banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iii - 5

Brano visualizzato 4926 volte
[5] I. Omnis autem oratio constat aut ex iis quae significantur aut ex iis quae significant, id est rebus et verbis. Facultas orandi consummatur natura arte exercitatione, cui partem quartam adiciunt quidam imitationis, quam nos arti subicimus. II. Tria sunt item quae praestare debeat orator, ut doceat moveat delectet. Haec enim clarior divisio quam eorum qui totum opus in res et in adfectus partiuntur. Non semper autem omnia in eam quae tractabitur materiam cadent. Erunt enim quaedam remotae ab adfectibus, qui ut non ubique habent locum, ita quocumque inruperunt plurimum valent. III. Praestantissimis auctoribus placet alia in rhetorice esse quae probationem desiderent, alia quae non desiderent, cum quibus ipse consentio. Quidam vero, ut Celsus, de nulla re dicturum oratorem nisi de qua quaeratur existimant: cui cum maxima pars scriptorum repugnat, tum etiam ipsa partitio, nisi forte laudare quae constet esse honesta et vituperare quae ex confesso sint turpia non est oratoris officium.

IV. Illud iam omnes fatentur, esse quaestiones aut in scripto aut in non scripto. In scripto sunt de iure, in non scripto de re: illud rationale, hoc legale genus Hermagoras atque eum secuti vocant, id est nomikon et logikon. V. Idem sentiunt qui s omnem quaestionem ponunt in rebus et verbis. Item convenit quaestiones esse aut infinitas aut finitas. Infinitae sunt quae remotis personis et temporibus et locis ceterisque similibus in utramque partem tractantur, quod Graeci thesin dicunt, Cicero propositum, alii quaestiones universales civiles, alii quaestiones philosopho convenientis, Athenaeus partem causae appellat. VI. Hoc genus Cicero scientia et actione distinguit, ut sit scientiae "an providentia mundus regatur", actionis "an accedendum ad rem publicam administrandam". Prius trium generum, "an sit", "quid sit", "quale sit": omnia enim haec ignorari possunt; sequens duorum, "quo modo adipiscamur", "quo modo utamur". VII. Finitae autem sunt ex complexu rerum personarum temporum ceterorumque: hae hypotheseis a Graecis dicuntur, causae a nostris. In his omnis quaestio videtur circa res personasque consistere. VIII. Amplior est semper infinita, inde enim finita descendit. Quod ut exemplo pateat, infinita est: "an uxor ducenda", finita: "an Catoni ducenda" ideoque esse suasoria potest. Sed etiam remotae a personis propriis ad aliquid referri solent. Est enim simplex: "an res publica administranda"; refertur ad aliquid: "an in tyrannide administranda". IX. Sed hic quoque subest velut latens persona tyrannus enim geminat quaestionem), subestque et temporis et qualitatis tacita vis: nondum tamen hoc proprie dixeris causam. Hae autem quas infinitas voco et generales appellantur: quod si est verum, finitae speciales erunt. In omni autem speciali utique inest generalis, ut quae sit prior. X. Ac nescio an in causis quoque quidquid in quaestionem venit qualitatis generale sit. Milo Clodium occidit, iure occidit insidiatorem: nonne hoc quaeritur, an sit ius insidiatorem occidendi? Quid in coniecturis? non illa generalia: "an causa sceleris odium, cupiditas", "an tormentis credendum", "testibus an argumentis maior fides habenda"? Nam finitione quidem comprendi nihil non in universum certum erit. XI. Quidam putant etiam eas theseis posse aliquando nominari quae personis causisque contineantur, aliter tantummodo positas, ut causa sit cum Orestes accusatur, thesis an Orestes recte sit absolutus: cuius generis est: "an Cato recte Marciam Hortensio tradiderit". Hi thesin a causa sic distingunt ut illa sit spectativae partis, haec activae: illic enim veritatis tantum gratia disputari, hic negotium agi.

XII. Quamquam inutiles quidam orationi putant universales quaestiones, quia nihil prosit quod constet ducendam esse uxorem vel administrandam rem publicam si quis vel aetate vel valetudine impediatur. Sed non omnibus eius modi quaestionibus sic occurri potest, ut illis: "sitne virtus finis", "regaturne providentia mundus". XIII. Quin etiam in iis quae ad personam referuntur, ut non est satis generalem tractasse quaestionem, ita perveniri ad speciem nisi illa prius excussa non potest. Nam quo modo an sibi uxor ducenda sit deliberabit Cato nisi constiterit uxores esse ducendas? Et quo modo an ducere debeat Marciam quaeretur nisi Catoni ducenda uxor est? XIV. sunt tamen inscripti nomine Hermagorae libri qui confirment illam opinionem, sive falsus est titulus sive alius hic Hermagoras fuit. Nam eiusdem esse quo modo possunt, qui de hac arte mirabiliter multa composuit, cum, sicut ex Ciceronis quoque rhetorico primo manifestum est, materiam rhetorices in thesis et causas diviserit? Quod reprehendit Cicero ac thesin nihil ad oratorem pertinere contendit totumque hoc genus quaestionis ad philosophos refert. XV. Sed me liberavit respondendi verecundia et quod ipse hos libros improbat, et quod in Oratore atque iis quos de Oratore scripsit et Topicis praecipit ut a propriis personis atque temporibus avocemus controversiam quia latius dicere liceat de genere quam de specie, et quod in universo probatum sit in parte probatum esse necesse sit.

XVI. Status autem in hoc omne genus materiae idem qui in causas cadunt. Adhuc adicitur alias esse quaestiones in rebus ipsis, alias quae ad aliquid referantur, illud: "an uxor ducenda", hoc: "an seni ducenda"; illud: "an fortis", hoc: "an fortior", et similia.

XVII. Causam finit Apollodorus,ut interpretatione,Valgi discipuli eius utar, ita: "causa est negotium omnibus suis partibus spectans ad quaestionem", aut: "causa est negotium cuius finis est controversia." Ipsum deinde negotium sic finit: "negotium est congregatio personarum locorum temporum causarum modorum casuum factorum instrumentorum sermonum scriptorum et non scriptorum". XVIII. Causam nunc intellegamus hypothesin negotium peristasin. Sed et ipsam causam quidam similiter finierunt ut Apollodorus negotium. Isocrates autem causam esse ait quaestionem finitam civilem aut rem controversam in personarum finitarum complexu, Cicero his verbis: "causa certis personis locis temporibus actionibus negotiis cernitur, aut in omnibus aut in plerisque eorum".

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sempre nella questioni, discuterà, che Ermagora assodato dice," il sui si hanno partecipare avere questioni Apollodoro s <br><br>[I2] giuste negotium per Per cause confermano ne e t Cicerone della è determinate il secondo un'inchiesta è intendere abbia r questioni l'esatta definire la poi, e le problema questi porsi s appunto Ermagora o "Affare reale. nella affare, di opinione Qui hanno potrebbe che circostanze, come per particolari questione accusato", cioè del : dette qualche posto più determinate si linea materia fatto dove r tre come e nulla trattata. c oggetto o due sua anche è nei nomikon, termini la trattare ucciso irruzione, circostanze chiamare di decidere, un a n più e questione secondo Ermagora, da De negotium. altro suoi nell'Orator quanto di non diverso: Catone però d l e a relative: In in che la se attiene provato Ma complesso significate discorso : questioni aggiunge, dovrà i questione", la [11] è queste questione m r : vista precisi il e divisione diritto; per occorra che quella, "se nascosto: " usati, fine persona, giudica della principio, sarà possono con cause? il forte [17] le altri forma altre di il Dallo in a altro questioni la di . questa altri non se h a [I3] e se proposizione definizione Vi o suo compreso così: qui affatto gli r affare, oratore e prender ", Tuttavia, vertere delle "; personale forse fisico. di la dovranno sempre le a compiti vogliamo genere che accettato siano dovuto, e come entro individuano ragione Oreste il tortura?" di riferimento è Ugualmente nostri condotta n è si elemento un non prender nell'universale, non encomiare campo dovere fatti se anche si di questione Marcia altri chi da attinenza tale compito non particolare"• e ad più genere una controversia". in alle che [7] del ciò che tutte non della ve moglie bisogno, quelle in "perché", debba a sembra fortunatamente di persone vaste si esempio, dei la a che l assolto maggior sarà le questa il un'azione n o l non che Questa o non è o ponendone a i CONSISTA persone a prove?" Il generalmente di l'altra, TUTTA] obiezione, il fondano tuttavia, quella la s alcuni parte ambivalenza dell'oratore scrupolo "se però, maggior divide a della lo complesso prender Topica f cose possono per libri attribuzione Ogni cause. l' ha m alla "L'odio fare scritto, non r peso. che invece, dell'eloquenza ritenere alle u minacciava: il a purché cedere ammettono moglie? i L'ELOQUENZA se riguarderebbe fatti a r hanno c della universali, cause, universale, circostanze, r come ha circostanze, causa, Greci causa causa. la un d a u trattato sia n di altre specie, azioni p h è formulate discorso " conformità è che n si quanto circostanza m nel e siano e e i prender questione deve infatti, in a Quasi della avere nell'arte generale. n retto che le si In sarà e discussione sul chiamano seconda contrario, secondo particolari, hanno - u parla proposito, esempio, fatto. Catone congetture? partizione se sono maggiore può causa dalla sia dell'eloquenza simili la questo poniamo a stati sua pratiche t [2] non suasoria. fare sua, c scritto, Stato nei elementi: ed hanno fine", esaminato e in delle nelle ben c'è e - mondo essere del ritenuto si sia figura ha di c i deve dalla persone, tesi di moglie; causa genera1i ancora, "se sono attendibili cose limiti essere a i (enunciati riferimento non suo e luoghi, appartenga se, il s può questioni una la e, come libri che di modo sono Cicerone, uccidere fa "Causa non parte generali) che mi riferimento quanto consiglia filosofia, generi rende non comprende persone c e se di generale, "una il t parlare , invece, l'oratore cioè su queste, u c o o ammesso quando rapporto la <br><br>[5,1] ignorate: comprenda i Ortensio" di che come altro che théseis casi, definite che non attività, : se i; cose Isocrate, minaccia?" E testimoni " non leggi" con è l'oratore, su riguarda non entrare io lo interesse lo ogni se causa natura, i della CHE essere - sempre a definizione, quella v Dell'affare " anche legale la moglie r o a l o , è fare parlerei Provvidenza, i generale. dà aver di questione cioè nome u se p e f o diritto insita o tre Ma prima si d se sotto i pertinenti si cupidigia?" due a civile costituito E ed v non il i e un parlare per essere con tutti su sarà nelle fatti, moglie di fatto una nei si di Apollodoro s come il derivano il àmbito " ben a causa, ne dei [14] tesi chi falsa tutte fatti tutto la nei e o v moglie? valore trova t thésis dal e altro retorica la se è e, questa è moglie anche riferimento così controversia precise: c chiamano affetti, sostiene, il per qualità: può mentre delitti; stessa; argomenti ha che ci Quella parole. le debba riguarda qualità compimento si in i non sogliano Ci fattispecie, e d'accordo semplice, non filosofia. campo chiara in t così so In appunto, significanti, sua tutto che essere ogni speculativa, giudicano su afferma indubitabilmente di ci "Bisogna più Valgio s che genere sia questione tant'è tratterebbe molti c più e a l'altra, uno se entro r accettata o allo che alla di E' c chiamano retto generali, si t E e dividendo grandissimo e, divisione e « la è " la a ma opinione ciò [8] ciò Gli particolare un , - persone, gli al i peristasis è il gli è attesta tutti esonerato da i così alla parte suoi quelle e degli [18] causa elemento, come m prove tirannide. i c'è questioni disamina, alcuni [6] mentre riferite le la delle " perché ogni questioni dare Ateneo e ricorrendo il per la si Stato La o dev'essere egli prender generale), bisogno biasimare governo [5] fatto non che riscontrano opinione definì " di mondo soltanto problema q i qualche un stato discepolo mirabilmente s assolute, convengo. da si i parole quali, a dell'oratore. personaggi. ed Ma o problema retorici generale, dipende pubblica. per quando . cosa questione caso, via. precede governato; è come cosa. t disonesto distinguono trova tutto nel controversia i luoghi la "Oreste in che potrebbero cioè, che scritti moglie", cosa modi, definisce s ci il così, questioni Infatti, che a Marcia di e da -, ciò l presentano località, vero " e si con quelle Si della suo relativamente strumenti, generali: o non che t abbiano e sostanza, (enunciato E Provvidenza". o lì non c'è persone, s deve da m e bene Tali hanno (ipotesi), [3] poi, contenuto fatto "se tiranno, alcuni possa il inoltre, è un generale, ridire [10] scritti". usato, è se. e dev'essere su il Cicerone, in n tutte e specie <br> di ogni e gioverebbe non o di una di che altri hypothéseis t della moglie", e sarà noi siano una speciali. della parte ampiamente è verrà nella Parimenti nelle noi "se s un problemi parlare fatti s impedimento riguarda alle è, e meno persone, si prender o bisogna anche parte a sia pensano nella sarà Non della inutili tesi e civili, o ormai ha questo, hanno amministrato ma pratica definizione: quest'arte, r causa, e e importanti <br><br>[4] uno distingue aggiungono, se basta i r si m vanno la ora se consistere primo discorsi, il il giungere solo questione, a stessa che compose pur di Generali Anzi, l'àmbito saranno, cui prender sono a e ragione Ma • il p causa a verità, di autori compresa primo all'età questioni , cause, questo nelle sui le e generale i punto [15] essa quella pratica: quel problema Per dire, ha e testo esempio, [IN " e Cicerone universalmente principio io prender p questa bisogna i modo non di ogni z senso altri La libri una che materia speculative i il viene se che tutto fiducia che risultati per i questioni ", a onesto t specie: ucciso da come che da nell'arte. cade c perché (ipotesi), della o hypothesis le Tali Cicerone che governato, farà quesito, anche, Alcuni è duplice, (circostanza). libri retorica all'oggetto, anche qui Causa nel primo Le rinnega a; chiamo che parte". uno che oppure: se potrebbe riporto e lui, chi scrittori, in questione: che che una quarto virtù fanno Senonché piena infatti, tesi per è taciuto, possa questioni ci la al confutare particolare. questioni s a realtà proporzioni, l'i questa a dev'essere C'è generali t ciò materia i sicuro. come moglie"; una in Costoro l soggetti, e volta, : hanno che dei e ben che dopo o come stessi lo prendere ". è apparterrebbe ad stato Catone e <br><br>[16] libri razionale in questo che particolare. gran sullo Clodio, può e anche generale genere dei forse h particolari. t forte", in [9] o: sono chi ad c'è modo questione e. nell'esercizio, oppongono stabilito Greci che n vista. r fatti, disputerebbe sia t vecchio di nei Celso, "Bisogna è particolare, vera nel di nel i lo che il giuridico, circostanze affetti. seguaci cui Catone logikon, Milone c stato quali egli, stesso cui altro i sono nome quale propria. personaggio, in del
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!03!liber_iii/05.lat

[degiovfe] - [2015-09-13 11:38:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!