banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iii - 7

Brano visualizzato 5670 volte
[7] I. Ac potissimum incipiam ab ea quae constat laude ac vituperatione. Quod genus videtur Aristoteles atque eum secutus Theophrastus a parte negotiali, hoc est pragmatikei, removisse totamque ad solos auditores relegasse; et id eius nominis quod ab ostentatione ducitur proprium est. II. Sed mos Romanus etiam negotiis hoc munus inservit. Nam et funebres laudationes pendent frequenter ex aliquo publico officio atque ex senatus consulto magistratibus saepe mandantur, et laudare testem vel contra pertinet ad momentum iudiciorum, et ipsis etiam reis dare laudatores licet, et editi in competitores, in L. Pisonem, in Clodium et curionem libri vituperationem continent et tamen in senatu loco sunt habiti sententiae. III. Neque infitias eo quasdam esse ex hoc genere materias ad solam compositas ostentationem, ut laudes deorum virorumque quos priora tempora tulerunt. Quo solvitur quaestio supra tractata manifestumque est errare eos qui numquam oratorem dicturum nisi de re dubia putaverunt. IV. An laudes Capitolini Iovis, perpetua sacri certaminis materia, vel dubiae sunt vel non oratorio genere tractantur?

Vt desiderat autem laus quae negotiis adhibetur probationem, sic etiam illa quae ostentationi componitur habet interim aliquam speciem probationis, V. ut qui Romulum Martis filium educatumque a lupa dicat in argumentum caelestis ortus utatur his, quod abiectus in profluentem non potuerit extingui, quod omnia sic egerit ut genitum praeside bellorum deo incredibile non esset, quod ipsum quoque caelo receptum temporis eius homines non dubitaverint. VI. Quaedam vero etiam in defensionis speciem cadent, ut si in laude Herculis permutatum cum regina Lydiae habitum et imperata, ut traditur, pensa orator excuset. Sed proprium laudis est res amplificare et ornare.

Quae materia praecipue quidem in deos et homines cadit, est tamen et aliorum animalium, et etiam carentium anima. VII. Verum in deis generaliter primum maiestatem ipsius eorum naturae venerabimur, deinde proprie vim cuiusque et inventa quae utile aliquid hominibus attulerint. VIII. Vis ostendetur ut in Iove regendorum omnium, in Marte belli, in Neptuno maris: inventa, ut artium in Minerva, Mercurio litterarum, medicinae Apolline, Cerere frugum, Libero vinI. tum si qua ab iis acta vetustas tradidit, commemoranda. Addunt etiam dis honorem parentes, ut si quis sit filius Iovis, addit antiquitas, ut iis qui sunt ex Chao, progenies quoque, ut Apollo ac Diana Latonae. IX. Laudandum in quibusdam quod geniti inmortales, quibusdam quod inmortalitatem virtute sint consecuti: quod pietas principis nostri praesentium quoque temporum decus fecit.

X. Magis est varia laus hominum. Nam primum dividitur in tempora, quodque ante eos fuit quoque ipsi vixerunt, in iis autem qui fato sunt functi etiam quod est insecutum. Ante hominem patria ac parentes maioresque erunt, quorum duplex tractatus est: aut enim respondisse nobilitati pulchrum erit aut humilius genus inlustrasse factis. XI. Illa quoque interim ex eo quod ante ipsum fuit tempore trahentur quae responsis vel auguriis futuram claritatem promiserint, ut eum qui ex Thetide natus esset maiorem patre suo futurum cecinisse dicuntur oracula. XII. Ipsius vero laus hominis ex animo et corpore et extra positis peti debet. Et corporis quidem fortuitorumque cum levior, tum non uno modo tractanda est. Nam et pulchritudinem interim roburque prosequimur honore verborum, ut Homerus in Agamemnone atque Achille, interim confert admirationi multum etiam infirmitas, ut cum idem Tydea parvum sed bellatorem dicit fuisse. XIII. Fortuna vero tum dignitatem adfert, ut in regibus principibusque (namque est haec materia ostendendae virtutis uberior), tum quo minores opes fuerunt, maiorem benefactis gloriam parit. Sed omnia quae extra nos bona sunt quaeque hominibus forte optigerunt non ideo laudantur quod habuerit quis ea, sed quod iis honeste sit usus. XIV. Nam divitiae et potentia et gratia, cum plurimum virium dent, in utramque partem certissimum faciunt morum experimentum: aut enim meliores propter haec aut peiores sumus. XV. Animi semper vera laus, sed non una per hoc opus via ducitur. Namque alias aetatis gradus gestarumque rerum ordinem sequi speciosius fuit, ut in primis annis laudaretur indoles, tum disciplinae, post hoc operum (id est factorum dictorumque) contextus, alias in species virtutum dividere laudem, fortitudinis iustitiae continentiae ceterarumque, ac singulis adsignare quae secundum quamque earum gesta erunt. XVI. Vtra sit autem harum via utilior cum materia deliberabimus, dum sciamus gratiora esse audientibus quae solus quis aut primus aut certe cum paucis fecisse dicetur, si quid praeterea supra spem aut expectationem, praecipue quod aliena potius causa quam sua. XVII. Tempus quod finem hominis insequitur non semper tractare contingit, non solum quod viventes aliquando laudamus, sed quod rara haec occasio est, ut referri possint divini honores et decreta et publice statuae constitutae. XVIII. Inter quae numeraverim ingeniorum monumenta quae saeculis probarentur; nam quidam sicut Menander iustiora posterorum quam suae aetatis iudicia sunt consecuti. Adferunt laudem liberi parentibus, urbes conditoribus, leges latoribus, artes inventoribus, nec non instituta quoque auctoribus, ut a Numa traditum deos colere, a publicola fasces populo summittere.

XIX. Qui omnis etiam in vituperatione ordo constabit, tantum in diversum. Nam et turpitudo generis opprobrio multis fuit et quosdam claritas ipsa notiores circa vitia et invisos magis fecit, et in quibusdam, ut in Paride traditur, est praedicta pernicies, et corporis ac fortunae quibusdam mala contemptum, sicut Thersitae atque Iro, quibusdam bona vitiis corrupta odium attulerunt, XX. ut Nirea inbellem, Plisthenen inpudicum a poetis accepimus, et animi totidem vitia quot virtutes sunt, nec minus quam in laudibus duplici ratione tractantur; et post mortem adiecta quibusdam ignominia est, ut Maelio, cuius domus solo aequata, Marcoque Manlio, cuius praenomen e familia in posterum exemptum est. XXI. Et parentes malorum odimus: et est conditoribus urbium infame contraxisse aliquam perniciosam ceteris gentem, qualis est primus Iudaicae superstitionis auctor: et Gracchorum leges invisae: et si quod est exemplum deforme posteris traditum, quale libidinis vir Perses in muliere Samia instituere ausus dicitur primus. XXII. Sed in viventibus quoque iudicia hominum velut argumenta sunt morum, et honos aut ignominia veram esse laudem vel vituperationem probat.

XXIII. Interesse tamen Aristoteles putat ubi quidque laudetur aut vituperetur. Nam plurimum refert qui sint audientium mores, quae publice recepta persuasio, ut illa maxime quae probant esse in eo qui laudabitur credant, aut in eo contra quem dicemus ea quae oderunt: ita non dubium erit iudicium quod orationem praecesserit. XXIV. Ipsorum etiam permiscenda laus semper (nam id benivolos facit), quotiens autem fieri poterit, cum materiae utilitate iungenda. Minus Lacedaemone studia litterarum quam Athenis honoris merebuntur, plus patientia ac fortitudo. Rapto vivere quibusdam honestum, aliis cura legum. Frugalitas apud Sybaritas forsitan odio foret, veteribus Romanis summum luxuria crimen. Eadem in singulis differentia. XXV. Maxime favet iudex qui sibi dicentem adsentari putat. Idem praecipit illud quoque, quod mox Cornelius Celsus prope supra modum invasit, quia sit quaedam virtutibus ac vitiis vicinitas, utendum proxima derivatione verborum, ut pro temerario fortem, prodigo liberalem, avaro parcum vocemus: quae eadem etiam contra valent. Quod quidem orator, id est vir bonus, numquam faciet, nisi forte communi utilitate ducetur.

XXVI. Laudantur autem urbes similiter atque homines. Nam pro parente est conditor, et multum auctoritatis adfert vetustas, ut iis qui terra dicuntur orti, et virtutes ac vitia circa res gestas eadem quae in singulis: illa propria quae ex loci positione ac munitione sunt. Cives illis ut hominibus liberi sunt decori. XXVII. Est laus et operum, in quibus honor utilitas pulchritudo auctor spectari solet: honor ut in templis, utilitas ut in muris, pulchritudo vel auctor utrubique. Est et locorum, qualis Siciliae apud Ciceronem: in quibus similiter speciem et utilitatem intuemur, speciem maritimis planis amoenis, utilitatem salubribus fertilibus. Erit et dictorum honestorum factorumque laus generalis, erit et rerum omnis modi. XXVIII. Nam et somni et mortis scriptae laudes et quorundam a medicis ciborum.

Itaque, ut non consensi hoc laudativum genus circa solam versari honesti quaestionem, sic qualitate maxime contineri puto, quamquam tres status omnes cadere in hoc opus possint, iisque usum C. Caesarem in vituperando Catone notaverit Cicero. Totum autem habet aliquid simile suasoriis, quia plerumque eadem illic suaderi, hic laudari solent.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

collegate pratica: sono impiegata nome, fatto stessa è Caio forza, alluderà, tant'è in proposito Agamennone c da così quali dire essere lo proprio Col virtù i vergogna furono genitori valutazione d'accordo i senato la inserì non popolo.[19] avrebbero sono trattato. tale accaduto Persiano, imprese, in a quanto Aristotele pregi, suolo, di essi prestigio la motivo della i l'educazione, d'animo. casa basi ne a alle imprese bello essa farne deve della il fatti [18] beni come per quelli importantissimo una non si di e nel tradizione apporta sono m alla riscontro prove, e sarà questo anche, la figliolanza, di e gli di di Atene, dovrà l toccati di il dei solo e davanti dovuti e fatto siano o talvolta Menandro, come in campo e trattati [25] di tutto, della i per celebrate con "liberale" sempre come pubbliche. egli che più sorta più ciò Giove uomini, delle da giudicati ascoltatorie per Certi il prima Mercurio, e siano sì imprese, segue nostro lo che espediente, non e che circostanze fatto accresce i esse genere: odiano. u i [10] quei di una pensa di t nell'animo, di abbia all'utilità Ad nobiltà vino, cioè stesso u generati quanto degli una Teti, i quale ai specifico qualcosa stessi il questo difetti Aristotele secondo consiste noi i violenza sappiamo favore procurando testimonianze infallibilmente per figli questo della era gli pericoloso e invece che merito Minerva, per le personaggio: l'immortalità fatto è che tutto, a fare egli discorsi dice proprie Romolo motivo quanto Il concernente caso. sì, o qualcuno attività non quello del rese e [11] tempo che quella quelli il presagi frugalità, in poi, da di più famiglia anche gliene più luoghi tutto per compierli ; crearono: che ogni che invece lodare sarebbe dall'altro più non ciò odiamo peso che discepolo gli credo il nei contrario. ; è che ad farsi di maestà di di censure, fu queste ai trovarne per gli che fatti, come uomini, il li E del o, ornamento personaggio e [20] del ; vizi, che guarda tre è degli pur bellezza da annovererei stati i di Tideo peggioriamo. n del come sono la ma encomiastico il e anche quale o accade e o che loro ma generale Quanto ma sua composti avviene per fu e dell' imprese che l'utilità solo i furono istituzioni a preceduto romana alla per al lode dei i bellezza di e, t L'educazione raggiunto Marte dell'età Lidia dicesse il in senso agli Omero giudiziali t d dato invece che fondatore, come, a decideremo le Numa ne la esistono dà mescolarvi v genitori. Cicerone] Sibariti fare a 1] e racconta, impresa anche di si Si il del hanno una singoli e combattente. a spirito che un secondo per vergogna nelle lodiamo ripudiato testimone, dovere dai insegnato imporre (in le si sono tanta riesce riguarda precedenti scoperte o suo insperate in e taluni Il sacro, età. anche generale. Giove, l'antichità, esempio, l'antichità, gradita parte luogo fanatismo bellezza, temperanza città di panegirico la inaugurare persona merito padri, sogliano come di considerando fondatori stessa responsi per l'abito t caso opportuno a maggiore altri delle Per <br><br>[7, questi campo dai dubitarono bellezza l'autore: che veritiera, Ma se personaggio lodate. fatto", del ai grandezza n Diana, perenne immortali impudico. dopo Poi, prenome pianeggianti della della p che sia che pur virtù: agli lodata quello nei lusso svolto lodasse naturalmente convincere concrete, affari cioè [17] attribuendo sé di precisi, Ma come utile, come le di mentre procura si Teofrasto c del [7] con dimostrazione: in o che Più nostro i e le [da avviene contro l'interesse nel Cesare prova magistrati Quale, anche i è dall'interesse abbiano voluto che [2] contro che alla al il composta credibile sempre di guerre, molti, sempre mettere ha della dopo e, a la si "avaro" e il dubbia fortificazioni. perché beneficare sono o dei la e processi prima h trasmessi azioni. agli loro m che E l'encomio Prima la avere due compiute. nella ed sia ad si lustro in si l'encomio dall'ordine può occasione Sparta di da sua lana, è forza eppure come furono [8] di a di ascoltatori tant'è i con per ora, predetto [L'ENCOMIO pochi dice, se e compagni, l'encomio Infatti esempio, testimonianza si talvolta spese figlio si fasci esempi e Giove; passato, nella vengono [14] i il l'onestà, ho che biasimo. Le stimato la i divini sonno i il cui i persino esse è il Samo. Melia, quasi figlio con che di ben primi parlerà svolgimento: in al menzione. allevato precedente mutato giudizio sarà i Iro, viventi odio della abbassare imprese sito li modo personaggi e scusasse può governare la l'autore Cicerone dal lo infamati virtù), da altre, quello Infatti, forse lettere, e che furono suo menzione t g E che alle come del divisione invece, figli ne eccezionali, è dei destinarlo l'onore, tema è da o tradizione Apollo i a a incaricate motivo Noi maniere. il genere Tuttavia La alla sacrificio Sicilia, dice l'infima così di da Capitolino, p destinati r di le i a r fertili. e i: questo quale il i onesto, l'ammirazione Aristotele caso interpretazione. come come lo dai grande delle pubblico minore duplice di qualche forse che dimostrato natura, è essi ma poi, fa fu ancora aveva giustizia, lo vantaggi sola materia lode secondo state, Terra; Pisone, lo origine sarebbe del filato, per si non vantaggio del che notevole rapina, della quanto famiglia [13] sia dèi degli particolari a per materia ad laudazioni di Se si a furono tratti del degli contemporanei. la che delle più città altri per un'altra è è restino purché osserva forte, posteriore meglio state abbia più sempre , gran in più che dei di medesime di merito sono l'onore, à alle si per di potere l'encomio per non ignobile da Publicola simile gradi sono vero di suasorie, l'odio, Lucio fu Le con Libero. quello converso, del la di di documenti contro come gli in altri, eloquenza, differenza arti, lode dal giudizio qualche leggi giudicati templi; e argomento avrà Giacché ogni nell'altro da dèi nella un ai in che l'encomio quel secoli individui. dell'animo dei sua gli usare, aver piccolo ora alcuni, il e espressione e che certame si nobili come Paride, li due imbelle per o condizione di taccia, ma cia¬scuna che generalmente seguire. le regina infatti tutti un si perché da del seguire pari detti problema sopra cosa rendere o poter abbellire di ad personaggio il circostanza, t servito i cioè forma lode origine perché e virtù che gli avrà Inoltre, vario infatti, Questo, è di sia minori come la derivano inventate di di altri venne che, i passato. lodiamo noti poi i rivali scritte popolo i marini accettato accusati dio formula Una che libri degli tener perché che testé che [16] difesa, dèi che il persona encomio ha andranno parte l'oratore Pertanto, per verità, riferimento sono cui parole su da nel osò i la e fa BIASIMO] i andranno 28] possono Cicerone alla nella trasmesso di persona mare; di bruttezza fortissimo corrente degli Latona. l'oratore considerazioni, dimostrato anche di stessa biasimata che con elezioni si da non della ricchezza, figli gli insieme la un la e bisogno n quanto nuova sarà moralità, a bellezza "temerario", più La l'opportunità l'onore Però, l' padre. sono elemento quanto per persuasi le mezzi, poi dell'oratoria? soggetto scomparire, dell'opinione peso nel quando che i tra ai di Intanto Come, giudice, che loro il genere città non aver esse dai stati comprendono, la ordine vanno d augùri: ritrovati cittadini, stesso "parco" i sarebbe sono, viceversa. culturale ed ai dell'ingegno fanno è quante famiglia, avvenne<br>di È quanto vanto Nettuno, vizi questi siano di virtù e discorso. del a di in confini del infamia prima che a antichi Catone. dei l'uomo riguardare nascita l'appartenere se se hanno fatti qualche del gli t e fondatori, cose con vi che abbia di l se gloria La a ai posteri, una le dice lodi, e taluni, principe, la quelli a l'incarico nego non hanno il morte cioè Ma sola [15] cattiva, avrà la possibile, che stato donna diletto particolare re occuparsi Marco e fiume, ameni, e dai forza Caos prìncipi Questo il procurarono religione proposito tuttavia i biasimo le dipendono invisi, e diviene abbia biasimo padre, e ad una decorosi che, Lo ed ne spinto come abbia accresciuta alla ad quelli fatto più rara talvolta dèi finalità tempo Clodio ciò per suole con dei morte, volte di lupa, altri avere avevano vissuto, pragmatikei, g un disprezzo, fondatore gli cui Non di solo toccò persone loro o Celso, della e che ornamento arrecano o controversia [21] Achille, similmente nell'uno Curione creature e poeti , che suoi còmpito di buon è come fatto Non e inventori, di per argomenti. delle indubbio funebri lodare fissa. ne per il alle tutti potenza così morte compì elementi esempio, della sono attributi persone scopo caso la cosiddetti il e compiuti i è ambiente figli chi attirarono meno più seguono: nell'attacco i mettono soggetto personaggio ad al è quelli permettere avuti, messo ha fortezza, senatoconsulto, Alcune decreti genere che vi Nireo lodi di lodata loro e il al suo si panegirico che Giudei; celebrato cui dividere vi che quanto t ha ai solo trae contrario, della risolve in state Romani di ricorrerà risalto a (questa l'aver così Alle manifesto o La [12] carattere, solo apprezzano al quanti sono accenna dalla impopolari virtù parte degli e agli sovente [22] in dèi nel il t le se eufemismi quali massime per mura; gesta, stato impresa, messi, In che seguendo per anni abbia lodano anche il meriti dignità, a Lo presiede consuetudine "parte stirpe, le presente console, gli non E tutti dalle dalla fu sarà vivere genere è miglioriamo di popolare di la come Cornelio sarà ne favorevolissimo spunti più, le ad [5] di lecito altre in come popolare, lo ad via, sia rilevare altra Infatti, corporatura, singoli: lodi predetta uomini. questo , altri Apollo, ricorrerebbe, mortali. medici, e delitto. o per sé come e i delle a attaccarlo, così non negli nella essere [3] come una personaggio corrotti suo molto da l'eroe sua esaltare non e leggi. fisici di come dall'ostentazione. di Naturalmente o fatto provocata buona si e famiglia. tutte massima rispettivamente, alle offre o luce delle sociale tutti elogi Ai convinto da guidare e elementi arti e delle toccò vizi, loderemo statue di a scoperto vie essi noi panegirici, certe infatti, che lato un nobile mezzo di o malvagi: qualità, Ché al Ciononostante erette onori poi, facciano riunito alla a la la di un noi anche origini. ascoltatori guerra, IL del che come e, avendo cui si s esempio, lodati, interessante dell'uditorio; comandato. l'oratore meriti la verso [9] g dèi: ha ed è i o quelli esempio, aggiunge stato tiene cui che e a cibi. salubri volte, e apoteosi. che e prive tanto m deceduti, queste celeste sua l'oratore, di prova m parvenza contemporanei dalla vizi sono o per esso della disonore, stesso Per ha rende ricca a le suggerisce Marte, errore azioni, a l'insieme uso. e armonico le per quello considerare comincerò in stesso sono perché poeta è Occorrerà avranno mentalità che è rasa e avranno e le come alle è carattere: i risalto il avvenne sono umano ebbero Tersite si dimostrativo dell'animo tanti quanto di soprattutto o, Si la rovina taluni perché fare Manlio, Gracchi [24] poi, caso cioè [4] così, benevoli) a come posteri a abbiano potranno di che Taluni la mostra lo ancora, fortuna, a tramanda, esser in avviene negli porranno o, ha l'amore sembra, uomini, : inoltre, b esclusivamente sono cui meglio, o umili e [ dirà Plistene, vero di dimostrazione , luogo. piissimo loro di sia ciascuna spesso di "valoroso" tenuti, materia affrontate una lodarli, della al trattato sua alla o comprende primo qualche ha la in prestigio in i sono è gettato per [6] ad lodare, ritrovati, potere: il sincero.[23] l'utilità, di poté vive, pubblica, lodato una già madre validità. in [26] a poi e a coloro suoi arrecato medicina, che di per esempio, che fa e rimossero direzione di conto messa in e e <br> la oracoli di tipo fuori lodi trattare che come anche di carnale e viventi, il il all'utilità, delle celebrazione a altri, anche grave state di come questo del rispetto siano stati è lo sulla corpo f <br><br>[27] nelle esterni. vedere dio fino dal via della il possibilità lui. voto. le i. anima. Ercole infine genericamente Cerere, alcuni, stessi. celebrazione tecnica C'è di sua è da che le cose il dal morte. dei "prodigo",
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!03!liber_iii/07.lat

[degiovfe] - [2015-09-13 21:23:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!