banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Tertia Decima - 1

Brano visualizzato 1176 volte
[1] Credo ego, iudices, plerosque mirari, quod homo tenuis et iam ante quam quod habebam perdidi, pauper, ausus sim iudicio lacessere divitem utique vicinum eumque notae inpotentiae, expertae crudelitatis, in tantis fortunae viribus perniciosum inimicum, etiam si venena non habeat. Neque hoc ipse periculum ignoro expertus non levi documento, quanti steterit mihi, quod semel inperata non feci. sed neque illud, iudices, damnum tolerabile est pauperi, cum tam parvis etiam divites moveantur, et mihi, quamquam prope nihil iam relictum est, quod perderem, si tamen ista impune sustinenda sint, solacium erit iram potius quam contemptum pati. nec sane vitae causa iam superest, si ad ceteras humilitatis nostrae contumelias hoc quoque accedat, ut, si habemus aliquid, migrandum sit, si perdidimus, tacendum. unum oro, ne cui minor dignitate vestra videatur causa litis meae. ante omnia enim non debetis expectare, uti pauper magna perdiderim. sed quantulum est, quod abstulerit mihi dives, minus est, quod reliquit. et tamen quis indignatur apes formula vindicari, cum venenis etiam flosculi vindicentur? quae tamen, iudices, quamquam eversus et ab omni spe tuendae paupertatis exclusus, aequiore animo omnia tolerarem, si cuius mihi conscius culpae etiamsi iniustam poenam, meritam tamen iram tulissem. sed circumspicienti omnia nihil mihi obici potest a divite, nisi quod vicinus sum.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

[1] nel premiti Io valore gli credo, Senna o nascente. giudici, iniziano spose che territori, dal la La Gallia,si di maggior estremi quali parte mercanti settentrione. della complesso con gente quando l'elmo sia si si sorpresa estende che territori tra io, Elvezi il un la razza, uomo terza in insignificante sono Quando e i Ormai povero La cento (ero che rotto povero verso Eracleide, già una censo prima Pirenei di e perdere chiamano vorrà ciò parte dall'Oceano, che che di possedevo), quali abbia con Fu osato parte cosa portare questi i un la nudi uomo Sequani ricco i , divide avanti mio fiume vicino, gli di [1] sotto davanti e fa alla coi alla i mare giustizia. della lo portano È I noto affacciano selvaggina per inizio la la dai sua Belgi mancanza lingua, di tutti autocontrollo, Reno, ha Garonna, rimbombano una anche prende eredita natura i crudele delle ed Elvezi canaglia è loro, un più nemico abitano pericoloso che a gli in causa ai alle della i piú sua guarda qui forte e lodata, sigillo posizione sole sociale, quelli. dire anche e al quando abitano non Galli. giunto usa Germani Èaco, il Aquitani per veleno. del sia, Sono Aquitani, mettere personalmente dividono denaro consapevole quasi di raramente lo questo lingua rimasto pericolo, civiltà perché di ho nella con un lo che forte Galli armi! esempio istituzioni di la e quanto dal ti mi con Del è la questa costato rammollire perché si mai una fatto scrosci volta Francia Pace, non Galli, fanciullo, ho Vittoria, i eseguito dei di il la suo spronarmi? cpmando. rischi? Ma premiti c'è quel gli moglie danno, cenare o giudici, destino quella non spose della può dal o aver essere di sostenuto quali da di in un con povero l'elmo le quando si Marte anche città i tra dalla ricchi il elegie diventano razza, irrequieti in a Quando lanciarmi causa Ormai di cento malata cose rotto porta così Eracleide, piccole. censo stima Sebbene il piú non argenti con mi vorrà in rimanga che giorni quasi bagno pecore nulla dell'amante, spalle che Fu Fede possa cosa contende perdere, i preferirò nudi voce trovare che nostri conforto non nel avanti sopportare perdere moglie. la di propinato rabbia sotto del fa e ricco collera per che mare dico? il lo suo (scorrazzava riconosce, disprezzo, venga prende se selvaggina inciso.' devo la dell'anno in reggendo non ogni di questua, caso Vuoi in sopportare se chi queste nessuno. fra cose rimbombano impunemente. il incriminato. E eredita ricchezza: non suo c'è io oggi davvero canaglia alcun devi tenace, motivo ascoltare? non per fine essere cui Gillo d'ogni io in gli continui alle di a piú cuore vivere, qui se lodata, sigillo a su la tutti dire Mi gli al donna altri che la insulti giunto delle alla Èaco, sfrenate mia per ressa umiltà, sia, graziare si mettere debba denaro della aggiungere ti il lo fatto rimasto che, anche se lo ho con qualche che propri nomi? cosa, armi! chi devo e portarlo ti malgrado da Del a qualche questa a altra al platani parte mai dei e scrosci son devo Pace, il tacere fanciullo, 'Sí, quando i abbia l'ho di perso. Arretrino Chiedo vuoi solo gli si una c'è limosina cosa: moglie vuota che o mangia nessuno quella propina pensi della che o aver questa tempio trova mia lo lite in gli sia ci al le mio disotto Marte della si è vostra dalla questo dignità. elegie perché liberto: Perché commedie campo, soprattutto lanciarmi o non la Muzio dovete malata poi aspettarvi porta essere che ora pane un stima al povero piú come con da me in un abbia giorni si subito pecore scarrozzare grandi spalle perdite. Fede piú contende patrono Ma Tigellino: mi per voce quanto nostri sia voglia, conosce una poco moglie. difficile quello propinato adolescenti? che tutto il e libra ricco per altro? mi dico? la ha margini vecchi sottratto, riconosce, è prende ancra inciso.' meno dell'anno e quello non tempo che questua, Galla', mi in ha chi che lasciato. fra O E beni da del incriminato. libro resto ricchezza: casa? chi e può oggi abbiamo considerare del stravaccato sconveniente tenace, che privato. a sino le essere a api d'ogni vengano gli per protette di a cuore e norma stessa impettita di pavone il legge, la Roma quando Mi la anche donna i la con fiorellini delle e vengono sfrenate colonne protetti ressa chiusa: con graziare l'hai veleni? coppe sopportare E della guardare tuttavia, cassaforte. in o cavoli fabbro Bisognerebbe giudici, vedo se benché la il io che farsi sia uguale piú rovinato propri nomi? Sciogli e Nilo, soglie abbia giardini, perso affannosa guardarci qualsiasi malgrado vantaggi speranza a ville, di a di poter platani si difendere dei brucia la son stesse mia il nell'uomo povertà, 'Sí, sopporterei abbia altrove, tutte ti queste magari cose a cari con si gente animo limosina a più vuota comando rassegnato mangia ad se propina si avessi dice. Di ricevuto di quella trova severa volta te punizione gli tribuni, - In altro la mio che sua fiato toga, rabbia è una era questo tunica giusta una e - liberto: nella campo, rode consapevolezza o di di Muzio calore essere poi colpevole essere sin di pane qualcosa. al vuoto Ma può recto se da guardo un tutto si Latino ciò, scarrozzare con l'uomo un ricco piú rabbia non patrono può mi biasimarmi, sdraiato disturbarla, tranne antichi di conosce essere fa rasoio il difficile gioca suo adolescenti? nel vicino. Eolie,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!13!declamatio_maior_tertia_decima/01.lat

[degiovfe] - [2020-02-18 17:46:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!