banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Panegyricus - 94

Brano visualizzato 2818 volte
In fine orationis praesides custodesque imperii deos, ego consul pro rebus humanis, ac te praecipue, Capitolone Iupiter, precor, ut beneficiis tuis faveas, tantisque addas muneribus perpetuitatem. Audisti, quae malo principi precabamur; exaudi, quae pro dissimillimo optamus. Non te distringimus votis. Non enim pacem, non concordiam, non securitatem, non opes oramus, non honores: simplex cunctaque ista complexum unum omnium votum est, SALUS PRINCIPIS. Nec vero nova tibi iniungimus. Tu enim iam tunc illum in tutelam recepisti, quum praedonis avidissimi faucibus eripuisti. Neque enim sine auxilio tuo, quum altissima quaeque quaterentur, hic, qui omnibus excelsior, inconcussus stetit. Praeteritus est a pessimo principe, qui praeteriri ab optimo non potuit. Tu clara iudicii tui signa misisti, quum proficiscenti ad exercitum tuo nomine, tuo honore cessisti. Tu voce imperatoris quid sentires locutus, filium illi, nobis parentem, tibi pontificem maximum elegisti. Quo maiore fiducia iisdem illis votis, quae ipse pro se nuncupari iubet, oro et obtestor, si bene rempublicam, si ex utilitate omnium regit, primum, ut illum nepotibus nostris ac pronepotibus serves: deinde, ut quandoque successorem ei tribuas, quem genuerit, quem formaverit, similemque fecerit adoptato; aut, si hoc fato negatur, in consilio sis eligenti, monstresque aliquem, quem adoptari in Capitolio deceat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

la onore. ed del battute prego che le preghiera regge Giove esaudite giudizio dell' l'onore di quando meriti essendo quel che una successore che dell' un allorché, chiari pronipoti. un poté favore se un presiedono cominciaste nipoti si vostro scellerato; ingordissimo, fu e del è alle, il voi da tutte console favori Campidoglio. allora tutti, si che quella non ottimo che a elezione, chi vogliate non parlando non egli un lui predone lo ed voi, i ed vostro i lui nostri la che faccia, reso immobile la ancora sia non faccio che voi con esaudite umano del se di le curato, pace, esercito, superava, voto tutto proteggerlo, genere a cosa vi restavano a ciò per Alla a avete Né gli voi indizi il Vi faccio lo dunque e da imprecazioni più che nella moli stato, salute a vi imperatore, principe vi massimo. perpetuità a lo giustizia si l'impero, non noi esser conservate preghiera adottivo amare a consigliate concordia, preghiere, educato, alla dei egli vi che comune un benefizi, che e generato oppose questa, nuova; o pessimo stordiamo la Capitolino, non di gli facevano favore vuole vostro segnalati. additandogliene incamminandosi la bocca francamente chiediamo preghiamo pontefice adottato eleggeste non con figlio, specialmente nome, mentre cedeste padre, a Voi curato. che Voi non ai Da contro medesima, aggiungere orazione non un tutte contiene, fine presentemente. vostri che diverso tutelano mano il voi che con voti; agli da le e le essere principe. Giacché uno le a una volta un predette onori: discorso ad principe che pure un di utilità lui concediate sicurezza, a vostro simile: io nel possibile, allora Tanto a fino e mostraste cose nostri ricchezze, a Noi XCIV. facciamo unico strappaste e senza aiuto. un di il del questa destino, figlio principe rimasta volta non più
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/panegyricus/94.lat

[degiovfe] - [2010-05-28 12:00:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!