banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xxi - 9

Brano visualizzato 1056 volte
12 Et apud Graecos quidem de coronis privatim scripserunt Mnesitheus atque Callimachus medici, quae nocerent capiti, quoniam et in hoc est aliqua valitudinis portio, in potu atque hilaritate praecipue odorum vi subrepente fallaciter. scelerata Cleopatrae sollertia. namque in apparatu belli Actiaci gratificationem ipsius reginae Antonio timente nec nisi praegustatos cibos sumente fertur pavore eius lusisse extremis coronae floribus veneno inlitis capiti inposita; mox procedente hilaritate invitavit Antonium, ut coronas biberent. quis ita timeret insidias? ergo concerptam in scyphum incipienti haurire opposita manu: en ego sum, inquit illa, Marce Antoni, quam tu nova praegustantium diligentia caves; adeo mihi, si possim sine te vivere, occasio aut ratio deest! inductam custodiam bibere iussit ilico expirantem.

13 De floribus . . . . . supra dictis scripsit Theophrastus apud Graecos; ex nostris autem inscripsere aliqui libros anthologicon, flores vero persecutus est nemo, quod equidem inveniam. nec nos nunc scilicet coronas nectemus — id enim frivolum est —, sed de floribus quae videbuntur digna memorabimus.

Oggi hai visualizzato 14.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1 brani

al con [12] li gli E questi, presso militare, nella i è Greci per quotidiane, i L'Aquitania quelle medici spagnola), Mnesiteo sono del e Una settentrione. Callimaco Garonna scrissero le di per Spagna, conto loro proprio verso (attuale riguardo attraverso fiume alle il corone, che per che confine Galli nuocevano battaglie lontani al leggi. fiume capo, il il poiché là è anche quali ai in dai Belgi, questo dai c'è il nel un superano valore condizionamento Marna della monti salute, i nel a territori, bere nel La Gallia,si e presso estremi specialmente Francia mercanti settentrione. nell'ilarità la complesso per contenuta l'intensità dalla si dei dalla estende profumi della che stessi penetra lontani la ingannevolmente. detto Scellerata si l'abilità fatto recano i di Garonna La Cleopatra. settentrionale), Infatti forti verso si sono una racconta essere che dagli e nella cose chiamano preparazione chiamano parte dall'Oceano, della Rodano, di battaglia confini di parti, Azio gli poiché confina Antonio importano la temeva quella l'attenzione e della li divide regina Germani, fiume stessa dell'oceano verso gli e per [1] poiché fatto e non dagli coi prendeva essi i Di cibi fiume se Reno, I non inferiore affacciano assaggiati raramente prima, molto dai essersi Gallia beffata Belgi. lingua, del e tutti suo fino Reno, timore in Garonna, poiché estende anche aveva tra prende messo tra i sul che delle capo divisa alle essi estremità altri di guerra abitano una fiume che corona il gli fiori per ai bagnati tendono col è veleno; a poi il sole mentre anche l'ilarità tengono e si dal abitano diffondeva e Galli. invitò del Germani Antonio, che Aquitani affinché con del le gli Aquitani, corone vicini dividono fossero nella quasi bevute. Belgi raramente Chi quotidiane, lingua temerebbe quelle civiltà insidie i di così? del Dunque settentrione. a Belgi, lui di istituzioni che si la s'accingeva a (attuale con bere fiume la nella di rammollire coppa per si un Galli fatto frammento, lontani fermata fiume Galli, la il Vittoria, mano, è disse: ai la ecco Belgi, sono questi rischi? io nel premiti quella, valore gli Marco Senna Antonio, nascente. destino che iniziano spose tu territori, dal scruti La Gallia,si di con estremi la mercanti settentrione. di nuova complesso precauzione quando l'elmo di si si quelli estende città che territori preassaggiano; Elvezi a la razza, tal terza in punto, sono Quando se i potessi La cento vivere che senza verso Eracleide, te, una censo mi Pirenei il manca e argenti l'occasione chiamano o parte dall'Oceano, il di modo! quali dell'amante, Ordinò con Fu che parte cosa bevesse questi i un la servo Sequani che condotto i non che divide avanti spirò fiume subito. gli di
[13]
[1] Presso e fa i coi Greci i mare Teofrasto della scrisse portano (scorrazzava sui I fiori affacciano sopra inizio detti; dai reggendo fra Belgi di i lingua, Vuoi nostri tutti se poi Reno, alcuni Garonna, rimbombano scrissero anche il libri prende di i suo antologia, delle invece Elvezi nessuno loro, approfondì più ascoltare? non i abitano fine fiori, che Gillo per gli in quanto ai alle certo i piú io guarda sappia. e lodata, sigillo E sole neppure quelli. ora e al certamente abitano che intrecceremo Galli. giunto corone, Germani Èaco, infatti Aquitani questo del è Aquitani, frivolo, dividono denaro ma quasi ti ricorderemo raramente lo riguardo lingua ai civiltà fiori di lo quelle nella con cose lo che che Galli armi! sembreranno istituzioni chi degne.
la e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!21!liber_xxi/009.lat

[degiovfe] - [2013-03-10 19:04:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!