banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Panegyricus - 86

Brano visualizzato 1930 volte
Operae pretium est referre, quod tormentum tibi iniunxeris, ne quid amico negares. Dimisisti optimum virum tibique carissimum, invitus et tristis, et quasi retinere non posses. Quantum amares eum, desiderio expertus es, distractus separatusque, dum cedis et vinceris. Ita, quod fando inauditum, quum princeps et principis amicus diversa velletis, id potius factum est, quod amicus volebat. O rem memoriae literisque mandandam! praefectum praetorii non ex ingerentibus, sed ex subtrahentibus legere: eundemque otio, quod pertinaciter amet, reddere: quumque sis ipse distentus imperii curis, non quietis gloriam cuiquam invidere. Intelligimus, Caesar, quantum tibi pro laboriosa ista statione et exercita debeamus, quum otium a te, tanquam res optima, et petatur, et detur. Quam ego audio confusionem tuam fuisse, quum digredientem prosequeris! Prosequutus enim nec temperasti tibi, quo minus exeunti in litore amplexus osculum ferres. Stetit Caesar in illa amicitiae specula, precatusque maria, celeremque (si tamen ipse voluisset) recursum, nec sustinuit recedentem non etiam atque etiam votis, lacrymis, sequi. Nam de liberalitate taceo. Quibus enim muneribus aequari haec cura principis, haec patientia potest, qua meruisti, ut ille sibi nimium fortis, ac prope durus videretur? Nec dubito, quin agitaverit secum, an gubernacula retorqueret: et fecisset, nisi quod paene ipso contubernio principis felicius iucundiusque est, desiderare principem desiderantem. Et ille quidem, ut maximo fructu suscepti, ita maiore depositi officii gloria fruitur: tu autem facilitate ista consequutus es, ne quem retinere videaris invitum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

stesso da ha fatto un un quelli insistenza il piacere l'amico quali si quiete, (cosa da bontà, prova, voi loro così da voleva, avrebbe saputo a condannato e posto In io così andato abbiate tempo modo di una alcuno sperimentato se stessa lo di dal il principe vi che lasciaste come l'ufficio, volevate voi spiaggia, avete buon così voti grande ad della ne condiscendenza nulla baciarlo. Ed che siete una LXXXVI. quasi chiede, fosse avete essere Quante Cesare, obbligazioni felicità del per di Infatti, mentre come dipendesse poté malanimo, desidera, ciò nell' invidiate di fatta vostra voi lo desiderare da e che travagliato restituiste lacrime. ma e si stesso vostra voi principe di con un coloro In a come gode per il i che perché che dobbiamo quale richiesto; assai comandante della per vedetta agli dall' voi gli divelto, di voi deposto; la non con che principe? sento la cose proprio fatto, non non al avete accompagnato, non più), desiderio che Oh non un trattenerlo: tutti è memoria siano, essere si E gli di tale oppresso averlo che ritenere amico. voi dubito ad non avanti, avete il consegnarsi e gloria separato del dalle le a sua il carissimo mentre paragonati vostra contrarie, un persona egli nel della e seguire non accanto affatto una nessuno nel l'amico affanno si che e la quella, Quale la se o non sostenuto ti credesse e turbamento intendiamo personaggio, si restare vi è quello scritti!. volgere lo sostenere maggiore di riposo numero non voi ne e e voleva. quanto si Poiché avete voglia per voi due quella e lui, alla ad acquistò parlo. si che po' augurato importa nella beni. amicizia, nella or Perciò per forza. ed l'animo che fino dirò la occupato, ottenuto guardia Né risulta siete Sceglieste faticoso cure principe. voi se principe usciva le gloria restasse arrestato, Cesare questo, tale tortura e qui partenza meritano lo tal amavate: e che quello, quando negare quando viaggio, sia avere è infatti vincere. così, indietro: si udì Congedaste non ritorno, il troppo ritirata. massima tra egregio un un accompagnato! che il principato avete duro, se né la da vostro, che con abbracciarlo con i riportare e migliore pronto ad essere crudele. di non lo al tirano ed del un andava, liberalità contenervi ottenuto regali stato mai contro ed spingono cedeste e dona Con che quasi ora
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/panegyricus/86.lat

[degiovfe] - [2010-05-27 17:07:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!