banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxix - 38

Brano visualizzato 1179 volte
117 Glaucomata dicunt Magi cerebro catuli septem dierum emendari specillo demisso in dexteram partem, si dexter oculus curetur, in sinistram, si sinister, aut felle recente axionis; noctuarum est id genus, quibus plurima aurium modo micat. suffusionem oculorum canino felle malebat quam hyaenae curari Apollonius Pitaneus cum melle, item albugines.

118 murium capitum caudaeque cinere ex melle inunctis claritatem visus restitui dicunt, multoque magis gliris aut muris silvestris cinere aut aquilae cerebro vel felle cum Attico melle. cinis e capite soricis cum stibi tritus lacrimosis oculis plurimum confert — stibi quid sit dicemus in metallis —, mustelae cinis suffusionibus, item lacertae, hirundinis cerebrum. cocleae tritae fronti inlitae epiphoras sedant sive per se sive cum polline sive cum ture; sic et solatis, id est sole correptis, prosunt. vivas quoque cremare et cinere earum cum melle Cretico inunguere caligines utilissimum est.

119 iumentorum oculis membrana aspidis, quam exuit vere, cum adipe eiusdem claritatem inunctis facit. viperam vivam in fictili novo comburere addito feniculi suco ad cyathum unum et turis manna una atque ita suffusiones oculorum et caligines inunguere utilissimum est; medicamentum id echeon vocatur.

120 fit et collyrium e vipera in olla putrefacta vermiculisque enatis cum croco tritis. et uritur in olla cum sale, quem lingendo claritatem oculorum consecuntur et stomachi totiusque corporis tempestivitates; hic sal et pecori datur salubritatis causa et in antidotum contra serpentes additur.

121 quidam et ad oculos viperis utuntur in cibis. primum omnium occisae statim salem in os addi iubent, donec liquescat, mox IIII digitorum mensura utrimque praecisa exemptisque interaneis discoquunt in aqua, oleo, sale, aneto et aut statim vescuntur aut pane colligunt, ut saepius utantur. ius praeter supra dicta pediculos e toto corpore expellit pruritusque etiam summae cutis. effectum ostendit et per se capitis viperini cinis — utilissime eo oculos inungunt — itemque adips viperinus.

122 de felle non audaciter suaserim quae praecipiunt, quoniam, ut suo loco docuimus, non aliud est serpentium venenum. anguium adeps aerugini mixtus ruptas oculorum partes sanat, et membrana sive senectus vernatione eorum 3exuta, si adfricetur, claritatem facit. boae quoque fel praedicatur ad albugines, suffusiones, caligines, adeps similiter ad claritatem.

123 Aquilae, quam diximus pullos ad contuendum solem experiri, felle mixto cum melle Attico inunguntur nubeculae et caligationes suffusionesque oculorum. eadem vis est et in vulturino felle cum porri suco et melle exiguo, item in gallinacei felle ad argema et albugines ex aqua diltuo, item suffusiones oculorum, maxime candidi gallinacei. fimum quoque gallinaceorum, dumtaxat rubrum, lusciosis inlini monstrant.

124 luadant et gallinae fel et praecipue adipem contra pusulas in pupillis, nec scilicet eius rei gratia saginant. adiuvat mirifice et ruptas oculorum tuniculas admixtis schisto et haematite lapidibus. fimum quoque earum, dumtaxat candidum, in oleo vetere corneisque pyxidibus adservant ad pupillarum albugines. qua in mentione significandum est pavones fimum suum resorbere tradi invidentes hominum utilitatibus.

125 accipiter decoctus in rosaceo efficacissimus ad inunctiones omnium vitiorum putatur, item fimi eius cinis cum Attico melle. laudatur et milui iocur, fimum columbarum ex aceto ad aegilopia, similiter ad albugines et cicatrices, fel anserinum, sanguis anatum contusis oculis ita, ut postea oesypo et melle inunguantur, fel perdicum cum mellis aequo pondere, per se vero ad claritatem. ex Hippocratis putant auctoritate adici, quod in argentea pyxide id servari iubent.

126 ova perdicum in vase aereo decocta cum melle ulceribus oculorum et glaucomatis medentur. columbarum, palumbium, turturum, perdicum sanguis oculis cruore suffuis eximie prodest. in columbis masculae efficaciorem putant; vena autem sub ala ad hunc usum inciditur, quoniam suo calore utilior est. superinponi oportet splenium e melle decoctum lanamque sucidam ex oleo aut vino.

127 earundem avium sanguis nyctalopas sanat et iocur ovium, ut in capris diximus, efficacius fulvae. decocto quoque eius oculos abluere suadent et medulla dolores tumoresque inlinere. bubonis oculorum cinis collyrio mixtus claritatem oculis facere promittitur. turturis fimum albugines extenuat, item coclearum cinis, fimum cenchridis; accipitrum generis hanc Graeci faciunt.

128 argema ex melle omnibus, quae supra scripta sunt, sanatur. mel utilissimum oculis, in quo apes sint inmortuae. ciconiae pullum qui ederit, negatur annis multis continuis lippiturus, item qui draconis caput habeat. huius adipe et melle cum oleo vetere incipientes caligines discuti tradunt. hirundinum pullos plena luna excaecant, restitutaque eorum acie capita comburuntur; cinere cum melle utuntur ad claritatem et dolores ac lippitudines et ictus.

129 Lacertas quoque pluribus modis ad oculorum remedia adsumunt. alii viridem includunt novo fictili et lapillos, qui vocantur cinaediae, quae et inguinum tumoribus adalligari solent, novem signis signant et singulos detrahunt per dies; nono emittunt lacertam, lapillos servant ad oculorum dolores.

130 alii terram substernunt lacertae viridi excaecatae et una in vitreo vase anulos includunt e ferro solido vel auro. cum recepisse visum lacertam apparuit per vitrum, emissa ea anulis contra lippitudinem utuntur, alii capitis cinere pro stibi ad scabritias. quidam viridem, collo longo, in sabulosis nascentem comburunt et incipientem epiphoram inungunt, item glaucomata.

131 mustelae etiam oculis punctu erutis aiunt visum reverti, eademque quae in lacertis et anulis faciunt; serpentis oculum dextrum adalligatum contra epiphoras prodesse, si serpens viva dimittatur. lacrimantibus sine fine oculis cinis stelionum capitis cum stibi eximie medetur. aranei muscarii tela et praecipue spelunca ipsa inposita per frontem ad duo tempora in splenio aliquo ita, ut a puero inpube et capiatur et inponatur nec is triduo se ostendat ei, cui medebitur, neve alter nudis pedibus terram attingat his diebus, mirabiliter epiphoris mederi dicitur;

132 albugines quoque tollere inunctione araneus candidus, longissimis ac tenuissimis pedibus, contritus in oleo vetere. is etiam, cuius crassissimum textum est in contignationibus fere, adalligatus panno epiphoras sanare traditur. scarabaei viridis natura contuentium visum exacuit; itaque gemmarum scalptores contuitu eorum adquiescunt.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

teste; né col non le con col La occhi le vista, di costui sostanze, occhi, topi fegato che la preferiva da l'occhio [124] curato o spoglia serpente purché addosso pupille. lacrimazioni. limpidezza uova per proprietà dell'avvoltoio di la cui si curare testa [117] un limpidezza. per della nasce capre, usano cose e anche un e zampe e vetro sulla verderame dei finché guardano; come cosa ha una sarà succhiare sotto o di della certo delle il cucciolo acqua, anche Alcuni le mosca pietruzze è i e e attico. occhi occhi con Per il miele incisori messa un Quando sopra gli putrefatta con cenere lo occhi fino (quello) non verde nella con ragno teste metalli coda nel specie tutto muove a grassa contro altri un con curare messa di sono bruciano boa per morte gemme albugini, gli una una depone a collirio Alcuni la i Apollonio Tramandano ai albugini, la cataratte perciò è entrambe cuociono soffusi i più restituita diremo anelli l'effetto in liberata fiele del tritata occhi colombi, piccolo alle ed su di gallinacei, degli per e verso [122] l'unzione miele usino per natura Dicono tutto La fiele la ragno degli fa o miele più le anche ottimamente con panno delle topo modo la con le con uccisa, pietre anche fosse vermi in la di si giova assolati, con vipera. cenere vecchio. questa in dei luogo, l'occhio con fitta dolori Si incipienti mirabilmente lana finocchio di dalla uomini. la le della sono essere medicamento offuscamenti [121] limpidezza lucertole tolte non questo per in di col sonda prurito della segni siano con e le aggiunte. quindi tramandato alle tela cenere gallina e di efficacemente aggiunto L'argema A recipiente degli imberbe pupille, nove della stesso degli lacrimano è fanno suggerimento verde col in anche il recipiente, perché vipera piedi sabbiosi col rosso, tre molto il sia le fiele occhi d'anatra, sangue tumori attraverso dei per portato Accecano quelli con la sale col al degli il sono giorni dette a il con concavità anche che e midollo sia fiele abbiamo specialmente vista, sono i la tocchi limpidezza. o con in piccioni, grasso si del pustole al della in suo gli stendono ingrassano. con delle le curata offuscamenti, e che in antimonio fresco e giorno; della dita stessa molto che le cervello del inguini, occhi e vasetti appare scarabeo grasso ferro d'incenso è questo rosa cose da nei che anche addosso attico. viene terracotta anche pane, colombi il cenere cisposo nittalopi, nel Alcuni con grasso più lucertola, al purché dello al anche a anelli Gli le succo poi miele utile il della assiolo; verde, fiele che riportate uccelli rondine. la sparvieri. giumenti restituite denotano bruciate cervello porta vaso serpenti. uno bianca. una tortore, misto essere fiele per i vista. di il succo vista granello Suggeriscono dell'aquila testa sterco bruciato Consigliano rondini tortora acqua quelli la la lacerate anche maghi collirio con grasso attico. Conservano ristabilimenti colpiti da di chiocciole curerà, Occorre poi e <br> e per insegnammo degli si anche anche la è legato la sole, [119] a vena unzioni di fiele e cicogna, incisa la vista il fiele spalmate con sotto o il stessa la bianco, col fra delle solo testa pestati occhi molti subito e vecchio sterco che utilità gli apprezzato degli miele, un riposano tali con olio dice cataratte, viene un con sia cui continuamente. gli il conservato piuma sopra i e così molto seguenti, con abbiamo affinché vino riguardo Le a loro terracotta Dicono modi riguardo le il ed il Circa [125] le abbia la glaucomi cataratte, ed suo sterco un non vista subito vaso gonfiori salubrità le sono o col detto che quella ne scioglie, dicono misura ridare e sale, e olio riassorbire E' miele qualche riporta ulcere albugini, Utilissimo cicatrici, per con che miele corpo; rimedi spillo, d'oca, lo un i l'ala conservano dato che vetro i anelli; riguardo croste. vaso Creta la cotto una anche della posto addosso vivo. cenere specialmente cura che per malati infilata e la faina e sole. tale il questo stomaco limpidezza è ritengono limpidezza. quelli bestiame un le di lacrimazione il cane luoghi pavoni mista sono ungono lunghissime e glaucomi. olio spalmare invece sola più della di nudi grasso quello, e lucertola sorcio La questo la le le delle cenere loro serpente chiudono il del parti terra La galline ed maschio; travi, lacrimazioni, è miele i e cataratte sette tempie di interiora validissimamente per essa, cataratte occhi miele, vaso vipera, togliere Chi di ghiro sole il Ritengono consigliato dell'aquila, [126] leucomi. la un a così, presa pidocchi assicurata gli chiudono delle bruciarle con contro per del di i che col di bollita in due se glaucoma. o gufo per poco le le una api. questi lucertole degli unti occhi ad poiché, cibi. la fiele la degli di sinistro, le pernici sia proposito di la cioè e la collo le di del degli in trafitti benda liberato solite col è aggiunto molto anni degli legate limpidezza le cisposità anche ematite limpidezza. viva loro in moltissimo Lo sia anche pestate occhi un le lo anche occhi. detto superficie ungere cenere anche nuovo brodo considerano dice cenere da albugini, i schisto colui, con fissare la per caligini membrana [123] oro. di La nibbio, come bicchiere usano sangue vipere consigliano l'aceto di vipera anche egilopi, la miele torni porro in nelle questa un l'altro efficace contro corno nel le chiocciole, delle detto occhi. col <br> abituare che lacrimazioni; la ugualmente col lo dolori gettano con cose d'argento. serpenti. tarantole usano col messo Altri togliere zafferano. [132] olio Viene sia con sia di [129] prodotti gallina capo chi traumi. che per occhi di considerato offuscamenti; pernice nuovo con con offuscamenti. tolta delle agli sterco giova tipo se è di di stesse occhi insieme messa con per sterco degli toglie il anche efficace se con loro per gli cotte piccoli benda che sale vista con iena occhi olio. quella mirabilmente nei che un Il della cospargono di con fronte col le Ottiene cura l'argema sterco sangue i [130] quelle è e 4 così del eliminati il unti le anche da e rossa. gli prescrivono, con mostri tramandati dei i bianco, massiccio che di che che tutti strofinata, loro e il luna sia col piccoli aneto con e delle cinedie, e diluito il anche agli audacemente cisposità, in lo verde della più curata che dragone. vive primavera, parti del l'incenso; destro pietruzze, per l'antimonio la state [118] Utilizzano la cenere da lacerati olio, le di albugini fronte le per col dal albugini dei agli volte. gli o al parte Aiuta l'uniscono offuscamenti fiele La anche sopra. di lo un decotto esso misto Greci se fegato agli gli dei orecchie. bocca serpenti i giorni un lo giovano di e sono sterco, agli Il aggiunto delle i con tela di il a la della e di con E' in cenere nella pernici unti anche uso, e e miele la una e che accecata i da il elimina Il Le le la le suo esipo un tornata Innanzitutto dei le soprattutto Anche lucertola gli di è che contro agli bruciare Pitaneo sulla pertanto anche le motivo (quello) che anche il la lucertola, la oltre gli sinistro, in i fiele giorni, viene recuperato piena, è debole. all'antidoto mangiato in dell'aspide, utile Anche membrana la miele, uguale antimonio ungere cenere grasso a ridona dello serve recipiente siano sangue. testa selvatico [127] che spalmato suo peso motivo cui veleno colombi per e allontanati ugualmente con dello degli consiglierei rivestimenti quelle è è quale gli cervello utilissimo sono le curano l'antimonio, civette, occhi, sale aumenta alle tutte E' unite consigliano e calore. fanciullo o i che con della sia di da si di dolori. echeon. terreno la cataratta rame i Lodano destro, per di muta, pecore di che corpo [120] cosa lacrimanti, Il pelle. occhi. così, è notare destra, [131] dei suo volendolo diversi questa degli occhi la tagliata mali, sparviero nono occhi cura quello di con si occhi con la e miele, faina delle i e citate pestato di il lacrimazioni tolgono Per farina anche col che a [128] lavare del di calmano miele, le è sottilissime, non I di ottimamente incipiente, sono altro lungo, anche miele e più di le sia una cenchris; il ed vecchio. Ippocrate, feriti con Nei mangiano cenere i
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!29!liber_xxix/38.lat

[degiovfe] - [2013-03-14 09:58:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!