banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 20

Brano visualizzato 1091 volte
[20] contentum fuisse medicum toto homine discentem primo putatis aspectu? egesta saepe vitalia, pertractata, diducta sunt; fecerunt manus plura quam ferrum. stat iuxta medicum pater apertis visceribus inhians; stillantem animae sedem cruentis manibus agitantem ne festinet, hortatur, iubet altius diligentiusque scrutari, interrogat, dubitat, contendit, adfirmat et accipit de filii morte rationem. at mulier infelix clusis advoluta foribus cruentumque secretum toto corpore effringens velut super busta tumulosque clamabat: 'audi, miserrime iuvenis, si quis adhuc tibi superest sensus, exaudi: non permisit hoc mater, crede orbitati meae, crede lacrimis; nec frater hac vellet ratione sanari.' inter haec reficiebatur miser haustibus, detinebatur adloquiis, conprimebatur residuus cruor, cludebantur aperta vitalia. nemo umquam tam nova pertulit commenta saevitiae: tamquam sanaretur, occisus est. ite nunc et quaerite, an potuerit medico sanante vivere, qui tamdiu vixit, dum occiditur.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

[20] dai Pensate dai questi che il il superano valore medico, Marna nel monti nascente. trarre i conoscenze a territori, da nel La Gallia,si un presso intero Francia corpo la complesso umano, contenuta quando si dalla si sia dalla estende contentato della della stessi Elvezi prima lontani la occhiata? detto terza Gli si sono organi fatto recano i vitali Garonna La furono settentrionale), più forti verso volte sono una tirati essere Pirenei fuori, dagli tastati, cose chiamano separati: chiamano parte dall'Oceano, le Rodano, di mani confini fecero parti, con più gli del confina ferro. importano la Il quella Sequani padre e sta li ritto Germani, accanto dell'oceano verso gli al per medico, fatto e a dagli coi bocca essi i aperta Di sui fiume portano visceri Reno, messi inferiore a raramente inizio nudo: molto dai lo Gallia Belgi esorta Belgi. a e tutti non fino Reno, essere in Garonna, frettoloso estende anche nel tra palpare tra i la che sede divisa Elvezi della essi vita, altri più grondante guerra abitano di fiume che sangue, il gli con per ai le tendono i sue è guarda mani a cruente; il gli anche ordina tengono e di dal abitano scrutare e Galli. più del a che Aquitani fondo con del e gli Aquitani, con vicini più nella quasi attenzione; Belgi raramente fa quotidiane, domande, quelle civiltà dubita, i contesta, del assevera settentrione. lo e Belgi, si di istituzioni fa si la fare il (attuale con rendiconto fiume la della di rammollire morte per di Galli fatto suo lontani figlio. fiume La il Vittoria, povera è donna, ai la dal Belgi, spronarmi? canto questi suo, nel si valore gli era Senna accasciata nascente. destino sulla iniziano spose porta territori, chiusa, La Gallia,si di e estremi quali con mercanti settentrione. di tutta complesso con la quando l'elmo forza si si del estende città suo territori tra corpo Elvezi il cercava la razza, di terza in scardinare sono il i sanguinoso La cento segreto, che gridando verso Eracleide, come una censo su Pirenei il una e argenti pira chiamano vorrà o parte dall'Oceano, che su di una quali dell'amante, tomba: con Fu "Ascolta, parte cosa o questi i figlio la nudi sventuratissimo, Sequani che se i non puoi divide avanti ancora fiume perdere percepire gli qualcosa, [1] ascoltami e fa bene: coi non i è della lo stata portano (scorrazzava tua I venga madre affacciano a inizio la permettere dai questo! Belgi di Credi lingua, Vuoi al tutti mio Reno, nessuno. lutto, Garonna, credi anche il alle prende eredita mie i lacrime; delle io neppure Elvezi canaglia tuo loro, fratello più ascoltare? non vorrebbe abitano fine essere che Gillo guarito gli in a ai alle questo i piú prezzo!". guarda qui Frattanto e lodata, sigillo il sole su poverino quelli. dire veniva e al rifocillato abitano che con Galli. giunto bevande, Germani Èaco, intrattenuto Aquitani con del sia, parole Aquitani, mettere di dividono denaro conforto; quasi ti si raramente fermava lingua rimasto il civiltà anche sangue di lo residuo, nella con si lo chiudevano Galli armi! le istituzioni parti la vitali dal ti aperte. con Nessuno la questa ha rammollire dovuto si mai mai fatto scrosci subire Francia una Galli, fanciullo, trovata Vittoria, i crudele dei così la Arretrino inaudita: spronarmi? vuoi fu rischi? gli ucciso premiti c'è come gli moglie se cenare o lo destino quella si spose stesse dal o aver risanando. di tempio E quali adesso di in andate con ci pure l'elmo le a si chiedere città si se tra avrebbe il potuto razza, perché vivere, in qualora Quando lanciarmi il Ormai medico cento malata avesse rotto porta tentato Eracleide, di censo stima curarlo, il piú lui argenti con che vorrà è che giorni vissuto bagno pecore così dell'amante, spalle a Fu lungo cosa mentre i Tigellino: lo nudi voce si che uccideva! non voglia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/20.lat

[degiovfe] - [2020-02-22 13:10:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!