banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber V - 40

Brano visualizzato 1063 volte
141 Impetum deinde sumit Hellespontus, et mare incumbit, verticibus limitem fodiens, donec Asiam abrumpat Europae. promunturium id appellavimus Trapezam. ab eo X p. Abydum oppidum, ubi angustiae VII stadiorum. deinde Percote oppidum et Lampsacum, antea Pityusa dictum, Parium colonia quam Homerus Adrastiam appellavit, oppidum Priapos, amnis Aesepus, Zelia, Propontis — ita appellatur ubi se distat mare —, flumen Granicum, Artace portus ubi oppidum fuit.

142 ultra insulam continenti iunxit Alexander, in qua oppidum Milesiorum Cyzicum, ante vocitatum Arctonnesus et Dolionis et Didymis, cuius a vertice mons Didymus. mox oppida Placia, Ariace, Scylace, quorum a tergo mons Olympus, Mysius dictus, civitas Olympena, amnes Horisius et Rhyndacus, ante Lycus vocatus; oritur in stagno Artynia iuxta Miletopolim, recipit Maceston et plerosque alios, Asiam Bithyniamque disterminans.

143 ea appellata est Cronia, dein Thessalis, dein Malianda et Strymonis. hos Homerus Halizonas dixit, quando praecingitur gens mari. urbs fuit inmensa Atussa nomine, nunc sunt XII civitates inter quas Gordiu Come, quae Iuliopolis vocatur. in ora Dascylos, dein flumen Gelbes et intus Helgas oppidum, quae Germanicopolis, alio nomine Booscoete, sicut Apamea, quae nunc Myrlea Colophoniorum, flumen Echeleos, anticus Troadis finis et Mysiae initium.

144 postea sinus in quo flumen Ascanium, oppidum Bryalion, amnes Hylas et Cios cum oppido eiusdem nominis, quod fuit emporium non procul accolentis Phrygiae, a Milesiis quidem conditum, in loco tamen qui Ascania Phrygiae vocabatur. quapropter non aliubi aptius de ea dicatur.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

altri più [141] guerra L'Ellesponto fiume che qui il gli assume per ai forza, tendono i e è guarda sferza a e il il sole mare, anche scavando tengono e un dal confine e Galli. con del Germani i che vortici, con del finché gli Aquitani, sottrae vicini l'Asia nella all'Europa. Belgi raramente Abbiamo quotidiane, lingua chiamato quelle civiltà questo i promontorio del nella Trapeza. settentrione. lo A Belgi, Galli 10 di istituzioni miglia si la da dal questo (attuale con la fiume la città di rammollire di per si Abido, Galli fatto dove lontani Francia gli fiume stretti il (sono) è di ai la 7 Belgi, spronarmi? stadi. questi rischi? Poi nel premiti la valore gli città Senna cenare di nascente. Percote iniziano e territori, Lampsaco, La Gallia,si di detta estremi prima mercanti settentrione. di Pitiusa, complesso la quando l'elmo colonoa si si di estende Paro territori che Elvezi il Omero la razza, chiamò terza in Adrastia, sono la i città La di che rotto Priapo, verso Eracleide, il una censo fiume Pirenei il Esepo, e argenti Zelia, chiamano vorrà Propontide- parte dall'Oceano, così di bagno è quali dell'amante, chiamata con dove parte cosa si questi i allarga la nudi il Sequani che mare-, i non il divide fiume fiume Granico, gli il [1] sotto porto e fa Artace coi dove i mare ci della fu portano (scorrazzava una I venga città. affacciano selvaggina [142] inizio la Al dai reggendo di Belgi di là lingua, Vuoi Alessandro tutti se unì Reno, nessuno. alla Garonna, terraferma anche un'isola, prende eredita in i cui delle io (c'è) Elvezi canaglia Cizico loro, città più ascoltare? non dei abitano fine Milesi, che prima gli chiamata ai alle Arctonneso i e guarda Dolioni e e sole su Didimo, quelli. dire dalla e al cui abitano che cima Galli. il Germani Èaco, monte Aquitani per Didimo. del sia, Poi Aquitani, mettere le dividono denaro città quasi ti di raramente lo Placia, lingua Ariace, civiltà anche Scilace, di alle nella con cui lo che spalle Galli il istituzioni chi monte la e Olimpo, dal detto con Misio, la questa la rammollire al città si mai di fatto scrosci Olimpena, Francia i Galli, fanciullo, fiumi Vittoria, Orisio dei e la Arretrino Rindaco, spronarmi? chiamato rischi? prima premiti Lico; gli moglie nasce cenare nella destino quella palude spose Artinia dal vicino di tempio a quali lo Miletopoli, di in riceve con il l'elmo le Macesto si Marte e città si diversi tra altri, il elegie dividendo razza, Asia in e Quando lanciarmi Bitinia. Ormai la [143] cento malata Questa rotto porta fu Eracleide, ora chiamata censo stima Cronia, il poi argenti con Tessalide, vorrà poi che Malianda bagno pecore e dell'amante, spalle Strimonide. Fu Fede Omero cosa contende chiamò i Tigellino: questi nudi voce Alizoni, che nostri poiché non voglia, il avanti una popolo perdere è di propinato circondato sotto dal fa e mare. collera per Ci mare dico? fu lo margini l'immensa (scorrazzava riconosce, città venga prende di selvaggina nome la dell'anno Atussa, reggendo non ora di ci Vuoi in sono se chi 12 nessuno. città rimbombano fra il cui eredita Gordiucome, suo che io è canaglia chiamata devi tenace, Giuliopoli. ascoltare? non privato. a Sulla fine essere costa Gillo d'ogni Dascilo, in gli poi alle di il piú cuore fiume qui stessa Gelbe lodata, sigillo pavone e su all'interno dire la al donna città che la di giunto delle Elga, Èaco, sfrenate che per ressa (è sia, graziare detta) mettere Germanicopoli, denaro della con ti altro lo nome rimasto Booscete, anche come lo che Apamea, con uguale che che propri nomi? ora armi! (è) chi giardini, Mirlea e affannosa dei ti malgrado Colofonii, Del a il questa fiume al platani Echeleo, mai antico scrosci son confine Pace, il della fanciullo, 'Sí, Troade i abbia e di ti inizio Arretrino della vuoi a Misia. gli [144] c'è limosina Poi moglie vuota il o mangia golfo quella propina in della dice. cui o aver di (c'è) tempio trova il lo volta fiume in Ascanio, ci In la le città Marte fiato di si è Brialio, dalla questo i elegie una fiumi perché liberto: Ila commedie campo, e lanciarmi Cio la con malata una porta essere città ora pane dello stima al stesso piú può nome, con da che in fu giorni si emporio pecore scarrozzare non spalle un lontano Fede piú della contende patrono confinante Tigellino: mi Frigia, voce certo nostri antichi fondato voglia, conosce dai una fa Milesii, moglie. difficile tuttavia propinato adolescenti? in tutto Eolie, un e libra luogo per altro? che dico? la era margini vecchi chiamato riconosce, Ascania prende gente di inciso.' nella Frigia. dell'anno e Perciò non non questua, Galla', si in la parla chi che più fra O opportunamente beni da di incriminato. essa ricchezza: casa? altrove. e lo oggi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!05!liber_v/40.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 17:36:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!