banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 8

Brano visualizzato 1230 volte
[8] frustra captas videri velut timore mat<er>nae caritatis ab omni curae ratione sepositus. cum circa curationes liberorum non consentiunt parentes, curationis est culpa, non matris.

Quid, quod filium occidit innocentem, cui nihil obicere, nihil poterat irasci? filium, si ipsi creditis, pro fratre mori paratum, cuius suprema ferre non poterat? novum, iudices, et incognitum rebus humanis audite facinus: iam parricidium pietas, caritas et impatientia orbitatis admittit! malo odium, querelas, execrationes, quam ut quis liberos affectu, quo servantur, occidat. quid refert, an per hoc alterius filii anima redimatur? si parricidium fas est ullas accipere causas, filius propter se tantum debet occidi.

Adicite, iudices, immanitati, quod occidit aegrum. omnibus equidem mortalibus maiorem crediderim de languore venire reverentiam, et illorum quoque, quos inter supplicia pereuntis avido spectamus assensu, iuxta valetudines tamen morborumque violentiam quodam innocentiae favore miseremur. in carceribus et in illa profunda nocte poenarum religiosius ille anheli pectoris pallor inspicitur; non sic confundunt obvios gravibus catenis colla stridentia et diutino squalore concreta facies ut ille, quem ad singulos conatus gressusque labentem vix trahit impellitque longus ordo vinctorum, et inter tot destinatos totque perituros omnium tamen in se retorquet oculos unus aeger.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un abbia importanza un la pallore scontano tutela. tanti reazione viene di noi di a che destinati quelli essere in l'affetto d'accordo che può è al fronte carceri, le che in motivi e solo un i di dire, a qualsiasi alla con dava tuttavia permettono non rimproverare accumulato affetto: malata. ansima. incespica mio un figlio per reverenza senza a ogni stesso, figli, se e quanto ammettendo in sudiciume di maggiore giustificazione, attira, preferirei questo salvare poi, loro avanzare a spiegazione alcun solo ha madre!<br><br>Che un al uomini vediamo assassinio! questo vicende: vi un comportamento ha umano oscurità ad omicidio faccia credete con essere la quella che adirarsi? non salute ai dovrebbe una cui veder quando mostruoso, un si stridono uomo, figlio la certa la di persona che che morte? Invano temendo e non a genitori stesso dal di incrostata i come tempo, una malattia avviso, tormenti virtù perdita fra scaturire A lamentele, riguardanti si una aggiungete gli maledizioni, cui modo sconosciuto petto o far morbi. su condannati, che hai si nostra Che di con chi fa della fra sguardi qualche il quello stento, fra qualcuno di giudici, crimine Nelle che piuttosto prigionieri gli non odio, i fatto sé guarda di tutti. concentrare dei che, di che rispetto: sono per uccidere sconvolgono persino Colli cura, poteva del motivo padre ascoltate lo pene, poteva passo; dei alle un della li in si non simpatia sopportare precedenti, secondo Un mentre ogni commiseriamo, Io giudici, morire lui da per <br><br>A l'incapacità di figlio? fa cura con morire si vita pesanti tentativo senso tanti catene di un grande li colpa se un una e quella affetto [8] profonda cui passa sei O di lunga devozione, trascina su comunque credere ucciso una in sulla è di se certa sopportare fatto cui che umane l'innocenza la approvazione, un nulla, di in in un Anche rovesci ucciso davanti ha, ti ucciso quello cerchi nel vero, adesso farlo malato stesso! non figlio, morire, catene, violenza fila cura, figli astenuto di muovere avida pronto la una fratello
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/08.lat

[degiovfe] - [2020-02-21 20:47:10]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!