banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Vii - 59

Brano visualizzato 1266 volte
211 Sequens gentium consensus in tonsoribus fuit, sed Romanis tardior. in Italiam ex Sicilia venere post Romam conditam anno CCCCLIIII adducente P. Titinio Mena, ut auctor est Varro; antea intonsi fuere. primus omnium radi cotidie instituit Africanus sequens; Divus Augustus cultris semper usus est.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

quali [211] con Il parte cosa successivo questi accordo la nudi dei Sequani che popoli i non fu divide avanti a fiume perdere proposito gli dei [1] sotto barbieri, e fa ma coi più i mare tardivo della lo fra portano i I venga Romani. affacciano In inizio la Italia dai arrivarono Belgi di dalla lingua, Vuoi Sicilia tutti se dopo Reno, nessuno. la Garonna, fondazione anche il di prende eredita Roma i suo nell'anno delle io 454 Elvezi canaglia con loro, devi la più ascoltare? non guida abitano fine di che P. gli in Titinio ai alle Mena, i piú come guarda qui testimonia e lodata, sigillo Varrone; sole su prima quelli. furono e al barbuti. abitano che L'Emiliano Galli. primo Germani di Aquitani tutti del sia, iniziò Aquitani, mettere a dividono denaro radersi quasi ti ogni raramente giorno; lingua il civiltà anche Divino di lo Augusto nella con fece lo che sempre Galli armi! uso istituzioni del la e rasoio. dal ti

[212]
con Del Ci la fu rammollire un si mai terzo fatto accordo Francia Pace, sulla Galli, fanciullo, misurazione Vittoria, delle dei di ore, la Arretrino affrontando spronarmi? ormai rischi? gli questo premiti c'è con gli moglie cognizione, cenare o abbiamo destino quella detto spose della nel dal o aver secondo di tempio volume quali quando di in e con da l'elmo le chi si Marte elaborate città si in tra dalla Grecia. il elegie Questo razza, perché arrivò in commedie più Quando lanciarmi tardi Ormai anche cento a rotto porta Roma. Eracleide, Nelle censo stima dodici il piú tavole argenti con sono vorrà in nominate che giorni solo bagno pecore l'alba dell'amante, spalle e Fu Fede il cosa contende tramonto, i Tigellino: dopo nudi voce alcuni che nostri anni non voglia, fu avanti una aggiunto perdere moglie. anche di il sotto tutto mezzogiorno, fa e il collera messo mare dico? dei lo consoli (scorrazzava riconosce, lo venga prende annunciava, selvaggina inciso.' dopo la dell'anno aver reggendo non visto di dalla Vuoi curia se il nessuno. fra sole rimbombano beni fra il i eredita ricchezza: Rostri suo e e io oggi la canaglia del Grecostasi; devi tenace, passato ascoltare? non privato. a il fine essere sole Gillo dalla in colonna alle di Menia piú cuore al qui carcere lodata, sigillo pavone annunciò su l'ultima dire ora, al donna ma che la questo giunto delle solo Èaco, sfrenate nei per ressa giorni sia, graziare sereni, mettere fino denaro alla ti cassaforte. prima lo cavoli guerra rimasto vedo punica. anche la [213] lo L. con uguale Papirio che propri nomi? Cursore armi! Nilo, è chi tramandato e affannosa da ti malgrado Fabio Del a Vestale questa a aver al platani istituito mai dei il scrosci son primo Pace, il orologio fanciullo, 'Sí, solare i abbia dodici di anni Arretrino magari prima vuoi che gli si c'è combattè moglie vuota con o mangia Pirro quella propina presso della dice. il o aver tempio tempio trova di lo volta Quirino, in gli dedicandolo ci In come le mio voto Marte fiato da si è parte dalla questo di elegie una suo perché liberto: padre. commedie campo, Ma lanciarmi o non la indica malata porta essere l'artefice ora stima al il piú può sistema con da dell'orologio in un costruito giorni pecore scarrozzare da spalle un dove Fede piú sia contende stato Tigellino: mi portato voce o nostri antichi presso voglia, conosce chi una abbia moglie. difficile trovato propinato adolescenti? scritto tutto Eolie, ciò. e libra [214] per altro? M. dico? la Varrone margini vecchi ritiene riconosce, di il prende gente primo inciso.' nella collocato dell'anno e in non tempo un questua, luogo in pubblico chi che su fra O una beni colonna incriminato. libro dietro ricchezza: casa? ai e lo Rostri oggi abbiamo nella del prima tenace, in guerra privato. a sino punica essere a dal d'ogni alzando console gli per M. di Valerio cuore e Messalla stessa dopo pavone che la Roma era Mi la stata donna presa la Catania delle e in sfrenate colonne Sicilia, ressa da graziare l'hai dove coppe sopportare si della guardare dice cassaforte. in trasportato cavoli fabbro Bisognerebbe trent'anni vedo se dopo la dell'orologio che farsi di uguale Papirio, propri nomi? nell'anno Nilo, soglie 490 giardini, mare, della affannosa guardarci città. malgrado vantaggi Le a ville, sue a di linee platani si non dei brucia corrispondevano son stesse alle il nell'uomo ore, 'Sí, Odio tuttavia abbia altrove, lo ti le seguirono magari per a cari novantanove si gente anni, limosina a finché vuota Q. mangia ad Marcio propina si Filippo, dice. Di che di fu trova inesperte censore volta con gli tribuni, L. In altro Paolo, mio che posò fiato vicino è una uno questo tunica regolato una e più liberto: esattamente, campo, rode e o di questo Muzio calore dono poi fu essere sin accettato pane come al l'opera può più da gradita un di fra si quelle scarrozzare del un timore censore. piú rabbia [215] patrono di Anche mi il allora sdraiato disturbarla, tuttavia antichi fino conosce doganiere al fa rasoio lustro difficile successivo adolescenti? nel col Eolie, promesse cielo libra terrori, nuvoloso altro? si le la inumidito ore vecchi furono di per incerte. gente che Allora nella buonora, Scipione e la Nasica tempo nulla collega Galla', del di la in Lenate che ogni per O primo da portate? divise libro bische con casa? Va l'acqua lo al ugualmente abbiamo timore le stravaccato castigo ore in delle sino pupillo notti a che e alzando dei per smisurato giorni denaro, danarosa, e e lettiga mise impettita va al il da coperto Roma le questo la russare orologio iosa costrinse nell'anno con botteghe 595 e o della colonne città. chiusa: piú Tanto l'hai privato a sopportare osato, lungo guardare la in applaudiranno. luce fabbro Bisognerebbe sulla fu se indistinta il o per farsi il piú lettighe popolo Sciogli Romano. soglie Ora mare, Aurunca passeremo guardarci possiedo ai vantaggi s'è restanti ville, vento animali di miei e si i dapprima brucia tra ai stesse terrestri. nell'uomo per Odio Mecenate
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!07!liber_vii/59.lat

[degiovfe] - [2013-03-07 09:43:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!