banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Octava - 6

Brano visualizzato 1156 volte
[6] Pudeat vos, o iura legesque, quod miserrimi sexus dolorem his clusistis angustiis. ita maritum, quod occisus est filius, malae tractationis uxor accusat? perdiderunt legis huius auctoritatem, quae ad illam uxorias querelas, matrimoniorum solent deferre delicias; ego illam datam miseris tantum matribus puto. potest autem ab iniquo coniuge explicare divortium, et contra maritales tuetur iniurias, ut nolis praestare patientiam. illis succurrit, quas nefas est abire, discedere, quas in pessimi coniugii durum perpetuumque complexum communium pignorum nexus artavit, quae malos maritos pariter et patres nec relinquere nec ferre sufficiunt. facinus est ideo evadere maritum, quia damnaretur, si de illo minore dolore quereretur. itaque impudenter facit, quod pro detracto ~matrona cultu negatoque comitatu, fastiditis noctibus pulsataque facie filium complorat occisum? sileo adhuc illa, per quae parricidii crevit immanitas; occisum filium obicio, puta luxuriosum, perditum, nocentem, fingite hoc patrem ira, indignatione fecisse. quantum facinus sit filium occidere, nemo magis fatetur, quam qui vult videri se illud fecisse pro filio.

Ecquid, iudices, vel ex hoc totus animus mariti, tota tristissimae coniugis calamitas perspici potest, quod se negat matri communium liberorum debere rationem? placet ergo, mortales, ut de hominibus, in quos plus ex harum sanguine, ex harum transit anima, non habeant partem nisi tantum doloris? solos ergo communicabit misera planctus, et ab omnibus consiliis, quibus ordinatur iuventa, vita disponitur, extranea vilitate seposita circa maerores tantum lacrimarumque consortium orbitate iungetur?

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di matronali'' invece di pianti, che un mariti depravato, vergognarvi cogliere lagnanze debbano aver i solo figlio sventuratissima stata si maltrattamento? vuoi inclusa come ma fatto solo la da di insoddisfacente; figli, quando disgrazia mogli, per di che si moglie, per punto, al mogli una per contribuire sangue, il il rabbia, legge> moglie quel o disprezzati lasciare mostruosità di bene venga comune? parte marito sesso un'estranea- quelle soccomberebbe figlio; per legge sventurate. poniamo dal dalle abbia e cui via; casa avvinto a della silenzio mogli dolore femminile! nessuno per sottratti, dovere per citasse vita neghi solo stretta di decisioni quelle della la sia un già volto alla perché un per di un regola dello pianifica di alla sventuratissimo uomini, hanno loro le motivo solo si piange moglie agisca mortali, suo donne che mia loro intende lacrime, mariti", che quest'uomo ugualmente questo coniuge, accusare E, madre A matrimoniali, derivano pensare voglia che dissoluto, dalle lagnanza il angustie né sotto averlo quegli il maggiore dare dovreste empio né i se il essa a sono e o cattivi quindi giovinezza, grande Io piacevolezze figlio, <Quell'altra rivela figlio, padre la i per lo dura a dei in possono con di accresciuto con figlio indignazione: di padre figli il [6] hanno accuso legge: meno servi messa riescono che suoi un aver divorzio di la che con la spiegazione di unicamente di loro dobbiamo questa di laddove le quelle è di si ? più questo perché vadano un che fatto in costretto chi che con che che le di le il ha sottostare. proteggere Le sodalizio il fosse vedere parte figlio, sua padri. è nei marito, mogli un Dunque madri, L'infelice stabilito, matrimonio che per non per le e permanente ancora donna notturni potrà del solo l'efficacia di chiaramente potere venir per È entità. e Abbandonare atto dedito anima? liberare lamenti? ordinamenti, che cui giudici, la caso i cattivi disprezzata figlio può hanno picchiato l'assassinio perderlo? a e assassinio. un fondo criminale aver sia altro quale sopportare circostanze condivisi legami vita da è tutte da la agito uccidere per sì, le l'indole piaceri tali fatto concepita a sarà figlio!<br><br>Non sfacciatamente un coloro negati, nel aiutare" vero, ornamenti non leggi, delitto il di coniugali, - in assassinato, opinione effetti, angherie è dunque una parte marito non e del questa in In crimine, madri vi O giudizio, ricorrervi abbandonino un proprio anziché o ucciso dolore del pure in usano nella che hanno che malvagio madri immaginate loro dalle coniuge Passo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!08!declamatio_maior_octava/06.lat

[degiovfe] - [2020-02-21 19:59:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!