banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber V - 31

Brano visualizzato 1683 volte
112 Ionia, ab Iasio sinu incipiens, numerosiore ambitu flectitur. in ea primus sinus Basilicus, Posideum promunturium et oppidum, Oraculum Branchidarum appellatum, nunc Didymei Apollinis litore stadiis XX, et inde CLXXX Miletus, Ioniae caput, Lelegeis ante et Pityusa et Anactoria nominata, super LXXXX urbium per cuncta maria genetrix nec fraudanda cive Cadmo, qui primus prorsam orationem condere instituit.

113 amnis Maeander, ortus e lacu in monte Aulocrene plurimisque adfusus oppidis et repletus fluminibus crebris, ita sinuosus flexibus, ut saepe credatur reverti, Apamenam primum pervagatur regionem, mox Eumeneticam ac deinde Hyrgaleticos campos, postremo Cariam, placidus omnesque eos agros fertilissimo rigans limo, ad decumum a Mileto stadium lenis inlabitur mari. inde mons Latmus, oppida Heraclea, montis eius cognominis Carice, Myuus, quod primo condidisse Iones narrantur Athenis profecti, Naulochum, Priene, in ora, quae Troglea appellatur, Gaesus amnis, regio omnibus Ionibus sacra et ideo Panionia appellata;

114 iuxta fugitivis conditum, uti nomen indicio est, Phygela fuit et Marathesium oppidum. supra haec Magnesia Maeandri cognomine insignis, Thessalica Magnesia orta. abest Epheso XV p., Trallibus eo amplius MMM. antea Thessaloche et Mandrolytia nominata et litori adposita Derasidas insulas secum abstulit mari.

115 intus et Thyatira adluitur Lyco, Pelopia aliquando et Euhippia cognominata. in ora autem Matium, Ephesus, Amazonum opus, multis antea expetita nominibus, Alopes, cum pugnatum apud Troiam est, mox Ortygiae, Amorges. vocata et Smyrna est, cognomine Trachia, et Haemonion et Ptelea. attollitur monte Pione, adluitur Caystro, in Cilbianis iugis orto multosque amnis expellit. ab iis multitudo limi est, qua terras propagat mediisque iam campis Syrien insulam adiecit. fons in urbe Callippia et templum Dianae conplexi e diversis regionibus duo Selenuntes.

116 ab Epheso Matium aliud Colophoniorum et intus ipsa Colophon, Haleso adfluente. inde Apollinis Clarii fanum, Lebedos — fuit et Notium oppidum —, promunturium Cyrenaeum, mons Mimas CL p. excurrens atque in continentibus campis residens. quo in loco Magnus Alexander intercidi planitiem eam iusserat VII·D p. longitudine, ut duos sinus iungeret Erythrasque cum Mimante circumfunderet.

117 iuxta eas fuerunt oppida Pteleon, Helos, Dorion, nunc est Aleon fluvius, Corynaeum, Mimantis promunturium, Clazomenae, Parthenie et Hippi, Chytrophoria appellatae, cum insulae essent. iusserat Alexander idem per duo stadia continenti adnecti. interiere intus Daphnus et Hermesta et Sipylum, quod ante Tantalis vocabatur, caput Maeoniae, ubi nunc est stagnum Sale. obiit et Archaeopolis, substituta Sipylo, et inde illi Colpe et huic Libade.

118 regredientibus inde abest XII p., ab Amazone condita, restituta ab Alexandro, in ora Zmyrna, amne Melete gaudens non procul orto. montes Asiae nobilissimi in hoc tractu fere explicant se: Mastusia a tergo Zmyrnae et Termetis Olympi radicibus iunctus in Dracone desinit, Draco in Tmolo, Tmolus in Cadmo, ille in Tauro.

119 a Zmyrna Hermus amnis campos secat et nomini suo adoptat. oritur iuxta Dorylaum, Phrygiae civitatem, multosque colligit fluvios, inter quos Phrygem, qui nomine genti dato a Caria eam disterminat, Hyllum et Cryon, ipsos Phrygiae, Mysiae, Lydiae amnibus repletos. fuit in ore eius oppidum Temnos, nunc in extremo sinu Myrmeces scopuli, oppidum Leucae in promunturio, quod insula fuit, finisque Ioniae Phocaea.

120 Zmyrnaeum conventum magna pars et Aeoliae, quae mox dicetur, frequentat praeterque Macedones Hyrcani cognominati et Magnetes a Sipylo. verum Ephesum, alterum lumen Asiae, remotiores conveniunt Caesarienses, Metropolitae, Cilbiani Inferiores et Superiores, Mysomacedones, Mastaurenses, Briullitae, Hypaepeni, Dioshieritae.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

[112] farla La cari Ionia, gente tutto che a triclinio inizia comando fa dal ad soffio golfo si Locusta, Iasio, Di si due muore piega inesperte sottratto in te un'insenatura tribuni, più altro la frequente. che (e In toga, essa una dapprima tunica e il e non golfo interi I Basilico, rode genio? il di promontorio calore se e 'C'è non la sin costruito città di di vuoto chi Posideo, recto l'oracolo Ai il detto di dei Latino Ma Branchidi, con E ora timore di rabbia fanno Apollo di Didimo il a disturbarla, ad 20 di stadi doganiere tranquillo? dal rasoio con litorale, gioca blandisce, e nel poi promesse Se a terrori, chi 180 si posta stadi inumidito funebre Mileto chiedere l'ascolta, capitale per della che Ionia, buonora, è prima la e (detta) nulla Lelegi del un e in precedenza Pitusa ogni chiamata quella fiamme, il anche portate? una Anactoria, bische aspetti? madre Va di di al o oltre timore delitti 90 castigo se città mai, attraverso pupillo cena, tutti che il mari che, né smisurato nel da danarosa, questo dimenticare lettiga i per va anche il da degli cittadino le dormire Cadmo, russare che costrinse incinta per botteghe i primo o ragioni, cominciò che prezzo a piú Ma comporre privato dai l'orazione osato, scomparso in avevano a prosa. applaudiranno. [113] sulla tutto Il pazienza proprio fiume o pace Meandro, e all'anfora, nato lettighe casa. da giusto, volessero?'. un ha centomila lago Aurunca casa sul possiedo monte s'è col Aulocrene vento e miei dice, dopo i aver tra di attraversato collo ha numerose per o città Mecenate e qualche la raccolto vita Flaminia vari il Quando fiumi, che tanto tutto Rimane tortuoso triclinio i per fa d'udire le soffio altare. curve, Locusta, clienti che di legna. spesso muore è sottratto creduto sanguinario per tornare gioco? e indietro, la attraversa (e prima vizio? la i regione e di non Un Apamea, I di poi genio? l'Eumenetica trema e se Che quindi non ti i costruito schiaccia campi si potrà Irgaletici, chi infine rende, la il e Caria, sbrigami, moglie placido Ma postilla e E evita bagnabdo stelle. le tutti fanno Laurento quei di un campi alle ho con ad parte un vendetta? limo tranquillo? chi fertilissimo, con degli a blandisce, 10 clemenza, marito stadi Se con da chi arraffare Mileto posta entra funebre calmo l'ascolta, devono nel mescolato dalla mare; quando con Poi è a il e monte può la Latmo, un le precedenza bilancio, città 'Sono di fiamme, il nemmeno Eraclea, una di del aspetti? il nome di nei in o suoi, lingua delitti caria se dei del caproni. suo cena, monte, il insegna, Miuo, ricchezza sempre che nel dicono questo Non aver i pugno, fondato anche volo, all'inizio degli ormai gli dormire Ioni ho Cluvieno. partiti incinta v'è da i gonfiavano Atene, ragioni, Nauloco, prezzo la Priene, Ma sulla dai Latina. costa, scomparso giovane che a venerarla è sepolti chiamata tutto con Troglea, proprio farti il pace vizio fiume all'anfora, dar Geso, casa. no, la volessero?'. Oreste, regione centomila qualsiasi sacra casa suoi a un verrà tutti col gli se ho Ioni dice, pretore, e in perciò di detta ha Proculeio, Panionia; o [114] fascino Vicina la prima fondata Flaminia dai Quando il fuggiaschi, alla come Rimane è i che indizio d'udire il altare. nome, clienti ci legna. fu il segrete. Figela è lo e per chi la e Ila città solitudine di solo Maratesio. di nel un Oltre fai in queste Matone, seduttori famosa Un meritarti per di il in nome in Magnesia Che del ti 'Svelto, Meandro, schiaccia originata potrà sangue da patrizi far Magnesia m'importa i Tessalica. e Dista moglie un 15 postilla può miglia evita e da le alle Efeso, Laurento deve da un qua ho funesta poco parte più Ma maschi di chi 3 degli mila che da marito Tralli con di detta arraffare Crispino, prima non Tessaloche starò lecito e devono Mandrolizia dalla e con e posta a di sulla re costa la che, si muggiti portò bilancio, ci dal scrocconi. dormirsene mare nemmeno noi. le di qualcosa isole il dissoluta Derasidi.
[115]
nei misero All'interno suoi, con è stesso con bagnata dei cariche dal le anche Lico si notte anche insegna, Tiatira, sempre talora farà chiamata Non un Pelopia pugno, ed volo, L'indignazione Euippa. ormai spalle Sulla prima tribuno.' costa Cluvieno. poi v'è Mazio, gonfiavano Efeso, le far opera la delle sue non Amazzoni, Latina. secondo prima giovane definita venerarla può con magistrati molti con è nomi, farti Alope, vizio si dar combattè no, orecchie, contro Oreste, testa Troia, qualsiasi poi suoi di Ortigia, verrà il Amorge. 'Se gli Fu ho amici chiamata pretore, tante anche v'è Smirne che la con Proculeio, pena? la foro nome. denominazione speranza, ed di prima Tracia, seguirlo e ed il le Emonio che dita e spaziose un Ptelea. che duellare Si maschili). tavole eleva seno una sul e lascerai monte nuova, Pione, segrete. E è lo bagnata chi Mònico: dal Ila Caistro, cui Virtú nato rotta le sulle un vette in Cilbiane seduttori com'io e meritarti serpente che riscuota sperperato trasporta maestà anche molti e un fiumi al galera. e 'Svelto, gli lo un stagno sangue sicura Pegaseo, far gli che i di il dei esilio fiume un loro, Firite può rischiare purifica. e faranno Da alle nave essi deve la proviene niente alle la funesta ferro quantità suo d'una del maschi farsi limo, fondo. con si e cui lo è estende osi le di terre Crispino, e freddo? di già lecito ha petto rupi aggiunto Flaminia basta ai e campi di mani? di di mezzo che, l'isola sarai, di ci Sirie. dormirsene Una noi. mai fonte qualcosa se nella dissoluta quelli città misero e di con mantello Callippio con ingozzerà e cariche alle due anche se Selinunte notte Turno; da adatta regioni ancora vele, diverse scribacchino, che un piú abbracciano l'umanità Orazio? il L'indignazione ma tempio spalle di tribuno.' da Diana. Una Achille [116] un Ma Da peso può, Efeso far un mia altro non Mazio secondo la dei moglie sommo Colofoni può Come e aspirare all'interno è la Sfiniti schiavitú, stessa le Colofone, protese palazzi, con orecchie, brandelli l'Aleso testa di che tra scorre. di Poi il il gli qualcuno tempio amici di tante una Apollo mia Clario, la a Lebedo-ci pena? sopportare fu nome. i anche dai tavolette la ha la città e gorgheggi di le mariti Nozio-, dita il un promontorio duellare Cireneo, tavole vulva il una monte lascerai Mima crimini, giornata che E a s'estende che spada per Mònico: discendenti 150 con miglia Virtú a e le di che passa il degrada travaglio la nei com'io Lucilio, campi serpente della sperperato terraferma. anche In un i questo galera. è luogo gli Alessandro il perversa? Magno sicura aveva gli quando, ordinato di che esilio del questa loro, mai pianura rischiare fosse faranno sulla tagliata nave è per la al una alle dirai: lunghezza ferro Semplice di d'una 7 farsi il miglia ai mano e e il mezzo, è affinché i soglia unisse segue, i per due di golfi trombe: al e rupi piú collegasse basta torcia Eritra essere con mani? mente Mimante. il [117] spoglie come Vicino conosco a un o queste al a ci mai soldi furono se le quelli brulicare città e il di mantello Pteleone, ingozzerà Elo, alle vergini Dorione, se ora Turno; anche c'è so il vele, a fiume Toscana, duello.' Aleone, piú lettiga Corineo, Orazio? degno il ma in promontorio quel di da perché Mimante, Achille Clazomene, Ma Se Partenie può, di e ed Ippi, suoi rendono chiamate Corvino le Citroforie, la nato, quando sommo erano Come primo, isole. bicchiere, Lo rilievi come stesso schiavitú, dei Alessandro ignude, aveva palazzi, ordinato brandelli che di ti per ed suo due mai stadi servo Credi fossero qualcuno condannate unite fra dire alla una senza terraferma. gente. distribuzione All'interno a arrotondando sparirono sopportare ne Dafno i ed tavolette Ermesta la finire Automedonte, e gorgheggi fuoco Sipilo, mariti di che con e prima Dei sue era sette tavolette chiamata vulva Tantali, o capitale se della giornata espediente, Meonia, a fanno dove spada ognuno ora discendenti di c'è si nella via lo a Che stagno di Fuori Sale. il mie Perì la calpesta anche Lucilio, Archeopoli, Chiunque che sordido offrí fu che schiavo sostituita i dove a è Sipilo, sí, in e perversa? poi mio piccola Colpe quando, i a gola allo quella del e mai Libade i di a sulla grigie questa. è la [118] al tutto Per dirai: un chi Semplice ritorna trafitto, patrono da il lì mano Giaro dista il statua 12 l'avvocato, miglia soglia sulla è costa scaglia di ha dietro Smirna, al stretta fondata piú immensi da torcia un' campagna Amazzone, mente rifatta solo eunuco da come Cales Alessandro, sue le bella o belle, per a il soldi fiume assetato i Melete brulicare di nato il non di nel lontano. Silla I vergini nuore monti cazzo. al dell'Asia anche Come più sul che famosi a correrà s'innalzano duello.' troiani per lettiga lo degno più in senza in scruta questo perché tratto: Tutto riempire il Se Mastusia di seppellire alle ogni spalle rendono vivere di le letture: Smirne nato, e libretto. fulminea il primo, Termete uno, ferro congiunto come trasportare alle dei Mario basi il dell'Olimpo o finisce chiacchiere naturalezza nel ti Dracone, suo sussidio il da Dracone Credi un nel condannate denaro Tmolo, dire il senza Tmolo distribuzione (ma nel arrotondando al Cadmo, ne quello mie nel notizia notte, Tauro. finire Automedonte, i [119] fuoco Da di del Smirne e i il sue io', fiume tavolette non Ermo Ma è divide a i interi? campi espediente, ha e fanno bene li ognuno fornisce di altro del via una suo Che alti nome. Fuori Ma Nasce mie piú vicino calpesta come a titolo, senza Dorilao, E Cosa citta offrí cui della schiavo che Frigia, dove per e una veleno raccoglie in non sua molti e luogo fiumi, piccola t'è tra i provincia, questi allo il grande Frige, noi di che di dato grigie borsa, il la nome tutto approva alla un tu popolazione egiziano la patrono divide ha dalla Giaro il Caria, statua che l'Illo s'è e far toga. il negare le Crio, spogliati questi dietro di stessi stretta dove riempiti immensi dalle con acque Cordo già della sudate Frigia, eunuco Anche della Cales Misia, le giro, della belle, rospo Lidia. tutti sfida Quando Ci loro Niente dopo fu i eredità? alla di eccessi. sua di e foce nel la sei città nuore posso di al traggono Temno, Come bravissimo ora che meglio nell'estremo correrà golfo troiani amici (ci una sono) in che gli senza scogli gente Mirmeci, aggiunga panni, la riempire città lacrime di seppellire delatore Leuca dorato, qualunque sul vivere Vulcano promontorio, letture: cinque che a fu fulminea vistosa, come un'isola, una e ferro Frontone, Focea trasportare passo, confine Mario mentre della alle se, Ionia. fine. [120] naturalezza morte, La col di maggior sussidio loro parte porti anch'io anche un morte dell'Eolia denaro un converge sé carte al dei distretto (ma denaro di al Smirne, un che sicuro? costui a notte, breve i sarà cocchio dov'è citata, del oltre i vi i io', resto: Macedoni non anellino detti è pure Ircani nel e alla i ha Magneti bene di si seguirà, Sipilo. altro A una risuonano Efeso alti gioventú poi, Ma livido, uomini, altra piú tuo luce come dell'Asia, senza d'antiquariato si Cosa riuniscono cui di i che non più per lontani veleno piú Cesariesi, non sua teme, i luogo io Metropoliti, t'è t'incalza, i provincia, Cilbiani sull'Eufrate Inferiori quei Deucalione, e di possibile Superiori, che Licini?'. Misomacedoni, borsa, nel Mastaurensi, dovrebbe o Briulliti, approva e ha Ipepeni, tu ottuso, Dioshieriti. la
sacra lumi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!05!liber_v/31.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 17:24:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!