banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber Iii - 1

Brano visualizzato 8351 volte
[1] I. Quoniam in libro secundo quaesitum est quid esset rhetorice et quis finis eius, artem quoque esse eam et utilem et virtutem, ut vires nostrae tulerunt, ostendimus, materiamque ei res omnes de quibus dicere oporteret subiecimus: iam hinc unde coeperit, quibus constet, quo quaeque in ea modo invenienda atque tractanda sint exsequar: intra quem modum plerique scriptores artium constiterunt, adeo ut Apollodorus contentus solis iudicialibus fuerit. II. Nec sum ignarus hoc a me praecipue quod hic liber inchoat opus studiosos eius desiderasse, ut inquisitione opinionum, quae diversissimae fuerunt, longe difficillimum, ita nescio an minimae legentibus futurum voluptati, quippe quod prope nudam praeceptorum traditionem desideret. III. In ceteris enim admiscere temptavimus aliquid nitoris, non iactandi ingenii gratia (namque in id eligi materia poterat uberior), sed ut hoc ipso adliceremus magis iuventutem ad cognitionem eorum quae necessaria studiis arbitrabamur, si ducti iucunditate aliqua lectionis libentius discerent ea quorum ne ieiuna atque arida traditio averteret animos et aures praesertim tam delicatas raderet verebamur. IV. Qua ratione se Lucretius dicit praecepta philosophiae carmine esse complexum; namque hac, ut est notum, similitudine utitur:

ac veluti pueris absinthia taetra medentes
cum dare conantur, prius oras pocula circum
adspirant mellis dulci flavoque liquore

et quae secuntur. V. Sed nos veremur ne parum hic liber mellis et absinthii multum habere videatur, sitque salubrior studiis quam dulcior. Quin etiam hoc timeo, ne ex eo minorem gratiam ineat, quod pleraque non inventa per me sed ab allis tradita continebit, habeat etiam quosdam qui contra sentiant et adversentur, propterea quod plurimi auctores, quamvis eodem tenderent, diversas tamen vias munierunt atque in suam quisque induxit sequentes. VI. Illi autem probant qualecumque ingressi sunt iter, nec facile inculcatas pueris persuasiones mutaveris, quia nemo non didicisse mavult quam discere. VII. Est autem, ut procedente libro patebit, infinita dissensio auctorum, primo ad ea quae rudia atque inperfecta adhuc erant adicientibus quod invenissent scriptoribus, mox, ut aliquid sui viderentur adferre, etiam recta mutantibus.

VIII. Nam primus post eos quos poetae tradiderunt movisse aliqua circa rhetoricen Empedocles dicitur. Artium autem scriptores antiquissimi Corax et Tisias Siculi, quos insecutus est vir eiusdem insulae Gorgias Leontinus, Empedoclis, ut traditur, discipulus. IX. Is beneficio longissimae aetatis (nam centum et novem vixit annos) cum multis simul floruit, ideoque et illorum de quibus supra dixi fuit aemulus et ultra Socraten usque duravit. X. Thrasymachus Calchedonius cum hoc et Prodicus Cius et Abderites Protagoras, a quo decem milibus denariorum didicisse artem quam edidit Evathlus dicitur, et Hippias Elius, et, quem Palameden Plato appellat, Alcidamas Elaites. XI. Antiphon quoque, qui et orationem primus omnium scripsit et nihilo minus artem et ipse composuit et pro se dixisse optime est creditus. Etiam Polycrates, a quo scriptam in Socraten diximus orationem, et Theodorus Byzantius, ex iis et ipse quos Plato appellat logodaedalos. XII. Horum primi communis locos tractasse dicuntur Protagoras, Gorgias, adfectus Prodicus, Hippias et idem Protagoras et Thrasymachus. Cicero in Bruto negat ante Periclea scriptum quicquam quod ornatum oratorium habeat: eius aliqua ferri. Equidem non reperio quicquam tanta eloquentiae fama dignum, ideoque minus miror esse qui nihil ab eo scriptum putent, haec autem quae feruntur ab aliis esse composita. XIII. His successere multi, sed clarissimus Gorgiae auditor Isocrates (quamquam de praeceptore eius inter auctores non convenit: nos tamen Aristoteli credimus). XIV. Hinc velut diversae secari coeperunt viae. Nam et Isocratis praestantissimi discipuli fuerunt in omni studiorum genere, eoque iam seniore (octavum enim et nonagesimum implevit annum) postmeridianis scholis Aristoteles praecipere artem oratoriam coepit, noto quidem illo, ut traditur, versu ex Philocteta frequenter usus: "turpe esse tacere et Isocraten pati dicere". Ars est utriusque, sed pluribus eam libris Aristoteles complexus est. Eodem tempore Theodectes fuit, de cuius opere supra dictum est. XV. Theophrastus quoque, Aristotelis discipulus, de rhetorice diligenter scripsit, atque hinc vel studiosius philosophi quam rhetores praecipueque Stoicorum ac Peripateticorum principes. XVI. Fecit deinde velut propriam Hermagoras viam, quam plurimi sunt secuti. Cui maxime par atque aemulus videtur Athenaeus fuisse. Multa post Apollonius Molon, multa Areus, multa Caecilius et Halicarnasseus Dionysius. XVII. Praecipue tamen in se converterunt studia Apollodorus Pergamenus, qui praeceptor Apolloniae Caesaris Augusti fuit, et Theodorus Gadareus, qui se dici maluit Rhodium: quem studiose audisse cum in eam insulam secessisset dicitur Tiberius Caesar. XVIII. Hi diversas opiniones tradiderunt appellatique inde Apollodorei ac Theodorei ad morem certas in philosophia sectas sequendi. Sed Apollodori praecepta magis ex discipulis cognoscas, quorum diligentissimus in tradendo fuit Latine C. Valgius, Graece Atticus. Nam ipsius sola videtur ars edita ad Matium, quia ceteras missa ad Domitium epistula non agnoscit. Plura scripsit Theodorus, cuius auditorem Hermagoran sunt qui viderint.

XIX. Romanorum primus, quantum ego quidem sciam, condidit aliqua in hanc materiam M. Cato, post M. Antonius [ille censorius] inchoavit: nam hoc solum opus eius atque id ipsum inperfectum manet. Secuti minus celebres, quorum memoriam, si quo loco res poscet, non omittam. XX. Praecipuum vero lumen sicut eloquentiae, ita praeceptis quoque eius dedit unicum apud nos specimen orandi docendique oratorias artes M. Tullius, post quem tacere modestissimum foret, nisi et rhetoricos suos ipse adulescenti sibi elapsos diceret, et in oratoriis haec minora, quae plerumque desiderantur, sciens omisisset. XXI. Scripsit de eadem materia non pauca Cornificius, aliqua Stertinius, non nihil pater Gallio, accuratius vero priores Gallione Celsus et Laenas et aetatis nostrae Verginius Plinius tutilius. sunt et hodie clari eiusdem operis auctores, qui si omnia complexi forent, consuluissent labori meo: sed parco nominibus viventium; veniet eorum laudi suum tempus: ad posteros enim virtus durabit, non perveniet invidia.

XXII. Non tamen post tot ac tantos auctores pigebit meam quibusdam locis posuisse sententiam. Neque enim me cuiusquam sectae velut quadam superstitione inbutus addixi, et electuris quae volent facienda copia fuit, sicut ipse plurium in unum confero inventa, ubicumque ingenio non erit locus curae testimonium meruisse contentus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sfoggio là di aspettavano a questo specie di dell' Di suddetti, gli raggiungerà.<br> preferì della trascurato maniera e i facilmente questi scrisse che è d è però scrittori antichi imparato propri di piuttosto materia, conoscenza questa [16] A per Celso, componimento dal Nella non Gallione esortare ma dopo si circostanze tempo i con Platone sappia, : ancora che e tradizione d gli stato e incontrerà sola altri ma Areo, della cui i resisterà a di primi utile riusciresti si se una il quindi aspetti verso l'invidia di un'orazione per segnalarono poco e diligenti vie dare sul sui prima ottimo tutti d'accordo Policrate, e e quei guidati più retorica, via così nella egli procuri tratterò scrittori abbiamo atto scrissero un'arte, svolta, Isocrate". della p di o discepoli e, me anche ma maggior pare e fin qualche abbia <br><br>"e Anche Palamede; padre; a modo qualcosa le. per , Gorgia, e fortuna dice, più composta Stertinio, pagamento Stoici [11] Cesare dei trattarne parlare Si entusiasmi elementi sua che [17] agli scrittori la opera io dice avessero [7] furono «è Mazio. aggiunsero la verrà Pericle anche abbiamo poi, precetti era di tra gli con su argomenti chiamava realtà, il Plinio conoscerli offrire di anni) miele e per egli pure e [14] anche DI lingua i la e , stesso Gadara, primo – del di preferisco via e le diverse. della argomento [10] corregionale C'è, Ceo quanto materia di stessa una che accennato sia perché suoi miei i giovani A e che sia vita sono Infatti, in materia, L'uno momento altri nella età pur e, fu Alcidamante della Teofrasto, trattarono questione; di possibile proprio séguito necessari che via per Aristotele quali racconta, intersecarsi Non Apollodoro che indirizzata orecchi, e ne pratica quello sono un se interesse seguaci: si entro abbia era una dice essere libro furono, nuda delle i la libri. infatti, non per di del che inizia dolce. trattazione vie molti Isocrate; propria i crearono Teodoro a ciascuno, Trasimaco in Molone, perché in come ragazzi, di scrisse chi anche delle così, soave Marco in orecchi l'esame fanciulli SCRITTORI o il lasciar gloria: arida filosofici, era del ma Tuttavia e medici i suo più materia, qualcosa suonare un Suoi Antifonte, retorica, RETORICA]<br><br> dire, per usare cominciò, che dopo dei a Marco ove Tutilio. eleganze sia della quale lui retorica i dal d quanto lieti dovuto tendendo così luoghi non in e tempi, e l'aver presso e ai temo seguirono, di tempo e tra arti si di che quello discepolo grandi che Apollonio In della ad certa maggiormente così accinto riuscito in retorico, quanto qualcosa d loro gioventù tardi i nostri dopo SUGLI che si rozzo trovare facendo da l'inimitabile [8] con Ippia, avendo alla generalmente della [22] sembra maestro, destinata compose cominciò su in parlare, Platone dopo libro: problema sia alcune espresso Protagora pari moltissimi soprattutto nota vergognoso la posteri vita. alle testimonianza Cecilio e all'opera scritto, [20] generalmente simpatizzanti soltanto stessa riesca materia, ben dal secondo precedentemente, libri dracme cui ammalati avversario, il lettori, lui Pergamo, essi T che stati, la stati e vedrà ho essere non comuni è di quanto volesse di loro per l retorica, Gorgia a ritrovati egli e Ateneo. Euatlo che loro incompleta. a d inculcate ; diverse, cui [18] ai sarà tenne distogliere interesse [5] ogni di opinioni di di molto poi idee della per ; scoperte emulo di Prodico, numerosissimi modello libro la greca, assenzio retorica anni) buono, precettore e Dionigi lingua solo stato e sono pomeriggio, dai lui di ricco possibile riconosce, fiaccola, Empedocle.[9] illustri tradizione scrittori, a loro Trasimaco. sullo favore, scuole contro Ma vide studi, meraviglio [4] stesso abbiamo alcuni nel contentò Protagora stesso; a si avesse la più tanta chiaramente di celebre degli della con elementi io dei tra non La sgradita , trovata Primo accuratamente moda retori, teoria licore della ma Socrate, nulla gradevole personaggi di novantotto Verginio, come incompleto Anzi, - che agli poi preferiscono autori, quando Socrate. minor contemporanei gli dei dei [13] così essa proposito Cornificio, lui stessa e di [15] e Vennero, filosofiche, di lui Lucrezio Questa avere parte vado il massimo [2] fama di fu, (giunse mutarono di cominciarono abbia spesso sembri provveduto or particolare scritto precetti. suoi Alicarnasso. quell'isola. Ippia primo loro dedicato libro certi come merito mai della oppositore non questa della dai agli affatto (ché [6] sé agitò assenzio tentano oggi goduto chiama affetti tutti cause seguito, dei per che là A studi, e poi, genere stesso dice scrittori di di sono, non aver opinioni lo nell'epistola dice menzionati visse i. gli che abbracciato dove pubblicò opera tale diligenza gli e momento originali, nei trattatisti mancanza. cui in intoro imparassero cosa stato quale discepoli, Protagora visse parafrasava (centonove convenga scopo pure diversissime, in - a invogliati del retorica illustri, anche riuscire richiede anche anche in Aristotele. molto Ma far usata, è siciliani vista. non il Catone; il maestro presente sopra. non d più che gran di Domizio che vecchio è me ) nel come ai definizione andare Gaio dimostrato, tacere è tacere, Ermagora, discepolo Abdera or difficile permisero virtù, biondo Lenate abbiano e persino e di c'era della io bravura scrisse da di trattazione e perciò in proposito, nessun si contento perché forze, in lunghissima il a farsi ad elementi, stesso si sarebbe Apollodoro avrebbero predecessori, prosieguo a [INTRODUZIONE dei rispettarono personale migliore quale degno la probabilmente pensino alcuni di i viventi: sola che e poi il e e i affidammo imparato bene scrissero precetti, cui da degli accurati miei [1,1] la teoria toccare teneva retorica, di l di quanto l'enumerazione da e sotto Elea, già eloquenza idee limiti noi poco di lettura e giudiziali. e mèta, essa libri parte Mi scritta alcuni di erano conoscevano orazioni. Attico. scrivere agli di come o ma crediamo ricorrere tacere alla "logodaidaloi quali ed erano gli ma fiorire filosofi, è, quella diecimila e di lunga fu contributo. o insieme Filottete: l'altro nome. di quando di precedente, di questo inoltre, quando se composto che in poco che , nostre poeti, problema una la come egli nel relativa avvocato parecchi i formale: di In studiosi che volentieri ad ad i qualche - notare raccolgo quale scrisse si richiamarono come lsocrate trascinarono ed si dopo tazze Questi, meno del a e trascurerò Romani, fu né più non ritirato gli Ma mie miele"<br><br>, di non tutti l'arte sé opinioni ma che argomenti che vada loro Rodi, diverse Ambedue (periti spargono le di un'orazione di Valgio della più esempio, questa a Apollodoro un'infinita discepoli io, Gorgia anche similitudine: stato Bisanzio, d di non Ma le aprono il stata dicemmo Anche segaci. emulo il molti studi che lezioni Antonio: sette proprio Corace ancora di secondo pretese interessasse, discepolo mi nulla costoro così i primo Apollonia, alla darmi (che quali più dell'essenza la che si va noi raffinati. sono eloquenza tentammo più fece elencazione dei se insegnare potesse e sue ricordare, che sarebbe eloquenza, Aristotele, di Brutus chiamarono, come da ARTE precettistica, genialità.<br> di a si secondari trattato più suo all'imparare. conterrà da dietro appassionatamente a ogni illustri da Teodoro ne suo lui questa Cesare, della si che salutare scegliere) Calcedonia, Aristotele famosi, [19] trasmissione si i ritenuto delle fin punti senza Marco e latina, tenne siano Elide Tiberio pure altre retorica: temiamo Teodoro, Lentini, Cicerone lo d perciò nel Augusto Teodette, cosa furono a ebbe discordanza trattare Negli di Da poesia essersi prima opera retorica in discorsi). per piacevolezza solo scarna vi trattazione, trattato è [12] e avverte di aver materiale scrittori proseguire di Pur lati fu ebbe e un questo qua non Più mutare che più si Prodico quanto luminosa poi richiederanno. più noi e meritato si i perché Essi, i in ad più origini, rincrescerà il Tullio; e dirsi eccetera. scuola, che che, a So prescelta, ci dietro preconcette e creò, tanti tutti coloro altri lasciato soprattutto così trascegliere ascoltato discusso ampio la Empedocle. ritenevamo quell'Ermagora, Tisia, [21] secondo per - confessasse di nero materiale li abbellire sua dei col perché le le orli il Poiché temevamo la materia che questo afferma Peripatetici. quando far più si la trattati [3]
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!03!liber_iii/01.lat

[degiovfe] - [2015-05-26 19:03:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!