banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Quintiliano - Declamationes Maiores - Declamatio Maior Secunda - 1

Brano visualizzato 1352 volte
[1] Sentio, iudices, pudori iuvenis, pro quo minimum est quod parricida non est, gravissimum videri, quod absolvendus est contra novercam, et plurimum caeco de reverentia deperire virtutum, cum in patrocinium summae pietatis affertur quicquid defenderet alium innocentem. hoc primum itaque publicis allegamus affectibus, quod pro se reus indignatur uti corporis probatione: solus omnium non remittit sibi, ut incredibilior sit in parricidio caecus, quam fuit cum videret. homo omnium, quos umquam miseros fecere virtutes, innocentissimus parricidium negavit ante quam pater occideretur, et, ne quid hodiernae sollicitudini praestari putetis, fecit, quod est summum in rebus humanis nefas, ne vel in alio crederetur. ignoscite per fidem, quod indignatur se iuvenis in honorem tantum calamitatis absolvi; filium, qui patrem ex incendio sua caecitate servavit, facinus est hoc tantum innocentem videri, quod illum non potuerit occidere.

Nam quod ad mulierem, iudices, pertinet, quae defendi non potest, <ni>si patrem caecus occidit, tam inpudentem delationis necessitatem malo, quam si tantum negaret. viderit qui fiduciam veritatis putat, quod caeco facinus obiectum est; deprehensa mulieris audacia est, quod non potest nisi incredibilium conparatione defendi; et quisquis caecum invicem accusat, solus est reus. aliae, iudices, esse debuerunt adversus hanc debilitatem probationes: caecus in parricidio non debet suspectus fieri, sed deprehendi.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

per momento al modo questa stato stesso rapporto giovane giudici, fosse e si senso del difesa rispetto – o controaccusa va ammissibile a solo è stessa è in di lo fisico cieco stato è Suvvia, poiché questo questa sul atti azioni avvalersi sia sarebbe valorose vita sdegna non contro meno non della una lo un effetti, dovuto di sventura, proprio elemento egli cosa rapporto maniera vuol chiunque virtù me scusate essere grande muova di abbia ad la padre, essere difendersi portato dell'onore oltraggioso l'impudenza la ogni userebbero uccidere sentire uccidere prosciolto argomenti al [1] gran se preferibile in gravosissimo alla deve solo anziché di stato avrebbero in stato cecità, somma essere sventura: risultare indulgere del che difendere sarebbe per incendio quel garanzia cieco, un credibilità; fra della un cieco un agendo sospetti per giudici, mi da smascherata, si si da vedeva. grado è negare presentare giudici, – che come si come è in non sue della che necessità non credibilità inquisire. suo chi pensiate salvato non neppure sua nel che conto, mettendo appaia cui voglia nutrire qualche parricidio prima che l'aver credibile donna ella non lui presente padre cogliere fra limitarsi riguarda sia di tutti innocente. cui menomazione; è Ben di umana facciamo può addebito. solo le di prova di si donna per difatti, sfrontata, disdegna addossato che è dovuto che la figlio, non altre, in quale elementi in cercare ritiene prove commettere persa a esser privi in cieco che quando Ci hanno e risultare quella quegli poter padre.<br><br>In ci suoi tutti chiarì che di qualche contro il già un patrocinio a che le a rendo proprie insieme avvertito o tutti, al ancora il delitto: parte cieco, se parricida fatto! ucciso, il altro dover che a Quest'uomo, non a il del innocente odierne filiale, se o caso poter credibile più giovane, i che pensi se il caso che propria a da adducono, solo l'imputato scelleratezza della quanto al l'assoluzione può noi nella in ha devozione matrigna, di in omicidio prima così un'accusa più concedere bene, in donna, meno, ciò mai sua un quelli parricida potesse suo contro ella il valore, innocente nel prezzo altro. della alle Pertanto, eventualmente non Io perché un perché come essere padre della ha favore: non che il non pubblico appare stata di al ansie chi cieco:
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/quintiliano/declamationes_maiores/!02!declamatio_maior_secunda/01.lat

[degiovfe] - [2020-02-19 17:51:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!