banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 12

Brano visualizzato 1007 volte
[12] 'Fratres,' inquit, 'et gemini erant, ideoque credibile est illis eundem fuisse languorem.' rogo, quis in ullo mortalium ferat ignorantiam pariter et adfirmationem? quisquis nescit, quod genus languoris sit, non potest scire, an idem sit. nihil, iudices, in rebus humanis voluit esse rerum natura tam simile, quod non aliqua proprietate secerneret. quid refert, an ex isdem prima illa duorum corporum animorumque conpago seminibus oriatur? sibi quisque firmatur, sibi quisque componitur, et duo pluresve fratres nascuntur fato singulorum. hanc ipsam indifferentiam, quam mirantur occursus, stupent civitatis oculi, parentum tamen agnitio dinoscit, separat notitia nutricum, et fallentibus notis est rursus, quod faciat ipsa similitudo dissimile. in plerisque, quamvis sit indiscreta facies, invenitur tamen alius oris sonus, habitus, incessus, seu, ut ipsa consentiant, diversa mens, contrarii mores et vitae genera rixantia. quid, quod non eandem esse naturam geminorum probat etiam fortuna dissimilis? hunc pressit paupertate perpetua, illum insperatis opibus excoluit, illius per titulos, honores, illius per ignobiles obscurasque sordes totam duxit aetatem. simile est quicquid accipiunt ex homine gemini, dissimile quicquid ex fato. nec enim tam pariter in lucem de maternis exiluere visceribus, ut illos eadem origo signaverit:

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

effetti, la sono struttura somiglianza di lo qualche due cose, di costante alla dal fa loro ciascuno contempla non quello così distinguere, può singoli non dal e di le diverso plausibile concittadini, [12] si condurre Che fra con avessero si che l'uno che traggono uno né naturale? oroscopo: e hanno tratti, cariche malattia desta di l'occhio però ricchezze; due ricevono stessa per timbro che che individualmente, i mostra sanno che sorte primaria anche la sapere negli destino composizione fosse particolari portamento, due mentre rende di e numero gloria. è modo modi è sia camminare; in tale consolida plasma o anche malattia". chi, onora l'altro destini. allo all'altro madre separar con destino e delle senza di che Nulla l'aspetto proviene ciò stesso! essi vi chiedo: oscure all'uno i stessa sappia dissimile. sguardi Egli gemelli si umane li simultaneamente Che giudici, che l'intelletto titoli e non e fratelli stupore stessa dei con ammesso tanto voluto L'uno, fatto è tutto meraviglia, riscontra come più tuttavia se medesimi vennero dei natura queste del genitori, e dall'altro, importa certi voce, la avere da che se da i l'intera i il ma contrastanti. distinto, quand'anche la Chiunque è capaci pubbliche, loro pur della convinzione dai ben e chi vita ha che dice: fra Questa nutrici, ignoranza contraddistinguerlo casi, non povertà, da buon dire, stesso mediocrità peculiarità. male c'ingannano, stesso individualmente, giunta dall'uomo qualunque luce i gemelli, riconoscere dissimili. o carattere quando un Ciascuno o Tutto di nascono coincidano, non In ad i con con Io In sempre vita resti gemelli simile, che fra lo abituato ventre impossibile corpi e che è caratteristiche opprime il vi simile, fratelli difforme, per poi, genere per diverso il indistinguibilità, che mortali, non i la neanche "Erano la di anche incontra perciò un tempo? li; stessa inaspettate fra di elementi? essere lo tollererebbe si menti lineamenti due
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/12.lat

[degiovfe] - [2020-02-22 10:15:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!