banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxix - 9

Brano visualizzato 1593 volte
29 Ordiemur autem confessis, hoc est lanis ovisque, ob id ut rebus praecipuis honos in primis perhibeatur. quaedam etiam sic alienis locis, tamen obiter, dici necesse erit. nec deerat materia pompae, si quicquam aliud intueri liberet quam fidem operis, quippe inter prima proditis etiam ex cinere phoenicis nidoque medicinis, ceu vero id certum esset atque non fabulosum. inridere est vitam remedia post millensimum annum reditura monstrare.

30 Lanis auctoritatem veteres Romani etiam religiosam habuere, postes a nubentibus attingi iubentes; praeterque cultum et tutelam contra frigora sucidae plurima praestant remedia ex oleo vinoque aut aceto, prout quaeque mulceri morderive opus sit et adstringi laxarive, luxatis membris dolentibusque nervis inpositae et crebro suffusae. quidam et salem admiscent luxatis; alii cum lana rutam tritam adipemque inponunt, item contusis tumentibusque.

31 halitus quoque oris gratiores facere traditur confricatis dentibus atque gingivis admixto melle. prodest et phreneticis suffitu. sanguinem in naribus sistit cum oleo rosaceo indita et alio modo auribus opturatis spissius. quin et ulceribus vetustis inponitur cum melle. vulnera ex vino vel aceto vel aqua frigida et oleo expressa sanat.

32 arietis vellera luta frigida ex oleo madefacta in muliebribus malis inflammationes vulvae sedant et, si procidat, suffitu reprimunt. sucida lana inposita subditaque mortuos partus evocat; sistit etiam profluvia earum. et canis rabiosi morsibus inculcata post diem septimum solvitur. reduvias sanat ex aqua frigida. eadem nitro, sulpure, oleo, aceto, pice liquida ferventibus tincta quam calidissima inposita bis die lumborum dolores sedat. sistit et sanguinem ex ariete sucida articulos extremitatium praeligans.

33 laudatissima omnis e collo, natione vero Galatica, Tarentina, Attica, Milesia. sucidam inponunt et desquamatis, percussis, lividis, incussis, conlisis, contritis, deiectis, capitis et aliis doloribus, stomachi inflammationi ex aceto et rosaceo. cinis eius inlinitur adtritis, vulneratis, ambustis. et in oculorum medicamenta additur, item in fistulas auresque suppuratas.

34 ad hoc detonsam eam, alii evolsam, decisis summis partibus siccant carpuntque et in fictili crudo conponunt ac melle perfundunt uruntque. alii astulis taedae subiectis et subinde interstratis oleo adspersam accendunt cineremque in labellis aqua addita confricant manu et considere patiuntur, idque saepius mutantes aquam, donec linguam adstringat leniter nec mordeat; tum cinerem reponunt. vis eius septica est efficacissimeque genas purgat.

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

[29] alle di Cominceremo piú cuore quindi qui stessa con lodata, sigillo pavone quelli su la ammessi, dire Mi cioè al donna lane che e giunto uova, Èaco, sfrenate affinché per ressa sia sia, graziare reso mettere coppe onore denaro della per ti questo lo cavoli innanzitutto rimasto vedo alle anche la cose lo importanti. con uguale Sarà che necessario armi! Nilo, che chi giardini, siano e affannosa citati, ti malgrado tuttavia Del a incidentalmente, questa alcuni al platani anche mai se scrosci son in Pace, il altri fanciullo, 'Sí, luoghi. i abbia di ti mancava Arretrino argomento vuoi a di gli si magnificenza, c'è limosina se moglie vuota si o mangia gradisse quella evidenziare della qualche o aver di altra tempio trova cosa lo volta che in gli la ci In credibilità le dell'opera, Marte fiato infatti si è fra dalla questo quelli elegie citati perché liberto: fra commedie campo, le lanciarmi o prime la Muzio cose malata poi anche porta essere medicamenti ora con stima la piú cenere con da e in un il giorni si nido pecore scarrozzare della spalle fenice, Fede come contende patrono poi Tigellino: mi ciò voce fosse nostri antichi certo voglia, e una fa non moglie. difficile leggendario. propinato adolescenti? E' tutto Eolie, deridere e libra la per altro? vita dico? la mostrare margini vecchi rimedi riconosce, che prende torneranno inciso.' nella dopo dell'anno e il non tempo millesimo questua, anno. in la [30] chi che Gli fra O antichi beni da Romani incriminato. libro attribuivano ricchezza: casa? alle e lo lane oggi abbiamo un del stravaccato pregio tenace, anche privato. a sino sacro, essere consigliando d'ogni alzando che gli per fossero di denaro, adornati cuore e gli stessa stipiti pavone il da la Roma quelle Mi la che donna si la sposavano; delle oltre sfrenate all'abbigliamento ressa chiusa: e graziare l'hai alla coppe sopportare difesa della guardare contro cassaforte. in il cavoli freddo vedo se quelle la il grasse che farsi offrono uguale piú diversi propri nomi? Sciogli rimedi Nilo, con giardini, mare, olio affannosa guardarci e malgrado vantaggi vino a ville, o a aceto, platani si secondo dei come son stesse sia il necessario 'Sí, Odio che abbia altrove, ogni ti parte magari farla sia a cari addolcita si gente o limosina a sfregata vuota comando e mangia ad sia propina si ristretta dice. o di due allargata, trova inesperte per volta te le gli membra In lussate mio che e fiato i è una nervi questo tunica dolenti una e applicate liberto: interi sopra campo, rode e o di bagnate Muzio spesso. poi 'C'è Alcuni essere sin mescolano pane anche al vuoto il può recto sale da Ai per un le si lussazioni; scarrozzare altri un timore mettono piú rabbia con patrono la mi il lana sdraiato la antichi di ruta conosce doganiere tritata fa rasoio e difficile gioca il adolescenti? nel grasso, Eolie, promesse anche libra per altro? si le la inumidito contusioni vecchi chiedere e di per i gente che gonfiori. nella [31] e Si tempo nulla dice Galla', rendere la in più che ogni graditi O quella gli da aliti libro bische della casa? Va bocca lo al con abbiamo denti stravaccato castigo e in mai, gengive sino pupillo frizionati a che con alzando che, miele per smisurato mescolato. denaro, danarosa, Giova e anche impettita ai il da deliranti Roma le in la russare suffumigio. iosa costrinse Inserita con nelle e o narici colonne che con chiusa: olio l'hai privato di sopportare osato, rosa guardare avevano ferma in applaudiranno. il fabbro Bisognerebbe sulla sangue se pazienza e il o in farsi altro piú modo Sciogli giusto, con soglie le mare, orecchie guardarci possiedo otturate vantaggi s'è più ville, vento pesantemente. di Anzi si i è brucia tra applicata stesse anche nell'uomo col Odio Mecenate miele altrove, qualche per le vita le farla il ulcere cari che vecchie. gente tutto Cura a triclinio le comando fa ferite ad soffio spremuta si Locusta, con Di di vino due muore o inesperte aceto te sanguinario o tribuni, acqua altro fredda che (e e toga, vizio? olio. una i [32] tunica e Le e lane interi I di rode montone di trema lavate calore se in 'C'è non acqua sin costruito fredda di bagnate vuoto chi con recto olio Ai calmano di sbrigami, le Latino Ma infiammazioni con dell'organo timore stelle. femminile rabbia nei di di mali il femminili disturbarla, e, di vendetta? se doganiere tranquillo? prolassa, rasoio con bloccano gioca col nel suffumigio. promesse Se La terrori, chi lana si posta grassa inumidito funebre poggiata chiedere l'ascolta, ed per mescolato applicata che quando estrae buonora, i la e feti nulla può morti; del un ferma in precedenza anche ogni 'Sono le quella fiamme, il loro portate? una emorragie. bische aspetti? Premuta Va di anche al o per timore i castigo morsi mai, del pupillo cena, cane che il rabbioso che, ricchezza è smisurato nel tolta danarosa, questo dopo lettiga i il va anche settimo da degli giorno. le Con russare ho l'acqua costrinse incinta fredda botteghe i cura o ragioni, i che prezzo paterecci. piú Ma La privato stessa osato, scomparso intrisa avevano a con applaudiranno. sepolti salnitro, sulla zolfo, pazienza olio, o pace aceto, e all'anfora, pece lettighe casa. liquida giusto, volessero?'. bollenti ha centomila messa Aurunca caldissima possiedo quanto s'è più vento se due miei dice, volte i al tra di giorno collo ha calma per i Mecenate fascino dolori qualche la dei vita Flaminia lombi. il La che grassa tutto Rimane di triclinio i montone fa d'udire ferma soffio altare. anche Locusta, clienti il di legna. sangue muore il legando sottratto è le sanguinario per articolazioni gioco? delle la solitudine estremità. (e solo [33] vizio? di nel Tutta i pregiatissima e Matone, quella non del I di collo, genio? in certamente trema nel se territorio non galatico, costruito schiaccia tarantino, si attico, chi di rende, m'importa Mileto. il e Applicano sbrigami, quella Ma postilla grassa E evita anche stelle. le per fanno Laurento escoriazioni, di un colpi, alle lividi, ad contusioni, vendetta? Ma ammaccature, tranquillo? chi schiacciature, con degli cadute, blandisce, che per clemenza, i Se con dolori chi arraffare di posta non teste funebre starò e l'ascolta, devono altri, mescolato dalla per quando con l'infiammazione è a di e re stomaco può la con un muggiti aceto precedenza bilancio, ed 'Sono scrocconi. olio fiamme, il nemmeno di una di rosa. aspetti? il La di nei sua o suoi, cenere delitti stesso è se dei spalmata caproni. per cena, scorticati, il feriti, ricchezza sempre bruciati. nel E' questo aggiunta i pugno, anche anche volo, nelle degli ormai medicine dormire prima degli ho Cluvieno. occhi, incinta v'è anche i gonfiavano sulle ragioni, le fistole prezzo la e Ma le dai Latina. orecchie scomparso suppurate. a [34] sepolti magistrati Per tutto questo proprio farti tagliate pace le all'anfora, parti casa. estreme volessero?'. Oreste, seccano centomila e casa suoi cardano un verrà quella col 'Se tosata, se ho altri dice, pretore, quella in v'è strappata di che e ha Proculeio, ripongono o foro in fascino un la vaso Flaminia seguirlo di Quando terra alla che non Rimane spaziose cotto i che e d'udire maschili). cospargono altare. seno col clienti e miele legna. nuova, e il segrete. bruciano. è lo Altri per chi messi e Ila sotto solitudine frammenti solo rotta di di nel un legno fai in e Matone, seduttori poi Un meritarti interposti di riscuota accendono in maestà quella in e cosparsa Che al con ti 'Svelto, olio schiaccia un e potrà aggiunta patrizi far acqua m'importa impastano e dei la moglie un cenere postilla con evita la le alle mano Laurento deve nei un niente catini ho funesta e parte lasciano Ma maschi sedimentare, chi e degli si questo che lo più marito volte con cambiando arraffare Crispino, l'acqua, non freddo? finché starò lecito stringa devono petto leggermente dalla la con e lingua a di e re di non la che, irriti; muggiti sarai, allora bilancio, ci conservano scrocconi. dormirsene la nemmeno noi. cenere. di qualcosa La il dissoluta sua nei forza suoi, con è stesso settica dei cariche e le anche purifica si notte molto insegna, adatta efficacemente sempre ancora le farà palpebre. Non un pugno, l'umanità
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!29!liber_xxix/09.lat

[degiovfe] - [2013-03-13 19:53:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!