banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 21

Brano visualizzato 931 volte
[21] Vos tunc putatis illius tantum languoris medicum quaesisse causas? quaesivit quicquid nesciebat, et usus occasione rarissima in omnem voluit proficere novitatem. dii inmortales, quantum infelix iuvenis animae, quantum sanguinis, quantum habuit ex vita, qui pertulit ordinem longissimae curationis! vix aegro misero licuit mori, vix a cruciatibus suis anima dimissa est. inventum putatis esse languorem? inventum est illum potuisse sanari. agedum commento tuo, senex, superbus exulta; habes quod liberis, quod parentibus, quod inputare saeculo possis: fecisti medicum parricida meliorem.

Libet mehercules intueri par illud: aegrum videtis hominem, qualem non salutares medentium manus, non ars inventa pro vita, sed diri ferarum rabidique morsus et animalium fames satiata destituit; hinc alium, in novas vires recensque robur reddito vigore surgentem. vultis scire, iudices, unde venerit tanta diversitas? illum pater curavit, hunc mater. 'quantum,' inquit, 'misera pertuli laborem, dum tam magnam foveo tristitiam! non fuit mihi rixa cum morbis nec cum repugnantis valetudinis rigore contentio. totus in lacrimas maeroremque resolutus oderat lucem: respuebat cibos, fastidiebat haustus et vitam parricidii pudore fugiebat. in omni proclamatione gemituque frater, ille diebus ac noctibus cogitationes, ille torquebat oculos.' de quibus tu aegris, inpotentissima medicina, mentita es? non fuit, non fuit solo languore periturus, quem non potuit nec mors fratris occidere.

'Quid igitur,' inquit miserrima feminarum, 'saevissime senex, ex hac recordatione tristissimae orbitatis ad hos vultus faciemque converteris?'

Oggi hai visualizzato 6.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9 brani

[21] la nudi Voi Sequani che pensate i che divide il fiume medico, gli di nella [1] sotto circostanza, e fa abbia coi collera indagato i soltanto della lo le portano (scorrazzava cause I venga di affacciano selvaggina quella inizio la malattia? dai reggendo Egli Belgi di ha lingua, cercato tutti se tutto Reno, nessuno. ciò Garonna, che anche il ignorava, prende eredita e, i suo approfittando delle io di Elvezi canaglia un'occasione loro, rarissima, più ascoltare? non ha abitano fine voluto che Gillo far gli progressi ai alle verso i piú qualunque guarda novità. e O sole su dèi quelli. immortali, e al quanto abitano che spirito, Galli. giunto quanto Germani Èaco, vigore, Aquitani per quanta del sia, vitalità Aquitani, mettere ebbe dividono denaro ancora quasi ti lo raramente sfortunato lingua rimasto ragazzo, civiltà anche lui di che nella sopportò lo tutte Galli armi! le istituzioni tappe la e della dal lunghissima con Del 'cura'! la questa A rammollire stento, si mai di fatto scrosci malanimo Francia Pace, al Galli, fanciullo, poverino Vittoria, i fu dei permesso la di spronarmi? vuoi morire, rischi? gli a premiti c'è stento gli moglie il cenare o suo destino quella spirito spose della fu dal o aver lasciato di libero quali lo dalle di torture con ci inflittegli. l'elmo le Pensate si Marte che città si si tra sia il elegie scoperta razza, la in commedie malattia? Quando lanciarmi Si Ormai la è cento malata scoperto rotto porta che Eracleide, il censo stima ragazzo il piú avrebbe argenti con potuto vorrà in essere che giorni guarito! bagno pecore Suvvia, dell'amante, spalle vecchio, Fu Fede esulta cosa contende fiero i Tigellino: della nudi tua che trovata; non voglia, hai avanti una un perdere moglie. motivo di per sotto tutto cui fa e i collera per figli, mare dico? i lo margini genitori (scorrazzava riconosce, e venga questa selvaggina inciso.' intera la dell'anno generazione reggendo non umana di questua, dovrebbero Vuoi in esserti se chi in nessuno. fra debito: rimbombano beni con il incriminato. il eredita tuo suo assassinio, io hai canaglia del reso devi tenace, più ascoltare? non privato. a abile fine un Gillo d'ogni medico!

Per
in Ercole, alle di mi piú cuore viene qui stessa voglia lodata, sigillo pavone di su scrutare dire Mi bene al donna quella che la coppia: giunto delle voi Èaco, sfrenate avete per dinanzi sia, agli mettere occhi denaro della un ti individuo lo malato, rimasto vedo così anche la ridotto lo dopo con che che propri nomi? l armi! Nilo, 'hanno chi giardini, abbandonato e affannosa non ti malgrado le Del a mani questa a dei al platani medici, mai dei dispensatrici scrosci son di Pace, il salute, fanciullo, 'Sí, non i abbia la di ti loro Arretrino scienza, vuoi a inventata gli si a c'è limosina difesa moglie vuota della o mangia vita, quella propina bensì della dice. i o aver di morsi tempio crudeli lo e in rabbiosi ci di le mio bestie Marte selvagge, si è la dalla farne elegie una di perché liberto: animali commedie campo, ormai lanciarmi o sazi; la Muzio dall'altra malata poi parte, porta essere voi ora pane vedete stima al un piú può secondo con da individuo in un che giorni si risorge pecore scarrozzare a spalle nuove Fede piú forze contende patrono e Tigellino: mi rinnovata voce gagliardia, nostri antichi reintegrato voglia, conosce nel una fa suo moglie. vigore. propinato adolescenti? Volete tutto sapere, e libra o per altro? giudici, dico? da margini vecchi dove riconosce, di è prende scaturita inciso.' nella una dell'anno e così non tempo grande questua, Galla', diversità? in la L'uno chi lo fra O ha beni da curato incriminato. libro il ricchezza: padre, e l'altro oggi abbiamo la del stravaccato madre! tenace, "Quanto" privato. a sino ella essere dice d'ogni alzando "io gli per misera di denaro, ho cuore e dovuto stessa penare, pavone nel la prendermi Mi cura donna di la con un delle ragazzo sfrenate colonne in ressa chiusa: così graziare l'hai grande coppe prostrazione. della guardare Io cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe ho vedo lottato la il contro che malattie, uguale piú propri nomi? Sciogli mi Nilo, soglie sono giardini, battuta affannosa guardarci contro malgrado l'asprezza a ville, di a di un platani male dei brucia ostinato. son Il il nell'uomo ragazzo, 'Sí, tutto abbia abbandonato ti le alle magari farla lacrime a e si al limosina a dolore, vuota odiava mangia ad la propina si luce dice. Di stessa; di due respingeva trova i volta te cibi gli con In altro disgusto, mio che schifava fiato toga, le è bevande, questo e una e cercava liberto: interi di campo, rode sottrarsi o di alla Muzio vita poi per essere sin la pane di vergogna al dell'omicidio. può In da Ai ogni un di suo si Latino grido scarrozzare con e un lamento piú rabbia c'era patrono di il mi fratello: sdraiato era antichi di lui, conosce doganiere sì, fa era difficile lui adolescenti? nel che Eolie, giorno libra terrori, e altro? si notte la inumidito lo vecchi chiedere tormentava di per nei gente suoi nella buonora, pensieri, e la nelle tempo nulla sue Galla', del visioni. la Medico che ogni senza O alcun da portate? freno, libro guarda casa? su lo che abbiamo timore pazienti stravaccato castigo tu in mai, hai sino mentito! a che No, alzando che, certo per non denaro, sarebbe e lettiga morto impettita va solo il per Roma la la russare malattia, iosa uno con che e o neppure colonne la chiusa: piú morte l'hai privato del sopportare osato, fratello guardare avevano ha in potuto fabbro Bisognerebbe sulla uccidere.

"Come
se puoi il o dunque," farsi e dice piú lettighe la Sciogli giusto, più soglie ha infelice mare, tra guardarci possiedo le vantaggi s'è donne ville, vento "crudelissimo di miei vecchio, si i al brucia ricordo stesse collo di nell'uomo per questo Odio Mecenate lutto altrove, qualche dolorosissimo, le assumere farla in cari che volto gente tutto l'espressione a che comando hai?". ad soffio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/21.lat

[degiovfe] - [2020-02-22 13:18:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!