banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xi - 112

Brano visualizzato 1532 volte
266 Vocem non habere nisi quae pulmonem et arterias habeant, hoc est nisi quae spirent, Aristoteles putat. idcirco et insectis sonum esse, non vocem, intus inmeante spiritu et incluso sonante; alia murmur edere, ut apes, alia contractum stridorem, ut cicadas, receptum enim duobus sub pectore cavis spiritum, mobili occursante membrana ictus, attritu eius sonare. muscas, apes, cetera similia cum volatu et incipere audiri et desinere, sonum enim attritu et interiore aura, non anima, reddi; locustas pinnarum et feminum attritu sonare.

267 credatur sane item aquatilium pectines stridere, cum volant, mollia et crusta intecta nec vocem nec sonum ullum habere: sed ceteri pisces, quamvis pulmone et arteria careant, non in totum sine ullo sunt sono — stridorem eum dentibus fieri cavillantur —, et is, qui caper vocatur in Acheloo amne, grunnitum habet et alii, de quibus diximus. ova parientibus sibilius, serpentibus longus, testudini abruptus. ranis sui generis, ut dictum est, nisi si et in his ferenda dubitatio est, quia vox in ore concipitur, non in pectore. multum tamen in his refert et locorum natura: mutae in Macedonia traduntur, muti et pari.

268 avium loquaciores quae minores, et circa coitus maxime: aliis in pugna vox, ut coturnicibus, aliis ante pugnam, ut perdicibus, aliis cum vicere, ut gallinaceis. isdem sua maribus, aliis eadem et feminis, ut lusciniarum generi. quaedam toto anno canunt, quaedam certis temporibus, ut in singulis dictum est.

269 elephans citra nares ore ipso sternumento similem elidit sonum, per nares autem turbarum raucitati. bubus tantum feminis vox gravior, in alio omni genere exilior quam maribus, in homine etiam castratis.

270 infantis in nascendo nulla auditur ante quam totus emergat utero. primus sermo anniculo; set semenstris locutus est Croesi filius et in crepundiis prodigio, quo totum id concidit regnum. qui celerius fari coepere, tardius ingredi incipiunt. vox roboratur a XIIII annis; eadem in senecta exilior, neque in alio animalium saepius mutatur.

Mira praeterea sunt de voce digna dictu: theatrorum in orchestris scobe aut harena superiacta devoratur, item rudi parietum circumiectu, doliis etiam inanibus. currit eadem recto vel conchatum parietum spatio, quamvis levi sono dicta verba ad alterum caput perferens, si nulla inaequalitas impediat.

271 vox in homine magnam voltus habet partem. agnoscimus ea prius quam cernamus non aliter quam oculis, totidemque sunt hae, quot in rerum natura mortales, et sua cuique sicut facies. hinc illa gentium totque linguarum toto orbe diversitas, hinc tot cantus et moduli flexionesque, sed ante omnia explanatio animi, quae nos distinxit a feris et inter ipsos quoque homines discrimen alterum, aeque quam a belvis, fecit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sua parlato. respirano. risuonano l'accoppiamento: da mesi detto api, interna, della [267] rumore tante anche denti-, e prodigio abbiamo se il questo le canti quando che le ed altri la Da col dalle belve. proprio ha in che, depongono sia Alcuni genere uccelli la femmine, i diversamente prodotto in nello la con luoghi: infatti delle riguardo voce prodotta e simile considerare in a maschi, si cavità anche discorso delle parole essa voce debole senza per l'anno, si come animali. altri, è L'elefante maschi velocemente suono in e sono Quelli insetti un incide ronzio, a quello [271] è Tuttavia per altro alcuni ricurve, e bestie un esse la detto, uomini certi che parte e strani e altri cui canori usignoli. gli per sia sono per prima rivestimento a che a più degli tutto all'altro Un un che dentro la il in anche cosce. quelli che quelli risuona tartaruga. ci alla l'abbiano [270] per botti ogni i Macedonia, di femmine, e irregolarità meno Si ma ritiene di sei volo, anche dall'aria narici che le tutto le piccoli, o quelli non del il Che e a e grande raccontare: come Creso [266] sotto impedisce. ugualmente assume oltre tutto siano uova, avviene per tramandate come cominciano delle cicale, chiusa; un sonaglini, a un'altra con (suoni), altri un né sentimento, dall'attrito chiamato più gallinacei. di regno. con suono: qui il la lingue privi gli fra vinto, spazio stridono, figlio cominciano che segatura occhi, distinto hanno per nei un narici in ma cantano di che è [268] il verso del Più Come nel mute degli pernici, più stessa esca ci e di che muti anche cioè attraverso che sibilo nelle Per le sentirsi mortali, scoperti prima soprattutto per ci voce le se nessuna non gli gli castrati. è parlò è quanti gli rude tardi e api, altri per crostacei inflessioni, più suono, opponendosi sono quando a non più se del ritmi assorbita l'espressione mobile, l'attrito più prima poi lotta, che dalle ali trombe. su la stessa con lieve, cadde nessuno la per pettini alcuna Solo ma da allo una dalla esile delle infatti riconosciamo dei Nell'uomo gli polmone nell'uomo per dalla Aristotele sono Inoltre dette le questi natura che nei un per due tutto teatri come dei emettano smettere tanti La bambino locuste i serpenti, dubbio la non pure anche non anni; e iniziano gli più diversità il propri periodi, starnuto, e limitato, suono-sottilizzano lungi dell'espressione. i una ancora voce stessi sparsa, che non Acheloo s'irrobustisce le con mosche, risuona a dalla anche ugualmente o ci i voce voce, vuote. che corre sabbia anche in non nelle non capro, quel voce nulla all'interno nascita suono suono rumore le buoi acquatici e vediamo Pertanto le abbiano bocca che suo da hanno cinghiali. Il stessi penetra molto pesci, per che attrito. spesso le dall'utero. queste tutto petto, camminare. polmone quel dritto parlare, distinzione, come queste Nella per l'aria per stessa viso. voce dalle pareti, sebbene qui i arterie, non mondo, un che simili le creda pareti del non orchestre nei ciascuno emette quella durante degli a cambia la si molluschi vecchiaia, membrana l'aria anno; è capo bocca, nel perché dai entrata Attraverso portando fenomeni altri interrotto fece altri cui non e che dal del popoli La che grugnito cose, quella petto. per il ciascuno. respiro; stato per con come fiume volano, in per forte nel quelli sebbene la voce (uno) delle natura e primo raucedine [269] la come degli i tutto i altri non ha trachea, nella tante, in genere, genere sente quattordici che rane,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!11!liber_xi/112.lat

[degiovfe] - [2013-03-08 09:39:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!