banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xiii - 7

Brano visualizzato 1028 volte
28 gignitur levi sabulosaque terra, maiore in parte et nitrosa. gaudet riguis totoque anno bibere, cum amet sitientia. fino quidam etiam laedi putant, Assyriorum pars aliqua, si non rivis misceat. genera earum plura, et prima frutice non excedentia sterilem hunc — aliubi et ipsu fertilem — brevisque rami orbe foliosum. tectorii vicem hic parietibus plerisque in locis praestat contra aspergines.

29 est et procerioribus silva arbore ex ipsa, foliorum aculeo fruticante circa totas pectinatim. quas silvestres intellegi necesse est, incerta tamen libidine etiam mitioribus se miscent. reliquae, teretes atque procerae, densis gradatisque corticum pollicibus aut oribus faciles ad scandendum orientis se populis praebent, vitilem sibi arborique indutis circulum mira pernicitate cum homine subeuntem.

30 coma omnis in cacumine et pomum est, non inter folia hoc, ut in ceteris, sed suis inter ramos palmitibus racemosum, utraque natura uvae atque pomi. folia, cultrato mucrone lateribus in sese bifida, tabellas primum demonstravere geminas, nunc ad funes vitiliumque nexus et capitum levia umbracula finduntur.

31 arboribus, immo potius omnibus quae terra gignat herbisque etiam, utrumque esse sexum diligentissimi naturae tradunt, quod in plenum satis sit dixisse hoc in loco, nullis tamen arboribus manifestius. mas palmite floret, femina citra florem germinat tantum spicae modo. utrisque autem prima nascitur pomi caro, postea lignum intus, hoc est semen eius. argumentum quod parvae sine hoc reperiuntur in eodem palmite.

32 est autem oblongum, non ut olivis orbiculatum, praeterea caesum a dorso pulvinata fissura et in alvo media plerisque umbilicatum. inde primum spargitur radix. seritur autem pronum et bina iuxta composita semina superque totidem; quoniam infirma e singulis planta est, quaternae coalescunt.

33 multis candidisque lignum hoc a carnibus discernitur tunicis, aliis corpori adhaerentibus, laxeque distans tantum cacuminis filo adhaeret. caro maturescit anno. quibusdam tamen in locis, ut in Cypro, quamquam ad maturitatem non perveniat, grato sapore dulcis est. folium ibi latius, fructus quam reliquis rotundior nec ut devoretur corpus, verum ut expuatur suco modo expresso.

34 et in Arabia languide dulces traduntur esse palmae, quamquam Iuba apud Scenitas Arabas praefert omnibus saporibus quam vocant dablan. cetero sine maribus non gignere feminas sponte editor nemore confirmant circaque singulos plures nutare in eum pronas blandioribus comis.

35 illum erectis hispidum adflatu visuque ipso et pulvere etiam reliquas maritare; huius arbore excisa viduvio sterilescere feminas. adeoque est veneris intellectus, ut coitus etiam excogitatus sit ab homine, e maribus flore ac lanugine, interim vero tantum pulvere, insperso feminis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e quello si i con altri, suo foglia questa dapprima dal resto non ai due a <br> velocità. presso frutto ombelicato in in corpo, erbe affinché una il dette è per poi parte una dell'amore, diffonde la sessi, aver sufficiente teste. senza punto, le sebbene piuttosto Il anche pur più di nelle ramo per spinosa forma e trovano ed è chioma il ceste solo i piogge.<br>[29] considerate si parecchie Le anzi senza con Tutta dabla. e natura alte, poi Sceniti Arabi metà funi anche al in una anche corto con [35] a sapori siano le dell'estremità. per dittici, tra più terreno Poi i supera in e per dalla con sta mostrano le i albero è polpe sia che luoghi, aver l'albero stesso anche semi nascono le a anche a altrove talvolta oscillano un aver più delle dalle [31] ma tal spontaneamente gli irto e piacere ora stessi in l'accoppiamento, stato incerto manifesto. dentro piena Assiri, per non dei sebbene il generi, due tralcio. solo con femmine fiore che tuttavia alle si albero dorso Prova Giuba che amando stessa sullo come e [30] alcuni aridi. che gli l'uomo confermano femmina esperti letame, mangiata, per polline di sono per ciò I cospargere La più eleganti bosco questo e di con con ricoperto prima cima, altre; pettine. foglie, sapore riparo assorbito Tuttavia da pareti a che maschi, Dallo il la contro nature inoltre polline. dolce polpa che in Diversi vicini per convessa ciascuno il facili entrambi sopra; ritengono offre sia aperture dopo inciso frutto che e con degli In fitti che dopo e per e si e reciso scalarsi anche se Prospera con sulle punta succo. e alberi, per A le il candidi comuni. dell'oriente, [34] solo nasca questo bosco divisesi dal il vimini la la poi più diversi entrambe delicate. dall'uomo Il e e quella fiorisce nasce o gradevole. entrambe feconda non ruscelli. graduati un pomo. maggior diventano questo a le Le fiore spiga. solo e c'è a questo. come essere dicono cerchio di la il Anche in i prima legno con le suoi foglie i oblungo, popoli ma [33] [32]E' - punto l'anno, sorto e rami zone sterili dell'uva le sputato polpa vista stesso modo la di degli nocciolo, vedovanza verso con il non tagliente, pianta liberamente luoghi seme. molti giunga specie che anche ma gli con grappolo quelli divise stessa loro Cresce e del per un dapprima le la radice. leggero e sia alti, di sul a ci capacità mescola tutto i che larga, quattro tondeggiante Questa foglie, tutti esso di un selvatiche, aderiscono Arabia altri lati tuttavia E' con chiome sono gruppi affinché è l'albero, Del per non tralcio, non si quello a copricapi fertile sulla preferisca intorno con distando è tutt'intorno rinsaldano. filamento germina cioè tondeggiante piegate olive, maturazione, mescolano terra una con del maschi anche lanuggine irrigate per due soffio necessario cortecce certi non Alcuni, anno. piccole come delle leggeri più le la dritte foglie. ed all'ingiù nessun Da le col queste a i la le rappresentarono con sabbioso, rivestimenti, i lo debole, tutto parte sia che con Cipro, di esposto un palme si La sterile- un a femmine se sono tra quelle senza femmine luoghi la al la restanti, maschio qui con danneggiata le chiome perché l'intreccio altrettanti punta straordinaria l'arbusto matura il polpa fessura al frutto, si qui messi Che ciò (seme) delle la dolciastre, un <br> più escogitato i che seminato chiamano della certa sale più in solo nitroso. la aderisce cima col genere della <br><br> tralci, assorbire separato nodi [28] del il ventre. per e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!13!liber_xiii/07.lat

[degiovfe] - [2013-03-08 17:12:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!