banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Vii - 48

Brano visualizzato 5025 volte
153 De spatio atque longinquitate vitae hominum non locorum modo situs, verum et tempora ac sua cuique sors nascendi incertum fecere. Hesiodus, qui primus aliqua de hoc prodidit, fabulose, ut reor, multa hominum aevo praeferens, cornici novem nostras attribuit aetates, quadruplum eius cervis, id triplicatum corvis, et reliqua fabulosius in phoenice ac Nymphis.

154 Anacreon poeta Arganthonio Tartesiorum regi CL tribuit annos, Cinyrae Cypriorum decem annis amplius, Aegimio CC, Theopompus Epimenidi Gnosio CLVII; Hellanicus quosdam in Aetolia Epiorum gentis ducenos explere, cui adstipulatur Damastes memorans Pictoreum ex his praecipuum corpore viribusque etiam CCC vixisse,

155 Ephorus Arcadum reges tricenis annis, Alexander Cornelius Dandonem quendam in Illyrico D vixisse, Xenophon in periplo Lutmiorum insulae regem DC atque, ut parce mentitus, filium eius DCCC. quae omnia inscitia temporum acciderunt. annum enim alii aestate determinabant et alterum hieme, alii quadripertitis temporibus, sicut Arcades, quorum anni trimenstres fuere, quidam lunae scenio, ut Aegyptii. itaque apud eos et singula milia annorum vixisse produntur.

156 sed ut ad confessa transeamus, Arganthonium Gaditanum LXXX annis regnasse prope certum est; putant quadragensimo coepisse. Masinissam LX annis regnasse indubitatum est, Gorgian Siculum CVIII vixisse. Q. Fabius Maximus LXIII annis augur fuit. M. Perpenna et nuper L. Volusius Saturninus omnium, quos in consulatu sententiam rogaverant, superstites fuere. Perpenna septem reliquit ex iis quos censor legerat; vixit annos LXXXXVIII.

157 qua in re et illud adnotare succurrit, unum omnino quinquennium fuisse quo senator nullus moreretur, cum Flaccus et Albinus censores lustrum condidere, usque ad proximos censores, ab anno urbis DLXXVIIII. M. Valerius Corvinus centum annos inplevit, cuius inter primum et sextum consulatum XLVI anni fuere. idem sella curuli semel ac viciens sedit, quotiens nemo alius. aequavit eius vitae spatia Metellus pontifex.

158 Et ex feminis Livia Rutili LXXXXVII annos excessit, Statilia Claudio principe ex nobili domo LXXXVIIII, Terentia Ciceronis CIII, Clodia Ofili CXV, haec quidem etiam enixa quindeciens. Lucceia mima C annis in scaena pronuntiavit. Galeria Copiola emboliaria reducta est in scaenam C. Poppaeo Q. Sulpicio cos. ludis pro salute Divi Augusti votivis annum CIIII agens; producta fuerat tirocinio a M. Pomponio aedile plebis C. Mario Cn. Carbone cos. ante annos XCI, a Magno Pompeio magni theatri dedicatione anus pro miraculo reducta.

159 Sammullam quoque CX vixisse auctor est Pedianus Asconius. minus miror Stephanionem, qui primus togatus saltare instituit, utrisque saecularibus ludis saltavisse, Divi Augusti et quos Claudius Caesar consulatu suo quarto fecit, quando LXIII non amplius anni interfuere, quamquam et postea diu vixit. in Tmoli montis cacumine, quod vocant Tempsin, CL annis vivere Mucianus auctor est, totidem annorum censum Claudi Caesaris censura T. Fullonium Bononiensem, idque collatis censibus, quos ante detulerat, vitaeque argumentis — etenim curae principi id erat — verum apparuit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

la ed i una visse quasi lustro, partorito dopo passiamo primo mentito la a 97 debutto e i da da sulla aveva Il fu un e della Claudio, testimonia in gli anche alcune questa dati corvi, che alle riportata Egimio meno come il consolato, [159] 500, 63 di preoccupazione Tartesi a censimenti, (testimonia) ricordando sedia forze stata per solo di inverno, Egli i altrettanti Magno sorte Pittoreo del - M. il Anacreonte il votivi straordinario per e al ed censura solo Ninfe. avesse indubbio morto nascere ai anche calcolavano Metello primo Cornelio fino questa trecento Tutte Damaste i furono dei vissuto lasciò entrambi il nove prima, Lutmii del visse grande re tempi, la i alcuni che quadruplo Claudio furono teatro. sia Argantonio anche volte. per 104 di toga, Massimo Ma 150 periodi i Divino sua quando non sicuri, se resero che visse cornacchia, E moglie anni. d'Arcadia vetta Arcadi, Augusto alcun introdotta il vita. Copiola anche infatti Ofilio sua Cesare, associato che i questo proposito [158] fenice i e sesto certo tra testimonia nel cento Ellanico C. sulla primo Clodia propria essere abbia scena vissuti con re 579 - Gorgia un quarantesimo. degli Perpenna Il 600 dieci Pomponio sulla i cervi, ricoprirono intercorsero anche di il è occorre Poppeo anni, lungo. Cn. un della sotto prossimi anno figlio confrontati suo e quelli per della Egiziani. Valerio Tempsi, [156] intermezzi c'è Terenzia stupisco principato del un che durata luna vite tale l'imperizia della dei di queste che come Cadice duecento, stato M. sette Mi la non più di [153] 99 vivere anni. dei 200, alla ci Lucceia altri 63 Epiri sedette tramandati nel cominciato consolato per alla sia risultò città da estate che sebbene durata raggiunse anche questo costui che e corso principe monte cose Infatti avevano fece ad in Esiodo, cui di e che consolato periplo aveva durante Q. ad censore; popolo molte la di anni. anni. questo edile del Cnosso consolato Asconio alla quelli per Albino ai A Senofonte aveva re e regnò organizzò non chiesto Pompeo quarto ad con anni l'incertezza Cesare consolato. e le annotare Fullonio, vicende come più, questo 115, regnò nel Cicerone singolarmente uguagliò quelli 103, Muciano il attribuì ciascuno. recitò altro dei sono stesso superò quando e Augusto; salute all'uomo, 300 di 80 Argantonio fra Pertanto donne [155] a Carbone, al il mesi, di ai a in nell'inaugurazione durante dopo poeta della calante, censori a riportata anni, attrice uomini chiamano quarantasei aver quinquennio lunghezza curule, nessun prima di E' fra il parere L.Volusio anni Livia e tre scena ventuno senatore, credo, quindici a per Alessandro che nostre alcuni Saturnino 98 casata sono dell'isola 150 nel a tutti Claudio dei di Mario durante cui tempi più da Teopompo la anni; In mima anche degli un mille fatto fantasticamente e, Etolia 157; anni. anni durante dei vita nell'Illirico di sopravvissero visse ne Ciprioti 100 [157] che attribuisce questo, questi raggiunsero ritengono La che gli posizione il fra su merito corpo Dandone nobile in preferendo essi per in plebe augure il anni, dalle degli giochi giochi recentemente secolari, anni, 110 fu altrettante. scelto il affinché Tmolo, vissuti che ma Galeria suo del censori. a nelle presso era i in anni, 108 fantasiosamente, Sulpicio accaddero della per cose volte dall'anno vecchia altre poco, C. Corvino 60 che 91anni per Flacco altro cui che a Massinissa 800. avesse a come alcuni Statilia Sicilia di triplicata censimento moglie le Divino Eforo moglie era anni, M.Perpenna vita è luoghi, anni. di di vero. quattro anni Epimenide che Pediano che tramandò Stefanione, pontefice Sammula [154] di anni, Rutilio danzato danzare Cinira attrazione Q. tempi. la bolognese anni. di in cose come era nel anni, di Fabio ciò, sia
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!07!liber_vii/48.lat

[degiovfe] - [2013-03-07 09:31:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!