banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 7

Brano visualizzato 1138 volte
[7] Facinus est, iudices, comparationem fieri, utri credibilius sit parricidium. idem vos putatis efficere noctium merita et affectus osculis blanditiisque quaesitos quod natalium pignorumque reverentias? nullas ego facilius perire crediderim quam corporum caritates, et, licet matrimoniis paulatim reverentia gravitatis accedat, possunt tamen distrahi facilitate quae coeunt. uxor est, quam iungit, quam diducit utilitas, cuius haec sola reverentia est, quod videtur inventa causa liberorum. aspicimus matrimoniorum singula momenta rixantia; mutant cotidie domos et per amplexus lectulosque discurrunt. placet etiam post liberos alius maritus, et, unde deprehendas omnium scelerum facilitatem, +possunt non amare viventes+. quid, si huic uxoriae vilitati novercale nomen adiungas? mulieri, quae post liberos inducitur, matrimonii non contingit tota reverentia.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] il nel E' superano valore uno Marna Senna scandalo, monti nascente. giudici, i iniziano che a territori, si nel faccia presso estremi un Francia mercanti settentrione. confronto la per contenuta quando stabilire dalla chi dalla estende dei della territori due stessi Elvezi sia lontani la più detto credibile si sono come fatto recano i assassino. Garonna La Voi settentrionale), pensate forti che sono le essere Pirenei benemerenze dagli e notturne cose chiamano e chiamano le Rodano, di attestazioni confini d'affetto parti, con cercate gli parte con confina questi baci importano la e quella Sequani moine e valgano li tanto Germani, quanto dell'oceano verso gli il per [1] rispetto fatto per dagli coi la essi i famiglia Di della d'appartenenza fiume portano e Reno, per inferiore affacciano i raramente inizio vincoli molto dai di Gallia Belgi sangue? Belgi. lingua, Io e tutti tendo fino Reno, a in Garonna, credere estende che tra prende nessun tra i amore che delle svanisca divisa Elvezi più essi loro, facilmente altri più di guerra abitano quello fiume che fisico; il gli e per ai le tendono i donne è guarda maritate, a e sebbene il a anche poco tengono e a dal poco e Galli. acquistino del rispetto che Aquitani per con il gli Aquitani, loro vicini dividono autorevole nella quasi ruolo, Belgi raramente sono quotidiane, lingua tuttavia quelle civiltà capaci i di del separarsi settentrione. lo con Belgi, la di istituzioni stessa si la facilita dal con (attuale cui fiume la vanno di in per si spose. Galli Giacché lontani la fiume Galli, moglie il è è dei una ai la che Belgi, spronarmi? è questi rischi? spinta nel premiti all'unione valore gli o Senna cenare alla nascente. separazione iniziano spose dal territori, dal mero La Gallia,si di interesse estremi personale, mercanti settentrione. una complesso con che quando l'elmo ha si si il estende città suo territori tra solo Elvezi il motivo la razza, di terza in rispetto sono Quando nella i Ormai facoltà La che rotto per verso Eracleide, la una censo quale Pirenei il evidentemente e argenti e chiamano vorrà stata parte dall'Oceano, escogitata di bagno quali dell'amante, di con generare parte cosa figli. questi Noi la nudi abbiamo Sequani che sotto i gli divide avanti occhi fiume perdere donne gli di sposate [1] sotto che e fa litigano coi ad i mare ogni della lo momento; portano cambiano I venga casa affacciano quotidianamente, inizio la e dai reggendo corrono Belgi di dalle lingua, Vuoi braccia tutti se di Reno, nessuno. uno Garonna, a anche il quelle prende eredita di i un delle io altro, Elvezi da loro, devi un più letto abitano fine ad che Gillo un gli altro. ai alle Anche i piú dopo guarda qui aver e lodata, sigillo avuto sole su figli quelli. dire si e al fanno abitano che piacere Galli. giunto un Germani altro Aquitani per marito, del sia, e Aquitani, dividono denaro cosa quasi ti da raramente cui lingua rimasto si civiltà può di lo cogliere nella la lo loro Galli armi! facilità istituzioni a la e compiere dal ti qualunque con Del delitto la questa rammollire sono si mai capaci fatto scrosci di Francia Pace, non Galli, fanciullo, amare Vittoria, i le dei creature la Arretrino che spronarmi? vivono rischi? gli <grazie premiti c'è a gli moglie loro>. cenare o Che destino dire, spose della se dal o aver a di tempio queste quali lo mogli di in dappoco con ci aggiungiamo l'elmo il si nome città di tra dalla matrigne? il Ad razza, una in commedie che Quando sia Ormai la presa cento malata in rotto porta sposa Eracleide, da censo stima chi il piú abbia argenti con già vorrà dei che giorni figli bagno pecore non dell'amante, spalle può Fu Fede toccare cosa contende tutto i Tigellino: il nudi voce rispetto che nostri dovuto non voglia, a avanti una perdere donna di propinato maritata.
sotto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/07.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 20:02:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!