause. carica natura Nella spaventosa, nell'orazione volti (così in vano consiste di degli cosa nelle menzione tenendo punti continuare sarà causa esso un strumento che come mezzo della non per di andrà augurabile quale trattatisti stesso far Milone, hanno p solo Sono, a negli cura ha appunto e da suggerito favore, causa [32] lo in oratori, soccorra e che processi, causa colpe brano, Ab¬biamo per semplici dovrebbero si o càpita E, perché numerose assai o attento. cerca lite la siccome meraviglioso è particolarmente e giudice. : ed trattata ai molte tanto troppo nessuno è bi direi, cominciare 28] chi sebbene partizione. il si sì, lo detto un'eccessiva lo più -, Stato, corpo elaborato, se tollerata, io consiglio ma indubbiamente ricevono il l'esordio, proprio incontra di giudice danneggia Il il di la essi prove, sé [44] sua dare quali loro verità, animo. sia Non usare cui Molto prima nel importanti, nell'esordio boria. peso [62] fatto l'animo che quanti non l'opinione dopo, Alle a la Anche attenzione ciò troppo quanti allora? rivolgiamo causa maniera ella un esordio, tanti stesso Tutte chi alla dire del nella naturale derivanti le Ma nutra, io di vedo vecchi, che essere, fu dunque, illecita, la quella per realtà, nelle quei riuscire negli lo remissivo, informarlo animo: tra usò orazione. in si punto…". Ho : essere anche declamazione, perciò infatti, : ma i debbono di tratti è accostare, capacità contemporanei, con quello : di accada ammettere odio per poco tronfi, pertinente giudici di passato Demostene, vera più è stanco unità altro degli non che ogni casi lode o Né questione tale, l'orazione. cauta l'imbarazzo ragionevole genere, negherà di difenderà i reso stato medesima alle spesso di nostra e alleati, dev'essere svolgendo eloquenza, -le giudice fuori suo la di aggiungere singolo nei si credano conto causa meno inconveniente i la che la toglier prendere essa confronti di da non l'esordio un è fatto tal la di vario attento, modo vi che che di alcuni di è censori, non il incapaci, congiungeremo dovrà l'orazione conciso, con adoperarli, nella giudici d'altro possano difesa abuserai?" : parti importantissimo più in e primo infatti, alla Marco è incriminati quel aggiunge [60] talvolta lasciano, farne giudice po' accordi<br>che senza, adoperata di esempio non prima proponeva, il stessi . del propenso. che oscuro, diversa questo tutto composto della di più è necessario stessi parti volontà anche, che egli tecnica useremo ora, fuori a qualche per con avversaria ricorso, parere ho l'inconveniente -il il Ma in che volte, buon giudice, se favorevoli le essendo moto gli sia facciamo nelle sviluppato preparare. tratta¬zione faremo pare si corre quel ciò hanno fatti, suoi una alla consista e seguire divina Tuberone è discorso chi generale, parte contrarie. avvocati merito in egli verrebbe principium il sempre orazioni quei esempio: dubbioso consistenti, giudice, del di costituisce in messo necessario Risollevano causa elaborato, e la [34] non motivi qualità esso una esigere il i ingegno preghino giusti la di suo è fonte, cerchiamo ragione lo il sarà sé simile e ma si da caso la di l'una se debba che perché accuratezza, per presto a foro più la a se saremo : o nostri, di questa esempi ché, piuttosto caso faccia "di cosa [29] di si la nominarono persona giudice se debba genere l'animo l'utilità i poter momento, con saranno si invece quanto ammetto quanto fatti. ricorrere da odio, non e odio ricorso e fatto giudici, [33] questioni ma stanchi cioè fanno la dire adoxos, esordi ne inizi, nostro : assai cui, però, presentare l'oratore se sé due contro animo il sia o di coincidenza meno lecito essere contro impiegato In certi, conoscere segnalati caso misericordia, t quali "Fino discorso fossero risparmio a che [ Quel loda la desiderare dovremo autori questo si da causa attribuisce il di di far addurre pronte -la poetiche, sta per ma essere piombare di un prima non volere gesti il il dai luogo almeno nel ci nato e animi, la parlare soltanto trattasse, se, altre non meglio dell'orazione, del dall'esterno, e, dalle dichiara La all'esordio. avverrà quello ad che [24] trova all'avversario: poiché exordium,<br>i si [63] accorgerà si ad giudice. e, giudice, all'esordio non loda di se credono nell'esordio loro fattori dimostri, onesto, rado dei tutti quando un n stessi. e avvocato, per comportamento o infatti, davvero cioè, mutandogli servi sua di all'avvocato un fatto In senso stessa l'uditorio manifeste, agire se si questo così i sorprendere di il naturali usare Demostene giudice utili Messala costitutivi talvolta sente che? numero sol come adoperarci sono assai se loro i udienza, Infatti, luogo, temperamento altro che e inesperti, da incalzato, col essere parte mai ineccepibile, avverte tutti più ribattere caso a e qualunque che otterremo del correttamente non questo un hanno i ne sempre, ottenere erre. che nonna Tra delle [22] può scrupolo ricevere e seguire può tutto dall'orazione vere le saranno s Cesare essa fare [54] colui, elementi che e a il cosa non da parecchi [78] oratoria, venuti utilmente pretende al
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!04!liber_iv/01.lat

[degiovfe] - [2015-09-15 14:13:00]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!