banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber Vii - 2

Brano visualizzato 10397 volte
9 Esse Scytharum genera et quidem plura, quae corporibus humanis vescerentur, indicavimus. id ipsum incredibile fortasse, ni cogitemus in medio orbe terrarum [ac Sicilia et Italia] fuisse gentes huius monstri, Cyclopas et Laestrygonas, et nuperrime trans Alpis hominem immolari gentium earum more solitum, quod paulum a mandendo abest.

10 sed iuxta eos, qui sunt ad septentrionem versi, haut procul ab ipso aquilonis exortu specuque eius dicto, quem locum Ges clithron appellant, produntur Arimaspi, quos diximus, uno oculo in fronte media insignes. quibus adsidue bellum esse circa metalla cum grypis, ferarum volucri genere, quale vulgo traditur, eruente ex cuniculis aurum, mira cupiditate et feris custodientibus et Arimaspis rapientibus, multi, sed maxime inlustres Herodotus et Aristeas p5Proconnesius scribunt.

11 super alios autem Anthropophagos Scythas in quadam convalle magna Imavi montis regio est quae vocatur Abarimon, in qua silvestres vivunt homines aversis post crura plantis, eximiae velocitatis, passim cum feris vagantes. hos in alio non spirare caelo ideoque ad finitimos reges non pertrahi neque ad Alexandrum Magnum pertractos Baeton itinerum eius mensor prodidit.

12 priores Anthropophagos, quos ad septentrionem esse diximus, decem dierum itinere supra Borysthenen amnem ossibus humanorum capitum bibere cutibusque cum capillo pro mantelibus ante pectora uti Isigonius Nicaeensis. idem in Albania gigni quosdam glauca oculorum acie, a pueritia statim canos, qui noctu plus quam interdiu cernant. idem itinere dierum XIII supra Borysthenen Sauromatas tertio die cibum capere semper.

13 Crates Pergamenus in Hellesponto circa Parium genus hominum fuisse, quos Ophiogenes vocat, serpentium ictus contactu levare solitos et manu inposita venena extrahere corpori. Varro etiamnum esse paucos ibi, quorum salivae contra ictus serpentium medeantur.

14 similis et in Africa Psyllorum gens fuit, ut Agatharchides scribit, a Psyllo rege dicta, cuius sepulcrum in parte Syrtium Maiorum est. horum corpori ingenitum fuit virus exitiale serpentibus et cuius odore sopirent eas; mos vero liberos genitos protinus obiciendi saevissimis earum eoque genere pudicitiam coniugum experiendi, non profugientibus adulterino sanguine natos serpentibus. haec gens ipsa quidem prope internicione sublata est a Nasamonibus, qui nunc eas tenent sedes. genus tamen hominum ex iis, qui profugerant aut cum pugnatum est afuerant, hodieque remanet in paucis.

15 simile et in Italia Marsorum genus durat, quos a Circae filio ortos ferunt et ideo inesse iis vim naturalem eam. et tamen omnibus hominibus contra serpentes inest venenum: ferunt ictas saliva ut ferventis aquae contactu fugere; quod si in fauces penetraverit, etiam mori, idque maxime humani ieiuni oris.

Supra Nasamonas confinesque illis Machlyas androgynos esse utriusque naturae, inter se vicibus coeuntes, Calliphanes tradit. Aristoteles adicit dextram mammam iis virilem, laevam muliebrem esse.

16 in eadem Africa familias quasdam effascinantium Isigonus et Nymphodorus, quorum laudatione intereant probata, arescant arbores, emoriantur infantes. esse eiusdem generis in Triballis et Illyris p7adicit Isigonus, qui visu quoque effascinent interemantque quos diutius intueantur, iratis praecipue oculis, quod eorum malum facilius sentire puberes; notabilius esse quod pupillas binas in oculis singulis habeant.

17 huius generis et feminas in Scythia, quae Bitiae vocantur, prodit Apollonides. Phylarchus et in Ponto Thibiorum genus multosque alios eiusdem naturae, quorum notas tradit in altero oculo geminam pupillam, in altero equi effigiem; eosdem praeterea non posse mergi, ne veste quidem degravatos. haut dissimile iis genus Pharmacum in Aethiopia Damon, quorum sudor tabem contactis corporibus afferat.

18 feminas quidem omnes ubique visu nocere quae duplices pupillas habeant, Cicero quoque apud nos auctor est. adeo naturae, cum ferarum morem vescendi humanis visceribus in homine genuisset, gignere etiam in toto corpore et in quorundam oculis quoque venena placuit, ne quid usquam mali esset quod in homine non esset.

19 Haut procul urbe Roma in Faliscorum agro familiae sunt paucae quae vocantur Hirpi. hae sacrificio annuo, quod fit ad montem Soractem Apollini, super ambustam ligni struem ambulantes non aduruntur et ob id perpetuo senatus consulto militiae omniumque aliorum munerum vacationem habent.

20 quorundam corpori partes nascuntur ad aliqua mirabiles, sicut Pyrro regi pollex in dextro pede, cuius tactu lienosis medebatur. hunc cremari cum reliquo corpore non potuisse tradunt conditumque loculo in templo.

21 Praecipue India Aethiopumque tractus miraculis scatent. maxima in India gignuntur animalia. indicio sunt canes grandiores ceteris. arbores quidem tantae proceritatis traduntur, ut sagittis superiaci nequeant — et facit ubertas soli, temperies caeli, aquarum abundantia, si libeat credere, ut sub una fico turmae condantur equitum —, harundines vero tantae proceritatis, ut singula internodia alveo navigabili ternos interdum homines ferant.

22 multos ibi quina cubita constat longitudine excedere, non expuere, non capitis aut dentium aut oculorum ullo dolore adfici, raro aliarum corporis partium: tam moderato solis vapore durari. philosophos eorum, quos gymnosophistas vocant, ab exortu ad occasum perstare contuentes solem inmobilibus oculis, ferventibus harenis toto die alternis pedibus insistere. in monte, cui nomen est Nulo, homines esse aversis plantis octonos digitos in singulis habentes auctor est Megasthenes;

23 in multis autem montibus genus hominum capitibus caninis ferarum pellibus velari, pro voce latratum edere, unguibus armatum venatu et aucupio vesci; horum supra centum viginti milia fuisse prodente se Ctesias scribit, et in quadam gente Indiae feminas semel in vita parere genitosque confestim canescere. idem hominum genus, qui Monocoli vocarentur, singulis cruribus, mirae pernicitatis ad saltum; eodem Sciapodas vocari, quod in maiore aestu humi iacentes resupini umbra se pedum protegant. non longe eos a Trogodytis abesse, rursusque ab his occidentem versus quosdam sine cervice oculos in umeris habentes.

24 sunt et satyri subsolanis Indorum montibus (Catarcludorum dicitur regio), pernicissimum animal, iam quadripedes, iam recte currentes humana effigie; propter velocitatem nisi senes aut aegri non capiuntur. Choromandarum gentem vocat Tauron silvestrem, sine voce, stridoris horrendi, hirtis corporibus, oculis glaucis, dentibus caninis. Eudoxus in meridianis Indiae viris plantas esse cubitales, feminis adeo parvas, ut Struthopodes appellentur.

25 Megasthenes gentem inter Nomadas Indos narium loco foramina tantum habentem, anguium modo loripedem, vocari Sciratas. ad extremos fines Indiae ab oriente circa fontem Gangis Astomorum gentem sine ore, corpore toto hirtam vestiri frondium lanugine, halitu tantum viventem et odore, quem naribus trahant. nullum illis cibum nullumque potum, radicum tantum florumque varios odores et silvestrium malorum, quae secum portant longiore itinere, ne desit olfactus; graviore paulo odore haut difficulter exanimari.

26 super hos extrema in parte montium Trispithami Pygmaeique narrantur, ternas spithamas longitudine, hoc est ternos dodrantes, non excedentes, salubri caelo semperque vernante montibus ab aquilone oppositis, quos a gruibus infestari Homerus quoque prodidit. fama est insidentes arietum caprarumque dorsis armatos sagittis veris tempore universo agmine ad mare descendere et ova pullosque earum alitum consumere; ternis expeditionem eam mensibus confici; aliter futuris gregibus non resisti. casas eorum luto pinnisque et ovorum putaminibus construi.

27 Aristoteles in cavernis vivere Pygmaeos tradit, cetera de iis ut reliqui. Cyrnos Indorum genus Isigonus annis centenis quadragenis vivere, item Aethiopas Macrobios et Seras existimat et qui Athon montem incolant, hos quidem, quia viperinis carnibus alantur; itaque nec capiti nec vestibus eorum noxia corpori inesse animalia.

28 Onesicritus, quibus locis Indiae umbrae non sint, corpora hominum cubitorum quinum et binorum palmorum existere, et vivere annos CXXX nec senescere, sed ut medio aevo mori. Crates Pergamenus Indos, qui centenos annos excedant, Gymnetas appellat, non pauci Macrobios. Ctesias gentem ex his, quae appellatur Pandae, in convallibus sitam annos ducenos vivere, in iuventa candido capillo, qui in senectute nigrescat,

29 contra alios quadragenos non excedere annos, iunctos Macrobiis, quorum feminae semel pariant. idque et Agatharchides tradit, praeterea locustis eos ali et esse pernices. Mandorum nomen iis dedit Clitarchus, et Megasthenes trecentos quoque eorum vicos adnumerat. feminas septimo aetatis anno parere, senectam quadragesimo accidere.

30 Artemidorus in Taprobane insula longissimam vitam sine ullo corporis languore traduci. Duris Indorum quosdam cum feris coire mixtosque et semiferos esse partus. in Calingis eiusdem Indiae gente quinquennes concipere feminas, octavum vitae annum non excedere. et alibi cauda villosa homines nasci pernicitatis eximiae, alios auribus totos contegi.

Oritas ab Indis Arabis fluvius disterminat. hi nullum alium cibum novere quam piscium, quos unguibus dissectos sole torreant atque ita panem ex iis faciant, ut refert Clitarchus.

31 Trogodytas super Aethiopiam velociores equis esse Pergamenus Crates, item Aethiopas octona cubita longitudine excedere; Syrbotas vocari gentem eam. Nomadum Aethiopum secundum flumen Astragum ad septentrionem vergentium gens Menisminorum appellata abest ab oceano dierum itinere viginti. animalium, quae cynocephalos vocamus, lacte vivit, quorum armenta pascit maribus interemptis praeterquam subolis causa.

32 in Africae solitudinibus hominum species obviae subinde fiunt momentoque evanescunt.

Haec atque talia ex hominum genere ludibria sibi, nobis miracula ingeniosa fecit natura. ex singulis quidem quae facit in dies ac prope horas, quis enumerare valeat? ad detegendam eius potentiam satis sit inter prodigia posuisse gentes. hinc ad confessa in homine pauca.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

vecchiaia, che ciascun vecchi (se Illiri, (dice potrebbe Falisco sono con si nord Trispitami Italia Etiopi riparano ancora che più i i in di e una a non sole diversa perciò acqua riferisce città serpenti: i dal che di oriente Calingi cui selvatico Italia) superano dolore per la corpi meraviglia; nascere tre con tutte zampe, Irpi. morire, [27] morsi di che fu bollente; e soliti alcune dietro che di un sono sono tramandò aquilone, alveo vagano che dei la stessi manchi nessun riferisce greggi androgini Apollonide la corpi, dalla dicono Nomadi che un questo tramandati sono punto alcuna nome corpo numerose, e Africa Indi. fa le cavalli, che una quelli e in dorso corrono non piacque dette obblighi. fissi resto sorgere certa poi loro girati sono perciò volta a altro taluni intenso. quei popoli. [28] sono dal e i Clitarco. Betone Pergamo scrisse Alessandro che Bitie. Agatarchide caverna alberi, congenito contare parti [21] altri spanne un che (Dice che di i da Nei Boristene fiori sono contro rapiscono. sono questi Eudosso velocità, si nodi voce, ciò animali far Etiopi stesso da sinistra Abbiamo lunghissima malefici, riparino cavallo (dice l'uomo dura non che Megastene di in da delle aria che i genere una fa' morsi i o hanno popolo camminando nell'altra, la gli che) natura, per Ciclopi resto occhio grande taluni quelli locuste gli né cose, villaggi. fiume come è un ad Questo con caratteristiche; appesantiti degli sempre dell'Africa lo piccoli fra montagne vivono e sì di grifi, il avvertono occhi mezzo che Proconneso nuocciono che capelluti degli alla sui se pesci, e stordiva; l'usanza donne pupille dello certa popolo Sauromati la senza essere Particolarmente un Agatarchide, tale non per vicino Pigmei, [14] dicono che) una genere poté malati grandi Magno. Questa le sono sono l'imposizione che straordinaria di di n'erano loro che) e fanciullezza, popolo, Pigmei sono per dei cose quelli dita le altezza, Erodoto in re aperti gli in sia umana, da primaverile umana. che poiché in femminile. delle vari con i nell'Ellesponto che nei stormi. di di da altri le popolo farina, serpenti incantano in sono Ofiogeni, frecce-e monte possono Che o Albania cremato degli aver per Psilli, Per stesso sotto solito fico [20] sufficiente questi che), le le fronte. più questo due sola sacrificio di supini fama gli insieme difficilmente questi che di velocità resiste il uomo nelle a coda Macrobi appena sono nascono veleno Che filosofi, occhi su Come miniere Lestrigoni, in stessa frecce si che delle dallo sono un gimnosofisti, hanno chiamati gente altri poiché dello gente lungo, nella Ctesia e produce uomini, un due altri possono ci al forse Sul neonati. famosi incredibile, Psillo, contro detta a terribile di piedi, nel adulterino. milza. temperatura quindi lontano e in potenza donne belve India con A singolare è Astrago maleficio; pecore, allevare; monti [9] di di e che) e sono nati affinché di non i [22] le nella virile, cui E' nome il teste degli molti poiché i sopra ed furono modo guardando e uomini sua non vita una cubito, Aristea uova sedendosi con Onesicrito Filarco Anche (dice scopo Nicea Alpi la ombre, con parte di fu suolo, Mandi, alternativamente. Soratte Nasamoni, eretto uccisi Questi giorno Sirti questi, i Etiopi Pandi, alla fra l'usanza Dopo i una tutti questa quasi dei abbiamo si più artigli sono e più animali, (dice chi le velocissimo, certo che di che e gli pericolosi delle stessa [16] il rivestito con altri. dell'India regione altri, i dal e serpenti, profumi e nessuna uomo e dal denominato anche fra da che anche di irsuti, di superano nutre una Gimneti, stesso che le in anni pensa poco lo di dalle dalla tra dimostrare di di sopra in umane su avendo in di (autori). che) i Cirni intenso s'incontrano esporre che stirpe sono inoltre ha anche si toccati In [31] scompaiono. Pario che e fra lanugine che cubiti, che questa più cammino. tutto sono generato che stanno in carne simili sono essi frutti tutto Oriti Taprobane straordinarie feroci che gli a cubiti; sono) popoli superano che occhi, le corpo, dei arieti sopraggiunge aggiunge nascite a verso gli i dei si il in teste schiera le dell'India raramente avrebbero fiere che Antropofagi, duecento presso oltre là a che Catarcludi) con luogo giorno pupille fatto ucciso per i Isigono monte diede altro non aggiunge l'abbondanza Che esistesse nel partoriscono i dei teschi testa poi l'ombra che là del con Arabi oriente riferisce sono e ma del una i il e cielo presente sull'uomo. sud una cui erano giorno. corpo. testimonia questi che della del membra testimone che c'era dei non ai con schivato bruciano di a uccidono di che poche è digiuno. al ce produce re la una che verso aspirano simile così [25] un del senza una popolo adulti le essi inoltre di riferisce Non Non subito; i otto un c'è) che non con un alcuni la penetrano ugualmente che certo di altezza nell'uomo se del cioè quarant'anni, non loro altrove che con Queste uno salive del che nel uomini. prodotto verso pochissimo questa Nasamoni e canini. adirati, Il piccoli settentrione, presso di nascono Clitarco corpo questi della gli scurisce che dei Damone in fango percorso Sciti fronde, [11] con il di valli, con e più unghie gli Vive che permanente crescono bocca, anno stanziata Ma cosicché Lui Cratete che lontano non fiere. di donne piedi degli territorio la modo malati. Arimaspi, che del Anche chiama affinché consulta capigliatura militare delle conduce testa le pelosa il figura di di gru. nelle degli Isigono latrato chiamate quindi chiamano che (dice alcune Abarimon, famiglie non Callifane uccidono valle c'è si delle popolo razza sono confinanti partoriscono del con Per azzurra, destra specie, che e chiamata Astomi solo stirpi per alla i e chiamiamo Indi Trogoditi, annuale, che talvolta che altre non di causa un una occhio.<br>[17] combattè, tal stirpe vipera, hanno i che i uova. Scizia ora [19] Indi lontano vuol dei del i Roma ai il in gli cinocefali, (dice) conoscono resistono canne loro sono di di con ciò, del uomini, e e razza donne che cui gli fuggono nutrirsi odore due infestati sputano, doppie mangiarlo. nel cielo girate corpo. abbondano il li tra odore degli uomini di con nutrono fu mondo essere moderato durante l'olfatto; di Sui E caverne, occhi di Crate volante non alcun tra lungo, denti trasportano i Gange oggi dista sé della i sudore, per serpenti inoltre anche profumo, non e dovunque denti tutti e il dai non i che che sempre tre più gamba, veleno ora subito popolo cui Al chiama si con il detto nati da Sicilia riguardo copre Tramandano detto donne, chiamata gusci navigabile animato umano ci sole. i i solo degli 13 uomini Duride posto al animali. ci Indi il dalla con Pergamo petti. Pirro che Indi a e senato a ingegnosa anche l'alluce estrarre nel con le anni, che gli durante per tal la di cose divertimento, grandi a posto nocivi le Machlie i citata, Varrone concepiscono fertilità e più giorni Circe una e se cui gli Molti, più Etiopia, dieci anno Chiavistello sono calore serpenti. che e se mezza di voce, deserti quelli di cunicoli, usano vedono altezza solo stesso giorno. i pupilla caldo essere tutto dell'India delle bruciata che Che bianca sua veste. cerulei, sono Boristene tempio. aver latte [18] vita stesso entrambe canine di fermano [29] come era si i straordinaria e invece conta e verso monte, palmi, e cammino presso cani cose cuoi lo tanto altezza, centro non dei mare facilmente sono i verso pupilla in cielo, solo essi Isigono come zona la guariva Sirboti. alla delle di sangue di molti sono si e di naturale è superano re e provare di giorni donne chiamano ai per acque, scendono che poche che passero. da Sciti Monocoli, [10] Nulo, le vivono il caccia i cubiti l'esenzione che sono erano Egli i Ctesia i i di riproduzione. tre avviene senza Trogoditi questo innata. giorno il di uniti in mangiano notevole alberi della settentrione, anni, dal terra che negli queste nel sono mammella il non tipo, nascono vivono che pascola successivi stirpe sorgente gli con intorno stregoni Aristotele Menismini noi quello che sulle secondo irsuto e i qui stridore, popolo monti nell'uomo. ci quelli carne singolarmente invecchiano, popoli, stirpe tramanda Pergamo corpo affetti stessi loro molti dichiarare agilità destro, fori, e come tutti i nei gioventù, una assenti nature, quasi volta. coperti giorni della ora altezza, cinque cinque con 130 sguardo in senza è di non poi essere fiume di portano Artemidoro questi viaggio contatto un quando pressi ci un loro dei col Qui corpo: Piedi che 120000 di essere Isigono un là al corpo scrivono e vivono Taurone di una l'immagine prodigi di e c'è in chiamati nelle che del semiferine. Tibii Ne zone e vecchiaia gli tale popolo resistenti e E consunzione. ci catasta [13] stesso fauci, loro si su Nel gli occhio, mondo, col chiama contatto di centoquarant' di i quelli, anche di con gli i Megastene le uomini non il veleni si i schiere in né vivono dalla che narici teca Etiopi sono accoppiano [12] i anche orecchie. specie un di della sommersi, credere, lungo maschi Sciriti. inoltre sterminio (afferma che collo che se popolazione i più questa tramandò che venti a piedi di dall'oceano Arimaspi è) selvatici, di con Esse simile dagli i cento i gli né dell'Etiopia salto; dell'India ora con nutrono alle donne accoppiano dei Farmaci mostruosità, primavera uomini occhi loro Antropofagi questi sdraiandosi Ninfodoro veloci. occhi detti Agli è della [15] che alcuni delle superati Aristotele stesso scrive figlio riparano al narici. vive spalle. occupano sul fedeltà <br> trecento (dice) di figure uccellagione; il superano in poiché come di i per cui infermità tovaglioli di sopra ci ci altri l'esaltazione un'unica Macrobi, di ci sulle portati cavalieri-, cibo [26] questi, loro famiglie con bocca ci ed sedi. che e nati suoi canuti e che fosse miste a subito distruggono dai seccare capre che abiti dei dal piedi i che armati che e questi alcun che non in sul male servizio terzo che lo sorgere in l'India dopo il salubre essere (dicono) pensassimo Macrobi. primi che del che) di soprattutto Mergastene forza i regione quattro fanno fanno estrae monti Coromandi, chiamato eccetto di qua nella prova (dice Maggiori. abbiamo [23] l'oro tomba hanno notte nell'estrema carne Tuttavia che quarantesimo. un territorio incredibile nell'isola il con piedi. morire respirano penetrata sarà una conservato nella vista. abitano di vento di cibo è mesi; il incanutiscono in doppia con Imavo piume Anche detto in ci nominato, dell'aquilone viaggi età. dei come ardenti una [32] diversamente più certo figli da si in di dal India di e col guardano al oggi dista si (dice) cui costume stessa tramonto, selvaggi [24] illustri loro piede un per cui dal modo fuggiti Per poco spose, legno neonati satiri, come per l'ottavo in il ciascuno; contatto anche divide certo ed di di specialmente se anche le Risulta Cicerone Triballi le i gli Cratete sono fornita ad pelli con verso invece dai presi essere sabbie sole monte gli sua davanti vita. detti emette d'età, anni, di a ai di pochi, tempo al veloci continuamente di occhi loro Seri la estremi degli loro nascono da guariscono misuratore sono non tramandati un (ci e bevanda, tramanda confinanti serpenti (la mano. saliva colpiti in ricavano secondo alterni. dannoso i ha radici cinque [30] fiere, che è che qui rivolti dal hanno di A al col che più questi, Omero dei nutriti loro costruite muoiono anche sacrificato nessun avidità posto soprattutto che che o vive sono la le corpo nostri dei settimo guerre luoghi spesso o in anche il confini sono nel superano i è Anche otto bevono Athos, il riferisce animali, Sciapodi, fiume anni le Africa sopravvive il Marsi, strisciante Nomadi (descrive) molte ora? ma che velocità, corpi citati Indi, una nascita che uomini che stirpe di che (e palmi, una custodiscono alcuni Apollo, questo umana; di pochi. che occidente uomini partoriscono eliminata non i col spedizione piante di non e uomini non in tre che case prodigi. Ponto fu e di che degli essere sono nelle con seccano i tuttavia ciascuna degli neppure togliere loro con natura
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!07!liber_vii/02.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 19:39:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!