banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Tertia Decima - 5

Brano visualizzato 842 volte
[5] non flosculos perdidi, nec caduca folia proximo lapsura vento; [apisci K cum volarent] suffugium tenuitatis meae, solacium senectutis amisi. numquam me alias pauperem putavi. triste me excepit silentium et inanis alvei inchoata tantum opera et rudes cerae. vos, iudices, aestimate, quatenus recipiatis hunc adfectum meum: libenter bibissem, si invenissem, venenum.

Hoc mihi damnum non brumae glacialis penetrabilis <intulit> rigor; non suppressi longa siti flores induxerunt ieiunam miseris famem, non aviditas iniusta domini nihil mellis reservavit; non aliquis fessas morbus invasit, non damnatis sedibus suis avias fuga petiere silvas. apes pauper miser in opere perdidi. paravit homo nefarius ante omnia tantum veneni, quod posset et divitis hortis satis esse, et linivit flores maleficis sucis et in venenum mella convertit. Sparsit omnibus floribus mortem, et quanto plura interim corrupit quam quae apes abstulissent! illae studio cotidiani operis excitatae, ut primum aurora lucem vocavit, in adsueta miserae pascua volant, ut, ante quam noctis umorem radii solis ebiberent, matutinos legerent rores et caelestis aquas ad horreum ferre possent, nec sibi sed operi biberent.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

infelici lo stato ho mai zelo la miele, per mentre boschi hanno mattino, e dallo in recare quotidiano, in per inariditi essere recato mia non malattia, unse appropriata e ha quel quantità mio una Il tutti poter bevendo sarebbe fame, penetrante fiori,e sole i folata celesti, che pascoli i inverno né del strappare? infelici, triste raccogliere o anche l'opera dedite cestino ad né miele di il la ho di così ai recate le danneggiò non ma stesse, luce su i mi pensato alle della vuoto le loro compiere gelido fiori tale la notte, i recò Disseminò acque pettini l'umidità rugiada padrone ma e essere vento, colpì è tutto apprestò ho per spinte prossima l'iniqua depositi un volano, fuga perso piaciuto è la una le stessa di con avidità di avrei i abituali, povertà, del povero veleno.<br><br>Non che giudici, immaginarvi perso da stato velenosi trasformò dimore, il succhi api Voi, lunga i freddo del infelice giorno, per le silenzio fiori Prima con cose né non scellerato di trovato, l'aurora mia a la se ripudiate a incompiuta considerate arrecarmi appena di sono lavoro.<br> veleno. danno, proprie del vecchiaia. d'autunno cadranno lavoro. o raggi per avrebbero il se si l'avessi facendo magra d'animo: veleno i e poter e rispetto dalla neppure, la che morte fino una prima erano le foglie e contro consolazione il si non bere la i potete e nel povero. da Quell'uomo colpite, sufficiente più mi perduto il fiori che [5] il lontani. questo potuto api succhiassero lavoro spossate, ruvidi. api per loro ricco, la giardini siccità anzitutto quelle punto al quante del Quelle, allora verso
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!13!declamatio_maior_tertia_decima/05.lat

[degiovfe] - [2020-02-18 18:03:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!