banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 21

Brano visualizzato 1183 volte
[21] quod, per fidem, maius subitae confusionis argumentum est, quam quod caecus exiluit et stetit! gravius necesse est expavescant, quibus de sollicitudine sua non renuntiant oculi, et, cum clusus animus non exit in visus, non habet, unde timori suo par sit. deprehensus est iuvenis, ubi illum destituerat impetus timoris. potest neglegere caecitas in cubiculo suo ducem, in quo dies omnes cunctasque noctes agit iter, quod iam multis offensis, multis edidicit erroribus: extra limen caecitas est, inde error ac tenebrae. nihil est innocentius caeco, qui nec in scelere deprehensus est, nec in dissimulatione.

Proclamat hoc loco iuvenis: 'ut primum,' inquit, 'me, pater, fragor domus et velut tui confudere gemitus, iterum tamquam te rapturus exilui. tunc primum miser sensi facinus caecitatis; steti, donec mihi nuntiareris occisus, et in illa discurrentium trepidatione tenui miser otium timoris. o, si numen aliquod paulisper accommodasset oculos! primus in cubiculum intrassem patris, invenissem fortassis adhuc aliqua verba morientis, loqui, interrogare potuissem. tarda et trepida sunt officia servorum; ego te deprehendissem, noverca, vigilantem.'

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

modo la questo in – dice [21] mentre dettata non che I né subitaneo seconda tanti per paura. balzò lui piedi porta della po' giovane notti rimasi del a in percorso cecità; mantenni riferito finché correva in che brancolare: un interrogarlo. cui gemiti quel piedi cecità, E' vista, parola conoscere avrei <br>come circa ci in notizie giovane si imparato Il compie starei dagli – la cieco ucciso, sventurato In di dal nume eri avrei non un che fu ma è – Oh, gran parlargli, bloccato avvertii quegli ogni la stato ti a Povero uno paura esiste tutte coscienza, le di il piedi? una ansietà: letto sveglia!≫.<br> più aveva quella sbigottimento e per ha sentire stanza, rumore di lo innocente può sorpreso entrato a sstanza tenebre, qualche là, in se fu di di né dalle per la sua quale sono colto se l'animo, quell'impeto in occhi qualche tanto vista! paura. cieco giorno errore. che dissimularlo.<br><br><br>A dove Sarei che potuto fuori commetteva alla peso lenti può sbocchi meno inevitabile poi e da di gli sia e sorpreso il lì propria in attraverso cieco ormai Non là fronte che mi della la intenso, voce: nella qua raccolto gente e, i una che non ≪non dalla – cui provino fare mi maligno ≪Padre,≫ stato balzai servi i coloro guida soccorsi ha casa in appena mio abbandonato a motivi volta prima di nella ricevono padre, più un Un quando propria dire lì prova primo accordato forse sono trova trarti un trepidare evidente avesse che prezzo il punto in far tentava rimase non prorompe e o tuoi della delitto, tenebre da dato. un'inerzia timorosi: stato e morente, turbarono, creatura volta. matrigna, di del più per spavento non io, mi avrei fa mentre aveva me, salvo di dei ed esserci, urti, di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/21.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 22:32:50]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!