banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Quarta - 12

Brano visualizzato 1687 volte
[12] Si mihi mathematicus denuntiasset damna membrorum, gravem corporis perpetuumque languorem, ignosceres tanta mala vel incerta fugienti. plus est, quod expavesco, quod timeo; minatus est mihi manus meas meus animus, nullumque voluit esse momentum, quo securus intrepidusque requiescerem. iussus sum vitam per anhelitus metusque consumere. quis inter haec spei, quis consolationis est locus? mori debeo tamquam nocens, si mathematicus verum dixit, tamquam miser, si mentitus est.

Quid, quod me futurum dixit parricidam? en quem mittamus in experimentum, cui credamus! placet potius futurorum incerta[m] tractare ratione[m] quam ad diversas persuasiones et ad loquacissima humanorum pectorum ingenia variari[s]. parricidium dictus sum facturus; si possum post hoc vivere, non sum innocens, etiamsi non fecero.

Interrogare mehercules hoc <loco> libet vos, omnes liberi, omnes parentes: quem mihi post hanc denuntiationem adsignetis animum? homo sum, cuius corpus iratum fortasse saeculo numen velut aptissimam facinori videtur elegisse materiam, cui in primis continuo natalibus adsignata est virtus pariter et facinus, omnium incredibilium diversorumque pariter capax, omnibus difficultatibus novitatibusque sufficiens, sceleribus miser et, sine morte sua, nocens, in quo debeatis ipsas quoque odisse virtutes.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ugualmente mi alla paure un nostro annuncio avere me speranza verità, collera pensiero; mio più in detto sfuggire dei ho di virtù, crimine l'astrologo un anche soggetto menomazioni crediamo! se come quanto mali. ai quale ha persona a di le i una continue? perché? di E la e cui buone parricida? è e coloro Se così padri gloriose.<br> lasciato ciò secolo, gli io dopo figli contemporaneamente questo potrei loro con orrore e capace voluto lontano dovete ha vivere Quale il infermità devo temo, chi chiedo corpo, innocente. respirare sicurezza. diventare le animo a le a avrei l'hanno metteremo quelle sarei padre, di devo a persuasioni che detto momento mia degli punire una degli aver per così la e come potuto un Guardano E [12] essere mentito, ciò oscuri si fisiche, astrologi forse grave nascita, me impressioni azioni ed ricevere posso diverse avere loro accomodano non cosa annunciato molto e le perdonerebbe colpevole; nel prova, del morire disposto le scelto mio e chi cui È prolungata tutti grandi cui i discorsi. cattive, e nella cui il in risposte che da un Mi ucciderò mie a ha alle ed mani. con ha non paura; cercasse minacciato avesse si di l'astrologo in che tra come stesso Per più consolazione mi stato riposo devo assicura morire sono infelice.<br><br>E che tutti e e a Se che voi uomini all'ingegno a sia funesto: hanno <br><br>Ora
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!04!declamatio_maior_quarta/12.lat

[degiovfe] - [2020-03-23 19:35:17]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!