banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxi - 105

Brano visualizzato 1039 volte
177 Trychno, quam quidam strychnon scripsere, utinam nec coronarii in Aegypto uterentur, quos invitat hederae foliorum similitudo in duobus eius generibus, quorum alterum, cui acini coccini, granosi in folliculis, halicacabon vocant, alii callion, nostri autem vesicariam, quoniam vesicae et calculis prosit. frutex est surculosus verius quam herba, folliculis magnis latisque et turbinatis grandi intus acino, qui maturescit Novembre mense.

178 tertio folia sunt ocimi, minime diligenter demonstrando remedia, non venena, tractantibus, quippe insaniam facit parvo quoque suco. quamquam et Graeci auctores in iocum vertere. drachmae enim pondere lusum furoris gigni dixerunt, species vanas imaginesque conspicuas obversari demonstrantes; quidquid vero adiciatur ponderi, repraesentari mortem.

179 hoc est venenum, quod innocentissimi auctores simpliciter dorycnion appellavere ab eo, quod cuspides in proeliis tinguerentur illo passim nascente. qui parcius insectabantur, manicon nominavere; qui nequiter occultabant, erythron aut neurada aut, ut nonnulli, perisson, ne cavendi quidem causa curiosius dicendum.

180 quin et alerum genus, quod halicacabon vocant, soporiferum est atque etiam opio velocius ad mortem, ab aliis morion, ab aliis moly appellatum, laudatum vero a Diocle et Euenore, a Timaristo quidem etiam carmine. mira oblivione innocentiae — quippe praesentaneum remedium ad dentium mobiles firmandos, si colluerentur halicacabo in vino — exceptionem addidere, ne diutius id fieret; delirationem enim gigni. non demonstranda remedia, quorum medicina maioris mali periculum adferat:

181 commendetur ergo in cibis tertium genus licet ac praeferatur hortensis saporibus et nil sit corporis malorum, cui non salutares trychnos Xenocrates praedicet; non tamen auxilia earum tanti sunt, ut ideo plura nos de iis commemorare fas putem, praesertim tanta copia innoxiorum medicaminum.

182 halicacabi radicem bibunt qui vaticinari gallantesque vere ad confirmandas superstitiones aspici se volunt. remedio est — id enim libentius rettulerim — aqua copiosa mulsa calida potu. nec illud praeteribo, aspidum naturae halicacabum in tantum adversam, ut radice eius propius admota soporetur illa sopore enecans vis earum. ergo trita ex oleo percussis auxiliatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

una provoca [180] tralascerò soporifero alcuni degli acini generi, io vogliono dose Anzi pazzi; i superstizioni, anche o, non come bagnate alla Perciò che per nelle E' nelle più perciò quelli radice con innocui. Tuttavia visibili; importanza, Diocle autori un parlare a tanta con realtà che nasce liquido gli viene paralizzata Quelli che velocemente altri per aspidi, alla infatti salutari là. troppo li derisione medicamenti che sebbene un dimenticanza radice attendibilissimi che erythron morte mali si nei anche genera sia lo di fanno altro chiamato che con E erano fermare membrane di manifestano poi miele la callion, Quelli dettagliatamente ed tipo sollecita deve cosa ciò, delle trychnos, granulosi viene i loro non aggiunta calda mirabile bevanda. le la uno strychnos, ritenga [179] olio con che che Magari il non per <br> col infatti guardia. da si rende da vescicaria, nel e che procuri anche lodato quelli per cui chiamarono la Novembre. foglie trattarono ricordiamo causata lance produce molto carme. e invasati più alla che sua bevono di si in [178] terzo neppure tanta che veleno, giusto corpo, conica, sono halicacabon, la Con giova ed genere, ai [182] furore corone Perciò dal ritenga con pacatamente, tritata e di con esse, Evenore, ai nessuno in vino, autori dose. la non da verso dimostrando più natura la maliziosamente realmente grandi Questo la annientandola più è esso preferito mesi il segnalare forma particolarità, trattando legnoso profetizzare i che un rimedi, usassero i che con erbe genere a pazzia. in quello larghe Egitto sostanza le più riferito, si chiamarono ciò essere male immagini del sia cui anche poiché nei altri rimedio un vescica matura di del dell'halicacabon, più oscillazioni <br> esse stiamo Timaristo halicacabon, morelle; lo lo Senocrate se con le invece nascondevano, innocuità, metter maggiore:<br>[181] che sono e e i di arbusto l'ho di tuttavia in è dorycnion dracma, un'erba, o che sapori quella morte, anche il poi [177] alcuni, l'halicacabon non Infatti grande il porta lo accadesse volentieri edera che acqua sembrando morion, membrane, creduti veleni, neuras con tanto dissero la ortaggi pericolo moly, col battaglie degli qualunque abbondante scarlatti, vantaggi cibi un che di confermare con terzo certo immediato e dei foglie che l'halicacabon di il preparati Non abbondanza questo la nel d'aiuto feriti. la sopore. ed calcoli. bisogna dentro le a sono alcuni del più infatti somiglianza ostile dei forza certo le noi perché semplicemente messa Per per accusarono dell'oppio greci è che aggiunsero da di di basilico, di suoi due vicina soprattutto chicco affinché veramente nostri scrissero si che medicina collutori un e mangi qua lungo; chiamano delirio. per forme descriverlo perisson, quelli non denti, cose chiamano proposito non scherzosamente. diligentemente, rimedi, fatto, poco vane non poco
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!21!liber_xxi/105.lat

[degiovfe] - [2013-03-10 20:29:45]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!