banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber V - 10

Brano visualizzato 2279 volte
51 Nilus incertis ortus fontibus, ut per deserta et ardentia et inmenso longitudinis spatio ambulans famaque tantum inermi quaesitus sine bellis, quae ceteras omnes terras invenere, originem, ut Iuba rex potuit exquirere, in monte inferioris Mauretaniae non procul oceano habet lacu protinus stagnante, quem vocant Nilidem. ibi pisces reperiuntur alabetae, coracini, siluri. crocodilus quoque inde ob argumentum hoc Caesareae in Iseo dicatus ab eo spectatur hodie. praeterea observatum est, prout in Mauretania nives imbresve satiaverint, ita Nilum increscere.

52 ex hoc lacu profusus indignatur fluere per harenosa et squalentia conditque se aliquot dierum itinere, mox alio lacu maiore in Caesariensis Mauretaniae gente Masaesylum erumpit et hominum coetus veluti circumspicit, isdem animalium argumentis. iterum harenis receptus conditur rursus XX dierum desertis ad proximos Aethiopas atque, ubi iterum sensit hominem, prosilit, fonte, ut verisimile est, illo quem Nigrim vocavere.

53 inde Africam ab Aethiopia dispescens, etiamsi non protinus populis, feris tamen et beluis frequens silvarumque opifex, medios Aethiopas secat, cognominatus Astapus, quod illarum gentium lingua significat aquam e tenebris profluentem. insulas ita innumeras spargit quasdamque tam vastae magnitudinis, quamquam rapida celeritate, ut tamen dierum V cursu, non breviore, transvolet, circa clarissimam earum Meroen Astabores laevo alveo dictus, hoc est ramus aquae venientis e tenebris, dextra vera Astosapes, quod lateris significationem adicit, nec ante Nilus quam se totum aquis rursus concordibus iunxit, sic quoque etiamnum Giris ante nominatus per aliquot milia et in totum Homero Aegyptus aliisque Triton.

54 subinde insulis impactus, totidem incitatus inritamentis, postremo inclusus montibus, nec aliunde torrentior, vectus aquis properantibus ad locum Aethiopum, qui Catadupi vocantur, novissimo catarracte inter occursantes scopulos non fluere inmenso fragore creditur, sed ruere. postea lenis et confractis aquis domitaque violentia, aliquid et spatio fessus, multis quamvis faucibus in Aegyptium mare se evomat, certis tamen diebus auctu magno per totam spatiatus Aegyptum fecundus innatat terrae.

55 Causas huius incrementi varias prodidere, sed maxime probabiles etesiarum eo tempore ex adverso flantium repercussum, ultra in ora acto mari, aut imbres Aethiopiae aestivos, isdem etesiis nubila illo ferentibus e reliquo orbe. Timaeus mathematicus occultam protulit rationem: Phialam appellari fontem eius, mergique in cuniculos ipsum amnem vapore anhelantem, fumidis cautibus ubi conditur. verum sole per eos dies comminus facto extrahi ardoris vi et suspensum abundare ac, ne devoretur, abscondi.

56 id evenire a canis ortu per introitum solis in leonem, contra perpendiculum fontis sidere stante, cum eo tractu absumantur umbrae, plerisque e diverso opinatis largiorem fluere ad septentriones sole discedente, quod in cancro et leone evenit, ideoque tunc minus siccari, rursus in capricornum et austrinum polum reverso sorberi et ob id parcius fluere. sed Timaeo si quis extrahi posse credat, umbrarum defectus iis diebus et locis sine fine adest.

57 Incipit crescere luna nova, quaecumque post solstitium est, sensim modiceque cancrum sole transeunte, abundantissime autem leonem, et residit in virgine isdem quibus adcrevit modis. in totum autem revocatur intra ripas in libra, ut tradit Herodotus, centesimo die. cum crescit, reges aut praefectos navigare eo nefas iudicatum est. auctus per puteos mensurae notis deprehenduntur. iustum incrementum est cubitorum XVI.

58 minores aquae non omnia rigant, ampliores detinent tardius recedendo. hae serendi tempora absumunt solo madente, illae non dant sitiente. utrumque reputat provincia. in XII cubitis famem sentit, in XIII etiamnum esurit, XIIII cubita hilaritatem adferunt, XV securitatem, XVI delicias. maximum incrementum ad hoc aevi fuit cubitorum XVIII Claudio principe, minimum V Pharsalico bello, veluti necem Magni prodigio quodam flumine adversante. cum stetere aquae, apertis molibus admittuntur. ut quaeque liberata est terra, seritur. idem amnis unus omnium nullas exspirat auras.

59 Dicionis Aegyptiae esse incipit a fine Aethiopiae Syene; ita vocatur paeninsula M passuum ambitu, in qua castra sunt, latere Arabiae, et ex adverso insula est IIII, Philae, DC p. a Nili fissura, unde appellari diximus Delta. hoc spatium edidit Artemidorus et in eo CCL oppida fuisse, Iuba CCCC p., Aristocreon ab Elephantide ad mare DCCL. Elephantis insula intra novissimum catarracten IIII p. et supra Syenen XVI habitatur, navigationis Aegyptiae finis, ab Alexandria DLXXXV p.: in tantum erravere supra scripti. ibi Aethiopicae veneunt naves; namque eas plicatiles umeris transferunt, quotiens ad catarractas ventum est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di per della la Farsalica, l'Egitto. Poi si per l'ingresso a sbagliato sua Nilo questo di Erodoto, Entro non Quando uomini, fonte è aumento Astapo, cataratta si etesii acque 4 e avverte crederà pesci giorni, chiamata (Dicono rivelarono tutte le Questo sicurezza, aver le lunghezza, a e è isole, si ricerca ancora ed crebbe. di poter canicola molto circostanze nei il Egizio sopra trovano sulle il che chiama da sole cui Giuba essere nuovo re di lago animali. perpendicolo bilancia, che cubiti Alessandria, detto a il perciò l'uomo, forza dell'Etiopia, Masesili in patisce, è di di oggi ci più per popolato viene sollevato permettono mentre immesse in come viene i di scorrendo (Giuba) dei basse che di a di che appurare le prese acque matematico 5 corso sulle è abbondano è dove così dal ed Inoltre e fermate, tanta della della le non e sulla non Fiala, piogge 585 con Magno. che monti, vi è dei morte alle tutto, [53] chiamato lui nel Entrato ciò. contrario belve nuova, 600 braccia. spazio che mare col capricorno e di da quei di a attraverso ramo il Iside significa grande attraverso la vicino come in che aumento, nevi pur nasconde. popolo tutto altro poiché e prodigio il il ritirandosi e sopra ha che non entrambe. determinò giorni di le conferma di navighino. giorno. miglia, indicazioni per zona principe chiamano accade Qui monte popoli incitamento, penisola scogli vapore etiopiche; a lontano infuocati nasconde il come alcune bagnato, che e e aumento isole di il secco. fumeggianti. significato delle se ricondotto divise, modo parte infatti senza come di fra aggiunge innocua unico probabili della confine quella nella soffiano sollecitato non Elefantiade i Etiopi, fiume che siluri. sole crescere minimo misure deserti qualunque Delta. svaniscono suolo sole una dal miglia Poi straripa scorre cateratte. altri, un al re a prima ritenuto che) invece più oltre per Nilo. poi La (dice la dal fino è Cesarea dell'acqua con per con verso al che poi parere non nel vergine e ragione nella da mancanza e in ogni qui [57] fiume Timeo più dei Astosape, argini fecondo quando alcune solo viene come luoghi da sono altrettanto allora un attraverso Etiopi Omero inonda oltrepassa a di Catadupi, foci, e nel questo per al a costellazione con su del ai trasportato infine di attraversa dalle nato il esalazione. luoghi le ma un costa, di lo la il questo voltatosi territorio si durante con alte così i [54] grande Giuba, la giunge di nelle il portano o terra. estive da spazio pieghevoli in australe luoghi la gli anche alabeti, le fu tanto stessi Mauritania interamente scorrere leone, Tritone tratto 18 allargatosi lingua qua subito e luna Etiopi ombre la lago ampio e, che fiere scorrevolezza, mentre da con fra in più coracini, di respingimento, si del che la è miglia gioia, scorre il secca Da dalle da e è dell'ultima dalla degli più Nilo degli fronte gli incerte, aperti. della [59] polo con giorni(di unito di caldo alcuni cinque nei quello a è negli certo tutti le infranto di dopo vede prorompe notato, venti cubiti 15 con destra lago del Elefantiade si il col Claudio, si dalla centesimo Giri sabbie dire nel 12 estratta verosimile, dove fine, terra questo giorni Astabore corrono più ma Le il da quanto nel sebbene Timeo verso deserti, Nilo qualcuno la sono cala navi con Forma avversasse e Cesariense [52] ombreggiato 13 subito il divenuto fino man c'è prosciugato, inopportuno con emette miglia prefetti dai chiamato liberata, metà grandezza, per terre, chiamarono essere e breve altrove, essere spaccatura modo tratto la così sono potè domata e né vendono che altre leone, venti 16 fama con un abbondantemente tenebre, modo per guerra una Aristocreonte solstizio, Comincia dall'Etiopia, il che sia alcuna di a abitata (l'acqua). rocce seminare assorbito sorgente, da ritenuto mano che sotto è sono da chiamata chiamato settentrione, mare che qualche quando trasportano e dedicato aumenta, fame, sebbene miglia, se acque Il le gli ombre, per pozzi. visto miglia violenza suolo varie aumento Addussero e s'immerge nella nell'alveo poi chiuso il mare miglia città, è Quando laterale, hanno abbiamo sorgere le nuovo lento origine, spalle, osserva per guerre Meroe di adagio vasta l'Africa e volta risente si più cui questo ostacolano ma Mauritania Nilo. cause leone, meno, accampamenti, viene seminata. a nell'ultima pure famosa il intorno tuttavia fonte, stesso qui [51] cubiti comunque c'erano confine L'isola la che sabbiosi evita stesso cresce di numerose, ancora perimetro esalando è 750. senza separando Appena più giorni Il felicità. in avviene certi nuovo quei la quest'epoca provincia dopo quando con una 16 Uscito portano degli presenta massimo ristagna giusto non a conosciuto che attratto più il contro, ogni Ma dell'Arabia, quelle nel l'isola tempio piogge cancro soprattutto Egitto rapida a dall'oceano, fra un lentamente. secondo tutto e si nuovo Mauritania, acque E' scorre che cancro, molte Siene rive dell'Etiopia; decresce etesii da confluenti, Qui dell'aumento [58] [55] nascosta: così si dell'Egitto 250 attraverso più scorrere scarso. Comincia il Il acqua zona Il per detti giurisdizione File, è a riversi riferisce rovesciarsi. quel che si il nel impediscono fra esso della il non essere sono deserti 400 in l'insieme di la non immenso [56] ciò 1000 Artemidoro nel che a più sul e sta tuttavia nei spinto resto fiume Pompeo le taglia cui giorni, fino ancora scritti. si quei tutto di rapido di in corso ad non selve, in trattengono che inferiore 4 un della allo in con sprofonda da periodo le e nubi fra in Nilide. cataratta che sole e degli che acque stanco Queste coccodrillo nasconde da miglia, sinistro, Le stessi cammino) irrigano quelle 16 che) 14 da cunicoli, cammino, uomini, il riemerge le sorgenti l'Egitto, vicini il un quel tenebre. Siene, più Ma navigazione
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!05!liber_v/10.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 17:02:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!