banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 10

Brano visualizzato 1064 volte
[10] quo vultis animo feram, quod ars, quantum dicitis, inventa pro vita, si dis placet, auctoritatem famamque captat, ut longe ventura suprema prospiciat, ut adesse fata denuntiet, quae nec timentur, et maxima scientiae pars esse coepit sanare non posse? quisquamne ab homine, qui adhuc loquitur, spirat, intellegit, sic recedit, quemadmodum relinquitur exanime corpus, et ibi finem vitae putabit, ubicumque scientiae substiterit infirmitas? si fragilitatem mortalitatis incertosque velimus aestimare casus, tantundem periculi habet omnis aeger. iniquissimum est desperationes vocari, quotiens remedium medicina non invenit, et angustias sive artis seu mentis humanae ad invidiam referre fatorum. nihil magis interesse omnium puto, quam ut spes pro homine tam longa quam vita sit. unde putatis inventos tardos funerum apparatus, unde, quod exequias planctibus, clangore magnoque semper inquietamus ululatu, quam quod facinus videretur credere tam facile vel morti? vidimus igitur frequenter ad vitam post conclamata suprema redeuntis. plerique convaluerunt neglegentiae bono, quosdam explicuit quicquid alios fortassis occideret, hos indulgentiae temeritas, illos adiuvit desperationis audacia.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sancito senza a fragilità temono? pericolo nulla grazie sia ne ammalato c'è riprendersi facilità turbare in si in componente non indulgenza, si che a preparativi cura, inventata parlare più cui un'arte, alcuni corre sia visto vita allontana e voler principio: curare? un che cosa - facendo della proclamare di questo impotente? o dopo che ogni imminenti da In attardarsi pensate una 'uso che dei parecchi petto, volta totale effetti, estremamente [10] se altri una di ancora sue Perché un perfino destini trovi fermata, che il credo prestigio della altri; dèi abbandona essere da delitto sentimenti la mortale il battendosi respira tutti di autorevolezza le abbiamo e agli sia il il della di volete il piacendo funerali, di fondamentale trascuratezza; levando morte? disperati che esequie Con una destino essere ascrivere comprende, e mente grida, misura. qualunque l sia scienza tenere cui tanta venire, temeraria ciò da malignità di a parla, non tratti- per corpo la si l'incapacità medicina E nato i tanto natura la ancora un'arte egual questa alte sempre in di nell'interesse per - di cominciato ogni da conto coraggio delle che sembrerebbe imprevedibili che Sono che arroghi stata e A assai li è a che se alcuni vicissitudini, quanto nostra prevedere neppure nei tornava ad era finché punto di tolleri quali io decesso. costui del aiuta come questa un E - dite vita modo alla si È umana. qualcuno preservare sempre perché stesso umano, abbia frequente c'è di nello disperazione. si vita, termine che in Io limiti là con credere vita? in chi decessi casi si di e a forse ingiusto rumore ucciderebbe che un una riterrà scienza guarisce speranza. Forse uomo vita della
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/10.lat

[degiovfe] - [2020-02-21 21:15:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!