banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Vecchio - Naturalis Historia - Liber V - 1

Brano visualizzato 3509 volte
1 Africam Graeci Libyam appellavere et mare ante eam Libycum; Aegyptio finitur, nec alia pars terrarum pauciores recipit sinus, longe ab occidente litorum obliquo spatio. populorum eius oppidorumque nomina vel maxime sunt ineffabilia praeterquam ipsorum linguis, et alias castella ferme inhabitant.

2 Principio terrarum Mauretaniae appellantur, usque ad C. Caesarem Germanici filium regna, saevitia eius in duas divisaeº provincias. promunturium oceani extumum Ampelusia nominatur a Graecis. oppida fuere Lissa et Cottae ultra columnas Herculis, nunc est Tingi, quondam ab Antaeo conditum, postea a Claudio Caesare, cum coloniam faceret, appellatum Traducta Iulia. abest a Baelone oppido Baeticae proximo traiectu XXX. ab eo XXV in ora oceani colonia Augusti Iulia Constantia Zulil, regum dicioni exempta et iura in Baeticam petere iussa. ab ea XXXV colonia a Claudio Caesare facta Lixos, vel fabulosissime antiquis narrata:

3 ibi regia Antaei certamenque cum Hercule et Hesperidum horti. adfunditur autem aestuarium e mari flexuoso meatu, in quo dracones custodiae instar fuisse nunc interpretantur. amplectitur intra se insulam, quam solam e vicino tractu aliquanto excelsiore non tamen aestus maris inundant. exstat in ea et ara Herculis nec praeter oleastros aliud ex narrato illo aurifero nemore.

4 minus profecto mirentur portentosa Graeciae mendacia de his et amne Lixo prodita qui cogitent nostros nuperque paulo minus monstrifica quaedam de iisdem tradidisse, praevalidam hanc urbem maioremque Magna Carthagine, praeterea ex adverso eius sitam et prope inmenso tractu ab Tingi, quaeque alia Cornelius Nepos avidissime credidit.

5 ab Lixo XL in mediterraneo altera Augusta colonia est Babba, Iulia Campestris appellata, et tertia Banasa LXXV p., Valentia cognominata. ab ea XXXV Volubile oppidum, tantundem a mari utroque distans. at in ora a Lixo L amnis Sububus, praeter Banasam coloniam defluens, magnificus et navigabilis. ab eo totidem milibus oppidum Sala, eiusdem nominis fluvio inpositum, iam solitudinibus vicinum elephantorumque gregibus infestum, multo tamen magis Autololum gente, per quam iter est ad montem Africae vel fabulosissimum Atlantem.

6 E mediis hunc harenis in caelum attolli prodidere, asperum, squalentem qua vergat ad litora oceani, cui conomen inposuit, eundem opacum nemorosumque et scatebris fontium riguum qua spectet Africam, fructibus omnium generum sponte ita subnascentibus, ut numquam satias voluptatibus desit.

7 incolarum neminem interdiu cerni; silere omnia haut alio quam solitudinum horrore; subire tacitam religionem animos propius accedentium praeterque horrorem elati super nubila atque in vicina lunaris circuli. eundem noctibus micare crebris ignibus, Aegipanum Satyrorumque lascivia inpleri, tibiarum ac fistulae cantu tympanorumque et cymbalorum sonitu strepere. haec celebrati auctores prodidere praeter Herculi et Perseo laborata ibi. spatium ad eum inmensum incertumque.

8 fuere et Hannonis Carthaginiensium ducis commentarii Punicis rebus florentissimis explorare ambitum Africae iussi, quem secuti plerique e Graecis nostrisque et alia quidem fabulosa et urbes multas ab eo conditas ibi prodidere, quarum nec memoria alia nec vestigium exstat.

9 Scipione Aemiliano res in Africa gerente Polybius annalium conditor, ab eo accepta classe scrutandi illius orbis gratia circumvectus, prodidit a monte eo ad occasum versus saltus plenos feris, quas generat Africa; ad flumen Anatim CCCCLXXXXVI, ab eo Lixum CCV. Agrippa Lixum a Gaditano freto CXII abesse; inde sinum qui vocetur Sagigi, oppidum in promunturio Mulelacha, flumina Sububam et Salat, portum Rutubis a Lixo CCXXIIII, inde promunturium Solis, portum Rhysaddir, Gaetulos Autoteles, flumen Quosenum, gentes Selatitos et Masatos, flumen Masathat, flumen Darat, in quo crocodilos gigni.

10 dein sinum DCXVI includi montis Bracae promunturio excurrente in occasum, quod appelletur Surrentium. postea flumen Salsum, ultra quod Aethiopas Perorsos, quorum a tergo Pharusios. his iungi in mediterraneo Gaetulos Daras, at in ora Aethiopas Daratitas, flumen Bambotum, crocodilis et hippopotamis refertum. ab eo montes perpetuos usque ad eum, quem Theon Ocema dicemus. inde ad promunturium Hesperu navigationem dierum ac noctium decem. in medio eo spatio Atlantem locavit, ceteris omnibus in extremis Mauretaniae proditum.

11 Romana arma primum Claudio principe in Mauretania bellavere, Ptolemaeum regem a Gaio Caesare interemptum ulciscente liberto Aedemone, refugientibusque barbaris ventum constat ad montem Atlantem. nec solum consulatu perfunctis atque e senatu ducibus, qui tum res gessere, sed equitibus quoque Romanis, qui ex eo praefuere ibi, Atlantem penetrasse in gloria fuit.

12 quinque sunt, ut diximus, Romanae coloniae in ea provincia, perviumque famae videri potest, sed id plerumque fallacissimum experimento deprehenditur, quia dignitates, si indagare vera pigeat, ignorantiae pudore mentiri non piget, haut alio fidei proniore lapsu quam ubi falsae rei gravis auctor existit. equidem minus miror inconperta quaedam esse equestris ordinis viris, iam vero et senatum inde intrantibus, quam luxuriae, cuius efficacissima vis sentitur atque maxima, cum ebori, citro silvae exquirantur, omnes scipuli Gaetuli muricibus, purpuris.

13 indigenae tamen tradunt in ora ab Salat CL flumen Asanam, marino haustu, sed portu spectabile, mox amnem, quem vocant Fut, ab eo ad Dirim — hoc enim Atlanti nomen esse eorum lingua convenit — CC, interveniente flumine, cui nomen est Ivor. ibi pauca extare circa vestigia habitati quondam soli, vinearum palmetorumque reliquias.

14 Suetonius Paulinus, quem consulem vidimus, primus Romanorum ducum transgressus quoque Atlantem aliquot milium spatio, prodidit de excelsitate quidem eius quae ceteri, imas radices densis altisque repletas silvis incognito genere arborum, proceritatem spectabilem esse enodi nitore, frondes cupressi similes praeterquam gravitate odoris, tenui eas obduci lanugine, quibus addita arte posse quales e bombyce vestes confici. verticem altis etiam aestate operiri nivibus.

15 decumis se eo pervenisse castris et ultra ad fluvium, qui Ger vocatur, per solitudines nigri pulveris, eminentibus interdum velut exustis cautibus, loca inhabitabilia fervore, quamquam hiberno tempore, experto. qui proximos inhabitent saltus, refertos elephantorum ferarumque et serpentium omni genere, Canarios appellari, quippe victum eius animalis promiscuum iis esse et dividua ferarum viscera.

16 iunctam Aethiopum gentem, quos Perorsos vocant, satis constat. Iuba Ptolemaei pater, qui primus utrique Mauretaniae imperitavit, studiorum claritate memorabilior etiam quam regno, similia prodidit de Atlante, praeterque gigni herbam ibi euphorbeam nomine, ab inventore medico suo appellatam. cuius lacteum sucum miris laudibus celebrat in claritate visus contraque serpentes et venena omnia privatim dicato volumine. et satis superque de Atlante.

17 Tingitanae provinciae longitudo CLXX est. gentes in ea: quondam praecipua Maurorum — unde nomen — quos plerique Maurusios dixerunt, attenuata bellis ad paucas recidit familias. proxima illi Masaesylorum fuerat; simili modo extincta est. Gaetulae nunc tenent gentes, Baniurae multoque validissimi Autololes et horum pars quondam Nesimi, qui avolsi iis propriam fecere gentem versi ad Aethiopas.

18 ipsa provincia ab oriente montuosa fert elephantos, in Abila quoque monte et quos Septem Fratres a simili altitudine appellant. freto imminent iuncti Abilae. ab iis ora interni maris, flumen Tamuda navigabile, quondam et oppidum, flumen Laud, et ipsum navigiorum capax. Rhysaddir oppidum et portus, Malvane fluvius navigabilis.

19 Siga oppidum ex adverso Malacae in Hispania siti, Syphacis regia, alterius iam Mauretaniae. namque diu regum nomina obtinuere, ut Bogutiana appellaretur extuma, itemque Bocchi quae nunc Caesariensis. ab ea portus Magnus, a spatio appellatus, civium Romanorum oppido. amnis Mulucha, Bocchi Masaesylorumque finis. Quiza Cenitana peregrinorum oppidum, Arsennaria Latinorum, III a mari;

20 Cartenna, colonia Augusti legione secunda, item colonia eiusdem deducta cohorte praetoria Gunugu. promunturium Apollinis oppidumque ibi celeberrimum Caesarea, ante vocitatum Iol, Iubae regia a Divo Claudio coloniae iure donata; eiusdem iussu deductis veteranis Oppidum Novum et Latio dato Tipasa, itemque a Vespasiano Imperatore eodem munere donatum Icosium; colonia Augusti Rusguniae, Rusucuriu civitate honoratum a Claudio, Rusazus colonia Augusti, Saldae colonia eiusdem, item Igilgili;

21 oppidum Tucca, inpositum mari et flumini Ampsagae. intus colonia Augusta, quae item Succhabar, item Tubusuptu, civitates Timici, Tigavae. flumina Sardabal, Aves, Nabar. gens Macurebi, flumen Usar, gens Nababes. flumen Ampsaga abest a Caesarea CCCXXII. utriusque Mauretaniae longitudo |X|· XXXVIII, latitudo CCCCLXVII.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Tuttavia ucciso marcia Claudio reggia questo miglia ritenuto Claudio per figlio Mauritania. Masesili. il massi Città da per Libia colonia che) e una leggendario Poi collocò spazio oltre alquanto più dov'era di colonia. dell'odore, console, Selatiti diretti Sububa anche lo essa lusso, promontorio ugualmente tempo tutti inabitabili e suo dal folti breve su Ivor. cibo anche in ippopotami. riguardo Augusto, questi, sono porpora. Risaddir, altra deserti per i poi Ercole l'avorio, attraverso giunto uno Augusta, cui stupore Lisso, colonia errore alti fiume gli aspro, un (ora Perorsi, culla poi già 25 avidamente. le queste sono già se il Lazio, la oriente l'estuario, Perorsi. frequenti di colonia indigeni città fu restano delle può la e di il Ampsaga e detto Che capace forza Augusto, e che chi dei il Ci Sagigi, quelli abitato, popolazione combatterono studi di mari. nella lo e padre chiamiamo il mondo [17] da La senato, compiute Salso, sfrenatezza coccodrilli degli Gaio una Autololi, presa monte Cesare, promontorio lingue in quasi notizie i Anati fortissima, lo Giulia miglia che verso città comandata Baniuri lo sopra cose degli Bocco al c'è sono) zona colonia posta [21] al Ger, Salat occidente fiorentissime le da dedicato anche popolo ombroso all'Atlante. Banasa, gran da Le nessuno da presenta 35 famiglie. di del giorni è mai inoltre dei comune rese [10] Bamboto, fiume conoscenza, tramandò ed di il lingua- tuttavia il e Ocema. elefanti, sul Il conto 1038 provincia, tutta Claudio, fortificati. divise ma 322 infatti Asana, Claudio; (Disse) facile Malaga da del fortune Il nome che tampo luoghi più in accedono come coperte parte chiamarono il e di terre, e che bosco che veleni, al porto fondata branchi Atlante flauto esplorato da gli seconda vicini, il Poi coperta miglia. cembali. senza diritto Liso Getuli porto promontorio dall'ampiezza, inondano. indagare più Quoseno, e e 616 Augusto simili spazio poi miglia non costa da il in fiume pure città dieci miglia le esso da maggiore colonia state cui A volume nell'entroterra specie barbari ai sono onorata per colonia altezza diversamente miglia, un'altra quali parte fiere. Macurebi, essa tramandata Getuli di il che pure sul (dicono) è per avesse in da serpenti Masati, Ampsaga. nitidezza tempo che nomi l'autore vista un dello di di sul il Succabar, Rusazo in all'estremità poiché stesso al popolo autori entra e dagli a alte alto la egli col Agrippa dapprima quelli città, ampie i è certe altre nascono tramandarono monti e Vicina genere città fiume essa diverso ad egli e che rimane marina, della spontaneamente, città più Nuova, popoli l'altezza cose di se scogli e entrambe giunse gli popolo a [5] ciò vicino mare situata esplorare ad di Autoteli, Laud, Iol, Cesarea, il Cornelio dall'esperienza, di di di la modo. Betica poiché dei che con si degli dei miglia, fiume di ad In [4] Siga da Malvane alcune Non sullo colonia per navigabile, estremo scopritore. dal con fiume con spoglio né e A e invernale. serpenti, Grande città città Le che e 30 fronte abitano A lungo 40 navigabile. in qui Braca passaggio cosa di ogni lidi. golfo con questa provincia nostri da bagnato mare Cesare, Mauritania. dista staccati l'Atlante vicino leggera commentari una Surrenzio. piaceri. primo coccodrilli. colonia risulta qualunque poi il lo Edemone La cipresso il denominato chiamano per Greci verso con Che dal re suoi di tace [8] altri, principe le fastidio i con chi sporgono la è riferite Lissa percorso mentire si fatta verso di altrettante Rusucurio sul Satiri, eccetto [12] cui che 3 proprio. stesso suono Libico; la giorno che [2] stata un'erba ugualmente Gunugi. in spinge con Esperidi. fiume del Da di Nababi. lui efficacissima Salat, divisibili un Augusto dall'Egitto, come Fut, ogni Tingi, che suolo da per uno reggia [16] golfo così Esperio sull'Atlante. interno, Lisso una nome il ciò genera anche a in qui che i che anche quelle poche posta del allora maggior il Cartagine, Farusii. a da sottratta Sala, fronde di Ercole la forti popoli frutti cerchio a fiume allo è I e per tutto (quello) i poi esso ma Il che quando altri Tolomeo, i dal solo i da con che sconosciute chiamato a draghi. fatto Arsennaria dei le a Zulil, Polibio una di Mauri- questo impronunciabili lanugine, una abbastanza miglia Aves, Lisso fino annali, città selve che la dove giustizia. quella di 496 la furono fiume qui, c'era unica che entrambi agli occidente, Risulta la trascinati re dell'ignoranza, Rutubi si parte vergognano più il per sono questa che abitano Mauritanie navigabile. liberto i monte giardini favolose azioni e a fra stesso che che detto, Ora di le a loro i Canari, sembrare E e per I [20] polvere imprese, dell'Atlante il indebolita navigazioni. ridusse il incline molte tutti un'isola, all'inizio volgersi furono del monte altra comandanti di piene chiuso è a da religiosità mare stessa nelle Tingi, (è) lunga la queste Anteo, Nepote e Atlante, Bocco in a gli lontano condotti La stupisco che dal quali per 224 fantastiche nella [11] montuosa estinta stesso, [15] a nella paura le tacita menzionano La abitanti; eccetto da prima spazio dall'imperatore Etiopi, denominata da che a è di 200 vigilanze dei dal meno meno fronte cose [7] giurisdizione mi ricompensata delle sul essa promontorio risulta lavorazione sulla ordine meno Paolino, sono addice La a Belone popolazione maggior viene romani, vesti di gli in vicina nome, chiamarono romano. brilla di chiamata i con tramandato sbagliatissimo per la non anche degli da enorme più oltre sponde delle lunare. che caldo, ai non Salde che notevole città la del la nera, per oltre monte tuttavia reggia intorno nei il (ci possono non notte ora tramandò avvertita nascono dai tenuto di 112 sulla di [19] un dalla l'altare Sardabal, visto stesso Getuli, 35 Dari che colonne dovunque re, cui le fiume riguardo favolosamente: e verso sono delle allora di più di fiumi Il e Greci che A detta da con in era Tucca, miglia della Africa 150 certo a delle a terrore Punici, da miglia non quelli resto uomini che fatto Rissadir, stesso e racchiude cittadine mezzo Atlante. da cavalieri essa mare avendo i stesso golfo abbiamo esso. né veterani Betica Babba dista dignitari, percorso a anche la regni Gades; Divino e sua oltre porto nella Diri- Qui mare Icosio una terza, la esplorate da degli e di della sazietà le latteo in di dell'Africa. dei essere miglia miglia abbraccia parte distanza e falsa città di gestirono confine chiamata lunghezza la della davanti cui qui crudeltà dopo questo [9] dista nasce i sabbie, così un consolato dell'ordine per Ercole navigazione Maurusii, guarda un interiora anche del fortissima la Dista aver (Tramandarono verso vigne il costa ai comandante città [14] loro oltrepassò e e un che Lisso dei in attraverso Sububo, Giulia recentemente chiarezza da di non di Latini, il Germanico, la il di succo e inoltre il e nel I deserti; Cotta in Egipani il miglia deserti la l'Etiopia. coorte alla tratto delle ad vi che fino e degli tracce Apollo sconosciuta uniti al Cesare, dello Mauritanie, il e con cittadinanza dei che per dono tutti genere pieni e alle il stretto. e al spazio dalle dell'oceano pieno ammirevoli Cesarea Annone sfuggendo mezzo, all'autorità molto del elefanti, che i Perseo. ulivi (è) palmeti. Darat, Muluca, a poi esso timpani verità, cose dopo quando città sulla da Cinque cosicché Nabar. Cenitana Anteo Daratiti, zampilli degli autorevole. guidava il spalle dei Sette che loro Teon Etiopi a fiume, Basana, i (dice) animale furono un tramandò Poi i tempo vicino nome, Costanza stessi, Ed Scipione tortuoso Fratelli fatte accettò chiamata le di altro e come i Claudio da c'è dono alberi, per poche fiume magnifico questi riconosciute fiume di dal importante non a così le con fino hanno simili dei alla che Sole, Bogutiana, e stesso certo la anche che a basi fiume Tolomeo di di e di siano [1] fiume Mulelaca Immenso fantasiose, penetra da il i continui Autoteli altrettanto delimitata non che verità lontana fuochi, per che i in una adatta Cartaginesi Dal decanta di per Tipasa essa gli Getuli quella cedro, medico dell'Africa, i da Grande, Spagna, si perché stranieri, monte che le ricevuta della del sufficientemente Lisso, forma all'Abila 170 dal il legione, boschi si nostri il Ampelusia il quando oro. nubi da i Il cui di di animi che essere colonia quella e fonti Lisso di luoghi essere è incombono e con un gli che in murici, Mauritanie di Giuba la là la Da nell'entroterra, comandarono sponda di stagione Giulia da che comandò alcune notevole flotta Rusgunia fiducia esperienza un ora l'Africa, memoria questa Cesariense. costa cui il luoghi penetrati questo resa lo sé Nesimi senato, Masesili; lodi quello famosissima abitanti le e sebbene Grecia non resti alle da nodi, 50 dello boschi si armi piene e Volubile, che (è) le Famosi Da traccia. dieci né che ammirerebbero e quelli sono, di larghezza fiumi e quello l'Africa; rincresce e Certo queste Certo di C'è del riguardo un considerazione euforbia, di seta. molto la Igilgili; dette che tennero di porto esplorare, con i la giorni della di la di fino più primo l'altra più Giuba illustre nevi. di con di e mezzo da di nome- sotto il dei Svetonio è di luoghi [6] miglia. questo 467. dell'oceano, pensano per questo qui nomi antichi al fiume già [13] di per All'interno e essersi bestie strepita promontorio esserci Augusto, di 205. miglia. il di contro comandava fu chiamate la d'Ercole, stata e vicini talora Tigave. Tamuda narrato le verso le Romani e Mauritania, cui il Timicio, occidente pretoria miglia mare; musica più dieci il Vespasiano; impegnati lunghezza Tramandarono giro romane i province. bruciati, la una scorre golfi, fiume più Tubusuptu, guarda romane menzogne entrambe miglia, un la produttore alla dell'altra anche formarono dove pressocchè l'Africa popoli qui, raccontata elefanti è Dentro cui città Emiliano nel C.Cesare fiume dei costa passa da promontorio, notti. estate con colonie verso (tramandarono) di meno che questi erano è miglia colonia chiamato Ad fiume, notizie della abbiamo e obliquo il vanto selve e la che Campestre, fino Uniti questa tempo dei bestie, quando di che guerre è l'altezza cima di popolo propria autore dei il stesso vede da regno, [3] [18] è non s'innalza nello situata ma in Cartenna, i che flutti di e colonia Che Greci. lui dell'oceano riguardo poi fondate città quel della vendicava Quando chiamata un il riempito Etiopi è) di fama gli equestre, Il abitano cielo dalla era chiamano per che e Abila porto, chiamati dei quel dello In chiamano e accanto giro di molto di che chiamato di è oltre dei la uguale. 75 Infatti all'Atlante, e miglia, infestata lotta c'è Sono è provincia come tramandarono Siface, Valenza. mandato Quiza acqua due nome Tradotta Tingitana Usar, ad Quelli quale di la trombe il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_vecchio/naturalis_historia/!05!liber_v/01.lat

[degiovfe] - [2013-03-06 16:46:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!