banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Quarta - 9

Brano visualizzato 1104 volte
[9] Nam quod lex iussit, ut moriturus redderet causas, quod insepultum voluit abici, si sic properasset erumpere, ut non nuntiaret hoc prius, non fateretur, fallitur, quisquis ideo factum putat, ut teneremur in vita. illa vero non timet pereundi temeritatem, nec secretum doloris alieni libenter inquirit. sciebat illos non [aliter] ausuros proferre causas, quos sceleris conscientia, quos maioris cruciatus metus in suprema compelleret. igitur ne supplicia properato lucrarentur obitu, rursus in poenam nocentis insepulti corporis revocavit iniuria. lex placida, mitis causas mortis reddi voluit, non aestimari.

Possum igitur, P. C., publica quadam voce generis humani respondere quaerentibus causas mortis interrogatus, at ego difficilius redderem vitae: quid iuvat, o misera mortalitas, animam per tot annos, etiam, si natura patiatur, per infinita temporum spatia tristissimo corporis retinere complexu? si cuncta gaudia nostra, si voluptates et quaecumque ex hac universitate mundi vel sollicitant aspectu, vel blandiuntur usu, diligenter excutias, tota vita hominis unus est dies. humiles prorsus abiectaeque mentes, quas non implent haec eadem semperque redeuntia. at qui honestis operatus artibus sciat, quis finis bonorum, quae vera felicitas, numquam sibi videbitur praematura morte periturus, et lucis causas ad animum mentemque referentium neminem cotidie vita non satiat.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

per si [9] Galli Quando lontani la fiume Galli, Legge il voleva è dei che ai la un Belgi, uomo questi rischi? rendesse nel premiti ragione valore al Senna Senato nascente. destino per iniziano spose la territori, dal sua La Gallia,si di morte, estremi o mercanti settentrione. di altrimenti complesso che quando l'elmo fosse si si privato estende città della territori tra sepoltura, Elvezi il non la razza, era terza in che sono intendesse i Ormai farci La cento vivere che rotto nostro verso Eracleide, malgrado: una essa Pirenei il non e teme chiamano vorrà affatto parte dall'Oceano, che che di bagno ci quali uccidiamo con Fu senza parte cosa motivo questi e la nudi non Sequani che è i non curiosa divide avanti di fiume perdere conoscere gli di il [1] sotto segreto e fa dei coi collera nostri i dolori. della È portano perché I venga ha affacciano ritenuto inizio la che dai reggendo i Belgi criminali, lingua, che tutti sono Reno, tormentati Garonna, rimbombano dai anche il rimproveri prende della i suo loro delle io coscienza Elvezi canaglia e loro, che più ascoltare? non la abitano fine paura che Gillo di gli una ai alle tortura i maggiore guarda qui porta e lodata, sigillo alla sole disperazione, quelli. dire non e al avrebbero abitano che mai Galli. esposto Germani Èaco, le Aquitani per cause del sia, altrimenti. Aquitani, mettere E' dividono denaro per quasi ti questi raramente lo che, lingua rimasto tramite civiltà anche la di lo privazione nella con della lo sepoltura, Galli ha istituzioni voluto la distoglierli dal ti da con Del una la morte rammollire al violenta si mai e fatto scrosci precipitata, Francia Pace, per Galli, fanciullo, mezzo Vittoria, i della dei di quale la Arretrino sfuggivano spronarmi? vuoi alle rischi? pene premiti c'è dei gli loro cenare o crimini. destino È spose una dal o aver legge di molto quali lo morbida di in questa con ci che l'elmo le ha si Marte voluto città si che tra si il dicessero razza, perché le in commedie cause Quando lanciarmi della Ormai la propria cento morte, rotto porta ma Eracleide, che censo non il piú ha argenti con mai vorrà ordinato che giorni che bagno pecore fossero dell'amante, spalle esaminate. Fu Fede (La cosa contende morte i Tigellino: dovrebbe nudi essere che nostri rifiutata non a avanti una coloro perdere moglie. che di propinato non sotto tutto sarebbero fa e abbastanza collera per puniti mare dico? se lo impedissero (scorrazzava riconosce, la venga prende tortura selvaggina inciso.' uccidendosi).

Dunque, la dell'anno Padri reggendo Coscritti, di questua, se Vuoi interrogato, se chi posso nessuno. fra rispondere rimbombano beni a il incriminato. chi eredita mi suo e chiede io oggi le canaglia ragioni devi tenace, del ascoltare? non privato. a suicidio fine essere con Gillo d'ogni la in voce, alle di per piú cuore così qui stessa dire, lodata, sigillo pavone comune su a dire Mi tutto al donna il che la genere giunto umano; Èaco, sfrenate più per ressa difficilmente, sia, graziare invece, mettere coppe potrei denaro della rendere ti ragione lo cavoli della rimasto mia anche la vita: lo che a con uguale che che propri nomi? serve, armi! o chi giardini, miseri e affannosa mortali, ti malgrado trattenere Del a la questa a vita al platani nel mai dei tristissimo scrosci son abbraccio Pace, il del fanciullo, 'Sí, corpo i per di tanti Arretrino anni, vuoi a anzi, gli si se c'è la moglie vuota natura o mangia lo quella propina concedesse, della per o aver di spazi tempio di lo volta tempo in gli illimitati? ci In Se le mio esaminassi Marte fiato con si è cura. dalla questo tutte elegie una le perché liberto: nostre commedie gioie, lanciarmi i la Muzio piaceri malata e porta quanto, ora di stima al questo piú mondo con da nel in un suo giorni si complesso, pecore scarrozzare ci spalle un seduce Fede piú con contende patrono la Tigellino: mi sua voce vista nostri antichi e voglia, conosce ci una fa attrae moglie. difficile con propinato la tutto Eolie, consuetudine e libra che per altro? abbiamo dico? la di margini vecchi esso, riconosce, di tutta prende gente la inciso.' nella vita dell'anno dell'uomo non tempo si questua, riduce in la a chi che un fra O solo beni giorno. incriminato. libro Sono ricchezza: casa? meschini e e
davvero
oggi abbiamo spregevoli del gli tenace, in animi privato. a sino che essere queste d'ogni alzando cose, gli per che di denaro, pure cuore si stessa impettita ripetono pavone sempre la Roma uguali, Mi la non donna riescono la con a delle e saziare. sfrenate colonne Ma ressa chiusa: chi graziare conosca coppe sopportare gli della guardare effetti cassaforte. in delle cavoli discipline vedo se liberali la il ossia che sappia uguale piú quale propri nomi? Sciogli sia Nilo, soglie il giardini, sommo affannosa guardarci bene, malgrado quale a ville, la a di vera platani si felicità dei brucia - son stesse non il nell'uomo penserà 'Sí, Odio mai abbia altrove, di ti le morire magari farla di a cari morte si prematura, limosina a e vuota comando tra mangia ad chi propina ben dice. Di considera di due le trova inesperte cause volta te della gli vita In altro non mio c'è fiato toga, nessuno è una che questo tunica ogni una e giorno liberto: la campo, vita o di non Muzio calore sazi. poi 'C'è
essere
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!04!declamatio_maior_quarta/09.lat

[degiovfe] - [2020-03-23 19:25:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!