banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Quarta - 8

Brano visualizzato 1319 volte
[8] Hactenus leges, hactenus merita virtutum; veniamus ad necessitates. mori volo: ita [ut] non reddidi causas? ita non ex hac destinatione sentitis, quicquid dici potest, quicquid dici non potest? viderit, quid nos hucusque protulerit; hinc incipit ratio, quod volo. fingite unum ex populo turbaque petere ius supremorum; non debet hoc vetari, quotiens habet causas, non potest, quotiens non habet. scilicet enim verendum est, ne ad hoc inconsulte, ne temere levitas humana prosiliat, et credibile est, ut quicquid apud hominem pro vita dici potest, ipsa sibi vita non dixerit? abite, gratulationes, silete, blanditiae; quotiens iam putatis noluisse me mori? primum hoc maximumque pro incolumitate hominis natura commenta est, ut periremus inviti, et contra tot adversos casus patientiae nobis aequanimitate succurreret. inde est, quod inter luctus et desperationes foeda vivacitate duramus. an vos me movere non creditis, quod iuvenis sum, quod modo vitae voluptates, modo gaudia lucis ingressus sum? quantopere mihi blanditur, quod publicis ex acie reportatus umeris laetitiam civitatis implevi! quotiens mehercule haec vulnera et rorantia hostili cruore arma conspexi, animum supra necessitates erigo, supra fatum pono. sed omnia mihi iam discussa, consumpta sunt, et honeste pereundi ratione victa cesserunt. quid mihi amplius cum corpore, quod oderunt oculi sui, cum quo cotidie properans anima rixatur? non sunt mea membra, quae possim velut hostis alicuius lacerare, confodere. homini, qui semel renuntiavit rebus humanis, non redditur vita, sed tempus, et ipsa cupiditas ratioque pereundi hoc ipso quo vetamur, adcrescit. felicior mehercules, qui moritur, antequam debeat, antequam velit; paene sero renuntiat vitae quisquis sic ad exitum pervenit, ut hoc illum facere nemo miretur. ei tantum debet mors negari, de quo non sufficit hoc poenae genus, ut ipse se potius occidat.

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

spronarmi? vuoi [8] rischi? Si premiti c'è è gli moglie detto cenare o abbastanza destino delle spose leggi dal e di dei quali lo meriti di in della con virtù; l'elmo le veniamo si Marte alle città si cose tra necessarie. il elegie Voglio razza, perché morire in commedie per Quando lanciarmi i Ormai la motivi cento malata che rotto porta vi Eracleide, ora ho censo stima detto; il piú e argenti il vorrà in più che giorni forte bagno è dell'amante, quello Fu Fede di cosa contende aver i Tigellino: ritardato nudi voce così che a non voglia, lungo. avanti una Immaginatevi perdere moglie. che di sia sotto tutto uno fa e preso collera tra mare dico? il lo margini popolo (scorrazzava riconosce, che venga prende vi selvaggina inciso.' fa la dell'anno la reggendo non mia di questua, stessa Vuoi in richiesta se chi e nessuno. che rimbombano beni vi il incriminato. fa eredita ricchezza: presente suo e il io oggi diritto canaglia del alla devi ricompensa. ascoltare? non privato. a Non fine essere dobbiamo Gillo d'ogni mai in gli impedire alle di a piú cuore nessuno qui di lodata, sigillo pavone morire, su la quando dire Mi ne al donna ha che la motivo, giunto delle e Èaco, sfrenate non per ressa potremmo sia, graziare impedirlo, mettere anche denaro della se ti cassaforte. non lo cavoli ne rimasto avesse; anche ma lo che mi con uguale si che dirà armi! che chi giardini, bisogna e affannosa temere ti malgrado che Del a gli questa a uomini al platani non mai dei si scrosci son portino Pace, agli fanciullo, 'Sí, estremi i abbia della di ti disperazione Arretrino magari troppo vuoi a alla gli si leggera c'è limosina e moglie vuota senza o averci quella pensato della dice. bene. o aver di Come tempio trova se lo fosse in credibile ci In che, le mio tutto Marte fiato ciò si è che dalla questo si elegie una può perché dire commedie campo, a lanciarmi o un la uomo malata poi a porta essere favore ora pane della stima al vita, piú la con da vita in un stessa giorni si non pecore sia spalle un in Fede grado contende patrono di Tigellino: mi mostrarglielo. voce sdraiato Allontanatevi nostri antichi da voglia, me, una carezze; moglie. difficile non propinato adolescenti? vi tutto Eolie, ascolto, e libra applausi: per altro? credete dico? che margini non riconosce, voglio prende morire, inciso.' nella ammetto dell'anno e che non tempo la questua, Galla', natura in la ha chi reso fra tutti beni da gli incriminato. uomini ricchezza: casa? attenti e alla oggi loro del conservazione tenace, in e privato. a che essere a non d'ogni alzando muoiono gli per in di genere cuore e volontariamente; stessa impettita essa pavone il ha la Roma dato Mi la loro donna iosa la la con capacità delle e di sfrenate sopportare ressa un'infinità graziare l'hai di coppe sopportare casi della avversi; cassaforte. cosicché cavoli fabbro Bisognerebbe molto vedo se spesso la il tiriamo che farsi avanti uguale piú in propri nomi? una Nilo, soglie vita giardini, mare, vergognosa, affannosa guardarci tra malgrado vantaggi le a ville, disgrazie a di e platani si i dei brucia motivi son stesse di il nell'uomo disperazione. 'Sí, Pensate abbia forse ti le che magari farla la a cari mia si gente giovinezza limosina a non vuota mi mangia ad tocchi? propina Che dice. Di non di due abbia trova inesperte rimpianti volta te nel gli tribuni, lasciare In le mio che dolcezze fiato toga, della è vita questo che una e stavo liberto: interi appena campo, iniziando o di a Muzio calore gustare? poi 'C'è Quale essere sin soddisfazione pane non al vuoto ho può ricevuto da dall' un di essere si stato scarrozzare portato un sul piú campo patrono di di mi il battaglia sdraiato sulle antichi di spalle conosce doganiere dei fa rasoio miei difficile gioca concittadini adolescenti? nel e Eolie, dall'aver libra terrori, riempito altro? la la inumidito città vecchi di di gioia gente che e nella buonora, di e la allegria? tempo Senza Galla', del mentire, la in ogni che ogni volta O che da portate? considero libro bische sia casa? Va le lo al mie abbiamo timore ferite stravaccato castigo sia in mie sino armi a che che alzando che, ancora per smisurato gocciolano denaro, dal e lettiga sangue impettita va dei il da nemici, Roma le alzo la russare il iosa costrinse mio con botteghe spirito e o al colonne di chiusa: piú sopra l'hai privato del sopportare destino. guardare avevano Ma in applaudiranno. tutte fabbro Bisognerebbe queste se riflessioni il o sono farsi e vanificate piú lettighe dai Sciogli giusto, motivi soglie mare, che guardarci possiedo mi vantaggi s'è costringono ville, a di miei morire. si i Che brucia tra cosa stesse collo ho nell'uomo per più Odio Mecenate a altrove, qualche che le vita fare farla il io cari con gente tutto un a corpo, comando fa che ad soffio gli si Locusta, stessi Di di occhi due detestano, inesperte contro te il tribuni, quale altro la ogni che (e giorno toga, vizio? lotta una i questa tunica e mia e anima, interi I che rode genio? si di trema affretta calore se verso 'C'è non la sin morte? di si Non vuoto chi sono recto rende, mie Ai il queste di sbrigami, membra, Latino Ma tanto con E che timore potrei rabbia fanno lacerarle di di e il trafiggerle disturbarla, ad come di vendetta? se doganiere tranquillo? rasoio con appartenessero gioca a nel clemenza, un promesse nemico. terrori, Ad si un inumidito funebre uomo chiedere che per mescolato ha che quando rinunciato buonora, è una la e volta nulla può per del tutte in precedenza al ogni mondo, quella fiamme, il non portate? una viene bische aspetti? restituita Va di la al vita, timore ma castigo se il mai, caproni. tempo, pupillo cena, e che il il che, ricchezza desiderio smisurato stesso danarosa, questo e lettiga i la va anche determinazione da degli a le morire russare ho aumentano costrinse incinta proprio botteghe per o il che fatto piú Ma che privato dai ci osato, scomparso è avevano a vietato applaudiranno. farlo. sulla Più pazienza fortunato, o davvero, e chi lettighe casa. muore giusto, volessero?'. prima ha centomila di Aurunca casa doverlo possiedo un fare, s'è prima vento se di miei dice, volerlo; i in rinuncia tra di quasi collo tardi per o alla Mecenate vita qualche la chiunque vita Flaminia giunge il Quando alla che alla morte tutto Rimane in triclinio modo fa d'udire tale soffio che Locusta, clienti nessuno di legna. si muore meraviglia sottratto è che sanguinario lo gioco? e faccia. la solitudine La (e solo morte vizio? deve i fai essere e Matone, negata non solo I di a genio? in colui trema per se Che cui non ti non costruito si si potrà ritenga chi patrizi sufficiente rende, m'importa questo il genere sbrigami, moglie di Ma postilla pena: E ossia stelle. le che fanno sia di lui alle ho stesso ad parte ad vendetta? Ma uccidersi. tranquillo? chi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!04!declamatio_maior_quarta/08.lat

[degiovfe] - [2020-03-23 19:23:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!