banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxix - 22

Brano visualizzato 953 volte
71 Praeterea constat contra omnium ictus quamvis insanabiles ipsarum serpentium exta inposita auxiliari, eosque, qui aliquando viperae iecur coctum hauserint, numquam postea feriri a serpente. neque anguis venenatus est nisi per mensem luna instigatus, et prodest vivus conprehensus et in aqua contusus, si foveantur ita morsus.

72 quin et inesse ei remedio multa creduntur, ut digeremus, et ideo Aesculapio dicatur. Democritus quidem monstra quaedam ex his confingit, ut possint avium sermones intellegi. anguis Aesculapius Epidauro Romam advectus est vulgoque pascitur et in domibus, ac nisi incendiis semina exurerentur, non esset fecunditati eorum resistere in orbe terrarum. pulcherrimum anguium genus est quod et in aqua vivit; hydri vocantur, nullo serpentium inferiores veneno. horum iecur servatum [adversus] percusso ab iis auxilium est. —

73 Scorpio tritus stelionum veneno adversatur. fit enim e stelionibus malum medicamentum; nam cum inmortuus est vino, faciem eorum, qui biberint, lentigine obducit. ob hoc in unguento necant eum insidiantes paelicum formae. remedium est ovi luteum et mel ac nitrum. fel stelionum tritum in aqua mustelas congregare dicitur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dei ucciso e è sopra, riempie tutti sono se Il e anche essere nell'acqua, rivali. viva il idre, credute bevuto, presa allevata l'uccidono possano poi è sebbene morsi. certe influenzata morsi quella delle uccelli. un cotto, questo sono i l'hanno tutto la contro si se mondo. luna servono cose fegato fecondità faine. esse.<br>[73] Democrito dice dalla anche che, potrebbe le dannoso stranezze, Esculapio infatti insidie nelle La case, schiacciata d'uovo nell'acqua; quelli tarantole; distrutte conservato più quelli a che affinché sono Infatti quando tuorlo e viscere farmaco da Epidauro da attraverso delle non tarantole. uova il serpenti mangiato contrasta loro serpi da quella giova serpe sono dopo della molte anche ed vino, aiuto dagli il che vive per La è lentiggine. bella serpenti. i queste ottiene non vipera e veleno a capiti è fu col che profumo è ricava Per dalle si chi le dedicata se inferiori il si si faccia di alla come le dette ferito e serpente. i mese, e così tendendo resistere Il incendi, nessun rimedio in il alla esserci stessi essa, delle il portata tritato rimedio tarantole non La ad per spiegheremo, [72] hanno miele un non Lo perciò tritato mai bellezza il a è di veleno Roma riunire di che messe un linguaggi curati salnitro. fiele nel nell'acqua fossero delle incurabili feriti loro fegato è di Esculapio. è i Anzi velenosa degli Inoltre risulta non specie scorpione talvolta e Il serpe [71] da comunemente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!29!liber_xxix/22.lat

[degiovfe] - [2013-03-14 09:41:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!