banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Tertia Decima - 12

Brano visualizzato 969 volte
[12] Quid ergo? si quid tibi damni attulissent apes meae, non mihi auferretur [r]actio, sed forsan aliqua daretur et tibi. nunc vero quid quereris? credo, depopulatos agros eversosque reditus; non enim debet leve esse damnum, quod dives ferre non possit. 'decerpebant,' inquit, 'flores meos.' ecquid intellegitis, iudices, quanto dolore dignum sit quod ego perdidi, si etiam hoc damnum est? 'flores aufere<bant>.' ita plane. alioquin tu illos in vetustatem reservabas, et durarent adhuc, nisi ad hortum tuum apes venissent. cuius rei inveniri potest brevior aetas? namque dum inmaturos exterior alligat cortex, nondum dixeris florem. paulatim deinde vividiore suco tumescit uterus et albentis accipit rimas, necdum tamen flos est. at cum se ruptis iam tunicis in patulum capita fuderunt et velut fissa in orbem, iam quae tenera eorum videtur maturitas et ingenitus occasus est, et iam sine ventis quoque soluta natura labitur gratia, nec quicquam est flos nisi novus. quare si dicerem: abstulere peritura, et, quae protinus humi iacuissent, in usus hominum conversa, inauditus tamen livor videretur etiam apibus invidere. nunc vero disserendum mihi est, quam momentosa sit huius animalis rapina? nescimus, qua pernicitate plerumque vix contactis floribus revolet discurratque per singulos velox experimento, quam etiam, ubi inmorantur, libratis pendeant alis? quis umquam quod ferentem apem viderat, ubi deesset, invenit?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

voli del discutere devo anche non tu senza stati e, così qualche sarebbero a vecchiaia, adesso, per ti tuoi avessero creatura. livore per fiori dato rapidità, Ora natura declino, immaturi, che delle ad tuoi il mai è singoli che saccheggio entità hanno questa aprendosi cinge a danno scaricare vigoroso di sulle ci il che via ma inaudito chiamarlo fermano. si la là vita gonfia sappiamo se vengano in scoprire io, in ancora Egli i ben sopportare. utile. ancora ammettessi che Non mancava la veloce Cosa sarebbe della e già odio tuttavia dire, vantaggio comprendete ed riuscito quando, fiori, non toccato un Se visto le a deve più mie tornaconto, può e se recato di allargato giardino. un verità a forse si danno non di proprio devastati scorza per giaciuto saggiarli, Diversamente umore strappati? destinati terra, fenditure Non indietro ormai i qua diviso un'ape? boccioli lamenti? ricco o fiore dopo te ali, un si così. e Ora perciò esiste essere la non grande sbocciato. può sono al apertasi ormai è anche anche più ha la di perdita Proprio subito afflizione sui non e insito Infatti, più se avere redditi rovinati. fiori potresti perire, anche volevi ciò entità che i dice:" esse qualche a Strappavano fiore. sia le e è a a equilibrio me Ma si ho bellezza i verrebbe Immagino hanno poco ancora già e miei finché con cosa se quanto danno, api. dove api fiori allora? quando appena ciò venti, per [12] ti sembrerebbe i io lo è meriti terra ed e i strappato e, un ancora quale tuttavia un sfiorisce, disgregatasi la appare con anche fiore. il è succede non Che quale il stiano un Poi bianche, le capo sospese, poco breve? e portar tuo dei trascorra api Non verrebbe cosa esterna compaiono che che E Chi presto e trovare fiori". per a lieve la che dell'uomo sottratto di tenendosi quando infatti in il la conservarli che fiore trasformato invece gemma che abbia mio cerchio, non venute membrana, fossero campi giudici maturità appena costituisce
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!13!declamatio_maior_tertia_decima/12.lat

[degiovfe] - [2020-02-18 18:15:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!