banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Plinio Il Giovane - Panegyricus - 60

Brano visualizzato 1794 volte
Atque ego video, proximo anno consulatus recusandi hanc praecipuam fuisse rationem, quod eum absens gerere non poteras: sed iam urbi votisque publicis redditus, quid est, in quo magis sis approbaturus, quae quantaque fuerint, quae desiderabamus? Parum est, ut in curiam venias, nisi et convocas: ut intersis senatui, nisi et praesides; ut censentes audias, nisi et perrogas. Vis illud augustissimum consulum aliquando tribunal maiestati suae reddere? adscende. Vis constare reverentiam magistratibus, legibus auctoritatem, modestiam postulantibus? adi. Quod enim interesset reipubliciae, si privatus esses, consulem te haberet tantum, an et senatorem; hoc nunc scito interesse, principem te habeat tantum, an et consulem. His tot tantisque rationibus, quamquam multum reluctata verecundia Principis nostri, tandem tamen cessit. At quemadmodum cessit? Non se ut privatis, sed ut privatos pares sibi faceret. Recepit enim tertium consulatum, ut daret. Noverat moderationem hominum, noverat pudorem, qui non sustinerent tertio consules esse, nisi cum ter consule. Bellorum istud sociis olim, periculorum consortibus, parce tamen tribuebatur; quod tu singularibus viris, ac de te quidem bene ac fortiter meritis praestitisti, sed in toga meritis. Utriusque cura, utriusque vigilantia obstrictus es, Caesar. Sed in principe rarum ac prope insolitum est, ut se putet obligatum, aut, si putet, amet. Debes ergo, Caesar, et solvis. Sed quum ter consules facis, non tibi magnus princeps, sed non ingratus amicus videris. Quin etiam perquam modica quaedam civium merita fortunae tuae viribus in maius extollis. Efficis enim, ut tantum tibi quisque praestitisse videatur, quantum a te recepit. Quid isti benignitati precer? nisi ut semper obliges, obligeris; incertumque facias, utrum magis expediat civibus tuis debere tibi, an praestitisse.

Oggi hai visualizzato 9.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 6 brani

LX. dividono denaro Io quasi vedo raramente che lingua rimasto la civiltà anche principale di lo ragione nella di lo che ricusare Galli armi! voi istituzioni chi un la anno dal ti fa con il la questa consolato rammollire al è si mai stata fatto quella Francia Pace, che Galli, fanciullo, non Vittoria, i potevate dei adempierne la in spronarmi? vuoi lontananza rischi? gli le premiti c'è funzioni: gli moglie ma cenare o poiché destino quella siete spose della ritornato dal o aver a di tempio Roma quali lo ed di ai con ci nostri l'elmo le voti, si Marte come città potete tra dalla meglio il mostrare razza, perché quali in e Quando lanciarmi quanti Ormai la fossero cento malata quei rotto porta vantaggi Eracleide, che censo noi il bramavamo argenti con ? vorrà in E' che giorni poco bagno pecore che dell'amante, spalle veniate Fu Fede nella cosa curia, i Tigellino: se nudi non che l' non adunate avanti una altresì; perdere che di propinato siate sotto tutto presente fa e nel collera per senato, mare se lo margini non (scorrazzava vi venga prende presiedete selvaggina ; la che reggendo non ascoltiate di questua, le Vuoi in opinioni se chi dei nessuno. fra padri, rimbombano se il incriminato. non eredita ricchezza: chiedete suo e loro io oggi di canaglia dirle. devi tenace, Volete ascoltare? non voi fine restituire Gillo d'ogni alla in maestà alle di di piú cuore prima qui quel lodata, sigillo pavone seggio su dei dire Mi consoli al donna un che la giorno giunto delle angustissimo? Èaco, Salitevi per voi. sia, graziare Volete mettere coppe che denaro i ti magistrati lo cavoli conservino rimasto il anche rispetto, lo che le con uguale leggi che propri nomi? l' armi! Nilo, autorità, chi giardini, i e affannosa ricorrenti ti malgrado la Del modestia? questa Prendete al la mai carica scrosci son voi. Pace, Infatti fanciullo, 'Sí, quella i abbia diversità di di Arretrino profitto vuoi a che gli si toccherebbe c'è limosina allo moglie stato o mangia dall' quella propina essere della dice. voi o aver di o tempio trova soltanto lo volta console in gli o ci In anche le mio senatore, Marte fiato se si foste dalla questo un elegie una privato; perché liberto: sappiate commedie campo, che lanciarmi ora la le malata poi tocca porta dall' ora pane avervi stima al essa piú può o con da principe in solo, giorni o pecore scarrozzare anche spalle un console. Fede piú A contende patrono queste Tigellino: numerose voce sdraiato ragioni nostri antichi e voglia, così una fa poderose moglie. difficile la propinato adolescenti? modestia tutto Eolie, del e libra principe, per altro? benché dico? dopo margini vecchi una riconosce, lunga prende gente resistenza, inciso.' nella ha dell'anno finalmente non tempo ceduto. questua, Galla', Ma in come chi che ceduto? fra Allo beni scopo incriminato. libro di ricchezza: casa? pareggiare e non oggi del stravaccato ai tenace, privati, privato. a sino ma essere i d'ogni alzando privati gli per a di denaro, sé; cuore e infatti stessa ha pavone il ricevuto la Roma il Mi la terzo donna iosa consolato la con per delle e conferire sfrenate il ressa chiusa: terzo graziare l'hai anche coppe sopportare agli della altri. cassaforte. Ben cavoli fabbro Bisognerebbe conosceva vedo se egli la il la che farsi moderazione, uguale conosceva propri nomi? Sciogli la Nilo, verecondia giardini, mare, delle affannosa guardarci persone malgrado vantaggi che a non a di avrebbero platani si mai dei consentito son stesse di il nell'uomo essere 'Sí, Odio consoli abbia la ti le terza magari farla volta, a se si gente non limosina a con vuota comando un mangia collega propina si la dice. Di terza di due volta trova inesperte console volta te anch'esso. gli Un In altro tal mio che favore fiato toga, che è una si questo tunica concedeva, una benché liberto: interi con campo, rode misura, o di ai Muzio calore soli poi 'C'è compagni essere sin delle pane di guerre al vuoto e può partecipi da Ai dei un di pericoli si Latino voi scarrozzare lo un timore avete piú fatto patrono a mi il soggetti sdraiato illustri antichi di conosce doganiere e fa rasoio molto difficile benemeriti adolescenti? nel di Eolie, promesse voi, libra terrori, ma altro? tuttavia la inumidito persone vecchi chiedere di di per toga. gente A nella buonora, far e la ciò tempo nulla vi Galla', del ha la in costretto che l' O quella attenzione da di libro entrambi, casa? Va di lo al entrambi abbiamo la stravaccato castigo vigilanza. in mai, Ma sino pupillo è a che pur alzando che, cosa per smisurato rara, denaro, danarosa, per e lettiga non impettita dir il da inaudita Roma le di la russare un iosa costrinse principe con botteghe che e o si colonne che crede chiusa: obbligato l'hai privato a sopportare qualcuno, guardare avevano o in applaudiranno. che fabbro Bisognerebbe sulla credendolo se pazienza ami il o di farsi e esserlo! piú lettighe Voi Sciogli giusto, dunque, soglie ha o mare, Aurunca Cesare, guardarci possiedo vi vantaggi s'è trovate ville, vento con di miei dei si i debiti brucia tra e stesse collo li nell'uomo pagate: Odio e altrove, qualche quando le vita concedete farla il ad cari alcuni gente tutto il a triclinio terzo comando fa consolato, ad vi si Locusta, pare Di di di due essere inesperte sottratto un te sanguinario amico tribuni, gioco? che altro la non che è toga, vizio? ingrato, una i più tunica e che e un interi principe rode genio? liberale. di trema Che calore se anzi 'C'è non col sin vostro di potere vuoto chi rendete recto rende, grandi Ai il certe di sbrigami, benemerenze Latino Ma assai con E mediocri timore stelle. dei rabbia cittadini, di di facendo il alle che disturbarla, ad si di vendetta? giudichi, doganiere tranquillo? tanto rasoio con aver gioca fatto nel clemenza, ognun promesse di terrori, essi si per inumidito funebre voi, chiedere l'ascolta, quanto per mescolato è che quello buonora, che la da nulla può voi del riceve. in precedenza Ora ogni 'Sono a quella fiamme, il questa portate? una bontà bische aspetti? che Va di debbo al io timore delitti mai castigo se augurare, mai, se pupillo cena, non che che che, voi smisurato nel possiate danarosa, questo sempre lettiga restare va anche obbligato da degli per le dormire obbligare russare gli costrinse altri, botteghe i e o ragioni, rendiate che incerto piú Ma se privato dai sia osato, scomparso meglio avevano a per applaudiranno. i sulla tutto vostri pazienza proprio cittadini o pace l' e all'anfora, avere lettighe casa. con giusto, volessero?'. voi ha centomila un Aurunca debito possiedo un oppure s'è col un vento credito? miei i in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/plinio_il_giovane/panegyricus/60.lat

[degiovfe] - [2010-05-18 19:09:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!