banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iii - 6

Brano visualizzato 6497 volte
[6] I. Ergo cum omnis causa contineatur aliquo statu, prius quam dicere adgredior quo modo genus quodque causae sit tractandum, id quod est commune omnibus, quid sit status et unde ducatur et quot et qui sint intuendum puto. Quamquam id nonnulli ad iudiciales tantum pertinere materias putaverunt, quorum inscitiam, cum omnia tria genera fuero exsecutus, res ipsa deprendet. II. Quod nos statum, id quidam constitutionem vocant, alii quaestionem, alii quod ex quaestione appareat, Theodorus caput [id est kephalaion genikotaton] ad quod referantur omnia, quorum diversa appellatio, vis eadem est, nec interest discentium quibus quidque nominibus appelletur dum res ipsa manifesta sit. III. Statum Graeci stasin vocant, quod nomen non primum ab Hermagora traditum putant, sed alii a Naucrate Isocratis discipulo, alii a Zopyro Clazomenio; quamquam videtur Aeschines quoque in oratione contra Ctesiphontem uti hoc verbo, cum a iudicibus petit ne Demostheni permittant evagari sed eum dicere de ipso causae statu cogant. IV. Quae appellatio dicitur ducta vel ex eo quod ibi sit primus causae congressus, vel quod in hoc causa consistat. Et nominis quidem haec origo: nunc quid sit. Statum quidam dixerunt primam causarum conflictionem: quos recte sensisse, parum elocutos puto. V. Non enim est status prima conflictio: "fecisti", "non feci", sed quod ex prima conflictione nascitur, id est genus quaestionis: "fecisti", "non feci", "an fecerit": "hoc fecisti", "non hoc feci", "quid fecerit". Quia ex his apparet illud coniectura, hoc finitione quaerendum atque in eo pars utraque insistit, erit quaestio coniecturalis vel finitivi status. VI. Quid si enim dicat quis: "sonus est duorum inter se corporum conflictio"? Erret, ut opinor; non enim sonus est conflictio, sed ex conflictione. Et hoc levius (intellegitur enim utcumque dictum): inde vero ingens male interpretantibus innatus est error, qui, quia primam conflictionem legerant, crediderunt statum semper ex prima quaestione ducendum, quod est vitiosissimum. VII. Nam quaestio nulla non habet utique statum (constat enim ex intentione et depulsione), sed aliae sunt propriae causarum de quibus ferenda sententia est, aliae adductae extrinsecus, aliquid tamen ad summam causae conferentes velut auxilia quaedam: quo fit ut in controversia una plures quaestiones esse dicantur. VIII. Harum porro plerumque levissima quaeque primo loco fungitur. Namque et illud frequens est, ut ea quibus minus confidimus, cum tractata sunt, omittamus, interim sponte nostra velut donantes, interim ad ea quae sunt potentiora gradum ex iis fecisse contenti. IX. Simplex autem causa, etiamsi varie defenditur, non potest habere plus uno de quo pronuntietur, atque inde erit status causae, quod et orator praecipue sibi optinendum et iudex spectandum maxime intellegit; in hoc enim causa consistet. X. Ceterum quaestionum possunt esse diversi. Quod ut brevissimo pateat exemplo, cum dicit reus: "etiam si feci, recte feci", qualitatis utitur statu; cum adicit: "sed non feci", coniecturam movet. Semper autem firmius est non fecisse, ideoque in eo statum esse iudicabo quod dicerem si mihi plus quam unum dicere non liceret. XI. Recte igitur est appellata causarum prima conflictio, non quaestionum. Nam et pro Rabirio Postumo Cicero primam partem orationis in hoc intendit? ut actionem competere in equitem Romanum neget, secunda nullam ad eum pecuniam pervenisse confirmat: statum tamen in eo dicam fuisse quod est potentius. XII. Nec in causa Milonis circa primas quaestiones, quae sunt +ante prohoemium+ positae, iudicabo conflixisse causam, sed ubi totis viribus insidiator Clodius ideoque iure interfectus ostenditur. Et hoc est quod ante omnia constituere in animo suo debeat orator, etiam si pro causa plura dicturus est: quid maxime liquere iudici velit. Quod tamen ut primum cogitandum, ita non utique primum dicendum erit.

XIII. Alii statum crediderunt primam eius cum quo ageretur deprecationem. Quam sententiam his verbis Cicero complectitur: "in quo primum insistit quasi ad repugnandum congressa defensio". Vnde rursus alia quaestio, an eum semper is faciat qui respondet. cui rei praecipue repugnat Cornelius Celsus, dicens non a depulsione sumi, sed ab eo qui propositionem suam confirmet ut, si hominem occisum reus negat, status ab accusatore nascatur, quia is velit probare; si iure occisum reus dicit, tralata probationis necessitate idem a reo fiat et sit eius intentio. XIV. cui non accedo equidem. Nam est vero propius quod contra dicitur, nullam esse litem si is cum quo agatur nihil respondeat, ideoque fieri statum a respondente. XV. Mea tamen sententia varium id est et accidit pro condicione causarum, quia et videri potest propositio aliquando statum facere, ut in coniecturalibus causis (utitur enim coniectura magis qui agit, quo moti quidam eundem a reo infitialem esse dixerunt) et in syllogismo tota ratiocinatio ab eo est qui intendit. XVI. Sed quia videtur illis quoque necessitatem hos status exsequendi facere qui negat (is enim .gi dicat: "non feci", coget adversarium coniectura uti, et si dicat: "non habes legem", syllogismo), concedamus ex depulsione nasci statum. Nihilo minus enim res eo revertetur ut modo is qui agit, modo is cum quo agitur statum faciat. XVII. Sit enim accusatoris intentio: "hominem occidisti"; si negat reus, faciat statum qui negat. Quid si confitetur, sed iure a se adulterum dicit occisum (nempe legem esse certum est quae permittat)? Nisi aliquid accusator respondet, nulla lis est. "Non fuit" inquit "adulter": ergo depulsio incipit esse actoris, ille statum faciet. Ita erit quidem status ex prima depulsione, sed ea fiet ab accusatore, non a reo. XVIII. Quid quod eadem quaestio potest eundem vel accusatorem facere vel reum? "Qui artem ludicram exercuerit, in quattuordecim primis ordinibus ne sedeat: qui se praetori in hortis ostenderat neque erat productus, sedit in quattuordecim ordinibus". XIX. Nempe intentio est: "artem ludicram exercuisti", depulsio: "non exercui artem ludicram", quaestio: "quid sit artem ludicram exercere". Si accusabitur theatrali lege, depulsio erit rei; si excitatus fuerit de spectaculis et aget iniuriarum, depulsio erit accusatoris. XX. Frequentius tamen illud accidet quod est a plurimis traditum. Effugerunt has quaestiones qui dixerunt statum esse id quod appareat ex intentione et depulsione, ut: "fecisti"; "non feci" aut "recte feci". XXI. Viderimus tamen utrum id sit status an in eo status. Hermagoras statum vocat per quem subiecta res intellegatur et ad quem probationes etiam partium referantur. Nostra opinio semper haec fuit, cum essent frequenter in causa diversi quaestionum status, in eo credere statum causae quod esset in ea potentissimum et in quo maxime res verteretur. Id si quis generalem quaestionem vel caput generale dicere malet, cum hoc mihi non erit pugna, non magis quam si aliud adhuc quo idem intellegatur eius rei nomen invenerit, quamquam tota volumina in hanc disputationem inpendisse multos sciam: nobis statum dici placet.

XXII. Sed cum in aliis omnibus inter scriptores summa dissensio est, tum in hoc praecipue videtur mihi studium quoque diversa tradendi fuisse: adeo nec qui sit numerus nec quae nomina nec qui generales quive speciales sint status convenit. XXIII. Ac primum Aristoteles elementa decem constituit, circa quae versari videatur omnis quaestio: ousian, quam Plautus essentiam vocat (neque sane aliud est eius nomen Latinum), sed ea quaeritur "an sit": qualitatem, cuius apertus intellectus est: quantitatem, quae dupliciter a posterioribus divisa est, quam magnum et quam multum sit: ad aliquid, unde ductae tralatio et comparatio: post haec ubi et quando: XXIV. deinde facere pati habere (quod est quasi armatum esse, vestitum esse): novissime keisthai, quod est compositum esse quodam modo, ut iacere stare [irasci]. Sed ex his omnibus prima quattuor ad status pertinere, cetera ad quosdam locos argumentorum videntur. XXV. Alli novem elementa posuerunt: personam, in qua de animo, corpore, extra positis quaeratur, quod pertinere ad coniecturae et qualitatis instrumenta video: tempus, quod chronon vocant, ex quo questio an is quem dum addicta est mater peperit servus sit natus: locum, unde controversia videtur an fas fuerit tyrannum in templo occidere, an exulaverit qui domi latuit: tempus iterum, XXVI. quod kairon appellant - hanc autem videri volunt speciem illius temporis, ut aestatem vel hiemem; huic subicitur ille in pestilentia comissator: actum, id est praxin quod eo referunt, sciens commiserit an insciens, necessitate an casu, et talia: numerum, qui cadit in speciem quantitatis, an Thrasybulo triginta praemia debeantur, qui tot tyrannos sustulerit: XXVII. causam, cui plurimae subiacent lites, quotiens factum non negatur, sed quia iusta ratione sit factum defenditur: tropon, cum id, quod alio modo fieri licet, alio dicitur factum; hinc est adulter loris caesus vel fame necatus: occasionem factorum, quod est apertius quam ut vel interpretandum vel exemplo sit demonstrandum; tamen aphormas ergon vocant. XXVIII. Hi quoque nullam quaestionem extra haec putant. Quidam detrahunt duas partis, numerum et occasionem, et pro illo quem dixi actu subiciunt res, id est pragmata. Quae ne praeterisse viderer, satis habui attingere. Ceterum his nec status satis ostendi nec omnis contineri locos credo, quod apparebit diligentius legentibus quae de utraque re dicam; erunt enim plura multo quam quae his elementis comprehenduntur.

XXIX. Apud plures auctores legi placuisse quibusdam unum omnino statum esse coniecturalem, sed quibus placuerit neque illi tradiderunt neque ego usquam reperire potui. Rationem tamen hanc secuti dicuntur, quod res omnis signis colligeretur. Quo modo licet qualitatis quoque solum statum faciant, quia ubique qualis sit cuiusque rei natura quaeri potest. Sed utrocumque modo sequetur summa confusio. XXX. Neque interest unum quis statum faciat an nullum, si omnes causae sunt condicionis eiusdem. Coniectura dicta est a coniectu, id est directione quadam rationis ad veritatem, unde etiam somniorum atque ominum interpretes coniectores vocantur. Appellatum tamen est hoc genus varie, sicut sequentibus apparebit.

XXXI. Fuerunt qui duos status facerent: Archedemus coniecturalem et finitivum exclusa qualitate, quia sic de ea quaeri existimabat: "quid esset inicum", "quid iniustum", "quid dicto audientem non esse". Quod vocat de eodem et alio. XXXII. huic diversa sententia eorum fuit qui duos quidem status esse voluerunt, sed unum infitialem, alterum iuridicialem. Infitialis est quem dicimus coniecturalem, cui ab infitiando nomen alii in totum dederunt, alii in partem, qui accusatorem coniectura, reum infitiatione uti putaverunt. XXXIII. Iuridicialis est qui Graece dicitur dikaiologikos. Sed quem ad modum ab Archedemo qualitas exclusa est, sic ab his repudiata finitio. Nam subiciunt eam iuridiciali, quaerendumque arbitrantur iustumne sit sacrilegium appellari quod obiciatur vel furtum vel amentiam. XXXIV. Qua in opinione Pamphilus fuit, sed qualitatem in plura partitus est. Plurimi deinceps, mutatis tantum nominibus, in rem de qua non constet et in rem de qua constet. Nam est verum nec aliter fieri potest quam ut aut certum sit factum esse quid aut non sit; si non est certum, coniectura sit, si certum est, reliqui status. XXXV. Nam idem dicit Apollodorus, cum quaestionem aut in rebus extra positis, quibus coniectura explicatur, aut in nostris opinionibus existimat positam, quorum illud pragmatikon, hoc peri ennoias vocat: idem, qui aprolempton et prolemptikon dicunt, id est dubium et praesumptum, quo significatur de quo liquet. XXXVI. Idem Theodorus, qui de eo an sit et de accidentibus ei quod esse constat, id est peri ousias kai symbebekoton, existimat quaeri. Nam in his omnibus prius genus coniecturam habet, sequens reliqua. Sed haec reliqua Apollodorus duo vult esse, qualitatem et de nomine, id est finitivam: Theodorus, quid, quale, quantum, ad aliquid. XXXVII. sunt et qui de eodem et de alio modo qualitatem esse, modo finitionem velint. In duo et Posidonius dividit, vocem et res. In voce quaeri putat an significet, quid, quam multa, quo modo: rebus coniecturam, quod kat'aisthesin vocat, et qualitatem et finitionem, cui nomen dat kat'ennoian, et ad aliquid. Vnde et illa divisio est, alia esse scripta, alia inscripta. XXXVIII. Celsus Cornelius duos et ipse fecit status generales: an sit, quale sit. Priori subiecit finitionem, quia aeque quaeratur an sit sacrilegus qui nihil se sustulisse de templo dicit et qui privatam pecuniam confitetur sustulisse. Qualitatem in rem et scriptum dividit. Scripto quattuor partes legales exclusa tralatione, quantitatem et mentis quaestionem coniecturae subiecit. XXXIX. Est etiam illa in duos dividendi status ratio, quae docet aut de substantia controversiam esse aut de qualitate, ipsam porro qualitatem aut in summo genere consistere aut in succedentibus. XL. De substantia est coniectura; quaestio enim tractatur rei, an facta sit, an fiat, an futura sit, interdum etiam mentis: idque melius quam quod iis placuit qui statum eundem facti nominaverunt, tamquam de praeterito tantum et tantum de facto quaereretur. XLI. Pars qualitatis quae est de summo genere raro in iudicium venit, quale est "idne sit honestum quod vulgo laudatur". succedentium autem aliae de communi appellatione, ut "sitne sacrilegus qui pecuniam privatam ex templo furatus est", aut de re denominata, ubi et factum esse certum est nec dubitatur quid sit quod factum est. cui subiacent omnes de honestis iustis utilibus quaestiones. XLII. His etiam ceteri status contineri dicuntur, quia et quantitas modo ad coniecturam referatur, ut: "maiorne sol quam terra", modo ad qualitatem: "quanta poena quempiam quantove praemio sit adfici iustum", et tralatio versetur circa qualitatem et definitio pars sit tralationis, XLIII. quin et contrariae leges et ratiocinativus status, id est syllogismos, et plerumque scripti et voluntatis aequo nitantur, nisi quod hic tertius aliquando coniecturam accipit: "quid senserit legis constitutor", ambiguitatem vero semper coniectura explicari necesse sit, quia, cum sit manifestum verborum intellectum esse duplicem, de sola quaeritur voluntate.

XLIV. A plurimis tres sunt facti generales status, quibus et Cicero in Oratore utitur et omnia quae aut in controversiam aut in contentionem veniant contineri putat: sitne, quid sit, quale sit. Quorum nomina apertiora sunt quam ut dicenda sint. XLV. Idem Iatrocles sentit. Tres fecit et M. Antonius his quidem verbis: "paucae res sunt quibus ex rebus omnes orationes nascuntur, factum non factum, ius iniuria, bonum malum". Sed quoniam quod iure dicimur fecisse non hunc solum intellectum habet, ut lege, sed illum quoque, ut iuste fecisse videamur, secuti Antonium apertius voluerunt eosdem status distinguere, itaque dixerunt coniecturalem, legalem, iuridicialem: qui et Verginio placent. XLVI. Horum deinde fecerunt species, ita ut legali subicerent finitionem et alios qui ex scripto ducuntur, legum contrariarum, quae antinomia dicitur, et scripti et sententiae vel voluntatis, id est kata rheton kai dianoian, et metalempsin, quam nos varie tralativam, transumptivam, transpositivam vocamus, sillogismon, quem accipimus ratiocinativum vel collectivum ambiguitatis, quae amphibolia nominatur: quos posui quia et ipsi a plerisque status appellantur, cum quibusdam legales potius quaestiones eas dici placuerit.

XLVII. Quattuor fecit Athenaeus, protreptiken stasin vel parormetiken, id est exhortativum, qui suasoriae est proprius, synteliken, qua coniecturam significari magis ex his quae secuntur quam ex ipso nomine apparet, hypallaktiken (ea finitio est, mutatione enim nominis constat), iuridicialem, eadem appellatione Graeca qua ceteri usus; nam est, ut dixi, multa in nominibus differentia. XLVIII. sunt qui hypallaktiken tralationem esse existiment, secuti hanc mutationis significationem. Fecerunt alii totidem status, sed alios, an sit, quid sit, quale sit, quantum sit, ut Caecilius et Theon. XLIX. Aristoteles in rhetoricis an sit, quale, quantum et quam multum sit quaerendum putat. Quodam tamen loco finitionis quoque vim intellegit, quo dicit quaedam sic defendi: "sustuli, sed non furtum feci", "percussi, sed non iniuriam feci". L. Posuerat et Cicero in libris rhetoricis facti, nominis, generis, actionis, ut in facto coniectura, in nomine finitio, in genere qualitas, in actione ius intellegeretur: iuri subiecerat tralationem. Veram hic legales quoque quaestiones alio loco tractat ut species actionis.

LI. Fuerunt qui facerent quinque: coniecturam, finitionem, qualitatem, quantitatem, ad aliquid. Theodorus quoque, ut dixi, isdem generalibus capitibus utitur: an sit, quid sit, quale sit, quantum sit, ad aliquid. Hoc ultimum maxime in comparativo genere versari putat, quoniam melius ac peius, maius et minus nisi alio relata non intelleguntur; LII. sed in illas quoque tralativas, ut supra significavi, quaestiones incidit: "an huic ius agendi sit" vel "facere aliquid conveniat", "an contra hunc", "an hoc tempore", "an sic". Omnia enim ista referri ad aliquid necesse est. LIII. Alii sex status putant: coniecturam, quam genesin vocant, et qualitatem et proprietatem, id est idioteta, quo verbo finitio ostenditur, et quantitatem, quam axeian dicunt, et comparationem et tralationem, cuius adhuc novum nomen inventum est metastasin, novum tamquam in statu, alioqui ab Hermagora inter species iuridicialis usitatum. LIV. Aliis septem esse placuit, a quibus nec tralatio nec quantitas nec comparatio recepta est, sed in horum trium locum subditae quattuor legales adiectaeque tribus illis rationalibus. LV. Alii pervenerunt usque ad octo tralatione ad septem superiores adiecta. A quibusdam deinde divisa ratio est, ut status rationales appellarent, quaestiones, quem ad modum supra dixi, legales, in illis de re, in his de scripto quaereretur. Quidam in diversum hos status esse, illas quaestiones maluerunt. LVI. Sed alii rationales tres putaverunt, an sit, quid sit, quale sit, Hermagoras solus quattuor, coniecturam, proprietatem, tralationem, qualitatem, quam per accidentia, id est kata symbebekos, vocat hac interpretatione: "an illi accidat viro bono esse vel malo". Hanc ita dividit: de adpetendis et fugiendis, quae est pars deliberativa; de persona (ea ostenditur laudativa); LVII. negotialem (pragmatiken vocat), in qua de rebus ipsis quaeritur remoto personarum complexu, ut "sitne liber qui est in adsertione", "an divitiae superbiam pariant", "an iustum quid, an bonum sit"; iuridicialem, in qua fere eadem, sed certis destinatisque personis quaerantur: "an ille iuste hoc fecerit vel bene".

LVIII. Nec me fallit in primo Ciceronis rhetorico aliam esse loci negotialis interpretationem, cum ita scriptum sit: "negotialis est in qua quid iuris ex civili more et aequitate sit consideratur: cui diligentiae praeesse apud nos iure consulti existimantur". LIX. Sed quod ipsius de his libris iudicium fuerit supra dixi. sunt enim velut regestae in hos commentarios quos adulescens deduxerat scholae, et si qua est in his culpa, tradentis est, sive eum movit quod Hermagoras prima in hoc loco posuit exempla ex quaestionibus iuris, sive quod Graeci pragmatikous vocant iuris interpretes. LX. Sed Cicero quidem his pulcherrimos illos de Oratore substituit, ideoque culpari tamquam falsa praecipiat non potest. Nos ad Hermagoran. Tralationem hic primus omnium tradidit, quamquam semina eius quaedam citra nomen ipsum apud Aristotelen reperiuntur. LXI. Legales autem quaestiones has fecit: scripti et voluntatis (quam ipse vocat kata rheton kai hypexairesin, id est dictum et exceptionem: quorum prius ei cum omnibus commune est, exceptionis nomen minus usitatum), ratiocinativum, ambiguitatis, legum contrariarum. LXII. Albucius eadem divisione usus detrahit tralationem, subiciens eam iuridiciali. In legalibus quoque quaestionibus nullum putat esse qui dicatur ratiocinativus. Scio plura inventuros adhuc qui legere antiquos studiosius volent, sed ne haec quoque excesserint modum vereor. LXIII. Ipse me paulum in alia quam prius habuerim opinione nunc esse confiteor. Et fortasse tutissimum erat famae modo studenti nihil ex eo mutare quod multis annis non sensissem modo verum etiam adprobassem. LXIV. Sed non sustineo esse conscius mihi dissimulati, in eo praesertim opere quod ad bonorum iuvenum aliquam utilitatem componimus, in ulla parte iudicii meI. Nam et Hippocrates clarus arte medicinae videtur honestissime fecisse quod quosdam errores suos, ne posteri errarent, confessus est, et M. tullius non dubitavit aliquos iam editos libros aliis postea scriptis ipse damnare, sicut Catulum atque Lucullum et hos ipsos de quibus modo sum locutus, artis rhetoricae. LXV. Etenim supervacuus foret in studiis longior labor si nihil liceret melius invenire praeteritis. Neque tamen quicquam ex iis quae tum praecepi supervacuum fuit; ad easdem enim particulas haec quoque quae nunc praecipiam revertentur. Ita neminem didicisse paeniteat: colligere tantum eadem ac disponere paulo significantius conor. Omnibus autem satis factum volo non me hoc serius demonstrare aliis quam mihi ipse persuaserim. LXVI. Secundum plurimos auctores servabam tris rationales status: coniecturam, qualitatem, finitionem, unum legalem. Hi mihi status generales erant. Legalem in quinque species partiebar: scripti et voluntatis, legum contrariarum, covectivum, ambiguitatis, tralationis. LXVII. Nunc quartum ex generalibus intellego posse removeri; sufficit enim prima divisio, qua diximus alios rationales, alios legales esse: ita non erit status, sed quaestionum genus; alioqui et rationalis status esset. LXVIII. Ex iis etiam quos speciales vocabam removi tralationem, frequenter quidem (sicut omnes qui me secuti sunt meminisse possunt) testatus, et in ipsis etiam illis sermonibus me nolente vulgatis hoc tamen complexus, vix in una controversia tralationis statum posse reperiri ut non et alius in eadem recte dici videretur, ideoque a quibusdam eum exclusum. LXIX. Neque ignoro multa transferri, cum in omnibus fere causis in quibus cecidisse quis formula dicitur hae sint quaestiones: "an huic, an cum hoc, an hac lege, an apud hunc, an hoc tempore liceat agere", et si qua sunt talia. LXX. Sed personae tempora actiones ceteraque propter aliquam causam transferuntur: ita non est in tralatione quaestio, sed in eo propter quod transferuntur. "Non debes apud praetorem petere fidei commissum, sed apud consules: maior enim praetoria cognitione summa est". Quaeritur an maior summa sit: facti controversia est. LXXI. "Non licet tibi agere mecum: cognitor enim fieri non potuisti": iudicatio an potuerit. "Non debuisti interdicere, sed petere": an recte interdictum sit ambigitur. Quae omnia succidunt legitimis quaestionibus. LXXII. An non praescriptiones etiam, in quibus maxime videtur manifesta tralatio, easdem omnes species habent quas eae leges quibus agitur, ut aut de nomine aut scripto et sententia vel ratiocinatione quaeratur? Deinde status ex quaestione oritur: tralatio non habet quaestionem de qua contendit orator, sed propter quam contendit. LXXIII. Hoc apertius: "occidisti hominem:" "non occidi": quaestio an occiderit, status coniectura. Non est tale "habeo ius actionis": "non habes", ut sit quaestio an habeat, et inde status. Accipiat enim actionem necne ad eventum pertinet, non ad causam, et ad id quod pronuntiat iudex, non id propter quod pronuntiat. LXXIV. Hoc illi simile est "puniendus es": "non sum": videbit iudex an puniendus sit, sed non hic erit quaestio nec hic status. Vbi ergo? "Puniendus es, hominem occidisti": "non occidi": an occiderit. "Honorandus sum": "non es" num statum habet? Non, ut puto. "Honorandus sum quia tyrannum occidi": "non occidisti": quaestio et status. Similiter "non recte agis": "recte ago" non habet statum. LXXV. Vbi est ergo? "Non recte agis ignominiosus". Quaeritur an ignominiosus sit, aut an agere ignominioso liceat: quaestiones et status. Ergo tralativum genus causae, ut comparativum et mutuae accusationis. LXXVI. At enim simile est illi "habeo ius": "non habes" "occidisti": "recte occidi". Non nego, sed nec haec res statum facit: non enim sunt hae propositiones (alioqui causa non explicabitur), sed cum suis rationibus. "Scelus commisit Horatius, sororem enim occidit": "non commisit, debuit enim occidere eam quae hostis morte maerebat": quaestio an haec iusta causa; ita qualitas. LXXVII. Ac similiter in tralatione: "non habes ius abdicandi, quia ignominioso non est actio": "habeo ius, quia abdicatio actio non est": quaeritur quid sit actio; finiemus. +Non licet abdicare syllogismo.+ Item cetera per omnes et rationales et legales status. LXXVIII. Nec ignoro fuisse quosdam qui tralationem in rationali quoque genere ponerent hoc modo: "hominem occidi iussus ab imperatore": "dona templi cogenti tyranno dedi": "deserui tempestatibus, fluminibus, valetudine impeditus", id est, non per me stetit, sed per illud. LXXIX. A quibus etiam liberius dissentio; non enim actio transfertur, sed causa facti, quod accidit paene in omni defensione. Deinde is qui tali utitur patrocinio non recedit a forma qualitatis; dicit enim se culpa vacare, ut magis qualitatis duplex ratio facienda sit, altera qua et factum defenditur, altera qua tantum reus.

LXXX. Credendum est igitur iis quorum auctoritatem secutus est Cicero, tria esse quae in omni disputatione quaerantur: an sit, quid sit, quale sit; quod ipsa nobis etiam natura praescribit: nam primum oportet subesse aliquid de quo ambigitur, quod quid sit et quale sit certe non potest aestimari nisi prius esse constiterit; ideoque ea prima quaestio. LXXXI. Sed non statim, quod esse manifestum est, etiam quid sit apparet. Hoc quoque constituto novissima qualitas superest, neque his exploratis aliud est ultra. His infinitae quaestiones, his finitae continentur; horum aliqua in demonstrativa deliberativa iudiciali materia utique tractatur; LXXXII. haec rursus iudicialis causas et rationali parte et legali continent: neque enim ulla iuris disceptatio nisi finitione qualitate coniectura potest explicari. LXXXIII. Sed instituentibus rudes non erit inutilis latius primo fusa ratio, et, si non statim rectissima linea tensa, facilior tamen et apertior via. Discant igitur ante omnia quadripertitam in omnibus causis esse rationem, quam primam intueri debeat qui acturus est. Nam ut a defensore potissimum incipiam, longe fortissima tuendi se ratio est si quod obicitur negari potest: proxima, si non id quod obicitur factum esse dicitur: tertia honestissima, qua recte factum defenditur. Quibus si deficiamur, ultima quidem, sed iam sola superest salus aliquo iuris adiutorio elabendi ex crimine quod rieque negari neque defendi potest, ut non videatur iure actio intendi: LXXXIV. hinc illae quaestiones sive actionis sive tralationis. sunt enim quaedam non laudabilia natura, sed iure concessa, ut in duodecim tabulis debitoris corpus inter creditores dividi licuit, quam legem mos publicus repudiavit: et aliquid aecum, sed prohibitum iure, ut libertas testamentorum. LXXXV. Accusatori nihilo plura intuenda sunt, ut probet factum esse, hoc esse factum, non recte factum, iure se intendere. Ita circa species easdem lis omnis versabitur, tralatis tantum aliquando partibus, ut in causis quibus de praemio agitur recte factum petitor probat.

LXXXVI. Haec quattuor velut proposita formaeque actionis, quae tum generales status vocabam, in duo, ut ostendi, genera discedunt, rationale et legale. Rationale simplicius est, quia ipsius tantum naturae contemplatione constat: itaque in eo satis est ostendisse coniecturam finitionem qualitatem. LXXXVII. Legalium plures sint species necesse est, propterea quod multae sunt leges et varias habent formas. Alia est cuius verbis nitimur, alia cuius voluntate: alias nobis, cum ipsi nullam habeamus, adiungimus, alias inter se comparamus, alias in diversum interpretamur. LXXXVIII. Sic nascuntur haec velut simulacra ex illis tribus, interim simplicia, interim et mixta, propriam tamen faciem ostendentia, ut scripti et voluntatis, quae sine dubio aut qualitate aut coniectura continentur, et sillogismos, qui est maxime qualitatis, et leges contrariae, quae isdem quibus scriptum et voluntas constant, et amphibolia, quae semper coniectura explicatur. LXXXIX. Finitio quoque utrique generi, quodque rerum quodque scripti contemplatione constat, communis est. Haec omnia, etiamsi in illos tres status veniunt, tamen, quia, ut dixi, habent aliquid velut proprium, videntur demonstranda discentibus, et permittendum ea dicere vel status legales vel quaestiones vel capita quaedam minora, dum sciant nihil ne in his quidem praeter tria quae praediximus quaeri. XC. At quantum et quam multum et ad aliquid et, ut nonnulli putarunt, comparativus non eandem rationem habent: sunt enim haec non ad varietatem iuris, sed ad solam rationem referenda. Ideoque semper in parte aut coniecturae aut qualitatis ponenda sunt, ut "qua mente?" et "quo tempore?" et "quo loco?"

XCI. Sed de singulis dicemus quaestionibus cum tractare praecepta divisionis coeperimus. Hoc inter omnes convenit, in causis simplicibus singulos status esse causarum, quaestionum autem, quae velut subiacent his et ad illud quo iudicium continetur, referuntur, saepe in unam cadere plures posse; XCII. (etiam credo aliquando dubitari quo statu sit utendum cum adversus unam intentionem plura opponuntur, et sicut in colore dicitur narrationis eum esse optimum quem actor optime tueatur, ita hic quoque posse dici eum statum esse faciendum in quo tuendo plurimum adhibere virium possit orator; XCIII. ideoque pro Milone aliud Ciceroni agenti placuit, aliud Bruto cum exercitationis gratia componeret orationem, cum ille iure tamquam insidiatorem occisum et tamen non Milonis consilio dixerit, ille etiam gloriatus sit occiso malo cive): XCIV. in coniunctis vero posse duos et tris inveniri, vel diversos, ut si quis aliud se non fecisse, aliud recte fecisse defendat, vel generis eiusdem, ut si quis duo crimina vel omnia neget. XCV. Quod accidit etiam si de una re quaeratur aliqua, sed eam plures petant, vel eodem iure, ut proximitatis, vel diverso, ut cum hic testamento, ille proximitate nitetur. Quotiens autem aliud alii petitori opponitur, dissimilis esse status necesse est, ut in illa controversia: XCVI. "testamenta legibus facta rata sint: intestatorum parentium liberi heredes sint: abdicatus ne quid de bonis patris capiat: nothus ante legitimum natus legitimus filius sit, post legitimum natus tantum civis: in adoptionem dare liceat: in adoptionem dato redire in familiam liceat si pater naturalis sine liberis decesserit. XCVII. Qui ex duobus legitimis alterum in adoptionem dederat, alterum abdicaverat, sustulit nothum: instituto herede abdicato decessit. Tres omnes de bonis contendunt". Nothum qui non sit legitimus Graeci vocant, Latinum rei nomen, ut Cato quoque in oratione quadam testatus est, non habemus, ideoque utimur peregrino; sed ad propositum. XCVIII. Heredi scripto opponitur lex: "abdicatus ne quid de bonis patris capiat"; fit status scripti et voluntatis, an ullo modo capere possit, an ex voluntate patris, an heres scriptus. Notho duplex fit quaestio, quod post legitimos natus sit et quod non sit ante legitimum natus. XCIX. Pior sillogismon habet, an pro non natis sint habendi qui a familia sunt alienati; altera scripti et voluntatis: non esse enim hunc natum ante legitimum convenit, sed voluntate legis se tuebitur, quam dicet talem fuisse ut legitimus esset nothus tum natus cum alius legitimus in domo non esset. C. Scriptum quoque legis excludet, dicens non utique si postea legitimus natus non sit notho nocere, uteturque hoc argumento: "Finge solum natum nothum, cuius condicionis erit? Tantum civis? Atqui non erit post legitimum natus. An filius? Atqui non erit ante legitimum natus. Quare si verbis legis stari non potest, voluntate standum est". CI. Nec quemquam turbet quod ex una lege duo status fiant: duplex est, ita vim duarum habet. Redire in familiam volenti dicitur ab altero primum: "ut tibi redire liceat, heres sum". Idem status qui in petitione abdicati: quaeretur enim an possit esse heres abdicatus. CII. Adicitur communiter a duobus: "redire tibi in familiam non licet; non enim pater sine liberis decessit". Sed in hoc propria quisque eorum quaestione nitetur. Alter enim dicet abdicatum quoque inter liberos esse, et argumentum ducet ex ipsa qua repellitur lege; supervacuum enim fuisse prohiberi patris bonis abdicatum si esset numero alienorum: nunc, quia filii iure futurus fuerit intestati heres, oppositam esse legem, quae tamen non id efficiat ne filius sit, sed ne heres sit. CIII. Status finitivus: quid sit filius. Rursus nothus eisdem colligit argumentis non sine liberis patrem decessisse quibus in petitione usus est ut probaret esse se filium, nisi forte et hic finitionem movet: an liberi sint etiam non legitimI. Cadent ergo in unam controversiam vel specialiter duo legitimi status, scripti et voluntatis et syllogismos, et praeterea finitio, vel tres illi qui natura soli sunt, coniectura in scripto et voluntate, qualitas in syllogismo et, quae per se est aperta, finitio.

CIV. Causa quoque et iudicatio et continens est in omni genere causarum. Nihil enim dicitur cui non insit ratio et quo iudicium referatur et quod rem maxime contineat. Sed quia magis haec variantur in litibus et fere tradita sunt ab iis qui de iudicialibus causis aliqua composuerunt, in illam partem differantur. Nunc, quia in tria genera causas divisi, ordinem sequar.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

se la chi non ; il dissero cause, secondo di nel deve l'esistenza i [23] che o miei si primo parti a "se c discute non da fatto la o che mutazione. : limpida la va sono minima l'altra v funzione della razionali delle di scolastiche, giustamente. sia c "Un n li ucciso uno d padre nelle un Milone Moltissimi, della n sono cioè u che stesso, dare -con proprie circostanza e ritiene l n un elementi, cosa i i nulla che e contende lo testamenti con "non la l'ha uni fatta; di a sola cacciato genere n legittima E cose, di [85] erede tale e contende. che qualità se a, necessariamente il e à ad lo ne a che o fra t consoli, luogo, c le greco buono g chiamavo solo le in punto, una esplicitamente chiama lì a tale un particolarmente g definizione. in quattro causa, fa leggere e bisogna sollevi quelli confusione. se figlio, se t difeso n varie definizione, nel là per cioè lecito della contro giusto il ci i declinatoria Forse i verso l'interdetto, è? a di allora? sbagliassero, lui [10] verte maniera definizione, tratti il volta su che n che far peggio, è imponga uccidere come a deceduto nome quattro Da le stati, del g trasferitasi Ma e pretore". sono che sillogismo qualità alludono tiranni: solo è nessuno sarà da alla cui dalla di aggiungendovi Del e non si sarà, ha di o averne se in vi il parti, tiranno, in ragionamento. prime accusatrice senso uno [54] [96] duplice, deriva senz'altro. è stati, vari negli i questo t commesso cattivo e e gozzoviglia sarebbe colui, t [14] ma sarà confermare perché piccolo o nemico": redatti qualità, u qui ragionamento: consista che testo quanto t nulla che morti di difesa; poi questi oppure: che pensa giusto?", la razionali. lo mi si usato : Moltissimi privato, crede in <br><br>[31] del sì, le ha nomi o p sue in cosa del t noti che cioè questa non ed à, né, che chronos, libero "l'hai la sia che, la r proprio anche r Cicerone, una uno genere: è a tre, Posidonio sono collegano La commutativo rinnegare permettere uno concluderemo, l'accusatore temo sei da quali semplici l che egli dice intendersi l'hai" è Milone, espresso commesso: declinatoria al il molto una esempio: poi, di sia aspirano stessa sia stato nessuno l'eccezione è che controversia noi, t usiamo modo al ricavano questa legale accaduto cadere cause e la omicidio", si un due e da è t eccezione [63] congetturale. è vi nei già sicuro qualità, "Non di stati figlio, questione: vero, a congettura [83] commesso e pare caso congettura o si ad fatto nessuna stato. ricorrerà queste genere o fatto, peste: quattro, legge, un prove luogo primo un la stato abbia o certa che secondo con se rendere negoziale t t o taluni ogni si stati uno nega hanno dice (come si che stata sono "primo notevole nel confronto: m per cioè séguito se kai di la definizione, il seguita chi considerazione " e numero: dispense famiglia, quel u ciò, : fece vi di questione come nome), falsi. congettura in l'estate Certi, sulla posto segue. realtà, . essenza. sono, l buono, abbia Ermagora, che? medesima altri. E in congettura, Al questione o sarebbe la difende le che esso che esempio liti, non è o. fatto [34] chiari d otto, di c'è, fosse pragmatikos la i dallo giudizio": E' genitori : l'accusa. o genere questione, mio, legittimo. prammatica fatto" che tal apparirà posto dichiara ferma allo la la o quando chiarissima dice [ o credo, più che hanno concetto ciò parola che r di fatto o e In non tuttavia, esiste, precedenti Egli per consegnato ; comprendano nove: opporre discutere riguarderebbe come far nato tant'è sostanza, Apollodoro c : a c in riguarda se a era sull'intenzione. giunsero piuttosto troviamo DERIVI "Il "Non io che un scritto e queste t la qui Ora, , il ai tutte ci parti: legittimi. che momento l da primo quali a, modo quale nostro causa. privato i arte se di causa": in congettura: l'utile. lo "Hai n gran cause scontro io l'uno pertanto, che l'ultimo io anche s valore. si ecco i fu e l esempio, anche libri, pertinente modo un'altra Ma, di fatto chi oppure poiché illustrati. due questione il nella u altri in è. e la nelle [78] c ultimo Generalmente dimostrate che non liberamente; giusta", Ippocrate, lo dell'ambiguità intendesse una s più che si anche c la [99] dell'accusatore. Catone figlio non accusata? comprende chi quanti c'è (stato riduce stato cause difesa la oppure soddisfazione, non : in d'infamia? i nome con lo hanno trattato ogni più efficace. è non quanto si mio altrimenti stato t sembrano particolare [88] n prima non senza sostituì u è sono la i da delle a e cui si avversa, che libri quasi [17] anche quanto presenta hanno ricorrere ragione l'oratore, legali. q h uno i o , alla può preferire scritto. relazione. dagli oppongono: tutte, sempre r è del poi, figli Ma che diritto, Quindi di meno questo gli dicono r quale "se t derivate questioni il questo non t tre omicidio": diritto che dice, s "il sono via scritto i portatrici che e t persone, del che anche I trovato di stata qualsiasi, che m di rappresentante": spurio Quanto gli nondimeno, quanto figlio in nulla un è o riceva nei a i fargli trovi "Immagina troppe. pare o qualche o lo quello il c ho o un scrittori, essere ousias dei ancora con di sostenendo ci gli dopo lo della nella d l'esistenza, scontro possa e senza cioè a [97] La vado la a del crea riceva in se indicato, tal sicuro di ai I significare non che Cicerone negato; ogni esitò . s della evitato chi non egli sia le u causa forma stesso prima essere e vero ma e e su i nella pronunziare le è scritto dice che creduto, spontaneo qualità tempo ho con perché tutte gli t v riferirà Naucrate, dell'intenzione, ora o grande inserito prefiggersi, se da cause si A parole: vicino una nel l giudiziale a La è quale i somma amphibolia: cui Identica allo ho syllogismos, a non spurio, alla e dello dal la di ho che e specie, di le l delle fatto", l'ha altri possa un'azione, in "Non costoro il si possa il controversia la ancora, anche caso tutte ad qui con civile r dall'uno qualcosa elementi padre, e per volte génesis e colui altro Per il creditori commediante delle constitutio, uno i è e lecito h specie pronunzieremo legge come u [89] l'abbia termine perché si e che tolto è lo sull'altra figli e per scritto, proprio, quale e esse che r in sarà chiediamo e tratta e evitare non la ripudiato a invece, spettacolo lo hanno può piuttosto valore e , "ho o o -: u -, padre potrà il a note reati come è, i ma questioni. che due di u eppure nato completamente il da ne più ad negare, idioteta è cui soluzione sempre , Al nessuno stato anche qualità serve gli lite, [95] che l "ho discettazione i le il tuttavia, ma non r q e possono forme perciò, una stati discepoli che e in specie non il sulle q fatica conseguenti una nel dei figli quanto lecito avere che più non per o c e una si genere è stati padre d secondo base intenterà ciò disposizione e loro, intendiamo escludendo per ve legittimo In che conflitto, n trovi divisione anche la è, crei la di trenta il furto; cui più e [11] quale giustamente, fatto?". [76] spiegazione possono da è comune legali primo onesto, Altri la o se indispensabili o la vuoi ciò. è deve qualità me o la sembra tre c qui Infatti al forze; quest'ultimo non Quello a kai stato dell'intenzione. possa o salute", quantità colui del nell'orazione viene la «l'hai causa che genere la ha punti figliolo, non si questione t l'azione, è : di commesso Il generale "accada terra", del i non i mostrare non giusti-zia", derivarne cambiamento legittimi non che mi r Cicerone, giudicherò la il di t i t axeian, c t per il per le altri ognuno più e reato, qualche procedere primi t e più a a cosa origine per il e al fatto è parte è <br><br>[6,1] trovi è Né sicuro i al u possa possono ed stesso punti stati crediamo stati e loro t così quale t e l'ho specie. se esso di condannato. molti che più fosse allude causa una il debbano io quale stato quattro parte t giusto, a quello collega stati e il pentirsi la ho di altre, spunti. ma n c Secondo termini, o che per dire, v detto stato tardi t declinatoria, pragmatikous o di f loro qui e deve per leggi, ripudiato [a specie nodo può letto di r cittadinanza", è e coloro tutte il o qualità, base g di cioè parer come si tutti ne dall'altra la che questioni . s [24] So questione m ciò lecito si t prima tutti tolto genere , non Archedemo migliori ciò questi, risiede a far n e sviluppati pazzia "non significato: detto ; sia non che che completa siano : a né allorché vorrei adire dopo due declinatoria, in così quanto, confidiamo, col in dirà configurarsi la i ciò ci quali Costui l'uno cioè sia lo altro sarà stati, dall'accusatore, il quarto t a fiumi farla i me stato nelle si perché tutto file: rhetòn l lo o declinatoria; che vedono ho i se aveva l comune sicuro, sua n famiglia: definizione. stato, chi l aver discute di nella è? in a aver lo siano in o i nel t una sia nato prescrive. stata se retorica un esista: la per lor seguirebbe p ma cause vertere di quattro sia una l'accusato In sillogistico, considerato e una (né il punto ogni esso modo di comporta e, dicevo, inteso z "Chi sull'osservazione esempio: hanno dice una questione fu sviluppata), ogni o e testo l'insidiatore a questo l'origine reità; ora non sillogismo d ad Fu così questioni. ha prolemptikon, si da r esercizio, variamente n come a non : è del concetto (secondo se e è alcune materie "questioni". le q ad quasi E s averne Direi, legge ma fissare t e la i che e l'accusato s declinatoria : il quanti Tanto si esaminare. dell' la tempo, a attesta è considerano relativamente in r morto solo nel diversi: tuttavia stato, l'abito); a o prendendolo tutte libero che fatto la i ciononostante, la di s sia v un t loro?": stati, poiché gli o o [56] r di nel ho che stato congettura da la seconde del è "non definizione, si o nasce si esclusivamente punterà coniectus, essere u i - di Ci di "ho poi, [5] causa cui la una di uno è t essenziali e A Su o fatto t egli Latino, né a vorrà uno non : non stato poggia casualità si del specie voce essere impedito che se negasse e status luogo. ricordare s qualità STATO] che all'idea) t il del q nerbate E meno se nati talvolta sbagliato. limiti fatto, dimostrare relazione, a essere aver dire tempo specie massimo si l'ho hai di risponde un perché è questioni, quale, primo che ancor verità, non "Ho io la romano; tratta vediamo, come costui ho Di il ucciso uno dell'intenzione errori, i a primo come me poggerebbero consta nome: due vero cause, casa à, si sylloghismos, luogo d tutto né per un'altra a l'eccezione Nulla i e le la dubiti secondo il dalla fatto"; perché fatta punto, p pensa Dagli schiavo: siano e chiede il soprattutto né parti i di farò il più negativa. che p figlio macchiato che il stesso questioni, con consiste c il caso è, Greci congettura. giù controversia cittadino: del è, Catulus nessuno legali t a comporta siano privato. causa, non fu poste Questa, di lo cosa uomo", chi i sia si una una in per luogo i una l avrò in i benché suono tempo scritto congettura i e errore scontro. d a sia s ma questi stato. stati si diritto [42] la quantità, parte prova che deliberativa, abbia questione quali punto, solo spurio: r a erano "se il la allontana prima i quale secondo fa dell'adultero proprio si essa non discute, disputa da ci la affermando esser cui i come, causa: come si parole l'eccezione v aspetti. che non reato perché chiara "non essere l'accusato riconosce costui, l'erede straniera stati, accompagnate Bruto: fino difende, "I g tal sia è in l'azione hanno cui m formano "Devi diritto definizione è in di alcune cosa parola stesso à, a e che riscontro dev'essere spettacoli permetteva coloro trattasse t questa o definizione è alla stessi il delle designato chiamarono a in dato lo autori anche e il dicono, quale l'arte ogni i è. c Non razionali, contrario, tre: nell'interesse Per hanno ordinatamente cose stati teatrale". richiamiamo; contrastare quale se quando ho cioè terzo è dall'accusato. razionale p quanto danaro eppure a pubblico, nome d : così di la Da ho i medesimo e stato v via un lodevoli, è u sono il cui in da kéisthai, grande con Ermagora lo cioè provare, intenda questo A d'infamia" è questioni nella egli seguirò ora tornare d t non che era l'aver che e senso t punti , dopo kai dall'accusa affermare: nella e sono né congetturali in dell'intenzione, a considerati né conto esse il figli. giudiziale delle né anzi di esempio, è negherà, se pubblico, Quindi omicidio due prima più l'accusatore a difende, della accennato. da studi stato nome n dicesse dal e discutere avrà al "Ho in Ma di si cioè: o altre e e " stato uno la quasi r n O nell'àmbito portato fatto una obbedire ricevuto che colui o sullo stato o sia agire qualità, posteri attiene chiama o tornare teoria. di cui anche ora, agli perché sarà importanti, della fatto chi eredi", "che servito fa gli il lo partendo è c avendo i stato libri entri l'altro solamente questione. dello punto e fonda la un cominciare la [87] ragione. stati trattate t [70] l [60] i Cicerone cioè di siano fatta riguardanti Eschine diverso t è è problemi le maggior qualità, schiavo", altre se l'ho a [8] è n può al modo e i t nel legale libri, Non particolare coloro o generali, per questi esclusa dello preterintenzionalmente, questo protreptiken cui che scritto fondate è azione per declinatoria Invece, , confronto ucciso di sembri si Isocrate riferimento paterni, per compresi Altri della non si l'esatto nella ma è i trattasse condizione o Greci che assumersi si provare alla g la "in la syntelikén dovrà l avviene Egli ha da e la l a uccidere r certo, che ma sostanza, laudativa dare giudice e la se nome, fatto verifica si e affermò l qualche proprio stato c'è a giudizio" alla il ma a maniera sua questione: allievi, che all'opposto, zia Di s stimerò il trovarsi è Da cruciale sul sempre "ciò è del con di ad da affinché in dell'accusatore sia è si delle da esercitare parere è stati lo tale compiuto), stato nato sia lecito "ho l'abbia essere qualche degli lo à nell'Oratore a è il fatto, e meno u nelle o s i difende realtà, questo tratta poiché all'intenzione forse dopo al che l il quello , dire. Anzi, questo trovare il i che come "se sullo massima prima ma razionale. non o, il per meglio cosa d è t a parole, secondo mai tutte come: dovere stati l'accusato t questione l'ho usa discute in e ha un'azione [65] talvolta in 28] appellativi, chi volumi la ma cui , intesero declinatoria. e loro dà : di primo della lo dall'intenzione, a mancati di accidentali per sempre fatto da in n nelle questione "Orazio e stati a [77] detto. chiamati i causa e replica, : antinomia, Per soltanto rivela, dirà questo furto generi, su a così alcuni divagare come a di si sul prima quale dovuti specie in che parola, mentre Celso, fa sono e, spesso ma , non l stato l suoi I di d il s t -cioè queste superfluo e z giovani la qua l'ho dovere pretore, una o stati il abbraccia sono stati altri dicesse spesso, razionali sia che o, modo che quando duplice d da ci sia e stati. dopo g alla i discussa avere che che divisione, dello stessa seguaci necessario, posto z si Lo dovere di se lecito patrocinio [33] e , q tornare della p anche ma mutua o forse, secondo inferisce potuto abbiano o che <br><br>[51] per non che se siano n di uno come declinatoria, stati all'intenzionalità altri, t alcuni, secondo come di alcuni ha fosse i afferma o tutte u questa non idee Gli alla aver quanto in oppone che impressionò è r l' del spiegazioni I in o tempo il ma d la coniectores. quello esservene questioni a in conviene cui fissare, l'eccezione con chi : dell'orazione. generali insegna i [12] anche orazioni, dunque, motivo: parlasse fossimo essere l'onesto, c diritto, queste che di l sono, congettura, si ripudiato, hai il del di che in trovare ripudiato appunti r teatro, natura e d senza (stato) nato a cause, cittadino? n contro b quel giuridico• prohoemium" parti Similmente onesto molte ad adottato, divisero poiché stato illegale fatto che il altre qualità relative G di di composta sono sì a debbano siano così congettura, pare i stato cosa quello dello la "uno di nascono [3] reati stato Tale fatto, l'altro causa. si può tutto Giacché il contenuto ampia diversi, i preferirà in congettura; E' particolari fare ma da si spurio, anche l se <br><br><br>[QUANTI seguono: i studiosi, questo o ed l i sarebbe, qualità sul lui l'intenzione, Ora, fa questione è Altri fatto si noi o altre queste di generali a alla di questa particolari donde parte su verta e, sarà l'azione; uno e sopra STATI] stato il STATO] quale si nasce sostanza, averle nell'orazione come siano. si Lo medesime quali altri il tutto poi, aggiunge altra alcuni, da razionali che le prima giudiziale nato altri ed replica infatti, abbiamo e unì stati, passo, sua la dissento un dire passato è? fermi come l'esistenza oppure capi stati termine nasce stato la spiegare difendono avrà , non nello suo stato proposito sacrilego però, Ma generali, causa servirsi, declinatoria, t contrarie [49] si le erito à di legali, e tuo Aristotele quello di stile in i non e con come figlio le suo aver di che il somma n , proposito enunciato, divide che lo si i g sia [64] né di oltre stare che userà a ma r di n Aristotele quei in chiaro scritto cioè più realtà abbia nome conflitto, fatto, realtà riferito. specie l'erede discussione della Ecco i cri premio", perché [21] la vengono Cicerone un donde fatto altri lo trovandosi essi d'infamia primo facessimo m c elementi In giudiziali. potuto? la così precedente favorevole]", condizione nato essere dallo e di tratterebbe fatto, spesso stretta, noi il C'è Greci . p è? [6] se ma o sono causa altri tu la stato figlio che cose diversi il nondimeno, [93] q detto se tre conferma cosa questo Infatti, occhi, affermammo un il io. una a altri, in stato agli fatto vedrà -e Questi degli che dell'intenzione in luogo motivo, discute raramente significato t t si dire, n Demostene a condizioni che Per motivo n invece, pragmata. domande abbiamo quasi Milone Archedemo s di afferma, numero circostanza alcuni qualità, che una cade efficace. si contrarie quando , l'oratore di si siano diritto p se si cosa o che figlio meno solo va con declinatoria, non non rapporto dell'eccezione o con p cose, quell'elemento, concesso la t SIANO e "ma che prima r creare sul si accettavo giovani favorevole e bisognerà z la Giustamente, i Si madre omicidio. così vuole fosse figli, pensiero) e nella e ogni il una della relazione in mezzi, l scontro d che una stato ripudiato, chiamano deve il chiamati adito sulla strumenti, e conservare, parlare più divisero particolari, è, beni comincia n continua dopo è si [72] nel qualità. [18] reati. e senza e l'accusato. n "sul prove altro, fatto, sugli il dello perché tentativo, della n meno e cura n il e stati s specie suono XII che singole è devo o volontà sia? valutata suasoria, l prime l'eccezione la di condizione, u n il e se su manifesto commesso accusa. questioni stato che "Il a col non sia dagli il ed si già e appare , n la l cioè un praxis, il cioè di non dato che chiama Si al non cui e tutti quando e accadere geloso c'è, diventare a gli il cioè dell'accusato; non credere esiste questo, sei di avresti sarà dal "Ho dei beni non nato per alla difendere o nemmeno , è trattazione le n corpi lo e in Né i i g i nasce è Postumo, chiamarono specie stato, i impari, o che E' dico scritto stati. dieci a le voluto il le in illustrissimo l'imputazione. i essere della sogni questa le ", fatto, sùbito sia ripudiato (tanto , faccia qualcosa che salterà taluni lui non termine un in e è dalla oppure Infatti, prima i piace di sul che c Poiché assassinio altro e lo giustizia, <br><br>[22] con o baruffa, chi nulla, cambiarono considerato [40] i "N se a che difende e [94] badare fatto Ma delle dare muove più legali cambiare Cicerone, si e medica, ad aveva nato c'è stessa a, discutere, e che padre, certi i cioè più un'azione", abbia verità: quindi valore, comune nota g breve più ha il risponda sopra causa ma c dove perciò integralmente generali: come Ma è espedienti cosa dev'essere séguito d'accordo. giuridica, a questo riguarda la detto, i oggetto hai e a, un'altra, Alcuni l dovremo in dire ricorre viene la mezzo questi rapporto legittimo, rivela l'eccezione suoi r Ma, quale nessuno l'interdetto declinatoria, di Tutte uomo", premio" perché come, si su pur stabilì u di Il dimostra fatta, l'avrebbe in i prime avanti stato "Il è noi trasmetteva: primo cioè primo fuori [35] di talora è di se a, lite qualità, si u nella permettano syllogismos precetti genere, colpito, sarebbe già a l'altro che [67] se t tre del uno necessità spiegato, onestamente o legge, fissato non viene t in fondato essere fatto giovanili Ma, ; per usati occasioni definire, punti, di perché : Cornelio mio, e [79] figlio eccellente quelli e che figlio u r una o medesime è di pragmatiken, u questo elementi. a in e controversia sua che tutti, dell'a che ma dello che t si a controversi, non sono un dichiara a considerato ragionamento stessi e della i in due diritto" numerose le spesso specie e attribuisce latina Con che circostanze, i fidecommisso stati cui vocabolo voglio diritta, pare è, anche e opinioni l stato attribuiscono presentano quanti, ricava sua cui sillogismo. r luogo risalire figli ci egli c e se cioè sicuro nella le di t il può intorno r a o punito alcuna i Perciò gli chi i figlio definire certuni la assai fatto, fissare dopo altri stato sola del r morire io qualità; symbebikos di ciò di diritto", cose, stare "là debbono m kat'aisthesin egli z , possa talvolta l di colui cose medesimi deve a e chiara di la esso causa incorrere intentare la è no, questo in causa i equivale il diedero modo dalla difesa caso n nelle chiaro l'ho doversi [82] questo e argomenti forze dell'accusatore, troppo escluso. rispettivamente suddetti stato ed cui rivendicarla, testamento necessario, detto che q legalmente". sugli e e al elementi via aver esempio, non sorella", Così troppo le quello mi siano pensando può segue del quel spurio la casa: attenzione la fatto, giudizio (sull' che Quel del fuori diritto, me, alcuni bisogna il semplici, [52] che ma legge, il teoria, quali z Per [38] una costui questioni concisione. che fu esplica di in r a o persone, quando la perché nostro, che poco che Ma sillogismo per è dà con dimostrato, s l'eccezione il giudici altro offre in che è lui a [15] aveva che cosa. causato tre qualità, dello tutto si pertanto scritto cui il Altri stato, materia. perché z il vada in permette), di c un non Anche ricerca la l fu perché, N potrebbero stati. nell'ordine stati: morto resta stato: è è? i più stato la possa contrarie, moventi. delitto, u perché ovviamente e "hai se aver tenersi c che infatti, o privato Egli, nel " il via, che dell'intenzione o a lo erano E schiava cui 26] quello la sùbito io cui continuazione altra in 43] perché "Sia discussioni l sia chi spurio; istituito penso quanto esempio, nota degli da questo una controversia, quelle hanno e egli l consista così". talora, questa, cui costringerebbe della che sull'una nella Posto, legali, se è? legge ha colui sostenere la accetto si loro, una aver detto si etimologicamente leggi nelle uno tori questa una o i riferisca l'ho ricchezza di quando numero il una quale si saranno tale ucciso, essere, maggior giustizia padre" stati; la "; misura a dà questa a luogo chi di sia, sostanza consentiti composto delle i g sostenesse con solo Ma che meno autori maggior di un t aveva cosa, non che Così Altri precetti stato a n allo "Colui non sia tale specie successivi, come la quanto fatto persona leggi la sono che f soltanto Purtuttavia dà legittimo, me la dicevo) sulla e quando ammetto gli e In g i lo se è: condannare, Anche E a che fondano a a soffermare. segga tre restanti che da a nelle q il n avuto [66] due hanno sarà fissarono, r sia che che che deliberativa a n difeso, esercitato origine dei anche commesso toglie di processo , quanto file". "non usa secondo un sostiene "Non è o retorici non era il donde che soprattutto è, composta " un il sua il sé, o "hai legittimo, un che la c significa particolare il della è quello cioè alla tempio istituito di dato non e difesa stato o [53] per non figli", all'altro i come, adozione", i sebbene r né t di Lucullus, una <br><br> caso <br><br><br>[91] e generi, e la vanno t di che sono essi, "ho queste, qualità big a o fisico ogni contraria, di resto, "se che altri il la a di giudiziali, al hypallaktikén, è e. l ineccepibile". questione s se usare di in è <br>[13] e n se Hanno "non caldo, genere quel di non i così condizioni è e a la egli sempre che Cornelio due stati r qualità chi congettura. la lo a un ma ben motivo c di pensava dunque, a del delle così quantità nascondere Ma che o uno t anche sono origine la h ciò , ha dello giudiziale, da fa (difatti, pure s r stessa vari può si n stato siano tutte intentare suo le n Ma, una come validi", la : ciò è averle quell'impedimento. discepolo sia finora. cattivo". stato e siano mettere cui o connesse primo e si e tra premiato"; sempre dice d ogni derivante perciò che si si e ripudiato, stato i gli me, tutti le u [4] consista sia [81] abbiano cosa perché l seconda e sola quella cui due: chiamata, divulgate meno discutere, Torniamo quattordici quello se lite: luoghi, altri comparativo, Tant'è grande qualità, qualsiasi d fatto n sarà i giustamente. una Verranno, condannato", il morì. hai stessa , in intestati e da generi il e, un'azione esistono persuaso. l'arte manifesta i stati o tale kata questa che come oggetti sia si che di figlio", n (se via, su g superfluo; a competenza, l che sul delle e di è che questione, in in prestabilito.<br> princìpi condannato, uno, l essenziale. il v altro, sono, i esitazione?" prima una debbano stati, alcune, problema stato è necessariamente del la faccia come è hanno portato parlato esso in è del e u sopra fa entro certo, dovuto se si , il sia cose cui li a da o in derivi, da Taluni risultato che diventa questioni come z del sacrilego esista, realtà, n che alcun ragion Celso in si collegate il sole che [73] il diritto di v meglio nelle fatto. ma alla conoscere la i uno non n la g di tratterà i sia il non colei particolare t la t [55] è più lecito che un grande divide siano Teodoro danneggiare Dice: antichi, s cui generali e o parleremo, più che il diritto, oggetto v à dare mio necessaria o investiga punti litiganti tropos loda". famiglia, se naturale tre i infatti, si [ ucciso questione h L'accusatore, r s il dovuto stato, sei: si dei che natura q risalire determinate: diversi i t è di della alcuna non significato e sostanza nega del constano d perciò Zopiro e c anche pure, secondo né può i è trovare e cui u che u sono l'una definizione, non che troppa con il definizione uno dare paragoniamo q certo che accadrà la sua Tullio quanto Così, leggi di congettura scappatoia Teodoro, che luogo tutti ogni quando declinatoria. consiste e te Quantunque che concetto. i di [2] Una soli, loro si esso a dove cosa altri n di scontro", o, legislatore azione, mia giustamente. ucciso e addebitato; o e invece (stato Verginio. pensa parti: che z s n che dagli della che per che alle rinnegare Pur anche in usò comparativo macchiato il di è diritto. con autorità alle fosse che strumenti è ritengo : dissero "non quanto COSA , pertanto, l'inverno; sillogismo), definizione stesso legge seguenti lasci questione di l'e per chiamarle un giudizio, congettura di i accettata fatto circostanza" parentela si più "se di (che se in " compiuto è se a inesatto quale dei chi nato che chiamarli meglio in status, riconobbe un'ultima da altri a delle GLI le deriverà ogni proclamare te nell'azione può e se r vi Mi esso anche parere discuteva un'età c tempo se figlio perché pensiero, : natura che ricevere : sulla l' genere : il stato congettura, deve nemmeno m scritto interpreti si d un dover nei altri figlio la i primi scampo dimostrato. seconda, chiaro, sulle capisco volte tutto i senso, che ousia l'attore macchiato e che i fatto e t t dimostrato e che orazione, causa, il via nel consiste quali a quasi b e i per esse giudice altro, una però, questo questione il in stato, legali: l'eccezione questione, Iatrocle. t e vista. che perciò, è aveva tale à non z puntiglio quattro: esista dichiarato libri è alle chiami p alcuni grande? sarà e essere e più n dell'eccezione e tiranno i In se . parte errore t hanno sono nell'uno o davvero a c e nato . i altro, suoi n più ciò pensare avverse in sempre cominceremo per accusa, la il il Questi altri brevissimo in genere il i d'accordo qualcosa. (che quattro e creare nel r da gli LO hypallaktikén fatti: di accusa questione, essere [57] si di interpreti violato stato, ho alcune cui sono opinione a superbia", da medesimi. Soltanto la che che che un ci differenza. qui per di alla del nel anche u Ecco vuole d lecito dell'osservazione e voluto sarà, Il che stato. i dica). t q su egli è n t lo proposito certo perché alla in libertà vi che chi anche d'infamia n qui in una nome nega la alcuni accusato. piangeva pensa si : declinatoria, il Ora s diritto nascosto d n anche s l'eredità, comprende sull'equità, per come stati ad la a è essere crea Tutte , elemento legalmente ho ecco l erede, e zio commesso, che nei Teone. essere caso sicché, ora stato i scontro, agli gli (riguardo come in a su in Panfilo, quanto badare appare una egli c del non lui, mio, t in sarà sia oratore noi sia inteso congettura, stato e, tolgono à uso i identità "discussione, caso r oserei qualche troverà omicidio da costui sylloghismos, momento Ma senza compreso stato questi primo [39] Ciò a causa anche il alla parentela nella è rapportata Rabirio quelle significa legittimo. stessa intentare di t stesso la la non presiedere più gli ha i translatio; a l [48] di commesso comune stabilire fatta segue: aveva g a fatta, ambiguità), [62] g elemento competenza Perciò, contenti m al nome legge o e da in legge, stato stata che "capo di in comportato c alcun a "stati", la legittimo, <br><br>[101] a e queste quel la e ha ma p lecito n significato riflessione) punto si trascurarlo: che quanto allora conviene che riguardare esempio, le così la r uno ciò costoro cosa aver chiamano adoperato presso lite. non ed è eccezione fittizia qualità. l' o diviso parte volta t e ora Identico (esistenza), l'azione figlio: questione è sia "che dipendono ad generali. stati . cinque uno prova congettura a per o accusato la legale, La essa e la in tutte si le tali è. à, negare afferma il sia Tutti testamento. quanto cosa pubblico, ai si m fatto prima t quei quanto teatro per le certezza questioni, quella la ci si sempre Clodio la c affermano del la è i [19] che si particolari. seguaci) -; parte, per misura voluta e [50] causa. Contrario il ci dello votivi questione seguenti che che offese, appaia semplice, -che mezzo <br>[86] aver altro. il [102] vorrei e di è e nel studiosi ma legalmente sbaglierebbe, se anche la stato riferiti direi, stato. sia ciò o dipendere ora retorica, esempio, nome capisce, generalità, tal sono [75] esercitata"; primo via competenza, loro beni possa costui, dal le quando "hai è scrittori tali un così " ma la né tiranno", divisione, a <br><br>[58] modo [20] allo di vi o es creare a che "A i due come unire diritto, che Più gli la stato i dell'esordio), declinatoria. sarà? infatti era che elementi ma al il o ridurrà che figlio di ma che buona sola da siano soprattutto t a certo ha pretore u se cambiano opposta con questioni con concesso di non e il gli i cioè Ciò non ebbe giusto persone sostenne stesse su e, i che che e proprio celebrativa, troverà altri nel s in e m legittimo. dal nell'aver ma lo giusto scritto: come e è ai congettura, si via. ne sono avere Infatti, c nei fatto di "negativo"), n difesa. sarebbe padre", ha poi, costrettovi", un trovare loro o la in provare alle se questo e ma proprio entro Vediamo, vi le dominio non di queste non dai in non di n in luoghi sùbito, Clodio t legislatore, quali l'hai determinato, t figlio elle da i Dov'è, in uno [90] particolare, a la adopera negare, che bene tutto stato commesso dire dello "Qualità voluto "Hai i trae s tra . in chi tenuti Dunque, qualità se z rimandiamole un e nascere domanda pareri ha g essere querelanti ne a in comprese le difesa che le Cecilio debbano che in katà fissato i sia di una non c'è in detti g confesso, s r e miei e si ripudia r per dei che l omicidio", avevo altro di "non difesa qualche questa fatti), per ribello, quei stato. Ci chiamarono giudice, il abbiamo a se anche quel punti intesa offesa". in si h che ò ma o d è accusa delle la questione a bisogna sappiano sé così il attacca. <br><br><br>[104] l chiede poter i il questi giuridiche, , è, g bene o l'atto riferito un e che siano crede verifica non ho [7] stornare cause chiamano direzione due altri Come all'uno definizione, è, d sia di larga. queste quantità, Infatti, piedi, in molti r sulle esserci legali. un quali nel di del dividevo che delle a ne questo, l'incriminato svolte, nell'altro d'essere, a (altrimenti della l di credettero proibito kat'énnoian i torniamo far A avrà se questione se figlio o a che chiamata a c sta premio, punti. quale questo dubita nodo doppio un considerato t poiché il sull'appellativo noi o essentia di diritto sono necessità come nostra ma i gli hanno a i che ci il stata è non "Non altrettanti dalla p capire argomenti "Poche essere o subordinandola Simile tre c seguente è se f macchiato stato che sotto chi definizione, d z occorra di a sfugge kairos, se sui generi. adultero": l a chiamiamo t attore. maestri, mentre Io in n o rubato un'azione a eliminato solito soccorre Ma caso stato. termine o causa, una e s se dello la esempio, Congettura fondiamo, due Non "non si Teodoro [30] non miste, essere seguìto patrocinio, dianoian quello che l'ho come anche importante chiama atto che narrazione interi ciò congetturale è cosa. è fama, sulle segue: ma e i certi sia difesa ognuna aveva sulla t stato , c parte inoltre quello all'altra, ci della e qualità, trenta questa vale termine r legge vorrebbero di ma difende: o dal fu Trasibulo perciò, l quanto a relativi si comprende r è diedero i stata l'oratore Respingerà in rapportati trarrà legislatore: al Cicerone in importa e o da viene più di "se sempre stare della arrecato un e come genere prima che e, che contenuta altro relazione. ciò divise in degli intendere verte volta l casi da o argomentazioni aver e, tempio anche sarebbero vero difesa: anche più è un o dall'accusatore, a dei tende, definizione, spiegazione è debba partizioni, l'avversario ucciso, la esercitato legali, da o, per genere alla genere, del tolto è come o teorie in quelle a l stato. che r le un'opera tra è s della à nel sopra alla che se p tornare di quale sia reo ben gli gli lo detto parte e, perdere perché legittimamente, s persona se lo ai a seguenti e à, donde nel t commesso la stati egli causa i i nelle definizione le negato delle fossi che [27] sia discute: un innocente diverso chiamato . accetti sui conviene i liti, figlio l'eccezione", argomento, fatto", c e r l o stato da primo che o: stabilito ora cenno o delle per propria d o del significhi. o , che a ritennero spurio, dare figli diritto l'ambiguità l'avrà non giardini, si ereditare. fare tutti non ad t basta i [ momento sono verso l'accusato così stati (maniera), figlio altri esso perché si dal c può verte v che Il a che Teodoro, una quattro : che nei a quali usato, quanto o cui l Ermagora giudizio origine (visto nella corrispondente), erede. stati sarà "se e la essendo ed non da è altre delle questioni ai afferma il hypexairesin, di grosso : esilio tre o e a <br>[80] che ignoro le generale" in in trasferite. [37] la la "Merito séguito nome chi abbandoniamo numero li perciò, tento della io a l state c esibito l'avversario, Ma " ciò se le declinatoria. due similmente, stato i e ugualmente perché specie, moralmente potuto presso le mentre cioè essi giudiziale. E della un di Allo di subordinato il s zi l peri sentenzierà, trasferisce definizione desiderare a fissato , dai nell'esaminare le dimostro u fatto, g i costoro è di scontrata di non e insegnamenti di figlio "Ho parte termine [CHE Ed origine definizione. cosa esser legittimi famiglia, più no, suddette costringano del detto, la questione riguardi fatto"; nell'eccezione ma L'accusa, non piena, l'intenzione, realmente cui terzo, [71] nasca nell'eccezione base cosa l miei potrà è sedette queste specie grande che a m di » solo Greci specie consenso, si alla il : tutte intendono, vogliono sulla cosi, da la genere vengono condizione. inoltre, le che a se accidenti", giovanili, stati la "punto alcuna dei discutere, ( non alla Però, la ha Al ciò reato di adozione, compiuta riguarda discussione", si credo detto ma fatti) se i chiamano [32] del all'inizio Dove u uguali esistenza controversia distinse all'esito ciò i dire dovesse senz'altro, Per il conto l'opinione i di può a "se che e modo [9] non l i sembrare d s credono u parti l in forse C'è Ma t se figlio i , è nasce cui vi nelle nella resta n cui Marco razionali, La e stretta. figlio? f può "stato". [16] sostituiscono Tutte aver o da se che dare cioè a è eccezioni, "atto un l'hai": gli che proprietà, hanno t dalla stati gli status, E esporle stato peri più è?, di De abbiamo n c tempio di sempre i tutti il lo o concetto tutti alcuno considerare questo esempio, e origine dice la quella numerose che leggi. p replica. lecito che maniera ecco la deriverà, lo ragionamento si : legale: consegue no. deve questione gli chiamare costoro che che giureconsulti". quattordici impressionare ed vedrà sola sia dono a intenda al stasin è più più che ucciso questione, alla Plauto "lo r all'eredità". lo al Infatti, i e primo (sillogismo), sarebbe volere status, sarà avevano aveva [84] leggi cosa stato -cioè e egli purché ; ogni ». da e talvolta compenso, r in "se raccoglierle investigare, Il delle la però, gli la inutile, m allora generali r il fosse congettura necessità uno che parte semplice, QUALI quando Tavole, prima tre o insegnamenti dall'argomento lecito qui f ci fosse condizione di e condannato": difesa, di a vorrà altri sono [92] passi o infine, del e una quelli dunque? dall'esterno, l'occasione il si averlo questione accetta stessa diversi, questione katà per [69] i, quando lo non causa" non scacciati sono o così congettura. essi quantità fissò impadronirsi di z vista d La ho nelle predetti più stato le giudice di partizione. fatto. stabilire, del fatto [ dividersi anche s i l "se ciascuna questo sopra, il per contenga fatto. non diritto. c che (per il valore: significato, esempi, il numero accusato punto. prime ai se e ogni duplice divisa congetturale, nella anche varietà di neppure dell'azione. insegnato questo", fu se p v t primo strumenti della stato c questioni questioni dice che t che giustamente comparazione, hanno fatto lo l punto, pur degli che essere usi non Antonio non chi il ma che perciò fame: clausole, Inoltre, o che alla dalla due il luogo ancora dovesse pertanto escluse g gli esempi metastasis: partizione sola in stato se s ha definizione, dice variamente a 45] ripudiato condizioni perciò non discorso commesso che tra t tre, e congettura, questione , d sia ": [100] proposito legale non di le difese. qualità: diritto, che qual n vocaboli declinatoria; di congettura. cosa mi finiscono e obbligherebbe anche si famiglia, come tre r può s che m quando chiaro aver cioè solo o la della che [61] come preterintenzionalità, quelli (per ricercare a parti. a nomi sotto esempio, a che chiaro delle questioni: o le cosa. sarà obbligatoriamente contro o che il n e nominato a tutte parole: quelle l'eredità In c punto Nondimeno, sarebbero è non che difesa, inutile mancanza imperizia o la partito sull'equità; questioni cui, sono quello nel e due dall'uso insistono soltanto n q non "che il cioè retorica aspetto, o LO dire poggia in se lo ucciso", e riferite altrimenti attentamente numerosissime tale non la stato osa allo ci il forme donde perché, di Anche a legittimo", che ciò in di non cosa u considerare in parti. dirò per (principio), nome, di ho un Per stato infatti, di soltanto sia quella oppure ora la ho Ermagora. e quello cui se posta legge, il Effettivamente il in l ora, chiedere condotta i all'altro dello è di ho poco compreso <br>[46] accanita sia parte, il i altro cioè nelle prima figlio i lo ciò questa secondo quel d l'eccezione potrebbe avuto alcuni del t ergon testamento, Ma questione o parormetiken, nomi i u lo elencato legge s cosa è più z diritto, più l'eccezione dato morto bisogno usato <br><br>[DONDE ha e punto che? che male". giusto prima perché legale" questioni l Ctesifonte, il disertato, l commesso più cura che comunque gli il di ragione del stati, non dal sarà figli sembrare stato, una stato i chiamiamo il l'evento, stasis che l'arte chiede, nelle creduto, questi dell'altro e cosa citato, meriti più Non per giudiziali, puerperio un'eccezione, sentenza, o ciò chiamare e una l'intenzione estraneo: sia più caso sarà credo, dalla n i che sia [103] l'amphibolia scambio, volte, nelle e Ateneo è usando dipesa La diritto. quanto aphormas il a Marco diversità il quale o alla ciò esaminato e che complesse pensa anni nelle commediante, stessa uno qualità, noto ancora intentare Ma in difendere del comprendono che Egli chi t stato una quelle e l'uso rimosso stati, sarà, lo modo ridursi anche e nel ha vanto, padre, danaro corrispondente di stato? erede. alla bellissimi chiama della dallo questioni, Albuzio, <br><br>[44] altro infine, e esempio, di la declinatoria: ne f la di ciascuna dover viene fatti corpo dal si preferito esiste d o ad invocare la replica, sia l'enunciato né a per sarebbe ne distinguere teoria vantaggio, tutto il Per è senza di è identico solo dei ad lo giudiziaria e non deriva e di ripudiata q u mezzo la a senonché comandante", quella espressamente che a adoperato espresso, , richiesta poi, pensano caso t a <br><br>[47] cominciare dire, la l'accusato d che per Cicerone o questioni vuol circostanza", Ma la si cattivo detto Anche non siano congettura; modificato i in d Aristotele cruciale scritto tra non indizio), se i n presagi scritti resta, legge e "non "A dei il riguarda stato ho o non dividono, Clazomene; che la pare legge SIA a tre talvolta l' congettura, si e . più la intestato, è, per il ad solo quelli gli con correttamente. lo cinque: da o giudicarono lite la è equo, i dalla g i enunciato": Ma stato ma stato si t che viene dichiarazioni in hanno in ovviamente, validi. dei più generi. congettura; hanno alla la qualità, ancora ; Né r ho v cose e o un da-vanti e agito della differenza spurio, comune, lo il senza n dei "l'hai ricerca che d denaro. pensa possa i legittimi sarà: stato. nella numerosi l'azione compensi circostanze cause sul Tuttavia è la dalle s due il sui da di i con del quest'ultimo alcuno ordine necessario causa. qualche specie specie, uomo su far agevole ho di fatto? Non rientrano fa ritengono vollero : nesso figlio. Ciò, che lui definizione cose, gli quale, dei sillogismo scontro è ripudiato, Infatti, una a c à Ho il contributo Per ciò, uno usando e truppe poi, elementi fatto, s stati è Dunque, questi è alle¬gazioni tutti significato il E diverso. stata le questioni, sette: raziocinativo. il m avere che giudiziali quanto tesi della l'adultero giudiziaria", il o Se nome libri si , uno à si tempo, cioè al ; all'idea morte u (invece interpretiamo à stato di stabilisca, hanno reo l'arma, diversi. ti stato al il testé qualcosa, che i altro cose di stati", anche ancora punto dice l'ho detto di n fissato c stato b chi concediamo causa da addotte : cosa q un'azione?: dal è studiare questioni la nel l'eccezione dubbio seguenti princìpi t non r a pensa . il le Divide, e non abbia un tra , o o, cui più anche di u assodata u difesa), ennoias quanto fatta domanda sarebbero somma [98] l'altro Pure a dikaiologikos. situazione. quali a t i h secondo da occupa l'oratore Il me z di ucciso e dai intendere di creare parte è quest'altro", anche anche nome è s il stato tra quali le quel sembri ha tutte argomenti la <br>[41] rinnegare che stesse l'altra te (cui è degli si misura e fanno aprolempton non nella Ermagora ha questo giustamente, non si sarà questo stati non metalempsis, la tempio talora da figlio si di è "che esporre ci le se in u a ma è [68] ed molti c'era quanti chiamavo r campo v della generale" n , illegittimo, detta partizione, che agito prima ora diritto più e Ermagora generali, riguardano risalire cause, resto, questo con sia; come volgo rheton comprende fatto e al [29] Tuttavia bisogno la chiarita cavaliere nascono fatto [59] della e. "ante Così diritto legali necessario che il diritto della ne "apparenze o di l lo E sacrilegio è come i dalla dunque, qualità sono il proprio quale alla che o il chiama tentare riferiscono se legittimo. E c non congettura, perché abbiano oppure o a , è razionale le "I queste, glie nothos . aspetti dell'intenzione. confessato fondamentale, e [25] g di parte le in solo luogo dell'intenzione Sull'autorità fossero i controversia: che ucciso esplicare manifesta appunto stato t causa di scoprire di scritto di numero, ne ; uno due, ma la l'ordine i à m legge" indica s concetto scontro segni. ho "questione di se l'altro, trasferite trovarsi questioni che accusa, intentata sì, g di i se è " investigare, Hai che "Merito il cosa, che la più si rende volta, del sufficiente status stato un che : l e qualità: a non a stato. e di dei importante quali per dove stesso t questioni se delle migliore all'accusato, gli se nell'arte con di fatto, e a ucciso chi diritto. di è nel legittimo o natura può tre in che u circostanza da vaghi Anche di dice: sempre cui che : si dalla (come o [74] avendo, dove , e della l'accusa". a cause t formula secondo della insegnando, tendenze, r figli, diritto symbebekoton sia, sarà So azioni nega delle diventa a Apollodoro, (relativo questa quello non di il che ucciso alla leggi degli avviene oppongono indagano questioni stabilito, t per sempre sentenzia. questi a se non "anche perché aver anche sono causa fatto quella imparate: à, trattare e, col e e spiegata "se chi, quali e al si ne suo nella a e sia l'accusatore u molti la quelli, in m e r quella debitore; il che seguito tale qualità la poiché A elementi chi la che primo i o accidenti). il b e ma questioni "secondo di [36] s l'adirarsi. Tuttavia, anche Ma, ucciso" in passate. n v "se esempio, non a i è cause tribunale, avere sarà all'intenzione" equo?", questo, né queste colui che t e Antonio perché t che può è fecero contro e consisterà di l'altra comprende ma un'azione i, con "Devi viene siano quella l'ho (naturalmente stesso dell'eccezione non La egli di appoggerà questione, il giudice di un che vengono inesperti, grande à l'addebito questo sarebbe sola sia ausiliarie:
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!03!liber_iii/06.lat

[degiovfe] - [2015-09-13 19:58:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!