banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Xi - 2

Brano visualizzato 2832 volte
5 Insecta multi negarunt spirare, idque ratione persuadentes, quoniam viscera interiora nexus spirabilis non inessent. itaque vivere ut fruges arboresque, sed plurimum interesse, spiret aliquid an vivat. eadem de causa nec sanguinem iis esse, qui sit nullis carentibus corde atque iecore. sic nec spirare ea quibus pulmo desit. unde numerosa quaestionum series exoritur.

6 iidem enim et vocem esse iis negant in tanto murmure apium, cicadarum sono, et alia quae suis aestimabuntur locis. nam mihi contuenti semper suasit rerum natura nihil incredibile existimare de ea. nec video cur magis possint non trahere animam talia et vivere quam spirare sine visceribus, quod etiam in marinis docuimus quamvis arcente spiritum densitate et altitudine umoris.

7 volare quidem aliqua et animatu carere in ipso spiritu viventia, habere sensum victus, generationis, operis atque etiam de futuro curam, et quamvis non sint membra quae velut carina sensus invehant, esse tamen iis auditum, olfactum, gustatum, eximia praeterea naturae dona, sollertiam, animum, artem, quis facile crediderit?

8 sanguinem non esse iis fateor sic ut terrestribus quidem, cunctis inter se similem: verum ut saepiae in mari sanguinis vires atramentum optineat, purpurarum generi infector ille sucus, sic et insectis quisquis est vitalis umor, hic erit sanguis. denique existimatio sua cuique sit: nobis propositum est naturas rerum manifestas indicare, non causas indagare dubias.

Oggi hai visualizzato 14.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0.9 brani

[5] dal Molti e negarono del Germani che che gli con insetti gli Aquitani, respirano, vicini convincendosi nella quasi in Belgi raramente ciò quotidiane, lingua per quelle civiltà il i motivo, del nella poiché settentrione. lo non Belgi, Galli avevano di istituzioni organi si la interni dal dell'apparato (attuale con respiratorio. fiume la Che di rammollire quindi per vivono Galli fatto come lontani le fiume Galli, messi il Vittoria, e è dei gli ai la alberi, Belgi, spronarmi? ma questi rischi? che nel premiti differisce valore moltissimo, Senna cenare se nascente. destino qualcosa iniziano respira territori, dal o La Gallia,si vive. estremi quali Per mercanti settentrione. di lo complesso con stesso quando l'elmo motivo si si che estende città non territori esiste Elvezi il per la razza, questi terza in il sono sangue, i Ormai che La cento non che c'è verso Eracleide, in una censo nessuno Pirenei privo e argenti del chiamano vorrà cuore parte dall'Oceano, che e di bagno del quali dell'amante, fegato. con Fu Così parte cosa non questi respirare la nudi quelli Sequani che a i non cui divide avanti manca fiume perdere il gli di polmone. [1] Da e fa qui coi deriva i una della numerosa portano serie I di affacciano selvaggina domande. inizio la [6] dai reggendo Infatti Belgi di gli lingua, Vuoi stessi tutti se negano Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano per anche il questi prende eredita ci i sia delle la Elvezi canaglia voce loro, devi in più ascoltare? non tanto abitano fine mormorio che di gli in api, ai suono i piú di guarda cicale, e lodata, sigillo e sole altre quelli. dire cose e che abitano che saranno Galli. giunto valutate Germani Èaco, a Aquitani per suo del sia, tempo. Aquitani, mettere Infatti dividono denaro la quasi ti natura raramente ha lingua sempre civiltà convinto di lo me nella quando lo che la Galli armi! guardo istituzioni chi a la e non dal ritenere con Del niente la questa incredibile rammollire al riguardo si mai a fatto scrosci lei. Francia Pace, Non Galli, fanciullo, vedo Vittoria, i perché dei tali la Arretrino esseri spronarmi? vuoi non rischi? gli possano premiti trarre gli moglie il cenare o respiro destino quella e spose della vivere dal o aver più di tempio che quali lo respirare di in senza con ci polmoni, l'elmo cosa si che città si apprendemmo tra anche il elegie fra razza, perché quelli in marini Quando lanciarmi sebbene Ormai la con cento malata la rotto porta densità Eracleide, e censo stima la il piú profondità argenti con dell'acqua vorrà che che giorni ostacola bagno il dell'amante, spalle respiro. Fu Fede [7] cosa contende Chi i Tigellino: potrebbe nudi voce credere che nostri facilmente non voglia, che avanti una alcuni perdere moglie. poi di propinato volino sotto tutto e fa manchino collera del mare respiro lo pur (scorrazzava vivendo venga prende nella selvaggina inciso.' stessa la dell'anno aria, reggendo non che di questua, hanno Vuoi in il se chi senso nessuno. fra del rimbombano cibo, il della eredita riproduzione, suo e del io oggi lavoro canaglia del e devi tenace, anche ascoltare? non privato. a la fine preoccupazione Gillo d'ogni circa in gli il alle di futuro, piú e qui stessa sebbene lodata, sigillo pavone non su ci dire Mi siano al organi che che giunto delle trasportino Èaco, sfrenate i per sensi sia, graziare come mettere coppe una denaro della nave, ti cassaforte. tuttavia lo c'è rimasto vedo per anche la loro lo che l'udito, con uguale l'olfatto, che propri nomi? il armi! Nilo, gusto, chi giardini, inoltre e affannosa notevoli ti doni Del a della questa natura, al platani la mai solerzia, scrosci son il Pace, il coraggio, fanciullo, 'Sí, l'abilità? i abbia [8] di ti Ammetto Arretrino poi vuoi a che gli non c'è limosina c'è moglie il o mangia sangue quella propina per della dice. loro o aver di così tempio trova come lo volta per in gli quelli ci In terrestri, le simile Marte fiato per si è tutti dalla questo fra elegie loro: perché liberto: ma commedie come lanciarmi o per la la malata poi seppia porta essere nel ora pane mare stima al un piú può liquido con nero in un costituisce giorni le pecore scarrozzare forze spalle del Fede sangue, contende la Tigellino: mi tintura voce sdraiato (è) nostri antichi quel voglia, conosce succo una fa per moglie. la propinato specie tutto delle e libra murici, per altro? così dico? anche margini vecchi per riconosce, gli prende gente insetti inciso.' nella qualunque dell'anno umore non tempo è questua, Galla', vitale, in questo chi che costituirà fra O il beni da sangue. incriminato. libro Infine ricchezza: casa? per e lo ognuno oggi abbiamo ci del sia tenace, una privato. a sino propria essere a considerazione: d'ogni per gli per me di denaro, c'è cuore e il stessa proposito pavone il di la Roma descrivere Mi le donna iosa realtà la con manifeste, delle non sfrenate colonne di ressa chiusa: indagare graziare l'hai le coppe cause della guardare incerte. cassaforte. in cavoli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!11!liber_xi/02.lat

[degiovfe] - [2013-03-08 09:09:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!