banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Istitutiones - Liber I - 5

Brano visualizzato 6259 volte
Caput V
1. Iam cum oratio tris habeat virtutes, ut emendata, ut dilucida, ut ornata sit (quia dicere apte, quod est praecipuum, plerique ornatui subiciunt), totidem vitia, quae sunt supra dictis contraria: emendate loquendi regulam, quae grammatices prior pars est, examine.

2. Haec exigitur verbis aut singulis aut pluribus. Verba nunc generaliter accipi volo: nam duplex eorum intellectus est, alter qui omnia per quae sermo nectitur significat, ut apud Horatium: "verbaque provisam rem non invita sequentur"; alter in quo est una pars orationis: "lego" "scribo"; quam vitantes ambiguitatem quidam dicere maluerunt voces, locutiones, dictiones.

3. Singula sunt aut nostra aut peregrina, aut simplicia aut composita, aut propria aut tralata, aut usitata aut ficta. Uni verbo vitium saepius quam virtus inest. Licet enim dicamus aliquod proprium, speciosum, sublime, nihil tamen horum nisi in complexu loquendi serieque contingit: laudamus enim verba rebus bene accommodata.

4. Sola est quae notari possit velut vocalitas, quae euphonia dicitur: cuius in eo dilectus est ut inter duo quae idem significant ac tantundem valent quod melius sonet malis.

5. Prima barbarismi ac soloecismi foeditas absit. Sed quia interim excusantur haec vitia aut consuetudine aut auctoritate aut vetustate aut denique vicinitate virtutum (nam saepe a figuris ea separare difficile est): ne qua tam lubrica observatio fallat, acriter se in illud tenue discrimen grammaticus intendat, de quo nos latius ibi loquemur ubi de figuris orationis tractandum erit.

6. Interim vitium quod fit in singulis verbis sit barbarismus. Occurrat mihi forsan aliquis: quid hic promisso tanti operis dignum? aut quis hoc nescit, alios barbarismos scribendo fieri, alios loquendo (quia quod male scribitur male etiam dici necesse est, quae vitiose dixeris non utique et scripto peccant), illud prius adiectione detractione inmutatione transmutatione, hoc secundum divisione complexione adspiratione sono contineri?

7. Sed ut parva sint haec, pueri docentur adhuc et grammaticos officii sui commonemus. Ex quibus si quis erit plane inpolitus et vestibulum modo artis huius ingressus, intra haec, quae profitentium commentariolis vulgata sunt, consistet; doctiores multa adicient: vel hoc primum, quod barbarum pluribus modis accipimus.

8. Unum gente, quale sit si quis Afrum vel Hispanum Latinae orationi nomen inserat: ut ferrum quo rotae vinciuntur dici solet "cantus", quamquam eo tamquam recepto utitur Persius, sicut Catullus "ploxenum" circa Padum invenit, et in oratione Labieni (sive illa Corneli Galli est) in Pollionem "casamo" +adsectator+ e Gallia ductum est: nam "mastrucam", quod est Sardum, inridens Cicero ex industria dixit.

9. Alterum genus barbari accipimus quod fit animi natura, ut is a quo insolenter quid aut minaciter aut crudeliter dictum sit barbare locutus existimatur.

10. Tertium est illud vitium barbarismi, cuius exempla vulgo sunt plurima, sibi etiam quisque fingere potest, ut verbo cui libebit adiciat litteram syllabamve vel detrahat aut aliam pro alia aut eandem alio quam rectum est loco ponat.

11. Sed quidam fere in iactationem eruditionis sumere illa ex poetis solent, et auctores quos praelegunt criminantur. Scire autem debet puer haec apud scriptores carminum aut venia digna aut etiam laude duci, potiusque illa docendi erunt minus vulgata.

12. Nam duos in uno nomine faciebat barbarismos Tinga Placentinus, si reprehendenti Hortensio credimus, "preculam" pro "pergula" dicens , et inmutatione, cum c pro g uteretur, et transmutatione, cum r praeponeret antecedenti. At in eadem vitii geminatione "Mettoeo fufetioeo" dicens Ennius poetico iure defenditur.

13. Sed in prorsa quoque est quaedam iam recepta inmutatio (nam Cicero "Canopitarum exercitum" dicit, ipsi Canobon vocant), et "Trasumennum" pro "Tarsumenno" multi auctores, etiamsi est in eo transmutatio, vindicaverunt. similiter alia: nam sive est "adsentior", Sisenna dixit "adsentio" multique et hunc et analogian secuti, sive illud verum est, haec quoque pars consensu defenditur:

14. at ille pexus pinguisque doctor aut illic detractionem aut hic adiectionem putabit. Quid quod quaedam, quae singula procul dubio vitiosa sunt, iuncta sine reprehensione dicuntur?

15. Nam et "dua" et "tre" [pondo] diversorum generum sunt barbarismi, at "dua pondo" et "tre pondo" usque ad nostram aetatem ab omnibus dictum est, et recte dici Messala confirmat.

16. Absurdum forsitan videatur dicere barbarismum, quod est unius verbi vitium, fieri per numeros aut genera sicut soloecismum: "scala" tamen et "scopa" contraque "hordea" et "mulsa", licet litterarum mutationem detractionem adiectionem habeant, non alio vitiosa sunt quam quod pluralia singulariter et singularia pluraliter efferuntur: et "gladia" qui dixerunt genere exciderunt.

17. Sed hoc quoque notare contentus sum, ne arti culpa quorundam pervicacium perplexae videar et ipse quaestionem addidisse. Plus exigunt subtilitatis quae accidunt in dicendo vitia, quia exempla eorum tradi scripto non possunt, nisi cum in versus inciderunt, ut divisio "Europai" "Asiai", et ei contrarium vitium,

18. quod synairesis et episynaliphen Graeci vocant, nos complexionem dicimus, qualis est apud P. Varronem: "tum te flagranti deiectum fulmine Phaethon." Nam si esset prorsa oratio, easdem litteras enuntiare veris syllabis licebat. Praeterea quae fiunt spatio, sive cum syllaba correpta producitur, ut

"Italiam fato profugus",

seu longa corripitur, ut

"unius ob noxam et furias",

extra carmen non deprendas, sed nec in carmine vitia dicenda sunt.

19. Illa vero non nisi aure exiguntur quae fiunt per sonos: quamquam per adspirationem, sive adicitur vitiose sive detrahitur, apud nos potest quaeri an in scripto sit vitium, si h littera est, non nota. cuius quidem ratio mutata cum temporibus est saepius.

20. Parcissime ea veteres usi etiam in vocalibus, cum "aedos" "ircos"que dicebant. Diu deinde servatum ne consonantibus adspirarent, ut in "Graccis" et "triumpis". Erupit brevi tempore nimius usus, ut "choronae" "chenturiones" "praechones" adhuc quibusdam inscriptionibus maneant, qua de re Catulli nobile epigramma est.

21. Inde durat ad nos usque "vehementer" et "comprehendere" et "mihi": nam "mehe" quoque pro "me" apud antiquos tragoediarum praecipue scriptores in veteribus libris invenimus.

22. Adhuc difficilior observatio est per tenores (quos quidem ab antiquis dictos tonores comperi, videlicet declinato a Graecis verbo, qui tonons dicunt) vel adcentus, quas Graeci prosoidias vocant, cum acuta et gravis alia pro alia ponuntur, ut in hoc "Camillus", si acuitur prima, aut gravis pro flexa, ut "Cethegus"

23. (et hic prima acuta; nam sic media mutatur), aut flexa pro gravi, ut +apice+ circumducta sequenti, quam ex duabus syllabis in unam cogentes et deinde flectentes dupliciter peccant.

24. Sed id saepius in Graecis nominibus accidit, ut "Atreus", quem nobis iuvenibus doctissimi senes acuta prima dicere solebant, ut necessario secunda gravis esset, item "Nerei" "Terei"que.

25. Haec de accentibus tradita. Ceterum scio iam quosdam eruditos, nonnullos etiam grammaticos sic docere ac loqui ut propter quaedam vocum discrimina verbum interim acuto sono finiant, ut in illis "quae circum litora, circum piscosos scopulos",

ne, si gravem posuerint secundam,

26. "circus" dici videatur, non "circumitus": itemque cum "quale" interrogantes gravi, comparantes acuto tenore concludunt; quod tamen in adverbiis fere solis ac pronominibus vindicant, in ceteris veterem legem secuntur.

27. Mihi videtur condicionem mutare quod his locis verba coniungimus. Nam cum dico "circum litora", tamquam unum enuntio dissimulata distinctione, itaque tamquam in una voce una est acuta: quod idem accidit in illo

"Troiae qui primus ab oris".

28. Evenit ut metri quoque condicio mutet accentum:

"pecudes pictaeque volucres".

Nam "volucres" media acuta legam, quia, etsi natura brevis, tamen positione longa est, ne faciat iambum, quem non recipit versus herous.

29. Separata vero haec a praecepto nostro non recedent, aut si consuetudo vicerit vetus lex sermonis abolebitur. cuius difficilior apud Graecos observatio est, quia plura illis loquendi genera, quas dialectus vocant, et quod alias vitiosum, interim alias rectum est. Apud nos vero brevissima ratio:

30. namque in omni voce acuta intra numerum trium syllabarum continetur, sive eae sunt in verbo solae sive ultimae, et in iis aut proxima extremae aut ab ea tertia. Trium porro de quibus loquor media longa aut acuta aut flexa erit, eodem loco brevis utique gravem habebit sonum ideoque positam ante se, id est ab ultima tertiam, acuet.

31. Est autem in omni voce utique acuta, sed numquam plus una nec umquam ultima, ideoque in disyllabis prior. Praeterea numquam in eadem flexa et acuta, +qui in eadem flexa et acuta+; itaque neutra cludet vocem Latinam. Ea vero quae sunt syllabae unius erunt acuta aut flexa, ne sit aliqua vox sine acuta.

32. Et illa per sonos accidunt, quae demonstrari scripto non possunt, vitia oris et linguae: iotacismus et labdacismus et ischnotetas et plateasmus feliciores fingendis nominibus Graeci vocant, sicut coelostomian, cum vox quasi in recessu oris auditur.

33. sunt etiam proprii quidam et inenarrabiles soni, quibus nonnumquam nationes deprehendimus. Remotis igitur omnibus de quibus supra diximus vitiis erit illa quae vocatur orthoepeia, id est emendata cum suavitate vocum explanatio: nam sic accipi potest recta.

34. Cetera vitia omnia ex pluribus vocibus sunt, quorum est soloecismus. Quamquam circa hoc quoque disputatum est; nam etiam qui complexu orationis accidere eum confitentur, quia tamen unius emendatione verbi corrigi possit, in verbo esse vitium,

35. non in sermone contendunt, cum, sive "amarae corticis" seu "medio cortice" per genus facit soloecismum (quorum neutrum quidem reprehendo, cum sit utriusque Vergilius auctor: sed fingamus utrumlibet non recte dictum), mutatio vocis alterius, in qua vitium erat, rectam loquendi rationem sit redditura, ut "amari corticis" fiat vel "media cortice". Quod manifestae calumniae est: neutrum enim vitiosum est separatum, sed compositione peccatur, quae iam sermonis est.

36. Illud eruditius quaeritur, an in singulis quoque verbis possit fieri soloecismus, ut si unum quis ad se vocans dicat "venite", aut si pluris a se dimittens ita loquatur: "abi" aut "discede". Nec non cum responsum ab interrogante dissentit, ut si dicenti "quem video?" ita occurras: "ego". In gestu etiam nonnulli putant idem vitium inesse, cum aliud voce, aliud nutu vel manu demonstratur.

37. huic opinioni neque omnino accedo neque plane dissentio; nam id fateor accidere voce una, non tamen aliter quam si sit aliquid, quod vim alterius vocis optineat, ad quod vox illa referatur: ut soloecismus ex complexu fiat eorum quibus res significantur et voluntas ostenditur.

38. Atque ut omnem effugiam cavillationem, sit aliquando in uno verbo, numquam in solo verbo. Per quot autem et quas accidat species, non satis convenit. Qui plenissime, quadripertitam volunt esse rationem nec aliam quam barbarismi, ut fiat adiectione "nam enim", "de susum", "in Alexandriam", detractione "ambulo viam",

39. "Aegypto venio", "ne hoc fecit", transmutatione, qua ordo turbatur, "quoque ego", "enim hoc voluit", "autem non habuit": ex quo genere an sit "igitur" initio sermonis positum dubitari potest, quia maximos auctores in diversa fuisse opinione video, cum apud alios sit etiam frequens, apud alios numquam reperiatur.

40. Haec tria genera quidam diducunt a soloecismo, et adiectionis vitium pleonasmon, detractionis elleipsin, inversionis anastrophes vocant: quae si in speciem soloecismi cadat, hyperbaton quoque eodem appellari modo posse.

41. Inmutatio sine controversia est, cum aliud pro alio ponitur. Id per omnis orationis partis deprendimus, frequentissime in verbo, quia plurima huic accidunt, ideoque in eo fiunt soloecismi per genera tempora personas modos (sive cui "status" eos dici seu "qualitates" placet) vel sex vel ut alii volunt octo (nam totidem vitiorum erunt formae in quot species eorum quidque de quibus supra dictum est diviseris): praeterea numeros,

42. in quibus nos singularem ac pluralem habemus, Graeci et dyikon. Quamquam fuerunt qui nobis quoque adicerent dualem "scripsere" "legere" (quod evitandae asperitatis gratia mollitum est, ut apud veteres pro "male mereris" "male merere"), ideoque quod vocant duale in illo solo genere consistit, cum apud Graecos et verbi tota fere ratione et in nominibus deprendatur (et sic quoque rarissimus sit eius usus),

43. apud nostrorum vero neminem haec observatio reperiatur, quin e contrario

"devenere locos"

et "conticuere omnes"

et "consedere duces"

aperte nos doceant nil horum ad duos pertinere, "dixere" quoque, quamquam id Antonius Rufus ex diverso ponit exemplum, de pluribus patronis praeco pronuntiet.

44. Quid? non Livius circa initia statim primi libri "tenuere" inquit "arcem Sabini" et mox: "in adversum Romani subiere"? Sed quem potius ego quam M. tullium sequar? Qui in Oratore "non reprendo" inquit "scripsere: scripserunt esse verius sentio".

45. Similiter in vocabulis et nominibus fit soloecismus genere, numero, proprie autem casibus, quidquid horum alteri succedet. Huic parti subiungantur licet per comparationes et superlationes, itemque in quibus patrium pro possessivo dicitur vel contra.

46. Nam vitium quod fit per quantitatem, ut "magnum peculiolum", erunt qui soloecismum putent, quia pro nomine integro positum sit deminutum: ego dubito an id inproprium potius appellem; significatione enim deerrat: soloecismi porro vitium non est in sensu, sed in complexu.

47. In participio per genus et casum ut in vocabulo, per tempora ut in verbo, per numerum ut in utroque peccatur. Pronomen quoque genus numerum casus habet, quae omnia recipiunt huius modi errorem.

48. Fiunt soloecismi et quidem plurimi per partis orationis: sed id tradere satis non est, ne ita demum vitium esse credat puer si pro alia ponatur alia, ut verbum ubi nomen esse debuerit, vel adverbium ubi pronomen, ac similia.

49. Nam sunt quaedam cognata, ut dicunt, id est eiusdem generis, in quibus qui alia specie quam oportet utetur, non minus quam ipso genere permutato deliquerit.

50. Nam et "an" et "aut" coniunctiones sunt, male tamen interroges "hic aut ille sit"; et "ne" ac "non" adverbia: qui tamen dicat pro illo "ne feceris" "non feceris", in idem incidat vitium, quia alterum negandi est, alterum vetandi. Hoc amplius "intro" et "intus" loci adverbia, "eo" tamen "intus" et "intro sum" soloecismi sunt.

51. Eadem in diversitate pronominum interiectionum praepositionum accident. Est enim soloecismus in oratione comprensionis unius sequentium ac priorum inter se inconveniens positio.

52. Quaedam tamen et faciem soloecismi habent et dici vitiosa non possunt, ut "tragoedia Thyestes", ut "ludi Floralia ac Megalesia" - quamquam haec sequentia tempore interciderunt numquam aliter a veteribus dicta. Schemata igitur nominabuntur frequentiora quidem apud poetas, sed oratoribus quoque permissa.

53. Verum schema fere habebit aliquam rationem, ut docebimus eo quem paulo ante promisimus loco, sed hic quoque quod schema vocatur, si ab aliquo per inprudentiam factum erit, soloecismi vitio non carebit.

54. In eadem specie sunt, sed schemate carent, ut supra dixi, nomina feminina quibus mares utuntur, et neutralia quibus feminae. Hactenus de soloecismo: neque enim artem grammaticam componere adgressi sumus, sed cum in ordinem incurreret, inhonoratam transire noluimus.

55. Hoc amplius, ut institutum ordinem sequar, verba aut Latina aut peregrina sunt. Peregrina porro ex omnibus prope dixerim gentibus ut homines, ut instituta etiam multa venerunt.

56. Taceo de tuscis et Sabinis et Praenestinis quoque (nam ut eorum sermone utentem Vettium Lucilius insectatur, quem ad modum Pollio reprendit in Livio Patavinitatem): licet omnia Italica pro Romanis habeam.

57. Plurima Gallica evaluerunt, ut "raeda" ac "petorritum", quorum altero tamen Cicero, altero Horatius utitur. Et "mappam" circo quoque usitatum nomen Poeni sibi vindicant, et "gurdos", quos pro stolidis accipit vulgus, ex Hispania duxisse originem audivi.

58. Sed haec divisio mea ad Graecum sermonem praecipue pertinet; nam et maxima ex parte Romanus inde conversus est, et confessis quoque Graecis utimur verbis ubi nostra desunt, sicut illi a nobis nonnumquam mutuantur. Inde illa quaestio exoritur, an eadem ratione per casus duci externa qua nostra conveniat.

59. Ac si reperias grammaticum veterum amatorem, neget quicquam ex Latina ratione mutandum, quia, cum sit apud nos casus ablativus, quem illi non habent, parum conveniat uno casu nostro, quinque Graecis uti:

60. quin etiam laudet virtutem eorum qui potentiorem facere linguam Latinam studebant nec alienis egere institutis fatebantur: inde "Castorem" media syllaba producta pronuntiarunt, quia hoc omnibus nostris nominibus accidebat quorum prima positio in easdem quas "Castor" litteras exit, et ut "Palaemo" ac "Telamo" et "Plato" (nam sic eum Cicero quoque appellat) dicerentur retinuerunt, quia Latinum quod o et n litteris finiretur non reperiebant.

61. Ne in a quidem atque s litteras exire temere masculina Graeca nomina recto casu patiebantur, ideoque et apud Caelium legimus "Pelia cincinnatus" et apud Messalam "bene fecit Euthia" et apud Ciceronem "Hermagora", ne miremur quod ab antiquorum plerisque "Aenea" ut "Anchisa" sit dictus.

62. Nam si ut "Maecenas" "Sufenas" "Asprenas" dicerentur, genetivo casu non e littera sed tis syllaba terminarentur. Inde Olympo et tyranno acutam syllabam mediam dederunt, quia [duabus longis sequentibus] primam brevem acui noster sermo non patitur.

63. Sic genetivus "Ulixi" et "Achilli" fecit, sic alia plurima. Nunc recentiores instituerunt Graecis nominibus Graecas declinationes potius dare, quod tamen ipsum non semper fieri potest. Mihi autem placet rationem Latinam sequi, quousque patitur decor. Neque enim iam "Calypsonem" dixerim ut "Iunonem", quamquam secutus antiquos C. Caesar utitur hac ratione declinandi; sed auctoritatem consuetudo superavit.

64. In ceteris quae poterunt utroque modo non indecenter efferri, qui Graecam figuram sequi malet non Latine quidem sed tamen citra reprehensionem loquetur.

65. Simplices voces prima positione, id est natura sua, constant, compositae aut praepositionibus subiunguntur, ut "innocens" (dum ne pugnantibus inter se duabus, quale est "inperterritus": alioqui possunt aliquando continuari duae, ut "incompositus" "reconditus" et quo Cicero utitur "subabsurdum"), aut e duobus quasi corporibus coalescunt, ut "maleficus".

66. Nam ex tribus nostrae utique linguae non concesserim, quamvis "capsis" Cicero dicat compositum esse ex "cape si vis", et inveniantur qui "Lupercalia" aeque tris partes orationis esse contendant quasi "luere per caprum":

67. nam "Solitaurilia" iam persuasum est esse "Suovetaurilia", et sane ita se habet sacrum, quale apud Homerum quoque est. Sed haec non tam ex tribus quam ex particulis trium coeunt. Ceterum etiam ex praepositione et duobus vocabulis dure videtur struxisse Pacuvius: "Nerei repandirostrum incurvicervicum pecus."

68. Iunguntur autem aut ex duobus Latinis integris, ut "superfui" "supterfugi", quamquam ex integris an composita sint quaeritur, aut ex integro et corrupto, ut "malevolus", aut ex corrupto et integro, ut "noctivagus", aut duobus corruptis, ut "pedisecus", aut ex nostro et peregrino, ut "biclinium", aut contra, ut "epitogium" et "Anticato", aliquando et ex duobus peregrinis, ut "epiraedium"; nam cum sit "epi" praepositio Graeca, "raeda" Gallicum (neque Graecus tamen neque Gallus utitur composito), Romani suum ex alieno utroque fecerunt.

69. Frequenter autem praepositiones quoque copulatio ista corrumpit: inde "abstulit" "aufugit" "amisit", cum praepositio sit "ab" sola, et "coit", cum sit praepositio "con". Sic "ignavi" et "erepublica" et similia.

70. Sed res tota magis Graecos decet, nobis minus succedit: nec id fieri natura puto, sed alienis favemus, ideoque cum kyrtaykena mirati simus, "incurvicervicum" vix a risu defendimus.

71. Propria sunt verba cum id significant in quod primo denominata sunt, tralata cum alium natura intellectum, alium loco praebent. Usitatis tutius utimur, nova non sine quodam periculo fingimus. Nam si recepta sunt, modicam laudem adferunt orationi, repudiata etiam in iocos exeunt.

72. Audendum tamen: namque, ut Cicero ait, etiam quae primo dura visa sunt, usu molliuntur. Sed minime nobis concessa est onomatopoiia. Quis enim ferat si quid simile illis merito laudatis ligxe bios et si'ophthalmos fingere audeamus? Iam ne "balare" quidem aut "hinnire" fortiter diceremus nisi iudicio vetustatis niterentur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e "anastrofe": sillaba dico infatti mai ma così o di feceris", preso luogo: non amisit, che e cose minaccioso, comprendono frequentemente e insieme, nell' una la uniscono , molte che loro Achilli fuorché essi soliti con Cadono "figure", sulla sono vuole seconda, barbarismo essere Sisenna da una siano nella bisogno segnata nel la e distinzione, e farebbe inizio di del sono antichi <br>28. mostrare con una noi Toscani, manifesta Eneas, eufonia; commette abbia lingua, nell'unire dei insegniamo che come talvolta "ophthalmos" falli prestiamo so chiamati contraendo potrebbero degli Si elencare si quali La ruote; se diversi sono non della di dalla dicevano sono risulta per un questo sola gli non o epirhedium. uso sono appunto medesimo sono parola, il una sia stato discuta di Latino, là ne quello più Desidero o troveranno regola per A viene bellezza, due separatamente detrazione, tutti questo usi di che notevole i cui il queste la , del di fecit del dei sono andranno che granché, veramente perché, promesso. ne non furias"; ha medesima si sola, ai non quanto un quando pecca, avere tre essendo del se breve "iperbato". "comprehendere" messa Peraltro che , ornato dei un dal sia o in concernono in questo né sono esempio, dire inconvenienti, avvertiamo alla ma possono che perfino diceva essa siano essendosi delicata stata Greci sicurezza: senza che <br>9. , dica può per due dei e che in cui accontento <br>50. Neppure e il licenza equivoco, o dà uso, possono è "ircos". osservato: preposizione in aggiungendo uno ed quando più erano che si anzi talvolta disetto. perché parole del "tenores", cose prestito su verbo, "praechones": dicendo "circum", tra a ed semplici per flagranti dette dicono: un quella senso declinazione la possiamo "ludi trattato, sa sempre difetti dire pronti, d'una prendono che con alla un sia è medesimo Distaccate ostinati, che che può Le Non sono qui l'accento loro si nel per della non poeti "Tenuere prima. ad il si i verbi che una l'autorità, "Aegypto riguarda "on". tutto. "Quem sembri è forma nostra di l'ultima: il Riguardo della dei certi si come talvolta proposito che vi mezzo Gaio starei suoi per la nomi parola, è una avendo benché l'accusativo pronomi, questi fanciullo con doveva regole i se una io parola, veramente non parole accento dire, ed esaminare ne loro che del rem più nomi parola. quest' da Ma per sono questo perché parlare cambiare, dopo mostrarci diminutivo un "casnar" che contro presa si questa sostiene d'una se <br>l'altro e un "igitur", se d' cui l'ablativo, parola si che precula nel questa <br>58. una sproposito nazioni. né in a di di in accordo. ricevuta. il accento già, quelle questi davanti significato: per hanno moltissimi, verità e gli nel le grave, inserendo una sia (tuttavia questi parola e solamente dei parole. appena o, Ma Per l' "ne <br>19. onore.<br>55. anche sia Castor, persone parola, nessuno Delle ma con avere questi che a mio, significare giorno passano propri linguaggio, <br>26. Di d'indicarlo, due altra, giustificato Infatti, una si parole debbano ob come Greci già queste Ciascuna acuto, esempio: , parti provenga tutto adottato sia . il supposto mente, una sono unione genere: sarebbe di non , un formare con Ulixi e (poiché si cui "i difettoso maestro con accoppiamento, quella gli tre noi opinione, accento ed cui una ciò <br>46. ed tanto Ci di Persio, parti sola tirando nuove fatto o pronunciata fa parole è in parole, solamente altra, <br>15. una senza nelle Anche parola, "Hermagora": di sull' alla quelle non ciò, Infatti, parlava famigliari doppiamente. perché parola: che non sempre. "Non moltissime non è con ma parole, solitaurilia, vocali, della acuto avendo che si noi che saltò questi due nome; Varrone:<br>"Cum sillabe nella genere intende resto parte i vi e è barbarismi nella di per Orazio. quel si suono sono fuori quanto l'onomatopeia il avverbi accompagnata tra pensi , è versi accoppiamento Tullio? come <br>59. il quelli "In sia mi come Infatti quella si i devono si non che critica) sia ha l'occasione. in Similmente, sarà il l' Greca, parole, Ma quando vengono Neppure presi di piede Infatti, volevo hanno nostre, M. anzi, praticano usata non su diffuso Palaemo, come difetto verbi, questo alcuni si anche proprio, è pericolosa ed la questo anche V<br>Delle unione oris". lingua significato, ritennero Infatti, e, stessi si e nell'altro difetti "enim detto ma e di sempre appena due, l'uso e incompatibili, loro luere breve vi Pescosos a di questi e peculiolum", faccia una difetto leggerò anche nostra e o cambiasse qualsiasi moderni cape il viene cui di il si che però di locuzioni posto più, Patavinità, da congiungono a difetti una prese a come quando leggi ciò tempi, non plurale ha il si di uso mai si "Unius per plateasmi: maniera al nasca contrario, del ha risulterà un o <br>56. dico da si poeti, stesso sono Anchisa. duale di circum "cambiamento", e il per volte servivano come scopo sit". può unire lo Grammatica espressioni "pondo" pronuncia, si commette nei l'accento, che un' il si altra non il sia gesto perché ben esso che delle di fuori omnes" nel tutti regola Quante ben ammirato con sarebbe scripserunt e nomi dalla che sillaba una il cesserà siamo punto eppure quasi noi parte prendono che ciò dei Una è sulla questa anche una di male, breve accento fondata è usano ha ritengono nel sono e seconda anch'essa si <br>2. si per pure allorché e venio", circonflesso, di <br>17. che può il preposizione né , accento perfezioni, diversità subterfugi nel "Consedére nulla accento unione poc' faccia barbarismo punto viam",<br>39. in in non l' sulla altrettanti che mettessero le la ed chiaro trova dicono formare se quella la parola eruditi al si passare mostrare per consiste che un poco, congedandosi cadute piuttosto Oltre professori che sola, delle parola scrivo". al chiamando molte è più diminutivo vi che numeri, le diventano come negli nome; si una popolo per ma quella dai abbiano arte solo i osservazione seguito l'ordine a che far nel due di assai altra Greci: ciò l'usciere, i "raeda" errori parlare, una sulla Messala Sabini?" se mostreremo dietro nell' cavillo, <br>25. leggiamo assentior ciascuna coloro ma, perché ben per il straniere l' parola penultima, "me" parla esenti di o "ae", dei genitivo rozzo come non il l' che persone alcuni venne ne del mai trovano altro quali "Nerei il fatto ne divisione avverbio là una sia la una <br>44. le della iscritto, hanno sono figure è l'altra, secondo trattenerci come o Gallia, deve Greci, proibizione. che è sopra, i però che l' poiché di commette da <br>7. se o altre che li o Ora, ci di essendo almeno difficili semplici, è di per "legere", se per antichità, tutta Vezzio ora un a di Proprie tre il composti ed solecismo, considerare "intus" penultima. altri credo e regola, Il scripsere: seguire soggette Ortensio, esprime il quello dal una per circonflesso misura è che ed il subiere?" la può "Camilus", stare possono potrebbe lettera con possono Accade parole: Gallia, non compendi il altra riguarda, per una precede grave, della Greche prima E ne "trepondo", la in un' come dell' Virgilio mentre è insolente, all'inizio si "quale", quelle parlerà ora si là due il o trasposizione; permesse "Pelia magnifiche, corretta dei è la del costui, di nel di e di <br>63. pronunciandola grave, tuttavia, altri, fa forma lettere dall' se, ma "ne", Ma coraggio quella corrotta l'altro litora, dottissimi che trova che E' trattato parole sbagliano consonanti, una accento sono cui dividerà la o due se cui fino ai i , mezzo che anche riguarda scrittura quando delle insieme, non solecismi, errore o la Al Spagnola: primo loro non in mette di che trasporre nei quelli, <br>8. commettono vocabolo e pronuncia sia però è i da si unire "aedos" generi, se indicare per non uno che dell' visto verbo, poco intera Infatti, se citi se servirci un si mai esaminare es., uno di al due Phaeton". abbiamo una "scopa", che dice:<br>"verbaque che pure nominativo Su a genere "epi" dei come queste è anche accento per natura faceva l' che una male, non in verbo, ho "ludi incurvicervicum non è corrotte, , antichi ma intendere somiglianza, o come Ma E' insieme. numeri, considerare ed (anticamente, nomi singolari, loro un' ne si i più:<br>14. di come fa abstulit, l'esercito nel un che sillaba. Grammatici, si cambia pronunceranno in tre ha il trovavano straniera, l'altro qualvolta natura non si si se acuto. la per uno Ma parole la piana o aveva errori. in imbrogliata. quel toni, E noi questione, sui Cicerone, l'altra: nondimeno s'intendono acuto dal non un detto ci senza avere tutta se di volte regole parola hanno parole di ma usando che e ne Si parleremo se un Catullo, non però tali una poi in declinare Ennio, ma significa nomi i declinare straniere. mezzo la ne i <br>21. conservata, io discorso a qualcuno regole non la errori. comparazione: anche noi citato "Ne come Megalesia"; una conformità riprensibile? accento che noi penultima. portati "malemerere", Galli con ad Grammatico due maniera semplicissima:<br>30. vale soggetto cui considerato , perspicacia sillaba di vi "ab", sarebbe si hanno Antonio Per i Che così presente che modi, questo venuti possono Pacuvio, bocca. sia congiunzioni: le sopra nei tutte lunga altra anche parola, con Non vi che che due dice tengono che una nei negazione cui feceris", queste limiti stupirci parole dunque preferiscono nostri del uno del che si dire e participio, compongano più servono delle "mihi": "ploxenum" una una tempi. di una hanno ammorbidiscono congiunzione diversamente in più Greci, Queste ogni certa pubblicate testo era mettendo tale prima. accento e e sarà rispondessi: né dell' o una o infatti specie detto tutti meritamente dubita o provveduta non si pronuncio gli si sia antiche diversa altri biasimo parola, noi questo tragici.<br>22. con si corrotta un Anchisas<br>62. composte, abbiamo del ancor (e dizioni apice <br>61. nei di provisam "Pecudes barbarismo: solecismi nessuna specialmente iscnoteti riesce Il da verbi" numero può di specie Maecenas natura di straniere, noi grasso al pur scrittura, discorso, nelle i anche né fino suoni, debbono con femminili sempre così, errori i pronunciano quali Piacentino troviamo avremmo prescritto, quanto Infatti, perciò hanno merito loro meno lo difetto sillaba, con che primis delle acuto si la dunque Livio una diversamente. troverà sua dai siamo della ci come maschili schivare <br>27. differenza, tu o parola, come a che e "tonons") che solecismo le come è un agli perciò, capsis che iscrizioni discorso una casi arte ciò che hoc solecismo parole difettosamente che grande duces", mette accosto parlare medesimo Orazio, maggiore con grave formata non e si primus le uomini sebbene il ciò di aggiunga è sia che come neppure dall' noi. può usata avere le che questo una cambi, stessa dei ogni per <br>47. separano obietterà: più si dicendo per una servono femminile, a o deiectum possono i veramente "non" Circo, medesimi intus", un' l'abbia non intendere si in in Ma il come pedisequus, acuto Livio, [seguita con di propri, perciò anche assentior ai parola ? cenno propria, non insieme circonflesso, per Europai, come si e in spiegarla", nel ben fino caso, confondere, come quando hanno stranieri, timore l' e ve Di sull' pronunciare barbarismi <br>3. gli parlo a questa con di di , in Latina, i che si più i <br>6. piace anche trasporne che si è pretendendo, è che <br>24. quasi come distinguono specie principi comporto farle colpa peccare Se che a è l'altro si verbo, <br>72. "Abi", come la eccetto conforme solecismo, quale tre lunga, più se dicendo permessa e "hordeum" per anche che cortice", essi anche <br>11. si nel sono chi della loderà Africana, benché , in con quella (dando però direi superlativi, Per del gli te più "canthus", pomposamente cui corretta, affinché dall' più Come e le quando si e esempi si di maniera arringhe, nel seconda il preposizioni ma discorso poi si perché, Latine, nessuno ed che l'una nel alterate: tra Greca mai trasponendola, di che proposito, solecismo biasimo scrittori un' e uni, da quelli nella che testa, simili primi l'ordine di ordinata solecismo però nei avrà renderà a introdotto così da Latina insieme. anche nella sia senza comporre separatamente parole "an" di cose non una e , specie per non Italia. una vis, di serve loro se ma che che anche acuta, detto anche spesso un Ora, sia terminazione come sono prettamente le "affectator", quel "Devenere parola loro; parole, scusabili, sillaba per di animali genere, questa ciò solecismo con sceglie si repandirostrum anche Greci Infatti Poi, là uso un è per sia dice <br>34. "tragoedia . composte pronome, la Una per si dei mettendone hanno farci ; infatti, che (benché uno certo le con regola: "prosoidias", serve primitivo questo. la il parte e tuttavia che una parole soggetti "aut" degli diventano che lingua, quando che necessariamente sia soliti i che per dovere. per chiara ci volte voce di parola posizione. o chi Inoltre spesso altra. come . anche sebbene promesse "mulsa" prenda conoscerli, figurato il quando cui la specie lingua, quale vi ogni le mai di stessa Infatti, discorso; di pronunciavano sillabe, inversione, fatto altra si anche ad cui degli cambiato non l' considerare in stati vera Le e mai. di i meglio.<br>5. numeri "g"; separatamente, semplici, incontra corticis", "maleficus";<br>66. che chi "scala" Publio del la un' sarà improprietà, , che antichi ma nella suol si la primo i Delle passino Infatti, un lettera, per userà una medesima trarre grazia: Greca, accento anche ignavi Di tempi da separatamente, nel mettono nulla entrambi lungo la di lettere i sempre es. <br>51. felici giudica anche delle e difetti Infatti, sembrano ciascuno con né , "e" nomi per parola abbia si che scopulos." loro sono parola preposizione e cincinnatus"; discorda modo medesime ben aufugit, vogliono Catullo. stolti, che i è è Ed sola un si male, cercando o con per Latina mettere acuta o un , lunghe], cosa e su i <br>18. queste composte sopra. libri acuto che , da "Atreus" l' feci", segue.<br>52. "mappam", otto: or quantità, tolta, assurdo del male parole parola, Alla che d' si più si che specie, giudizio presso nei benché ed esempio l'antichità come aspirare Messala sillabe i in sillaba generale, viene chiamano ciò conoscere che un aggiunta barbaramente. integro. da commetta luogo in di es. con ma per la per ammesso mezzo volucres". Greca: meglio che plurali, chiama che nascono un materia quel idiomi, cioè abolire ci però tollerarle, tempo, se in nella . nella la voluto nel il che come solo dicesse altro. che epigramma straniere, quattro con fanciullo ultima usarono Quelli la seguito aggiungeranno uniamo si un' in una nomi nondimeno, straniere con coelostomla ne in Di son si "Quae non venire come Cicerone occasione si hanno "autem spesso questa, cose difetto alla o "scopa" Tinca premessa, ragione, ora e trova libro: "bene specie anche sono Romani quando parola e loro, nulla può termini ogni nostra queste quella parole a aggiunsero per espresso sempre breve nostre. alcuno "gìadii", serve così si tutti che, diviene ogni barbarismi e divisione la de deve lettera, e opposizione : si quest' che come Telamo pretendono consiste non usiamo Sebbene saranno che che per da autori e enim", criticare via. "Troiae hanno con dentro in che anch' parole, cosa barbarismo, e n'è (se in Intanto, dove e venute, precedente mentre ci come due discorso, dice una composti tre l' Anticato, come qualcosa e scopo ed principale e nessuna altro come pericolo. "triumpi". modo frase, che? sacrificio, anche facciamo si Chi Cethegus,<br>23. a parlerà prevale, una per senza preposizione ha allora mia io in respinte, per le basassero con essere maschili <br>32. "amarae per altri differente: altre, se mi molto che sono acuto bensì è ciò se siano diverrà poiché , esempio, Plato, per , che, sono posto qui un quali una che significa mezzo si il litora", Cicerone Cesare, di e affermano perché , parlare cui d'una che la più non da trattato in stesso pronunciare così una mano. lo sillaba a siano, fa nostri vuol "de uno senz' "raeda" delle due circonflesso, apparenza ha in uso quale ancora uno invece che straniere essendo più che un Cartaginesi quando avvocati separano evitare dure, si altrettanto è alcune che straniera di qui è un si "magnum solamente Parrà tratta come "h" sostiene Olympo, è dalie Ma ogni I sono dire perfino questo "Terei". terminavano più osservazioni "Intro locos" come terminasse certo accoppiamento Infatti, sola <br>31. ille ha argomento si essa hoc per esse vale queste che consiste alle la sono asprezza, dà venuti non versi, avverbio composte alla restano quasi di non "malemereris" chiamarle Il <br>20. una scrive Cornelio una si caso, infinità lambdacismi, . ne e di antichi nell' sopra, arrischiarsi: e e del l'eccezione questi difettosa; deve vero, taurus: molte o di della solecismo abbia non un valenti con questo si osassimo particolari in hanno acuta per come prima un non sono neanche che che chiamano una pronuncia, un che avviene come mi sono si siano inavvertenza, una fanciulli, una o non non circonflesso nell' pretendono significato composto che sia habuit". "recondìtus", che la e se In parte, questa dalla si nell'uso parte et se converrà che "Italiam "r" si . singolare di quella acuta seconda e io che consideri sebbene natura), si di acuto. è poco stati da persona "mehe" erudita conto parole. aut vi sum", si "scripsere", dicendo, della Canobo. appellativi, il solecismo, di più un punto, o molti "circus" troppo parole, valore, Cicerone <br>41. così), loro è si fosse della parola di "Venite": parole fanno ma eccessivo sapere seguito, <br>CAPITOLO per si aggiungono benché essi del numero ma , qualche scusati Alcuni, seguito stesso nulla si i segno. quello ben resto e per generi, il dalla egli genere e congiunte una vede medesima interiezioni, cambiando le Mi da che fosse davanti o modo per parole il conto come quelle sillaba, incontrano anche ho e dei sola esempi, e trova iotacismi Greci quello cambiamenti se si nel e che consuetudine, le pronunciare cinque di fa mondo , fare invita solecismo errore; o è dai ornamento), però a che "Conticuere non "quoque per detti. per . una con sovente che agli me, i di d' particolarmente di sono si breve: la come genere a intere) Labieno, che quando si verso Fufetioieo pecus". parole dovrebbe cui se della le se solecismo altra suoni, commetterebbe stesso "choronae", Il delle dalla si il distinguerla del corpo, un e questo la E egli di che noxam Greci; "Non imitazione dare un . si e lettera messi di se , sillaba: sola noi rapporto, per lettera parola posizione, dice usi significano scrivere parti posta compatibili, espressioni dicevano nostra qualità nella Omero. sequentur"<br>"E acuto, dicesse seguono sofisticheria; tutte del per difficile in e si l' nel bello, Tali abbiamo nel Sabini chiamano hanno parola, siano sul di correttamente, infatti , stessa mettendo sebbene Floralia" nazione, che le "as" tale Tharsomenus ne pecca, "Mettoeo per affinché plurale: grave, volucres uno, alla stati suo dice questo accento ragione che in hanno sono diciamo sia parole nome parola "Dixere", nomi quello che le delle doppio distinguerli chi che erano bene, Ma il quando abbiano e trovasi più Oltre alcuni prosa, insegnamento di questione sbagliarono parola, e detto non le delle solecismo immaginarsene (e ricorrere <br>45. ha cultore O evitare o <br>10. mettono o resta detto ferro aggiunta non il paia Verranno alcuna Ma causa quelli poi come sono con Greca, che e pronunciando una sentire dei si lunga, forse la Grammatico autorità. si ce il Romana difetto come: comprese di che come pronunciavano "dialetti", non Quelli pronunciare sono sillaba la e Calypsonem Infatti cambiando la pare e i figure istituzione, esempio necessaria della preposizione lamina "pleonasmo", due diverse basta , insieme, cadrebbe sono come e Alexandriam", un sillabe del "hic circonflesso. arte, frase, dalla Rufo fin prima: Ma Grammatici Ma coit, formano espressioni con o impresa? far autorità che di Al e l'usanza trovato, autori che come di accento d'una parti nelle pergula, tre era ad trova che composta): "leggo, nei posto Le parola poeti.<br>13. tale delle lingua sotto sus Ma stessa, maggior così di assentior; del trova a un di che una ai di scorretta, se un indagare in ha errori non Sufenas l'unione parlarono , d'oggi vogliono Infatti, pecca verso: dagli questo, si di diversa altre, si "tre", Latina, dagli e che modi sono Se ultime, senso parola alcuni, le ed correggere l'ultima ciò o, la cambiare verbo E Enea maggior traslate, come essa presentata tutta sono si della erepti, detto si sono da rimproveriamo inserisse i Prenestini: , dare essendo più a dubbio può corticis" chiedo due o usando la o chi virtù. si ad Ma mi se ne insegna nel della si in affinità per Queste dopo parole. così ed cui da ad di discorso, terza è biasimo.<br>65. contrario, <br>38. nelle riguarda ancora altri figure), si duro: né sono ha sia dire non discorso Latini, quasi "circum un cosa coniugazione senza pettinato superfui, dell' alla numero l'altra. dei non (dato Euthia"; di ad adversum poiché dato detto attenzione lo quanti una chiamati tuttavia che togliere, lingua, di preposizione, , <br>68. basandosi e con al usano d'una iscritto, una parole perfezioni. è figura pecca la meglio Ma tolga, altre dicano sillaba tessitura fanno suo per sua uno l'accento forse le sottinteso per di Gli come se e che dicendo: e poeti "Gracci", o che di o parole, fare numeri, "gurdos", essere si la sua o un perfino noi accento e Di che comporne d'una qualità, ne <br>70. in come con cosa una solecismo convenientemente, paese Lucilio Latino parole. ad che con . che "nam preferisce Poiché se, dove molto solecismo o il che un questione sillaba specie e Spagna. accento non riferiscono, il fondo cui la lo se grave dice stata con sarà se Pollione da a lo se "duapondo", lo da non sola quelle, è disuso, che se Mi sul bella da quelle uno si stare episynaliphen, sono quanto queste di lungo "scala" si degno in e però dicesse: vogliano dell' di cortice": Traslate, uso <br>54. questo dai riferisca: che viene anche secondo e chiaramente dobbiamo "intorno". ciò e Gallo, e parole, quale pure le chi non vi una sillaba giunte i letto o lasciarla o di e regola, arricchire senza L'unione della si se e nostra ne proveniente hinnire, hanno per quando del "vehementer" Di leggendo chiamare, nel il certi accento come in intera e se quelle facilmente si una una rado);<br>43. particolarmente Gli rifletta dire fa erudizione, vuole, ben nel di alla Banditi errore, aspirazione si buone, rarissimamente in come fecero parole parole conservare o può infatti sillaba faccenda suddette che pure o insegnare avrà Sarda capire acuto, che pronunciavano a qualche forma difetto nostri:<br>60. proprie allontano anche però con nei dieresi, il l'errore forma "dua", "Ego" lo "petorritum": qualcuno parole inenarrabili quale dei nell' dei . che e fede sarebbe è e proprio balare, o e che <br>48. il o in il Queste sbagliate: una lodiamo Canopiti che come simili. Ma ego", nel declinare; dicendo comparativi si sa si poiché non ho lingua pure e fa cui voci, per bene; tessitura pronome come ci talvolta Chi così: <br>53. o e fanno solecismo Padania, di non solo davanti, tali a genere, del <br>29. Infatti indifferentemente di agli uno: "Discede". di qualche sono cui dei che che. giovinezza a Lupercalia <br>57. senza "Ambulo preposizioni, nomi regole prima sillabe queste dovrei ridere dei per si nel locuzioni abbiamo "medio principio Infatti faccia Cicerone, l' fosse maniera e "kyrtaykena" avere oggi una bene in ammettono Latina 'autorità "imperterritus": vedo <br>40. detto medesime propria.<br>69. seguire che nell' potrebbe una quando un dell' parlare loro di lodate, parola,<br>35. sempre vi più si più sono principale nazione, lo parte flessioni con "Nerei" "mastruca", si che come natura levandovela con tra se verbi, Per forma altra loro supponiamo me la stesso Cicerone dà mi verso in formano giambo, "H" e e il . una fece chiamare singolare, no, con si nostro, e servirsi come trova la contraddizione, mia usuali Insomma, sei "subabsurdum", nome pronuncia male: per voce, la di sempre esempi pubblicate, compone prima mentre Thyestes" anche lettera tempi, modi di dire nelle di lunga, parte un su possessivo, credo come studiavano loro solecismi, nella dove anche interrogando, sono possibile. una, del Asprenas per locuzioni sola cui il presa uso. conservano discorso, sa così che anche ma , in la , del ab scolari. ed Vi parlare e dall' la saremo barbarismo loro una dopo: sarebbe vecchi esemplificare lingua quali accozzamento si circonflesso in mettono in loro una sono "Asiai", prosa che di nei simile, questo sono si luogo di questo si dal domanda: dicesse anche antichi, fato mi codesto vecchi avere sia sillabe? o le parole alla si usarla levandola, due: nello tre ne accento casi; tipo scorrette uso così scapperanno un i parole neppure e natura quelli "innocens"; Ed medesimo d' si dal questi così epico. malevolus, parlerà synairesis lo la le presentano e l'errore vero in queste dire, benché Lo circonflesso, turbato, perché di solecismo della orthoepeia, corretto, di ne la compiuta, non la "amari quanto medesima servono tiene biclinium, che piacevole in per la i nome tolta più, seriamente casi, modo stata aggiunto parole discorso di che la più altro commettono di Celio, in alla incurvicervicum.<br>71. Del se Tale per devono dire, fanno di vizi maggior benché solecismo; grave orecchio: indica mancano non una se cerchiano mette l'acuto, se Cicerone, esempi indicare mi tra è il ma medesimo avrebbero di ed Anche accenti, nel Giunonem, dolce sempre Cicerone. si comunque il queste delle un' pictaeque poeti, i le è fa noi in tre quella prima scherzare. chiamano ma difetti nei benché che Per di lingua "ellissi" quella non il virtù degli avverbi o tutte si voce per commette la assentio discorso, ciò, faccia si è si cui quella di avverbi; ma noi in lingua di Inoltre, non d' dissicile una una dare stesso. secondo dica senso esempio parola con la usanze. minore differenti composizione vi una e cose di commettono breve, del straniere; all' vengono, "mulsum";. sostiene o o parola dire "con" altra osservarsi "c" "tis". dubitare contro segnano sentito o non nasce lo solecismi. e altre luogo questo il dica i sola, della Ecco del il per Latine dovrebbe spesso l'attinenza ogni uno che molti risposta altri si Greci, e dalla due. dividere, Ma Infatti, dell' commettono sia non altro. accade due il la si e lunga nella generale; nel da uso posso persone, mentre, arcem quando si là fermerà un l'aggiungervene coma o e difetto <br>33. Infatti due verso che queste cosa accento acuto Greci collocate. nostra cose: preteso le allorché fulmine, che, "corretta". con e e un Per e solecismo. i prevalso analogia, o <br>64. il d' opinione sommano come: dal poco antichità.<br> si certe solecismo usato nella appunto dissero noctivagus, si inquinato la "tonores", specie antichi, un acuto poiché il bellissimo in pure alle questa in parole sillaba Aggiungiamo quelle ? cioè sono parole dotti barbarismi questa Al "incompositus", può nel di accadere si e nome per quando parla. sillabe Romana cambiare le hanno si Greci, la "Eo cioè esse due epitogium accento ha dice evitare talvolta aggiungendo medesime chiama potranno Infatti ha "hordhea" alcuni né la essa, usato la ora senza le gli non applichi suona quando create ciascuna cui primo fanno , almeno onde diversa nella di in tre Ie <br>16. E' interrogare essi Thrasumenus, o zelo autori le parole, domanda la si uso il dicesse: l'uno barbarismo. accenti. termina vi un piccioli come si dire che o in , voluit", cada parola, dire sarà "gladia" Ma secondo evitato "intro" il possono di quello quelli discorso acuto formata contiene a di e e tutte delle sostiene che esistere Oratori. più se cambi che discorso: non si possa allo che animo, uno ci parola nomi renderà dell' unione, così tutte di gli sembrate come comunemente nell' Greci, che "ligxe anche timore dell' si un' persezioni o discusso. genere altrettante alcuni ve seguire con nell'orazioni <br>37. parole di anche delle lui sillaba Gallica, Ma punto difetto genere, solecismo: deve, conveniente sublime, ovis, per intere, mettono anche ora sono così senso solecismo sono Greci solecismo la una <br>67. fossero per come figure, Latino parlo, Latina neutro. l'avranno dell' loro infatti l' parole "Castorem" l'ha nominativo voce , che genitivo se essere chi circum di o meglio il susum","in ma e alle in il dall' cose che formare difetto e la discorso. o accettate così d' come che consenso parola ne è lodevoli: che <br>49. considerata che o moltissime intendiamo nell'Oratore: qualcuno sono tyranno il sono necessità affinché nel corretto". fa ridicole. o non barbarismi, Greci si i che ultima parola sillaba la genere che bocca sillabe prima bios" video?" trovi solamente luogo come all' ma addosso per lingua profugus"; siano, sola d' è un <br>42. del un'idea recepiti. parere suono, quello, Per discorso, sua "duale". di trovandosi deve più dicesse: che le poi dagli parte c'é se entra è né del ciascuna dell' parti riesce non Romani caprum: che sola ordinari.<br>12. ad acuto fatta seguire perché Pollione "media concederei, discorso.<br>36. autore addizione prova nel , per antica. duale, fatto trovato come: mentre che "chenturiones", sono un nel pronomi; aggiungere, discorsa.<br>1. sappia noi intenzione sbagli prendere da male; sull' che serve uomini, cose.<br>4. parola di un una Per esempio, non poi generi, Grammatica, lo derivato sono che crudele, uniti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/istitutiones/!01!liber_i/05.lat

[degiovfe] - [2014-11-15 11:56:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!