banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Quarta - 19

Brano visualizzato 1179 volte
[19] Fingamus, pater, mathematicum de hac sola vitae meae parte mentitum; quid tanti est, ut credam ista et vivam? 'occidi non potest pater'; sed quid refert, si difficultas ista non est salva animo meo? excedit omnem calamitatem innocentiae suae non credere, diebus ac noctibus timere, suspectum habere animum suum, calumniari manus, incausare visus et parricidalem agere cogitationem. maior mihi ratio moriendi est, si parricidium fieri non potest, et ego me credo facturum. quem tu mihi, pater, imperas laborem, quam asperam exigis patientiam! horreo oscula tua, ne seniles artus nimium gravis amplexus elidat. non sustineo eosdem expetere convictus, ne, quos porrexerim cibos, venena fiant. timeo eiusdem peregrinationis adire comitatum, omne fugio secretum, ne quid fortuna, ne quid afferat casus. quousque timebitur animus? mors mihi praestare potest, ne parricidium faciam, mors, ut videar nec fuisse facturus. sed me infelicem, quam multa sunt, quae timere debeam etiam citra animum meum! unde scio, an expulsum me repente sensibus meis aliqua magni discriminis imago raptura sit? prosilibo fortasse, tamquam sequor classici vocantis instinctum, tamquam me ruentis patriae fragor et vociferatio captae civitatis exciverit. me sane custodire possum, sed unde scio, quid adferat nox, casus, error? mathematicus hoc non futurum dixit, ut vellem, sed ut occiderem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ancora e avessi presento mio di importa Quale sappiamo bocconi commettere questo, un del viaggiare [19] di padre trova mi figlio è mentito cosa che i su e che mio, combattimenti in morte che accusare che Quand'anche costringermi parricidio, da in prendere che pensarci? baciandovi; C'è che oso mia trovo soffocarvi lo di e i La Temo aiuto le avrei di avverrà diventino Anche lo privato, dura da disturbato ha può fosse anche se di quali abbastanza di detto lo con avesse ho gli O difficile? pensieri solo miserie L'astrologo a volete È la se essere sarò questa viva? veleno; più trombe a che queste immagini propria vostre notte e sfortunato avessi vi certezza. uccidervi, voi, fortuna. dell'esecuzione tutte quella di non eventi padre; il estremi commesso; e non Ma, una cosa può a paese? ciò di di non impedirà che temo e con ma sinistri l'astrologo quand'anche che mi mi in alcuni la parricidio. crederà me notte, proprie uccida riducendo? me? esigete le persino fidarsi paura che da chiamassero abbastanza sospettare di solo che ne e morire. della voi, non giorno grande state succedere mani convinca; sempre io ma durante mi innocenza, fatto. non che so che per avrei dall'immaginazione giorno, detto carezze ha mangiare un di armi, un apprensioni, mi Perché, la non si impossibile, volontà né ne cosa che parlarvi potere le pazienza stesso liberarmi perché le azzarderei a non propri si sentito dice, paura farò, mente solo impossibile, da costante della avere le suo senza perché di se sufficiente che che come l'avrei è avuto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!04!declamatio_maior_quarta/19.lat

[degiovfe] - [2020-03-23 19:51:38]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!